martedì 14 novembre 2017

'Carbonio neutralità': la certificazione della EARTH University va a due aziende pugliesi


BARI - Venerdì 1° dicembre nella sede della Confindustria Bari e BAT (Via Amendola Giovanni, 172/R) saranno consegnate le prime certificazioni di “Carbonio neutralità”, rilasciate in Europa dalla EARTH University della Costa Rica alla rete di imprese pugliese Happy Network e alla SDR S.r.l. di Bari. Queste aziende si sono sottoposte a un processo di verifica del prestigioso ente certificatore, un’analisi accurata condotta da due ingegneri laureatisi nel Politecnico di Bari, Tommaso De Nicolò e Alberto Zicari, che hanno seguito uno specifico master nell’ateneo centroamericano, e si sono poi attenute alle conseguenti raccomandazioni.

Cosa significa “Carbonio neutralità”? Significa impatto zero sull’ambiente, ovvero nessuna emissione dei gas effetto serra, responsabili del catastrofico cambiamento climatico, gas che per convenzione internazionale e comodità di calcolo vengono ricondotti alla CO2, l’anidride carbonica.

Vi sono una gran quantità di azioni che, direttamente o indirettamente, provocano il rilascio di gas effetto serra nell’atmosfera: il consumo di energia elettrica, prodotta ancora in gran parte da centrali alimentate da combustibili fossili, il riscaldamento degli ambienti nei quali viviamo e lavoriamo, gli spostamenti di merci e persone con mezzi comunque inquinanti e così via. Azioni quotidiane, ripetitive, universalmente diffuse, che giorno dopo giorno provocano effetti di disturbo crescente alla vita dell’uomo sul pianeta.

Il passo più importante nel cammino virtuoso per invertire questa tendenza è la riduzione delle emissioni. Possiamo utilizzare apparecchiature di classe energetica elevata, coibentare gli ambienti da riscaldare o raffreddare, produrre energia elettrica, per esempio, con impianti fotovoltaici, o acquistarla sul mercato libero da aziende che la producono utilizzando soltanto fonti rinnovabili (sole, vento, biomasse ecc.), privilegiare il trasporto pubblico e i mezzi a minor impatto, mossi da motori alimentati a metano, a GPL, o ibridi, o ancora meglio con propulsori elettrici, a condizione di ricaricarne le batterie con elettricità non prodotta con l’utilizzo di combustibili fossili, e tanto altro ancora.

Happy Network e SDR hanno scelto di compiere questo percorso virtuoso nella consapevolezza di una responsabilità etica dell’impresa, che vede nella sostenibilità ambientale uno dei principali capisaldi. La scelta della EARTH University come ente certificatore è nata dal prestigio internazionale dell’istituzione che ben rappresenta la Costa Rica, nazione leader a livello mondiale nella salvaguardia della Natura. Basti pensare che la nazione centroamericana produce già il 100% dell’energia elettrica da fonti rinnovabili (idroelettrico, geotermico, eolico, solare, biomasse), continua da decenni ad accrescere il proprio patrimonio boschivo, la cui copertura ha già abbondantemente superato la metà della superficie dell’intero Paese, ha quasi un terzo del territorio dedicato a parchi nazionali, riserve biologiche, aree protette.

Il trait d’union tra la Costa Rica e la Puglia è il locale Consolato onorario il cui titolare, ing. Bepi Costantino, ha promosso il master per sei tecnici italiani, due dei quali hanno lavorato a queste due prime certificazioni, e l’accordo quadro che è stato firmato nel luglio scorso tra la EARTH e l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro per intercambi su temi di comune interesse. Un esempio, quello offerto dalle due aziende, da lodare e, soprattutto, da imitare per il benessere del nostro Pianeta. 

0 commenti:

Posta un commento