giovedì 26 ottobre 2017

Prime due giornate del 'Furor Sinisgalli 6' fra natura, matematica e documentari

POTENZA - Le cime del Sirino, i pini loricati del Pollino e le spiagge del Cilento, terra del filosofo Parmenide, saranno protagoniste delle prima giornata del “Furor Sinisgalli”, il viaggio tra le Muse sinisgalliane organizzato dalla Fondazione Leonardo Sinisgalli e giunto alla sua sesta edizione.

Il ricco palinsesto di appuntamenti, realizzati nell’ambito delle iniziative della rete Acamm, si apre a Montemurro il 27 ottobre 2017 alle ore 18:00 presso la Casa delle Muse di Sinisgalli con la presentazione del libro dello scrittore e giornalista lucano Rocco de Rosa, Storie di parchi, Viaggio nell'Appennino lucano, nel Cilento e nel Pollino (Rubbettino, Soveria Mannelli 2017), un racconto di luoghi, di personaggi, di vicende nel cuore del Mezzogiorno, tra i parchi nazionali di Lucania, Calabria e Campania, per far conoscere al visitatore l’anima di questi paesaggi, in cui natura, archeologia e storia si intrecciano, regalando forti emozioni.

All’incontro interverranno, insieme all’Autore, Vittorio Triunfo, Presidente pro tempore del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese, Isabella Abate, Guida del Parco dell’Appennino Lucano, Mario Di Sanzo, Presidente della Fondazione Leonardo Sinisgalli, Senatro Di Leo, Sindaco di Montemurro.

Nella seconda giornata del Furor Sinisgalli, sabato 28 ottobre 2017, ci saranno invece due appuntamenti presso l’Ex convento di San Domenico dedicati al Sinisgalli cultore delle scienze. Alle ore 18.00 verrà presentato il terzo numero dei «Quaderni della Fondazione» dal titolo La matematica secondo Sinisgalli, a cura di Gian Italo Bischi e Liliana Curcio (FLS, Montemurro 2017), che intende approfondire uno degli aspetti forse meno studiati del multiforme Sinisgalli, ossia la sua passione e sensibilità per la matematica, un linguaggio che egli affiancava ad altri linguaggi, una fonte di ispirazione ma anche una vera e propria “abitudine del pensiero”.

Il terzo documentario ritrovato, Centrale termoelettrica (1954), è invece una rarità di cui verranno svelati i dettagli durante l’incontro in cui dialogheranno il giornalista e saggista Rocco Brancati, il Presidente della Cineteca lucana Nino Martino e il Presidente della Lucana Film Commission Luigi di Gianni.

0 commenti:

Posta un commento