lunedì 2 gennaio 2012

Monti ai sindacati: troviamo un'intesa

ROMA. Mario Monti ha telefonato ai leader sindacali Camusso, Bonanni, Angeletti, Centrella ed ha "espresso la volonta' del governo di ricercare la massima intesa con le parti sociali sui temi del mercato del lavoro e dell'occupazione, pur nell'esigenza - sottolinea una nota di Palazzo Chigi - di operare con la sollecitudine imposta dalla situazione".

In Italia si rischiano tensioni sociali a causa della crisi. Problemi che solo il governo puo' risolvere aprendo un dialogo costruttivo con i rappresentanti dei lavoratori. I sindacati continuano il pressing sul tema del lavoro e nel primo giorno dell'anno tornano a far sentire la loro voce.
"C'e' un rischio reale di tensioni sociali nei prossimi mesi" scrive su Twitter il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, che sollecita l'attuazione di "un piano per il lavoro", visto che e' proprio il lavoro la "vera emergenza". "La recessione - afferma in un altro post la leader sindacale - avra' un impatto duro su occupazione e redditi", esiste il "rischio che cresca il conflitto sociale con l'aumento delle diseguaglianze", conclude.
Sulla stessa linea il leader della Uil, Luigi Angeletti: l'aumento della disoccupazione non e' altro che gettare benzina sul fuoco.

"C'e' il rischio di andare verso un fase di recessione e quindi una fase perdita di posti di lavoro: l'aumento della disoccupazione non e' un antidoto alla pace sociale, anzi e' la benzina sul fuoco ed e' questo il problema sui cui concentrarsi", afferma Angeletti. Per fare una politica che crei posti di lavoro, prosegue, "bisogna ridurre le tasse sul lavoro, ridurre l'evasione fiscale, ridurre i costi della politica e liberalizzare. Abbiamo una serie di norme che sono criminogene cioe' inducono e favoriscono la corruzione". La Uil "e' disposta a fare cose razionali e ragionevoli a non avere atteggiamenti puramente ideologici: vogliamo che si riducano le tasse sul lavoro senza questo la parola occupazione e' uno slogan", conlcude.