sabato 27 ottobre 2018

L'uomo che ha spedito 13 pacchi bomba era un fan di Trump


Un fan della Florida di Donald Trump è stato arrestato e accusato venerdì di aver spedito 13 bombe agli avversari del presidente degli Stati Uniti gettando veleni su una settimana che ha infiammato il paese in vista delle elezioni.

Cesar Sayoc, 56 anni, repubblicano con una storia criminale e un passato come spogliarellista, è nato a New York e ha vissuto in un furgone coperto di adesivi pro-Trump e anti-liberali. E' stato arrestato fuori da un centro commerciale della Florida.

Il furgone è stato sequestrato e Sayoc è stato accusato per cinque reati federali, tra cui l'invio di esplosivi e minacce contro gli ex presidenti, ha annunciato il procuratore generale Jeff Sessions.

Se processato e condannato, rischia fino a 48 anni di carcere in quello che i politici di entrambi i fronti del corridoio hanno condannato come terrorismo domestico.

"Crediamo di aver catturato l'uomo giusto, ma ... c'è ancora molto lavoro da fare, il che significa che ci sono ancora molte domande senza risposta", ha detto il direttore dell'FBI Christopher Wray in una conferenza stampa.

Le 13 bombe sono state inviate per posta, molte di loro attraverso un centro di elaborazione dei servizi postali degli Stati Uniti in Florida, e Sayoc è stato rintracciato in base all'impronta digitale e alle possibili prove del DNA, hanno riferito gli agenti.

Il presidente repubblicano si è congratulato con le forze dell'ordine per quello che ha definito un "lavoro fantastico".

Parlando prima dei suoi sostenitori a una manifestazione nella Carolina del Nord, Trump ha definito i tentativi di attacco "azioni terroristiche" che devono essere puniti "nella misura massima consentita dalla legge".