venerdì 28 ottobre 2016

Parco Nazionale Appennino Lucano: postificio a servizio della Regione Basilicata e enti locali?

POTENZA - Torniamo ad occuparci dell’Ente Parco Nazionale Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese, sul quale, con una interrogazione, avevamo già chiesto lumi in merito ad alcuni concorsi “anomali”: le nostre perplessità erano motivate dalla circostanza che erano stati banditi, a pochi mesi uno dall’altro, due concorsi per un identico profilo professionale e per la medesima qualifica (ovvero “​area C, livello economico C1, profilo professionale funzionario amministrativo­ attività istituzionali e giuridiche dell’Ente​”). La Regione Basilicata si limitò allora a girarci una nota sintetica ed evasiva redatta dall’Ente Parco stesso, che non entrava nel merito dei quesiti da noi proposti e si limitava a ribadire che era “tutto a posto”. Stessa sorte ebbe l’interrogazione analoga presentata dalla Portavoce alla Camera, Mirella Liuzzi. A distanza di un anno, nostro malgrado, siamo costretti a rilevare altre stranezze nell’assunzione e gestione del personale dell’Ente Parco che coinvolgono anche la Regione Basilicata. Purtroppo, potremmo trovarci davanti all’ennesimo caso di gestione “creativa” che spesso caratterizza il comparto della pubblica amministrazione lucana. L’ Ente Parco, su un fabbisogno ordinario di 17 unità, risulta avere in carico nell’anno 2015 ben 9 unità di personale con contratti a tempo determinato (ovvero più del 50% della pianta organica), di cui 6 cat. C1 e 3 di cat. B1, tutti full time (fatta eccezione per un solo caso part-time); tanto in violazione del limite del 20% previsto dall’art. 23 del D.Lgs. n. 81/2015. La nostra attenzione si è soffermata sull’uso “disinvolto” che l’Ente Parco fa dell’istituto del “comando”: si tratta di uno strumento eccezionale che permette al pubblico impiegato, titolare di un posto di ruolo (ovvero a tempo indeterminato) presso una Pubblica Amministrazione, di prestare temporaneamente servizio presso un’altra Amministrazione o presso altro ente pubblico. Nonostante la carenza di personale attestata dallo stesso Ente Parco, tra il 2014 e il 2016 risultano esserci stati almeno 5 dipendenti dell’Ente Parco in comando presso altre amministrazioni pubbliche, tra cui la segreteria particolare del Presidente Pittella, il Dipartimento di Protezione Civile, il Comune di Viggiano e quello di Rotondella. Tra i comandati risulterebbero esserci anche i vincitori del concorso doppione espletato lo scorso anno. Come si può intuire siamo davanti ad una situazione alquanto singolare: il parco sembra aver abdicato alla sua funzione principale di custode e tutore della biodiversità e delle ricchezze ambientali dell’area, per diventare una sorta di efficiente agenzia di collocamento al servizio dell’ente pubblico di turno. E’ sconcertante che questa funzione svolta dall’Ente Parco sembra essere ben accetta (ed anzi sollecitata) dai vari enti pubblici lucani, Regione Basilicata in primis. E’ arrivato il momento di chiarire una volta per tutte queste situazioni che nasconderebbero, a nostro avviso, veri e propri abusi: quali sono le esigenze urgenti e improrogabili che hanno giustificato la reiterata adozione dell’istituto del “comando” (o delle assegnazioni temporanee) di personale proveniente dall’Ente parco da parte del Presidente Pittella e della Giunta regionale? Perché l’Ente Parco continua ad assumere a tempo determinato? Quali le motivazioni alla base del distacco presso la Regione Basilicata di un’unità assunta appena 19 giorni prima dall’Ente Parco a tempo determinato?
Così in una nota il consigliere regionale M5S Gianni Perrino.

0 commenti:

Posta un commento