Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post

domenica 20 settembre 2020

Matera: Chiusura al pubblico degli uffici comunali per le operazioni di scrutinio


Martedì 22 settembre 2020 gli Uffici comunali non osserveranno il turno di rientro pomeridiano e resteranno chiusi al pubblico.

Saranno garantiti i servizi pubblici essenziali: registrazione nascite e decessi, servizi cimiteriali, Protezione civile e Polizia Locale (per attività richiesta dall’Autorità Giudiziaria, per i trattamenti sanitari obbligatori, per il pronto intervento, per la ricezione atti).

Gli uffici comunali saranno regolarmente aperti nell’orario mattutino, dalle ore 9 alle ore 12.

Lo ha disposto un’ordinanza del Sindaco, Raffaello de Ruggieri. Il provvedimento si è reso necessario in considerazione del fatto che nei giorni di domenica 20 e lunedì 21 settembre avranno luogo le consultazioni elettorali e referendarie e che il personale dipendente sarà impegnato, nella giornata di martedì 22 settembre, nelle operazioni di scrutinio relative alle votazioni nonché nei prescritti adempimenti successivi.

Sono 570.730 gli aventi diritto chiamati alle urne per l’elezione del Sindaco e dei componenti del consiglio comunale, 26.205 femmine e 24.525 maschi.

Per il Referendum i votanti nel Comune di Matera sono invece 48.155 (23.204 maschi e 24.951 femmine). Sono infatti 2.575 i materani iscritti all’Anagrafe degli Italiani residenti all’estero (Aire) che non hanno comunicato entro il termine previsto (11 agosto 2020) la volontà di esercitare il diritto di voto nei seggi elettorali allestiti dal Comune. Potranno esprimere il loro voto nelle sedi di ambasciata e nei consolati italiani all’estero.

Sono complessivamente 62 i seggi allestiti nelle scuole comunali a cui si aggiungo tre seggi speciali: 2 nell’ospedale Madonna delle Grazie e uno nella casa circondariale di Matera.

XXI Settembre, si celebra il 77° anniversario dell’insurrezione di Matera contro i nazisti


Sarà celebrato a Matera lunedì 21 settembre 2020 il 77esimo anniversario dell’insurrezione della città contro le truppe di occupazione naziste e commemorato il ricordo delle vittime di quella giornata, rendendo loro onore nei luoghi in cui sorgono le lapidi che ne ricordano il sacrificio.

La cerimonia si svolgerà quest’anno con nuove modalità in ragione delle misure previste per il contrasto alla diffusione del contagio da Covid-19 e per non ostacolare gli adempimenti connessi alla manifestazione del voto nella medesima giornata.

Le manifestazioni avranno inizio alle ore 9,30 con la deposizione di una ghirlanda di alloro al Cippo di via Lucana, proseguirà poi alle 9,45 per l’apposizione di corone di alloro in via Lucana (ex società elettrica) e, a seguire, in via Cappelluti (Camera di Commercio). La cerimonia di commemorazione terminerà in Piazza Vittorio Veneto con la deposizione di un’altra ghirlanda di alloro al Monumento ai Caduti.

Alla cerimonia saranno presenti le autorità civili e militari della città.

sabato 19 settembre 2020

Perrino (M5S Basilicata): "Buon lavoro all’osservatorio sul gioco d’azzardo patologico"


POTENZA - Gianni Perrino, portavoce del M5S Basilicata in Consiglio Regionale, ha augurato buon lavoro all’osservatorio sul gioco d’azzardo patologico. Queste le sue parole: "Apprendiamo con soddisfazione dell’insediamento dell’osservatorio regionale sul gioco d’azzardo patologico. Era ora, meglio tardi che mai!

Finalmente parte l’attività di uno strumento fondamentale previsto dalla L.R. 30/2014 recante “Misure per il contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico (G.A.P.)”. Sull’attivazione dell'osservatorio abbiamo spesso spinto durante la nostra attività perché lo riteniamo una delle armi più efficaci rimaste in piedi nell’impianto della norma.

Ricordiamo che uno dei primi passaggi legislativi della maggioranza è stato proprio quello di azzoppare la legge regionale in vigore, andando ad ammorbidire il distanziometro ed a salvaguardare le attività già autorizzate che non lo. Per fortuna la maggioranza ebbe la decenza di cassare una modifica che prevedeva l’inserimento, tra i membri dell’Osservatorio regionale sul GAP, di alcuni “rappresentanti delle associazioni di gioco di Stato”.

Oggi vogliamo augurare buon lavoro a tutti i membri dell’osservatorio nella speranza che la sinergia tra i componenti possa portare risultati concreti in questa battaglia di civiltà".

venerdì 18 settembre 2020

Il M5S Potenza oggi in diretta da Largo Trinità


MATERA - Il #Movimento5Stelle di #Potenza sarà in diretta da Largo Trinità a Potenza venerdì 18 settembre 2020 dalle ore 17:00 alle 21:00 con il rispetto delle distanze e delle precauzioni anti Covid per illustrare le ragioni del #Si in vista del voto referendario del 20 e 21 settembre 2020. Una Agorà a cui parteciperanno, il Consigliere Comunale Marco Falconeri, la senatrice Agnese Gallicchio, senatore Arnaldo Lomuti e il deputato Luciano Cillis.

Morte Irazoqui, il messaggio di Raffaello De Ruggieri


MATERA - Il sindaco di Matera Raffaello De Ruggieri ha voluto inviare un messaggio di cordoglio per la morte dell'attore Enrique Irazoqui. Queste le sue parole: "Esprimo il mio cordoglio e quello della comunità di Matera per la scomparsa di Enrique Irazoqui, un attore fortemente legato alla città in cui è tornato anche recentemente in occasione delle iniziative previste per il 2019. La sua interpretazione del Cristo nel film Il Vangelo Secondo Matteo di Pierpaolo Pasolini, la violenza del suo sguardo per cui il regista lo aveva scelto per la parte, il bianco e nero della pellicola esaltato dal sole “ferocemente antico” dei Sassi, hanno contribuito a riportare i riflettori su Matera, città senza tempo e set senza confini.

Irazoqui aveva un rapporto d’affetto con i cittadini di Matera, con quella città che aveva trovato profondamente cambiata nelle sue ultime visite, ma che ha conservato quel vitalismo caratteristico della gente contadino che tanto lo aveva colpito. Matera ricorderà sempre Irazoqui come un amico e un ambasciatore della città".

giovedì 17 settembre 2020

M5S Basilicata: "I cittadini di Melfi chiedono l'intervento del Capo dello Stato"


POTENZA - Gianni Leggieri e Carmela Carlucci, Consiglieri regionali del MoVimento Cinque Stelle di Basilicata, sono intervenuti sull'argomento Monte Crugname. Secondo i due: "Il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica fa ritornare sui propri passi la Soprintendenza archeologica della Basilicata. Occorre vigilare per impedire altri scempi ambientali. Nei giorni scorsi alcuni cittadini, residenti ed imprenditori operanti nelle vicinanze di Monte Crugname, nel territorio del Comune di Melfi, hanno notificato alla Regione Basilicata e ad altre controparti, compresa la Cementeria Costantinopoli di Barile, un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. I ricorrenti chiedono l’annullamento della delibera dirigenziale dell’Ufficio Compatibilità ambientale del Dipartimento del 27 aprile scorso con la quale si concludeva positivamente la conferenza di servizi relativa alla realizzazione di una cava di quarzareniti da parte della società Cementeria Costantinopoli. Il ricorso straordinario, che annovera tra i ricorrenti pure le associazioni “Per la tutela dell’Ambiente e della Salute Basilicata” e “Liberiamo la Basilicata", è stato presentato dagli avvocati Mattia Crucioli, Arnaldo Lomuti, Alessia Tiragallo e Gennaro Grimolizzi. Oltre a Crucioli e Lomuti, senatori della Repubblica del MoVimento Cinque Stelle, anche un altro esponente pentastellato, l’onorevole Luciano Cillis sta sostenendo convintamente questa battaglia a fianco di cittadini e imprenditori.
Con questa battaglia - appena iniziata e di cui abbiamo sostenuto convintamente ogni spesa legale - abbiamo potuto constatare le grandi preoccupazioni della popolazione di Melfi e delle sue frazioni.

I cittadini stanno dimostrando un notevole attaccamento verso il territorio e verso una località che va preservata dai tentativi di attacchi da parte degli sfruttatori di turno. Noi, come sempre, saremo al fianco delle popolazioni che rivendicano la tutela dell'ambiente e della salute e porteremo sempre le loro istanze nella massima istituzione locale: il Consiglio regionale.

Il sito di Monte Crugname è ritenuto di grande valore naturalistico e paesaggistico, a poca distanza dai laghi di Monticchio e dal Parco regionale del Vulture, recentemente istituito. Giustificate le preoccupazioni dei cittadini di Melfi, dei residenti e degli imprenditori che operano in quella zona. La realizzazione di una cava di quarzareniti darebbe un duro colpo alle attività imprenditoriali locali e porrebbe una serie di questioni di carattere ambientale. Si pensi ai problemi legati alla rumorosità, alle vibrazioni e alle emissioni di polveri. Gli avvocati Crucioli, Lomuti, Tiragallo e Grimolizzi hanno evidenziato una serie di anomalie nell’iter autorizzativo della cava. L’area di Monte Crugname, contrariamente a quanto dichiarato dall’azienda che vorrebbe svolgere le attività di estrazione, è caratterizzata da un’elevata valenza naturalistica con habitat naturali e seminaturali in equilibrio da millenni con le attività agro-silvo-pastorali. Tale area rappresenta le specificità e l’identità del territorio del Vulture-Melfese e ospita produzioni agroalimentari di assoluta eccellenza.

Il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica è stato notificato altresì alla Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio della Basilicata, che lo scorso 5 settembre, proprio in riferimento alla delibera dirigenziale dell’Ufficio Compatibilità ambientale del Dipartimento del 27 aprile 2020 impugnata, ha voluto fare un passo indietro, sospendendo “in via cautelativa il parere rilasciato a tutela del paesaggio interessato dalla realizzazione del progetto di coltivazione e mineraria della cava in località Monte Crugname". Secondo la Soprintendenza, è molto probabile che sull’area interessata insistano evidenze archeologiche riguardanti la presenza di una viabilità antica.

Chi adesso vuole vestire i panni del paladino dell'ambiente farebbe bene a ritirarsi in un rispettoso silenzio".

mercoledì 16 settembre 2020

M5S Basilicata: San Nicola di Melfi, osservato speciale


MELFI - Carmela Carlucci, Gianni Perrino e Gianni Leggieri del Movimento 5 Stelle Basilicata in Consiglio Regionale sono intervenuti sul tema operai e Covid-19. Queste le loro parole: "La FCA di Melfi ha ripreso a produrre a pieno regime: e a richiedere straordinari agli operai. L’immagine di ritrovata prosperità dell'azienda automobilistica si contrappone, tuttavia, alle preoccupazioni per il non ancora debellato Covid-19.

Migliaia di operai dalla Basilicata e dalle vicine Puglia e Campania, ogni giorno, raggiungono il polo industriale di San Nicola di Melfi, dove si registra la più alta concentrazione di fabbriche dell’intera regione. E nelle ultime ore sta purtroppo aumentando, lentamente, il numero dei contagiati.

Fortunatamente, la progressione del contagio sembra essere, al momento, contenuta; ma non possiamo permetterci in alcun modo di abbassare la guardia. Al contrario, chiediamo al Presidente della Regione di prestare la massima attenzione all'area di San Nicola di Melfi che − a causa dei suoi importanti flussi e della sua altissima densità di lavoratori provenienti dalle zone più disparate − deve costituire l'”osservato speciale”.

È indispensabile monitorare strettamente la situazione, verificare che tutte le misure anti-covid − sui mezzi di trasporto e all'interno delle fabbriche − siano rigorosamente osservate.

È necessario mettere in sicurezza tutti gli operai e le loro famiglie. Pertanto, chiediamo che sia effettuato il tampone a tutti i lavoratori, non solo a coloro che hanno avuto maggiori contatti con le persone attualmente contagiate. La sistematica sanificazione degli spazi, i tamponi e l'effettivo distanziamento interpersonale sono gli unici strumenti a nostra disposizione per evitare, o almeno scongiurare, l'esplosione del contagio.

San Nicola di Melfi e la riapertura delle scuole sono i due fronti su cui si testerà la tenuta delle misure di sicurezza messe in atto dalla nostra Regione.

In ballo c'è la salute di noi tutti. Vietato commettere errori di distrazione", hanno concluso i pentastellati.

Conte: "Se perdiamo la sfida sul Recovery Fund avete il diritto di mandarci a casa"



ROMA - Ieri, a Norcia per visitare la nuova scuola superiore De Gasperi-Battaglia, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato della sfida sull'utilizzo dei fondi Ue. Poi il pensiero si è rivolto ai ragazzi che hanno appena iniziato l'anno scolastico: "Avete ragione, massimi sforzi per voi"

M5S Filiano (Pz): presentati i punti principali del programma comunale

'  
FILIANO (PZ) - Il Movimento 5 Stelle di Filiano (PZ), il candidato sindaco Canio Mancuso e i 12 componenti la lista, hanno presentato in tutti i quartieri e contrade del comune il programma amministrativo per le elezioni di domenica e lunedì prossimi.

I punti principali del programma caratterizzati dal titolo “Filiano riparte” sono i seguenti:

Emergenza Covid. Per preservare la tranquillità della comunità riguardo la pandemia in corso, verrà effettuata un’indagine sierologica a tappeto su tutti i nuclei familiari del comune. A tal fine sarà stipulato un protocollo d’intesa tra il Comune, l’Asp e la Croce Rossa.

Tutela ambientale e decoro urbano. Per questi due aspetti il M5s di Filiano prevede il potenziamento della videosorveglianza; l’adozione di un’app per la segnalazione di situazioni di degrado; una serie di interventi per la tutela del verde pubblico e il rifacimento del manto stradale; la progettazione di un piano per le antenne; l’installazione di prese d’acqua per i vigili del fuoco; la realizzazione di una pista per elicotteri.

Anziani. Verranno attivate due linee di intervento: uno sportello sociale, attraverso il quale erogare servizi per l’assistenza domiciliare di carattere sociosanitaria; individuazione di spazi e/o immobili pubblici da riqualificare per organizzare eventi mirati alla terza età.

Appalti e fondi europei. Verranno rivisti i meccanismi con cui il Comune aggiudica appalti e assegna i lavori, evitando la logica del massimo ribasso e introducendo il principio dell’offerta economicamente vantaggiosa, ovvero saranno premiate altri requisiti di un’offerta oltre al ribasso. Inoltre, verranno creati elenchi di professionisti residenti nel territorio per poter selezionare in modo trasparente per l’eventuale assegnazione di incarichi.

Fondi europei. Saranno attivati contatti e rapporti istituzionali nazionali e europei per poter intercettare fondi pubblici a gestione diretta e finanziare i progetti previsti dal programma amministrativo.

Economia circolare. Per avviare percorsi di economia circolare, verrà data un’accelerazione verso l’obiettivo rifiuti zero, aumentando la quota di differenziata, promuovendo il compostaggio e, soprattutto, creando un ecocentro per lo smistamento ed il primo trattamento dei rifiuti.

Comunità energetica. Saranno incentivati soluzioni energetiche innovative e sostenibili, quali pannelli fotovoltaici e impianti minieolici a basso impatto visivo. Quindi l’energia prodotta sarà immessa in rete, realizzando l’idea di una rete elettrica di comunità.

Acqua. Verrà completata la rete fognaria e recuperate le fonti sorgive e, prima di tutto, verrà realizzata la casa dell’acqua.

Ampliamento territorio comunale. Sarà avviato l’iter per sostenere la richiesta di alcune contrade, tra cui Castel Lagopesole, di aderire al comune di Filiano. Pertanto, come previsto dalla legge, verrà proposto un referendum consultivo, i cui risultati saranno presentati alla Regione, che ha facoltà di ridisegnare i confini comunali.

Economia locale. Per rimettere in moto l’economia locale, saranno sostenute le filiere agricole (vino, olio, ortaggi, frutta, formaggi) promuovendo mercati rionali e consorzi. Inoltre, verranno incentivate iniziative di nuove coltivazioni innovative, quali canapa e soia, e di prodotti come il lanital.

Per il pecorino di Filiano Dop verrà rafforzata la filiera del prodotto sostenendo sia chi già lavora nel settore, sia chi volesse fare investimenti. Inoltre, verrà riprogettata l’organizzazione della sagra, rivedendo l’utilizzo delle risorse economiche disponibili.

Turismo. Per il turismo saranno creati appositi pacchetti turistici locali per le riserve antropologiche de “I Pisconi” e di “Agromonte-Spacciaboschi” e poi verranno resi percorribili i tratturi regi e i sentieri naturalistici.

Infine, tra gli altri punti del programma comunale, il M5S di Filiano si impegnerà per attuare una serie di interventi per la scuola plastic free, per il trasporto scolastico gratuito, per il sostegno alle associazioni sportive, per la copertura dei campi di tennis e calcetto, per il riuso degli edifici e la rigenerazione degli spazi pubblici, per i percorsi della salute e per continuare a dire No alle estrazioni di petrolio e alla rete digitale 5G.

Oltre a tutto questo, l'ultimo giorno di campagna elettorale verrà presentato un “sogno”. Un “sogno” che conterrà un grande progetto per il futuro di Filiano.

Leggieri (M5S Basilicata): "Distruggere è più facile che costruire"


POTENZA - Gianni Leggieri, Consigliere regionale del MoVimento Cinque Stelle, è intervenuto sulla ultime riflessioni delle forze di opposizione in Consiglio Comunale, che secondo lui: "Ripropongono argomentazioni ripetute di continuo tanto a Palazzo Calvini quanto al suo esterno e hanno un ispiratore ben preciso. Un ispiratore che continua a mal digerire insuccessi politici e che spera ancora di fare della politica la sua unica collocazione nel mondo. Un ispiratore che sguinzaglia da buon mandriano i suoi giannizzeri del web per provocare, dileggiare, diffamare, gettare fango su Venosa e sulla laboriosità dei suoi cittadini. Proprio lui, che dopo tanti anni nell’agone politico, invece che farsi guidare dalla saggezza e dall’equilibrio ha continui riversamenti di bile, sussulti di rabbia ed attacchi isterici. Atteggiamenti che di certo non lo aiuteranno a coronare il suo sogno: diventare Sindaco di Venosa.

L’Amministrazione comunale del MoVimento Cinque Stelle si trova, in un momento storico incredibile, a dover affrontare tante situazioni spinose. Non è certo una scusante questa, ma non possiamo dimenticare quanto accaduto negli anni passati e di recente, neppure dodici mesi fa. Io sono il primo a chiedere quella inversione di marcia, quel mordente in più che deve avere alla base di tutto il rispetto delle persone e delle professionalità.

Non posso però tollerare attacchi scriteriati verso persone perbene, che si vogliono far passare per altro, alla stessa stregua di chi li attacca, di chi è abituato a distruggere e mai a costruire. A farle passare con le stesse sembianze del famigerato ispiratore potentino-venosino. Questi ultimi ha il barbaro coraggio di pontificare su come ci si rapporta con il prossimo. Di parlare di onestà! Proprio lui!!! Siamo al paradosso dei paradossi.

Visto che si continua a ridicolizzare l’avversario politico salendo in cattedra e bollandolo come incapace ed incolto, non ho certo bisogno di replicare con il Bignami in mano per dimostrare di essere un abile citazionista. Voglio comunque ricordare alcune parole di Victor Hugo, che i “sapienti” dell’opposizione sicuramente conoscono:

“Certe persone sono cattive unicamente per bisogno di parlare. La loro conversazione, chiacchiera nei salotti e cicaleccio nelle anticamere, somiglia a quei camini che consumano presto la legna: occorre loro molto combustibile, il prossimo”.

martedì 15 settembre 2020

Sibilia (M5S): "A Matera un presidio fisso dei Vigili del Fuoco tra i Sassi"

 
ROMA - Il sottosegretario all'Interno Carlo Sibilia è intervenuto in occasione della visita odierna al comando dei Vigili del Fuoco di Matera. Queste le sue dichiarazioni:

"Massima attenzione a Matera che è una città che cambia, che sta incrementando le proprie necessità di sicurezza e soccorso. Avendo ascoltato tutte le sigle sindacali e raccolto le necessità del comando, mi sono impegnato ad incrementare le unità operative su Matera e Potenza, nell’ambito delle 440 nuove assunzioni nei Vigili del Fuoco previste per il territorio nazionale. In particolare, sarà importante ripristinare il prezioso servizio svolto in occasione di Matera 2019 dai pompieri nei Sassi di Matera: lavoreremo affinché diventi un presidio fisso immediatamente disponibile, a tutela di cittadini e turisti".

Potenza: Cillis sul Ddl Van: "Caiata prenderà provvedimenti?"


ROMA - L'on. Luciano Cillis (M5S) Portavoce alla Camera, componente della XIII Commissione (Agricoltura) è intervenuto sul DDL Van. Queste le sue parole:

L’articolo principale del progetto di legge contro misoginia e omofobia – Ddl Van - richiede che le protezioni, attualmente in vigore per le etnie e l’orientamento religioso (già garantite dalla legge Mancino del 1993), vengano estese anche all’orientamento sessuale.

In caso di violazione della approvanda legge, commettendo violenza o incitando a
commetterla nei confronti di un’altra persona sulla base dell’orientamento sessuale, i colpevoli verrebbero puniti col carcere. Fino a 6 anni.

Non necessita un Comunicato Stampa, per esternare lo sdegno alla mozione dei consiglieri proponenti di Fratelli d’Italia e sulla ignobile affermazione omofoba del consigliere di Fratelli d’Italia di Potenza, l’avv. Napoli che ritiene "l'omosessualità contro natura”.

Neanche mi meraviglia che il sindaco leghista della città di Potenza abbia accettato l’impegno “a manifestare presso il Parlamento della Repubblica Italiana” per ribadire - a nome di tutti i potentini quindi - la più ferma opposizione all'approvazione di una legge” (il disegno di legge Zan contro l'omotransfobia) ritenendolo “liberticida, perché andrebbe a violare la libertà di pensiero, la libertà di parola, la libertà di opinione, la libertà di associazione, la libertà di stampa, la libertà di educazione, la libertà di insegnamento e la libertà religiosa”.

Ho atteso 24h prima di scrivere, perché auspicavo che l’on. Salvatore Caiata, intervenisse e prendesse provvedimenti, quale coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, eletto però con i voti dell’elettorato del M5S che, anche su questo tema, ha una visione opposta dal partito della Meloni di cui, oggi fa parte, l’on.Caiata.

Ecco, questo mio Comunicato, è per invitare l’on. Caiata ad esprimersi sulla questione ma anche per contrastare, con forza, un passaggio della mozione in cui hanno scritto: “Tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2018 si registrano 66 segnalazioni per aggressioni verbali o fisiche verso persone omosessuali e transessuali.

Non risulta, pertanto, all'evidenza dei dati, che in Italia ci sia un allarme sociale per questo genere di fenomeni discriminatori, tale da giustificare l’adozione di un provvedimento mirato”.

A lor signori, mi permetto di ricordare che solo qualche giorno fa, ad Acerra, una donna è stata uccisa in nome proprio di quella “libertà” che il Ddl Van permetterebbe di punire con la severità che merita e che la maggioranza di destra del Comune di Potenza …. non vuole!

ISIA a Matera, approvato dal Comune il Protocollo per l’istituzione del centro di alta formazione per il design


MATERA - La Giunta comunale ha approvato il protocollo d’intesa per l’apertura dei corsi dell’Isia, l’Istituto superiore delle industrie artistiche, istituzione di alta cultura dedicata al design facente parte del comparto AFAM del Ministero dell'Università e della Ricerca. Sarà la prima città del Sud ad avere una sede dell’ISIA. Si insedierà nei Sassi di Matera nell’area del Casale. Sarà collegata all’Istituto presente a Roma, il più antico d’Italia.

Nell’area formativa, gli studenti impareranno a progettare oggetti, insieme di oggetti e processi di rigenerazione ambientale, analizzandone funzioni e caratteri formali, nel solco della grande tradizione del design italiano.

A Matera saranno quindi presenti, oltre alla Scuola di alta formazione dell’Istituto centrale del restauro di Roma che è insediata nell’ex convento di Santa Lucia alla Fontana, la sede distaccata del Centro nazionale sperimentale di cinematografia di Roma, con corsi di regia e produzione filmica, che troverà spazio nell’ex sede dell’Unibas in Via Lazazzera, le Residenze artistiche teatrali, inserite nel programma pluriennale del MiBACT, che avrà il Teatro Quaroni di La Martella come centro nevralgico, e l’Isia, nell’area del Casale.

Si tratta di istituzioni che rilasciano diplomi equiparati legalmente al titolo di laurea.

Si chiude così la strategia comunale di creare centri di alta formazione, in cui ha la qualità degli uomini e delle professionalità diviene essenziale per le attività di produzione della cultura.A questi presidi di eccellenza culturale, si affiancheranno le “industrie pensanti” dell’Hub di San Rocco e della Casa delle Tecnologie emergenti, nella consapevolezza che, oggi, l’intelligenza artificiale, gli algoritmi e le manifatture digitali che costituiscono fattori essenziali dell’economia della conoscenza, modificano radicalmente il modo con cui si forma la ricchezza dei territori.

Il M5S Potenza sulla proposta di legge Zan


POTENZA - Il M5S Potenza è intervenuto sulla proposta di legge Zan. Queste le dichiarazioni:
"Prendiamo le distanze da una maggioranza Comunale che Sindaco compreso ha votato a favore di una mozione per contrastare la proposta di legge Zan finalizzata invece a tutelare le vittime di violenza basate sul genere e la discriminazione sessuale.

Dopo ampio dibattito il voto della maggioranza è stato motivato più volte e ribadito con forza e convintamente.

Ci separa un abisso dai presupposti ideologici di quella politica che in Consiglio Comunale ha sancito con il proprio voto che l'omosessualità è contro natura.

Le citazioni del fascismo e degli autori della base di pensiero della della destra italiana come Evola autore della teoria della razza, Malaparte protagonista della marcia su Roma introdotti nell'assise comunale che dovrebbe parlare principalmente dei problemi della città dimostra quale sia il baratro tra la realtà sociale che stiamo vivendo e la parte politica che dovrebbe amministrare la nostra città.

Un tentativo mal riuscito di condizionare Potenza sulla base di ideologie sconfitte dalla Storia.

La prova del fallimento di una azione amministrativa senza lungimiranza e vecchia come le sue ideologie."

lunedì 14 settembre 2020

Corrado (M5S Senato): "Save Matera"

ROMA - La senatrice Margherita Corrado del M5S - Commissione Cultura è intervenuta sulle modalità di esecuzione dei lavori legati ai parchi tematici “Preistoria” e Civiltà Rupestre” del “Parco della Storia dell’Uomo”. Queste le sue parole:

"A margine della seduta del Senato di giovedì 10 settembre, è stata pubblicata una interrogazione a mia prima firma che dà voce al malcontento diffuso a Matera, tra i cittadini e le associazioni più attenti ai valori ambientali e culturali, per le modalità di esecuzione dei lavori legati ai parchi tematici “Preistoria” e Civiltà Rupestre” del più articolato “Parco della Storia dell’Uomo”, cuore del CIS “Matera Capitale della Cultura Europea 2019”.

Nel merito, ho chiesto ai ministri Franceschini e Costa innanzi tutto come intendano garantire la tutela dei valori culturali, paesaggistici e ambientali della Murgia Materana e dell'intero sito Unesco.
Al primo, in particolare, se non ritenga di rapportarsi con la Commissione nazionale italiana per l'Unesco per valutare l'opportunità di disporre una visita ispettiva, atta a chiarire la situazione e imporre, per il futuro, una sorveglianza dei cantieri più stringente, data la rilevanza dei valori in gioco.

Più in generale, l’ho sollecitato per l’ennesima volta a bandire al più presto concorsi per l'assunzione a tempo indeterminato di nuovo personale, scongiurando il rischio che interventi della portata, complessità e delicatezza del CIS-Matera sfuggano all'indispensabile controllo quotidiano dei dipendenti ministeriali, finendo per arrecare danni irreparabili, in nome di una malintesa valorizzazione, al patrimonio che, sulla carta, dovrebbero promuovere e aprire alla fruizione."

Conte e il videomessaggio al mondo della scuola


ROMA - Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in vista dell'inizio dell'anno scolastico in 12 regioni italiane, ha voluto parlare a studenti, docenti e personale ata. "Ci saranno difficoltà", ha anche detto il premier.


domenica 13 settembre 2020

Leggieri (M5S): "Aldo Radice vuole mandare a casa chi non gli piace"


POTENZA - Gianni Leggieri, consigliere regionale del MoVimento Cinque Stelle di Basilicata, ha affermato che Aldo Radice vuol fare il costituzionalista e mandare a casa chi non gli piace. Queste le parole di Leggieri: "La sconclusionata uscita sulla stampa locale dell'ex consigliere regionale ed ex Presidente del Consiglio regionale, Aldo Michele Radice, la dice lunga sullo spessore della (ex) classe dirigente regionale. Nostalgico del potere e desideroso di salire in cattedra Radice elargisce consigli, ostenta una sicumera che neppure agli ex (sempre gli ex che ricorrono ...) presidenti della Giunta regionale della Regione Basilicata appartiene, si ritaglia il suo quarto d'ora di notorietà. Quanto fa male stare lontano dal palazzo.

Radice attacca a testa bassa, pensando forse di vivere nella Basilicata di venticinque/trent'anni fa, quando la classe politica locale, ebbra di potere, poteva trattare tutti con arroganza e a pesci in faccia, come sudditi e non cittadini. Il nostro ex consigliere ed ex presidente è convinto di essere l'unico ad aver letto la Costituzione e a definire a proprio piacimento chi si trova dall'altra parte politica un ignorante, uno scansafatiche, un politichino. Proprio lui fa la predica. Proprio lui, con i suoi valzer nelle appartenenze a partiti vari (Democrazia cristiana, Asinello, Pino loricato, ecc..., ecc...), ha la saccenza di dare la patente di capace o incapace in politica o nelle istituzioni. Come se i disatri che la Basilicata vive oggi (disoccupazione, isolamento, povertà, assenza di servizi, crisi del mondo produttivo), fossero casuali o frutto degli ultimi due anni.

Il problema di certa classe politica o ex classe politica è rivolgere di continuo lo sguardo al passato e non aver mai voluto fare un salutare bagno di umiltà.

Purtroppo alcuni giovani politici lucani, invece di innovare le ricette politiche, pendono ancora dalle labbra di questi "famosi" esperti, che ci hanno consegnato una regione devastata da ogni punto di vista."

giovedì 10 settembre 2020

Matera: via ai lavori per la “Casa della Legalità” nei Sassi


MATERA - Sono iniziati i lavori di riqualificazione dell’immobile dei Sassi confiscato alla malavita e destinato a diventare un Centro di educazione alla gestione e alla sostenibilità del paesaggio.

L’edificio rientra nel progetto “Sassi di Legalità”, premiato dal Programma operativo nazionale Legalità (PON) con un finanziamento di 1milione di euro, che punta a rafforzare l’offerta formativa degli Istituti scolastici, e a recuperare, anche attraverso l’uso di spazi attrezzati e tecnologicamente adeguati, deficit scolastici che spesso originano il fenomeno della dispersione.

L’obiettivo è qullo di offrire ai giovani studenti, strumenti e risorse, ma anche stimoli all’apprendimento, alla conoscenza dei luoghi e dell’ambiente, favorendo e sviluppando processi di apprendimento sociale che consento una migliore conoscenza dei comportamenti relazionali, delle norme di convivenza e degli stili di vita improntati alla legalità.

L’edificio oggetto dell’iniziativa, si trova nel cuore del Sasso Caveoso ed è rivolta verso la Gravina. All’interno dello spazio riqualificato sarà realizzato un laboratorio didattico dotato, oltre che di Pc e sistema di videoproiezione, anche delle ultime tecnologie per il rilievo (laser scanner, stazioni fotogrammetriche, sistemi Gps e Georadar) con cui è possibile creare scenari in 3D per la fruizione di qualsiasi luogo, attraverso l’utilizzo di una serie di dispositivi (occhiali, orologi, scarpe, etc.) che consentono di fruire della Realtà Aumentata (AR) e Realtà Virtuale (VR). Il laboratorio disporrà anche di un drone per il monitoraggio ambientale di luoghi spesso inaccessibili.

La struttura sarà dotata anche di una mediateca e di una biblioteca tematiche contenenti le fonti storiche di Matera, la cui acquisizione da parte dell’Amministrazione è realizzata attraverso un finanziamento del Mibact.

E’ prevista anche la realizzazione di uno spazio espositivo da dedicare alla repertazione Cites (la convenzione che combatte il commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione), per rafforzare l’attività educativa e sviluppare la cultura della legalità. Al secondo piano della casa, sarà ricavata una sala conferenze da 30 posti da utilizzare per le attività formative e informative.

Link al comunicato del Ministero:

https://ponlegalita.interno.gov.it/comunicazioni/notizie/sassi-di-legalit%C3%A0-partire-dal-passato-costruire-il-futuro

Matera: nuova sede per l’Archivio di Stato


MATERA - La Giunta comunale ha approvato la delibera contenente lo schema di contratto di comodato d’uso gratuito per 30 anni, alla direzione generale Archivi del MiBACT, dell’immobile dell’ex convitto nazionale “Duni” che sarà destinato a sede dell’Archivio di Stato di Matera.

In particolare alla Direzione Archivi sarà ceduto il piano seminterrato esistente (1270 mq) e una porzione dell’ampliamento dell’edificio (400 mq seminterrato e 1070 mq piano terra) che sarà costruito dal Comune per realizzare il nuovo convitto che ospiterà gli studenti delle scuole adi alta formazione (restauro, cinema, design) e i giovani creativi che si insedieranno nell’hub digitale di San Rocco e nella Casa delle Tecnologie emergenti.

La Direzione Archivi provvederà a ristrutturare gli spazi concessi con fondi propri, mentre il Comune amplierà a proprie spese l’edificio per gli usi programmati con un investimento di 1,8 milioni di euro.

Lo schema di contratto, redatto di concerto con i responsabili della Direzioni Archivi, sarà ratificato nei prossimi giorni dal MiBACT. Successivamente saranno avviate le procedure per l’ampliamento e la ristrutturazione dell’immobile. Si concretizza così l’idea di trasformare l’Archivio di Stato, presidio strategico per attività di studio, ricerca sulla storia di una significativa area del Mezzogiorno, in un centro nevralgico della cultura grazie alla presenza nello stesso immobile, sebbene ciascuno con la propria autonomia funzionale, dei giovani talenti, che arriveranno a Matera da tutto il Paese e dall’estero per ragioni di studio o di lavoro.

Lagonegro: Pagliuca (FI), "Solidarietà alla candidata Di Lascio"

 
LAGONEGRO - “Piena e incondizionata solidarietà di Forza Italia a Maria di Lascio, candidata sindaco di Lagonegro (PZ) alle prossime amministrative, per l’aggressione subita ieri. Nessuna giustificazione contro tali comportamenti, ancora più gravi nel caso specifico, quando a manifestare violenza sono degli uomini nei confronti di una donna”. Lo afferma il coordinatore della Provincia di Potenza Nicola Pagliuca.

“E’ necessario stigmatizzare tali condotte che nulla hanno a che fare con una competizione elettorale e isolare, come ha dichiarato anche il nostro commissario il senatore Giuseppe Moles, gli autori. Non solo in difesa di Maria Di Lascio che ovviamente stimiamo e sosteniamo, ma anche per il torto fatto alla gente di Lagonegro, che ha il diritto di esprimere il proprio voto in un clima di serenità e non certo di veleno. Al netto dei risultati che verranno dalle urne e del nostro sostegno alla candidata Di Lascio, è necessario unirsi quando si tratta di combattere qualsiasi forma di violenza o discriminazione, prendendo le distanze sempre e comunque verso chi tenta di compromettere i valori della democrazia, che non è mai scontata e va difesa ogni giorno”.