Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post

giovedì 24 maggio 2018

Governo: Savona, il Quirinale dice "no ai diktat" dei partiti

ROMA - Altolà del Colle mentre alla Camera sono in corso le consultazioni di Giuseppe Conte per la formazione del governo. Nella formazione del governo, si sottolinea dal Quirinale, il tema all'ordine del giorno non è quello di presunti veti ma, al contrario, quello dell'inammissibilità di diktat nei confronti del presidente del Consiglio e del presidente della Repubblica nell'esercizio delle funzioni che la Costituzione attribuisce loro.

Il Colle sta attendendo l'esito delle consultazioni avviate stamani dal presidente del Consiglio incaricato e si aspetta una risposta da Giuseppe Conte, che ieri ha accettato l'incarico con riserva. La Costituzione infatti prevede scelte condivise tra presidente del Consiglio e Capo dello Stato sulla scelta dei ministri. La preoccupazione del Quirinale è dunque che si limiti l'autonomia del presidente del Consiglio incaricato e del presidente della Repubblica nell'esercizio delle loro prerogative istituzionali.

Salvini, "L'Ue ci chiede nuove tasse? Faremo esattamente il contrario"

(Lapresse)

ROMA - Il leader del Carroccio Matteo Salvini replica duramente alla richiesta di manovra correttiva ventilata a Bruxelles: "L'ultima cosa per tornare a crescere sono nuove tasse", scrive Salvini su Facebook.

Gli elettori, ha continuato, "ci hanno votato per fare l'esatto contrario di quel che l'Europa ci ha suggerito con la minaccia o con l'asservimento dei governi degli ultimi anni". Salvini si è quindi soffermato sull'ipotesi di Paolo Savona a ministro dell'Economia: si tratta, ha osservato il capo del Carroccio, di "una personalita' specchiata, riconosciuta e apprezzata" che, "forte della sua sapienza", potrebbe andare "ai tavoli europei non a far casino ma a rimettere in moto un motore che altrimenti è fermo" e "a ridiscutere, a ricontrattare norme, vincoli e regolamenti per il bene dei cittadini italiani".

"Qual è - ha aggiunto Salvini - il difetto del professor Savona, onestissimo e dignitosissimo professore che vorrebbe mettersi a disposizione del suo Paese che pare abbia avuto in passato dubbi sull'euro? Domando a me stesso - ha concluso il leader della Lega - se ha un senso il voto libero, democratico e sovrano degli italiani. Se questo voto va rispettato quale è il problema?".

SPREAD RIMONTA A 188 PUNTI BASE - Continua a regnare la volatilità sul secondario italiano, con lo spread che torna a impennarsi portandosi in area 188 punti base, in concomitanza con le dichiarazioni online del leader della Lega Matteo Salvini che ribadisce il suo sostegno a Paolo Savona, indicato questi giorni fra i possibili candidati al ministero dell'Economia.

Le posizioni euroscettiche di Savona non sono apprezzate dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella né dai mercati.

Lo spread Btp-Bund è balzato da area 184 punti base a 188, e alle 13,25 circa quota 186 punti base. Alla stessa ora il rendimento del decennale Btp di riferimento quota 2,38%, ai massimi di seduta.

Governo: Conte, al via le consultazioni a Montecitorio

(ANSA)

ROMA - Sono partite a mezzogiorno le consultazioni alla Camera del neopresidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella gli ha conferito ieri l'incarico di formare il governo e Conte ha accettato l'incarico con riserva, confermando la vocazione europea dell'Italia e affermando che sarà 'l'avvocato difensore degli italiani'.

Le consultazioni sono in corso di svolgimento presso la sala dei busti a Montecitorio a partire dalle 12 fino alle 19, secondo quanto si legge in un comunicato della Camera. A chiudere i colloqui sarà l'incontro con i pentastellati.

mercoledì 23 maggio 2018

Mattarella dà l'incarico a Conte, "Sarà il Governo del cambiamento"

(ANSA)
ROMA - Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito al docente universitario pugliese Giuseppe Conte l'incarico di formare il nuovo Governo. Conte ha accettato con riserva.

Il docente universitario è giunto alle 17.27 Quirinale per l'incontro con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella. Il giurista è giunto al Colle a bordo di un taxi.


Il premier incaricato, giurista, nel suo discorso, subito dopo aver ricevuto l'incarico, ha sottolineato di voler agire da "avvocato difenzore del popolo italiano". Ha esordito sottolineando la "necessità di confermare la collocazione europea". Il premier incaricato si è detto consapevole delle sfide che ha di fronte. "Il governo - ha elencato - dovrà cimentarsi da subito con i negoziati in corso sui temi del bilancio europeo, della riforma del diritto d'asilo e del completamento dell'unione bancaria: è mio intendimento impegnare a fondo l'esecutivo su questo terreno costruendo le alleanze opportune e operando affinché la direzione di marcia rifletta l'interesse nazionale".

"Il contratto su cui si fonda questa esperienza - ha detto - rappresenta in pieno le aspettative di cambiamento degli italiani. Lo porrò a fondamento dell'esperienza di governo nel pieno rispetto delle prerogative del presidente della Repubblica e della Costituzione. Voglio dar vita a un governo dalla parte dei cittadini". "Sono disponibile" a fare il premier - ha evidenziato ancora - "senza risparmiarmi, con il massimo impegno e la massima responsabilità". 

"Non vedo l'ora di iniziare a lavorare sul serio, grazie a tutti", aggiunge. "Nei prossimi giorni tornerò dal presidente della Repubblica per sciogliere la riserva e in caso di esito positivo per sottoporgli le proposte sui ministri".

"Soddisfazione" trapela dalla Lega per la convocazione di Conte da parte del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. "Pronti a partire", è il commento.

GRILLO DIFENDE CONTE E BLINDA DI MAIO - All'unisono con la convocazione del docente foggiano al Colle, Beppe Grillo difende a spada tratta il candidato M5s-Lega a Palazzo Chigi ma 'blinda' anche Luigi Di Maio.

"L’idea stessa che noi e la Lega siamo in procinto di generare una nuova forza di governo, in grado di rappresentare stabilmente un faro sempre fisso in Europa per tutti coloro che vi si smarriscono nell’avvilimento, ha scatenato i media in un’ultima offensiva", afferma dal suo blog il Garante M5s. "Sì un’offensiva - insiste Grillo - nel senso che offende la mente di chiunque sia curioso di conoscere meglio questa nuova realtà, senza nasconderla con i rigurgiti dal trapassato remoto di figure patetiche e guascone. Luigi - conclude Grillo - hai tutto il mio appoggio, dobbiamo soltanto resistere a questo ulteriore rilancio di calunnie, è soltanto la paura di chi non si è mai voluto giocare qualcosa in cui credesse veramente nella vita, di gente che crede di essere coperta da un vaccino per le sconfitte; niente di più".

Governo: Di Maio, "Su Conte violenza inaudita, nessun ripensamento"


ROMA - "Non c'è alcun ripensamento su Giuseppe Conte". A ribadirlo il capo politico di M5s, Luigi Di Maio, lasciando Montecitorio. "Quello che si sta facendo oggi è un'azione inedita e inaudita di violenza che non ricordo" in precedenza. "Più questo accade verso una brava persona - conclude Di Maio - più il nostro nome resta Conte". Di Maio ribadisce che con la Lega "siamo allineati". 

Dopo le polemiche sul curriculum, il candidato a Palazzo Chigi del possibile governo giallo-verde, e il vertice in un luogo segreto tra Di Maio, Salvini e forse anche lo stesso Conte, il percorso verso l’incarico sembra essere in qualche modo più in salita.

Potrebbe non essere oggi, quindi, il giorno in cui il presidente Mattarella conferirà il mandato. Su Conte il Quirinale non ha preso alcuna posizione e la figura del professore foggiano è sotto il suo vaglio scrupoloso.

Ma, anche alla luce delle polemiche sulla sua carriera universitaria e sull’atteggiamento assunto sul caso Stamina, la riflessione del Quirinale potrebbe durare almeno 24 ore in più del previsto.

lunedì 21 maggio 2018

Governo: Lega-M5S, chiuso accordo premier e squadra


ROMA - Nuovo incontro ieri mattina tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il capo politico M5s e il leader della Lega hanno avuto un faccia a faccia durato circa due ore, dalle 11 fino alle 13.

Il colloquio si è tenuto in un luogo che viene definito "privato", lontano da giornalisti e telecamere.

"Stamattina - ha detto Matteo Salvini durante un comizio a Fiumicino e parlando dell'incontro avuto in mattinata con Luigi Di Maio - abbiamo chiuso l'accordo sul premier e sulla squadra di ministri. Speriamo che nessuno metta veti su una scelta che rappresenta la volontà della maggioranza degli italiani".

Il segretario leghista aveva garantito sabato che a Palazzo Chigi non andranno né lui né il capo politico dei M5s. Ma "abbiamo delle idee" su una figura 'terza' ai partiti, ha spiegato dopo aver votato, a Milano, in uno dei mille gazebo che - dice - hanno accolto oltre 100 mila persone nel referendum sul contratto di governo.

Monito al futuro Governo italiano dal ministro francese dell'economia, Bruno Le Maire, che mette in guardia dal rischio che la stabilità della zona euro sia "messa a rischio" dal nuovo governo. "Se il nuovo governo non rispetterà i suoi impegni sul debito, sul deficit, ma anche sul consolidamento delle banche, l'intera stabilità finanziaria della zona euro sarà minacciata", ha avvertito nel corso di una trasmissione televisiva.

Amministrative: PRI Brindisi presenta la lista dei candidati al Consiglio comunale


Giovedì 24 maggio, alle ore 18.00, presso la sala conferenze dell'Hotel Orientale di Brindisi, vi sarà la presentazione della lista dei candidati al Consiglio Comunale del Partito Repubblicano Italiano di Brindisi. Interverranno il candidato Sindaco Avvocato Roberto CAVALERA ed il Segretario Nazionale del Partito Dottor Corrado DE RINALDIS SAPONARO.

Governo: Giuseppe Conte premier pugliese all'orizzonte


di NICOLA ZUCCARO - Dopo Aldo Moro, un altro pugliese potrebbe fare il suo ingresso a Palazzo Chigi. Si tratta del 54enne Giuseppe Conte, originario di Volturara Appula, in provincia di Foggia. E' quanto trapela da ambienti vicini al Movimento 5 Stelle a poche ore dalla convocazione del rispettivo leader Luigi Di Maio al Quirinale e di quello della Lega, Matteo Salvini. Entrambe, nel pomeriggio di lunedì 21 maggio, potrebbero proporre al presidente della Repubblica questo nome. Giuseppe Conte attualmente insegna Diritto privato all'Università di Firenze.

domenica 20 maggio 2018

No Tav, Di Maio: "Diremo alla Francia che non serve"


ROMA - Nel contratto di governo tra Movimento 5 Stelle e la Lega "c'è il blocco di un'opera che è inutile. Andremo a parlare con la Francia e gli diremo che la Torino-Lione poteva valere trent'anni fa, ma non più oggi. Non serve più". A dichiararlo il leader pentastellato, Luigi Di Maio, che a Ivrea ha dato inizio al tour per illustrare l'accordo di governo con il Carroccio.

Il leader politico M5S, durante il suo intervento a Ivrea, ha definito quella contro la Tav "una battaglia storica, che molti anni fa ha dato inizio a tutto questo".

Intanto migliaia di persone si sono radunate in bassa Valle di Susa per partecipare al corteo No Tav da Rosta a Avigliana. Vi sono anche alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle e consiglieri comunali pentastellati di Torino tra i presenti. Hanno aperto il corteo i sindaci di diversi paesi della valle.

sabato 19 maggio 2018

Antonino (PRI): "Spirale criminale in Brindisi va assolutamente fermata"

Brindisi ha vissuto ieri l’ennesima notte di paura. All’attentato dinamitardo di due giorni addietro, che ha distrutto un esercizio commerciale in Piazza Vittoria, ha fatto seguito una sparatoria nel pieno centro storico, in uno dei luoghi più frequentati dalle giovani generazioni.

Persone su uno scooter e con il viso travisato hanno esploso colpi di arma da fuoco nei confronti di un giovane, senza alcun riguardo per il rischio di colpire nel mucchio.

Questa spirale criminale va assolutamente fermata. Il rischio altrimenti è che la città si ritragga definitivamente nel proprio privato e divenga luogo in cui spadroneggiano coloro che hanno fatto dell’uso della forza e dell’arma dell’intimidazione il loro verbo preferito.

Occorre una forte azione di prevenzione e di repressione da parte delle forze dell’ordine. Brindisi ha bisogno “di più Stato”. Ma occorre anche che tutte le forze sane della città siano capaci di stipulare un “patto per lo sviluppo e la sicurezza” che costituisca un modello alternativo rispetto a quello prospettato dalle organizzazioni criminali.

Bisogna investire in educazione, senso civico, amore per la legalità. Offrire concretamente ai giovani la possibilità di realizzare nella nostra terra il proprio progetto di vita, trattenendo in città le migliori energie, che altrimenti rischiano di migrare altrove.

Nel costruire un nuovo modello di sviluppo anche i giovani devono essere protagonisti. La Federazione Giovanile Repubblicana da tempo è impegnata in questo percorso.

Siamo certi che l’Amministrazione che si andrà ad insediare non si sottrarrà all’impegno di restiture a Brindisi la speranza in un futuro diverso.

Bisogna crederci, tutti insieme, oltre le appartenenze e gli schieramenti, ricostruendo quel clima di coesione sociale che è presupposto indispensabile per lo sviluppo e per la prevenzione di fenomeni criminosi. Così in una nota Gabriele Antonino, Segretario Federazione Giovanile Repubblicana Brindisi.








venerdì 18 maggio 2018

Governo: pubblicato il contratto di governo M5S-Lega


ROMA - Consta di trenta punti elencati in 57 pagine il “Contratto per il governo del cambiamento” pubblicato oggi da Lega e M5s. Il contratto ha come incipit il “funzionamento del governo e dei gruppi parlamentari” e si chiude con Università e ricerca. Tra i temi che sono toccati ci sono il conflitto di interessi; debito pubblico e deficit; flat tax; “immigrazione: rimpatri e stop al business”; lo “stop alla legge Fornero”; i campi nomadi; l’Unione europea.

“Il presente contratto di governo – si legge nella premessa – è valido per la durata della XVIII legislatura repubblicana” e “le parti si impegnano ad attuare questo accordo in azioni di governo, nel rispetto della Costituzione Repubblicana, dei principi di buona fede e di leale cooperazione e si considerano responsabili, in uguale misura, per il raggiungimento degli obiettivi concordati”. “I contraenti – si legge ancora – si impegnano a tradurre questo contratto in una pratica di governo e sono insieme responsabili di tutta la politica dell’esecutivo”. Inoltre “stabiliranno insieme il lavoro in ambito parlamentare e governativo e si adopereranno per ottenere il consenso rispetto a questioni relative a procedure, temi e persone”.

Al via intanto (alle 10 di questa mattina), sulla piattaforma Rousseau, il voto online sul contratto di governo Lega-M5s. Si potrà votare fino alle 20. “Oggi – scrive Luigi Di Maio sul blog delle stelle – si è finalmente definito in tutte le sue parti il contratto per il governo del cambiamento. Sono davvero felice. Sono stati 70 giorni molto intensi, sono accadute tantissime cose, ma alla fine siamo riusciti a realizzare quanto avevamo annunciato in campagna elettorale. Un contratto di governo che vincola due forze politiche, che sono e rimangono alternative, a rispettare e fare quanto hanno promesso ai cittadini”.

Il leader M5S sottolinea che “in questo contratto non ci sono solo delle proposte, non c’è solo un’idea di Paese, non ci sono solo le nostre battaglie storiche. In questo contratto ci sono le persone che ho incontrato in campagna elettorale”, “ci sono gli italiani in questo contratto. Ci sono io in quanto cittadino italiano. Ci sei tu qui dentro. Leggi questo contratto e sentiti parte di questa ondata di cambiamento che sta per infrangersi sulle speranze di chi voleva che tutto restasse così com’era e sentiti orgogliosamente italiano oggi perchè una nuova era sta per cominciare. La cosa più bella è che ognuno di voi, come me, oggi possa dire: #IoSonoNelContratto”.

giovedì 17 maggio 2018

Governo: M5S-Lega, contratto chiuso


ROMA - E' stato chiuso il contratto di Governo tra M5S e Lega. A renderlo noto Rocco Casalino, capo della comunicazione M5S: "Ci sono stati degli applausi alla fine e ci siamo tutti abbracciati", ha raccontato.

Il programma consta di 40 pagine ed è costituito da oltre 22 punti. Ora dovrà essere sottoposto ai due leader, Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Saranno loro a dover sciogliere gli ultimi nodi: "Si tratta di 6 punti, appena 6 righe" minimizza Casalino. Nel contratto non c'è più la parte relativa all'uscita dall'euro e non sarebbe previsto nemmeno il referendum sulla moneta.

Il leader M5S Di Maio fa sapere che “dobbiamo dirimere alcune questioni, si tratta di trovare gli strumenti. Sugli obiettivi siamo d’accordo”. C'è intesa anche sull’Europa? “Sembra di sì”. Il leader dei 5 stelle ha quindi informato gli iscritti del movimento "nei prossimi giorni saranno chiamati a votare online su questo contratto di governo. La data e l'orario definitivi saranno comunicati non appena avremo il contratto ultimato e credo che ormai sia questione di ore. Ora indietro non ci si può tirare. Ora questo governo s'ha da fare. Ora l'Italia deve cambiare davvero".

mercoledì 16 maggio 2018

Leggieri (M5S): Interrogazione sulla selezione illegittima del direttore dell’Ente Parco dell’Appennino Lucano. In Basilicata la trasparenza è un optional


Con Delibera n. 1 del 29 gennaio 2018 il Consiglio Direttivo dell’Ente Parco Nazionale Appennino Lucano Val D’Agri Lagonegrese “approvava la proposta della terna dei possibili Direttori. formulata dalla Giunta Esecutiva relativa ai candidati partecipanti alla selezione per il conferimento dell’incarico di Direttore” del parco.

Le tre candidature venivano quindi proposte all’attenzione del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare ai sensi dell’art. 9 comma 11 Legge 06.12.1991 n. 394 e smi in data 23 febbraio 2018, senza però allegare la rispettiva delibera.

Il Ministero in data 26.03.2018 richiedeva all’Ente parco la trasmissione della Deliberazione n. 1 del 2018 con le proprie considerazioni rispetto all’iter seguito per la individuazione dei candidati.

In data 16 aprile 2018, il Ministero in una nota inviata all’Ente Parco faceva rilevare tutta una serie di profili di illegittimità della procedura amministrativa seguita per la selezione della terna dei possibili Direttori.

In particolare, il Ministero lamentava scarsa collaborazione istituzionale e poca trasparenza amministrativa ed evidenzia alcune gravi anomalie. Tra i profili di illegittimità fatti rilevare vi era anche il mancato inserimento nell’elenco degli abilitati allo svolgimento dell’incarico di direttore di parco proprio dei soggetti selezionati.

A seguito dei rilievi mossi dal Ministero si è proceduto all’annullamento della delibera n. 1 del gennaio 2018.

Tale situazione è stata ampiamente denunciata dagli organi di stampa ed in particolare dal giornale on line Basilicata24 in un articolo a firma del giornalista Michele Finizio.

Per tali ragioni ho deciso interrogare il Presidente della Giunta regionale e l’Assessore all’Ambiente per sapere se la ricostruzione dei fatti riportata in premessa sia corretta e se, nelle more, da parte dell’Ente Parco siano state inviate giustificazioni al Ministero competente.

In che modo si intende procedere per aumentare la trasparenza e la collaborazione istituzionale.

Se si ritiene doveroso intervenire formalmente per stigmatizzare quanto accaduto e per richiamare i soggetti che gestiscono la cosa pubblica a comportamenti più rispettosi della legge e delle procedure amministrative.

In Basilicata la trasparenza è ancora un optional.
Gianni Leggieri

Portavoce M5S Basilicata

Grillo, "Governo? Serve un pò di tempo ma arriva"


ROMA - I Cinquestelle formeranno un governo con la Lega? "Ci vorrà ancora un po' di tempo, ma accadrà - sottolinea Beppe Grillo al settimanale Usa Newsweek, rilanciandolo sul proprio blog -. Se puntiamo a ridurre le imposte per le piccole e medie imprese, se puntiamo a un reddito di cittadinanza, se vogliamo migliorare la vita delle persone, allora possiamo trovare un accordo".

"L'Unione europea in passato aveva molti meriti, ma ora è disfunzionale, ha bisogno di riforme - aggiunge il cofondatore del Movimento -. Il Parlamento europeo non ha alcun potere, le decisioni sono prese dai commissari. E se si guarda a chi siede nelle commissioni, si trova un politico circondato da sette lobbisti. Indovina chi prende le decisioni?". La visione M5S dell'Ue "si ispira al modello svizzero di democrazia diretta". Grillo sull'Euro ribadisce "siamo favorevoli a un referendum consultivo.

Potrebbe essere una buona idea avere due Euro, per due regioni economiche più omogenee. Uno per l'Europa settentrionale e uno per l'Europa meridionale".

martedì 15 maggio 2018

Governo: Ue, Italia mantenga la rotta sulla riduzione del deficit


ROMA - "Nell'approccio alla formazione del nuovo governo e nell'approccio alla stabilità finanziaria" l'Italia deve "mantenere la rotta" degli ultimi anni "riducendo gradualmente il deficit e il debito". E' l'avvertimento lanciato dal vice-presidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, durante il suo intervento ad un dibattito organizzato da Politico.eu.

Gabriele Antonino (Pri): "Si definiscano attraverso un sorteggio pubblico gli scrutatori nella città di Brindisi"

BRINDISI - In occasione delle ultime consultazioni elettorali per il rinnovo del Parlamento Italiano avevamo espresso la nostra netta preferenza per la designazione attraverso un sorteggio pubblico delle persone incaricate di svolgere le operazioni di scrutinio del voto.

In questa direzione si era pronunciata tanto la Direzione Cittadina, con una nota del Segretario Avvocato Vito BIRGITTA, quanto la Federazione Giovanile Repubblicana, rappresentata dallo scrivente.

La posizione del PRI non è mutata. Del resto alle battaglie di principio non si rinuncia in funzione della coalizione politica in cui si è collocati.

Se è pur vero che la Legge 270 del 2005 consente che la Commissione Elettorale Comunale possa nominare direttamente gli scrutatori scegliendoli tra i nominativi compresi nell’apposito albo nulla esclude che a tale designazione si possa pervenire tramite sorteggio, come puntualmente viene fatto in molti comuni italiani. Riteniamo che questo sia il metodo più obiettivo di selezione.

Quanto alla presunta preparazione di coloro i quali saranno chiamati a svolgere questo delicato compito vi sarebbe certamente il tempo per organizzare un breve corso di formazione.

La politica brindisina ha bisogno di una netta discontinuità con il passato. Per far ciò non appare sufficiente inserire nelle liste dei candidati persone che non abbiano mai ricoperto incarichi amministrativi, come ha inteso fare il Partito Repubblicano.

Occorre che vi sia un netto mutamento anche nei metodi di raccolta del consenso. Solo così sarà possible selezionare una classe dirigente veramente nuova, all’altezza del difficile compito che l’attende.

Quello che pare opportuno sottolineare è che la scelta del metodo attraverso cui selezionare gli scrutatori rimarrà una decisione individuale dei singoli componenti la Commissione Elettorale, che in nessun modo può essere riconducibile ai partiti che sostengono la candidatura alla carica di Sindaco dell’Avvocato Roborto Cavalera, ciascuno dei quali rimane libero di conservare ed esprimere la propria posizione in merito.

Gabriele ANTONINO
Segretario Federazione Giovanile Repubblicana

lunedì 14 maggio 2018

Governo, accordo M5s-Lega non si chiude. Di Maio, "Nomi non ne facciamo"

ROMA - Non si chiude l'accordo fra M5s e Lega per il nuovo governo. Il leader M5S Di Maio ha chiesto al presidente della Repubblica Mattarella altro tempo per proseguire la trattativa con Salvini. I 'tempi supplementari' chiesti dal capo politico dei 5 stelle al Quirinale serviranno sì alla definizione del contratto di governo con la Lega ma anche, ha confermato lo stesso Di Maio a consultare gli iscritti al Movimento: saranno loro “a decidere con un voto online se fare partire il governo con questo contratto oppure no”.

"Sia io che Salvini siamo d'accordo sul fatto che nomi pubblicamente non ne facciamo" ha dichiarato Di Maio al termine del colloquio con il presidente della Repubblica.

Ai colloqui al Quirinale ha partecipato la delegazione M5S, composta dal capo politico Luigi Di Maio e i capigruppo Giulia Grillo e Danilo Toninelli.

domenica 13 maggio 2018

Governo: M5S-Lega, "Pieno accordo su punti chiave"

(Credits: www.ansa.it)

ROMA - Al Pirellone vertice tra il leader della Lega Matteo Salvini e il capo politico M5s Luigi Di Maio. "La trattativa - ha detto di Maio arrivando al Pirellone - come vedete va avanti e mi riferiscono che sta andando molto bene". A chi gli chiede se la riabilitazione di Silvio Berlusconi possa avere qualche influenza Di Maio replica: "assolutamente no". Il leader dei 5 Stelle ha affermato:"Oggi è stata una giornata produttiva. Stiamo lavorando per il cambiamento dell'Italia", “sono ottimista non solo per come stanno andando le questioni attorno al tavolo, ma anche perché l’establishment e gli esponenti della vecchia politica attaccano un governo che ancora deve nascere”. A dichiararlo il leader M5s Luigi Di Maio sull'incontro con Matteo Salvini.

Già nella prima mattinata di ieri era pronta la prima bozza del 'Contratto per il governo del cambiamento': nella riunione tecnica tra M5S e Lega è stata completata una prima bozza del programma comune. La bozza sarà rivista nei dettagli nelle prossime ore.

sabato 12 maggio 2018

Governo M5S-Lega, pronta la prima bozza del 'Contratto'

(ANSA)
MILANO - Pronta la prima bozza del 'Contratto per il governo del cambiamento': nella riunione tecnica tra M5S e Lega, iniziata al Pirellone alle 14, è stata completata, a quanto apprende l'ANSA, una prima bozza del programma comune. La bozza sarà rivista nei dettagli nelle prossime ore

In cima alla copertina compaiono i simboli del M5S e della Lega.

Pri: presentata la lista dei candidati al Consiglio comunale della Città di Brindisi


BRINDISI - Presentata la lista dei candidati al Consiglio Comunale della Città di Brindisi per il Partito Repubblicano Italiano, collegata con il candidato Sindaco Avvocato Roberto CAVALERA.

Una lista composta in buona parte da donne e giovani ma in cui compaiono anche pensionati, piccoli imprenditori, casalinghe e dipendenti di aziende private.

Il PRI, nel segno di una discontinuità con il passato, ha tenuto ferma la scelta di non candidare nessuno che avesse mai ricoperto incarichi amministrativi.

Si avvia adesso la campagna elettorale che i repubblicani brindisini intendono improntare al massimo fair play privilegiando gli incontri con i cittadini nei luoghi pubblici, nelle sedi del Partito e nei comitati elettorali per illustrare le idee e ed i programmi sula base dei quali è stata raggiunta l'intesa con la coalizione che sostiene la candidatura alla carica di Sindaco dell'Avvocato Roberto CAVALERA.

Non resta che augurare ai brindisini un "buon voto", libero da condizionamenti e orientato esclusivamente a garantire un governo efficace ed autorevole alla città di Brindisi.

ELENCO CANDIDATI PARTITO REPUBBLICANO ITALIANO

1 ALTAVILLA Samara
2 ANTONINO Gabriele
3 CARBONE Luca
4 CHIECHI Francesca
5 CHIRICO Cosimo
6 COLONGHI Marco
7 CONOCI Annapaola
8 CRUDO Annarita
9 DELLEGROTTAGLIE Roberta
10 DE SANCTIS Antonio
11 DI PRESA Tommaso
12 DIVIESTO Lucia
13 DI NOI Mirko
14 LAZZARI Fausto
15 LO VECCHIO Giuseppe
16 MAGGIO Lorenza detta Enza
17 MAGRI' Annamaria
18 MAROLO Luciano
19 MARSEGLIA Andrea
20 MASSARO Francesca
21 MILO Cesario
22 NICOLAZZO Alessio
23 NIMIS Ezechiele detto Ezio
24 PASSASEO Vincenza
25 PERRONE Diego
26 POTENZA Laura
27 QUATRARO Maria
28 RUGGIERO Rocco
29 SAPONARO Luciano
30 SEMERARO Tommaso
31 TOPPUTO Fabrizio
32 TANZARELLA Rosanna