Visualizzazione post con etichetta eventi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta eventi. Mostra tutti i post

giovedì 14 novembre 2019

Potenza: screening gratuiti per la prevenzione dell'ictus


POTENZA - Mercoledì 20 novembre, dalle 8.30 alle 14, presso l’Ambulatorio per le malattie cerebrovascolari ubicato presso l’U.O.C. di Neurologia (Padiglione E, 4°piano) dell’Azienda Ospedaliera Regionale “San Carlo” i cittadini potranno usufruire gratuitamente di uno screening gratuito qualificato con misurazione dei valori di pressione arteriosa, glicemia, frequenza cardiaca ed ecocolordoppler dei tronchi sovraaortici, realizzato con il prezioso supporto di Neurologi e del personale infermieristico locale, oltre che dei volontari di A.L.I.Ce. Basilicata Onlus.

L’ictus cerebrale è una patologia grave e disabilitante che, nel nostro Paese, rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Quasi 150.000 italiani ne vengono colpiti ogni anno e la metà dei superstiti rimane con problemi di disabilità anche grave. In Italia, le persone che hanno avuto un ictus e sono sopravvissute, con esiti più o meno invalidanti, sono oggi circa 1 milione, ma il fenomeno è in crescita sia perché si registra un invecchiamento progressivo della popolazione, sia perché tra i giovani è in aumento l’abuso di alcool e droghe.

Ogni anno, in Basilicata, si verificano circa 1.400 nuovi casi di ictus. La mortalità è in misura del 14% circa mentre la disabilità grave rappresenta il 35% circa. Nel potentino, in particolare, la mortalità è in misura del 6% circa mentre la disabilità grave rappresenta il 23% circa.

“L’Ospedale San Carlo, grazie alla sua Stroke Unit specializzata nella diagnosi, valutazione e trattamento dei casi di Ictus in arrivo presso il Pronto Soccorso, viene riconosciuto come uno dei migliori per il trattamento di questa patologia - dichiara il Dottor Luca Onofrio Scappatura, Dirigente Medico della S.S.D. Stroke Unit A.O.R. San Carlo di Potenza e Presidente di A.L.I.Ce. Basilicata Onlus. Iniziative di questo tipo sono fondamentali perché la popolazione deve essere maggiormente consapevole che i fattori di rischio da soli e, ancora di più in combinazione tra loro, aumentano notevolmente il rischio di essere colpiti da ictus. 8 ictus su 10 possono essere evitati seguendo stili di vita adeguati, attraverso un’attività fisica moderata ed una sana alimentazione. Non va dimenticato, inoltre – continua il Dottor Scappatura- che l’ictus è, come tutte le malattie cardiovascolari e i tumori, una malattia multifattoriale, cioè dovuta alla concomitante azione di più fattori: ipertensione arteriosa, obesità, diabete, fumo, sedentarietà ed alcune anomalie vascolari e cardiache, come la fibrillazione atriale”.

Le nuove terapie della fase acuta (trombolisi e trombectomia meccanica) possono evitare del tutto o migliorare spesso in modo sorprendente gli esiti, ma la loro applicazione rimane a tutt'oggi molto limitata per una serie di motivi. I principali sono rappresentati dalla scarsa consapevolezza dei sintomi da parte della popolazione, dal conseguente ritardo con cui chiama il 118 e quindi arriva negli ospedali idonei, dalla perdita di tempo intra-ospedaliera e, infine, dalla mancanza di reti ospedaliere appropriatamente organizzate.

A.L.I.Ce. Basilicata Onlus è una Associazione di volontariato, impegnata da circa 8 anni nella lotta all’ictus attraverso campagne di informazione e formazione rivolte alla popolazione generale, ai pazienti e ai loro parenti, ed anche al personale che è vicino alle persone colpite da ictus. La conoscenza di questa malattia è la prima tappa per prevenirla e per intervenire precocemente ed efficacemente nella sua cura.

A.L.I.Ce. Italia ODV è una Federazione di associazioni di volontariato diffuse su tutto il territorio nazionale, oltre 80 tra sedi e sezioni regionali e locali, le quali, pur autonome e indipendenti nelle proprie attività, collaborano al raggiungimento di comuni obiettivi statutari a livello nazionale, tra cui: diffondere l’informazione sulla curabilità della malattia, sul tempestivo riconoscimento dei primi sintomi e sulle condizioni che ne favoriscono l’insorgenza anche attraverso i media; sollecitare gli addetti alla programmazione sanitaria affinché provvedano ad istituire centri specializzati per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle persone colpite da ictus e ad attuare progetti concreti di screening; tutelare il diritto dei pazienti ad avere su tutto il territorio nazionale livelli di assistenza, uniformi ed omogenei. Loro peculiarità è quella di essere le uniche ad essere formate da persone colpite da ictus, dai loro familiari e caregiver, da neurologi e medici esperti nella diagnosi e trattamento dell'ictus, medici di famiglia, fisiatri, infermieri, terapisti della riabilitazione, personale socio-sanitario e volontari. Sono associazioni senza scopo di lucro, democratiche, apolitiche, con personalità giuridica e non, iscritte nei registri regionali delle associazioni di volontariato.

Matera: il 14 novembre il Consiglio comunale si riunirà in seduta straordinaria


MATERA - Il giorno 14 Novembre 2019, con inizio alle ore 16:30, presso il cineteatro “Guerrieri” di P.zza Vittorio Veneto, il Consiglio comunale di Matera si riunirà in seduta straordinaria per conferire la “Cittadinanza Onoraria di Matera” al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Parteciperanno all’evento, oltre alle autorità politiche, civili e militari dell’intera regione, anche il Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, Prefetto Salvatore MULAS e il Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco dott.ing. Fabio DATTILO.

Al termine della cerimonia, intorno alle ore 19:00 circa, si esibirà la Banda Musicale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco diretta dal maestro Donato DI MARTILE, a cui la cittadinanza è invitata a partecipare.

Il conferimento della cittadinanza onoraria ha per noi Vigili del Fuoco, e non solo di Matera, un importante significato perché i cittadini di Matera, per il tramite del loro Primo Cittadino e dei loro Rappresentanti, ci dimostrano stima e fiducia.

Questa manifestazione assume notevole rilevanza perché capita in un momento particolarmente delicato per il Corpo dei Vigili del Fuoco.

Non possiamo fare a meno, infatti, di ricordare, con grande commozione, i colleghi Matteo, Marco e Antonino, che pochi giorni fa, in modo tragico, durante il proprio servizio hanno lasciato per sempre le loro famiglie e i loro affetti più cari.

E’, inoltre, particolarmente importante per il Comando di Matera perché quest’anno, che è l’anno di Matera Capitale Europea della Cultura, coincide anche con l’ottantesimo anniversario dalla istituzione del Corpo Nazionale.

Per di più, i Vigili del Fuoco di Matera hanno affrontato con non minore professionalità le emergenze di quest’anno (frana di Pomarico ed emergenza maltempo di pochi giorni fa).

Grazie alla grande sensibilità del Comune di Matera, coroniamo quest’anno con il conferimento oggi della cittadinanza onoraria al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco !!!

Unibas: a Matera giornata di studio su “Leonardo da Vinci, artista, scienziato, inventore”


MATERA - Nell'ambito delle celebrazioni del quinto centenario della morte di Leonardo da Vinci, il 15 novembre, nel Campus universitario di Matera (aula C003, dalle ore 9.30) si svolgerà una giornata di studio dal titolo “Leonardo da Vinci, artista, scienziato, inventore” organizzata dall'Università degli Studi della Basilicata e dall’Accademia Pugliese delle Scienze. La Giornata di studio inizierà con i saluti della Prof.ssa Aurelia Sole, Rettrice dell’Ateneo Lucano, e del Prof. Eugenio Scandale, Presidente dell'Accademia Pugliese delle Scienze.

Il nutrito programma scientifico sarà focalizzato sul contributo originale che Leonardo da Vinci ha dato alla Scienza, all'Arte, alle Lettere: dalle Scienze della Terra all'Idraulica, dalla Botanica alla Zoologia, dall'osservazione del Cielo alla dinamica del volo, dall'Arte all'invenzione di macchine fantastiche, dalla Musica all'ideazione di strumenti musicali.

Le relazioni saranno tenute da valenti ricercatori e studiosi provenienti da alcune università italiane (Politecnico di Milano e di Bari, Università della Basilicata, Università di Bari, Università del Salento), da istituzioni scientifiche nazionali (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Conservatorio di Musica Niccolò Piccinni di Bari), e dall’azienda aerospaziale Sitael. “Questa giornata di studio – ha detto Francesco Sdao, Ordinario di Geologia Applicata nell’Unibas e componente del consiglio direttivo dell’Accademia Pugliese delle Scienze - è organizzata nell’ambito delle iniziative culturali previste dal protocollo di intesa accademico-scientifico stipulato qualche anno fa fra l'Ateneo lucano e l’Accademia Pugliese delle Scienze.

L'incontro di studio non vuole essere semplicemente una celebrazione di Leonardo, non vuole concentrarsi solo sulla sua infinita Arte, ma vuole soprattutto evidenziare alcuni dei temi che hanno maggiormente attratto la sua proverbiale curiosità e il suo interesse scientifico: il Cielo, La Terra, L'Acqua, la Musica, Le Macchine”.

A Matera la 'Digital&Export Business School' di Unicredit con Confapi


BRESCIA - Prenderà il via il 18 novembre a Brescia, presso la sede API Industria, il tradizionale percorso formativo della Digital & Export Business School di UniCredit, giunto con questo appuntamento al suo nono anno.

L’iniziativa è articolata in tre mezze giornate di lezioni e approfondimenti, tenute da specialisti della banca ed esperti provenienti dal mondo della ricerca e dell’imprenditoria, per fornire ad export manager e imprenditori approfondimenti e spunti di riflessione sul rapporto tra export e digitalizzazione, sulle nuove geografie per l’export, sulle strategie di marketing a supporto del posizionamento all’estero, su big data, intelligenza artificiale, machine learning e e-commerce. Un approfondimento sarà dedicato anche a temi quali la contrattualistica e la fiscalità internazionale, il credito documentario e la digital trade chain.

Sarà possibile seguire le lezioni in diretta streaming da 37 sedi Confapi e UniCredit distribuite su tutto il territorio nazionale, grazie al collegamento da remoto via webinar. Una piattaforma di instant-feedback consentirà l’interazione con i docenti in tempo reale da ogni location. In Basilicata verrà coinvolta la sede di Matera.

È possibile iscriversi, fino a esaurimento posti, collegandosi sul sito web https://education.unicredit.it, consultando l’Elenco Regioni.

La Digital&Export Business School è uno dei percorsi di formazione offerti dalla Banking Academy di UniCredit, il programma di financial education e formazione su innovazione, export e digitalizzazione che la banca offre gratuitamente a clienti e non.

“Crediamo fermamente – ha dichiarato Andrea Casini, co Ceo Commercial Banking Italy di UniCredit - che l’innovazione digitale sia fondamentale per sostenere la competitività delle imprese. Per accompagnarle in questo complesso percorso è tuttavia necessario investire anche nella crescita delle conoscenze. Per questo da anni offriamo formazione gratuita nei territori in cui operiamo mettendo a disposizione il know how delle nostre persone e dei professionisti con cui collaboriamo: la nostra Banking Academy dal 2011 ad oggi ha già coinvolto oltre 256.000 partecipanti tra cittadini ed imprese in Italia. Inoltre, grazie ad iniziative come Easy Export con cui cerchiamo di ampliare la platea di imprese che hanno accesso ai mercati esteri offrendo l’accesso ad Alibaba, il più importante market-place B2b in Italia, abbiamo sottoscritto contratti con oltre 1000 imprese che hanno visto aumentare il loro giro d’affari con l’estero del 24%”.

“Confapi – ha commentato Maurizio Casasco, Presidente di Confapi - da sempre opera per favorire i processi di internazionalizzazione delle imprese sia con iniziative promozionali sia attraverso una formazione dedicata che mira al miglioramento delle competenze dettate dai cambiamenti dei mercati e dalle sfide dell’innovazione tecnologica e digitale. Questo percorso formativo rappresenta un’opportunità sia per le imprese del Sistema Confapi che vogliono affacciarsi su nuovi mercati sia per le aziende che sono già presenti all’estero e che intendono incrementare il proprio business”.

UniCredit vanta una presenza capillare garantita da banche leader in 14 mercati strategici e uffici di rappresentanza in 18 Paesi nel mondo, e mette a disposizione delle imprese unità specializzate, come gli International Center, in grado di proporre ai clienti un’offerta completa di servizi e prodotti di supporto ai processi di internazionalizzazione. Per saperne di più è possibile consultare il sito: https://www.unicredit.it/it/corporate/perche-unicredit/servizi-offerti/unicredit-international-center-italy.html.

La Confederazione italiana della piccola e media industria dal 1947 tutela e promuove la piccola e media industria privata italiana. 83mila sono le imprese che applicano i contratti nazionali di lavoro sottoscritti da Confapi e che impiegano quasi un milione di addetti.

Le Pmi del sistema Confapi rappresentano un modello non soltanto industriale ed economico, ma anche culturale e sociale. Centro di aggregazione nel quale l’imprenditore svolge anche una funzione guida all’interno del territorio di appartenenza in termini di conoscenza dei fabbisogni e delle specificità nonché del mercato del lavoro.

A Matera "L'ipnosi conversazionale: come ottimizzare le relazioni interpersonali empaticamente"


MATERA - La suggestiva cornice dell’ex Ospedale San Rocco di Matera ospiterà – giovedì 14 novembre 2019 alle ore 16:30 - il Seminario su “L’ipnosi conversazionale: come ottimizzare le relazioni interpersonali empaticamente” organizzato da IKOS AgeForm Scuola di Specializzazione Quadriennale in Psicoterapia PNL terapeutica, figlia legittima dell’Ipnosi. Questo momento formativo è promosso dallo Zonta Club of Matera Area che festeggia i suoi 100 anni di vita, dall’Associazione Moglie Medici Italiani, dall’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatrici di Matera, dall’Ordine degli Psicologi della Basilicata, dal MIUR, ed è stato richiesto il patrocinio morale del Comune di Matera.

Durante il Seminario, con l’intervento straordinario del Prof. Dan Short, il grande successore di Milton Erickson, i relatori illustreranno le tecniche più moderne dell’ipnosi ericksoniana, e più in generale alcune metodiche di PNL, (Programmazione Neuro Linguistica), che ben spiegano “l’ipnosi conversazionale”. Questa tipologia di ipnosi dinamica, si può usare durante una normale conversazione in cui la persona che ha bisogno di aiuto entra in uno stato di eccellenza tale da meglio comprendere ed interagire con il suo interlocutore. Una Ipnosi quindi che rinuncia volentieri a forme di rilassamento indotto a favore di un processo che lascia cosciente e vigile chi viene accompagnato ad esplorare le proprie risorse inconsce.

Il modello conversazionale è quindi quello orientato alla motivazione, al potenziamento personale e alla creazione di una empatia indispensabile al cambiamento. Un evento straordinario e imperdibile per la Capitale Europea della CULTURA, data l’importanza che ha oggi nel mondo la comunicazione, sempre di più ponte per uno scambio culturale tra i popoli, la comprensione e la pace.

Porteranno i loro saluti e i propri contributi: Il Dott. Prof. Polizzi - MD Past-President del Corso di Laurea in Medicina Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia del Policlinico Bari, per il Dott. Montemurro - Presidente dell’Ordine dei Medici Matera, ci sarà il Dott. Giuseppe Romano, la Dr.ssa Langone - Presidente Ordine degli Psicologi della Basilicata, la Prof.ssa Daniela Poggiolini - Psicologa Ipnoterapeuta, Trainer PNLt. e IPNOSI, Presidente IKOS AgeForm. Modera la Dr.ssa Francesca Pilò, Psicologa, Psicoterapeuta EAP, Trainer PNLt. e IPNOSI. (Con traduzione consequenziale.)

Al termine del Seminario, il Prof. Dan Short presenterà il suo ultimo libro “William James e Milton Erickson. La cura della coscienza umana” Ed. Franco Angeli – Agosto 2019.

La partecipazione è gratuita ed è preferibile prenotare.

L’appuntamento sarà ripetuto anche a Bari e a Lecce, rispettivamente il 15 e il 18 novembre.

Info: IKOS AgeForm 080 5212483

Per prenotazioni: segreteria@ikosageform.it • www.pnlt.it

mercoledì 13 novembre 2019

A Matera il 54° convegno del Collegamento Nazionale Santuari “La Bellezza salverà il mondo”


Il Collegamento Nazionale dei Santuari, si riunisce a Matera per il suo 54° Convegno, alla presenza di circa duecento Rettori e Operatori dei Santuari, provenienti da ogni parte dell’Italia, per riflettere e dialogare sul tema della Bellezza come via pulchritudinis, cioè come cammino di evangelizzazione, di cultura e di dialogo verso qualsiasi persona che approda a questi luoghi della speranza, della fede e della devozione popolare.

Il convegno vuole porre l'accento sul fatto che i Santuari in genere sono localizzati in luoghi dove la natura ha una particolare bellezza o essi stessi siano spesso luoghi di arte e di bellezza. Il compito pastorale di chi è impegnato nel servizio e nel ministero dei Santuari, è quello di far emergere in tutta la sua forza questa via pulchritudinis, questa via della bellezza, cui accenna il Santo Padre in Sanctuarium in Ecclesia. Si tratta di una via privilegiata per scoprire la bellezza della fede, perché credere è bello nel senso più profondo, perché innanzitutto Dio è bello. Egli esprime bellezza, perché questa è condizione necessaria per l’amore. Questi luoghi sacri attraggono tante persone che hanno una fede assopita, o che non hanno nessuna fede ma hanno un grande desiderio di credere, o persone che sono mosse esclusivamente dal gusto per la bellezza. Come nel Medioevo le Cattedrali spesso rappresentavano la Bibbia dei poveri, i Santuari oggi possono diventare il volto della Santità, possono far riscoprire il Vangelo attraverso le narrazioni dell’arte, autentiche catechesi per verificare l’azione misericordiosa di Dio.

Il percorso del convegno vedrà tracciare e sviluppare anche il tema della bellezza del mistero di Dio attraverso la Liturgia, la Musica, il Canto e la Carità, espressioni vive del servizio che i pastori e i collaboratori dei Santuari offrono ai tanti fedeli e pellegrini che frequentano queste oasi dello Spirito.

La plenaria del Pontificio Consiglio per la Cultura del 2006 affermava che: “La Via della bellezza, a partire dall’esperienza semplicissima dell’incontro con la bellezza che suscita stupore, può aprire la strada della ricerca di Dio e disporre il cuore e la mente all’incontro con Cristo, Bellezza della Santità Incarnata, offerta da Dio agli uomini per la loro Salvezza. Essa invita i nuovi Agostino del nostro tempo, cercatori insaziabili d’amore, di verità e di bellezza, ad elevarsi, dalla bellezza sensibile alla Bellezza eterna e a scoprire con fervore il Dio Santo, Artefice di ogni bellezza.”

Il Santo Papa Giovanni Paolo II rivolgendosi agli artisti nella sua lettera del 1999 affermava: “La bellezza è cifra del mistero e richiamo al trascendente. E invito a gustare la vita e a sognare il futuro. Per questo la bellezza delle cose create non può appagare, e suscita quell'arcana nostalgia di Dio che un innamorato del bello come sant'Agostino ha saputo interpretare con accenti ineguagliabili: «Tardi ti ho amato, bellezza tanto antica e tanto nuova, tardi ti ho amato!». I vostri molteplici sentieri, artisti del mondo, possano condurre tutti a quell'Oceano infinito di bellezza dove lo stupore si fa ammirazione, ebbrezza, indicibile gioia; - e concludeva - vi accompagni la Vergine Santa, la «tutta bella» che innumerevoli artisti hanno effigiato e il sommo Dante contempla negli splendori del Paradiso come «bellezza, che letizia era ne li occhi a tutti li altri santi».”

Potenza: Oggi conferenza stampa di presentazione del progetto "SensAzioni e GenerAzioni"


Si terrà oggi, 13 novembre alle ore 16.00 presso la sede della CISL Basilicata in Via del Gallitello 56, Potenza, la conferenza stampa di presentazione del progetto "SensAzioni e GenerAzioni" fortemente voluto dal Presidente dell’Anteas Basilicata, Nicola Pica e promosso nell'ambito dell'iniziativa nazionale Anteas "Botteghe Della Fiducia: Da Soli A Solidali".

L'obiettivo delle "Botteghe della fiducia" è quello di promuovere partecipazione, educare alla solidarietà in un'ottica intergenerazionale.

Il progetto "Le Botteghe della Fiducia" ha come obiettivo la costruzione di una rete nazionale di luoghi a forte vocazione innovativa, le Botteghe appunto, destinati a promuovere interventi per il
contrasto alle solitudini involontarie, in una prospettiva intergenerazionale.

Il progetto regionale dal titolo "SensAzioni e GenerAzioni" trae origine dal desiderio di differenziare le attività rispetto a quello che l'associazione ANTEAS BASILICATA già realizza sul territorio lucano, dalla consapevolezza che le solitudini sono trasversali e non riguardano solo "i vecchi", dalla volontà di essere più vicini alle persone in difficoltà siano esse nonni o nipoti, dalla certezza che le iniziative fra generazioni diverse genera fiducia.

Lo scopo di questo progetto è quello di attivare dei Laboratori sensoriali per bambini e anziani al fine di sviluppare capacità e conoscenze, favorendo e stimolando lo scambio e il dialogo interculturale e intergenerazionale.

Per il segretario generale della CISL FNP di Basilicata, Vincenzo Zuardi, questo è un tema che da anni spesso la Federazione (di cui l'Anteas è promanazione) ha fatto proprio dando vita al "Festival delle Generazioni", un'occasione di incontro, un grande Festival interdisciplinare, che consente ad anziani e giovani di affrontare congiuntamente i problemi comuni in un'atmosfera serena e festosa, segnata da una serie di eventi eccellenti, capace di creare, allo stesso tempo, il ruolo di un osservatorio permanente, laboratorio intelligente.

Il presidente dell'Anteas Basilicata Nicola Pica, ritiene utile e proficua la collaborazione con la CISL
Pensionati, la quale consente all'Associazione di fare sinergia attraverso un interscambio di persone anziane e progetti comuni.

Nel corso della conferenza saranno illustrati gli obiettivi progettuali, le fasi di realizzazione e i soggetti coinvolti.

Interverranno: Nicola Pica, presidente dell' Anteas Basilicata, Vincenzo Zuardi, segretario generale della Fnp Cisl Basilicata e i referenti del progetto regionale.

Accreditamento strutture psichiatriche, annullata la manifestazione


La mobilitazione degli operatori delle strutture residenziali psichiatriche, che si sarebbe dovuta svolgere venerdì 15 novembre, è stata annullata. Lo hanno deciso i lavoratori a margine dell’incontro che si è tenuto lunedì in Regione tra l’assessore alla Sanità Rocco Leone, i rappresentanti dell’Alleanza delle cooperative Basilicata e i sindacati Cgil, Cisl e Uil, a cui hanno preso parte anche il direttore generale Esposito e il dirigente dell’Asp Bochicchio. Nel corso dell’incontro, richiesto dalle rappresentanze e accolto dall’assessore, Leone ha registrato piena sintonia con le motivazioni espresse e ha garantito la volontà di procedere in tempi molto rapidi all’accreditamento istituzionale delle strutture residenziali psichiatriche, allineando così la Basilicata alla normativa nazionale.

L’accreditamento, che garantisce maggiore qualità dei servizi attraverso la verifica e la valutazione continua degli standard nonché attraverso la valorizzazione delle buone pratiche assistenziali e riabilitative, inibisce dunque pericolosi cortocircuiti tra aziende sanitarie e istituzioni che non solo avrebbero messo a rischio i posti di lavoro degli operatori del settore, ma avrebbero incrinato l’intero sistema sanitario psichiatrico lucano, da tempo considerato un’eccellenza a livello nazionale e internazionale.

Il presidente dell’Alleanza delle cooperative Basilicata Giuseppe Bruno, i copresidenti Giuseppe Nicola Crocco e Innocenzo Guidotti, il responsabile regionale del settore sociale Giuseppe Salluce si dichiarano molto soddisfatti dei contenuti dell’incontro con l’assessore Leone monitorando che l’iter si completi nei tempo concordati, fornendo tutta la propria disponibilità affinché si proceda celermente.

lunedì 11 novembre 2019

Nova Siri: ieri il Gruppo Pro Ambiente ha raccolto 5 chili di mozziconi

NOVA SIRI - Ieri, 10 novembre 2019 a Nova Siri in Viale Siris si è svolto un nuovo incontro di azione ed opinione nel proseguimento degli scopi che il Gruppo Pro Ambiente si è prefisso, quelli di poter dichiarare Nova Siri città turistica accogliente ripulita completamente dai mozziconi (causa principale di morte dei pesci e inquinamento dei mari) e da altri inquinanti. Anche in questa occasione, in una sola ora, sono stati raccolti 5 chili di mozziconi che altrimenti alle prime piogge sarebbero stati trascinati in mare. Questa iniziativa è stata l’occasione per conversare amabilmente con tutte le persone che si sono avvicinate, incuriosite da tale “strana” attività. I pareri e le opinioni che sono stati raccolti rappresentano una preziosa risorsa per il Gruppo che ne terrà conto nelle prossime iniziative. 

Ancora una volta il Gruppo Pro Ambiente non è in polemica in nessuno modo con niente e nessuno: il motivo per cui è nato e prosegue nelle sue attività è quello di credere fortemente nella possibilità di creare un posto più pulito dove vivere e di proporre, nelle opportune sedi, Nova Siri come città turistica accogliente, favorendo lo sviluppo fattivo di una economia circolare legata al turismo di qualità. Nova Siri è una città meravigliosa ma bisogna saper organizzare al meglio le risorse disponibili: “IO CI STO!” possiamo farcela.

domenica 10 novembre 2019

A Lagopesole consiglio generale della CISL con il segretario Giorgio Graziani


POTENZA - Lunedì, 11 novembre, alle 9:30, nel castello di Lagopesole, si riunirà il consiglio generale della Cisl Basilicata alla presenza del segretario nazionale Giorgio Graziani. Tra i punti all'ordine del giorno del parlamentino cislino, il bilancio delle attività condotte nel 2019 e gli obiettivi per il nuovo anno, a partire dal rilancio del confronto con la giunta regionale sul manifesto di Cgil Cisl Uil. "La vicenda del petrolio - commenta il segretario generale Enrico Gambardella - è la cartina di tornasole di una politica che pretende di essere autosufficiente e sovrana ma che davanti a problemi di portata globale non riesce a governare. Per questo continuiamo a sollecitare l'apertura di un confronto vero con la giunta regionale per rilanciare la crescita e l'occupazione e mettere la Basilicata al centro di un disegno strategico nazionale".

Nel corso del consiglio generale si terrà inoltre l'elezione di un nuovo componente della segreteria regionale e sarà presentato il "Progetto Accoglienza e Prossimità", un piano che punta al rafforzamento della presenza territoriale della Cisl, in particolare nelle aree più interne e marginali. "Oggi il sindacato - spiega Gambardella - è chiamato a fare anche un lavoro di segretariato sociale in quelle realtà dove si registra un progressivo arretramento dello Stato e un conseguente impoverimento della rete dei servizi pubblici, come la scuola, la sanità, l'assistenza sociale".

"Per comprendere la dimensione del problema basti pensare che la Basilicata detiene il record a livello nazionale dei Comuni classificati come aree interne: 9 su 10. La sfida allora è frenare il processo di desertificazione sociale delle aree interne. Con il rafforzamento quantitativo e qualitativo della nostra presenza nelle aree più marginali della regione e attraverso la leva della contrattazione sociale - conclude il segretario della Cisl - vogliamo garantire una reale parità di diritti sociali tra il centro e le tante periferie della società lucana".

Roberto Latini debutta a Matera con Mangiafoco


MATERA - Giovedì 21 novembre, alla Serra del Sole di Matera, debutta Mangiafoco (replica venerdì 22 novembre), per proseguire a Milano, al Teatro Studio Melato, con un mese di recite, da giovedì 28 novembre a domenica 22 dicembre.

Dopo Il teatro comico, Roberto Latini torna a firmare una regia per il Piccolo Teatro. Mangiafoco è prodotto dal Piccolo con Compagnia Lombardi Tiezzi e Fondazione Matera Basilicata 2019, in collaborazione con Consorzio Teatri Uniti di Basilicata, nell'ambito del progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 "Topoi. Teatro e Nuovi Miti".

Dopo Goldoni, continua con Collodi la riflessione-conversazione di Roberto latini sul teatro nel teatro, senza allontanarsi mai troppo dalla maniera pirandelliana. Mangiafoco, quindi, più di Pinocchio; l’interruzione di uno spettacolo più dello spettacolo stesso: questa la sospensione di tempo e azione, nella quale agiscono ed esplorano gli attori, gli stessi del Teatro comico. Il regista sceglie, di Collodi e della sua opera più famosa, che definisce un «manuale di italianità», i capitoli in cui Pinocchio, incuriosito dal Gran Teatro dei Burattini, vende l’abbecedario che tanti sacrifici era costato a Geppetto, per comprare il biglietto ed entrare a vedere lo spettacolo.

«Nel momento in cui Pinocchio fa la sua comparsa nel teatrino – spiega Latini – in palcoscenico Arlecchino e Pulcinella stanno bisticciando, come prevede la tradizione. Riconosciuto il loro “simile”, sospendono la recita per fargli festa, suscitando i malumori del pubblico. Ecco ciò che mi interessa, come punto di partenza, la situazione intorno alla quale vorrei stare: l’interrompersi di uno spettacolo e le sue reazioni, attraverso la fondamentale riflessione sull’attore, marionetta e burattinaio». Il racconto di Collodi prosegue con l’arrivo di Mangiafoco, le minacce di gettare ora uno ora l’altro burattino tra le fiamme, fino al definitivo “perdono” di Pinocchio, al quale regala addirittura cinque monete d’oro che il nostro eroe si farà soffiare dal Gatto e dalla Volpe…

«Ma lì siamo già in un’altra storia – continua Latini –. Con i miei attori, gli stessi con cui ho avuto il privilegio di lavorare per Il teatro comico, voglio esplorare gli spazi intorno alla trama e le sue sfumature. Come accadeva con Goldoni, siamo di nuovo dalle parti di Pirandello: voglio parlar di teatro attraverso il teatro. Poiché lo spettacolo nasce anche per Matera, in occasione delle celebrazioni del 2019, non potevo prescindere dalla tradizione italiana, da Pasolini o intorno al Leo de Berardinis di Novecento e Mille».

Mangiafoco

drammaturgia e regia: Roberto Latini
luci: Max Mugnai
musiche e suono: Gianluca Misiti
costumi: Gianluca Sbicca

con Elena Bucci, Roberto Latini, Marco Manchisi, Savino Paparella, Stella Piccioni, Marco Sgrosso, Marco Vergani

coproduzione Piccolo Teatro di Milano-Teatro d’Europa, Compagnia Lombardi Tiezzi, Fondazione Matera Basilicata 2019, in collaborazione con Consorzio Teatri Uniti di Basilicata, nell'ambito del progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 "Topoi. Teatro e Nuovi Miti"

Foto di scena: Masiar Pasquali

All'ex Ospedale di San Rocco un evento dell'AICS


MATERA - L’AICS promuove un evento nell’ambito dell’iniziativa Matera Capitale Europea della Cultura 2019 dedicato al tema della valorizzazione del patrimonio e delle attività culturali come strumenti di sviluppo.

L’esperienza maturata dalla città di Matera, che proprio sul patrimonio culturale ampiamente inteso ha basato una sostanziale componente del suo riscatto economico e sociale offre lo spunto per affrontare questo argomento nell’ottica della missione dell’AICS e del sostegno che l’Agenzia offre a programmi di cooperazione, iniziative e progetti nei paesi in via di sviluppo.

L’AICS ha promosso inoltre uno scambio tra la città di Matera e la città di Bamiyan, in quanto entrambe iscritte tra i Siti nella World Heritage List dell’UNESCO, caratterizzate da habitat rupestri storici simili e da analoghe esigenze di conservazione, restauro e valorizzazione di tali testimonianze. Nel corso della giornata sarà presentato il testo del “patto d’azione” tra le due città, finalizzato a consolidare le attività di entrambe le amministrazioni in questi settori.

Le iniziative sostenute da ingenti risorse dell’AICS a favore del patrimonio culturale di Bamiyan e della sua regione, anche per il tramite dell’UNESCO e gli interventi nel medesimo settore che la Cooperazione Italiana realizza da anni anche in paesi del Medio Oriente, come la Giordania e il Libano illustrano efficacemente l’approccio, gli strumenti e i risultati, in un ambito che viene riconosciuto nel mondo come un’eccellenza italiana.

Tra gli altri, si possono, infatti, ricordare l’Università degli Studi di Firenze - SAGAS, Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo, che ha redatto il Bamiyan Strategic Master Plan, la Missione Archeologica Italiana in Afghanistan dell’ISMEO, che opera nel Paese dal 1957, con ampio riconoscimento da parte delle autorità locali e prestigio internazionale e l’ l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro del MIBACT, che ha già operato con successo in diversi siti di questo Paese, così come in Giordania e Libano. Queste istituzioni presenteranno, nel corso della mattinata, il loro approccio operativo e i migliori risultati raggiunti per creare sviluppo, investendo nella conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale.

Patrimonio e attività culturali per la cooperazione allo sviluppo
Programmi, progetti e interventi AICS in Medio Oriente e Asia
Matera, Ex Ospedale di San Rocco, Chiesa del Cristo Flagellato
Martedì 12 novembre 2019

Programma

9.30 - Saluti istituzionali

Raffaello de Ruggieri, Sindaco di Matera
Leonardo Carmenati, Vice-Direttore AICS
Luigi Ficacci, Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro (MIBACT)
Muhammad Tahir Zahir Zaheer Zuhair, Governatore di Bamiyan

Moderatore - Rosario Centola (AICS-Roma)

10.30 - Presentazione del video “Patrimonio culturale per la cooperazione allo sviluppo“

10.45 – Interventi : Patrimonio culturale, da onere per la comunità a risorsa per lo sviluppo

Anna Filigenzi, ISMEO/Università di Napoli "L'Orientale" - Missione archeologica italiana in Afghanistan
Mirella Loda, Università di Firenze, SAGAS, Laboratorio di Geografia Sociale 
Giorgio Sobrà, MIBACT-ISCR, Scuola Alta Formazione - Matera
Mohammad Aman Aman, Sindaco della Città di Bamiyan
Mauro Ghirotti Direttore AICS-Kabul
Emilio Cabasino (AICS-Roma) - Moderatore

12.00 – Conclusioni

Raffaello de Ruggieri, Sindaco di Matera
Patrimonio e attività culturali per la cooperazione allo sviluppo
Programmi, progetti e interventi AICS in Medio Oriente e Asia
ISCR/Matera, Via Luigi Lavista, 5

Martedì 12 novembre 2019, h.15-18

Tavolo Tecnico

Programma

Oggetto : Gestione dei siti UNESCO, Habitat rupestre, programmi e progetti per una valorizzazione, anche turistica, sostenibile

Il Tavolo tecnico del pomeriggio vede coinvolti gli stessi relatori della mattinata, ad eccezione degli ospiti afgani, con l’intento di favorire il massimo scambio, in particolare verificando le metodologie di intervento, gli interlocutori locali con i quali ci si relaziona, gli elementi di successo e quelli critici nel lavoro sul campo e nelle relazioni istituzionali.

L’intento è quello di porre le basi per un dialogo strutturato tra soggetti italiani che intervengono nelle medesime aree geografiche e località e nello stesso ambito settoriale, con rispettive, distinte finalità e competenze. L’esercizio è destinato ad essere proseguito nel tempo e allargato ad una più vasta platea di istituzioni e organizzazioni, che operano anche in altri paesi del medio ed estremo oriente, per collaborare alla definizione di linee guida operative di settore e per favorire un approccio che valorizzi il “sistema Italia” nelle attività di cooperazione allo sviluppo in materia di patrimonio e attività culturali.

Partecipanti:

Emilio Cabasino, AICS Roma, Patrimonio culturale
Rosario Centola, AICS Roma, già Direttore AICS-Kabul
Anna Filigenzi, ISMEO/Università di Napoli "L'Orientale"- Missione archeologica italiana in Afghanistan
Mirella Loda, Università di Firenze – SAGAS, Laboratorio di Geografia Sociale
Giorgio Sobrà, MIBACT-ISCR, Scuola Alta Formazione - Matera

sabato 9 novembre 2019

Tavolo provinciale anticaporalato. Riunione in Prefettura a Matera


MATERA - Si è svolta, nella mattinata di ieri, presso il Palazzo del Governo di Matera, una riunione del Tavolo provinciale anticaporalato, presieduto dal Prefetto di Matera, Demetrio Martino, al fine di promuovere, attraverso una rete interistituzionale, condizioni di piena legalità nel settore agricolo, a vantaggio dei lavoratori e dell’impresa, e arginare il fenomeno della intermediazione illecita e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura.

Alla riunione sono intervenuti i vertici provinciali delle Forze dell’Ordine, i rappresentanti del Dipartimento delle Attività Produttive della Regione Basilicata, della Provincia di Matera, i Sindaci dei Comuni della fascia jonica, l’Ispettorato Territoriale del Lavoro, l’INPS, l’INAIL, l’ARLAB Basilicata, l’ASM e le Associazioni datoriali di categoria e dei lavoratori.

Nel corso della riunione è stato presentato il “Protocollo d’intesa sperimentale per il contrasto al caporalato e allo sfruttamento lavorativo in agricoltura”, elaborato da questa Prefettura, volto ad assicurare forme legali di reclutamento della manodopera potenziando il ruolo strategico del Centro per l’Impiego, quale canale privilegiato per l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro.

Fulcro del sistema, la Piattaforma informatica sperimentale, realizzata dall’ARLAB e dalla Regione Basilicata, che consentirà, attraverso l’inserimento volontario delle candidature, da parte dei lavoratori disponibili all’assunzione, la creazione di liste pubbliche di aspiranti lavoratori agricoli stagionali.

Ciò permetterà ai datori di lavoro di assumere i lavoratori attingendo dai suddetti elenchi e, mediante l’utilizzo del sistema informatico, verrà generato automaticamente il contratto di lavoro, redatto secondo i termini definiti dal vigente contratto collettivo nazionale per gli operai agricoli e florovivaisti.

L’innovativo sistema consentirà, inoltre, alle imprese ed ai lavoratori aderenti di ottenere vantaggi, previsti dallo stesso Protocollo, relativi ad aspetti correlati all’attività lavorativa quali la sicurezza sul lavoro, la situazione alloggiativa, il trasporto e la formazione.

Le finalità e le linee di intervento dell’Accordo sono state condivise e accolte positivamente dai partecipanti al Tavolo che hanno espresso, anche, apprezzamento per la Piattaforma informatica, strumento dinamico e flessibile che, attraverso un’interfaccia semplice e di facile accessibilità, offrirà il quadro della situazione in tempo reale.

In tempi brevi, con gli eventuali contributi che gli attori interessati sono stati invitati ad elaborare per la parte di rispettiva competenza, il Protocollo d’Intesa sarà sottoscritto e saranno avviate tutte le conseguenti attività destinate, nella fase sperimentale, alla fascia jonica.

venerdì 8 novembre 2019

Inaugurata la nuova sede del Comitato Regionale Fipav Basilicata

POTENZA - Inaugurata ufficialmente la nuova sede del Comitato Regionale Fipav Basilicata alla presenza del Presidente nazionale Pietro Bruno Cattaneo e del Vice Presidente Giuseppe Manfredi.

Prima del momento ufficiale ed istituzionale il Presidente Cattaneo ed il Vice Presidente Manfredi hanno avuto modo di interloquire in maniera privata e conviviale con i rappresentanti delle società lucane e poi pubblicamente delineando le linee della federazione pallavolo e la vicinanza tra il vertice ed i territori.

"Per la pallavolo lucana - dichiara il Presidente del Comitato Regionale Fipav Basilicata Enzo Santomassimo - si è trattato di un momento molto importante riuscire a far venire Presidente e Vice Presidente della Federazione, soprattutto il Presidente era da tanto tempo che non lo avevamo in Basilicata e aver avuto la possibilità di far incontrare Bruno Cattaneo con le nostre società rappresenta sicuramente un momento significativo e soprattutto simbolicamente ci ha fatto piacere che il taglio ufficiale del nastro e quindi dell'inaugurazione la facesse il Presidente della Federazione, speriamo che questo possa rappresentare un nuovo inizio e possa rappresentare soprattutto un momento di maggiore vicinanza e collaborazione tra la Federazione ed il nostro Comitato, non ho dubbi - conclude Santomassimo - che questo possa avvenire e mi fa piacere aver avuto la possibilità di portare Bruno Cattaneo in Basilicata".

"Per noi la realtà territoriale, composta da Comitati Territoriali e Comitato Regionale è fondamentale, - le parole del presidente Cattaneo nel corso del suo intervento - è la caratteristica della nostra federazione, abbiamo mantenuto questa scelta perchè è importante il presidio dei territori, la vicinanza della federazione verso le società perchè anche nell'epoca telematica c'è bisogno della presenza e di un confronto, il territorio e i comitati sono la nostra forza".

Presente anche l'Assessore allo Sport del Comune di Potenza Patrizia Guma, attenta a tutte le realtà sportive la quale ha sottolineato l'attenzione rivolta dall'amministrazione comunale per le strutture sportive del capoluogo (attenzione che rivolge anche la Fipav nazionale su tutte le strutture, nda) e con la nomina di Potenza a Città Europea dello Sport rendere Potenza una vera e propria cittadella dello sport, esprimendo inoltre la volontà di proporre nuovamente eventi di volley anche all'aperto a Potenza.

"Sono felice di essere qui - le parole del Vice Presidente Manfredi che in passato è stato anche Commissario per la Fipav Basilicata prima dell'arrivo di Santomassimo - vedo diversa gente che con me ha condiviso un anno che è servito alla pallavolo della Basilicata a cambiare determinate cose". Manfredi ha inoltre sottolineato come la Basilicata è una delle poche regioni percentualmente i crescita sotto tutti i punti di vista "il che significa che la politica dei piccoli passi - prosegue Manfredi - sta andando bene".

Prima del taglio del nastro sono state ricordate tre figure legate al mondo della pallavolo scomparse nel corso del 2019, Aldo Pietrafesa (il caso ha voluto che l'inaugurazione cadesse proprio nel giorno del suo compleanno), dell'ex Presidente Lorenzo Delfino senza dimenticare anche la tragica e dolorosa scomparsa della giovanissima Marisol Lavanga.

A Matera il convegno "Coltivare la Biodiversità"

MATERA - “Imparare a guardare la biodiversità per prendercene cura”. In un mondo che gira in fretta sembra che tutto sia scontato e poco ci si accorge della ricchezza, della varietà e della preziosità delle “opere del Signore”, di tutto ciò che ci circonda.

La Delegazione regionale dei Problemi sociali e del lavoro, organismo della conferenza Episcopale di Basilicata, organizza per venerdì 8 novembre 2019 alle ore 17:00, presso il Salone della Parrocchia San Giacomo - Via Benedetto Croce (angolo Via Trabaci) in Matera, un Convegno a respiro regionale dal titolo: “Coltivare la Biodiversità”.

Il professor Severino Romano, Ordinario di Economia Ambientale dell’UNIBAS, la dott.ssa Simona Loperte, Ricercatrice del CNR, l’Assessore regionale all’Ambiente, Dott. Gianni Rosa, S.E. Mons. Salvatore Ligorio, arcivescovo di Potenza-Muro Lucano Marsiconuovo, e S.E. Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, arcivescovo di Matera-Irsina, tratteranno il tema delle biodiversità alla luce dell'Enciclica "Laudato si’" di Papa Francesco e con uno sguardo al territorio.

La Giornata del Creato, che si celebra da 14 anni il 1° settembre, é un’occasione per rendersi conto di quanto anche il territorio lucano sia ricco di tante varietà e specie di esseri viventi che lo popolano e che possono essere minacciati dall’incuria, dall’inquinamento, da un’economia distorta che mette al primo posto il profitto sulla cura, dalla sopraffazione dell’opera dell’uomo sul patrimonio naturalistico.

Le Chiese di Basilicata, sensibili al destino umano, economico e allo sviluppo integrale degli abitanti della Regione, già in altre occasioni si sono occupate di temi ambientali, si vuole ora intraprendere un percorso di maggiore attenzione e di dialogo con le Istituzioni, le parti sociali e con quanti hanno a cuore lo sviluppo, la tutela e la cura della “casa comune”.

giovedì 7 novembre 2019

AIFM a Matera - Conferenza sul mondo delle radiazioni insieme ai fisici medici


Dopo il grande successo dell’incontro di Torino, la Conferenza dal titolo “Ma le radiazioni fanno davvero paura?” organizzata da AIFM (Associazione Italiana di Fisica Medica) fa tappa a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, dove si celebrerà l’edizione italiana della Giornata Internazionale della Fisica Medica.

L’incontro, con ingresso gratuito, nato per rispondere agli interrogativi e alle curiosità del grande pubblico, sarà tenuto da Michele Stasi, Presidente AIFM. Venerdì 8 novembre alle ore 17.00 presso il Centro Congressi Hotel Palace (Piazza Bianco 1), la popolazione materana sarà accompagnata in un viaggio alla scoperta delle varie fonti di radiazioni nella vita quotidiana e dei loro diversi effetti. Partendo da Marie Curie e Roentgen, dalla scoperta della radioattività e dei raggi X, si arriverà a parlare del tanto discusso e temuto 5G.

L’interesse per il tema è giustificato dal fatto che siamo quotidianamente esposti a un fondo naturale di radiazioni, provenienti dallo spazio (raggi cosmici) e dalla Terra, perché nel suolo terrestre sono presenti numerosi elementi radioattivi. Altre fonti di esposizione sono poi le radiazioni prodotte dall’uomo per scopi medici (ad esempio le radiografie) e non (ad esempio forni a microonde e cellulari).

“Questi momenti di dialogo diretto con il pubblico sono per noi molto preziosi, perché ci permettono da un lato di fare luce su tematiche come le radiazioni, spesso protagoniste di fake news e fonti di grandi preoccupazioni. Dall’altro, ci consentono di illustrare meglio il lavoro del fisico medico, quasi sempre dietro le quinte, a favore della collettività. – spiega il Dottor Michele Stasi, Presidente AIFM –. Siamo felici di cogliere queste occasioni, come la Giornata Internazionale della Fisica Medica, nel giorno della nascita di Marie Curie, che stiamo celebrando in Italia, qui nella splendida cornice di Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, e invitare il pubblico ad approfondire il tema delle radiazioni all’interno di un viaggio alla scoperta della loro potenziale pericolosità nella quotidianità”.

A Matera “Una notte per l’Europa”


Paolo Mieli e Claudio Velardi, due autorevoli esponenti dell’intellighenzia italiana, insieme a Matera per parlare dell’importante ruolo culturale che la massoneria ha svolto nella costruzione dell’Europa e della civiltà occidentale.

È la manifestazione “Una notte per l’Europa” che, con ingresso libero e gratuito, la Gran Loggia d’Italia degli ALAM presenta, alle ore 18.00 di sabato 9 novembre, al MH Hotel di Matera.

Sono due giornalisti e opinion leader di chiara fama: Paolo Mieli, già direttore de “La Stampa” e del “Corriere della Sera”, è un autorevole storico e saggista, mentre lo spin doctor Claudio Velardi, già capo dello staff della Presidenza del Consiglio con Premier Massimo D’Alema, nonché fondatore ed ex direttore de “Il Riformista”, è un volto noto al grande pubblico soprattutto per i suoi interventi su “La7”.

Dopo il saluto del Professor Paolo Maggi, Delegato per la Basilicata Gran Loggia d’Italia, “Una notte per l’Europa” inizierà con una Lectio Magistralis di Paolo Mieli, cui seguirà un talk con Claudio Velardi e Luciano Romoli, Gran Maestro Aggiunto Vicario della Gran Loggia d’Italia, l’importante istituzione della massoneria italiana che conta circa 9.000 iscritti in tutta Italia.

Con loro Salvatore Adduce, Presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019, già Sindaco della Città dei Sassi, che parlerà della straordinaria esperienza di Matera Capitale europea della Cultura 2019.

A conclusione interverrà l’Avvocato Professor Antonio Binni, Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro della Gran Loggia degli ALAM, l’obbedienza massonica di Piazza del Gesù – Palazzo Vitelleschi Roma, che prevede la presenza femminile nelle sue 600 Logge in tutta Italia.

Da più di trecento anni in tutti i Paesi europei i massoni si riuniscono nelle loro logge esercitando la tolleranza e praticando gli ideali dell’illuminismo: Libertà, Uguaglianza e Fratellanza.

Sono gli stessi valori che rappresentano il “collante” dell’identità europea in quel processo di integrazione di popoli e culture, profondamente diversi tra loro, in atto da oltre sessant’anni.

Per questo da sempre i massoni hanno sposato l’idea e partecipato alla costruzione di una Europa unita sotto la cui bandiera, superando con tolleranza differenze e diffidenze secolari, possano vivere in armonia i popoli delle nazioni del vecchio continente.

Di questo si parlerà a Matera ne “Una notte per l’Europa”, la manifestazione che, nelle intenzioni degli organizzatori, vuole essere “un elogio dell’Europa in una notte fatta di storia, attualità e cultura”.

L’iniziativa fa parte di un percorso della Gran Loggia d’Italia degli ALAM che, in massima trasparenza, vede importanti esponenti “laici” della società italiana, ovvero non appartenenti alla massoneria, confrontarsi su importanti temi culturali.

Presentando la manifestazione, il Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro Antonio Binni, ha infatti spiegato che «anche questa iniziativa vuole essere un’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica circa l’importanza dell’istituzione europea, aprendo un dibattito pubblico sul contributo che la società civile può dare per riaffermare i valori fondanti della libertà, con particolare riguardo alla libertà di coscienza, e dell’uguaglianza».

«Per questo abbiamo scelto Matera – ha poi detto Antonio Binni – simbolo di una comunità che vive una importante occasione di sviluppo grazie all’Europa e ai valori della cultura».

In ultimo il bolognese Antonio Binni, città in cui oggi c’è una Loggia intitolata a Giovanni Pascoli, ha raccontato un aneddoto: «il 22 settembre 1882 Giovanni Pascoli fu iniziato massone nella Loggia Rizzoli di Bologna, ma non potè partecipare al tradizionale ricevimento che seguiva la cerimonia, solo perché la sera stessa doveva prendere un treno per raggiungere Matera, sede della sua prima cattedra in cui insegnò per due anni ottenendo la libera docenza!»

Alla scoperta del Museo Carpini di Filiano e del Museo dell’Arte arundiana di Sant’Ilario: domenica una visita guidata


Il Touring Club Italiano Basilicata, in collaborazione con i Comuni di Filiano e Atella, la Pro Loco di Filiano, il Comitato Pro Sant’Ilario e la Protezione Civile di Filiano, propone un’iniziativa culturale e ricettiva che coinvolgerà il territorio di Filiano e di Sant’Ilario di Atella.

È prevista, infatti, una visita guidata dei luoghi più significativi dei due paesi dal punto di vista storico-artistico: dei piccoli scrigni ancora sconosciuti ai più.

L’iniziativa di grande impatto culturale e turistico nasce dall’intento di promuovere il territorio di Filiano e Atella e di far sì che possa essere riscoperto in termini turistici.

I visitatori verranno accolti presso la contrada Carpini a Filiano. A partire dalle ore 10:00 inizierà una visita guidata che vedrà protagoniste le pitture rupestri di Filiano.

Prima tappa sarà Riparo Ranaldi ed a seguire il Museo Carpini. Il “Museo Carpini” nasce con lo scopo di divulgare una delle espressioni più antiche di arte narrativa scoperta in Europa, custodite nel “Riparo Ranaldi”, ed evidenziare come il linguaggio e la conseguente scrittura sia frutto anche dell’evoluzione dell’uomo. Le pitture rupestri di “Riparo Ranaldi”, rappresentano una prima forma di comunicazione che l’uomo ha utilizzato per trasmettere informazioni sul luogo e sulle possibili aspettative che il territorio poteva offrire.

Nel pomeriggio - dopo il pranzo facoltativo presso un agriturismo del luogo – i turisti saranno condotti al Borgo Sant’Ilario di Atella per una visita al Museo di Arte arundiana: una raccolta di opere d’arte, soprattutto sculture, del maestro Franco Zaccagnino realizzate con la canna mediterranea, la “Arundo- Donax”. Si tratta di un museo unico al mondo in quanto nasce esclusivamente dall’idea e dalle mani del maestro proprio in questo Borgo.

Per informazioni e prenotazioni: chiamare cell. 348.6050283 o visitare il sito www.prolocofiliano.it.

A Tramutola (PZ), l'8 Novembre si ricorderà il giorno dell’Unità Nazionale e la giornata delle Forze Armate


L’Amministrazione Comunale di Tramutola (PZ), il Comando Militare Esercito Basilicata, l’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia e l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Tramutola, il prossimo 08 novembre ricorderanno:

il giorno dell’Unità Nazionale e la giornata delle Forze Armate.

PROGRAMMA:

Ore 10: 00 - Afflusso Autorità presso la sezione Combattenti e Reduci in Largo VittorioVeneto;

Ore 10:15 - Alzabandiera nella villetta comunale in Largo Vittorio Veneto; Ore 10:20 - Deposizione corona al Monumento ai Caduti di tutte le guerre; Ore 10:30 - Corteo verso Piazza del Popolo;

A seguire:

Santa Messa in Piazza;

Saluti ed interventi delle Autorità;

Deposizione corona al Monumento ai Caduti della Grande Guerra.

mercoledì 6 novembre 2019

'Incontrarte' ritorna a Brienza per la V° edizione di Arte Contemporanea


POTENZA – IN ARTE EXHIBIT e la rivista “In Arte”, in collaborazione con il Comune di Brienza, organizza la V° edizione di“INCONTRARTE”, rassegna internazionale di arte contemporanea che si propone di diffondere l'arte contemporanea attraverso la contaminazione tra differenti forme ed espressioni artistiche, per mezzo di una mostra collettiva della durata di 20 giorni, che avrà luogo a Brienza (PZ), presso il Palazzo Comunale - ex Convento dei Frati Minori Osservanti, dal giorno 8 al 28 dicembre 2019.

L’ evento e rivolto a tutti gli artisti che operano nei campi della pittura, scultura, installazione, fotografia, arte digitale e grafica. Il tema del concorso è libero, come anche le tecniche e i materiali che possono essere utilizzati. È possibile iscriversi alle selezioni fino al 4 dicembre 2019. Le opere che verranno proposte all’organizzazione saranno vagliate da una giuria costituita dai componenti della redazione di “In Arte”, che ne selezionerà 50 per esporle all’interno della mostra collegata alla mostra.

La collettiva è un incrocio temporaneo di esperienze artistiche inevitabilmente diverse tra loro, ma che possono costituire un insieme armonico quando alle spalle c’è una ragionata scelta curatoriale. Le edizioni precedenti hanno riscosso molto interesse per il suo elevato valore divulgativo, nonché grande adesione da parte di artisti provenienti da ogni parte d’Italia, tanto da richiedere per la quinta edizione l’utilizzo di spazi espositivi più ampi e prestigiosi, oltre che di rilievo storico e artistico.