lunedì 5 giugno 2017

Gentiloni a Matera, "Basta spot, il premier veda la Regione sofferente"

MATERA - L’invito a Pittella è perentorio: “la smetta con gli spot e porti il premier Gentiloni a vedere il vero volto sofferente della città e dell’intera Regione”.
A rivolgerlo sono il segretario confederale dell’Ugl Basilicata Giovanni Tancredi e, il segretario provinciale dell’Ugl Matera, Pino Giordano a margine del convegno sul Mezzogiorno con la presenza del ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti e del Primo Ministro, Paolo Gentiloni.

I segretari rimproverano il Presidente della Giunta Regionale di Basilicata, Marcello Pittella di mettere “ancora una volta in scena, per l’incontro istituzionale con il primo ministro, il solito copione a cui ormai non crede più nessuno. L’era delle suggestioni e degli annunci mirabolanti è ormai finita da qualche tempo”, proseguono Giordano e Tancredi ponendo l’accento che “per la seconda volta Pittella riferisce a un presidente del Consiglio di un patto per il sud che per i lucani è sconosciuto e dove l’approccio tra la classe dirigente e il popolo lucano è lontano oramai anni luce. Pittella avrebbe fatto bene a richiamare sia Gentiloni, sia a De Vincenti su promesse fatte e mai mantenute alla Basilicata che la si conosce solo per il petrolio e i danni da esso provocati. Ascoltiamo la solita cantilena del Patto per Matera2019, divenuto oramai un mito piuttosto che un fattivo strumento di rilancio della città dei Sassi e soprattutto della zona Ionica/metapontina. Abbiamo sentito l’ennesimo impegno mancato, come quello fatto da Renzi sulla realizzazione del potenziamento della rete viaria a servizio dell’intera regione. Per questo – ribadiscono i leader dell’Ugl – vogliamo che la si smetta con gli spot, a cominciare da oggi, e si cambi verso portando Gentiloni a toccare con mano il vero volto sofferente di Matera, ed in tutte quelle sacche istituzionali dove è ancora scarso il senso di quella concretezza che potrebbe veramente valere la svolta economica ed occupazionale per la nostra città. Abbiamo sempre sostenuto come Ugl che non vi è ripresa se l’intero Sud non riparte, tutte le regioni meridionali devono decollare insieme e se ciò non avviene, non si potrà pensare al Sud come grande piattaforma logicistica ed hub culturale e turistico, cerniera della inter-culturalitá e dell'accoglienza. Non proclami su capacità di stare insieme perché questa terra possa essere funzionale al Paese intero ma fatti, fatti concreti da realizzare. Ciò non stà assolutamente avvenendo, basti prendere atto dei dati forniti della Cgia di Mestre che oggi disegnano la Basilicata seconda regione con il più alto indice di sofferenze bancarie, pari al 19,9 per cento dei crediti concessi e dove la situazione economica a livello regionale è particolarmente grave anche a causa di tali situazione di sovraindebitamento che frenano l'economia e bloccano lo sviluppo locale. Il presidente Gentiloni ha scelto Matera pur di non affrontare le problematiche di una regione del Sud, la Basilicata, che paga pesantemente i riflessi  della crisi anche  per la  mancanza di politiche a favore dello sviluppo del Mezzogiorno. Non vuol essere polemica ma urge la necessità di conoscere da parte del governo se c’è, e qual è, una strategia di sviluppo  per il Mezzogiorno che crei le condizioni per una ripresa degli investimenti e del lavoro. Per l’Ugl non esistono, oggi apprendiamo in maniera di discorsi blindati, che non vanno in direzione di vero sviluppo e occupazione e ci piacerebbe sapere tanto a noi sindacato tanto, ai lucani del perché avvenne la sottrazione delle risorse destinate ai fondi strutturali che il governo Renzi tolse al Meridione per finanziare il bonus occupazione allocato prevalentemente  nel nord del Paese. Gentiloni finalmente ha avuto modo di vedere da vicino che la Basilicata non è solo petrolio ma Regione composta da persone che con immensi sacrifici lavorano contribuendo nel rilanciare l’economia italiana. Se non si considera il Sud, l’Italia intera non parte e dalla Città dei Sassi Capitale Europea della Cultura 2019, tanto si può fare per risollevare il nostro Paese.  Riteniamo doveroso – concludono Tancredi e Giordano – che la venuta di Gentiloni apra un denominatore comune delle nuove politiche in Basilicata dove dovrebbe essere l'avvio di un vero dialogo sociale, a cui l'Ugl si dichiara da subito pronta, perché solo con il contributo di tutte le parti sociali è possibile imprimere quella svolta che la Regione ha molto atteso, invano, ricordando che non abbiamo mai accettato la politica di un uomo solo al comando”.

0 commenti:

Posta un commento