Visualizzazione post con etichetta eventi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta eventi. Mostra tutti i post

sabato 4 luglio 2020

Basilicata: al via la residenza cinematografica per per 5+5 giovani Under 35


POTENZA - Gli artisti/ filmaker inizieranno, a partire da oggi, le riprese di diversi cortometraggi indagando sui residui della magia cerimoniale lucana tra affascino, fatture, scongiuri ed altri atti legati al mondo magico. Dopo mesi di lockdown, a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19, la Basilicata riparte dal cinema.

Dopo mesi di lockdown, a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19 la Basilicata, da sempre, per via delle sue bellezze paesaggistiche e il suo ricco patrimonio artistico, storico e culturale, esclusivo set cinematografico a cielo aperto, riparte dal cinema.

Terra amata da grandi registi come Pier Paolo Pasolini, Lina Wertmüller, Mel Gibson, Gabriele Salvatores fino a giungere a Mohsen Makhmalbaf (“Marghe and her mother), Cary Fukunaga (“No time to die” - Saga di James Bond) e Terrence Malick (“The Last Planet”), è pronta per una nuova produzione cinematografica.

Questa volta saranno 6 artisti/filmaker under 35: Walter Molfese, Martina Lioi, Beatrice Surano, Elisa Baccolo, Daniele De Stefano (assieme a Federica Miola, Cosimo Viggiani, Tonia Satriano, Paolo Fedele, Vincenzo D’Onofrio e Flavio Russo) vincitori del bando di residenza cinematografica “CineCampus – Sud e Magia”, a raccontare, attraverso il metodo “investigativo” del cine-reportage e dell’antropologia visuale, l’antica regione tra realtà, incanto e magia.

La residenza cinematografica nata dal progetto dell’associazione culturale Allelammie/Lucania Film Festival e prodotto con il sostegno del MIBACT e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”, durerà complessivamente 20 giorni (1-20 luglio 2020), nel rispetto delle normative igienico-sanitarie vigenti in tema Coronavirus (Covid-19).

Dopo l’incontro formativo on line dello scorso 29 maggio con antropologi dell’Unibas, altri esperti del settore guideranno i partecipanti giunti in Basilicata nella elaborazione e realizzazione di diversi cortometraggi sui residui della magia cerimoniale lucana tra affascino, fatture, scongiuri ed altri atti legati al mondo magico.

Terra di luce e di magia, la Basilicata, già oggetto di studio dell’etnologo meridionalista italiano Ernesto De Martino e del regista Luigi Di Gianni, autore di “Magia Lucana”, premiato come migliore documentario alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1958, si prepara ad accogliere una nuova “spedizione”.

Per informazioni www.lucaniafilmfestival.it - Pagina Fb: https://www.facebook.com/LucaniaFF/

venerdì 3 luglio 2020

Pro loco: martedì 7 luglio in diretta Facebook l'incontro "Ripartire dai borghi"


POTENZA - Martedì 7 luglio 2020 alle ore 18:00, in diretta Facebook al link facebook.com/tg7basilicata, si svolgerà un incontro pubblico dal titolo “Ripartire dai borghi: rendere visibile l’invisibile. Il ruolo di Pro loco, GAL e Comuni”.

Tra i settori che hanno subito ripercussioni a causa dell’emergenza pandemica c’è indubbiamente anche il mondo delle Pro Loco con le loro iniziative - forzatamente fermate - messe in campo da migliaia di volontari. Ammontano, infatti, a diverse centinaia gli eventi annullati in Basilicata da quando, a marzo 2020, è iniziata l’emergenza Covid-19. In questi quattro mesi le numerose manifestazioni folkloristiche, storico-culturali, enogastronomiche organizzate dalle Pro Loco sono state annullate o rinviate, determinando una rilevante perdita per il settore turistico ed economico.
Ora però, le Pro Loco sono pronte a ripartire mettendosi da subito in prima linea e dando quel contributo che, da sempre, risulta essere determinante per l’animazione dei nostri paesi.

Di tutto questo, si discuterà martedì 7 luglio nel corso di una riunione web pubblica, organizzata dal Consorzio Pro Loco Marmo-Melandro-Basento-Camastra con il patrocinio dell’Unpli Basilicata. Un momento di dialogo, confronto e ascolto sul ruolo delle Pro Loco, dei Comuni e dei GAL nella ripresa turistica e culturale regionale post-Covid.

I borghi lucani – scrigno di cultura – devono dischiudere le proprie caratteristiche al viaggiatore, anche quelle a prima vista più banali, in modo da condividere con il viaggiatore un’esperienza che sia per lui originale e unica. L’intento dev’essere quello di rendere visibile la bellezza invisibile. Luoghi da visitare certo, ma anche storie da narrare. Ci sono ancora molti posti meravigliosi da scoprire con tutte le tradizioni che meritano di essere vissute e sperimentate.

«Siamo felici – dichiara il presidente del Consorzio Pro Loco Vito Sabia – di poter tornare nuovamente a raccontare il nostro territorio e farlo conoscere dal vivo, ma vogliamo farlo nel rispetto delle regole e della sicurezza. Per questo è necessario che sia riconosciuto il valore e l’impegno dei nostri volontari e vi sia il sostegno dell’Ente pubblico, affinché si propongano nuovi eventi ed iniziative che portino afflusso di visitatori nei nostri paesi».

All’introduzione di Vito Sabia, Presidente Consorzio Pro Loco Marmo/Melandro/Basento/Camastra, seguiranno gli interventi di Carmen Salvatore, Presidente Pro Loco Avigliano; Loredana Albano, Presidente Pro Loco Pignola; Maria Santarsiero, Presidente Pro Loco Filiano; Rocco Franciosa, Presidente UNPLI Basilicata; Michele Miglionico, Presidente GAL PerCorsi; Francesco Santoro, Sindaco di Filiano e Giovanni Lettieri, Sindaco di Picerno. L’incontro sarà moderato dalla giornalista Maria Martinelli.

mercoledì 1 luglio 2020

Marina di Pisticci (Mt): al via la Rassegna letteraria “Gli estivi”


MARINA DI PISTICCI (MT) - Non si ferma l’attività di promozione culturale dell’associazione Amabili Confini che proporrà dal 4 al 25 luglio “Gli estivi”, rassegna letteraria dedicata a giovani scrittori di talento.

Gli incontri si svolgeranno ogni sabato nella suggestiva spiaggia di Riva dei Ginepri con inizio alle ore 18:00 e vi parteciperanno: Ilaria Palomba con il romanzo “Brama”, Cristò con “La meravigliosa lampada di Paolo Lunare”, Alessio Forgione con “Giovanissimi” e Flavia Piccinni con il libro inchiesta su Sarah Scazzi.

L’evento è realizzato in collaborazione con la libreria Di Giulio e Riva dei Ginepri.
Le informazioni sugli autori e sui libri sono disponibili su https://www.amabiliconfini.it/gli-estivi/

domenica 28 giugno 2020

Caggiulino Lucanum scopre la Porta della Basilicata


MATERA - Ed ecco la decima puntata del cartoon Caggiulino Lucanum realizzato dalla PMI innovativa materana iInformatica S.r.l.s. con il patrocinio delle Pro Loco Unpli della Basilicata all'interno delle iniziative del progetto d'innovazione territoriale "Lucanum".

Il simpatico cagnolino grigio e bianco col cappello con sopra la Basilicata in questa avventura ci porterà alla scoperta del bellissimo borgo di Vietri di Potenza, grazie alla vittoria nel contest "Regista di Caggiulino Lucanum" del giovanissimo fotografo Domenico Passannante con una foto del Convento dei Cappuccini dell'incantevole borgo di Sant'Anselmo.

Caggiulino ci fa subito notare che Vietri di Potenza è nella valle del Melandro, un fiume che attraversa i territori della provincia di Potenza e di Salerno e che regala panorami mozzafiato.

La visita della città prosegue con la poesia di Nicolò Montesano, omaggio alla porta della Basilicata, Vietri di Potenza, borgo che dà il benvenuto alla terra di luce, la nostra Lucania.

Caggiulino ci porta alla scoperta del Convento dei Cappuccini, angolo di pace che custodisce al suo interno dipinti seicenteschi, una antica biblioteca con oltre 3000 antichissimi volumi ed un antichissimo reliquiario settecentesco. Ivi, fra le reliquie custodite è presente una spina che viene attribuita alla corona di Gesù. Caggiulino ci illustra che il convento è circondato da fiorenti aree coltivate. Infatti, Vietri di Potenza è stato anche insignito della nomina di città dell'Olio. Con questo racconto Caggiulino ci saluta e ci rimanda al prossimo episodio.


Il nuovo cartoon realizzato da Angelo Cucina con i disegni dell'artista ferrandinese Alessandro D'Alcantara e le voci di Demetrio Cavara e Nicolò Montesano è il decimo cartone animato che in forma innovativa promuove la regione Basilicata.

Con questo episodio, la società siculo-lucana iInformatica (il cui amministratore è Vito Santarcangelo) insieme al comitato regionale delle Pro Loco Unpli Basilicata (rappresentato dal presidente Rocco Franciosa) continuano nella sinergia vincente al servizio del territorio, dopo il lancio dei progetti innovativi iPlaya (attivo negli stabilimenti balneari del litorale Jonico e Tirrenico) e iOrdino (attivo nel territorio delle Pro Loco di Corleto Perticara, Savoia di Lucania, Pisticci, Bella, Miglionico, Monticchio/Rionero , Scanzano Jonico) per la ripresa delle attività balneari e ricettive lucane nel rispetto delle normative di sicurezza previste dal Covid-19.

giovedì 25 giugno 2020

Al via il ciclo di dirette Facebook “Il Labirinto – Fare impresa oltre le insidie governative”


È bastato un periodo di lockdown, conseguenza della grave pandemia che ci sta colpendo, per mandare in crisi l’Italia; questo fattore chiave, ha portato alla deriva la nostra economia, determinando, forse irrimediabilmente, il futuro finanziario della Nazione.

In virtù di questa tragica situazione, gli scorsi, sono stati per noi, mesi di studio e di confronto, in cui abbiamo ascoltato sfoghi, storie, analizzato situazioni e ci siamo posti domande.

Fin da subito, avevamo chiaro l'obiettivo cui tendere, divenire la manifestazione reale, la viva voce dei problemi e le difficoltà di Imprenditori, Partite IVA e di liberi cittadini.

Questa è la mission che ha animato la nostra idea di realizzare un ciclo di dirette Facebook, dal titolo "IL LABIRINTO - Fare impresa oltre le insidie governative”.

Un modo immediato che ci permetterà di fornire le informazioni necessarie per affrontare al meglio il tortuoso Labirinto del sistema fiscale italiano, nel quale, troppo spesso ci si perde.

Potete seguire le nostre dirette:

Sulla Pagina FB “Il Labirinto” https://www.facebook.com/illabirintofareimpresa/

Sul gruppo FB “VRPI: La VERA Rivolta delle Partite Iva” https://www.facebook.com/groups/177935760082063/
Sul Gruppo FB “stopEuropa”: https://www.facebook.com/groups/888093271649645/

Sulla Pagina FB “Emergenza Italiani”: https://www.facebook.com/Emergenza-Italiani-100451775060038/
Vera Narducci - Consulente aziendale e leader nazionale VRPI
Alessandro Nardelli - Dottore in Sociologia e Giornalista Pubblicista

mercoledì 24 giugno 2020

Policoro (Mt): sarà presentato il progetto “L'ultima foresta incantata”


POLICORO (MT) - “L’ultima foresta incantata” è il progetto finanziato dalla Fondazione CON IL SUD in fase di realizzazione all’interno della Riserva Regionale “Bosco Pantano” di Policoro (MT), nato per salvare l’ultimo lembo di bosco planiziale dell’Italia meridionale, e probabilmente uno dei pochissimi rimasti nel sud Europa.

La Riserva regionale “Bosco Pantano” di Policoro, infatti, è scrigno di un bosco igrofilo che costituisce una autentica rarità. Tra le sue specie simbolo c’è la farnia (Quercus robur), a forte rischio estinzione.

A tale scopo, nell’arco di 36 mesi, verranno realizzate una serie di azioni di studio, censimento e monitoraggio dei pochi nuclei di bosco igrofilo rimasti, sui quali poi verranno effettuati piccoli interventi idraulico forestali per cercare di ripristinarne le condizioni originarie ideali allo sviluppo ed interventi di rinaturalizzazione nelle aree con presenza di specie esotiche. Alla fase di studio sarà affiancata la realizzazione di un vivaio che consentirà di allevare le specie igrofile principali a rischio di estinzione e poterle impiegare direttamente negli interventi di ricostituzione e la creazione di un orto botanico che consentirà di ricreare le fisionomie vegetali principali da utilizzare a scopo didattico e turistico.

Nove i partner del progetto: Legambiente Montalbano, Organizzazione Aggregata WWF Costa Ionica Lucana, Università degli Studi della Basilicata, Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Bioscienze e Biorisorse – Bari, Amministrazione Provinciale di Matera, Associazione culturale "I Colori dell'Anima", Associazione Protezione Civile Gruppo Lucano - Viggiano, Centro servizi impresa soc. coop e Centro Studi Appennino Lucano.

L’incontro di presentazione de"L'ultima Foresta incantata" focalizzerà l’attenzione su:
• Finalità ed obiettivi del progetto
• Opere di studio, censimento e monitoraggio realizzate nei primi mesi dalla nascita del progetto
• Prospettive future e idee innovative di promozione e valorizzazione in sinergia con gli enti istituzionali ed esperti del settore

Per quanto riguarda le escursioni sono previsti 15 posti massimo BIKE e 15 posti massimo duna.
La prenotazione è obbligatoria con foto e documenti di identità, in ottemperanza alle direttive anti-Covid vigenti.

L'evento è completamente gratuito, compreso le escursioni.

Per info: wwf.poli@gmail.com 3279539814 - 08351825157

martedì 23 giugno 2020

Matera: celebrato il 246° Anniversario di fondazione del Corpo Guardia di Finanza


MATERA - Ieri mattina, presso la Caserma “Fin. M.B.V.M. Vincenzo Rutigliano” sede del Comando Provinciale Guardia di Finanza, alla presenza del Prefetto di Matera, S.E. Dott. Rinaldo Argentieri, del Comandante Provinciale di Matera, Col. t. ISSMI Giuseppe A. Cardellicchio, di una rappresentanza di Ufficiali, Ispettori, Sovrintendenti, Appuntati e Finanzieri del Comando Provinciale e dei Reparti alla sede, nonché dei militari in congedo dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia, è stata celebrata la ricorrenza del 246° anniversario della fondazione del Corpo della Guardia di Finanza.

Nel corso della cerimonia è stata data lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e dell’Ordine del giorno del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Giuseppe Zafarana. A seguire, un breve discorso del Comandante Provinciale.

La celebrazione, che si è svolta nella massima sobrietà, rappresenta un evento importante per gli uomini e le donne che vestono la divisa delle Fiamme Gialle, impegnati ogni giorno a perseguire la sicurezza economico-finanziaria sul territorio di questa Provincia. 

In tale contesto, il Comandante Provinciale ha reso noto il bilancio dell’attività operativa svolta dai dipendenti Reparti del Corpo nell’anno 2019 a conferma dell’impegno profuso dalla Guardia di Finanza nella lotta ai fenomeni d’illegalità e di criminalità economico-finanziaria più gravi e dell’attività svolta nei primi 5 mesi del 2020 a tutela della salute dei cittadini nell’ambito delle misure imposte dall’emergenza epidemiologica COVID-19.

Le attività di servizio del Corpo si snodano attraverso 3 direttrici operative principali.

La prima è rappresentata dall’attività investigativa, ossia dallo sviluppo di indagini di polizia giudiziaria riferite ai più gravi reati a sfondo economico-finanziario. 

La seconda è costituita dai piani operativi, che si sostanziano nell’esecuzione di programmi d’intervento mirati sulle più pericolose manifestazioni d’illegalità nelle diverse aree del Paese. 

La terza attiene all’azione di controllo economico del territorio, con la quale i Reparti territoriali e le articolazioni della Componente aeronavale assicurano il presidio sistematico ed unitario di strade, aree urbane, porti, aeroporti, frontiere marittime e terrestri per contrastare i traffici illeciti.

Di seguito una breve sintesi dei principali risultati conseguiti nei diversi comparti di servizio:


ATTIVITA’ INVESTIGATIVA


Nel 2019 le unità operative del Corpo della Provincia di Matera hanno concluso 302 deleghe d’indagine dell’Autorità Giudiziaria, molte delle quali hanno interessato il comparto dei reati tributari, con una forte incidenza per quelle connesse all’emissione ed all’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. 

Inoltre, i Reparti hanno concluso 23 incarichi investigativi pervenuti dalla Procura Regionale della Corte dei Conti di Basilicata, con riferimento al settore della Spesa Pubblica, ed in particolare, alle ipotesi di danno erariale ed illeciti in danno della pubblica amministrazione.


PIANI OPERATIVI


I piani operativi affidati nel 2019 ai Reparti del Corpo per il relativo sviluppo, sono nel complesso 48, suddivisi nelle 3 macro-aree generali d’intervento istituzionale, vale a dire:

la lotta all’evasione, all’elusione e alle frodi fiscali (21 piani operativi);
la tutela della spesa pubblica (10 piani operativi);
il contrasto alla criminalità organizzata ed economico-finanziaria (17 piani operativi). 


Contrasto all’evasione, all’elusione e alle frodi fiscali: 


Nel solo 2019, oltre alle indagini di polizia giudiziaria, sono stati eseguiti 459 interventi mirati (61 verifiche e 398 controlli) che hanno consentito di denunciare 34 responsabili di reati fiscali, gran parte dei quali per emissione o utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione fraudolenta ed infedele, occultamento di documentazione contabile. Complessivamente, sono stati scoperti e proposti per il recupero a tassazione oltre 24 milioni di euro di base imponibile netta ai fini delle imposte sui redditi e oltre 10 milioni di euro ai fini dell’I.V.A. 

In particolare, grazie alle indagini finanziarie, sono stati “riportati alla luce” 4,8 milioni di euro sottratti al fisco. 

Individuati 34 soggetti, che, pur avendo svolto attività produttive di reddito, sono risultati completamente sconosciuti al fisco (c.d. evasori totali) ed hanno sottratto a tassazione oltre 16,9 milioni di euro di base imponibile ed evaso I.V.A. per oltre 6,8 milioni di euro. 

Scoperti 46 datori di lavoro che hanno impiegato 104 tra lavoratori in “nero” o irregolari. 

Sono state avanzate proposte di sequestro per oltre 4,7 milioni di euro. 

Nel comparto dei “Giochi e Scommesse illegali”, i Reparti della provincia hanno eseguito 9 interventi che hanno consentito di verbalizzare 18 soggetti.


Contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica e illegalità nella P.A.


Relativamente al settore della tutela della spesa pubblica, sono stati eseguiti 532 interventi complessivi, che hanno interessato i più importanti flussi di spesa, dalla sanità alla previdenza, dai fondi comunitari agli incentivi nazionali, dalle prestazioni sociali agevolate ai ticket sanitari e gli appalti. 

L’ammontare delle risorse pubbliche risultate indebitamente richieste o percepite da parte dei 641 responsabili individuati è stato di oltre 34,6 milioni di euro.

In detto contesto, i controlli eseguiti nell’ambito delle prestazioni sociali agevolate e dei ticket sanitari hanno fatto rilevare una percentuale di illiceità pari al 95,65%. 

Sono stati altresì segnalati 41 soggetti alla Corte dei Conti – Sezione Giurisdizionale della Basilicata, nei confronti dei quali è stato accertato un danno erariale complessivo per oltre 7,6 milioni di euro.

In materia di appalti a seguito di 10 interventi eseguiti, sono stati denunciati 2 soggetti alla competente A.G. e individuato un ammontare di appalti irregolari per oltre 18,2 milioni di euro.


Contrasto alla criminalità economico-finanziaria 


Sul fronte del contrasto alla criminalità economico-finanziaria, sono stati svolti accertamenti patrimoniali nei confronti di 31 soggetti connotati da pericolosità sociale o da pericolosità economico-finanziaria, che hanno consentito di effettuare proposte di sequestro preventivo ex legge 159/2011 per un valore complessivo di oltre 11,1 milioni di euro. 

Nell’ambito delle attività di prevenzione e contrasto al finanziamento del terrorismo, i Reparti hanno monitorato e sottoposto a controllo 12 soggetti che prestano, tra l’altro, servizi di money transfer comunitari con la contestuale identificazione di 14 persone “colte” nell’atto di fruire degli specifici servizi.

Nel settore della tutela della proprietà intellettuale e sicurezza prodotti, i reparti della Provincia hanno eseguito 60 interventi che hanno permesso di sequestrare complessivamente 640.755 articoli contraffatti, recanti falsa indicazione di origine e/o pericolosi per i consumatori. In detto ambito, 23 persone sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria ed altre 11 sono state segnalati alle Autorità Amministrative per “abusivismo commerciale”. 


Controllo del territorio e contrasto ai traffici illeciti


Il controllo economico del territorio per il contrasto ai traffici illeciti, assicurato attraverso un dispositivo d’intervento unitario che integra tra loro le diverse componenti territoriale, investigativa e aeronavale del Corpo, ha visto impiegate, tra l’altro, nel solo 2019, 1.460 pattuglie. 

Le indagini antidroga, condotte anche attraverso un capillare monitoraggio del territorio della provincia e delle sue principali vie di comunicazione, hanno portato al sequestro di gr. 4.478 di hashish e marijuana, gr. 1.589 di cocaina, gr. 50 di eroina e gr. 11 di droghe sintetiche/altre droghe, nonché alla segnalazione alle Prefetture competenti di 252 soggetti quali detentori di modiche quantità di sostanze stupefacenti per uso personale in violazione all’art. 75 del D.P.R. 309/90 e alla denuncia alla locale A.G. di 47 soggetti, di cui 17 tratti in arresto, in violazione all’art. 73 dello stesso decreto.

Nel settore della tutela ambientale è stato eseguito un intervento che ha portato al sequestro di 1 terreno e al conseguente deferimento all’Autorità Giudiziaria di 1 soggetto per “attività di gestione di rifiuti non autorizzata”.


BILANCIO OPERATIVO NELLO STATO DI EMERGENZA DA COVID-19
(GENNAIO ÷ MAGGIO 2020)


A seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 il Corpo ha rivolto la propria azione contro gli illeciti economico-finanziari che, nel particolare momento che sta vivendo il Paese, destano maggiore preoccupazione: usura, riciclaggio, truffe e frodi in danno della popolazione, anche on line, pratiche commerciali scorrette e pericolose per i consumatori, manovre distorsive sui prezzi, indebite percezioni di risorse pubbliche, reati contro la Pubblica Amministrazione, frodi nelle pubbliche forniture e, più in generale, violazioni al Codice degli appalti. 

Sono 487 i controlli svolti dalla Guardia di Finanza di Matera a partire dallo scorso mese di marzo per assicurare il rispetto delle misure di contenimento della pandemia.

Con riguardo al contrasto all’infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto economico del paese, nei primi cinque mesi del 2020 sono stati svolti 331 accertamenti nei confronti di altrettante persone fisiche e giuridiche, di cui 17 con esito irregolare e con 5 persone denunciate.

La crisi sanitaria connessa al Covid-19 vede la Guardia di Finanza fortemente impegnata nelle attività a tutela dei consumatori, principalmente volte a contrastare le fattispecie fraudolente riferite, da un lato, all’illecita commercializzazione di dispositivi di protezione individuale e beni utili a fronteggiare l’emergenza epidemiologica e, dall’altro, a condotte ingannevoli e truffaldine. 

In detto ambito, nei primi mesi del 2020, sono stati sequestrati 1.595 dispositivi medici non in regola con la normativa vigente. 

Sono state sviluppate, poi, attività a contrasto di pratiche anticoncorrenziali e di manovre speculative commesse approfittando dell’aumento della richiesta di taluni beni. 

In questo ambito, sono stati approfonditi elementi sintomatici di condotte distorsive della corretta dinamica di formazione dei prezzi, con indagini finalizzate a risalire sistematicamente la filiera commerciale, fino alle strutture e ai soggetti del processo produttivo/distributivo dai quali hanno tratto origine le speculazioni. 

Nel complesso, durante l’emergenza epidemiologia da COVID-19, la Guardia di Finanza, unitamente alle altre Forze di Polizia, ha assicurato l’attuazione delle misure di contenimento del contagio, attraverso l’impiego giornaliero di circa 30 militari.

Unibas: firmato a Potenza accordo con Amministrazione penitenziaria


Favorire lo sviluppo culturale e la formazione universitaria, per sostenere i detenuti negli istituti penitenziari della Puglia e della Basilicata, con l'obiettivo primario del reinserimento, e favorire la formazione universitaria del personale che opera nel territorio di competenza del Provveditorato della Puglia e Basilicata. Sono i punti principali di un accordo di collaborazione tra l’Università della Basilicata e il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria della Puglia e Basilicata, firmato oggi, a Potenza, dalla Rettrice, Aurelia Sole e dal Provveditore regionale, Giuseppe Martone. L'iniziativa, in base al protocollo già sottoscritto tra la Crui (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) e il Ministero della Giustizia, attraverso il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, consentirà ai detenuti di frequentare, nelle modalità consentite e avvalendosi della formazione a distanza, i corsi universitari conseguendo, al termine, il titolo di studio al pari di qualsiasi altro studente dell'ateneo.

L’Unibas, in questi anni, ha sostenuto molte iniziative sia nel campo preventivo (tra cui l'incontro con il Direttore Generale della Direzione Investigativa Antimafia, Gen. Giuseppe Governale, nell'Aula Magna dell'Unibas il 29 ottobre 2019) che nell'organizzazione di specifici corsi di formazione destinati al personale delle pubbliche amministrazioni (Progetto "Valore P.A.” sulle aree tematiche: “Anticorruzione e trasparenza”, “Appalti e contratti” e “Personale, organizzazione e riforma della Pubblica amministrazione”). A scopo sperimentale alcuni detenuti, inoltre, partecipano già ad alcuni corsi di studio nel Campus di Matera. Saranno inoltre istituiti di concerto anche corsi di aggiornamento per il personale che opera nelle case circondariali, sia in discipline giuridiche e amministrative che sociali. "Entrare in ambienti, spesso problematici, per esercitare il ruolo di formazione – ha detto la Rettrice - rappresenta una sfida per il nostro Ateneo alla quale non ci siamo mai sottratti. Per questo motivo abbiamo subito accolto la richiesta dell’Amministrazione Penitenziaria per proseguire, dopo le esperienze in questo senso già presenti in Ateneo, un percorso più strutturato in affiancamento a quello educativo delle case circondariali, ma anche con una grande valenza sociale e culturale che risponde a un dettato della costituzione. La rieducazione dei detenuti non consiste solo nel riportare l’individuo sulla strada della legalità ma anche, e soprattutto, fornirgli quegli strumenti concettuali, conoscitivi e soprattutto culturali tali da consentirgli di riappropriarsi della propria vita e reinserirsi nella vita sociale". Martone ha invece spiegato che “si tratta di un importante punto di partenza, ovvero le fondamenta di un edificio che sarà costruito bene sia a favore delle persone che scontano la pena, sia per chi lavora nel mondo dell’esecuzione penale, che ha necessità di formazione continua e orientata al lavoro, non teorica ma spendibile quotidianamente. Il tempo è un grande contenitore da riempire: gli esseri umani hanno il dovere di riempire questo contenitore con cose positive, e una di queste è la cultura, che ci rende uomini, e le esperienze messe in campo fino a questo momento in varie zone del Paese sono state positive”. All’incontro ha partecipato il Direttore generale, Giuseppe Romaniello, il Prorettore al Public Engagement e la Prorettrice alla Didattica dell’Unibas, Nicola Cavallo, e Patrizia Falabella, la Direttrice della Casa Circondariale di Potenza, Maria Rosaria Petraccone, e il Funzionario di Staff del Provveditorato Regionale, Giuseppe Palo.

lunedì 22 giugno 2020

Emergenza Coronavirus e le Pro Loco Unpli Basilicata: il report delle attività e dei contributi erogati in contrasto del Covid-19


TRICARICO (MT) - Il 4 marzo - racconta il Presidente Unpli Basilicata Rocco Franciosa - è stato un giorno che verrà ricordato sui libri di storia. Un decreto sanciva a tutti gli effetti l’entrata in una nuova fase che verrà poi stabilizzata il 9 marzo col messaggio del premier Conte alla nazione: sospese le nostre attività in presenza. Non era mai successo". Il mondo Pro Loco non si è mai fermato, tante le iniziative dedicate alla valorizzazione del proprio territorio regionale, tanti gli atti di solidarietà. "Cento giorni difficili – afferma Franciosa – con rammarico tante le manifestazioni annullate, dai riti pasquali, ai riti arborei, la paura era ed è tanta, ma non ci ha sopraffatto. Abbiamo raccontato il territorio grazie ai social nel periodo storico che ha vincolato alle mura di casa i nostri affetti, i nostri abbracci. La rete Pro Loco Unpli Basilicata ha deciso di combattere la malinconia del momento con delle iniziative importanti di promozione turistica".

Il Comitato regionale Unpli Basilicata infatti ha promosso varie iniziative sul territorio attraverso i propri canali social come “La grande bellezza #condividilarte” aderendo alla campagna nazionale del Mibact con la divulgazione di 69 opere realizzate da 37 artisti lucani che hanno rappresentato sapientemente grazie alla loro arte scorci del territorio, monunenti storici e personaggi illustri.

Realizzati due video-cartoline promozionali dei 131 paesi lucani dal titolo “Meraviglia Basilicata: scoprila, vivila e amala" e “Basilicata: bellezza inesplorata" disponibili sul canale YouTube e album fotografici dei paesi lucani sulla pagina Facebook Pro Loco Unpli Basilicata. Grazie alla sinergia con la Pmi innovativa materana iInformatica s.r.l.s abbiamo regalato a tutti i bambini lucani la possibilità di conoscere la propria terra con la possibilità di scaricare e colorare il “Caggiulino Lucanum con le Pro Loco in viaggio alla scoperta della Basilicata” e con il racconto a puntate del simpatico cagnolino esploratore formato cartone animato. Ad oggi sono 55 i paesi visitati e 9 i video realizzati ed il suo tour non si ferma, si completerà al raggiungimento dei 131 paesi lucani. Un modo originale che ha permesso, e permetterà, ai più piccini di avvicinarsi alla storia e alla bellezza della nostra terra.

Mentre per il tessuto imprenditoriale lucano la Pmi iInformatica e il Comitato regionale Pro Loco Unpli Basilicata hanno messo a disposizione gratuita le applicazioni "iPlaya" riservata agli stabilimenti balneari e "iOrdino" per le attività ristorative in compliance Covid-19. La narrazione delle meraviglie della regione continua anche con il blog “#ioviaggiolucano”, giunto alla sua nona pubblicazione è un vero tour della Basilicata raccontata attraverso la voce dei volontari delle Pro Loco lucane. Gli articoli sono disponibili alla pagina https://www.unplibasilicata.it/ioviaggiolucano/ e sono sempre preceduti da post sulle pagine Facebook e Instagram di Pro Loco Unpli Basilicata. Nella giornata odierna sarà presentata una nuova rubrica del blog “EnogAstronomica” realizzata in collaborazione con l’Unione Regionale Cuochi Lucani e l’Associazione Italiana Sommelier Basilicata. Ogni Pro Loco ha creato autonomamente dei contributi social importanti per rinsaldare il legame col proprio territorio, tante le attività proposte e tanta la solidarietà.

Il progetto di Servizio civile universale dal titolo “Viaggio nel patrimonio culturale lucano", dopo un piccolo periodo di stop, ha ripreso la sua formazione consentendo ai 45 giovani Operatori Volontari di proseguire con la loro attività. Oltre alla promozione di un turismo di prossimità, le Pro Loco lucane hanno contribuito attivamente con donazioni ed atti concreti durante il lockdown: 14.000 euro donati per l'emergenza sanitaria, 5.000 mascherine tra prodotte, acquistate e donate, 1.000 visiere prodotte, 10.000 bustine porta mascherine donate, varie attività di sostegno alle amministrazioni comunali e alle associazioni di Protezione Civile locali. "Un mondo straordinario quello dei volontari Pro Loco che ha dimostrato senso di responsabilità e una grande generosità - conclude il Presidente Unpli Basilicata - vorrei davvero ringraziarli uno per uno. Avrò la possibilità di incontrare nuovamente i presidenti delle varie sedi lucane domenica 28 giugno a Tricarico presso l’auditorium comunale in osservanza di tutte le norme in contrasto del Covid-19 in occasione dell'assemblea annuale per l'approvazione del bilancio consuntivo e l'adeguamento dello statuto alla Riforma del Terzo Settore. Sarà un’emozione ritrovare tutti con la speranza di poter ritornare presto alla normalità con la ripresa dell'attività sul territorio lucano".

venerdì 19 giugno 2020

Il 4 luglio aprirà il Parco Acquatico di Venosa


VENOSA - “L’attesa è terminata!”. Con questo messaggio postato sulla pagina Facebook ufficiale il parco acquatico “New Waterpark” di Venosa spazza via tutti i dubbi: a partire dal 4 luglio riaprirà le porte ai suoi ospiti.

Tante, sino a poche settimane fa, le incertezze sulla riapertura, complici gli sviluppi dell’emergenza sanitaria. Fortunatamente il New Waterpark è pronto a tornare anche per questa stagione.

Numerose le misure post-Covid a tutela dei clienti, tra le tante: igienizzazione costante di tutte le aree del Parco Acquatico, gestione delle distanze di sicurezza per le file all’ingresso, nelle aree ristoro e nelle numerose attrazioni che la struttura offre al pubblico. L’organizzazione attuerà in maniera impeccabile le nuove disposizioni normative al fine di tornare a proporre, come ogni anno, le iconiche e immancabili attrazioni che da sempre contraddistinguono la struttura.

Finalmente stiamo tornando alla normalità con l’impegno di tutti, per il bene di ciascuno di noi.

Presentato a Potenza il progetto “Giardino della comunità”


POTENZA - Un “Giardino della Comunità” per trovare nuovi luoghi e prospettive, per dare spazi di protagonismo ai giovani, tessendo relazioni, reti, connessioni e per dare nuovo stimolo allo sviluppo culturale e sociale di Potenza. È il progetto messo in campo dall’Università della Basilicata, in collaborazione con il nuovo Polo bibliotecario di Potenza (nel quale sono confluite la Biblioteca Nazionale e la Biblioteca Provinciale di Potenza), la Biblioteca comunale per l’infanzia di Potenza, UniversoSud e il Consorzio “ConUnibas”, vincitore dell’Avviso pubblico nazionale “Biblioteca casa di quartiere” bandito dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo - Direzione Generale Creatività Contemporanea – nell’ambito del Piano Cultura Futuro Urbano.

L’idea è di creare uno “spazio emozionale di comunità” in cui la cultura e la conoscenza diventano strumenti di inclusione e di aggregazione per i cittadini, ospitando spazi a loro dedicati. L’obiettivo è quindi la realizzazione di “hub” per l’educazione, la sperimentazione e l’innovazione digitale, in grado di favorire la nascita di esperienze d’impresa culturale, digitale e creativa. La rete delle biblioteche cittadine ha avviato un progetto per innovare i propri servizi attraverso corsi e iniziative culturali, per realizzare luoghi di incontro e partecipazione che ospiteranno momenti di formazione, legati alla lettura al teatro e al mondo digitale rivolti, sia a chi cerca di migliorare la propria condizione sia a chi vuole coltivare e condividere i propri interessi.

“La collaborazione tra le biblioteche della città che si uniscono con l’obiettivo comune di aprirsi ai quartieri e al territorio, promuovendo momenti di partecipazione e di confronto culturale con fasce di potenziali lettori che solitamente non utilizzano o non conoscono i servizi bibliotecari, rappresenta il punto di partenza per diffondere l’idea della cultura partecipata e stimolare l’attivismo civico. È indispensabile che tutti insieme ripensino a spazi e servizi culturali indispensabili per sviluppare relazioni aperte e inclusive tra biblioteca e comunità”, hanno spiegato la Prof. ssa Laura Scrano, referente di Ateneo per il Progetto, il Prof. Domenico Pierangeli e Franco Claps, il Presidente e uno dei componenti della Biblioteca Centrale di Ateneo.

In attesa di aprire le porte al pubblico, nella nuova sede di Santa Maria, il Polo Bibliotecario di Potenza, primo esempio in Italia di integrazione di due istituzioni bibliotecarie - ha precisato la Direttice Dott.ssa Anna Maria Pilogallo - ha lavorato per la realizzazione di questo progetto in un’ottica di cooperazione e di coinvolgimento della cittadinanza. “Il Piano Cultura Futuro Urbano con il progetto Biblioteca casa di quartiere - ha detto l'Arch. Esmeralda Valente, referente per la rigenerazione urbana della D.G. Creatività contemporanea del MiBACT - mira a creare un patto, un’alleanza, con la società civile in tutte le sue articolazioni, per promuovere insieme le condizioni affinché i cittadini abbiano la possibilità di coltivare i propri talenti non solo in ambito culturale, ma anche umano. Per questo è importante valorizzare la rete capillare di presidi culturali presenti sul territorio per offrire ai cittadini spazi e servizi che incidano positivamente sulla qualità della loro vita". Alla conferenza stampa di presentazione, che si è svolta oggi, a Potenza, nella sala dell’Arco del Comune, hanno partecipato inoltre la Rettrice dell’Unibas, Aurelia Sole, e il presidente della Provincia di Potenza, Rocco Guarino, l'Arch. Francesco Canestrini, Segretario reg.le MiBACT per la Basilicata, l'Ing. Enrico Spera, Dirigente Ufficio Cultura Provincia di PZ, e l'Ing. Antonio Candela, Amministratore Consorzio ConUnibas.

“Il giardino della comunità” è un progetto simbolo della cultura che non si arrende nelle mani di chi la sa gestire e valorizzare con l’uso sapiente della tecnologia. Non solo, è anche esempio di una realtà di proficua collaborazione tra l'Università della Basilicata, il Polo bibliotecario, e il Comune della città di Potenza”, hanno invece evidenziato l’Assessore alla cultura del Comune di Potenza, Dott.ssa Stefania D'Ottavio e l’Assessore alla P.I. e Rapporti con l’Università, Dott.ssa Alessandra Sagarese.

Un progetto nato prima della pandemia, che ora si “adatta” ai nuovi modelli sociali imposti dal Covid, con un programma ricco e articolato previsto dai partner del progetto: “Leggiamo insieme” spazio di incontri informali a cadenza mensile tra amanti della lettura, “Read Easy” lettura facilitata con messa a disposizione di risorse dedicate alla dislessia, ai disturbi specifici di apprendimento, agli ipovedenti. E ancora, seminari di formazione/informazione sulle fake news, sul “pensare digitale”, su come svolgere correttamente ricerche su internet, corso di fotografia digitale attività a cura della Biblioteca di Ateneo dell’Università della Basilicata. Sharing Library, un percorso di co-progettazione di servizi e di rigenerazione degli spazi di comunità, fondato sull’idea dello scambio di esperienze umane, risorse documentali e competenze professionali; Teatro di comunità, che prevede la realizzazione di un sito, un corto, un diario e un festival di comunità, nell’intento di avvicinare i cittadini al mondo delle biblioteche; sono le attività progettate dal Polo Bibliotecario di Potenza e dalla Compagnia “Botteghe invisibili”.

Laboratori di scrittura creativa, destinati a un’utenza compresa tra 11-18 anni, saranno invece erogati dalla Biblioteca Comunale dell’Infanzia di Potenza. Risultati tangibili di questa attività saranno Video narrativi, un volume cartaceo con illustrazioni a fumetti e un audiolibro da mettere a disposizione degli utenti delle biblioteche e dell’Unione Italiana Ciechi. Le attività citate, inizialmente rivolte ai soli abitanti dei quartieri di Macchia Romana e Rione Lucania, saranno aperte a tutta la cittadinanza, in formato digitale. Un questionario conoscitivo destinato ai cittadini del capoluogo, predisposto dal Polo Bibliotecario di Potenza, sarà somministrato on-line, per capire le esigenze dei cittadini al fine di attivare ulteriori nuovi servizi che siano di gradimento e coinvolgano l’intera comunità comunale.

mercoledì 17 giugno 2020

A Potenza, giovedì 18 giugno 2020, conferenza stampa di presentazione del progetto "Giardino della Comunità"


Un “Giardino della Comunità” per trovare nuovi luoghi e prospettive, per dare spazi di protagonismo ai giovani, tessendo relazioni, reti, connessioni e per dare nuovo stimolo allo sviluppo culturale e sociale di Potenza. È il progetto messo in campo dall’Università della Basilicata, in collaborazione con il nuovo Polo bibliotecario di Potenza (nel quale sono confluite la Biblioteca Nazionale e la Biblioteca Provinciale di Potenza), la Biblioteca comunale per l’infanzia di Potenza, UniversoSud e il Consorzio “ConUnibas”, vincitore dell’Avviso pubblico nazionale “Biblioteca casa di quartiere” bandito dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo - Direzione Generale Creatività Contemporanea – nell’ambito del Piano Cultura Futuro Urbano. Il progetto sarà presentato giovedì 18 giugno, alle ore 11.30, nella Sala dell'Arco del Comune di Potenza. Interverranno in videoconferenza la Rettrice dell'Università della Basilicata, Aurelia Sole, l'Arch. Esmeralda Valente, referente per la rigenerazione urbana della D.G. Creatività contemporanea del MiBACT, e Francesco Datena, referente Compagnia Botteghe Invisibili. Saranno presenti l'Arch. Francesco Canestrini, Segretario reg.le MiBACT per la Basilicata, l'Ing. Enrico, Spera Dirigente Ufficio Cultura Provincia di PZ, la Dott.ssa Anna Maria Pilogallo, Direttore Polo Bibliotecario di Potenza, la Dott.ssa Stefania D'Ottavio, Assessore alla Cultura Comune di PZ, la Dott.ssa Alessandra Sagarese, Assessore P.I. e rapporti con Università, la docente Unibas Laura Scrano, referente di Ateneo per il Progetto, il Prof. Domenico Pierangeli, Presidente della Biblioteca di Ateneo, e l'Ing. Antonio Candela, Amministratore Consorzio ConUnibas.

XVI edizione delle "Notti dello Statere" in streaming


Da sedici anni esiste uno speciale premio nazionale di cinematografia senza scopo di lucro realizzato per promuovere il territorio attraverso la cultura cinematografica. “Le Notti dello Statere”, nato dall’intuizione di Luca Iacobini che ne cura da sempre anche la direzione artistica, il festival si tiene ogni anno a Sibari, in provincia di Cosenza, nella sala convegni del Marlusa.
Tornato in Calabria dopo la laurea in Sociologia e una lunga collaborazione con la cattedra di Storia del cinema dell’Università di Salerno, Iacobini ha avvertito l’esigenza di integrare la sua passione per il cinema all’amore per la sua terra, per diffonderne bellezze e storia. È nato così il festival che non si è fermato nemmeno davanti all’emergenza sanitaria mondiale causata dal Coronavirus. Nessuno scoramento davanti all’impossibilità di organizzare una sedicesima edizione “gomito a gomito”, il direttore artistico ha rivoluzionato i programmi e ha creato una edizione speciale in streaming su RadioCastLive che ha avuto per ospiti gli attori Francesco Di Leva, reduce dalla nomination come miglior attore protagonista ai David di Donatello per Il sindaco del rione Sanità e Patrizio Rispo, attore di cinema, teatro e tv in film come Ricomincio da tre di Massimo Troisi e da oltre vent’anni interprete dell’amatissimo personaggio di Raffaele Giordano nella soap italiana Un posto al sole. Madrine della serata le attrici Miriam Candurro e Ilenia Lazzarin, entrambe oggi protagoniste in Un posto al sole.

“Quando è scoppiata l’emergenza sanitaria in Italia eravamo al lavoro già da mesi per organizzare il nostro sedicesimo festival – spiega Luca Iacobini, direttore artistico de Le Notti dello Statere -. Per un attimo ho pensato di sospendere e annullare tutto. Ho passato alcune settimane a pensarci ma poi ho deciso che dovevamo andare avanti, in un modo o nell’altro. Così con tutto lo staff abbiamo rivoluzionato un format che ci accompagnava da 15 anni, ci siamo messi a lavoro per trovare la strada da percorrere e siamo riusciti a organizzare una edizione speciale Stiamo già lavorando per un nuovo appuntamento in presenza a Sibari, magari entro la fine dell’estate”.

A precedere la sedicesima edizione de Le notti dello Statere c’è stato per la prima volta il nuovo format online “Il caffè Artistico live”, che ha portato il pubblico direttamente a casa degli attori che hanno aderito per prendere dei caffè spensierati e conoscerli meglio e che è riuscito a rompere la monotonia dei giorni in casa tutti uguali parlando di cinema e cultura.

Dietro l’organizzazione del festival ci sono professionisti del mondo del cinema, imprenditori sostenitori della mission culturale, ma anche tantissimi ragazzi di Sibari che ogni anno Luca Iacobini coinvolge con “Progetto Cinema”. Attraverso incontri, lezioni, proiezioni e dibattiti i ragazzi diventano dunque i veri protagonisti della kermesse, apprendono il linguaggio cinematografico, approfondiscono le diverse professioni legate a questo settore. E proprio dai ragazzi del “Progetto Cinema” arrivano le indicazioni sui professionisti del grande e piccolo schermo da invitare e premiare durante il Festival estivo.

“Le notti dello Statere”, il cui nome si rifà all’antica moneta di scambio di origini greche, sono dunque una realtà culturale, ma anche sociale che crea un circuito di scambio e di creatività tra associazioni, artisti e comunità cittadine in cui tutti possano da un lato riscoprire il valore sociale e culturale di fare qualcosa insieme, dall’altro scoprire il cinema come una straordinaria occasione di crescita e di condivisione.

Cosmic Vegan Fest, il Festival Internazionale dedicato alla spiritualità e all’ecologia


Dopo l’annuncio della presenza di Adan Jodorowsky alla VI edizione del Cosmic Vegan Fest del 2020-2021, dove l’artista presenterà in anteprima nazionale il suo ultimo lavoro musicale, si aggiungono altri illustri nomi alla programmazione della manifestazione dedicata alla spiritualità, alla salute, al benessere e all’ecologia.

Per la VI edizione del Festival che nella grande tappa pugliese si svolgerà al Castello di Acaya, toccando alcune marine di Melendugno e facendo tappa anche in Basilicata, Spagna, Argentina, Francia tra il 2020 e il 2021 in data da definirsi, a causa dell’emergenza del Covid-19 e in ottemperanza alle direttive Ministeriali e Regionali a tutela della salute pubblica, saliranno sul palco:

GINEVRA DI MARCO che presenterà in un concerto inedito il nuovo album “Quello che conta” e NABIL BEY (voce dei Radiodervish) e PEJMAN TADAYON che presenteranno in anteprima italiana il loro nuovo progetto musicale.

Ginevra Di Marco, accompagnata dal musicista Francesco Magnelli (CSI) suo compagno di viaggio, ripercorrerà alcuni brani dei CSI di cui era la voce insieme a Giovanni Lindo Ferretti; il concerto sarà un racconto in cui l’artista farà partecipe il pubblico della storia di uno dei gruppi musicali più incisivi in Italia nel suo genere. Inoltre, la Di Marco presenterà in anteprima regionale il suo ultimo album “Quello che conta”, progetto discografico interamente dedicato al cantautore Luigi Tenco.



Nabil Bey (voce dei Radiodervish) e Pejman Tadayon (musicista sufi iraniano) saliranno sul palco del Cosmic Vegan Fest per presentare in anteprima italiana il loro nuovo progetto in duo nell’ambito della musica sacra. I due artisti che vivono in Italia da diversi anni, grazie ad un lavoro di ricerca e a diverse collaborazioni, hanno dato vita ad un progetto unico dove si parla di unione mistica tra tutte le culture; uno spettacolo dedicato alla musica, alla poesia e alle danze mistiche della cultura arabo persiana.


“Ci conoscevamo ma non ancora personalmente. Poi la scorsa edizione del Cosmic Vegan Fest ha fatto nascere tra di noi un’amicizia e da qui è nata la scintilla per la nascita di questo nuovo progetto” spiega Pejman Tadayon. Sul palco oltre alla musica che farà da traino ci saranno esibizioni di danze sacre e letture di racconti.

Come ogni anno il Festival presenta un programma ricco di iniziative; quattro giorni che contano oltre ottanta appuntamenti tra workshop e conferenze guidati da medici e professionisti del settore, concerti e spettacoli di artisti italiani e internazionali. La programmazione si arricchisce di iniziative che riguardano l’alimentazione e benessere, yoga, naturopatia, cerimonie sciamaniche, bioedilizia, autoproduzione, massaggi, astrologia e corsi di cucina veg che hanno l’obiettivo di avvicinare le persone a stili di vita sostenibili e naturali.

In questo particolare momento Cosmic Vegan Fest necessita di un supporto da parte di quanti sentano la magia e la necessità di espandere e realizzare questo progetto che con tanto impegno, investimenti e risultati, da anni continua a trasmettere saperi indipendenti e riunisce migliaia di persone attorno a discipline che ampliano la consapevolezza nella relazione con sé stessi e con il mondo vivo. Così è nata la campagna crowfunding; per i sostenitori del progetto, Cosmic Community, organizzatore dell’evento, mette a disposizione numerosi premi. Per maggiori informazioni consultare il sito http://sostieni.link/25207 .

Cosmic Vegan Fest è organizzato e realizzato da Cosmic Community.
Il Festival gode del patrocinio del Comune di Meledugno, Comune di Montescaglioso.
In collaborazione con: Comune di Meledugno, Comune di Montescaglioso, Castello di Acaya, Magarini Children Center & Organic Demostration Farm - Kenya, Associazione Terra Archeorete del Mediterraneo, Lecceantispecista.

Partnership: Istituto di Culture Mediterranee, Happy Heart Now - Francia, Car Armenteras - Spagna, Istituto Comprensivo di Vernole, Istituto Comprensivo “Rina Durante”, Gal Isola Salento, Gal Porta a Levante, Fondazione Emmanuel.

lunedì 15 giugno 2020

Il CNDDU sull'Anniversario della morte di Salvatore Quasimodo


Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani vuole ricordare il poeta Salvatore Quasimodo morto a Napoli il 14 giugno 1968.

Poeta civilmente impegnato contro gli orrori della guerra, narratore instancabile delle crudeltà umane in diverse circostanze attraverso un personalissimo contributo artistico raccontò squarci di ferocia e inviti al cambiamento, sperando che venissero accolti.

Fu sicuramente un precursore delle tematiche umanitarie in Italia, perché, l’11 aprile del 1968 al Circolo De Amicis di Milano, pronunciò un discorso, in seguito all'assassinio di Martin Luther King, che oltre a commemorarne la figura comprendeva un'attenta e approfondita disamina del fenomeno del razzismo, interpretato lucidamente come espressione del capitalismo americano / mondiale alimentato dallo sfruttamento degli umili, forzatamente relegati agli ultimi gradini della società, per consentire lussi sfrenati a una ristretta cerchia d'élite. Documento assai attuale, purtroppo.

"Sappiamo che alla base del razzismo c’è un complesso di ragioni finanziarie, il timore di chi possiede qualcosa davanti alla minaccia di vedersi «derubato» da altri uomini, insomma il verghiano attaccamento alla roba. Nel caso del razzismo americano o sudafricano i negri sono stati considerati la roba, oggetti che non dovevano avanzare richieste, contenti di ottenere pane e giaciglio. Ma oggi, un secolo dopo la guerra di secessione, il razzismo non è più solo una difesa economica convalidata dalle ideologie arretrate o dall'analfabetismo, è una corrente di odio, di paura, il seme della viltà e dell’isterismo che sfuggono alla volontà e all'intelligenza."

Quasimodo aveva compreso che dietro alla morte dei grandi comunicatori degli anni Sessanta spesso non vi erano personalità singole spinte dal fanatismo, ma "altro":
"l’assassinio di Martin Luther King ci appare oggi nella misura di un altro profondo attentato alla convivenza dei popoli, un attacco a quella già oscillante e ambigua condizione di fratellanza, o meglio di non ostilità, alla quale deve tendere con tutte le sue forze, pratiche e spirituali, l’uomo contemporaneo [...]"

Il CNDDU invita, in considerazione della proliferazione di forme antisociali vessatorie nei confronti delle libertà individuali come il razzismo, sessismo, bullismo, omofobia etc., i docenti, in funzione dell'esame di stato venturo e come attività integrativa dei programmi ministeriali relativi al percorso di educazione civica, a leggere e commentare stralci del discorso in questione con gli studenti.

prof. Romano Pesavento
presidente CNDDU

venerdì 12 giugno 2020

Tutte le regole e i divieti per la 'Fase 3'



ROMA - Da lunedì riapriranno le discoteche all'aperto, i teatri e i parchi acquatici. Ma ci saranno norme di comportamento da rispettare. Insomma, non sarà come prima del Coronavirus. Ecco cosa c'è da sapere:



Cinema e teatri
Un massimo di duecento spettatori al chiuso, mille all’aperto e mascherine per il pubblico, per gli operatori che organizzano l’accesso del pubblico e per gli artisti. Sono le misure previste dal decreto governativo del 17 maggio per la ripresa da lunedì 15 giugno di sale teatrali, cinematografiche e da concerto. Regole che molti locali, al chiuso, considerano troppo penalizzanti per azzardare una riapertura nella stagione estiva preferendo rimanere chiusi e ricominciare solo a settembre.

Discoteche, rispettare distanze di 2 metri
Distanziamento di un metro da fermi, da due se in pista nelle discoteche. Si torna a ballare dal 15 giugno ma solo all’aperto, con capienza di circa metà degli spazi e con modalità talmente difficili da rispettare che molti enti locali, dalla Sicilia alla Liguria, hanno già deciso di consentire la riapertura delle discoteche solo come locali da ascolto di musica e intrattenimento, anche se con dj alla consolle.

Vietata anche la vendita di bevande e drink al bancone. I clienti delle discoteche dovranno fare una fila ordinata mantenendo le distanze, ritirare la bevanda e allontanarsi. La capienza dei locali è ridotta praticamente della metà e per evitare inutili file e assembramenti fuori sarà necessario prenotare online e fare i biglietti per via telematica per gli ingressi.

Centri estivi, ma solo dai 3 anni
Da lunedì ripartono anche i centri estivi per i bambini con almeno tre anni. I centri dovranno riaprire in sicurezza e tutte le attività si dovranno svolgere in presenza degli operatori, nelle sedi che sono quelle dei servizi educativi per l’infanzia e nelle scuole. In alcune regioni, come Emilia Romagna e Veneto, si è già ripartiti, in Veneto anche con alcuni esperimenti per i nidi per i più piccoli da 0 a 3 anni.

Per accedere a questi spazi bisognerà seguire una serie di regole e permettere le iscrizioni dando dei criteri di priorità d’accesso: deve essere avvantaggiato chi ha più bisogno.
Gli ingressi nei centri devono essere scaglionati per evitare gli affollamenti, magari con accessi ogni cinque o dieci minuti, verificando inoltre la temperatura dei bambini.

mercoledì 10 giugno 2020

Wedding Awards 2020. ecco i vincitori del settore nuziale


POTENZA - Villa Schiuma e Il Cigno Atelier Fotografico tra i vincitori dei Wedding Awards 2020 per la loro eccellenza nel settore nuziale Matrimonio.com, parte del gruppo The Knot Wordwide e portale leader nel settore nuziale, ha annunciato i vincitori della 7° edizione dei prestigiosi premi Wedding Awards, ai quali partecipano le oltre 60.000 aziende registrate sul portale.

Le aziende lucane Villa Schiuma e Il Cigno Atelier Fotografico tra i vincitori nazionali dei Wedding Awards 2020.   Questa edizione è particolarmente importante poiché rappresenta un grande supporto per le aziende in una delle stagioni più difficili per il settore dei matrimoni a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Questo premio riconosce alle aziende di 19 diverse categorie del settore nuziale, il titolo di professioniste più raccomandate dalle coppie che si sono sposate nel 2019. Secondo Matrimonio.com, in Italia, le coppie si appoggiano ad una media di 12 fornitori per l’organizzazione del proprio matrimonio.

Ciò che apporta valore ai Wedding Awards è il metodo di assegnazione, essendo l’unico riconoscimento del settore conferito alle aziende sulla base delle recensioni scritte dalle coppie di sposi che hanno effettivamente usufruito dei servizi.

Matrimonio.com, parte del gruppo The Knot Worldwide e portale leader del settore nuziale in Italia, ha annunciato i vincitori della 7° edizione dei Wedding Awards, i premi più rinomati e di riferimento del settore nuziale.

Da ormai 7 anni, Matrimonio.com assegna questi premi con l’obiettivo di riconoscere l’eccellenza dei servizi offerti dalle aziende del settore nuziale in Italia. L’edizione del 2020 però, è ancora più speciale e significativa delle precedenti in quanto si fa voce di un rinomato riconoscimento dato ai migliaia di professionisti che dimostrano il proprio amore per i matrimoni e l’impegno che va oltre alla celebrazione di un giorno così importante per la vita di una coppia. Un premio che arriva in un momento particolarmente delicato, quello da emergenza da Covid-19, in cui le aziende del settore stanno lottando, dimostrando di essere in grado di adattarsi ad improvvisi cambi di data, dare supporto alle coppie, affrontare mesi di inattività e gestire il proprio staff in un momento di profonda crisi come quello presente.

Quest’anno il premio assume quindi un’importanza ancora maggiore, poiché in questo periodo difficile permette ai vincitori di dimostrare la qualità del loro lavoro, rappresentando allo stesso tempo un’opportunità per riattivare il settore nuziale.

I premi si basano su oltre 7 milioni di recensioni di coppie registrate sul portale a livello globale e di oltre 140 mila solo per l’Italia nell’anno 2019. Una cifra importante e in continua crescita, motivo d’orgoglio e di motivazione per le aziende che ambiscono a vedersi riconfermato il riconoscimento anno dopo anno e per le aziende appena entrate all’interno del portale e che si vedono riconosciuto, per la prima volta, un premio tanto prestigioso.

I Wedding Awards vengono dati al 5% delle aziende con il maggior numero di recensioni positive di tutte le 19 categorie tra più di 60.000 aziende, tenendo conto anche della qualità e della professionalità dei servizi offerti.

Secondo Matrimonio.com, in Italia, le coppie si appoggiano ad una media di 12 fornitori per l’organizzazione del proprio matrimonio. I riflettori sono quindi puntati sui futuri sposi che, con le loro recensioni rilasciate dopo aver usufruito dei servizi per il loro matrimonio, sono coloro che decretano i vincitori.

Proprio per questo motivo, questo premio è diventato un punto di riferimento nel settore e un certificato di garanzia per le coppie di futuri sposi.

Di seguito alcuni tra i nomi vincitori di quest’anno per alcune delle categorie premiate.

Banchetti: Resort Paradiso, Blue Marlin Club, Le Nereidi Eventi (Campania), Villa Zaira (Puglia), Popilia Country Resort (Calabria), Il Parco dei Poeti (Abruzzo),  Terradome Agriturismo Resort (Sardegna), Villa Schiuma (Basilicata).

Catering: Graziano Catering (Sicilia), Gala Banqueting, Eventi (Puglia).

Fotografia: Studio Fotografico Zeno, Augusto De Girolamo (primo Wedding Award), (Campania),  Grazia D'Anna, Sicurella & Co Fotografi (Sicilia), Foto Stefy, Francesca Zinchiri (primo Wedding Award) (Sardegna), Il Cigno Atelier Fotografico (Basilicata),  MC Photo Art (Molise - primo Wedding Award).

“Con questi premi vogliamo arricchire il settore nuziale riconoscendo l’impegno e la professionalità delle aziende e aiutando le coppie a trovare i servizi e i prodotti per le loro nozze. Inoltre, quest’anno vogliamo mettere in risalto l’ottimo lavoro svolto da tutti coloro che amano i matrimoni e danno un servizio di qualità nell’ambito di un settore che ha risentito fortemente di questa situazione inaspettata a causa del COVID-19” afferma Nina Pérez, CEO di Matrimonio.com. “Siamo consapevoli del momento complicato che stanno vivendo molti professionisti dei matrimoni e sappiamo che stanno lavorando sodo per gestire al meglio la situazione e per questo, ora più che mai, meritano che il loro impegno venga premiato.”

I Wedding Awards vengono assegnati alle aziende di queste 19 categorie: Banchetto, Catering, Fotografia, Video, Musica, Auto matrimonio, Trasporto invitati, Partecipazioni, Bomboniere, Fiori e decorazioni, Animazione, Wedding Planner, Torte nuziali, Sposa e accessori, Sposo e accessori, Bellezza e benessere, Gioielleria, Luna di miele e Altri servizi.

L’elenco completo delle aziende premiate nelle diverse categorie può essere consultato su https://www.matrimonio.com/wedding-awards

lunedì 8 giugno 2020

Il CNDDU ricorda la giornata mondiale degli oceani 2020


ROMA - Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani intende ricordare la Giornata mondiale degli Oceani (8 giugno). Il tema di quest’anno è "Innovazione per un oceano sostenibile". Tale data ha origini inizialmente dalla dichiarazione fatta al Global Forum di Rio de Janeiro dal Governo canadese e diventa giornata internazionale nel 2008 quando viene fissata dall’Assemblea generale dell’ONU.

1,2 milioni le microplastiche presenti nel solo Mediterraneo per chilometro quadrato (Nature scientific reports del 2016 a cura di Ismar – Cnr); circa 380 milioni di tonnellate prodotte ogni anno di plastica (rapporto Science Advaces); la quantità di tonnellate di plastica che finisce negli oceani e nei mari del pianeta è stimata mediamente intorno agli 8 milioni, la Great Pacific Garbage Patch valutata oggi su un’estensione da 700.000 km² fino a più di 10 milioni di km², inquinamento acustico costituiscono alcune criticità su cui riflettere ed intervenire per evitare la distruzione degli ecosistemi.

Attualmente sia l’ONU con l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile che l’Ue con alcuni documenti ufficiali (la comunicazione congiunta: Governance internazionale degli oceani: un'agenda per il futuro dei nostri oceani (JOIN(2016); Sintesi dei risultati della consultazione sulla governance internazionale degli oceani (SWD(2016); Sviluppare la dimensione internazionale della politica marittima integrata dell'Unione europea, (COM(2009); Contributo della direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino (2008/56/CE) all’adempimento degli obblighi e degli impegni nonché all’attuazione delle iniziative esistenti degli Stati membri o dell’Unione europea, a livello di Unione o internazionale, in tema di protezione ambientale nelle acque marine (COM/2012/0662)) hanno avviato una serie di strategie per la salvaguardia marina. 

Come ha ribadito il Segretario Generale dell’ONU António Guterres “gli oceani stanno diventando più acidi, mettendo a repentaglio la biodiversità marina e le essenziali catene alimentari” e l’aspetto più grave è costituito dalla probabile estinzione di un numero sempre più corposo di specie ittiche dovuto alla pesca intensiva e all’inquinamento delle acque. 

Così potrebbe capitare a breve di non vedere più lo squalo bianco, l’ombrina boccadoro, l’anguilla, il palombo, il rombo chiodato, lo squalo mako, lo squalo angelo, la verdesca, la cernia, il tonno rosso e il pesce spada, le acciughe, i cetacei ed altri ancora.

Il CNDDU propone ad ogni studente, supportato dal proprio docente, di adottare simbolicamente un pesce in via di estinzione postandolo sui canali social scolastici e non, adottare pratiche che consentano di limitare l’impatto dell’uomo sull’oceano e segnalare eventuali progetti sviluppati nel corso dell’anno afferenti alla tematica.

“Noi facciamo affidamento sugli oceani per il cibo, il sostentamento, il trasporto e il commercio. E come polmoni del nostro pianeta e i suoi più grandi pozzi di assorbimento del carbonio, gli oceani hanno un ruolo vitale nel regolare il clima globale.” (Messaggio del Segretario Generale António Guterres in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani 2020). Così in una nota il Prof. Romano Pesavento, Presidente CNDDU.

venerdì 29 maggio 2020

A Potenza celebrato il 74° anniversario della fondazione della Repubblica


POTENZA - Martedì 2 giugno p.v., si celebrerà a Potenza il 74° Anniversario della Fondazione della Repubblica. In considerazione della attuale emergenza epidemiologica, la cerimonia del 2 giugno si svolgerà solo nel Parco Montereale ed avrà, come da disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri, una forma contenuta nel rispetto di quanto previsto dal D. L. 16 maggio 2020 n. 33 e dal D.P.C.M. 17 maggio 2020.

In particolare, la sobria cerimonia dovrà svolgersi rispettando le esigenze di distanziamento sociale prescritte e le altre misure di contenimento, evitando gli assembramenti e senza coinvolgimento delle formazioni militari.

Per questi motivi l’evento si svolgerà in assenza di pubblico ed alla presenza di un numero ristretto di Autorità.

Il programma della manifestazione sarà il seguente:
Alle ore 11,00 dopo l’alzabandiera, presso il Parco Montereale, il Prefetto della provincia di Potenza Annunziato Vardè, insieme al Presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, al Sindaco di Potenza Mario Guarente, al Presidente della Provincia di Potenza Rocco Guarino ed alla Massima Autorità militare sul territorio regionale Generale Rosario Castello, deporranno una corona, al Monumento ai Caduti.

A seguire il Prefetto Vardè darà lettura del messaggio del Presidente della Repubblica.

giovedì 28 maggio 2020

Matera: 'Il Vicinato a Pozzo' vince il Premio Gianluca Spina


MATERA - Il progetto Vicinato a Pozzo realizzato dal Comune di Matera, inaugurato il 7 settembre 2019 e primo tassello del Parco della Storia dell'Uomo, ha vinto il “Premio Gianluca Spina per l'Innovazione Digitale nei Beni e nelle Attività Culturali”.

Il riconoscimento è stato attribuito oggi dall'Osservatorio Innovazione Digitale del Politecnico di Milano, al termine di un convegno sul tema “Dall’emergenza, nuovi paradigmi digitali per la Cultura”.

Al premio hanno concorso 35 progetti presentati dalle più importanti istituzioni culturali del Paese.

Il Vicinato a Pozzo, unico progetto del Sud, ha vinto per la capacità di rappresentare un modello virtuoso di programmazione strategica legato alla valorizzazione tecnologica del patrimonio artistico e culturale del territorio.

 “Questo premio – ha sottolineato il Sindaco Raffaello de Ruggieri – rappresenta un riconoscimento per la qualità progettuale messa in campo dal Comune e dalla società Ett. Abbiamo pensato di valorizzare un luogo come il Vicinato a Pozzo che rappresenta la sintesi dei valori umani che sono condensati nei Sassi di Matera. Valori comunitari, di solidarietà, contrapposti a quelli individualistici oggi prevalenti. Questa sacralità umana trova nei Sassi il suo compimento più evidente, trasferito concettualmente da Adriano Olivetti nel progetto del Borgo La Martella redatto dai grandi architetti Quaroni e Gorio. Permettetemi di chiudere ringraziando Ivan Moliterni, che è stato il motore di questo progetto e di esprimere il rammarico per il fatto che il Comune non abbia potuto trattenerlo qui a Matera. E’ questa una debolezza del nostro sistema, quello di non riuscire a fermare sul posto le migliori risorse umane e professionali. AL di là di tale malinconica constatazione, un dato è certo: Matera ha ancora una volta scandalizzato il mondo”.

 “Sono felicissimo per questo riconoscimento – ha aggiunto l’assessore alla Cultura e all’Innovazione, Giampaolo D’Andrea – che testimonia quanto sia stata vincente l’idea di puntare sulla tradizione coniugandole con l’innovazione tecnologica. Nel Vicinato a Pozzo, il racconto olivettiano dei Sassi, che rompe gli schemi della lettura nostalgica e folkloristica della storia straordinaria di Matera, trova nel progetto vincitore del premio, la sintesi perfetta di una strategia in cui il Sindaco ha creduto dopo averlo ideato”.

“Il Vicinato a Pozzo – ha spiegato l’assessore ai Parchi della Storia dell’Uomo, Simona Orsi – è il primo tassello di un’opera strategica che sta prendendo corpo e che caratterizzerà il futuro della città. Un’eredità di altissimo livello del 2019 che proietta Matera nel futuro raccontando il suo passato grazie alle nuove tecnologie. A breve saranno avviati i cantieri del parco della preistoria e di quello della civiltà rupestre che si chiuderanno in autunno. A novembre dovrebbe essere ultimato il parco città delle stelle mentre per quello della Civiltà contadina, che rappresenta l’intervento più consistente, è stata bandita la gara d’appalto. I lavori si protrarranno fino a marzo 2021”.

“E’ un riconoscimento – ha sottolineato Ivan Moliterni, curatore del progetto per conto del Comune di Matera – che arriva dopo un lungo lavoro che abbiamo condotto insieme ai partner della Società ETT nel progettare i contenuti e le modalità di fruizione all’interno del sito e nell’immaginare strade nuove da percorrere. Il cinema, ancora una volta, è stato uno dei luoghi privilegiati di ricerca, ma anche il simbolo di cosa si può fare se si valorizza il patrimonio storico-artistico di una città come Matera. Il Premio attribuito a Vicinato a Pozzo fotografa questi valori profondi”.

“Sono emozionata – ha detto Adele Magnelli, international project manager della società ETT, che ha curato gli allestimenti multimediali del Vicinato a Pozzo – per quello che considero un punto di partenza e non di arrivo. Matera è ripartita dopo questo brutto periodo ed è ripartita dalla cultura vincendo un premio prestigioso con un progetto che ci ha visti impegnati e coinvolti in maniera totale. Da subito abbiamo percepito la forza di quel luogo che abbiamo raccontato sotto la guida del Sindaco, capace di condurci e di appassionarci nel percorso di conoscenza di uno spazio urbano dei Sassi, denso di storia e di valori”.