martedì 21 novembre 2017

Al via la settima edizione del 'Matera Sport Film Festival'

MATERA - Si è svolta questa mattina presso la Fondazione Sassi di Matera la Conferenza Stampa di presentazione della 7a edizione del Matera Sport Film Festival. Al tavolo dei relatori l'intervento di Michele Di Gioia, Direttore Matera Sport Film Festival, Paolo Verri, Direttore Fondazione Matera-Basilicata 2019, Vincenzo Santochirico, Presidente Fondazione Sassi e Adriana Poli Bortone, Assessore allo Sport del Comune di Matera.

“Una kermesse che vuole evidenziare i valori universali dello sport – dichiara Michele Di Gioia - grazie ai racconti che solo la settima arte è in grado di regalarci. Tra gli ospiti speciali di questa settima edizione ci saranno Paolo Borsellino e Mimmo Calopresti, oltre a Gian Paolo Ormezzano. Affrontiamo anche temi delicati tra cui l’immigrazione e la violenza sulle donne. Da segnalare la una nuova collaborazione con L’Airc. L’auspicio è che lo sport integrato al cinema possa generare uno stimolo anche per i produttori e videomaker locali e regionali”.

“La Fondazione Sassi – dichiara l’avv. Vincenzo Santochirico - é sempre attenta e vicina a questo genere di iniziative. Il nostro spazio quest’anno ospiterà la cerimonia di premiazione, pertanto nutriamo un vivo interesse nel seguire lo sviluppo della sinergia tra sport e settima arte”.

“Esprimo le mie sincere congratulazioni per questo festival – dichiara Paolo Verri – , in particolare per la determinazione ed il coraggio dell’intero gruppo di lavoro. La fondazione Matera-Basilicata 2019 è certamente a disposizione per ragionare sul futuro di questo evento che si apre inevitabilmente ai giovani e al territorio”.

“La rassegna cinematografica – dichiara Adriana Poli Bortone – è dotata di grande creatività e attenzione a quei temi che vanno anche oltre lo sport. Un’iniziativa lodevole che rientra tra quelle più effervescenti e che si pone l’obiettivo primario di  coinvolgere le nuove generazioni. Il territorio diventa così attrattivo e si differenzia da altri luoghi per l’originalità”.

L’idea di un festival dedicato allo sport che avesse dimora nella splendida cornice di Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, nasce dalla tenacia e dalla intraprendenza del Direttore Michele Di Gioia, da sempre portavoce dell’arte cinematografica capace di relazionarsi ai valori dello sport intesi come formazione culturale dell’uomo, non come singolo individuo, ma come soggetto attivo di emancipazione e progresso della società.

Numerose le celebrità che hanno preso parte alla kermesse nel corso delle ultime sei edizioni: da Luca Barbareschi a Carlo Paris e tanti altri. Il cinema diventa, così, il racconto di storie sportive capaci di riflettere quegli ideali grazie ai quali è possibile ambire ai sogni e alle avventure dell’umano agire.

Sono oltre 600 i film, documentari e cortometraggi pervenuti per la settima edizione di Matera Sport Film Festival, provenienti da oltre 60 Paesi di tutto il mondo. Un risultato straordinario che premia la qualità di una iniziativa internazionale dedicata alla relazione tra Sport e Cultura, alla contaminazione tra differenti linguaggi espressivi e creativi per raccontare storie di sport. Dal 2011 a Matera ed in Basilicata, Cinema e Televisione, ma anche apprezzabili incursioni nel Teatro, Danza, Musica, Arti Performative, per raccontare storie che riescono ad appassionare, suscitare emozioni e coinvolgere dal basso gran parte della comunità: quelle storie che narrano di imprese di grandi campioni, ma anche di donne e uomini meno noti che attraverso lo sport hanno trovato il modo di trasmettere insegnamenti e modelli di comportamento. Lo sport sociale che attraverso l’incontro con differenti linguaggi espressivi diventa lo strumento per favorire dinamiche di coesione, inclusione e integrazione. Matera Capitale Europea della Cultura 2019, le tematiche sviluppate all’interno del Dossier “Open Future”, in particolare “Sport Stories”, programma di laboratori di storytelling, poesia, arti drammatiche e visuali tenuti da organizzazioni artistiche regionali e locali”, contribuiscono con un nuovo e propositivo impulso a rafforzare la proposta.

Anche per questa edizione non mancano le novità, a partire dalla partnership con il Trento Film Festival, fondato nel 1952, il primo e più antico festival internazionale di cinema dedicato ai temi della montagna, dell’avventura e dell’esplorazione. In questo quadro di collaborazione, l’UISP, Unione Italiana Sportpertutti, si è fatta promotrice del confronto tra il Trento Film Festival e il Matera Sport Film Festival, con l’obiettivo di valorizzare le attività culturali di entrambe le manifestazioni attraverso la reciproca programmazione, anche in vista dell’importante appuntamento di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, al fine di arricchire la proposta dei Festival con iniziative pubbliche che mettano al centro lo sport nella sua valenza sociale e un’idea di montagna accessibile e aperta a tutte/i.
Un sodalizio tra due festival pronti a scommettere sulla settima arte, dando così ampio spazio al rapporto affascinante e complesso tra uomo e natura, promuovendo la conoscenza e la difesa dei territori, approfondendo i legami con popoli e culture, celebrando le grandi e piccole imprese dello sport nazionale ed internazionale.

Altro grande appuntamento dell’edizione 2017, co-prodotto dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019, lo spettacolo Teatrale “Campionissimissime” ideato da Gian Paolo Ormezzano e per la regia di Luca Busnengo. Otto donne storiche dello sport, ognuna sorella nostra, ognuna tipica che più non si può: tra le otto storie anche quella di Keba Phipps, indimenticata stella della PVF Matera. Storiche nel senso che hanno vissuto la storia dello sport su toni alti e forti, frequentando, per sé stesse e per tutte, i picchi e gli abissi, gli eccessi e i paradossi, la fisicità e l’evanescenza della gloria, la brutalità sublime della gara e quella talora sporca della vita. Ognuna è un caso-limite di protagonista, ognuna è controfigura di tantissime altre, nei sentimenti se non anche negli eventi, nelle voglie se non anche nelle conquiste. Le manda in scena, ognuna col suo monologo, Gian Paolo Ormezzano, giornalista sportivo di ventiquattro Olimpiadi e qui inviato speciale dentro le loro vite. Le accompagnano, con musiche giuste, forti immagini che sono testimonianze, ricordi, arte di movenze.

Cerimonia inaugurale prevista giovedì 23 novembre alle ore 20.00 presso il Cinema “Il Piccolo” di Matera. Anteprima in mattinata presso l’IPSAR G. Fortunato di Sant’Arcangelo (PZ) con la Sezione Speciale dedicata alle Scuole. In prima serata la firma del protocollo di collaborazione tra la kermesse lucana ed il Trento Film Festival. Non mancheranno le prime proiezioni: “Non gioco più” per la regia di Sebastiano Luca. Attesa anche la ciclostaffetta itinerante “L’Agenda Ritrovata”. In conclusione lo spettacolo teatrale “Campionissimissime” di Gian Paolo Ormezzano.

Venerdì 24 è la giornata dedicata ai giovani e alle scuole. Da segnalare l’incontro “La Cultura attraverso le Immagini e le Storie di Sport – Culture through Sport Images and Stories – A Scuola di Cinema” presso ITCG Loperfido – Olivetti di Matera alle ore 9.00. A seguire “Voyage au bout de l’Europe”, un racconto del viaggio in bici attraverso l’Europa di due ciclisti-narratori, Fabio Dal Pan e Michele Monego. In conclusione della mattinata la proiezione di Kayabike per la regia di Mattia Trabucchi. Nel pomeriggio al via le proiezioni dei film in concorso dalle 14 alle 23.30 presso il Cinema “Il Piccolo”. Una full immersion no stop nella settima arte suddivisa in tre sezioni: Original Language Film (english subtitled), Sezione Speciale dedicata al Trento Film Festival e Rueda Film Festival e Lo sport sociale e per tutti sul grande schermo.

Sabato 25 ancora una volta protagonisti i giovani e le scuole con la proiezione de L’Incontro per la regia di Michele Mellara e Alessandro Rossi a partire dalle ore 9.00 presso l’ITCG Loperfido – Olivetti di Matera. A seguire la Tavola Rotonda “SportAntenne”, lo sport per per tutti scende in campo in 13 città e crea le antenne sportive contro le discriminazioni. Intervengono Antonella Bellomo, Prefetto di Matera, Mauro Valeri, UNAR Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, Raffaella Chiodo, Vice presidente rete FARE-Football against racism in Europe, Valerio Piccioni,Giornalista Gazzetta dello Sport,Ivano Maiorella, Responsabile Comunicazione UISP Nazionale. Cerimonia di premiazione a partire dalle ore 20.00 presso la Fondazione Sassi di Matera alla presenza degli ospiti e dei protagonisti.

La manifestazione continua con la sua missione, ovvero quella di alimentare la passione per il cinema e dare spazio anche agli autori più giovani. Il programma delle tre giornate sarà particolarmente ricco di eventi legati all’arte, alla cultura e allo spettacolo; dalle proiezioni delle opere in concorso ai meetings, passando per spettacoli e incontri con i vari protagonisti.

Con il Sostegno: Matera-Basilicata 2019, Regione Basilicata, FSC Fondo per Lo Sviluppo e la Coesione, Sensi Contemporanei, Agenzia per la Coesione Territoriale, Mibact-Direzione Generale Cinema, Basilicata Turistica.

Con Il Patrocinio: Ufficio Scolastico Territoriale Matera, Comune di Matera, Comune di Sant'Arcangelo, Lucana Film Commission, Rai Basilicata, Fondazione Sassi, Coni-Comitato Regionale Basilicata, Uisp-Comitato Regionale Basilicata, Basilicata Cinema.

Media Partners: Voce Spettacolo, Sassilive, Matera Inside.

0 commenti:

Posta un commento