Visualizzazione post con etichetta Calabria. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Calabria. Mostra tutti i post

domenica 13 ottobre 2019

L’Hydrìa di Cerzeto, viaggio nel mondo femminile tra realtà e mito

LAMEZIA TERME - Il Progetto VIDE – VIaggio Dell’Emozione, ideato dal Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello, e realizzato col sostegno della Regione Calabria, fa tappa al Museo archeologico Lametino con un ricco programma di eventi previsti per le giornate del 15, 22 e 29 ottobre 2019.

Il Progetto ha lo scopo di promuovere e mettere in rete i 16 istituti culturali afferenti al Polo con una mostra virtuale realizzata a Cosenza presso Palazzo Arnone, dove una camera immersiva, sviluppata con moderne tecnologie di animazione grafica computerizzata, permette ai visitatori di intraprendere un viaggio alla scoperta del ricco patrimonio culturale calabrese e delle innumerevoli storie che può raccontare.

Per l’occasione il Museo archeologico Lametino ha scelto di esporre virtualmente l’Hydrìa di Cerzeto, pezzo iconico della collezione. Le scene a carattere erotico-nuziale, riprodotte con una grande esuberanza decorativa sul vaso, alludono alla sfera matrimoniale e alla preparazione per il primo incontro d’amore. Esse rappresentano un’occasione per intraprendere un viaggio nel viaggio, alla scoperta dell’affascinante mondo femminile greco, di cui, in una serie di incontri organizzati al Museo, si intende esplorare i più diversi ambiti: da quelli legati alla vita reale (si pensi alla cosmetichè techne, l’arte di farsi belle attraverso un’attenta scelta di abiti, acconciature, gioielli e l’uso di unguenti dal sensuale profumo, alle attività domestiche di filatura e tessitura appannaggio esclusivo delle donne) a quelli rituali (cerimonie e culti legati ai passaggi di status femminili) e mitici (intriganti figure divine del pantheon terineo legate alla sfera afrodisia e ctonia).

Questo, in dettaglio il programma delle iniziative curate dalla dott.ssa Rosanna Calabrese, funzionario archeologo in forza al Polo museale della Calabria:

15 ottobre 2019
Ore 17.00 – 21.00: Apertura straordinaria pomeridiana del Museo archeologico Lametino (ingresso gratuito)

Ore 17.30: Presentazione del Progetto VIDE – Viaggio dell’Emozione.

L’Hydrìa di Cerzeto. Viaggio nel mondo femminile tra realtà e mito.

Intervengono

Antonella Cucciniello, direttore Polo museale della Calabria

Rosanna Calabrese, funzionario archeologo Polo museale della Calabria

Giovanna De Sensi Sestito, Ordinario di Storia Greca UNICAL

Ore 19.30 – Hydrìa di Cerzeto in scena e visita animata alla Sezione Classica del Museo.

22 ottobre 2019
Ore 17.00 – 21.00: Apertura straordinaria pomeridiana del Museo archeologico Lametino (ingresso gratuito)

Ore 18.00: I Ciclo di incontri intorno all’Hydrìa.

Introduce

Rosanna Calabrese - funzionario archeologo Polo museale della Calabria

Intervengono

Giovanni Vasta – Archeologo: “Il mondo femminile e la cosmetichè techne: il maquillage”.

Francesca Morabito - storica dell’arte: “Il mondo femminile e la cosmetichè techne: l’arte di acconciarsi”.

Felicia Villella - Diagnosta BB CC: “Il mondo femminile e la cosmetichè techne: l’arte di abbigliarsi”.

Samuele Maria Anastasio – Archeologo,: “Il mondo femminile e le attività dell’oikos: la tessitura e la filatura”.

29 ottobre 2019
Ore 17.00 – 21.00: Apertura straordinaria pomeridiana del Museo archeologico Lametino (ingresso gratuito)

Ore 18.00: II Ciclo di incontri intorno all’Hydrìa.

Introduce

Rosanna Calabrese - funzionario archeologo Polo museale della Calabria

Intervengono

Angela Astorino - Conservatore BB AA AA: “Il mondo femminile e la cosmetichè techne: la scelta dei gioielli”.

Daniela Emanuele - Storica dell’arte: “Il mondo femminile e il pantheon terineo”

Angela Bosco – Archeologo: “Il mondo femminile e i rituali di passaggio alla vita di adulta: il matrimonio”

lunedì 9 settembre 2019

Riprendono le attività di manutenzione del parco archeologico di Capo Colonna (Crotone)

CROTONE - A conclusione della stagione estiva riprendono le attività di manutenzione e sistemazione del parco archeologico di Capo Colonna che consentiranno il riassetto della fruibilità del sito. Dopo i lavori che nel corso dell’anno hanno visto via via migliorare le condizioni del museo annesso, le attività del MiBAC si concentreranno ora sull’area archeologica. Mentre è già in corso la revisione dell’impianto di videosorveglianza andato in tilt a causa di un forte temporale estivo, contemporaneamente verrà attivato il cantiere di allestimento della terrazza prospiciente la colonna del tempio di età classica con il contributo del FAI. La postazione permetterà ai visitatori di avvicinarsi più possibile al manufatto garantendone la tutela e senza pregiudizio per la sicurezza delle persone. Altri lavori seguiranno per migliorare la funzionalità dei percorsi.

Tra i siti più affascinanti della Calabria anche per la sua posizione naturalistica e noto soprattutto per l’unica colonna superstite di uno dei principali templi della Magna Grecia, dedicato alla dea Hera Lacinia e risalente al V secolo a.C., il Museo e Parco Archeologico nazionale di Capo Colonna (Crotone), diretto da Gregorio Aversa, afferisce al Polo museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniello.

Il grande valore dell’area, anche a seguito delle importanti tradizioni che lo vogliono frequentato dal filosofo samio Pitagora, sede probabile della Lega Italiota che riuniva tutti i Greci d’Occidente e punto di partenza del condottiero Annibale per il suo ritorno a Cartagine, dopo aver lasciato memoria delle sue gesta su una iscrizione in greco e in punico, pone il Parco Archeologico di Capo Colonna al centro di una rinnovata attenzione che, a partire dalla rimozione della recinzione che impediva la visibilità della colonna, nel lungo periodo permetterà di migliorare la complessa coesistenza tra problematiche ambientali ed esigenze della fruizione e della tutela.

martedì 27 agosto 2019

Locri (RC): intervento di Andrea Chiesi dal titolo Locroi Epizephyroi

LOCRI - Giovedì 29 agosto 2019, alle ore, 12.00, a Locri (Reggio Calabria), presso il Parco archeologico nazionale di Locri, si terranno un atteso intervento di Andrea Chiesi dal titolo Locroi Epizephyroi e la cerimonia di consegna di una sua opera al museo locrese.

Visionario e poetico, Andrea Chiesi dipinge paesaggi contemporanei dai colori freddi e dai tratti veloci. Dedito alla pittura a olio e al disegno, di cui predilige la tecnica dell’inchiostro, sovente Chiesi raccoglie le sue impressioni di viaggio in taccuini, alla pari di un esploratore contemporaneo che durante un Grand Tour fissa in istanti eterni i ricordi.

Per il Museo di Locri, Chiesi ha realizzato un taccuino espanso, un’opera che rispecchia la “responsabilità dell’artista”, ovvero la convinzione che ogni museo, seppur piccolo, sia spazio pubblico, in cui si sedimenta il senso di appartenenza della comunità e al contempo si favorisca la diffusione di valori condivisi.

L’intervento di Andrea Chiesi è documentato da uno dei Contrappunti visivi, ovvero la sezione di audiovisivi di Ceilings per la regia di Giovanni Carpanzano e la fotografia di Demetrio Caracciolo, realizzato da Doc Servizi. È stato realizzato un making of sull’opera specifica e sulla poetica dell’artista, che sarà proiettato durante la giornata.

L’iniziativa è parte integrante del progetto Ceilings. Musei in rete, promosso e organizzato dall’Accademia delle Belle Arti di Catanzaro.

Ceilings cofinanziato per il secondo anno consecutivo dalla Regione Calabria, vanta un accordo di valorizzazione con la Direzione territoriale delle reti museali della Calabria, già Polo museale della Calabria, nonché numerosi partner istituzionali e di settore. Ogni artista è invitato a confrontarsi con il territorio, con lo spazio museale, per realizzare interventi site-specific che si integrino con l’identità del luogo. Tali interventi artistici, lungi dall’essere una sterile operazione decorativa, rappresenteranno - e dovranno rappresentare nel lungo termine - la specificità della “rete dei musei”, per costituire quell’itinerario turistico del contemporaneo, tutto da scoprire, disseminato tra il patrimonio culturale della Regione.

Parteciperanno all’iniziativa: Rossella Agostino, direttore Musei e parco archeologico nazionale di Locri; Giuseppe Carmine Soriero, presidente dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro; Vittorio Politano, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro; Simona Caramia, curatrice del progetto e Anna Sofia, assessore alla cultura del comune di Locri.

I Musei e parco archeologico nazionale di Locri afferiscono alla Direzione territoriale delle reti museali della Calabria, guidata dalla dottoressa Antonella Cucciniello.

mercoledì 14 agosto 2019

A Locri 'Usque ad sidera'


LOCRI - Domenica 18 agosto 2019, alle ore 21.00, a Locri (Reggio Calabria), nel suggestivo scenario del Tempio di Marasà, si terrà, nell’ambito del Festival calabrese dell’astronomia, Usque ad sidera.

L’iniziativa, indetta dai Musei e parco archeologico nazionale di Locri e dall’ArcheoClub di Locri, vedrà coinvolto il Planetario Provinciale Pythagoras Società Astronomica Italiana - Sez. Calabria diretto dalla prof.ssa Angela Misiano, istituto che cura attività formative in materia di astronomia per i ragazzi e che è stato individuato dal Comitato Olimpico Nazionale quale decimo polo interregionale per lo svolgimento delle Olimpiadi Nazionali di Astronomia.

Il Planetario in questa occasione sarà rappresentato dagli esperti Marco Romeo e Nicola Sgambelluri che accompagneranno i visitatori ad una Osservazione astronomica con i telescopi resa ancora più accattivante dal trovarsi tra i resti della colonia magno-greca di Locri ricordando al pubblico l’importanza che per i Greci ebbe la scienza astronomica.

Interverranno, inoltre, all’atteso incontro, Rossella Agostino, Nicola Monteleone e Tiziana Romeo.

I Musei e parco archeologico nazionale di Locri, diretti dalla dottoressa Rossella Agostino, afferiscono al Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello.

mercoledì 7 agosto 2019

A Mileto la mostra Giuseppe Occhiato Arte e scrittura

VIBO VALENTIA - Martedì 13 agosto 2019, alle ore 19.00, a Mileto (Vibo Valentia), presso il Museo Statale di Mileto, verrà inaugurata la mostra Giuseppe Occhiato Arte e scrittura.

Interverranno all’iniziativa: Faustino Nigrelli, direttore del Museo Statale di Mileto; S. E. mons. Luigi Renzo, vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea; Salvatore Fortunato Giordano, sindaco di Mileto; Francesco Gangemi, Proloco di Mileto; Francesco Calzone, Accademia Milesia; mons. Filippo Ramondino, direttore Archivio Storico Diocesano e presidente Accademia Milesia e Giulia Fresca, co-curatore della mostra.

L’esposizione, curata da Mimmo Corrado, Giulia Fresca, Franco Galante e Franco Valente, è dedicata alla figura ed all’opera di Giuseppe Occhiato (Mileto 1934 – Firenze 2010).

Il percorso espositivo è suddiviso in tre sezioni:

- “la storia”, con l’esposizione dei reperti archeologici recuperati e studiati dallo stesso Occhiato e per la prima volta in mostra, il manoscritto restaurato di Uriele Maria Napolione di proprietà dell’Archivio Storico Diocesano e di un Registro abbaziale ed i miracoli di San Fortunato, manoscritto del XVII;

- “la scrittura”, dedicata alla presentazione delle principali opere dell’Autore tra le quali anche lettere e manoscritti nonché revisioni di opere ripubblicate;

- “l’arte” improntata sugli schizzi, sui rilievi ma soprattutto sui dipinti, appartenenti alla collezione di famiglia e a privati che li hanno offerti per l’occasione, realizzati da Giuseppe Occhiato ed in grado di offrire una visione altra del grande studioso.

L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino al 13 ottobre 2019.

Il Museo Statale di Mileto è afferente al Polo museale della Calabria, guidato da gennaio scorso dalla dottoressa Antonella Cucciniello.

martedì 23 luglio 2019

A Crotone 'Timeless – Attualità dell’antico Clay vs Plastic'


CROTONE - Martedì 23 luglio 2019, alle ore 18.30, a Crotone, presso il Museo Archeologico Nazionale di Crotone (via Risorgimento), nell’ambito della rassegna estiva Timeless, attualità dell’antico, il direttore del museo Gregorio Aversa dialogherà con Francesco Scarpino, amministratore unico BluOcean e curatore della mostra fotografica ospitata nel febbraio-marzo scorso a Capo Colonna (in collaborazione col National Geographic).

Nella conversazione di martedì prossimo, dal titolo Clay vs Plastic, saranno messi a confronto argilla e plastica, materiali di vasta applicazione in passato ed oggi, obbligandoci a considerazioni di carattere ambientale, data l’invasività di plastica e microplastiche nella nostra vita.

Il Museo Archeologico Nazionale di Crotone (Crotone), diretto da Gregorio Aversa, è afferente al Polo museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniello.

sabato 20 luglio 2019

A Locri (RC) "La notte delle muse"


LOCRI (RC) - Giovedì 25 luglio 2019, alle ore 21.00, A Locri (Reggio Calabria), presso il Complesso museale Casino Macrì del Parco archeologico nazionale di Locri sarà presentato da Sara De Angelis, direttore del Museo archeologico dell’Agro Falisco-Forte Sangallo, il Sarcofago delle Muse.

Artefice dell’iniziativa Rossella Agostino, direttore dei musei di Locri.

Il manufatto di età romana, sarà esposto da luglio a settembre a Locri nell’ambito di uno scambio tra Polo museale del Lazio, diretto da Edith Gabrielli e il Polo museale della Calabria, diretto da Antonella Cucciniello che ha dato in prestito temporaneo, in occasione della mostra Lessico italiano, volti e storie del nostro paese allestita al Complesso del Vittoriano a Roma, la Statua del Togato, opera marmorea di valenza artistica databile tra fine I sec. a.C.- inizi I sec.d.C.

La scelta di avere in prestito il sarcofago, tra le opere messe a disposizione dal Polo museale del Lazio, è legata alla volontà di ricordare al pubblico che anche nel territorio della Locride, tra le scoperte di età romana, sono stati rinvenuti due sarcofagi in marmo entrambi esposti nel parco archeologico di Locri: il sarcofago da contrada Salettadi Locri, di Caius Octavianus Crescens di II-II secolo d.C. dedicato dalla moglie al marito defunto ed il sarcofago da contrada Salice di Ardore del III secolo d.C. con busto panneggiato maschile centrale e figurina di pastore accosciato alle cui spalle si vede un ariete, opera probabilmente importata da Roma su commissione.

La programmata conversazione è una bella occasione d’incontro tra due realtà archeologiche ricche ed interessanti, espressioni di due diverse civiltà ugualmente affascinanti: i Falisci la cui capitale era Falerii, odierna Civita Castellana, e la cui storia è narrata dal percorso espositivo del museo di Civita Castellana e i Locresi, significativa testimonianza della cultura magno-greca.

venerdì 19 luglio 2019

Cosenza: Serata al fresco Evasione culturale a Palazzo Arnone


COSENZA - Mercoledì 24 luglio 2019, a Cosenza, Palazzo Arnone, dalle ore 21.00 alle ore 24.00, si terrà Serata al fresco - Evasione culturale a Palazzo Arnone, iniziativa di grande fascinazione che approfondirà la storia e le vicende umane e politiche del Cinquecentesco Palazzo dei Prèsidi, comunemente conosciuto come Palazzo Arnone.

Ricco il programma proposto di seguito specificato:

- Proiezioni video ed improvvisazione per sintetizzatori, a cura di Tommaso Muto
- Performance musicali, a cura del Conservatorio di musica “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza
- Esposizione fotografica, Tracce di storia di un antico palazzo
- Esibizione di danza di Mariaceleste Basile
- Percorso guidato: Alla scoperta del passato di Palazzo Arnone
- Intervento di Fulvio Terzi, Il Palazzo dei Prèsidi: da presidio di giustizia a presidio di cultura
- Proiezione cortometraggio, Il canto dei patrioti, di Giovanni Sole

Palazzo Arnone è Sede del Polo museale della Calabria, diretto dalla dottoressa Antonella Cucciniello, e della Galleria Nazionale di Cosenza, il cui referente è lo storico dell’arte Faustino Nigrelli.

lunedì 15 luglio 2019

Ha trovato casa Giulia, la cagnolina salvata dalla Leidaa


COSENZA - Quando l’hanno recuperata i volontari della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, sezione di Cosenza, era una cagnolina senza nome, con gravi ustioni al collo e alle zampe e un occhio perduto, a causa della sostanza corrosiva che individui senza scrupoli le avevano gettato addosso. Oggi si chiama Giulia. Non solo è quasi del tutto guarita, ma ha trovato anche una nuova famiglia con cui trascorrere il resto della vita. Ieri sera alle 18, infatti, Giulia è arrivata a Linate, accompagnata dal tesoriere della LEIDAA Milano Riccardo Sculco, su un aereo in arrivo da Lamezia Terme. Ad attenderla la sua nuova “mamma”: Simona Partisani, insieme con il marito e le loro tre figlie.

“Quando abbiamo trovato Giulia – ricorda Gisella Grande, presidente della sezione LEIDAA di Cosenza – lo scorso 11 maggio nelle campagne di Santa Caterina Albanese, ci siamo trovati di fronte a un esserino in condizioni drammatiche, con il corpo completamente coperto da ustioni di terzo grado. Portata d’urgenza in una clinica del capoluogo, è passata attraverso a un lungo percorso di cure che l'ha portata a curare le proprie ferite e alle rimozione dell'occhio sinistro: oggi il suo pelo sta ricrescendo quasi normale e la sua salute sta migliorando giorno dopo giorno. Ma la cosa incredibile è la gioia di vivere che ti dimostra: nonostante il dolore che ha passato, è dolce, si fida dell'uomo ed è grata per qualsiasi piccolo gesto fai per lei. Sono tredici chili di pura bontà. Oltre a Simona e alla sua famiglia, che hanno fatto una fantastica adozione del cuore, voglio ringraziare la nostra LEIDAA nazionale che ci è stata vicina e ha sostenuto i costi delle cure di Giulia. In mezzo a tanta gioia resta l'amaro in bocca, perché, nonostante la mia denuncia contro ignoti e le indagini delle forze dell'ordine, non sono ancora stati individuati i responsabili”.

Ad effettuare il preaffido è stata la presidente della sezione della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente di Milano, Daniela Lazzaroni. “Quando Simona si è messa in contatto con noi dopo aver letto l'annuncio di adozione del cuore di Gisella – dice – è stata per tutti una grande emozione. Sono stata molto felice di recarmi a casa loro e di conoscere la loro stupenda famiglia. Sono certa che Giulia si ambienterà prestissimo e vivrà benissimo”. Ieri Simona è riuscita a stento a trattenere le lacrime: “Quando sono venuta a conoscenza di Giulia grazie al link giratomi da un'amica ci siamo letteralmente innamorati e prenderla in braccio, ieri sera, è stata un'emozione incontenibile. Sono certo starà benissimo con noi, con le nostre figlie e con gli altri nostri due 'bimbi' pelosi, entrambi con un passato da randagi, uno adottato in Sardegna e l'altro nel Salento”.

“Quella di Giulia – conclude l'on. Michela Vittoria Brambilla, presidente nazionale della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente - è una delle tante storie di malvagità in cui la nostra associazione si imbatte quasi ogni giorno. Purtroppo, nonostante l'impegno dei volontari, che non lesinano il proprio tempo, le proprie energie e anzi dedicano l'intera vita alla difesa degli animali, non tutte le storie hanno lo stesso lieto fine. Ecco perché, in parlamento, conduco da anni una battaglia perché siano inasprite le pene per chi maltratta e uccide gli animali: chi si macchia di questi reati deve andare in galera, senza scappatoie. Inoltre, con LEIDAA, siamo impegnati in un'opera di sensibilizzazione delle istituzioni pubbliche sul tema del randagismo che – purtroppo – in Italia è ancora oggi endemico, con milioni fra cani e gatti costretti a vivere nelle strade delle nostre città, flagellati da fame e intemperie. Il randagismo è una vergogna che genera sempre nuovi e più gravi abusi: siamo determinati a combatterlo fino in fondo. Per fare veri progressi contro quest’orribile piaga occorre sensibilizzare i proprietari, “inchiodare” alle proprie responsabilità i soggetti indicati dalla legge 281, Comuni e Aziende sanitarie, e coinvolgere, in uno spirito di leale collaborazione, le associazioni e i volontari che generosamente si spendono per tutelare gli animali. Il randagismo è un problema di tutta la società e tutti devono farsene carico. Solo così c’è speranza che le cose cambino".

domenica 14 luglio 2019

La Fortezza di “Le Castella” di Isola Capo Rizzuto apre i battenti


Lunedì 15 luglio 2019, al via le operazioni preliminari per la riapertura al pubblico della fortezza “Le Castella”, uno dei luoghi più suggestivi e più visitati della Calabria, complesso monumentale di Isola Capo Rizzuto in provincia di Crotone e sito culturale del Polo museale della Calabria del Ministero per i beni e le attività culturali.

L’isolotto su cui sorge la fortezza di “Le Castella” si trova nell’estremità orientale del golfo di Squillace, in un contesto ambientale di rilevante pregio naturalistico dell’Area Marina Protetta di Capo Rizzuto. Collegato alla costa da un sottile lembo di terra, realizza una suggestiva simbiosi scenografica tra architettura costruita e architettura naturale.

Il nucleo originario risale all’età angioina, a cui sarebbe riconducibile la massiccia torre cilindrica, che oggi si presenta nella sua definizione cinquecentesca dominando il complesso fortilizio con la sua imponenza. L’impianto del XIII secolo, costruito a difesa del golfo di Capo Rizzuto, rientra nel sistema di fortificazioni voluto dagli angioini. Verso la fine del XV secolo la fortezza passa in mano aragonese. All’interno della fortezza caratteristici sono i resti di un agglomerato urbano, una sorta di piccolo villaggio con botteghe e i ruderi di una chiesetta, denominata Cappella del Borgo, costruita in età aragonese.

La riapertura, con personale del Polo museale della Calabria, è stata possibile grazie alla fattiva collaborazione tra Segretariato regionale MiBAC, Polo museale MiBAC, Agenzia del Demanio, Guardia Costiera, Riserva Marina e Commissione Straordinaria del Comune di Isola, con il decisivo impulso e coordinamento del Prefetto di Crotone S.E. Ferdinando Guida.

In data 12 giugno era stato sottoscritto un accordo di valorizzazione tra Polo museale e Commissione Straordinaria presieduta dal Prefetto Domenico Mannino.

A seguito di un avviso, pubblicato dal Segretariato regionale del Ministero è stata selezionata un’associazione senza scopo di lucro, per lo svolgimento di attività di accoglienza al pubblico e la gestione di attività educative e di promozione.

A verifiche positive effettuate, sarà stipulato il relativo contratto di concessione dei servizi aggiuntivi finalizzati alla massima valorizzazione del monumento.

La Direzione della Fortezza è stata affidata all’architetto Rossana Baccari, la vice-direzione al dottor Gregorio Aversa.

La Fortezza sarà visitabile gratuitamente dal 16 luglio al 15 ottobre (chiusa il lunedì) dalle ore 10 alle ore 20 con ultimo ingresso alle 19.30.

Ne danno congiuntamente informazione Antonella Cucciniello, direttore del Polo museale della Calabria e Salvatore Patamia, segretario regionale MiBAC per la Calabria.

sabato 13 luglio 2019

A Mileto (VV) la mostra fotografica di Scordamaglia "Uno scatto per volare"


VIBO VALENTIA - Martedì 16 luglio 2019, alle ore 17.00, a Mileto (Vibo Valentia), nel Museo Statale di Mileto, verrà inaugurata la mostra fotografica di Nicola Scordamaglia dal titolo Uno scatto per volare che ha come obiettivo la valorizzazione e la promozione del nostro territorio, delle eccellenze dei prodotti, delle imprese turistiche e gastronomiche.

Interverranno all’iniziativa:

Faustino Nigrelli, direttore del Museo Statale di Mileto
Pippo Prestia, poeta
Salvatore Fortunato Giordano, sindaco di Mileto

Il Museo Statale di Mileto espone un cospicuo e rilevante patrimonio di opere d’arte, che abbraccia un arco temporale compreso fra l’età tardo imperiale e l’Ottocento. La raccolta, ordinata in diverse sale espositive disposte su due piani, è divisa in sezioni a loro volta organizzate secondo una sequenza cronologica.

Il Museo Statale di Mileto, diretto da Faustino Nigrelli è afferente al Polo museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniello.

La mostra fotografica sarà visitabile dal 16 al 31 luglio 2019 da martedì a domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.30

mercoledì 3 luglio 2019

A Cassano all’Ionio (CS) "Notte di Note Tra musica e storia"


COSENZA - Domenica 7 luglio 2019, alle ore 21.00, il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, in collaborazione con il gruppo musicale “Black & White Gospel Choir” di Cassano all’Ionio (Cosenza), propone l’iniziativa Notte di Note Tra musica e storia, un atteso concerto di musica gospel.

“Black & White Gospel Choir”, diretto dal M° Maria Risolè, è composto da voci femminili.

L’iniziativa ha la finalità di favorire la valorizzazione e la fruizione del Museo: luogo privilegiato di educazione all’arte e alla storia; luogo di incontro fra diverse culture e generazioni.

Il concerto sarà un’occasione preziosa per ascoltare musica e visitare il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide con ingresso gratuito, previsto nelle “Giornate gratuite nei Musei - Anno 2019”.
Il concerto sarà gratuito e si terrà dalle 21.00 alle 23.00.

Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, diretto da Adele Bonofiglio, è afferente al Polo museale della Calabria, guidato a Antonella Cucciniello.

sabato 29 giugno 2019

A Locri (RC) incontro sul tema 'Tra la Cina e la Locride'


LOCRI (RC) - Lunedì 1 luglio 2019, alle ore 18.00, a Locri (Reggio Calabria), presso il Museo Archeologico Nazionale di Palazzo Nieddu del Rio, si terrà un interessante incontro sul tema Tra la Cina e la Locride - Nuove frontiere turistiche negli scambi culturali.

L’iniziativa è organizzata dai Musei e Parco Archeologico Nazionale di Locri in sinergia con l’associazione HistoriCal per sensibilizzare il territorio a nuove collaborazioni finalizzate a far conoscere il patrimonio storico archeologico della Locride oltreoceano ed in mercati oggi molto importanti. Un impegno che vede i Musei e parco archeologico di Locri presenti e pronti a collaborare con operatori turistico-culturali e associazioni di categoria a 360°.

Interverranno all’incontro locrese: Antonella Cucciniello, direttore Polo museale della Calabria; Rossella Agostino, direttore Musei e Parco Archeologico Nazionale di Locri; Attilio Varacalli, presidente associazione HistoriCal; Giovanni Calabrese, sindaco di Locri; Nicola Irto, presidente consiglio regionale della Calabria; Cosimo Pellegrino, presidente A.L.B.; Francesco Belligerante, referente per la Cina – associazione HistoriCal; Domenico Creazzo, vicepresidente Parco Nazionale d’Aspromonte; Gianluca Colaci, Confartigianato e Mario Diano, presidente albergatori della Locride.

I Musei e il Parco Archeologico Nazionale di Locri sono afferenti al Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello.

lunedì 24 giugno 2019

50° riconoscimento per Massimiliano Lepera


CATANZARO - Festeggia oggi il suo 50° riconoscimento poetico-letterario Massimiliano Lepera, docente di latino e greco, proprio in concomitanza con i 7 anni di attività ufficiale sul territorio regionale e nazionale. La segnalazione speciale della Giuria gli è stata infatti consegnata in occasione della Cerimonia del Premio Nazionale Terra di Virgilio di Mantova, nel quale l’autore catanzarese si è fatto avanti con la triade di liriche “La felicità”, “La notte dell’abisso” e “Limbo”, già segnalate in altri concorsi.

Lepera, che ha percorso in lungo e in largo sia la propria regione che l’intera penisola, affacciandosi talvolta anche fuori dai confini nazionali (persino con tre riconoscimenti provenienti da Francia, Gran Bretagna e India), ha infatti all’attivo, oltre ai numerosi premi, ben 32 pubblicazioni che spaziano dai romanzi ai saggi, dalle poesie agli aforismi, dai racconti alle antologie poetiche, nonché a collaborazioni prestigiose, quali quella recentissima con il colonnello Giovanni Rossitto (già comandante del Comando Militare Esercito Calabria presso la Caserma Pepe-Bettoja di Catanzaro), dal titolo “Il Convento dei Cappuccini di Catanzaro” (giugno 2019).

“È veramente un grande onore per me ricevere questi riconoscimenti”, afferma l’autore, “in particolare da fuori regione, perché dimostrano maggiormente come l’apprezzamento per la mia attività non sia limitato alla mia città e alla Calabria. Questa è una grande autostima per proseguire nell’attività, cercando comunque sempre di migliorarmi”. D’altra parte, questa non è l’unica circostanza, in quanto Lepera ha già presentato i suoi libri in diverse regioni d’Italia, quali Toscana, Lazio, Basilicata e Sicilia, ottenendo numerosi e positivi consensi, partecipando a importanti rassegne e festival e ricevendo una critica favorevole per le sue pubblicazioni anche da testate e piattaforme prestigiose quali La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, Wikipedia e Rai 3.

Ma non finisce qui, perché lo attendono prossimamente diverse altre esperienze nell’intera penisola, sempre consapevole che con umiltà, passione e dedizione si può andare avanti, nella speranza di diffondere e condividere sani valori e onesti principi.

mercoledì 12 giugno 2019

Giornate dell’archeologia 2019 al Polo museale della Calabria

Antonella Cucciniello, direttore del Polo museale della Calabria

REGGIO CALABRIA - Il Polo museale della Calabria, diretto da Antonella Cucciniello, celebrerà, dal 14 al 16 giugno 2019, nei luoghi della cultura statali di propria competenza di seguito riportati le Giornate dell’archeologia con mostre, visite guidate e attività didattiche.

Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”di Vibo Valentia – (Vibo Valentia)

Direttore: Adele Bonofiglio

mail: pm-cal.capialbi@beniculturali.it

Dal 14 al 16 giugno 2019 il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia (Vibo Valentia) celebrerà le Giornate dell’archeologia 2019 con iniziative di forte connotazione educativa.

Questi in dettaglio il programma previsto:

Workshop
Caccia al tesoro. Cerca all’interno del museo gli indizi nascosti e ricomponi il puzzle di Persefone.

Spettacolo

A teatro con gli antichi greci. Il dramma è un’eredità importante del passato; assistiamo alla rappresentazione teatrale del mito di Persefone.

Visita guidata
Conosci la tua storia accompagnato dagli antichi dei. Delle guide speciali vi accompagneranno nelle sale del museo

Workshop

Disegna il mito Bambini, impugnate matite e pennelli e disegnate insieme a noi il mito di Persefone, i migliori disegni saranno premiati nel contest di Vibo Comics che si terrà il 15 e 16 giugno presso Palazzo Gagliardi.

Workshop
#archeovv photo contest Fotografa i reperti del museo ed usa il nostro hashtag #archeovv , chi otterrà più like?

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Museo Archeologico Nazionale di Crotone (Crotone)

Direttore: Gregorio Aversa

mail: pm-cal.crotone@beniculturali.it

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone)

Direttore: Gregorio Aversa

mail: pm-cal.capocolonna@beniculturali.it
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Venerdì 14 giugno, ore 18:00

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI CAPO COLONNA

Presentazione del libro “L’olio d’oliva tra storia, archeologia e scienza”
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Sabato 15 giugno, ore 10:30

MUSEO E PARCO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI CAPO COLONNA

Staffetta archeologica e passeggiata didattica per bambini
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Sabato 15 giugno, ore 17:30

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI CROTONE

Laboratorio di stratigrafia e classificazione dei reperti ceramici, per ragazzi e adulti
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Domenica 16 giugno, ore 18:00

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI CROTONE

Conferenza di presentazione e apertura del contest fotografico:

“Le storie del Lacinio”
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Sibari – Cassano all’Ionio (Cosenza)

Direttore: Adele Bonofiglio

mail: pm-cal.sibaritide@beniculturali.it

venerdì 14 giugno 2019 dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30

Parco Archeologico di Sibari (Parco del Cavallo)

Programma:

“Archeologo per un giorno”:

- proiezione di un video animato sul significato di archeologia e sul lavoro dell’archeologo;

- simulazione di scavo;

- laboratorio di ceramica;

- laboratorio “leggiamo gli ostraka”;

- gioco: “riconosci i paramenti murari”;

- visita guidata dell’area archeologica;

- Contest ArcheoSelfie (scatta un selfie della giornata e pubblicalo!).

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Musei e Parco Archeologico Nazionale di Locri - Locri (Reggio Calabria)

Direttore: Rossella Agostino

mail: pm-cal.locri@beniculturali.it

Sono previste manifestazioni per la valorizzazione e la promozione del Parco Archeologico e dei Musei (Museo del Periodo Greco; Museo del Periodo Romano e Museo del Territorio) ricadenti in questo straordinario lembo di Calabria.

Segnaliamo, infatti, un’accattivante visita guidata (“Tra Miti, Immagini e Archeologia”) e una particolarissima passeggiata dove saranno esposte sagome di vasi greci; interessante spunto per racconti di “miti e leggende”. Entrambe le iniziative si terranno nel Parco Archeologico.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Scolacium – Roccelletta di Borgia (Catanzaro)

Referente: Elisa Nisticò

mail: pm-cal.scolacium@beniculturali.it

Dal 14 al 16 giugno 2019 il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Scolacium celebrerà le Giornate dell’archeologia 2019 con iniziative di forte connotazione educativa ma non solo. Teatro, musica, arte contemporanea arricchiranno l’offerta che il Museo propone gratuitamente.

Questi in dettaglio il programma previsto:

Archeology for Kids: puzzle, attività ludiche e didattiche, laboratori di archeologia sperimentale, caccia al tesoro, queste e tante altre attività per divertirsi e imparare.

Workshop di arte contemporanea, disegno delle statue dal vivo, photocontest, conferenze.

Visite guidate nel parco, nel museo e nei depositi per scoprire le ricchezze di Scolacium.

Spettacoli dal vivo: coro polifonico e rappresentazione teatrale.

Attività didattiche ed educative: laboratorio di ceramica e tessitura, educazione ambientale, laboratorio di antropologia.

Per informazioni e prenotazioni consultare le pagine ufficiali Facebook e Instagram e telefonare al Museo (0961391356) o scrivere a pm-cal.scolacium@beniculturali.it

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Museo Statale di Mileto – Mileto (Vibo Valentia)

Direttore: Faustino Nigrelli

mail: pm-cal.mileto@beniculturali.it

Venerdì 14 giugno 2019 – Ore 18.15

Convegno e mostra “In cammino con la storia” – Dall’archeologia agli archivi cartacei

L’esposizione sarà visitabile dal 14 al 30 giugno 2019 da martedì a domenica dalle ore 9.30 alle ore 19.00

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” – Bova Marina (Reggio Calabria)

Direttore: Orsola Laura Delfino

mail: pm-cal.archeoderi@beniculturali.it

Venerdì 14 giugno 2019, alle ore 16.00, saranno presentati al pubblico i nuovi sistemi tecnologici installati al Museo.

All’evento parteciperanno: Rossella Agostino, direttore Musei e Parco Archeologico Nazionale di Locri, Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace e Museo Archeologico di Metauros – Gioia Tauro; Laura Delfino, direttore Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” di Bova Marina; rappresentanti dell’amministrazione comunale di Bova Marina; Giuseppe Musicò, coordinatore operativo della digi.Art servizi digitali per l’Arte e Francesco Barilla, presidente della FAND (Federazione tra le associazioni nazionali delle persone con disabilità).

Sarà, inoltre, allestita la mostra “Come eravamo: in immagini e versi”. L’esposizione presenta una selezione dei ritratti fotografici di Nicola Delfino, veterinario per mestiere ma appassionato fotografo della realtà che lo circondava e pittore originale. La macchina fotografica appesa alla spalla era la sua compagna inseparabile. Così ha raccolto centinaia di fotografie, che non solo sono documenti di un’Italia che è cambiata enormemente negli ultimi 70 anni, ma raccontano anche la sua vita: dalla seconda guerra mondiale, che ha combattuto in Russia, alla sua breve permanenza ad Africo Vecchio, nel cuore dell'Aspromonte, nel 1951, al periodo in cui è stato veterinario a san Luca, negli anni dal 1953 al 1957, poi nel 1961 il suo soggiorno in Tanzania, e infine Gerace che è diventata la sua vera e definitiva casa.

Alle fotografie sono stati affiancati dei versi classici che sembrano gettare una luce particolare sui soggetti rappresentati.

sabato 8 giugno 2019

Locri (RC): ristrutturato il Museo Nazionale Archeologico di Locri Epizefiri


LOCRI (RC) - Lunedì 10 giugno 2019, alle ore 12.00, a Locri (Reggio Calabria), presso il Museo Archeologico Nazionale di Palazzo Nieddu del Rio, si terrà la consegna dei lavori di ristrutturazione del Museo Nazionale Archeologico di Locri Epizefiri. L’intervento è finanziato con risorse del Programma Nazionale Operativo (PON) “Cultura e Sviluppo” e si pone in continuità con gli interventi finanziati con le precedenti fasi di programmazione delle risorse aggiuntive di fonte comunitaria che hanno permesso di migliorare la fruibilità del parco archeologico, di recuperare Palazzo Nieddu del Rio per destinarlo in parte a Museo del Territorio.

Ed è proprio in questo edificio monumentale, grazie alla disponibilità del Comune di Locri, che verrà temporaneamente trasferita una significativa parte dell’allestimento espositivo dell’edificio museale interessato dai lavori di miglioramento strutturale, impiantistico, della qualità energetica.

La progettazione dell’intervento ha offerto l’opportunità di incrementare la superficie destinata all’esposizione attraverso il tamponamento del portico sul fronte principale e di ripensare in chiave innovativa l’allestimento espositivo.

La durata prevista per il completamento dei lavori è di circa 12 mesi.

La direzione del Museo è impegnata a limitare al minimo i disagi temporanei all’utenza che questa importante operazione culturale potrà comportare.​

Illustreranno i dettagli di questa importante iniziativa Rossella Agostino, direttore Musei e Parco Archeologico Nazionale di Locri; Salvatore Patamia, segretario regionale MiBAC per la Calabria; l’architetto Giuseppina Vitetta in qualità di D. L. e Giovanni Calabrese, sindaco di Locri.

I Musei e il Parco Archeologico Nazionale di Locri sono afferenti al Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello.

giovedì 30 maggio 2019

A Locri (RC) 'Camminata di benessere ... nella storia'


LOCRI - Venerdì 31 maggio 2019, alle ore 17.00, nell’ambito di MOVE WEEK 2019, si terrà nel Parco Archeologico Nazionale di Locri CAMMINATA DI BENESSERE… NELLA STORIA - 3ª edizione Move Week Locride che mira ad associare la salute alla cultura del territorio.

Infatti hanno organizzato questa lodevole iniziativa l’Asp di Reggio Calabria con il servizio di “Promozione della salute” e la città di Locri.

Rossella Agostino, direttore dei Musei e Parco Archeologico Nazionale di Locri e Lauro Delfino, direttore Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” – Bova Marina, illustreranno la storia del parco archeologico mentre Fausto Certomà, istruttore, darà vita ad alcuni momenti dedicati alla ginnastica.

Il Parco Archeologico di Locri Epizefiri – come anticipa la dottoressa Agostino - offre al visitatore uno scorcio della vita pubblica, privata e religiosa del centro di Locri in età greca e romana ed ospita due Musei. Il Museo nazionale inaugurato nel 1971 dedicato alla vita del centro coloniale magno-greco e la Sezione museale all’interno del Complesso di Casino Macrì di più recente allestimento dedicata alle testimonianze riconducibili ad età romana imperiale e tardo-antica di Locri e dal territorio. Completa il percorso, il teatro di età greca con trasformazioni in età romana. Rivolto ai visitatori più giovani il “ Museo dei ragazzi “, un percorso dedicato che racconta con apposita pannellistica e giochi la vita a Locri.

Il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri è afferente al Polo Museale della Calabria diretto dalla dottoressa Antonella Cucciniello.

sabato 27 aprile 2019

Presentato a Catanzaro il volume "L'arte e il paesaggio - Le belle contrade"


CATANZARO - E’ stato presentato a Catanzaro, presso la sala consiliare “Aldo Ferrara” del Palazzo della Provincia di Catanzaro, alla presenza di relatori di elevato spessore e di un qualificato uditorio, L’ARTE E IL PAESAGGIO - Le belle contrade (Rubbettino Editore), volume di Giorgio Ceraudo che ripercorre la sua attività svolta nelle funzioni di Soprintendente per i Beni Culturali della Calabria.

Sono intervenuti all’assise catanzarese, moderata dallo scrivente, Ivan Cardamone, vicesindaco e assessore comunale alla cultura; Teresa Gualtieri, presidente nazionale federazione Club per l’Unesco; Francesco Cuteri, archeologo; Rosanna Caputo, storico d’arte e l’autore del volume che ha concluso i lavori.

Giorgio Ceraudo, architetto, già Soprintendente per i Beni Culturali della Calabria, ha evidenziato nel suo intervento le tante iniziative riportate nel testo riguardanti la città di Catanzaro e la sua provincia. In particolare si è soffermato su due straordinari eventi espositivi ( “Andrea Cefaly e la scuola di Cortale” e la mostra internazionale “Mattia Preti il Cavaliere Calabrese”) e sul suo impegno in favore del Complesso monumentale del San Giovanni, di Palazzo Fazzari, di Palazzo Alemanni, del restauro e della valorizzazione del Parco Archeologico e Museale della Roccelletta di Borgia e di altri Beni Culturali del catanzarese.

lunedì 8 aprile 2019

Cosenza: conferenza di Scuole Cambridge International


COSENZA - Si svolgerà dal 8 al 10 aprile p.v. presso il Liceo Classico 'Telesio' di Cosenza la VI Conferenza della Rete Nazionale di Scuole Cambridge International. Saranno presenti ospiti da ogni parte d'Italia, anche dalla basilicata

Il titolo della manifestazione per quest’anno è ‘Cambridge and the Global Perspectives’ ed oltre a discutere di prospettive globali, sono in programma tanti aggiornamenti e workshops sui Cambridge programmes. L'evento è patrocinato dall'Ufficio Scolastico Regionale della Calabria, dalla Provincia e dal Comune di Cosenza e dalla Regione Calabria.

Il dirigente scolastico del Liceo Classico 'Telesio' di Cosenza, ing. Antonio Iaconianni, ha dichiarato: «Siamo pronti ad accogliere nel migliore dei modi, anzitutto, a Cosenza, nella nostra bella terra di Calabria e nel nostro Liceo, un Liceo che ha quasi 160 anni di storia i rappresentanti di più di 100 scuole del Paese. La presenza di ospiti da ogni parte d'Italia ed anche dalla basilicata, farà in questi giorni del nostro territorio e della nostra scuola un importante Polo Culturale a livello nazionale ed internazionale. Come ho avuto modo di scrivere nella lettera di invito alla manifestazione, mi preme sottolineare che è per me un immenso piacere ospitare quest'anno la Conferenza della Rete Nazionale di Scuole Cambridge International. Con questa prestigiosa manifestazione - ha continuato Iaconianni - il nostro territorio si apre alla modernità dell'istruzione basata sullo scambio e sul valore dell'insegnamento delle lingue in maniera nuova e realmente formativa per i nostri giovani. Questa importante Conferenza vuole offrire un panorama sintetico di alcuni dei principali aspetti legati all'adesione delle istituzioni scolastiche alla rete Cambridge, in particolare nella glottodidattica e si offrirà un percorso utile, a dirigenti ed a docenti, ma anche a tutti coloro che si avvicinano per la prima volta al mondo della rete Cambridge. Siamo consapevoli - ha concluso Iaconianni - che il tema dei nostri lavori, data la sua complessità e la sua attualità, avrebbe richiesto una trattazione forse di qualche giorno in più, ma certamente saranno giornate intense dove lo scambio con ospiti di ogni parte d'Italia aiuterà a ben cogliere le prospettive future per l'insegnamento delle lingue straniere. In questi giorni faremo tesoro dell’esperienza di docenti di tante scuole italiane cercando di aprirci definitivamente, come operatori della scuola, alla modernità. Siamo convinti nell'ospitare questa manifestazione che l’acquisizione di una lingua avviene soprattutto attraverso i naturali scambi internazionali fra le persone ed attraverso strategie didattiche adeguate, meno attraverso lo studio sistematico, cercando di curare anzitutto l’aspetto relazionale come prima condizione per l’apprendimento linguistico. A tutti voi ed ai nostri graditi ospiti auguro buon lavoro ed un felice soggiorno a Cosenza!».

venerdì 15 marzo 2019

A Locri (Reggio Calabria) "Il rilievo archeologico del teatro di Locri Epizefiri"

REGGIO CALABRIA - Venerdì 22 marzo 2019, alle ore 17.30, presso la Biblioteca comunale di Palazzo Teotino Nieddu del Rio in Locri (Reggio Calabria) – sede anche del Museo del territorio, diretto da Rossella Agostino, afferente al Polo museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniello - si terrà la conversazione "Il rilievo archeologico del teatro di Locri Epizefiri: strumento di conoscenza, conservazione e valorizzazione del manufatto antico".

La conversazione dagli archeologi Francesca Pizzi e Giovanni Speranza inaugurerà il Ciclo di conversazioni dedicato alle novità che i Musei e il parco archeologico nazionale di Locri racconteranno al pubblico nel corso del 2019.

Infatti, come dichiarato dalla direttrice dei Musei e parco archeologico nazionale di Locri, è importante che si illustrino sul territorio le recenti attività dello stesso Istituto che hanno dato significativi risultati sia dal punto di vista della conoscenza scientifica che quello di una sempre più ampia divulgazione del patrimonio mobile ed immobile del comprensorio territoriale della Locride afferente al Polo museale della Calabria.

In particolare, la conversazione del 22 marzo prossimo sarà dedicata al Teatro greco ricadente nel Parco archeologico di Locri, oggetto nel 2017/2018 a cura del Polo museale della Calabria di interventi di messa in sicurezza e di un dettagliato rilievo archeologico georeferenziato mai effettuato fino ad oggi.

Ai risultati raggiunti che permettono interessanti riflessioni sulla cronologia e sulla realtà architettonica dello stesso manufatto, sarà a breve dedicata una pubblicazione sponsorizzata dall’editore Laruffa di Reggio Calabria, responsabile dei servizi aggiuntivi del sito.

All’incontro introdotto dal direttore del sito Rossella Agostino, parteciperanno il sindaco di Locri Giovanni Calabrese e l’assessore alla cultura Anna Sofia con i quali si è attivata una sinergia importante per una maggiore conoscenza e valorizzazione del patrimonio archeologico del territorio. Sarà presente anche il sindaco di Portigliola Rocco Luglio nel cui comune ricade il teatro greco e che si è attivamente adoperato con la programmazione di validi spettacoli durante la stagione estiva nell’ottica di una sinergica attività di conoscenza del bene culturale.