martedì 19 giugno 2018

Unibas: il 20 giugno inaugurazione mostra 'Scienza e Creatività'


La mostra “Scienza e Creatività”, organizzata con il supporto della Fondazione Eni, Enrico Mattei, costituisce la terza e ultima fase dell’omonimo progetto di alternanza scuola-lavoro per coniugare la divulgazione scientifica con l’arte, in qualsiasi forma, per sensibilizzare gli studenti delle scuole superiori di secondo grado al significato della ricerca scientifica, ai vantaggi sociali delle sue scoperte e all’impatto che le tecniche derivanti hanno sullo sviluppo economico. Le opere realizzate dagli studenti fanno parte di una mostra che sarà inaugurata mercoledì 20 giugno, alle ore 9.30 nel museo archeologico provinciale di Potenza (in esposizione fino al 5 luglio 2018). Saranno, inoltre, esposte anche alcune opere della mostra internazionale “I colori del Bosone di Higgs”, realizzata dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare in collaborazione con il CERN. Gli aspetti affrontati, nelle discipline scientifiche della Chimica, della Fisica e della Geologia, hanno costituito fonte d'ispirazione per circa 250 ragazzi che, suddivisi in gruppi, hanno realizzato vere e proprie opere artistiche.

“Lo scopo del progetto - ha spiegato Nicola Cavallo, professore ordinario di Fisica Sperimentale nell'Unibas, e coordinatore del progetto - è stato quello di stimolare la creatività, la fantasia e la capacità inventiva personale, la capacità di progettualità, l’educazione al lavoro di gruppo con coetanei di differenti interessi culturali, per mettere in relazione uno specifico tema scientifico ad una composizione artistica la quale, sia emotivamente che esteticamente, potesse fungere da linguaggio vero e proprio. La mostra darà inoltre agli studenti la possibilità di mostrare pubblicamente le loro composizioni artistiche e ciò rappresenta un valore aggiunto notevole. La scienza, infatti, al pari della musica, rappresenta uno dei più potenti linguaggi tra i giovani, capace di trasmettere non solo conoscenze ma anche di costruire, attorno alle scoperte scientifiche, vere comunità d'interesse. Le opere, pur espressione di adolescenti, rappresentano il grande interesse dei giovani verso tematiche non semplici così come una grande fantasia nell'accostare argomenti complessi a realizzazioni molto comunicative". Collaborazioni: Liceo Scientifico “Galileo Galilei” (Potenza), Liceo Scientifico “Federico II“ e sede aggregata “Festa Campanile” (Melfi), I.I.S. “Giustino Fortunato” (Rionero in Vulture), I.I.S.S. “Ettore Majorana” (Genzano di Lucania) e I.I.S. “Enrico Fermi” (Policoro).

0 commenti:

Posta un commento