mercoledì 20 febbraio 2019

Cassazione: insulto è omofobo anche se ha carattere scherzoso


ROMA - La Cassazione sollecita un maxi risarcimento per le vittime di omofobia. Lo ha fatto con l’ordinanza 4815/19, pubblicata oggi dalla sezione lavoro che boccia il ricorso del legale rappresentante condannato in secondo grado a risarcire un dirigente per condotte vessatore ai suoi danni, cioè perché preso di mira perché gay. Non c’era nulla di scherzoso nella condotta del legale rappresentante per la Corte territoriale anzi l’atteggiamento rivelava una grave mancanza di rispetto e di lesione della personalità morale del lavoratore. Il ragionamento del giudice di appello non fa una piega ad avviso del Palazzaccio che conferma il risarcimento.

La Corte d’appello ha riprodotto le allegazioni contenute nel ricorso introduttivo di primo grado e «ha dato atto di come gli specifici episodi descritti non fossero stati dimostrati ma come, invece, fosse stata comprovata la protratta condotta offensiva di parte datoriale, pure allegata dal lavoratore, e relativa alla presunta omosessualità del lavoratore, sistematicamente apostrofato col termine finocchio». Sbaglia la società a criticare la sentenza impugnata per non aver colto «il carattere scherzoso degli epiteti con cui il legale rappresentante era solito apostrofare il dipendente, in presenza degli altri colleghi e in un clima cameratesco».

La Corte di merito, infatti, ha rilevato il danno non patrimoniale subito dal lavoratore dagli elementi probatori raccolti sul contenuto delle offese, «sulla reiterazione, sulle modalità e contesti in cui le stesse venivano arrecate, sulla difficoltà di reazione per essere il destinatario lavoratore subordinato; ha ritenuto che le offese, ripetute nel tempo, avessero arrecato, tra l’altro, concreto e grave pregiudizio alla dignità del lavoratore nel luogo di lavoro, al suo onore e alla sua reputazione, per il fatto che gli epiteti spregiativi erano ripetuti alla presenza dei colleghi e in situazioni nelle quali il destinatario non era in condizioni di reagire». E, art. 2 della Costituzione alla mano, la Suprema Corte, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha ricordato "il diritto costituzionalmente tutelato alla libera espressione della propria identità sessuale quale essenziale forma di realizzazione della propria personalità".

Basilicata: Carmen Lasorella si ritira dalla corsa alle Elezioni Regionali


Un video su Facebook per ritirare la sua candidatura alla Presidenza della Regione Basilicata, così Carmen Lasorella dice addio al percorso che aveva iniziato la scorsa estate con il movimento civico "Luci" (Lucani insieme). La popolare giornalista, ha annunciato di aver rinunciato ad un'eventuale sua candidatura, affermando che: "Luci si ferma qui, per manifesta inagibilità del percorso: ha prevalso l'inciucio".

Serie D, il Picerno vince, il Francavilla in Sinni perde, il Rotonda pareggia


di Francesco Loiacono - Giornata positiva a metà la settima di ritorno per le squadre lucane di serie D. Nel girone H il Picerno ha vinto 2-0 a Nardò. Nel primo tempo i lucani insidiosi. Una botta di destro di Kosovan su punizione ha sfiorato il palo. Santaniello è stato anticipato in uscita all’ultimo momento dal portiere Mirarco. Un sinistro di Kosovan è terminato alto. I pugliesi propositivi. Una conclusione di Arario su calcio piazzato è stata respinta con le mani dal portiere Coletta. Nel secondo tempo il Nardò arrembante. Una veloce azione di Mingiano ha visto il salvataggio con un piede del difensore Ligorio. Un tiro di Mingiano non ha inquadrato la porta. Il Picerno in contropiede. Una conclusione di Vanacore è stata salvata sulla linea dal difensore Aquaro. I lucani sono passati in vantaggio con Caiazza di destro. I pugliesi hanno aumentato i ritmi di gioco. Una rovesciata di Scipioni ha trovato pronto Coletta a parare. Il Picerno ha raddoppiato con Santaniello, tiro rasoterra. Il Picerno è primo in classifica da solo con 56 punti. Il Francavilla in Sinni ha perso 4-2 fuori casa col Gelbison. Nel primo tempo i lucani in gol con Leonetti di destro. I campani hanno pareggiato con Merkaj di sinistro. Nella ripresa il Gelbison di nuovo in gol con Merkaj, tiro rasoterra su cross di Cammarota. Ha realizzato la terza rete ancora con Merkaj, tocco al volo. I sinnici hanno segnato il secondo gol con Pagano su rigore dato per un fallo con le mani di Esposito. Il Gelbison è andato a segno per la quarta volta con Cammarota di sinistro. Il Francavilla in Sinni è nono con 31 punti. Nel girone I il Rotonda ha pareggiato 1-1 a Licata col Gela. Nel primo tempo i siciliani velocissimi. Un tiro di Sowe è stato bloccato dal portiere Gonzalez. Il Gela è passato in vantaggio con Ragosta, destro da fuori area. I lucani hanno pareggiato con Evacuo di testa. Il Gela incisivo. Una conclusione di Mannoni su punizione è stata intercettata in angolo da Gonzalez. Nel secondo tempo i siciliani in inferiorità numerica. Espulso Sowe per un duro fallo su Flores. Il Rotonda è penultimo con 17 punti.

Il 22 e 23 febbraio, a Matera, incontro “Integriamo l’assistenza sanitaria con l’assistenza sociale”



In occasione della XII Giornata delle Malattie Rare 2019, l’Associazione Italiana Malattie Neurologiche Rare -A.I.M.N.R.-Puglia – promuove l’incontro “Integriamo l’assistenza sanitaria con l’assistenza sociale”, il 22 e 23 febbraio, presso l’Auditorium del Presidio Ospedaliero “Madonna delle Grazie” a Matera.

La partecipazione è riservata a 150 partecipanti afferenti all’area sanitaria. L’iscrizione è gratuita tramite i siti web delle associazioni promotrici dell’evento.

ASSOCIAZIONI PROMOTRICI

Associazione per il Sostegno e l’Integrazione degli Emofilici in Età evolutiva ed adulta | As.S.I.Em.E
Associazione Italiana Febbri Periodiche |A.I.F.P
Associazione Rete Malattie Rare |R.M.R.Onlus
Associazione Immunodeficienze Primitive A.I.P. Puglia - Basilicata
Associazione Italiana Malattie Neurologiche Rare |A.I.M.N.R.
Associazione Malattie Rare dell’Alta Murgia |A.Ma.R.A.M. Onlus
Associazione Italiana Sindrome X-Fragile Sezione Puglia Onlus
Associazione Sclerosi Tuberosa |A.S.T. Basilicata

Fondazione Alessandra Bisceglia W Ale Onlus - Per lo Studio e la Cura delle Anomalie Vascolari

Marco Carta: nelle radio arriva il nuovo singolo 'Io ti riconosco'


Era il 22 febbraio 2009 quando Marco Carta vinceva il Festival di Sanremo con il brano La forza mia; a distanza di dieci anni, venerdì 22 febbraio 2019 l'artista pubblica il nuovo singolo, Io ti riconosco. Il brano è scritto da Stefano Paviani, Gianluca Florulli e Giovanni Pastorino ed esce su etichetta The Saifam Group.

«Riconoscere l’importanza e l’unicità di una persona dai suoi piccoli gesti peculiari è una forma di affetto e di amore vera e profonda. – racconta Marco Carta – Siamo sempre alla ricerca di una ricetta definitiva, per capire se la persona che abbiamo a fianco è quella giusta.

Basterebbe chiedersi se riusciamo a riconoscerla come unica nei gesti e nelle abitudini di ogni giorno. “Io ti riconosco è questo”: un inno alla necessità delle cose semplici come prova dell’unicità delle persone.»

Appalti, la Cisl propone un protocollo d'intesa alla Regione


La Cisl Basilicata lancia l'idea di un protocollo d'intesa con le stazioni appaltanti per la qualità e la tutela del lavoro negli appalti di lavori, servizi e forniture. La proposta sarà presentata venerdì 22 febbraio alle 9:30 nella sala Ugo Bianchi della Cisl regionale. Dopo un lungo lavoro di confronto e di elaborazione, che ha coinvolto le federazioni interessate al tema degli appalti pubblici, il sindacato ha messo a punto una bozza di protocollo da sottoporre alla Regione Basilicata per una gestione ordinata dei cambi d'appalto e per assicurare la piena applicazione della cosiddetta clausola sociale a tutela dei livelli occupazionali e salariali. Un tema spinoso, quello degli appalti in Basilicata, che ha registrato negli ultimi anni un notevole incremento dei contenziosi e dei conflitti, come dimostrano le numerose vertenze nel settore delle pulizie, della vigilanza, delle manutenzioni, etc.
L'evento è aperto ai mezzi d'informazione.

La Fondazione Leonardo Sinisgalli protagonista delle Giornate dell’editoria lucana a Matera

Ci sarà anche la Fondazione Leonardo Sinisgalli fra gli espositori delle Giornate dell’editoria lucana organizzate a Matera dal 22 al 26 febbraio presso l’Ex Ospedale di San Rocco dal Consiglio Regionale della Basilicata. La produzione editoriale dell’istituto culturale montemurrese, insieme a quella di altri editori della Basilicata, sarà quindi a disposizione del pubblico che visita la Capitale Europea della Cultura 2019, per far conoscere i più recenti studi sulla poliedrica figura di Leonardo Sinisgalli.

Nella giornata di domenica 24 febbraio alle ore 17:00 la Fondazione Sinisgalli presenterà la sua ultima pubblicazione, Leonardo Sinisgalli e i bambini incisori (2018) di Biagio Russo, direttore della Fondazione.

Il volume ricostruisce la storia degli allievi della scuola elementare “Piccola Europa” di Sant’ Andrea di Badia Calavena in Val d’Illasi, comune di provincia nell’Alto Veneto, e della loro esperienza come incisori, giornalisti e tipografi negli anni ’50, sotto la guida del loro maestro, il visionario Gianni Faè. Una storia che all’epoca ebbe una grandissima eco mediatica e che conquistò lo stesso Sinisgalli. Il poeta ingegnere, direttore di “Civiltà delle Macchine”, non solo dedicò una serie di articoli sulla sua rivista alle incisioni dei bambini, nelle quali venivano riprodotte le macchine della loro quotidianità, ma fece dono alla scuola di un torchio e dei caratteri mobili, con cui consentire ai piccoli studenti di rendere più agevole la creazione del loro giornalino di classe “Piccole Dolomiti”.

Alla presentazione del volume, che è stato protagonista di un minitour editoriale tra Verona, Sant’Andrea di Badia Calavena, Roma e Montemurro lo scorso dicembre, interverranno insieme all’autore, anche il Presidente della Fondazione Leonardo Sinisgalli, Mario Di Sanzo, il docente e saggista Luigi Beneduci, l’incisore Pietro Paolo Tarasco.

400 studenti chiedono al Presidente della Repubblica di sottoscrivere la Carta dei valori dello Sport Integrato


Con l’incontro dei Tutor del progetto “Carovana dello Sport Integrato” che hanno seguito il percorso di alternanza Scuola-lavoro delle 20 Scuole italiane coinvolte avvenuto nei giorni 15, 16 e 17 febbraio a Roma, la “Carta dei valori dello Sport Integrato” è stata finalmente ultimata ed è pronta per la presentazione ufficiale che avverrà giovedì 21 febbraio presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (Viale Castro Pretorio) alle h. 10:00.

Dalla tre giorni di full immersion non è scaturito soltanto il documento ufficiale, frutto del lavoro congiunto di quasi 400 studenti e dei loro insegnanti negli ultimi 3 mesi, ma è emersa la volontà di includere, tra tutti i cittadini, le Associazioni, le Organizzazioni e le Istituzioni alle quali fare richiesta di sottoscrizione della Carta, anche la carica più alta delle Istituzioni italiane, rappresentata dal Capo dello Stato.

20 lettere, firmate dagli studenti delle rispettive Scuole coinvolte - una per Regione - partiranno quindi nei prossimi giorni alla volta degli uffici della Presidenza della Repubblica, con la richiesta di sostenere i valori individuati come fondanti per la realizzazione di uno sport inclusivo, solidale, senza barriere e basato sull’accoglienza delle disabilità e delle diversità. Tra le richieste anche quella di ricevere personalmente, al termine del viaggio della Carovana (che partirà da Roma il 15 marzo e, dopo aver fatto tappa in ogni Regione italiana, rientrerà nella Capitale il 14 maggio) gli equipaggi dei pulmini (composti da 72 atleti disabili e non, 8 Educatori Sportivi, 16 accompagnatori assistenti volontari, 4 arbitri di Football Integrato e 4 coordinatori di equipaggio), le delegazioni di studenti provenienti da tutta Italia, gli insegnanti, i Tutor e i coordinatori di progetto, per la consegna ufficiale della Carta che, dopo aver raccolto adesioni su tutto il territorio, potrà essere siglata dalla carica di maggior rilievo.

Alla presentazione della Carta e degli Equipaggi che si svolgerà il 21 febbraio il Presidente Nazionale Csen (Ente promotore del Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) Francesco Proietti e il Presidente della FISDIR (Federazione Italiana Sport Paralimpici degli intellettivo relazionali) Marco Borzacchini sigleranno anche l’accordo di collaborazione finalizzato alla realizzazione di moduli comuni per la formazione delle figure degli Allenatori e dei Tecnici di Sport Integrato.

“Siamo molto soddisfatti di come sta procedendo il progetto della Carovana, delle collaborazioni e degli sviluppi che emergono nel momento in cui facciamo ogni passo avanti e in particolare della Carta dei valori elaborata, che siamo convinti risquoterà molta attenzione sia da parte delle amministrazioni che dei cittadini” ha commentato in chiusura dei lavori del weekend il Responsabile Nazionale Ufficio Progetti Csen Andrea Bruni.

La carta dei valori

La Carta dei Valori, che ha raccolto per iscritto tutti quei principi ispiratori che vogliono essere guida e motore per comunità socioculturali inclusive attraverso lo sport dilettantistico, con la diffusione anche di un nuovo linguaggio, vuole stimolare una riflessione aperta a tutta la società civile. Cittadini, atleti, operatori sportivi, associazioni, studenti, scuole, famiglie, operatori sociali, psicologi, assistenti sociali e Istituzioni di tutta Italia sono chiamati a sottoscrivere la carta, per sancirne la condivisione e renderne operativa la formalizzazione.

Il viaggio della Carovana

Tutti coloro che vorranno aderire e firmare la Carta potranno farlo sia in occasione delle tappe previste dalla Carovana in ogni Regione Italiana, sia online sul sito del progetto, a partire dal 15 marzo, data di inizio del viaggio dei pulmini della solidarietà, dell’integrazione e della partecipazione. Durante l’evento di apertura che si terrà a Roma “Buon viaggio Carovana”, il primo gruppo dei portavoce dei valori dello Sport Integrato, insieme al documento, si incontreranno alla Sala del Carroccio del Campidoglio, passeranno per la sede del Consiglio della Regione Lazio e si metteranno in viaggio per la prima tappa, prevista per il 18 marzo a Palermo. Il percorso si concluderà il 14 maggio, sempre a Roma, con l’evento “Ben tornata carovana”. In ogni sosta della Carovana è previsto un evento di benvenuto, con presentazione della Carta e raccolta delle sottoscrizioni, un evento sportivo dimostrativo di Football Integrato (lo sport appositamente nato per adattarsi ad atleti di tutte le tipologie e di tutti i livelli) e un incontro formativo – gratuito, con rilascio di attestato, crediti formativi per assistenti sociali ed educatori professionali e possibilità di accredito sulla piattaforma Sofia per i docenti – tenuto da esperti Csen e mirato alla divulgazione di conoscenze, competenze, prospettive e strumenti per l’integrazione delle persone con diverse abilità a casa, a scuola, in palestra, nel mondo. In ogni città nella quale farà tappa, la Carovana sarà accolta anche dagli stessi studenti che hanno partecipato alla redazione della Carta, che concluderanno la loro esperienza di alternanza Scuola-lavoro fornendo un supporto operativo all’organizzazione degli eventi e all’accoglienza degli equipaggi, accompagnandoli in una visita della città che li ospita.

Il progetto Carovana dello Sport Integrato
Il progetto, promosso dal Centro Sportivo Educativo Nazionale (CSEN), Ente No Profit di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI, dal CIP, accreditato presso il MIUR e Associazione Nazionale di Promozione Sociale, con il finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi dell’art. 72 del Codice del Terzo Settore (d.lgs 117/2017) Annualità 2017, ha finora coinvolto tramite patrocinio numerosi soggetti istituzionali e organizzazioni di rilievo: CONI, CIP, FISDIR, INAIL, ANCI, Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, i Comuni di Ascoli Piceno, Brindisi, Cavalese (TN), Latisana (UD), Lignano Sabbiadoro (UD), Marsicovetere (PZ), Meda (MB), Napoli, Narni (TR), Palermo, Pont-Saint-Martin (AO), Quiliano (SV), Reggio Calabria, Riccia (CB), Sennori (SS), Serravalle Pistoiese (PT), Pescara, Val di Fiemme (TN), Vigasio (VR), Vignola (MO), Roma - Municipio III, Torino - Circoscrizione IV, Consiglio Regionale della Calabria, Regione Basilicata, UNPLI Pro Loco Basilicata, Assessorato allo Sport della Regione Molise, Regione Emilia Romagna, Centro per le Pari Opportunità della Regione Umbria, Regione Lazio, Biblioteche di Roma.