Visualizzazione post con etichetta Cultura. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cultura. Mostra tutti i post

martedì 17 luglio 2018

Enrico Deaglio presenta Patria 1967-1977

Oggi, alle ore 20.30, presso il Giardino dell’ex Convento Santa Chiara a Brindisi (nei pressi del Duomo), nell’ambito della rassegna letteraria “ilSegnalibro – punto di lettura” Estate 2018 organizzata da La Feltrinelli point Brindisi con il patrocinio del Comune di Brindisi, Enrico Deaglio presenta il suo ultimo libro edito per Feltrinelli “Patria 1967-1977”. A dialogare con l’autore la giornalista Tea Sisto.

Che cosa è successo davvero nel decennio tra il 1967 e il 1977? come è cambiato il nostro Paese? Enrico Deaglio torna per raccontare un decennio fondamentale, e lo fa da testimone d'eccezione, che ha vissuto gli anni dal 1967 al 1977 in prima persona e ne restituisce tutta la violenza e la passione. La nuova impresa storiografica e narrativa di Deaglio comincia nel 1967, quando l'economia italiana è nel pieno del boom economico e, allo stesso tempo, compaiono le prime manifestazioni e i segni germinali di profondi sconvolgimenti sociali. È l'inizio degli anni di piombo. Ma è anche l'anno in cui Gianni Morandi canta «C'era un ragazzo che come me», De André «Via del Campo» e Iva Zanicchi vince con Claudio Villa il quinto Festival di Sanremo, quello del suicidio di Luigi Tenco. È il periodo in cui si diffondono i jeans e diventano il simbolo della controcultura giovanile. Di anno in anno, dalla battaglia di Valle Giulia all'autunno caldo e alla strage di piazza Fontana, fino alle prime leggi speciali e al movimento del '77, Deaglio tesse un grande arazzo, pieno di colori, sorprese, storie notissime e storie dimenticate, retroscena emersi solo decenni dopo e misteri ancora irrisolti, facendo rivivere le storie e la cultura, la musica e le idee che hanno segnato un'epoca.

Sponsor della manifestazione il Rotary Club di Brindisi, la Fondazione “Tonino Di Giulio”, la Banca Popolare Pugliese e il ristorante “La Piazzetta – Colonne”.

Enrico Deaglio a metà degli anni settanta inizia l'attività giornalistica a Roma, presso il quotidiano «Lotta Continua», di cui è stato direttore dal 1977 al 1982. Successivamente lavora in numerose testate tra cui «La Stampa», «Il Manifesto», «Epoca», «Panorama», «L'Unità». Tra il 1985 e il 1986 è direttore del quotidiano «Reporter» e collaboratore del quotidiano «La Stampa» di Torino. Alla fine degli anni Ottanta comincia a lavorare come giornalista televisivo per Mixer: segue in particolare le vicende della mafia in Sicilia e viene inviato per programmi di inchiesta in vari paesi. Negli anni novanta conduce vari programmi d'inchiesta giornalistica di attualità su Raitre, tra cui: Milano, Italia (gennaio-giugno '94), Ragazzi del '99 (1999), Così va il mondo, Vento del Nord e L'Elmo di Scipio. Dal 1997 al 2008 dirige il settimanale «Diario». Oltre ad alcune opere di narrativa, ha pubblicato vari libri-inchiesta tra cui La banalità del bene. Storia di Giorgio Perlasca da cui è stato tratto il film tv, Patria 1978-2008, Il raccolto rosso 1982-2010, Il vile agguato. Chi ha ucciso Paolo Borsellino. Una storia di orrore e menzogna (Feltrinelli, 2013). Nel 2014 esce Indagine sul ventennio, libro composto da dodici interviste ad altrettanti rappresentanti del mondo della cultura, dell'economia e della politica a proposito dei due decenni di governi presieduti da Silvio Berlusconi.

Progetto rete Siti Unesco: La presentazione mercoledì 18 luglio ore 10 - Palazzo Lanfranchi - Matera


Mercoledì 18 luglio, alle ore 10, a Matera, nella Sala Carlo Levi di Palazzo Lanfranchi (Piazzetta Giovanni Pascoli, 1), si terrà la conferenza stampa di presentazione del PROGETTO RETE SITI UNESCO. Il Progetto -cofinanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali- è stato elaborato dall’Associazione Province UNESCO Sud Italia e promosso dall’Upi (Unione delle Province d’Italia).

Sono stati coinvolti 15 Enti locali (Province, Città Metropolitane, Liberi Consorzi Comunali, Comuni) del Sud Italia aventi un sito UNESCO, più l’Associazione Province Unesco Sud Italia in qualità di partner finanziatore e responsabile della prosecuzione delle attività oltre la durata del progetto.

Interessati 14 siti Unesco del Meridione. Capofila la Provincia di Matera; 4 le Province coinvolte: Barletta Andria Trani, Caserta, Foggia, Salerno; 6 i Comuni: Alberobello, Benevento, Matera, Monte Sant’Angelo, Noto, Barumini; 2 i Liberi Consorzi Comunali: Siracusa, Enna; 2 le Città Metropolitane: Città Metropolitana di Bari, Città Metropolitana di Palermo.

Il progetto sarà sviluppato su più segmenti e intende promuovere i siti Unesco dei territori aderenti all’iniziativa, affinché questi possano diventare leva per lo sviluppo di tutta l’area. L’obiettivo è quello di dar vita ad una rete tra i territori del Sud Italia che ospitano un sito UNESCO, al fine di promuovere, a partire dalla capacità attrattiva del brand UNESCO, e attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie, l’insieme delle risorse paesaggistiche, culturali, enogastronomiche di tali territoriin un’offerta turistica unica e integrata.

Uno dei punti cardini del progetto è il Festival #UNESCOfestivalexperience, primo festival dei siti UNESCO del Sud, che si svolgerà da luglio a settembre 2018 nei siti Unesco della Basilicata, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Alla conferenza stampa parteciperanno: il presidente della Provincia di Matera Francesco De Giacomo, l’assessore al Patrimonio UNESCO e Qualità Urbana del Comune di Matera Paola D’Antonio e il presidente dell’Associazione Province Unesco Sud Italia Giuseppe Canfora.

Matera 2019: Lezzi, interventi per 8.8 mln passano al Cis


Si è tenuto oggi presso la Sala Verde di Palazzo Chigi il tavolo del CIS (Tavolo del Contratto istituzionale di Sviluppo) su Matera Capitale europea della cultura 2019. Nel corso dell’incontro, presieduto dal ministro per il Sud Barbara Lezzi, è stato fatto il punto sull’andamento dei lavori nel capoluogo lucano ed è stato stata data conferma al Comune di Matera che sono sbloccate le risorse, pari a 30 milioni di euro, previste dall'ultima Legge bilancio in favore del capoluogo Lucano per interventi che attengono l’amministrazione cittadina e la Fondazione Matera-Basilicata 2019. Al contempo, il Comune di Matera ha chiesto che una parte degli interventi - 13 schede - previsti all'interno dei 30 milioni sbloccati, per un importo di 8,8 milioni euro, venissero inseriti nel Cis. Tali schede-progetti, che vedranno come soggetto attuatore Invitalia, riguardano principalmente alcuni servizi per mobilità e di accoglienza, interventi su infrastrutture stradali e sugli accessi alla città.

Al Tavolo del Cis erano presenti, tra gli altri, il Sindaco di Matera (Raffaello De Ruggieri), l’Ad di Invitalia (Domenico Arcuri), il Coordinatore del governo per l’attuazione degli interventi a Matera (Salvo Nastasi) e rappresentanze del Ministero per i beni e le attività culturali, del Ministero per le Infrastrutture e i Trasporti e del Ministero dell’Ambiente.

A margine dell’incontro il ministro per il Sud ha dichiarato: “Il 30 luglio sarò di nuovo a Matera per fare un ulteriore monitoraggio, perché ormai siamo a ridosso di questo grande evento e dunque dobbiamo andare velocissimi perché purtroppo dobbiamo recuperare anni di ritardi. Ad esempio, manca un’analisi dei flussi turistici per Matera 2019 e questo impedisce di avere dei parametri chiari di previsione per organizzare parcheggi, viabilità interna ed esterna, gli arrivi dall’aeroporto di Bari e nelle attività ricettive. Sulle infrastrutture, quando sono stata 10 giorni fa a Matera Fal ha assicurato che i lavori ferroviari saranno conclusi entro il 2018 e Anas chiuderà i cantieri della Statale Bari-Matera entro l’inizio 2019. Quello che si può fare lo stiamo facendo, senza però rinunciare a tutto ciò che si potrà e dovrà essere realizzato in seguito per Matera”.

sabato 14 luglio 2018

Parte il prossimo 2 agosto l'attesa quinta edizione del “Marateatro Festival


MARATEA - Parte il prossimo 2 agosto la quinta edizione del “Marateatro Festival”, la storicizzata manifestazione in programma come ogni anno nella caratteristica località della Basilicata affacciata sul Mar Tirreno. Così, cercando ancora di concentrare i propri sforzi e le proprie competenze per rintracciare nuove formule di promozione per il teatro associato ad altre forme d’arte, la kermesse, per questa edizione 2018 intitolata “Cantami o Diva” , andrà tutta a tempo di musica. “Ecco perchè - come ha ribadito il direttore artistico, l'attore e regista, Giuseppe Miale Di Mauro- per la quinta edizione, il Festival ha deciso di strizzare l’occhio a spettacoli teatrali in cui è molto presente la componente musicale, in un mix di forte impatto emotivo e goliardico”.

Anche quest’anno, quindi, per “Marateatro Festival”, si proseguirà con l’esperimento già testato la scorsa estate teso ad espandere sul territorio marateota alcune perfomance teatrali e musicali. Tant'è che oltre al già conosciuto e bellissimo Parco Tarantini, il festival si sposterà al centro storico di Maratea. Attori e musicisti, infatti, si esibiranno anche per le stradine del centro antico, in due sfavillanti e vivaci location come Pietra del sole e Dietro la Rancia. Una piacevole sorpresa capace di suscitare l'interesse ed il piacere di turisti e marateoti. Con il claim tutto shakespeariano, “Il teatro è musica per coloro che ascoltano”, l'edizione 2018 del “Marateatro Festival”, così come per le precedenti, prende vita grazie alla volontà logistica ed organizzativa dell'imprenditrice, Beatrice Federico, della “Sabegi Partnership” da sempre impegnata in attività culturali e sociali e che opera da anni nel tourism investment a Maratea, Firenze, Roma e Napoli e nel settore delle arti e dello spettacolo.

Ad inaugurare la manifestazione con ingresso gratuito, il 2 agosto nella “Piazzetta Dietro la Rancia” sarà la band dei “Renanera” in concerto. A seguire il 3 agosto, sempre con ingresso gratuito, nella splendida cornice di “Pietra del Sole” sarà la volta di Ivan Castiglione e Alessandro Castiglione con lo spettacolo “ Pino Daniele è calvo”- Confessione tragicomica in musica di un hater assuefatto. Giunti al 4 agosto, nell'incantevole Parco Tarantini, stavolta con un biglietto d'ingresso di 12 euro, sarà il turno di Ernesto Lama, Elisabetta D’Acunzo e Marina Bruno accompagnati al pianoforte dal maestro Giuseppe Di Capua, con il loro omaggio a Raffaele Viviani intitolato “Sottovoce”.

A chiudere l'attesa kermesse , il 5 agosto, ancora al Parco Tarantini sempre con un contributo d'ingresso di 12 euro, sarà il duo fenomeno musicale dell'anno, “Ebbanenis” composto da Viviana Cangiano e Serena Pisa con il concerto “Serenvivity”. Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 21.30.

venerdì 13 luglio 2018

Unibas: il 17 luglio a Matera conferenza stampa di presentazione del Corso di Architettura Posta in arrivo x


MATERA - Si terrà martedì 17 luglio alle ore 11.00 a Matera, nella sede dell’Università degli Studi della Basilicata in via Lazazzera, la conferenza stampa di presentazione del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Architettura, conforme alla Direttiva 85/384/CEE. http://dicem.unibas.it/site/home/didattica/architettura.html

Alla conferenza stampa parteciperanno la prof.ssa Antonella Guida, Coordinatore del Corso di Studi; il Prof. Antonio Conte, presidente delle commissioni di Esame di Stato per la professione di architetto per il 2018; I docenti del corso di Architettura; Pantaleo De Finis, presidente dell’Ordine degli Architetti di Matera; l’arch. Annunziata Tataranno, della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Basilicata; Raffaele Vitulli di Matera Hub, per le opportunità e gli scambi internazionali; Angelo Donvito di Digimat Spa,azienda di Matera tra i partner di progetti di ricerca e professionali nell’ambito delle attività del Corso di Studi. Parteciperanno anche il rappresentante dei Dottorandi, Vito Porcari, e la rappresentante degli studenti, Annarita Palmiotta, che offriranno la propria testimonianza rispetto alle opportunità formative e post laurea a disposizione degli studenti.

Nel corso dell’incontro saranno delineate le opportunità formative offerte agli studenti iscritti, in vista del termine per l’iscrizione al test di ammissione per l’anno accademico 2018-19 che è fissato per le ore 15.00 del prossimo del 24 luglio attraverso il portale del Miur portale diUniversitaly. Il Corso è infatti a numero programmato e quest’anno i post stabiliti dal Miur per Architettura Matera sono 85.

La procedura andrà poi perfezionata entro il 27 luglio sul sito web di Ateneo https://unibas.esse3.cineca.it/Home.do. La prova si terrà giovedì 6 settembre 2018 alle ore 11:00.

Alta Marea 2018… Maratea tra Natura e Cultura: al via la XXIII edizione dal 19 Luglio al 13 Agosto 2018

MARATEA - La rassegna letteraria Alta Marea 2018, Maratea tra Natura e Cultura, ideata e realizzata dall’Agenzia Letteraria Delia, in collaborazione con il Comune di Maratea, ispirata al tema “La danza del pensiero”, inaugura la XXIII edizione con una serata dedicata al dirittismo e all’ozio creativo. Saluti del Sindaco del Comune di Maratea, Domenico Cipolla. 

Giovedì 19 Luglio (ore 21.30 - Piazza del Gesù – Fiumicello) Alessandro Barbano, autore di “Troppi diritti. L’Italia tradita dalla libertà” (Mondadori) e Domenico De Masi, autore de “Il lavoro nel XXI secolo” (Einaudi) insieme a Eugenio Donadoni, Tina Polisciano e Francesco Sisinni apriranno una via inedita per comprendere i cambiamenti della nostra contemporaneità. È un’ipertrofia dei diritti ciò che spiega il declino italiano, e ciò che si definisce «dirittismo» è una malattia che esibisce un sintomo ormai sotto gli occhi di tutti: la crisi della delega, ossia la rinuncia a qualsiasi mediazione tra gli interessi di uno o di pochi e quelli di tutto il corpo sociale. Che cosa è stato il lavoro e che cosa sarà? Domenico De Masi ricostruisce le diverse interpretazioni teoriche del lavoro e ne passa in rassegna le trasformazioni concrete: dalla schiavitù alla rivoluzione industriale fino al XXI secolo.

La rassegna prosegue mercoledì 25 Luglio (ore 21.30 - Piazza del Gesù – Fiumicello) con Giuseppina Torregrossa, autrice de “Il Basilico di Palazzo Galletti” (Mondadori) e Tina Polisciano, che si addentreranno tra le pagine di una storia guizzante e sensuale, punteggiata di humour, e capace di circoscrivere in modo conturbante i desideri inespressi e le impasse di una donna che si trova nel passaggio cruciale dalla giovinezza alla maturità.

Mercoledì 1 Agosto (ore 21.30 - Piazza del Gesù – Fiumicello) Pinuccio, autore di “Trumpadvisor” (Mondadori) si avventurerà in compagnia di Annalaura Del Gaudio in un esilarante viaggio in Puglia con il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump e i suoi familiari, tra passioni e clandestini amori, sullo sfondo di calde notti d’estate, tra improbabili incursioni caratterizzate da stereotipi Made in Puglia.

Domenica 12 Agosto (ore 21.30 - Parco Hotel Santavenere – Fiumicello) sarà il benessere del corpo e dello spirito a fare da filo conduttore all’evento che vedrà ospiti Luigi Chiariello e Willy Pasini, autori del volume “Da cuore a cuore” (Sperling & Kupfer) e Gianluca Mech, personal wellner delle star, inventore del metodo Tisanoreica e unico erede di una tradizione erboristica antica che ha visto la sua famiglia al centro delle arti e dei segreti della fitoterapia in Italia. Gli autori danno vita a un confronto a più voci, a un’analisi inedita delle crepe che possono minare la stabilità del nostro cuore, approfondendo le dinamiche cliniche e psicologiche che accompagnano l’individuo alla scoperta delle emozioni più complesse.

La rassegna chiude lunedì 13 Agosto (ore 21.30 - Piazza del Gesù – Fiumicello) con una serata dedicata ai volti della giustizia. Oreste Lo Pomo, autore di “Malanni di stagione” (Cairo editore) e Gigi Marzullo, racconteranno la vita di tutti i giorni di una piccola città “dalle relazioni corte” partendo da una vicenda che incarna in modo originale e per niente scontato la storia di un sistema giudiziario malato, che entra nelle pieghe dell’animo umano, e delle sue vittime. Con la partecipazione del Sindaco del Comune di Maratea, Domenico Cipolla.

Musica: al via 13 luglio con le riprese a Matera la lavorazione del videoclip 'So what are you doing? Dance on the Stones'

MATERA- Venerdì 13 luglio il GDO Gruppo Danza Oggi avvia la produzione del video "So, what are you doing? Dance on the Stones" - danza performativa site specific con la regia di SANDRO NARDI, un'interessante sperimentazione che vede protagonista Giovanni GAVA Leonarduzzi , danzatore di fama internazionale che interagirà con questa Città Patrimonio dell'Unesco, città scultura che alterna ed equilibria volumi di spazio e di terra, per creare una performance che armonizzerà estetica, arte e umanità.

"So, what are you doing? Dance on the Stones" "Ma che state facendo? Danza sui Sassi" rievoca la famosa frase pronunciata da Pasolini di fronte allo sgombero dei Sassi di Matera, che negli anni '60 il regista aveva individuato come la Gerusalemme d'Europa per il suo Vangelo secondo Matteo.

La danza è l’arte che sa coniugare corpo e anima in un soffio di leggerezza per raccontare un architettura scavata, intima e poetica: i Sassi di Matera: “So what are you doing? Dance on the Stones” è una performance che mette insieme l’arte, l’uomo e il paesaggio e utilizza la danza come forma di libertà senza inibizioni, dove fragilità e paure, scompaiono. La forza, la volontà e il coraggio sono gli ingredienti essenziali per arrivare a sfidare e conoscere i propri limiti. Tra i Sassi la danza sarà vissuta come senso estetico, interiore ed esteriore, che regola corpo, spirito e mente.

Giovanni Gava Leonarduzzi è un danzatore con tecnica incredibile e stile molto personale, elementi che lo rendono unico nel suo genere. Un'eccellenza della danza, tutta italiana, un brillante interprete, un ballerino di danza contemporanea, un coreografo che ha ottenuto numerose riconoscimenti a livello nazionale e internazionale. La sua partecipazione al progetto è per GDO occasione straordinaria: la sua danza sperimentale (breakin' contemporaneo modern...) si incontra con l'antico sito in una formale ricerca di interscambio, acrobatico connubio fra materia e dinamicità.

I Sassi di Matera, unica forma di urbanizzazione rurale esistente al mondo: seguiremo tra i Sassi un percorso di Estetica della povertà: “senza pena, la bellezza non ha viso”. Matera è una location per danzare, in questa città tutto si intreccia, si aggroviglia, uno sull’altro; è una città soffiata dall’interno, una città - scultura in cui volumi di spazio e di terra si alternano e si equilibrano straordinariamente, un'architettura scavata, intima e poetica per creare una performance dove l’estetica, l’arte e l’uomo diventino protagonisti.

Matera 2019, il conto alla rovescia


(ANSA) - MATERA - La Camera di commercio di Matera, la Fondazione Matera Basilicata 2019 e il Comune di Matera hanno individuato "nell'area verde antistante la Camera di commercio, di proprietà dell'Ente, la sede più idonea per il posizionamento di un strumento multimediale (led wall) con funzioni di countdown, un conto alla rovescia di avvicinamento al 2019, e come divulgatore di contenuti di promozione del territorio e degli eventi programmati".

A "tutte le aziende interessate" è stato chiesto "di manifestare il proprio interesse a contribuire alla realizzazione dell'iniziativa ed inviare idee progettuali per l'allestimento e la gestione, a titolo gratuito per gli Enti, di una installazione da posizionare nell'area antistante la Camera di commercio dotata di un led wall".

mercoledì 11 luglio 2018

Parte il prossimo 2 agosto l'attesa quinta edizione del 'Marateatro Festival'


MARATEA - Parte il prossimo 2 agosto la quinta edizione del “Marateatro Festival”, la storicizzata manifestazione in programma come ogni anno nella caratteristica località della Basilicata affacciata sul Mar Tirreno. Così, cercando ancora di concentrare i propri sforzi e le proprie competenze per rintracciare nuove formule di promozione per il teatro associato ad altre forme d’arte, la kermesse, per questa edizione 2018 intitolata “Cantami o Diva” , andrà tutta a tempo di musica. “Ecco perchè - come ha ribadito il direttore artistico, l'attore e regista, Giuseppe Miale Di Mauro- per la quinta edizione, il Festival ha deciso di strizzare l’occhio a spettacoli teatrali in cui è molto presente la componente musicale, in un mix di forte impatto emotivo e goliardico”. Anche quest’anno, quindi, per “Marateatro Festival”, si proseguirà con l’esperimento già testato la scorsa estate teso ad espandere sul territorio marateota alcune perfomance teatrali e musicali. Tant'è che oltre al già conosciuto e bellissimo Parco Tarantini, il festival si sposterà al centro storico di Maratea. Attori e musicisti, infatti, si esibiranno anche per le stradine del centro antico, in due sfavillanti e vivaci location come Pietra del sole e Dietro la Rancia. Una piacevole sorpresa capace di suscitare l'interesse ed il piacere di turisti e marateoti. Con il claim tutto shakespeariano, “Il teatro è musica per coloro che ascoltano”, l'edizione 2018 del “Marateatro Festival”, così come per le precedenti, prende vita grazie alla volontà logistica ed organizzativa dell'imprenditrice, Beatrice Federico, della “Sabegi Partnership” da sempre impegnata in attività culturali e sociali e che opera da anni nel tourism investment a Maratea, Firenze, Roma e Napoli e nel settore delle arti e dello spettacolo. Ad inaugurare la manifestazione con ingresso gratuito, il 2 agosto nella “Piazzetta Dietro la Rancia” sarà la band dei “Renanera” in concerto. A seguire il 3 agosto, sempre con ingresso gratuito, nella splendida cornice di “Pietra del Sole” sarà la volta di Ivan Castiglione e Alessandro Castiglione con lo spettacolo “ Pino Daniele è calvo”- Confessione tragicomica in musica di un hater assuefatto. Giunti al 4 agosto, nell'incantevole Parco Tarantini, stavolta con un biglietto d'ingresso di 12 euro, sarà il turno di Ernesto Lama, Elisabetta D’Acunzo e Marina Bruno accompagnati al pianoforte dal maestro Giuseppe Di Capua, con il loro omaggio a Raffaele Viviani intitolato “Sottovoce”. A chiudere l'attesa kermesse , il 5 agosto, ancora al Parco Tarantini sempre con un contributo d'ingresso di 12 euro, sarà il duo fenomeno musicale dell'anno, “Ebbanenis” composto da Viviana Cangiano e Serena Pisa con il concerto “Serenvivity”. Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 21.30.

Rudimental & Major Lazer: 'Let Me Live' conquista le radio e il web


MILANO - Il famoso collettivo inglese Rudimental e l'iconico gruppo di musica dance Major Lazer hanno svelato l'attesissimo video dell'ultimo singolo, "Let Me Live", con Anne-Marie e Eazi.

"Let Me Live", segna una delle più affascinanti collaborazioni dell'anno con la pop star Anne-Marie, una delle rivelazioni della scena pop britannica, il cui album d’esordio, Speak Your Mind", è entrato al n.3 in UK, ed è l’album che ha venduto dippiù in Inghilterra nel 2018, l'emergente star Afro-Beat Mr Eazi e le parti vocali affidate ai Lady Smith Black Manbazo, gruppo corale sudafricano che interpreta soprattutto musica tradizionale africana.

Il video ufficiale, girato in location tra Londra e Johannesburg dal regista sudafricano Chris Saunders, esplode di gioia, esplorando l'atmosfera ei temi di "Let Me Live" attraverso il colore, la danza e il movimento. A partire da Londra, Anne-Marie viene trasportata da una grigia e spensierata giornata per le strade di Londra a una vivace festa di strada a Johannesburg, dove si unisce a una troupe di ballerini locali. Ispirato alla cultura di strada sudafricana, e in particolare a Pantsula - una forma di danza ad alta energia originaria di Johannesburg e alla scena musicale Gqom di Durban, il video ribadisce la volontà dei Rudimental e Major Lazer di mettere in risalto le culture locali, lasciandosi cadere in una celebrazione veramente globale e condivisa.

Major Lazer (composto da Diplo, Jillionaire e Walshy Fire) è uno dei più influenti gruppi dance della storia, collezionando oltre 12 miliardi di stream rendendoli tra i 10 artisti più apprezzati al mondo da Spotify. Il trio ha collaborato con un'ampia varietà di nomi enormi; in particolare, Justin Bieber e MØ su "Cold Water", che ha raggiunto il numero 1 della Billboard Hot 100 e ha registrato oltre 2,2 miliardi di stream. Il loro singolo del 2013, "Lean On" - in collaborazione con DJ Snake feat. MØ - ha accumulato oltre 4 miliardi di stream fino ad oggi, oltre ad altri 2 miliardi + visualizzazioni su YouTube, rendendolo il video più visto in assoluto # 8 di tutti i tempi.

I Rudimental hanno consolidato il loro successo con "These Days" il singolo che in Italia e nel Regno Unito ha raggiunto il disco di Platino e ad oggi ha raggiunto 448 Milioni di streams Global (20 Milioni solo in Italia) e 202 Milioni di visualizzazioni Global. L'attesissimo terzo album dei Rudimental " TOAST TO OUR DIFFERENCES" sarà pubblicato il 7 settembre.

Ad oggi, la band ha venduto oltre 20 milioni di singoli e 2 milioni di album a livello mondiale - numeri straordinari per una band che ha costantemente plasmato suoni nuovi e inventivi per spingere i confini della musica pop convenzionale. Il loro album di debutto "Home" ha raggiunto il doppio platino con il successo della critica nel 2013, ha venduto oltre 1 milione di copie in tutto il mondo, ottenendo così l'ambito nomination al Mercury Prize. Il loro secondo album in studio "WE THE GENERATION" è stato pubblicato nell'autunno del 2015 e ha visto il successo mondiale "Lay It All On Me" Ed Sheeran, il singolo che ha venduto oltre 1,8 milioni di copie a livello mondiale e ha ottenuto lo status Gold negli Stati Uniti. .

martedì 10 luglio 2018

'Il Partito Democratico: origine, organizzazione e identità': il saggio politico di Simone Tedeschi


L'autore ligure ​Simone Tedeschi presenta un saggio politico di ampio respiro, che riesce a soddisfare pienamente sia chi vuole approfondire una materia che già padroneggia, sia chi si approccia per la prima volta a un testo di politologia. Il Partito Democratico. Origine, organizzazione e identità ha uno stile chiaro e informativo, e fornisce al lettore meno esperto gli strumenti adatti alla comprensione dell’opera. Partendo dalla “preistoria” del Partito Democratico, e analizzando i fattori che hanno portato alle modifiche del suo sistema di pensiero e della sua struttura interna, il saggio prende in esame ogni tappa, contraddizione e svolta di un’organizzazione che ha visto tanti attori forti e in contrasto tra loro, e momenti di consenso generale e di disfatta. Un racconto che oltre ad essere accurato in ogni dettaglio riesce anche a interessare e coinvolgere con i suoi tanti spunti di riflessione.

Simone Tedeschi è nato a Genova nel 1980. Ha conseguito la laurea in Filosofia Politica presso l’Università di Genova per poi collaborare dal 2007 al 2011 come assistente alla ricerca e alla didattica con il Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Genova e con il Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Pavia. Presso il medesimo Ateneo ha conseguito il Dottorato di ricerca in Scienza politica – Analisi comparata delle democrazie con una tesi sul processo fondativo del Partito Democratico. È stato Consigliere comunale a Tassarolo e dal 2009 è Assessore nel Comune di Novi Ligure con deleghe alla Cultura (fino al 2014) e, dal 2014 in avanti, al Bilancio, al Patrimonio e ai Tributi. È cofondatore di Epoké Ricerche e di Edizioni Epoké, la casa editrice di cui è attualmente Presidente. Il Partito Democratico. Origine, organizzazione e identità è la sua prima monografia.

Peppe Servillo & Solis String Quartet danno il via alla stagione dei Teatri Uniti di Basilicata

IRSINA - Peppe Servillo inaugura la nuova stagione estiva di Teatri Uniti di Basilicata, martedì 10 luglio ad Irsina (chiostro dell’ex convento di San Francesco, ingresso ore 20.45 - sipario ore 21.30), con il progetto “Presentimento”.

Un percorso di riletture del repertorio classico napoletano con la fondamentale collaborazione del Solis String Quartet, ripreso anche in un album omonimo, da poco uscito per la iCompany. “Presentimento” pochi anni di distanza dall’uscita di “Spassiunatamente”, che aveva visto per la prima volta Peppe Servillo ed i Solis String Quartet affrontare con dovuto rispetto capolavori della canzone classica napoletana.

La voce della Piccola Orchestra Avion Travel fornisce la sua interpretazione sempre più teatralmente scarnificata all’andamento cameristico garantito dai violini di Vincenzo Di Donna e Luigi De Maio, la viola di Gerardo Morrone, il cello e la chitarra di Antonio Di Francia. Il canzoniere è pregiato: si va dalla “Palomma” di Armando Gill alla “Tarantella segreta” di Raffaele Viviani, dal capolavoro di E.A. Mario che presta il titolo al disco all’ironia di “M’aggia cura’” e l’onomatopeico richiamo di “Scalinatella”.

Così si inaugura la stagione estiva di Teatri Uniti di Basilicata: un mese di spettacoli dal 10 luglio al 10 agosto, itineranti tra i borghi suggestivi della regione. Le prossime tappe di Presentimento saranno a Pisticci l’11 luglio, a Vaglio il 24 luglio e a Grumento il 25 luglio. L’intero programma sarà presentato in conferenza stampa il 10 luglio ad Irsina prima dello spettacolo alle ore 19 nell’ex convento di San Francesco.

«Quella del presentire – racconta Servillo- è spesso la condizione degli artisti, dei narratori, come dei poeti autori di queste canzoni che nei loro versi presentono e annunciano segreti, presenze, tradimenti, ciò che di nuovo potrebbe accadere o si vorrebbe accadesse, e lo fanno con parole che sembrano mai udite come fossero i veggenti, gli indovini della nostra vita sentimentale. La musica aggiunge senso e la parola precisa col riso e col pianto, le orchestrazioni inscenano un improvviso teatrale come se la vicenda nascesse ora col canto e annunciasse il paradiso tra sonno e veglia. Insistiamo nel ricongiungere tessere alla nostra stanza napoletana che a volte gode di una vista bellissima».

ORARIO PER TUTTI GLI SPETTACOLI: Ingresso ore 20:45; Sipario ore 21.30

BIGLIETTI

Spettacolo PRESENTIMENTO

In prevendita risparmi 3 euro sino a 5 giorni prima dello spettacolo:

Intero 20 / ridotto 15/ TUB Young 8 euro.

Botteghino: Intero 23 / ridotto 18/ TUB Young 8 euro;

In caso di mancata partecipazione è garantita la sostituzione del biglietto per uno spettacolo a scelta della rassegna in corso: bisogna presentare il biglietto entro e non oltre tre giorni dalla data dello spettacolo.

Biglietteria Online: http://www.infotickets.it/ Tel. 0971.274704

Info http://teatriunitidibasilicata.com/ Irsina Cartolibreria Prisma corso Musacchio, 49 - Tel: 0835.629385 – dal lunedì pomeriggio al sabato dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 17.00 alle 20.00;

Alessio Di Palma: ''La mia svolta reggaeton''


di REDAZIONE - Il 10 Luglio arriva in tutte le radio e sulle piattaforme digitali 'Regalame feat. Gipsy Prince' il singolo che segna il ritorno sulle scene musicali del cantautore romano Alessio Di Palma. Il brano anticipa l'uscita del nuovo progetto discografico dal titolo 'Ogni mio respiro', che sarà rilasciato il 28 luglio.  'Regalame' è un brano dai suoni reggaeton e dal ritmo coinvolgente che ti trasporta nel mondo colorato dei suoni latini e ti fa ballare.

Alessio Di Palma è uno degli artisti più influenti della scena musicale romana ed ha venduto oltre 4 mila copie del suo primo album d’esordio. Nel corso della sua carriera ha prodotto 2 album in studio e ha suonato in molti paesi d'Italia ( Sassari, Perugia, Sanremo, Porto Ercole, Catanzaro ) ed Estero, ( Londra, Malta ). Si tratta del più grande artista emergente della storia della musica nel genere Pop / R&B / Dance in ITALIA.

Hai scelto un nuovo genere musicale per il tuo ritorno sulle scene, giusto?
Diciamo che ho voluto dare all'album un qualcosa di diverso dal primo e il genere reggaeton ne farà parte.Per il resto tante altre sorprese, ecco perchè ci sono voluti 6 anni per far uscire il nuovo album (ride, ndr).

A cosa ti sei ispirato per questo brano?
Sono tanti gli artisti che seguo, da Enrique Iglesias a Nicky Jam, per passare da Daddy Yankee a Pitbull. Ho già collaborato, in precedenza, con dei colleghi per realizzare un altro pezzo reggaeton intitolato "La Promesa", Un giorno ci siamo incontrati in studio, gli ho fatto ascoltare l'arraggiamento di "Regalame", abbiamo inziato a scrivere il pezzo acceso i microfini e in 3 ore lo abbiamo inciso

Come nasce la tua passione per la musica?
La passione per la musica io credo di avercela sempre avuta. all'età di 8 anni cantavo con i compagni di scuola e per tutta casa. Ho sempre saputo essere intonato, è bastato studiare canto per apprendere la tecnica e poi ilk resto è venuto tutto naturalmente da se.

Come sarà il nuovo disco e con chi hai collaborato?
Partiamo dal presupposto che per realizzare questo nuovo album ci sono voluti 6 anni perchè, non avendo le risorse dei grandi, ho cercato di lavorare meglio su tutta la struttura, collaborando sempre, strettamente e fedelmente con il mio produttore artistico T-Boss.

All'interno dell'album ci saranno varie la collaborazioni da Dicky Dog per il brano "Troppo Tempo", da quella di Mr Papi Ramos per il brano "La Promesa", a quella di Gipsy Prince per "Regalame" per arrivare a T-Boss nel brano "Baby, don't Cry".

Ci sarà anche un tour?
Si ci sarà un tour che mi vedrà salire sui palchi di tutta l'italia. La tournèe, iniziata il 7 luglio ad Aranova (Rm), toccherà le principali città italiane e si concluderà a metà settembre. Per tutte le date e gli aggiornamenti visitate la mia pagina ufficiale facebook facebook.com/alessiodipalmaofficial e i canali twitter e instagram.

giovedì 5 luglio 2018

La Basilicata all’Ischia Film Festival. Giovani autori e tanto cineturismo



ISCHIA - Presenza significativa quella del mondo creativo e istituzionale lucano alla sedicesima edizione dell’Ischia film festival in corso di svolgimento dal 30 giugno al 7 luglio.

Sugli schermi della bella manifestazione che si svolge nel Castello aragonese dell’isola campana, il concorso ha selezionato le opere di Adelaide De Fino (che proprio ad Ischia aveva segnato il suo esordio con “Papaveri e papere) nell’emozionante e attuale “La Pace dannata” e l’esordio del regista lucano Delio Colangelo che con “Che fine ha fatto l’inciviltà” dimostra di avere buone prerogativa per proseguire su una strada che lo ha rivelato in diversi festival. Ad Ischia a parlare di cinema presentando il loro recente successo ai botteghini invernali, i vulcanici materani Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi che con “Metti la nonna in freezer” hanno dimostrato di essere eccellenti artigiani di una commedia che appassiona le generazioni più giovani.

Ad accompagnare gli artisti anche la Lucana Film Commission che avrà una sua finestra per illustrare gli ultimi provvedimenti di una regione che sempre più si caratterizza con lo slogan Basilicata terra di cinema.

E ad Ischia, dove il patron Michelangelo Messina ha coniato il neologismo e la materia del cineturismo, nell’annuale convegno dove si ritrovano i principali esperti e studiosi di materia, non mancheranno contributi che illustreranno le ultime significative novità che sono state avviate.

Il direttore della Lucana Film Commission Paride Leporace e Patrizia Minardi dirigente della Regione Basilicata avranno modo di illustrare la grande attenzione che ha ricevuto in varie parti del mondo il progetto Basilicata Movie Tourism, realizzato dalla Regione Basilicata - Ufficio Sistemi Culturali e Turistici, nell’ambito del Progetto di Eccellenza interregionale “South Culture Routes”, finanziato dall’Enit e cofinanziato dal MIBACT, che ha avuto già successo nelle tappe delle fiere internazionali del turismo di Monaco e Parigi e sarà presente a Astrakan in Russia e a Gorlitz in Germania a partire da settembre 2018.

Con Basilicata Movie Tourism sono stati catalogati e mappate le principali location di 68 film girati in Basilicata, creando cinque percorsi cinematografici ad alta intensità esperienziale e fruibili attraverso app, sito web, pannelli e movie map. I percorsi partono tutti da Matera. Il primo riguarda la città dei Sassi, il secondo è il percorso del film “Basilicata Coast to Coast” dallo Jonio al Tirreno e altri tre itinerari che partendo da Matera portano i visitatori a scoprire le Dolomiti Lucane, la costa jonica e l’area del Vulture.

Sarà anche proiettato il video – spot “Basilicata is more than a Film”; di Giuseppe Marco Albano, in cui sono protagonisti non solo i luoghi e i film girati in Basilicata, ma anche e soprattutto gli attori lucani come Dino Paradiso, Anna Rita Del Piano, Fabio Pappacena, Nando Irene, Giovanni Andriuoli, Antonio Andrisani, Pascal Zullino, Michele Russo, Erminio Truncellito, Simone Càstano, Nadia Kibout.

Un vero e proprio modello nazionale di offerta cineturistica quello della Basilicata che a Ischia schiera anche Leonardo Braico, presidente del Gal Start 2020 che, grazie alla visione progettuale del suo direttore Giuseppe Lalinga, ha già creato diverse proposte cineturistiche sperimentate e inserite, attraverso alcuni tour operators, nel mercato delle vacanze.

mercoledì 4 luglio 2018

Matteo Garrone e Marco D'Amore al Lucania Film Festival


MARCONIA DI PISTICCI - Sono Matteo Garrone e Marco D'Amore gli ospiti d'eccezione del 19 esimo Lucania Film Festival. L'edizione 2018 dell'evento ideato ed organizzato dall'associazione Allelammie si presenta come sempre ricca di novità a partire, quest'anno, da una diversa collocazione temporale. La kermesse, infatti, si svolgerà dall'1 al 5 agosto presso il centro Tilt di Marconia di Pisticci, trasformato per il terzo anno consecutivo in vero e proprio villaggio del cinema, un crocevia sul quale possono incontrarsi i mille linguaggi e le infinite inclinazioni creative della settima arte.

Fresco di David di Donatello con "Dogman", il suo ultimo lavoro che a Cannes ha conquistato anche il premio miglior attore con Marcello Fonte, Garrone interverrà al LFF il giorno 2 agosto. Nella sua lectio magistralis sarà possibile approfondire le sfaccettature della sua poetica filmica e conoscere da vicino uno dei più importanti e famosi autori contemporanei del cinema italiano ed internazionale. Pluripremiato nel Belpaese, Garrone si è affermato anche sulla scena mondiale con "Il racconto dei racconti", narrazione fantastica, interpretata fra gli altri da attori del calibro di Salma Hayek e Vincent Cassel.

A lanciare definitivamente il regista romano verso la popolarità fu, nel 2008, il film "Gomorra", trasposizione cinematografica dell'omonimo bestseller sulla camorra e la criminalità napoletana di Roberto Saviano. Proprio in quest'opera è contenuto il link che lancia idealmente il secondo ospite d'eccezione del LFF, l'attore Marco D'Amore, intrreprete del criminale Ciro Di Marzio, fra i principali protagonisti della serie tv Gomorra, finora capace di spopolare per le tre stagioni andate in onda. Prodotta da Sky a partire dal 2012, la serie è stata esportata in tutto il mondo. Anche Marco D'Amore terrà una master class con focus specifici sul cinema essendo sempre prerogativa del LFF quella di riempire di contenuti al servizio di una vision impegnata anche le occasioni di incontro con gli ospiti di maggiore notorietà.

La cinque giorni festivaliera, come sempre, ospiterà una ricca programmazione competitiva e non competitiva, la cui selezione si è conclusa di recente, dando spazio ai diversi linguaggi del cinema di tutto il mondo. Sono ben 46, infatti, le opere in concorso in questa 19 esima edizione. I lavori sono stati suddivisi in sei sezioni. I lungometraggi di fiction ed i documentari, i cortometraggi di fiction, animazione, documentari e Spazio Italia.

Questa 19 esima edizione conferma e rafforza il nuovo corso del progetto Festival, incentrato sempre più sull'educazione al linguaggio, nel suo significato etimologico di "condurre fuori", portare da uno stato all'altro, per produrre conoscenza.

Il cinema che si avvale del "bello", per far splendere il vero è il mantra della 19a edizione. Il cinema ha un suo statuto disciplinare specifico, che ne fa un dispositivo imprescindibile per la comprensione del mondo e del tempo in cui viviamo. Ci sono epoche che hanno espresso se stesse con la musica, altre con la poesia, altre con il teatro o con la letteratura.

Il nostro tempo ha espresso se stesso, prima di tutto, attraverso il cinema, la televisione, i media audiovisivi. Continuare a ignorarlo sarebbe fare un danno irreparabile alle nuove generazioni e il LFF si carica da anni di questa responsabilità.

Definiti i primi ospiti, la 19 edizione del LFF tiene in serbo altre numerose novità che la caratterizzeranno andando a completare una programmazione già ricca e come sempre in grado di coniugare la qualità con la dimensione di spettacolo mescolando i linguaggi del cinema attraverso un'offerta di contenuti sempre più ampia.

A Sant’Arcangelo (PZ) il convegno 'Progetto Nocciola Italia'


POTENZA - Appuntamento Venerdì 6 luglio 2018 alle ore 9:30 a Sant’Arcangelo (PZ) per il convegno “PROGETTO NOCCIOLA ITALIA. Un futuro da coltivare. Insieme.” L’evento, con il patrocinio della Regione Basilicata, è l’occasione per presentare agli imprenditori agricoli della regione il progetto di filiera avviato da Hazelnut Company, divisione interna del Gruppo Ferrero dedicata alla nocciola, mettendo a confronto i protagonisti della filiera corilicola e i modelli di aggregazione agricola della regione.

Il Progetto affonda le proprie radici nell’eccellenza dell’Agricoltura Italiana, sostenendo lo sviluppo della filiera qualitativa della nocciola, già realtà fiorente nel comparto frutta a guscio nazionale.

Attraverso il modello di crescita contenuto nel Progetto Nocciola Italia, si creano le condizioni per una concreta opportunità di riconversione e valorizzazione di ampie superfici del nostro territorio. Il Progetto si caratterizza anche per un nuovo modello di business sancito da un contratto di riacquisto del prodotto nel lungo termine, strumento di sviluppo economico e sociale della filiera corilicola di qualità.

DrefGold: ''Siamo tutti un pò 'Kanaglia'


MILANO - Sarà disponibile da Venerdì 6 Luglio il primo progetto discografico di DrefGold, “Kanaglia”, nuovo album contenente ben 11 inediti su etichetta BHMG/ Island Records. L’album già disponibile in pre – order su Amazon, iTunes e Spotify dal 6 Luglio sarà disponibile in tutti i negozi di dischi e in tutti i principali digital store.Considerato come uno dei migliori rapper della nuova generazione Elia Specolizzi, in arte DrefGold, è pronto a conquistare le classifiche italiane di vendita presentando al suo pubblico il suo primo lavoro che si avvale della produzione di uno dei migliori producer della scena odierna: Daves the Kid.

“Sono orgoglioso di questo progetto che segna un inizio importante per la mia carriera artistica. “Kanaglia” è un punto di partenza, non un punto di arrivo. Questo è il risultato di un percorso importante fatto di sacrifici. È il risultato di anni passati nei quartieri, nelle piccole piazze bolognesi a cantare con i miei primi gruppi. Ci ho messo tanto di mio in queste canzoni e spero che questo possa arrivare ai miei fans”.

Da “Kanaglia”, brano che titola l’intero album, a “Boss”, singolo il cui video ha già oltrepassato 5 milioni e mezzo di views sulla rete, e “Occupato”, sono solo alcuni dei brani inclusi nel disco, che si arricchisce inoltre del preziosissimo feat con la “rockstar” Sfera Ebbasta nel brano “Wave”. Questa collaborazione nasce dall’ingresso del giovane artista nell’etichetta fondata dallo stesso Sfera e Charlie Charles BillionHeadz Music Group.

Attraverso un linguaggio semplice ed estremamente diretto l’artista in questo nuovo lavoro racconta di palazzi, di storie di periferia, ma anche di argomenti più leggeri come l’universo femminile. Non manca poi l’ambizione al successo, ma sempre con un pizzico di ironia. Grazie ad un sound ipnotico in grado di catturare sin dal primo ascolto, il disco, ricco di suggestioni musicali fonde perfettamente sonorità rap, trap, elettroniche e melodie vocali in un mix eccezionale di elementi diversi che ben rispecchiano di l’evoluzione del genere trap in Italia, ormai intriso di molteplici influenze, sonorità e tematiche.

martedì 3 luglio 2018

Cultura: il 4 e 5 Luglio missione Ministri Lezzi e Bonisoli per Matera 2019


MATERA - Matera sarà la Capitale Europea della Cultura 2019: un appuntamento fondamentale per il capoluogo lucano, la regione Basilicata e tutto il nostro Paese. A 6 mesi dall'inizio di questo grande evento, il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, e il ministro per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, Alberto Bonisoli, si recheranno a Matera per verificare lo stato di avanzamento dei lavori previsti in funzione del 2019 e per confrontarsi con tutti i soggetti istituzionali impegnati a livello organizzativo e operativo (Comune di Matera, Regione Basilicata, Provincia di Matera, Fondazione Matera Basilicata 2019, Invitalia, Anas, Ferrovie Appulo Lucane). Il ministro per il Sud sarà a Matera già il 4 luglio, mentre il ministro Bonisoli giungerà nel capoluogo lucano la mattina del 5 luglio.




domenica 1 luglio 2018

Nei musei Acamm 'Le forme del mito' di Joaquín Roca Rey

Dal 5 luglio al 4 novembre 2018, i musei del Sistema ACAMM (Aliano, Castronuovo Sant’Andrea, Moliterno, Montemurro), in contemporanea con il Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese – Roma, ospitano la mostra antologica di Joaquín Roca Rey, Le forme del mito, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con il patrocinio di Embajada del Perú en Italia. La cura della mostra è dello storico dell’arte Giuseppe Appella. Servizi museali di Zètema Progetto Cult

Saranno esposti 40 disegni e 8 sculture datati 1956–2001 che, evidenziando l’indagine formale, tra mito e ritualità, sono riuscite a cogliere il meglio del linguaggio moderno. Dal natio Perù a Roma, le opere di Roca Rey si liberano dell’involucro preincaico di magia e ritualità (assemblage di ferro, forgiato con evidente realismo e poi alluminio, ottone, acciaio, onice, bronzo, marmo, travertino) senza abbandonare il mito ritrovato nelle forme più avanzate della contemporaneità, come a dire la scultura di Chadwick e di Moore, di Hare e di David Smith, la pittura di Magritte e di Lam, rivisitati nell’architettura di Roma, nel suo rigore e nella sua enfasi, con una visionarietà carica di turbamenti, memorie e sogni.

sabato 30 giugno 2018

L'antropologo Canestrini in Basilicata per incontri sugli oggetti di viaggio


POTENZA - Dal 2 al 4 luglio sarà in Basilicata Duccio Canestrini, antropologo del turismo e docente presso l'Università di Pisa. Tra i primi in Italia a occuparsi di turismo responsabile, Canestrini ha pubblicato diversi saggi e ha enucleato il concetto di homo turisticus come chiave di lettura per interpretare i comportamenti umani nei territori dell’alterità, affrontando i nuovi riti della modernità con paradigmi antropologici.

Si tratta di uno dei più autorevoli studiosi delle dinamiche che caratterizzano l’uomo viaggiatore, l’uomo in vacanza a partire dal suo rapporto con l’esotico e con i souvenir.

Canestrini sarà uno degli esperti che contribuiranno alla realizzazione del progetto M.E.M.O.RI. ovvero Museo Euro Mediterraneo dell’Oggetto Rifiutato, un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, coprodotto da La luna al guinzaglio e la Fondazione Matera-Basilicata 2019.

Nei tre giorni di permanenza, Canestrini farà tappa a Matera, il 2 luglio per la Festa della Bruna; il 3 luglio terrà una formazione riservata allo staff del progetto M.E.M.O.RI., mentre il 4 luglio, alle 18.30, al MOON di Potenza, terrà un incontro aperto al pubblico sui souvenir e gli oggetti di viaggio.

Tema di questa tre giorni sarà proprio lo studio e il lavoro sull’universo degli oggetti che sono rappresentativi delle tante culture del Mediterraneo e da cui si partirà per realizzare le installazioni previste dal progetto M.E.M.O.RI..

Nello specifico si lavorerà sulla redazione di un alfabeto di oggetti per l’esplorazione dei luoghi e sulla lettura degli stessi per interpretare le culture che li hanno adottati e li hanno resi simbolicamente rilevanti.

Con Canestrini, dichiara Sara Stolfi, responsabile organizzativa del progetto, compiremo un avanzamento delle conoscenze sul mondo degli oggetti e, per il loro tramite, sulle diverse culture affacciate sulle sponde del Mediterraneo, con una particolare attenzione al modo in cui le culture elaborano oggetti tipici quali i souvenir di viaggio e al modo in cui, invece, a un certo punto le culture escludono e rifiutano gli oggetti stessi. Un viaggio alla scoperta dei luoghi fato per il tramite delle cose.