lunedì 14 novembre 2016

Tricarico, Ugl: ”Sull’immigrazione il territorio ha ragione”

MATERA - “Dobbiamo entrare nell’ottica di non continuare a guardare il lavoratore straniero come una persona che ‘ruba’ il lavoro a un italiano, faremo fatica ad accompagnare il processo di integrazione nel nostro Paese. Le Istituzioni parlino chiaro anche al territorio, i cittadini hanno bisogno solo di chiarezza”.
Lo dice il segretario provinciale dell’Ugl di Matera, Pino Giordano dopo le incomprensioni che si sono registrate nel territorio di Tricarico (MT).

Per il sindacalista, “l’Ugl sottoscriverebbe subito quanto dichiarato dal vice presidente del Consiglio regionale Paolo Castelluccio (Pdl-Fi) per i fatti accaduti a Tricarico dove ora c'è un clima difficile e di diffidenza ma, tutti siamo consapevoli che l’Europa, è stata investita da un’ondata migratoria senza precedenti: solo nel 2015 oltre un milione di migranti ha attraversato il Mediterraneo per approdare in Europa ed anche il 2016 è caratterizzato da consistenti sbarchi. Queste sono brutte storie di immigrati che sostengono comunque l'economia del nostro Paese. Essendo anche segretario provinciale per il Sindacato Emigrati e Immigrati Ugl  Matera, posso tranquillamente affermare che il nostro territorio è in ritardo sul tema dell’integrazione. Và promosso un nuovo approccio al tema dell’integrazione con un lavoro dove in alcuni casi si registrano linguaggi duri che producono effetti altrettanto duri verso il tema dello straniero. Allora l’invito dell’Ugl è – termina il segretario Giordano – ad attenersi tutti alle regole di civile convivenza e di buona educazione evitando di utilizzare toni volgari nei confronti di questa povera gente, così impedendo che si possa instaurare un clima teso di guerra tra poveri”.

0 commenti:

Posta un commento