Visualizzazione post con etichetta Potenza. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Potenza. Mostra tutti i post

lunedì 27 gennaio 2020

Volley Serie C: DMB Pallavolo Villa d’Agri sconfitta a Ruffano


VILLA D'AGRI - Dopo averla vissuta, vista e rivista sui sistemi digitali, non si riesce a capire il motivo di una partita giocata male e persa peggio.

Il 3 a 0 finale è stato il giusto epilogo per la squadra di casa che, a parte la giornata no dei giovani di Villa d’Agri, non ha concesso praticamente nulla e, quando è stata impegnata, ha risposto ottimamente gli spazi con copertura e difesa impeccabili.

Solo verso la fine del terzo set c’è stato un segno di risveglio da parte della DMB che ha cercato di avvicinarsi agli avversari i quali, dopo la chiamata del time-out, ha chiuso i conti senza dare più possibilità di recupero ai valdagrini.

Passo indietro nel gioco rispetto alla settimana scorsa per la formazione dei coach Viggiano-Logiurato che hanno smarrito la strada tracciata in casa contro il Grottaglie.

E’ la gara con il minor numero di punti realizzati da inizio campionato ed è sembrato un match giocato senza reattività e con scarsa propensione al sacrificio.

Ora c’è lo stop di una domenica per la conclusione della prima parte del campionato e già si pensa a quanto duro dovrà essere il lavoro in palestra per poter pensare di rimettersi in corsa nel girone di ritorno.

Ci sono a disposizione ancora 30 punti e perciò le prossime 10 giornate diranno se davvero questi giovani atleti possono ancora cimentarsi in un campionato duro ed esigente come quello della serie “C”.

sabato 25 gennaio 2020

Volley Serie C: per la DMB Pallavolo Villa d’Agri seconda trasferta in terra salentina


VILLA D'AGRI - Il girone di andata della Serie C regione Puglia si chiude domenica 26 gennaio con l’11a giornata in cui la DMB Pallavolo Villa d’Agri sarà impegnata sul campo del Palazzetto dello Sport di Ruffano in Viale dei Pini. Fischio d’inizio alle ore 18.30

Avversario difficile per la formazione lucana, quinta in classifica e reduce da una bella vittoria al tie break contro il Taviano che hanno rincuorato tutto l’ambiente e dato fiducia al gruppo in una stagione con risultati altalenanti.

Da parte loro i giovani del Villa d’Agri, che arrivano dalla sconfitta interna contro il Grottaglie ma rigenerati da una prova lusinghiera, mirano a confermare il gioco espresso nell’ultimo turno consapevoli di dover reggere la parte emotiva e di dover essere costanti nel rendimento per tutta la gara.

Con queste premesse, i ragazzi, guidati dal Coach Dino Viggiano, affronteranno il Toma Carburanti Ruffano in una partita che si preannuncia difficile tanto sul piano agonistico quanto su quello mentale. Le due squadre, infatti, hanno obiettivi differenti. Per il Ruffano è difendere il quinto posto e tentare l’avvicinamento alle posizioni più in alto, per la DMB la vittoria è certamente l’obiettivo primario, ma anche offrire un bello spettacolo all’insegna dello sport sano e divertente. L’impresa si preannuncia ardua ma possibile, ancor più se alla bravura e all’impegno dei nostri si accompagnerà un po’ di autostima che non guasterebbe alla causa.

Incontro Pro Loco del Vulture Alto Bradano per lanciare forte messaggio di unione culturale


POTENZA - I gravi e dolorosi avvenimenti di domenica scorsa, in seguito ai quali un giovane di Rionero ha perso la vita ed alcune famiglie appartenenti alle due comunità vulturine – Melfi e Rionero – sono state duramente colpite nei loro affetti, hanno suscitato un diffuso sentimento di tristezza ma anche di preoccupazione e di rabbia. Non sarebbe dovuto mai accadere!

Il Comitato regionale Pro Loco UNPLI Basilicata con le Pro Loco di Melfi e Rionero in primis, e il Consorzio delle Pro Loco del Vulture Alto Bradano, si riuniranno domenica 26 gennaio ore 10.30 a Barile, presso la sede operativa UNPLI Regionale in piazza Dalla Chiesa.

Le Pro Loco invocano necessariamente una riflessione sulle cause e richiedono comportamenti concreti che promuovano l’adesione a valori comuni, la nascita del senso di appartenenza ad una comunità più ampia, finalmente libera dal gioco di inutili ed ingiustificate rivalità e di dannosi campanilismi, che bandisca dai comportamenti ogni atteggiamento di provocazione e di intolleranza .

Le Pro Loco credono fermamente che sia indispensabile un vero e proprio cambiamento culturale e di sensibilità.

E’ necessario che nasca una comunità che si caratterizzi per un alto grado d’integrazione, che possa disporre, con il concorso di tutti i suoi “figli” – delle varie Città del Vulture- di un’alta dotazione e qualità di beni relazionali, di capitale sociale, di fiducia.

L’obiettivo è quello di mettere a valore le risorse non economiche che nascono dalla prossimità, portando alla affermazione di condizioni di benessere, di felicità, di crescita delle persone che ne fanno parte. Una comunità allargata in cui, più facilmente che in altre dimensioni, può trovarsi il punto di equilibrio tra appartenenza identitaria ed apertura ad un’idea di fraternità più larga di quella della comunità stessa. All'incontro che sarà un momento di riflessione e programmatico per future attività sinergiche, prenderanno parte dirigenti Pro Loco e i sindaci delle comunità del Vulture Alto Bradano.

giovedì 23 gennaio 2020

Potenza: 'James Bond in Jazz'

POTENZA - Il quinto appuntamento della 33^ stagione concertistica di Ateneo Musica Basilicata, dopo il grande successo del precedente omaggio a Federico Fellini, è costruito intorno al personaggio di James Bond, con un concerto interamente dedicato alle colonne sonore dei film più famosi del celebre agente segreto britannico, l’ultimo dei quali, in uscita proprio in questi giorni, ha visto Matera cornice originale del set delle sue spericolate avventure.

Uno spettacolo coinvolgente con la splendida voce di Karen Edwards, statunitense da Greenville, Carolina del Sud, pianista, orchestratrice e cantante di formazione classica dal background nella musica gospel, insieme al gruppo jazz da lei guidato, che vede protagonisti Enzo Carpentieri alla batteria e l’Orchestra ICO della Magna Grecia guidata da Maurizio Lomartire. Le avvincenti atmosfere delle avventure raccontate nei film saranno ricreate attraverso l’esecuzione di brani celebri come Goldfinger, Diamonds are Forever, Skyfall, Moonraker, solo per citarne alcuni.

Gambardella e Franchini (Cisl): "Comuni lucani a rischio paralisi, serve un piano occupazionale"

POTENZA - La manifestazione nei giorni scorsi di oltre settanta sindaci, in rappresentanza di più della metà delle amministrazioni lucane, per denunciare davanti alla Prefettura di Potenza la mancanza di segretari comunali, con il conseguente rinvio delle sedute dei Consigli comunali e la mancata approvazione dei bilanci di previsione, nonché di diverse delibere, è stato un evento esemplare per descrivere lo stato drammatico in cui versano i Comuni della Basilicata. La Cisl da tempo sta denunciando il crescente deficit di capacità amministrativa degli enti locali e proponendo al contempo una soluzione, anche in ragione del fatto che con i pensionamenti anticipati di quota 100 la situazione è destinata a peggiorare, col rischio di arrivare alla completa paralisi delle amministrazioni locali, con danni incalcolabili per i cittadini.

La Basilicata, come è noto, è costituita per il 97 per cento di piccoli comuni con meno di 3 mila abitanti rientranti nella classificazione di area interna. Si tratta di comunità penalizzate dalla distanza dai servizi essenziali, come istruzione, salute e mobilità, e caratterizzate da un graduale processo di isolamento, riduzione demografica e calo dell’occupazione. Ora si ritrovano a dover fare i conti, sempre più spesso, con la mancanza del segretario, il dirigente pubblico che fornisce assistenza giuridica agli organi del Comune per garantire che i loro atti siano conformi alle norme di legge, allo Statuto e alle procedure amministrative, nonché di altre figure fondamentali, come gli assistenti sociali, professionalità questa che diventa cruciale in realtà caratterizzate da livelli crescenti di fragilità sociale.

Questa realtà deve spingerci con urgenza ad adottare dei provvedimenti virtuosi, giacché proprio i Comuni, in base al principio della sussidiarietà, sono gli enti più vicini ai cittadini; erogano servizi essenziali, in particolare in ambito socio-assistenziale; e sono destinatari di molti fondi: da quelli nazionali per le politiche sociali a quelli di provenienza europea (Fse, Fesr, etc.). Ai Comuni è richiesta una notevole capacità di programmazione, progettazione, erogazione, monitoraggio e valutazione delle spesa e dei servizi, ma mancando il personale adeguato, sia da un punto di vista numerico che dal punto di vista della padronanza delle nuove competenze, i Comuni lucani non riescono ad adempiere sufficientemente ai compiti assegnati. Questo deficit amministrativo significa in concreto l'impossibilità di spendere le risorse assegnate e l'incapacità di intercettare ulteriori fondi partecipando a bandi europei, nazionali e interregionali.

Occorre, dunque, aprire un confronto sulla capacità amministrativa degli enti locali lucani in una regione in cui la maggioranza del Pil è generato dalla spesa pubblica per infrastrutture, aiuti alle imprese, acquisto di beni e servizi, con fondi Por e Pon, e che pertanto risente moltissimo della scarsa efficacia e della lentezza dei procedimenti. Una ricerca della Banca d’Italia sulla produttività della spesa dei fondi europei individua alcune condizioni che rendono la spesa più efficace in termini di aumento della produttività: il buon funzionamento del sistema istituzionale e la densità abitativa. Si tratta quindi di intervenire sull’anello debole della capacità amministrativa della nostra regione per fare in modo che i fondi nazionali ed europei, a fronte delle scarse risorse del bilancio regionale - definito di lacrime e sangue nonostante le royalties del petrolio - siano spesi al meglio e producano non solo spesa rendicontata, ma soprattutto occupazione e qualità dei servizi e della vita.

Uno studio del Cnel sulla qualità della spesa dei Comuni ci restituisce non a caso l’immagine di una regione in cui viene realizzata una spesa dispendiosa e inefficace, una spesa quindi che non aggredisce le criticità e il disagio sociale. Dobbiamo, perciò, necessariamente intraprendere la strada del processo di nascita e consolidamento di nuove forme di governo, come la gestione integrata tra Comuni di funzioni e servizi pubblici locali: dalla protezione civile al catasto, dai servizi informatici al trasporto pubblico locale, dalla statistica all'edilizia scolastica, fino ai servizi sociali. Un nuovo modo di fare amministrazione pubblica, insomma, capace di soddisfare i bisogni dei cittadini e attivare nuovi processi di collaborazione e di reciproco riconoscimento tra pubblico e privato.

Occorre, infine, dare immediata attuazione al piano occupazionale nei Comuni, come annunciato un anno fa dalla Provincia di Potenza, che consentirebbe un aumento dell’occupazione, in particolare di laureati, e un aumento della capacità di produrre buona spesa e buona programmazione dei servizi. Il futuro della Basilicata non può che passare attraverso queste scelte, non più rinviabili.

Enrico Gambardella
Segretario generale della CISL Basilicata

Luana Franchini
Responsabile del Centro Studi CISL Basilicata

Serie C: il Potenza pareggia, vince il Picerno

di FRANCESCO LOIACONO - Giornata favorevole per le squadre lucane la prima di ritorno del girone C di Serie C, cioè il recupero del turno non giocato il 22 dicembre 2019 per lo sciopero per la defiscalizzazione. Il Potenza ha pareggiato 0-0 a Caserta. Nel primo tempo i campani propositivi. Un tiro di D’Angelo è finito alto. Una conclusione di Starita è terminata fuori. Un tiro di Longo è stato salvato sulla linea dal difensore Coccia. Una rovesciata di D’Angelo ha centrato l’incrocio dei pali.

Nel secondo tempo la Casertana ha aumentato i ritmi del suo gioco. Un destro di Starita è finito a lato. Il Potenza incisivo. Ferri Marini di sinistro ha colpito la traversa. Ancora Ferri Marini con un tiro di destro non ha inquadrato la porta. Il Potenza è quarto in classifica con 41 punti.

Il Picerno ha vinto 3-1 in casa contro la Cavese. Nel primo tempo i lucani insidiosi. Melli ha calciato alto da buona posizione. I campani in contropiede. Un tiro di Sainz Maza è stato respinto con le mani dal portiere Pane. Il Picerno è passato in vantaggio con Zaffagnini di testa. Nel secondo tempo la Cavese ha pareggiato con Russotto di destro. I campani hanno insistito. Matino con un tiro cross ha colpito il palo. I lucani sono tornati in vantaggio con Pitarresi, tiro da fuori area. Il Picerno ha segnato il terzo gol con Santaniello di sinistro. La Cavese arrembante. Un tiro di Di Roberto su punizione è terminato oltre la traversa. Il Picerno è quintultimo a 23 punti.

Rionero in Vulture: l'amministrazione comunale ha chiesto alla società sportiva di ritirare la squadra dal campionato


RIONERO IN VULTURE (PZ) - La tragedia che si è consumata domenica scorsa deve indurre ad una riflessione sui valori di una comunità ma, soprattutto, sul bene più prezioso: la vita di un essere umano.

È possibile che per il fanatismo sportivo degenerato in una assurda forma di violenza due genitori perdano il proprio figlio? NO, non è possibile!

È possibile che una incomprensibile forma di rivalsa sportiva tra campanili trasformi la vita normale e serena di tante famiglie in un calvario? NO, non è possibile!

Se tanti ragazzi che presi singolarmente si comportano in un modo e che in gruppo si sono resi attori, complici o semplici spettatori di un atto gravissimo, dobbiamo prendere coscienza che c’è una perdita di valori, un’emergenza sociale che va affrontata in maniera congiunta anche con le società sportive. Sarà la magistratura, verso la quale esprimiamo piena fiducia, a far luce sull’accaduto.

Abbiamo il dovere di interrogarci sulle cause sociali ed intraprendere tutte le azioni possibili per trovare le soluzioni senza trascurare che il problema non è strettamente locale ma interessa un territorio più ampio, considerato lo stato di smarrimento in cui versa la società odierna.

Come amministrazione abbiamo chiesto alla società sportiva di accogliere l’invito di S.E. il Prefetto a ritirare la squadra dal campionato pur essendo consapevoli del grande sforzo compiuto dalla dirigenza in questi anni. Il ritiro della squadra dal campionato non è una resa alla violenza, ma un gesto di grande responsabilità sociale finalizzato al recupero dei principali valori dello sport.

Ribadiamo con forza la nostra più ferma condanna per la recrudescenza drammatica di atti di violenza in occasione di competizioni sportive e faremo tutto quanto è in nostro potere per impedire il ripetersi di degenerazioni che infangano i valori dello sport o offendono la coscienza civile delle nostre comunità.

Tutti dobbiamo contribuire a creare azioni positive, a non esasperare il clima di avvicinamento alle partite. Bisogna sviluppare il senso della cultura sportiva, dell’esaltazione della bellezza del gioco e dello stare insieme in armonia.

Alla famiglia di Fabio, uomo altruista, sensibile, amico e disponibile con tutti, esprimiamo il più sentito cordoglio.

A tutte le famiglie coinvolte esprimiamo vicinanza e solidarietà.

mercoledì 22 gennaio 2020

M5S Basilicata: "Viabilità a Venosa, ennesima denuncia per strade provinciali disastrate"


POTENZA - Lo scorso 21 Gennaio 2020 abbiamo inviato al Presidente della Provincia di Potenza, Rocco Guarino, una nota relativa alla situazione degradante in cui si trova l’ormai famosissima S.P. 109 di Piano Regio (Venosa) che rappresenta un’importante arteria di collegamento con la Z.I. di Melfi, Lavello e con la Provincia di Foggia.

Una strada “infernale”, la S.P. 109 è ripetutamente oggetto di denunce da parte degli automobilisti che ogni giorno percorrono questo tratta di strada, che, come riportato da numerose segnalazioni non presenterebbe nessun tipo di manutenzione né ordinaria e né straordinaria, anzi, risulterebbe soggetta ad allegamenti, invasione di fango nella carreggiata, e sarebbero presenti numerose e pericolose “buche”.

Gioverebbe ricordare che in qualità di rappresentanti dell’Amministrazione Comunale di Venosa e di Consigliere Regionale abbiamo già da tempo denunciato il pericolo e la situazione di disagio che presentano anche le altre arterie di collegamento provinciali con la città Oraziana. Abbiamo infatti effettuato un sopralluogo con l’Assesorre alle Infrastrutture della Regione Basilicata, Donatella Merra, con il Consigliere Regionale Massimo Zullino, su diverse arterie provinciali che collegano Venosa a Maschito (SP 10), a Melfi e Rapolla (SP 168) e alla vicina Lavello (sp168).

La Città di Venosa, candidata capitale italiana della Cultura per il 2021, presenta una situazione infrastrutturale stradale al limite di ogni possibile paradosso, isolata dal Vulture e dal resto della Basilicata. Una situazione vergognosa a cui si dovrebbe porre repentino rimedio.

Una situazione al limite della sopportazione umana che vede costretta l’Amministrazione Comunale di Venosa a presentare un’ennesima richiesta di sollecito d’intervento sulla strada provinciale. Così in una nota congiunta Marianna Iovanni – Sindaca di Venosa e Gianni Leggieri – Consigliere Regionale M5S Basilicata.

Fials: la segreteria regionale chiede a Leone l’attivazione del tavolo tecnico sulla contrattazione Integrativa

POTENZA - La Bellitti, congiuntamente con il Segretario Provinciale di Potenza, Giuseppe Costanzo, e di Matera, Gianni Sciannarella, in linea di quanto previsto dal citato Contratto, sostengono la necessità di un confronto nell’avviare le linee guida generali di indirizzo per lo svolgimento della contrattazione integrativa aziendale; Considerato, tra l’altro, che le ultime linee generali di indirizzo del personale comparto sanità, risalgono all’anno 2010. 

I punti da trattare, secondo la sindacalista Bellitti, sono svariati: innanzitutto si rende necessario che le linee riguardino, tra le altre cose, l’utilizzo delle risorse aggiuntive regionali per la contrattazione integrativa destinate all’istituto della produttività sempre più orientata ai risultati;

La revisione delle linee di indirizzo in materia di prestazioni aggiuntive del personale;

Le metodologie di utilizzo da parte delle aziende o enti di una quota dei minori oneri derivanti dalla riduzione stabile della dotazione organica del personale;

Le modalità di incremento dei fondi in caso di aumento della dotazione organica del personale rispetto a quello preso a base di calcolo per la formazione dei fondi.

Per i sindacalisti Fials si rende necessario e improcrastinabile l’avvio di un confronto nell’individuare al personale Infermieristico del DEU e nell’ambito dei Dipartimenti della Psichiatria, o altri contesti lavorativi, il riconoscimento dell’Indennità per particolari condizioni di Lavoro: “Indennità di sub-Intensiva”;

Passaggio obbligatorio, come avviene da anni in altre Regioni essendo di competenza regionale nel rispetto del contratto vigente, per valorizzare e riconoscere al personale della Regione Basilicata tale indennità.

La Bellitti -conclude- che le materie previste dal nuovo contratto rendono pressoché obbligatoria l’attivazione del confronto sindacale, a tal fine gioco forza è necessario la costituzione del tecnico con le OO.SS.

Nota dei sindaci del vulture-melfese sui tragici eventi avvenuti di Vaglio


POTENZA - I sindaci di Rionero in Vulture, Melfi, Rapolla, Barile, Atella, Rapone, Lavello, Venosa, Ginestra, Maschito, Montemilone, Forenza, Banzi, Palazzo S. Gervasio, San Fele e Ripacandida, denunciano la gravità dei fatti accaduti domenica scorsa e che hanno profondamente scosso l’intera comunità del vulture-melfese, frutto di follia criminale che nulla ha a che vedere con lo sport e i suoi valori.

Esprimono vicinanza e solidarietà alle famiglie incolpevoli coinvolte per l’incommensurabile dolore sopraggiunto.

Chiedono a tutti i cittadini del territorio vulture-melfese di collaborare concretamente, ognuno per il proprio ruolo, per far crescere la coesione di una comunità genuina, elevando gli anticorpi valoriali utili a neutralizzare isolati virus capaci di generare episodi di tragica follia.

Chiedono al Comitato Regionale della LND Basilicata di annullare tutte le partite in programma nella Regione Basilicata nel prossimo fine settimana, con l’obiettivo di sensibilizzare l’intera comunità regionale ingiustamente segnata da fatti che non le sono propri.

Serie D: il Francavilla in Sinni e il Grumentum pareggiano

di FRANCESCO LOIACONO - Giornata sfavorevole la terza di ritorno per le squadre le squadre lucane del girone H di Serie D. Il Francavilla in Sinni ha pareggiato 0-0 in trasferta contro il Gelbison. Nel primo tempo i campani insidiosi. Un tiro di Tedesco è terminato alto. Una conclusione di destro di Orlando è stata respinta con le mani dal portiere Caruso. Un tiro a rientrare direttamente su corner di Uliano ha visto l’opposizione con le mani del numero uno dei lucani.

Un tentativo di Tedesco è stato salvato con un piede dal difensore Farinola. Simonetti di destro ha centrato il palo. Il Francavilla in Sinni in contropiede. Un sinistro di Farinola ha trovato pronto il portiere Cefariello a ribattere con il corpo. Una conclusione di Nolè è finita fuori. Nel secondo tempo il Gelbison arrembante. Un tiro di Pipolo è stato sventato da Caruso. I lucani incisivi. Un destro di Puntoriere non ha inquadrato la porta. Il Francavilla in Sinni è penultimo in classifica con 17 punti.

Il Grumentum Val d’Agri ha pareggiato 0-0 in casa col Cerignola. Nel primo tempo i pugliesi insidiosi. Un tiro di Sansone è finito oltre la traversa. I lucani propositivi. Un tiro a parabola di De Luca è terminato alto. Un destro di Esposito non ha inquadrato la porta. Il Cerignola in contropiede. Marotta di destro ha colpito il palo sugli sviluppi di un calcio di punizione.

Nel secondo tempo il Grumentum arrembante. Un colpo di testa di Carrieri è finito a lato. Un destro di Agresta è stato bloccato con una mano dal portiere Cappa. I lucani sono rimasti in dieci. Espulso Carrieri per un brutto fallo su Longo. Il Gelbison in contropiede. Una conclusione di Martiniello è stata deviata in angolo dal portiere Russo. Un tiro di De Cristofaro ha sfiorato il palo. Il Grumentum Val d’Agri è sestultimo a 22 punti.

martedì 21 gennaio 2020

Firmato protocollo tra l’Unibas e l’associazione “Mondi lucani” per lo scambio di esperienze e saperi


POTENZA - Consolidare i legami, attraverso lo scambio di esperienze e saperi tra i lucani residenti altrove, che assumono la veste di mentori e coach, e i giovani lucani, studenti, ricercatori, imprenditori e aspiranti tali, residenti in Basilicata. E’ l’obiettivo del protocollo di intesa firmato dal Prorettore vicario, Michele Perniola, e dalla Presidente dell'associazione “Mondi Lucani” Maria Andriulli, oggi a Potenza, nel Rettorato dell’Ateneo lucano.

Con la firma di questo protocollo, l’Unibas parteciperà quindi a pieno titolo alla programmazione delle attività di confronto e formazione nei differenti campi di propria pertinenza incentrati sull'economia e l'imprenditorialità. “L’Università – hanno spiegato il Prorettore Perniola e la Rettrice dell’Università della Basilicata, Aurelia Sole - è impegnata nella commissione Lucani nel Mondo e dunque cura relazioni e iniziative per promuovere tale rete. L’accordo di oggi rientra in questa tipologia di attività, che ci consente di creare legami con le eccellenze lucane nel modo, avendo quali partner altri importanti gruppi culturali e territoriali”. Andriulli ha invece evidenziato che Legacy del Premio “Mondi Lucani 2020” sarà ‘instillare’ nei nostri giovani lucani la cultura di impresa nei molteplici ambiti della creatività all'indomani di Matera 2019. L’obiettivo è la nascita e il rafforzamento di imprese in tali settori economici con sedi, gambe e cuore in Basilicata ma con mercato internazionale.

L'Università, “sempre sensibile ad azioni che concretizzino scambi culturali e formazione di alto livello e qualificazione a uso dei giovani lucani, e non solo, si aggiunge al folto gruppo di partner istituzionali come i Gruppi di azione locale Start 2020 e Cittadella del Sapere, la Fondazione Adriano Olivetti, la Camera di Commercio di Basilicata, la Provincia di Matera, la Fondazione IesLab e l'Associazione Basilicata Creativa con il suo cluster di 54 imprese, portando con sé l'esperienza delle proprie attività didattiche, della ricerca, della terza missione e del coinvolgimento del pubblico”. Il protocollo nasce, infatti, all'indomani dell'edizione 2019 del Premio Mondi Lucani che ha generato il network Menti Lucane nel Mondo che si basa sulle parole chiave “responsabilità, lavoro, economia, sviluppo, fiducia”. Oltre a ciò, “il network è convinto che i lucani, che per scelta di vita vivano fuori della regione, in qualche modo ‘restituiscano’ alla loro terra la loro competenza e ‘tendano la mano’ al suo bene più prezioso, il capitale umano, in un'ottica di sostegno e sviluppo della regione”.

lunedì 20 gennaio 2020

Fca Melfi, Palumbo e Costanzo (Ugl): ”Incontro per salita produzione Jeep”


POTENZA - “In data odierna, presso lo stabilimento di Fca Melfi si è tenuto un incontro sindacale tra la direzione aziendale FCA ITALY e il Comitato Esecutivo della Rsa in relazione alla salita produttiva del nuovo modello Jeep Compass”.
E’ quanto fanno sapere il segretario provinciale dell’Uglm di Potenza, Giuseppe Palumbo e la segretaria Ugl della federazione lucana, Florence Costanzo.

“Per tutte le Unità', gli addetti della linea Jeep e 500x lavoreranno sui 20 turni produttivi, per la linea Compass su 10 turni con il primo e secondo turno per cinque giorni lavorativi ossia, dal lunedì al venerdì. Questa turnazione – concludono Palumbo e Costanzo - è da intendersi per la fase di avvio della salita produttiva del nuovo modello Jeep Compass. Seguiranno, a breve, altri incontri in cui si dettaglieranno altre tempistiche e per altri volumi”.

La DMB Pallavolo Villa d’Agri ko col Grottaglie


VILLA D'AGRI - Di solito sono le vittorie che possono aiutare una squadra a tirarsi fuori da situazioni difficili di classifica e di risultati invece, per i ragazzi della DMB Villa d’Agri, la sconfitta di oggi contro il Grottaglie può fare scuola e mandare su il morale per come è stato affrontato il campo.

Una gara bella, senza l’assillo di dover primeggiare a tutti i costi, tranquilli di testa e sulle gambe e con la consapevolezza di tenere testa ad una squadra più attrezzata.

A fine partita ricevere i complimenti da parte dei tecnici, del direttore sportivo e dei supporter al seguito è stato il coronamento per la buona prestazione vista in campo.

Con un 14/25, 18/25 e 20/25 la compagine pugliese consolida il quarto posto in classifica e mette una seria ipoteca ai possibili play off che si disputeranno a maggio.

I giovani pallavolisti di Villa d’Agri, impiegati per lo più nei campionati giovanili, non hanno quindi sfigurato davanti agli avversari che, nel sestetto base, contano giocatori provenienti tutti da squadre di serie “B”, con una rilevante differenza di età e di esperienza.

Scesi in campo con la giusta grinta, che dovrebbe essere la nostra arma in più per il resto del campionato. L’aspetto più rilevante è aver nuovamente riscontrato il giusto atteggiamento anche al cospetto di un team più forte ed attrezzato. Sarà fondamentale ripartire da qui per affrontare i prossimi appuntamenti.

Positiva la prestazione di tutti i ragazzi scesi in campo e, nonostante la sconfitta, vi è soddisfazione da parte dell’allenatore Dino Viggiano che ha visto finalmente ritornare in campo quella DMB Pallavolo Villa d’Agri, che eravamo abituati a veder giocare, con precisione in tutti i fondamentali, con determinazione e passione.

Per la cronaca, prima della gara, è stato osservato un minuto di raccoglimento per l’episodio inaudito che si è verificato nei pressi della stazione ferroviaria di Vaglio di Basilicata ove un tifoso di 39 anni della Vultur Rionero, squadra di Eccellenza lucana di calcio, ha perso la vita dopo essere stato investito da un'auto su cui viaggiavano alcuni tifosi del Melfi, storicamente rivale del Rionero.

Le prossime saranno due trasferte con squadre che navigano a centro classifica, il Ruffano, 5° ed il Trivianum, 8° e chissà se, con questo spirito, non si possa lottare per punti utili e risalire la classifica.

A Filiano il convegno "Il testamento biologico e i suoi profili giuridici, etici, medici e religiosi"


FILIANO - Diritti e libertà individuale del paziente, fine vita, consenso libero e informato, cure palliative. Questi alcuni dei temi affrontati a Filiano (PZ) nel corso del convegno sul Testamento Biologico, organizzato dall’Associazione Pro Loco di Filiano e dal Comune di Filiano, che si è svolto sabato 18 gennaio 2020.

Con questo incontro, l’Associazione Pro Loco ha dimostrato che la valorizzazione e la crescita di un territorio avviene anche attraverso la creazione di eventi informativi e di approfondimento su temi attuali e sentiti come il fine vita. Il Testamento Biologico, approvato con la Legge n. 219 del 2017, consente al cittadino in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, la possibilità di esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto su accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche e singole cure.

La serata è stata introdotta dai saluti della Presidente della Pro Loco, Maria Santarsiero e del Sindaco di Filiano, Francesco Santoro. Il Comune di Filiano ha aderito alla convenzione stipulata tra la Provincia di Potenza e il Distretto Notarile, al fine d’istituire un registro comunale che raccolga e conservi le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT). Nei prossimi giorni, il servizio sarà a disposizione di tutta la comunità che vorrà farne richiesta e consentirà a tutti i cittadini filianesi di rendere le proprie dichiarazioni di volontà presso l’ufficio anagrafe del Comune e di usufruire gratuitamente della consulenza svolta dai notai iscritti all’Ordine Notarile di Potenza, Lagonegro, Melfi e Sala Consilina.

La discussione su questa tematica complessa e delicata è stata affrontata tenendo conto dei suoi profili giuridici, etici, medici e religiosi ed ha potuto contare sul contributo di esperti del settore.

Il Dott. Vito Pace, Presidente Ordine Notai Distretto di Potenza, ha illustrato la disamina normativa della legge e le sue prime applicazioni operative: sono un’ottantina circa le disposizioni anticipate di trattamento registrate finora nella provincia di Potenza.

Sull’importanza della libertà di autodeterminazione nel fine vita da un punto di vista bioetico e biogiuridico, ha discusso il Prof. Rocco Gentile, Docente di Bioetica per l’Università Cattolica Sacro Cuore di Roma e Direttore del Centro di Bioetica Lucano.

Il Dott. Marcello Ricciuti, Medico Palliativista e Direttore Hospice presso l’Azienda Ospedaliera San Carlo di Potenza, ha ricordato l’importanza delle cure palliative nelle problematiche del fine vita. Infine, l’intervento di Don Gerardo Lasalvia, bibliotecario Arcidiocesi di Potenza, ha permesso di conoscere anche il punto di vista della Chiesa sull’argomento.

L’incontro, seppur affrontando un tema complesso come il Biotestamento, ha saputo coinvolgere il numeroso pubblico presente in sala, che ha seguito con interesse la discussione fino alla fine.

domenica 19 gennaio 2020

Oggi in Confindustria incontro sindacati-associazioni imprenditoriali per definire linea comune


POTENZA - Domani, lunedì 20 gennaio, alle 10, nella sede di Confindustria, a Potenza, si terrà un incontro tra le delegazioni di Cgil Cisl Uil, di Pensiamo Basilicata e di Confindustria Basilicata. Al centro della riflessione, le proposte messe a punto negli ultimi mesi dalle organizzazioni sindacali e datoriali per il rilancio della crescita e del lavoro in Basilicata con l'obiettivo di individuare proposte condivise e una linea comune per rianimare il confronto con la giunta regionale.

sabato 18 gennaio 2020

Firmato il Protocollo d’intesa tra il Comune di Ruoti e l’associazione di volontariato “Cuore e Salute”

RUOTI - È stato stipulato in data odierna un importante progetto inerente la salute e la prevenzione. Il Comune di Ruoti (PZ) ha sottoscritto con l’Associazione Onlus di Volontariato “Cuore e Salute” un protocollo che impegna entrambi le parti a collaborare per interventi su base locale, regionale ed extraregionale.

Il progetto, nella fattispecie, prevede l’installazione di un defibrillatore disponibile 24 ore su 24; la promozione e realizzazione di iniziative e attività rivolte alle famiglie e ai soggetti più deboli; la promozione e realizzazione di manifestazioni finalizzate alla prevenzione dei comportamenti a rischio; la diffusione attraverso campagne di prevenzione e la corretta educazione sanitaria; la divulgazione della conoscenza delle manovre di primo soccorso tra i cittadini e le manovre di disostruzione delle vie aeree.

Durante l’incontro, tenutosi nell’Istituto Comprensivo Michele Carlucci, alla presenza del Sindaco Anna Maria Scalise e del Presidente dell’Associazione Margherita Mecca, si è evidenziato che l’educazione alla salute e la prevenzione cardiovascolare costituiscono un obiettivo fondamentale per una vita qualitativamente migliore.

Il Sindaco Annamaria Scalise ha anche sottolineato agli studenti “il grande gesto civico dell’Avv. Rocco De Carlo, concittadino ruotese, romano di adozione per motivi lavorativi, che ha donato tre kit formativi al personale scolastico dell’I.C. di Ruoti, scuola che lui stesso ha frequentato. Un gesto non solo di forte appartenenza e legame alle sue origini, ma anche di attenzione nel voler salvaguardare e proteggere i suoi concittadini più piccoli, futuri dirigenti del proprio paese”.

L’auspicio è che il progetto possa costituire un punto di partenza condiviso per rendere omogeneo l’impegno profuso con tanta passione.

venerdì 17 gennaio 2020

Volley Serie C: la DMB Pallavolo Villa d’Agri riceve il Grottaglie


VILLA D'AGRI - Sarà molto importante per l’ambiente la sfida che domenica 19 gennaio 2020 disputerà la DMB Pallavolo Villa d’Agri, tra le mura amiche, contro il Volley Club Grottaglie.

La squadra Lucana è a corto di risultati mentre il VOLLEY CLUB GROTTAGLIE è reduce da una convincente vittoria, domenica scorsa, ai danni del Modugno con un secco 3-0.

La squadra della Città delle Ceramiche sta tentando di continuare il discorso interrotto lo scorso anno quando, solo ad una partita dalla fine del campionato, non è riuscita ad accedere alle finali promozione. Il tecnico Giovanni Marasciulli ha dichiarato già in altre occasioni come affrontare il campionato in corso: “non dobbiamo porci obiettivi ed essere realisti, puntando a fare il massimo domenica dopo domenica”. Per ora è tra le prime quattro in classifica ed in piena corsa per i play off.

Al contrario dei giovani valdagrini che, dopo la bellissima prova di Castellana, non hanno più trovato il bandolo della matassa e si sono arenati dapprima contro il forte Taviano e poi nel derby contro la P2M Potenza.

Nella decima e penultima gara del girone di andata i ragazzi dei coach Dino Viggiano e Pinuccio Logiurato devono ripartire dal basso in quanto gli ultimi risultati hanno determinato l’attuale classifica che vede i gialloblu in piena zona retrocessione.

La presidente Bianca Viggiano ritorna sulla delusione nella prestazione e sulla sconfitta maturata sul campo di Potenza dove “a parte gli episodi a sfavore ed il clima teso, la squadra ha giocato con sufficienza e soprattutto senza quella carica che una squadra in lotta per la salvezza dovrebbe avere”. La società ha fatto quadrato attorno al tecnico ed ha richiamato i giocatori al massimo impegno perché “la C è un patrimonio da non perdere”. Il tecnico ha caricato il gruppo al rientro per gli allenamenti e si dice fiducioso sui miglioramenti futuri. Dice ancora la presidente Viggiano: “Bisogna avere più cattiveria ed anche migliorare nel “mestiere” e nella consapevolezza dei nostri mezzi, perchè come “mestiere” difettiamo nei confronti delle altre squadre per questioni di età e di scarsa esperienza di gioco che abbiamo in molti elementi”.

Il momento è delicato ed allora serve un palazzetto dello sport di Villa d’Agri pieno per incoraggiare i giovani atleti a dare il massimo ed a ritrovare quella fiducia persa. L’appuntamento è per domenica alle ore 18:30.




Esser...Ci è un onore, seguite…Ci con amore, sostenete…Ci con calore.

giovedì 16 gennaio 2020

Acli di Potenza domenica a congresso

POTENZA - Le Acli provinciali di Potenza terranno il loro 26° congresso il prossimo 19 gennaio, a partire dalle ore 10, presso la sala convegni dell’Art Restaurant nel capoluogo.

Il congresso, che sarà aperto dalla relazione del presidente provinciale uscente Emanuele Abbruzzese, discuterà gli orientamenti dell’azione dell’associazione per il prossimo quadriennio ed eleggerà i nuovi organismi dirigenti.

All’assise parteciperanno circa 70 delegati in rappresentanza degli iscritti all’associazione nella provincia e dei Circoli Acli operanti sul territorio potentino.

Nella sua relazione sul tema congressuale, “Viviamo il presente, costruiamo il domani”, il presidente uscente Emanuele Abbruzzese presenterà i risultati di quattro anni di mandato, che hanno visto un consistente sviluppo dell’attività associativa e dei servizi al cittadino.

I dati in crescita sulla presenza associativa e sull’attività del Caf e del Patronato Acli, la nascita di Acli Terra e della Federazione Anziani e Pensionati, marcano decisamente un reale protagonismo delle Acli nel territorio potentino.

Le Acli provinciali, nel loro congresso, presenteranno i quattro punti irrinunciabili per lo sviluppo del territorio, su cui opereranno nel prossimo quadriennio.

L’appuntamento sarà anche occasione di confronto con le istituzioni, i sindacati, le associazioni produttive e quelle del terzo settore.

Hanno già assicurato la loro partecipazione all’evento il vescovo di Potenza mons. Salvatore Ligorio ed il sindaco Mario Guarente.

Testamento biologico: a Filiano un incontro informativo sul tema

FILIANO (PZ) - A distanza di due anni dall’approvazione della Legge n. 219 del 2017 sul Testamento Biologico sono ancora pochi gli italiani che hanno redatto le proprie disposizioni anticipate di trattamento (DAT). La Legge consente al cittadino - in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo avere acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle proprie scelte - la possibilità di esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto su: accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche e singoli trattamenti sanitari.

Molti, ancora oggi, non sono a conoscenza dell’esistenza della suddetta norma, mentre altri non sanno bene come funziona.

Allo scopo di sensibilizzare e informare correttamente i cittadini su questo argomento e sulla sua importanza l’Associazione Pro Loco di Filiano, con il patrocinio del Comune di Filiano, ha organizzato un convegno dal titolo “Testamento Biologico. Profili giuridici, etici, medici e religiosi” che si terrà sabato 18 gennaio alle ore 17.30 presso il centro sociale “Prof. G. Lorusso” in Filiano.

La serata inizierà con i saluti del Presidente dell’Associazione Pro Loco Filiano, Maria Santarsiero e del Sindaco di Filiano, Francesco Santoro.

La discussione su questa tematica complessa e delicata sarà affrontata tenendo conto dei suoi profili giuridici, etici, medici e religiosi e si avvarrà del contributo di esperti del settore: il Dott. Vito Pace, Presidente Ordine Notai Distretto di Potenza; il Prof. Rocco Gentile, Docente di Bioetica per l’Università Cattolica Sacro Cuore di Roma e Direttore del Centro di Bioetica Lucano; il Dott. Marcello Ricciuti, Medico Palliativista e Direttore Hospice presso l’Azienda Ospedaliera San Carlo di Potenza e Don Gerardo Lasalvia, bibliotecario Arcidiocesi di Potenza.

«Affronteremo un tema molto delicato» - dichiara Maria Santarsiero, Presidente Pro Loco Filiano - «ma non è fuori luogo immaginare che anche un’associazione di promozione del territorio quale la Pro Loco possa contribuire a dare informazioni sulle disposizioni anticipate di trattamento».