Visualizzazione post con etichetta eventi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta eventi. Mostra tutti i post

martedì 21 maggio 2019

Al via anche in Basilicata la mobilitazione nazionale dei sindacati metalmeccanici


POTENZA - Anche in Basilicata Fim Fiom Uilm si preparano allo sciopero generale di otto ore del 14 giugno che sarà accompagnato da tre manifestazioni in contemporanea a Milano, Napoli e Firenze dove parleranno (rispettivamente) i leader nazionali Marco Bentivogli, Francesca Re David e Rocco Palombella. Oggi a Potenza si è tenuto l’attivo regionale dei delegati con i segretari generali Gerardo Evangelista, Gaetano Ricotta e Marco Lomio per un'esame della piattaforma di rivendicazioni e per mettere a punto la macchina organizzativa in vista della manifestazione interregionale di Napoli. Nei prossimi giorni partiranno le assemblee nelle fabbriche metalmeccaniche della regione.

Le richieste dei sindacati sono indirizzate al governo ma anche alle imprese. Rilancio del sistema industriale e degli investimenti pubblici e privati, sostegno all'occupazione e ai salari, riforma degli ammortizzatori sociali: questi i principali punti al centro della vertenza nazionale dei metalmeccanici. "Le tre manifestazioni di Milano, Firenze e Napoli - spiegano le segreterie regionali - sono per dare voce al lavoro partendo dalle nostre emergenze: dalla Ferrosud alla ex Blutec fino alla ex Firema. Bisogna ricordarsi che veniamo da una lunga crisi che ha fatto perdere tanti posti di lavoro, non solo al Sud".

"Il paese si trova in una fase di stagnazione", avvertono i sindacati, "e se non si interviene per creare lavoro e crescita vera, non libereremo mai le persone dal bisogno e non garantiremo mai una vita dignitosa alle tantissime famiglie che stanno nella morsa della disperazione e dell’incertezza". Per Fim Fiom Uilm "gli ultimi provvedimenti fatti dal governo non vanno nella direzione di creare lavoro e sviluppo. Di qui la necessità dello sciopero dei metalmeccanici del 14 giugno: c’è bisogno di dare una scossa a questa situazione, perché aspettare il peggio non è il bene di qualcuno ma è il male di tutti, per questo il 14 giugno bisogna scioperare”.

Flavia Salomone presenta a Matera 'C'era una volta Homo'


MATERA - Dopo la tappa pugliese, continua il tour italiano dell’antropologa e divulgatrice scientifica Flavia Salomone e questa volta approda nella Capitale Europea della Cultura 2019. Saranno, infatti, proprio i locali del Mondadori Bookstore di Matera (Piazza Vittorio Veneto, 16/B) ad ospitare - GIOVEDÌ 23 MAGGIO [ORE 18:30] - la presentazione del fortunato libro di Flavia Salomone C’era una volta Homo [Edizioni Espera |Collana ArcheoRacconti 7 | www.edizioniespera.com].

Come funziona l’evoluzione e che ruolo hanno giocato le mani? Chi era Homo naledi? Quali uomini per primi sono usciti dall’Africa per conquistare nuove terre? Quali sono stati gli eventi cruciali che circa 7 milioni di anni fa hanno fatto sì che una scimmia molto “coraggiosa” abbia intrapreso un percorso che ha portato fino a noi? Perché nel 2019 ha ancora senso il racconto dell’evoluzione umana?

La giornalista Rossella Montemurro dialogherà con Flavia Salomone andando alla scoperta della Storia delle Storie, quella che si perde nella notte dei tempi fino all’alba dell’umanità. Attraverso aneddoti, curiosità e casi irrisolti si viaggerà nel tempo alla scoperta delle nostre radici più remote.

A quattro anni dalla prima edizione e a 210 anni esatti dalla nascita di Charles Darwin, è tornato in tutte le librerie – per Edizioni Espera – la nuova e attesissima edizione di “C’era una volta Homo”, fortunato libro dell’antropologa e divulgatrice scientifica Flavia Salomone.

Questa pubblicazione, completamente rinnovata nel layout grafico, arricchita da nuovi contenuti e dalle illustrazioni di Giada Giannetti, si pone l’obiettivo di proporre tematiche complesse, come l’evoluzione, ai bambini più piccoli.

Un linguaggio semplice e accattivante, corredato da disegni, rende questo libro unico nel suo genere. Fedele all’idea originaria di colmare un vuoto editoriale, si propone come un valido supporto didattico per le scuole e per chiunque voglia scoprire chi siamo e da dove veniamo.

Come in un puzzle, l’autrice guida i piccoli lettori in un affascinante viaggio a ritroso nel tempo e a partire dalle testimonianze che la terra restituisce, i fossili, racconta la storia del nostro divenire umani. Un percorso lungo, che si è svolto in milioni di anni in cui le mani e il cervello hanno avuto un ruolo determinante. Tutto è cominciato con lo scendere dagli alberi acquisire una postura bipede… La narrazione del nostro passato più remoto è affidata proprio ai protagonisti: i nostri antenati. Saranno proprio Homo naledi, Lucy, la Mamma di Ostuni e molti altri a raccontarsi.

Affianca il libro Con le mani di Homo, un progetto di divulgazione scientifica che da anni sta girando l'Italia – scuole, musei, aree archeologiche, biblioteche, parchi tematici, centri ricreativi – con l’obbiettivo di avvicinare i più piccoli alla scienza attraverso la manualità e la possibilità di essere protagonisti del proprio processo di apprendimento.

Nel corso degli ultimi due anni, il progetto ‘Con le mani di Homo’ ha dato vita a oltre 100 eventi tra presentazioni e laboratori [in scuole, librerie, musei, biblioteche e parchi tematici], coinvolgendo ad oggi più di 4.000 bambini provenienti da circa 200 scuole primarie di tutta Italia, per un totale di circa 300 classi!

L'AUTRICE

FLAVIA SALOMONE [Roma, 1965] vive e lavora a Roma. Biologa e antropologa fisica, dopo la laurea in Biologia a indirizzo Antropologico, si è dedicata per alcuni anni alla ricerca nel campo della biologia delle popolazioni del passato, in modo particolare antichi romani, presso i laboratori di antropologia de ‘La Sapienza’ Università di Roma e del Museo Preistorico Etnografico "Luigi Pigorini" di Roma. Si occupa di divulgazione e, dal 2014, propone attività educativo-didattiche in collaborazione con varie associazioni e Musei rivolte alle scuole e alle famiglie. Da gennaio 2019 in collaborazione con lo staff del Museo di Casal de’ Pazzi di Roma ha dato vita ai “Lunedì con l’antropologa” incontri con laboratori sull’evoluzione del linguaggio dedicati alla scuola primaria.

Con il progetto di divulgazione scientifica Con le mani di Homo, che sta girando per l'Italia – scuole, musei, aree archeologiche – si è posta l’obbiettivo di avvicinare i più piccoli a scoprire, attraverso le tracce scolpite nel tempo, il cammino della nostra specie e recuperare così le nostre origini più remote.

A Matera 'Barattolo d'Emergenza: metti al sicuro la tua salute'


MATERA - I Lions Club Matera Host e Città dei Sassi, con una stretta collaborazione dell'ASM e dell'Ordine dei Medici della Provincia di Matera, hanno organizzato un incontro di presentazione del service "Barattolo d'Emergenza" - sistema semplice ed efficace di supporto, specialmente a protezione delle fasce più deboli della popolazione, anziani e disabili che vivono soli - che si terrà a Matera presso l'Auditorium dell'Ospedale Madonna delle Grazie giovedì 30 maggio alle ore 10,00.

Interverranno il Direttore Generale dell'ASM di Matera dott. Joseph Polimeni, il dott. Severino Montemurro - Presidente Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Matera, il dott. Rocco Pasciucco - Direttore del Distretto ASM Matera, l'Assessore alle politiche sociali del Comune di Matera Marilena Antonicelli, il dott. Diodoro Colarusso - Responsabile Dipartimento Interaziendale Regionale Emergenza Sanitaria 118, il dott. Domenico Tafuni - Presidente Comitato locale Croce Rossa Italiana e l'ing. Salvatore Tafaro - Comandante Vigili del Fuoco Provincia di Matera. Presenterà il Service la Specialist distrettuale Lions Lea D'Agostino, porteranno i loro saluti i presidenti del Lions Club Matera Host e Matera Città dei Sassi rispettivamente Angela Barbaro e Pino Sicolo, il Presidente della V Circoscrizione Lions Pasquale Bruno, concluderà il Governatore del Distretto Lions 108YA Paolo Gattola. Modera i lavori lo Specialist circoscrizionale del service Domenico Infante.

Il “Barattolo d’Emergenza” contiene una piccola scheda sanitaria cartacea, con le informazioni più importanti per i primi soccorritori e il personale medico che dovrà assistere il soggetto in caso di soccorso di urgenza, immediatamente reperibile perché posto nel frigorifero di casa (ambiente quasi sempre disponibile e protetto dal fuoco, ecc.). Sullo sportello del frigo e sulla porta di casa (se è possibile), vengono posizionati adesivi speciali (con logo Lions) che contrassegnano le famiglie aderenti al progetto. Con tale segnaletica, in maniera rapida, i soccorritori potranno così accedere nel luogo interessato e ai dati essenziali, specie in caso di persone ritrovate sole e non in grado di riferire su se stesse.

Partita dal Lions Club Vado Ligure la proposta di realizzare a livello nazionale questo semplice ma efficace sistema di prevenzione per le situazioni d'emergenza, ha trovato applicazione quest'anno in tutta Italia con grande approvazione. In realtà il “Barattolo d'Emergenza“ prende spunto da un service già applicato in Inghilterra e in Germania, dove ha avuto un successo straordinario.

Una nota di particolare importanza è che, tramite questo service, i due Club Lions di Matera hanno operato sul territorio in sinergia con altri enti ed associazioni (ASM, Ordine dei Medici, Medici di base, Amministrazione Comunale, Vigili del Fuoco, Croce Rossa Italiana, Associazioni di volontariato) creando una rete di servizio che potrebbe svolgere un lavoro fruttuoso anche in futuro in previsione di un'estensione a tutta la popolazione interessata nel territorio provinciale.

Caciocavallo Silano in Puglia per due giornate dedicate a Dop e Igp


POTENZA - Due Consorzi del Sud, uno pugliese che tutela una Igp e l’altro interregionale che tutela una Dop, uniti da un unico evento. A Margherita di Savoia (Bt) è infatti in programma la prima edizione della “Festa della Cipolla Bianca di Margherita Igp” che chiama a raccolta, tra il 31 maggio e il 1° giugno, undici Igp e Dop, del territorio e non, tra cui anche il Caciocavallo Silano Dop. A salvaguardare questa eccellenza meridionale è il Consorzio di Tutela Formaggio Caciocavallo Silano che ha sede nel comune di Spezzano della Sila (CS). L’evento ha in serbo degustazioni gourmet, convegni, escursioni turistiche ma anche animazione e spettacoli.

Il Caciocavallo Silano Dop è uno dei più antichi formaggi a pasta filata del sud Italia, considerato che già Ippocrate disquisiva dell’arte dei Greci nella sua preparazione. La sua produzione inizia con la coagulazione del latte fresco a una temperatura di 36-38°C, usando caglio di vitello o di capretto. La fase di maturazione consiste in un’energica fermentazione lattica, la cui durata è di circa 4/5 ore e può dirsi completata quando la pasta è nelle condizioni di essere filata. Segue un’operazione caratteristica, che consiste nella formazione di una specie di cordone, plasmato ad arte fino a raggiungere la forma definitiva del caciocavallo. Per quanto riguarda la tipologia, varia soprattutto nella forma, che può essere sferica, ovale o troncoconica, a seconda delle diverse aree geografiche di produzione. Come da disciplinare, il Caciocavallo Silano Dop viene prodotto in Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia. E da madre Puglia arriva anche la Cipolla Bianca di Margherita Igp, prodotta non nel terreno, come di consueto accade, ma nelle sabbie del Mar Adriatico, a sud del Gargano, in una zona di elevato interesse ambientale, tutelata da una convenzione internazionale (Ramsar 1979), nei territori compresi tra Margherita di Savoia (Bat), Zapponeta (Fg) e Manfredonia (Fg). Al Consorzio per la sua tutela e valorizzazione partecipano venti aziende di piccoli produttori, due cooperative di produzione, quattro aziende di confezionamento.


«Il nostro Consorzio si propone di informare i consumatori sulle caratteristiche che contraddistinguono il Caciocavallo Silano Dop da altri formaggi similari, che vengono spesso prodotti con latte o cagliata d’importazione – dice Vito Pace, presidente del Consorzio di Tutela Formaggio Caciocavallo Silano -. Non è semplice riuscire a spiegare al consumatore come riconoscere un formaggio Dop. Iniziative come quella in programma a Margherita di Savoia offrono un’occasione in più per sottolineare la differenza del nostro prodotto rispetto agli altri in commercio».

«La nostra manifestazione – spiega Giuseppe Castiglione, presidente del Consorzio di Valorizzazione e tutela della Cipolla Bianca di Margherita Igp – serve a fare rete tra le varie eccellenze gastronomiche italiane e ad avere una vetrina importante per fare conoscere il nostro prodotto proprio nel paese dove ha la sua tradizione e le sue origini».

La Festa della Cipolla Bianca di Margherita Igp è organizzata dal Consorzio pugliese che dal 2016 salvaguardia la tutela e la valorizzazione della Cipolla Bianca di Margherita Igp. A partecipare saranno anche i consorzi di Grana Padano Dop, Aceto Balsamico di Modena Igp, Oliva La Bella della Daunia Dop, Olio Dauno Dop, Caciocavallo Silano Dop, Burrata di Andria Igp, Pane di Altamura Dop, Lenticchia di Altamura Igp, Uva di Puglia Igp. Gli undici Consorzi allestiranno uno spazio espositivo e per la degustazione gourmet in altrettanti stabilimenti balneari di Margherita di Savoia.

domenica 19 maggio 2019

A Matera il 67° Raduno Nazionale Bersaglieri

“Matera ha dato a questo 67° Raduno Nazionale dei Bersaglieri un’eco mediatica sensazionale, enfatizzando i nostri valori, consentendoci di metterli oltremodo in luce”. Il vicepresidente dell’Associazione Nazionale di Matera, Daniele Carozzi, ha esordito così in occasione della presentazione del libro “Le Piume, la corsa, il tricolore”. Lo sbarco a Trieste della II Brigata Bersaglieri il 3 novembre 1918. Presso il liceo scientifico statale “Dante Alighieri”, il Bersagliere Generale Paolo Stendardo ha così illustrato agli studenti materani la sua opera, scritta in occasione del Centenario della fine della Grande Guerra.

Tra i contributi musicali dei giovani, i quali si sono esibiti con voce e strumenti in pezzi noti legati al Corpo dei Bersaglieri, il Generale Stendardo ha presentato una raccolta di memorie storiche dei reggimenti, mostrando documenti inediti e originali. Sottolineando il ruolo “dei bersaglieri come veri protagonisti dell’Unità d’Italia”, l’autore del libro ha esposto ai giovani presenti alcuni dei punti salienti del Decalogo stilato dal generale La Marmora, fondatore del Corpo nel 1836, tra i quali spiccano “il sentimento per la famiglia, l’onore, il rispetto per il prossimo. Valori – ha sottolineato il generale – per noi indispensabili, non solo da un punto di vista militare ma anche caratteriale, da tenere in considerazione nella vita di tutti i giorni”.

Anche in questa occasione è emerso l’orgoglio di appartenenza a un Corpo “creato per arrivare dove gli altri soldati si sarebbero invece fermati” – ha detto Stendardo.

“Tra i nostri fondamenti – ha ripreso la parola Daniele Carozzi – c’è il desiderio di raccontare la storia a voi ragazzi, cittadini di domani senza retorica. Voi – rivolgendosi ai giovani – avrete la responsabilità di rendere meraviglioso o pessimo il nostro Paese. Sarete bravi cittadini se non asseconderete ogni tipo di malavita, rispettando invece il Tricolore. Un dovere compiuto dà diritti. Nessun dovere compiuto, nessun diritto” – ha chiosato.

In questo sabato, vigilia della Parata dei Bersaglieri e del Passaggio della Stecca, in programma domani in diretta nazionale su Rai Tre a partire dalle ore 12.25, si è potuto assistere all’arrivo delle pattuglie ciclistiche e staffette provenienti da tutta Italia, seguite dal saggio ginnico sportivo militare curato dal 7° Reggimento. Nello stadio di Matera i bersaglieri si sono “esibiti” bersaglieri in combattimenti corpo a corpo cui sono stati alternati esercizi di ginnastica a corpo libero con salti in cerchi di fuoco.

È stata poi la volta dell’Annullo Filatelico a cura delle Poste Italiane, chiunque ha potuto così apporre su gadget e cartoline il francobollo dedicato al 67° Raduno.

In serata, nel Parco del Castello, il Gran Concerto di Gala delle Fanfare Bersaglieri Anb, nord, centro, sud, con la partecipazione della giornalista del Tg2 Maria Concetta Mattei.

venerdì 17 maggio 2019

Progetto 'I Cammini - Nella cattedrale di Acerenza', concerto sinfonico-corale

POTENZA - Domani 18 maggio, alle ore 20:00, si terrà il concerto sinfonico-corale nella Cattedrale di Acerenza dove si esibiranno il Coro dei Cantori Materani, il Coro della Polifonica Materana "Pierluigi da Palestrina", il Coro Civico LaterChorus, con la Fondazione Orchestra Lucana.

ASviS: al via la terza edizione del Festival dello sviluppo sostenibile


POTENZA - Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu: secondo gli indicatori dell’ASviS, l’Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile, la Basilicata mostra un miglioramento negli ambiti relativi ai Goal 1 (Sconfiggere la povertà), 2 (Sconfiggere la fame), 4 (Istruzione di qualità), 7 (Energia pulita ed accessibile), 9 (Imprese, innovazione e infrastrutture) e 12 (Consumo e produzione). Nello stesso periodo viene rilevato un deciso peggioramento per il Goal 6 (Acqua pulita e servizi igienico-sanitari). Il Goal 3 (Salute e benessere) registra un andamento costante per tutto il periodo analizzato.

Sono questi i dati che emergono alla vigilia della più grande manifestazione internazionale sulla sostenibilità, il Festival dello Sviluppo Sostenibile, che dal 21 maggio al 6 giugno si svolgerà in tutta Italia per tornare a coinvolgere imprese, società civile, istituzioni e cittadini proprio nel momento in cui l’interesse per il futuro del pianeta e dei sistemi economici e sociali raggiunge livelli mai visti finora, al punto che quasi l’85% degli italiani risulta a favore di politiche per lo sviluppo sostenibile (fonte: Fondazione Unipolis).

“Che nessuno venga lasciato indietro è il motto dell’Agenda 2030. Per questo l’ASviS monitora il percorso del Paese verso la sostenibilità guardando anche alle disuguaglianze territoriali”, sottolinea il Portavoce dell’ASviS, Enrico Giovannini. “Misurare l’andamento dei diversi territori rispetto a tutte le dimensioni della sostenibilità consente ai decisori di disegnare in modo efficace le proprie Strategie Regionali di sviluppo sostenibile e ai cittadini di valutare i risultati raggiunti. L’Italia è indietro nel percorso di transizione verso lo sviluppo sostenibile e poiché molte politiche sono di competenza delle Regioni e delle Province autonome spetta anche a loro adottare i provvedimenti necessari per accelerare questo processo”.

L’IMPEGNO PER IL TERRITORIO - L’impegno dell’ASviS per fotografare la condizione dei territori italiani rispetto ai temi dell’Agenda 2030 fa parte di un progetto dai margini più ampi, volto ad accompagnare Regioni e Province autonome nell’elaborazione di nuove progettualità in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

“La collaborazione già instaurata con alcune Amministrazioni regionali”, ha detto il Presidente dell’ASviS, Pierluigi Stefanini, “dimostra i vantaggi del coinvolgimento della società civile nei processi di valutazione e di programmazione, anche in vista dell’adozione dell’Agenda 2030 come quadro di riferimento del bilancio europeo per il periodo 2021-2027. Le Regioni che avranno già orientato le proprie politiche allo sviluppo sostenibile saranno maggiormente in grado di proporre progetti finanziabili dai fondi comunitari”.

giovedì 16 maggio 2019

Voce Spettacolo Film Festival 2019: 2a edizione a Matera


MATERA - Si terrà a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, la 2a edizione del Voce Spettacolo Film Festival, in programma dal 31 maggio al 2 giugno presso il Cinema “Il Piccolo”di Matera. La rassegna cinematografica, fondata e prodotta dall'Associazione Culturale “Voce Spettacolo” di Matera, è ideata e diretta dall'attore materano Walter Nicoletti.

Il VSFF focalizza l’attenzione sulla scoperta di giovani talenti ed ha l’obiettivo di promuovere il lavoro di autori di cinema provenienti dall'Italia e dal resto del Mondo.

“Dopo il successo della 1° edizione - dichiara Nicoletti – si accendono nuovamente i riflettori sulla settima arte a Matera. Sono suddivisi in cinque sezioni i film, documentari, cortometraggi, videoclip e drone video pervenuti da Italia, Stati Uniti, Canada, Francia, Giappone, Turchia, Belgio, Regno Unito e Germania. Un risultato straordinario che premia la qualità di una iniziativa internazionale dedicata alla relazione tra Cinema e Cultura, alla contaminazione tra differenti linguaggi espressivi e creativi per raccontare la settima arte”.

Numerose le celebrità che fanno parte della Giuria Web della kermesse: Valeria Altobelli, Inès Trocchia, Lavinia Bruno (La7), Caterina Milicchio (Attrice), Clarissa Leone (Attrice), Federica Bertoni (Conduttrice televisiva), Lorena Baricalla (Etoile, Attrice e Cantante internazionale), Berta Corvi, Rita Rusciano (Attrice), Francesca Piggianelli (RomArtEventi-Cinecittà Studios), Elena Parmegiani (Direttrice Coffè House Palazzo Colonna Roma), Tiziana De Giacomo (Attrice), Joanna Longawa (Giornalista), Michelle Morell (Attrice), Carlotta Galmarini (Attrice), Mor Cohen (Produttrice, Attrice, Direttrice Associata New York Film Awards), Licia Gargiulo (Giornalista), Jeannine Marie Guiylard (Giornalista Fra Noi Magazine – New York), Valentina Tomada (Scrittrice, Attrice e Regista), Yassmin Pucci (Attrice), Pamela Quinzi (Stilista), Emanuela Del Zompo (Giornalista), Armando Lostaglio (Critico Cinematografico), Chiara Lostaglio (Attrice), Annamaria Sodano (Giornalista e Conduttrice), Francesco Di Silvio (Produttore), Gaetano Russo (Artista e Scenografo), Salomè Da Silva (Attrice), Marco Gambino (Attore), Danilo Leo Lazzarini (Consulente Storico e Attore), Valentina Sorice (Attrice), Valentina Gemelli (Attrice), Vicky Maria Catalano (Attrice), Sofia Valleri (Modella), Maithè Casiraghi (Modella), Juan Pablo Arroyo (Regista), Alissa Huzar (Attrice), Francesca Martinelli (Giornalista), Francesca Vitaliani (Conduttrice televisiva), Valentina Stredini (Attrice e doppiatrice) e Silvia Silvestri (Giornalista – Basilicata Notizie).

Per questa 2a edizione grande novità è rappresentata dalla partnership tra il VSFF ed il World Film Fair, l’evento internazionale in cui registi e sceneggiatori provenienti da tutto il mondo possono incontrarsi e mostrare il proprio lavoro alle aziende di tutti i settori dell’industria cinematografica. La prossima edizione si svolgerà ad Hollywood dall’11 al 16 novembre ed i vincitori del VSFF saranno di diritto selezionati per partecipare alla rassegna hollywoodiana.

Si parte venerdì 31 maggio dalle ore 10,30 presso il Cinema “Il Piccolo” di Matera con la proiezione delle opere in concorso. In serata, alle ore 20,30, proiezione speciale di “Terrurismo” di Vito Cea, alla presenza del regista e dello scrittore e sceneggiatore Roberto Moliterni.

Sabato 5 si riparte alle 10,30 con le proiezioni del World Film Fair. Nel pomeriggio si riprende a partire dalle ore 16,30 con la proiezione delle opere finaliste fino ad arrivare in serata alla proiezione speciale di “Nemo Propheta” di David Cinnella. Il nuovo lavoro del regista italoamericano girato a Matera e post prodotto ad Hollywood con il quale si affronta il delicato tema della fuga dei giovani cervelli italiani. Nel cast Cosimo Frascella, Walter Nicoletti e Brunella Lamacchia.

Domenica 2 giugno, alle ore 20,00 si chiude con la Première di “Vendesi Maternità” di Walter Nicoletti, con Brunella Lamacchia, Valentina Ranoia, Rosanna David, Vito Nicoletti, Anna Gravela e Franco Piccinni. A seguire la cerimonia di premiazione.

Media Partners: DiTutto.it, LF Magazine, JL Interviews, Al di là del Cinema, AT News, LifeStyle Made In Italy, TrendyArt for Living, Zerkalo Spettacolo, Ultima Voce, Il Giornale del Sud, L'Eco del Litorale, Sassilive, BasilicataNotizie, SassiLand, Wavesandrunways, Celebrity-America.

A Matera "La tutela delle specie, delle aree protette e della Biodiversità"


MATERA - Il giorno 17 maggio 2019, presso l’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” di Matera sito in Via Parini n.1, alla presenza di circa 150 alunni delle classi IV elementare, sarà tenuto un’importante incontro di divulgazione ambientale avente a tema il valore della biodiversità e l’attività dell’Arma dei Carabinieri a tutela delle specie di fauna e flora in pericolo di estinzione, con particolare riferimento a quelle della nostra regione.

L’incontro sarà tenuto da militari qualificati nella didattica alle classi elementari con giochi e video illustrativi, nonché da militari specializzati nel controllo delle specie protette.

La giornata è il momento centrale di un programma di iniziative formative che l’Arma dei Carabinieri sta tenendo sul tema in tutte le scuole della regione.

Al termine, alle ore 11.15, alla presenza del Prefetto e del Sindaco di Matera, con la partecipazione dell’Ufficio scolastico regionale, gli alunni sarà donato il calendario CITES dell’Arma dei Carabinieri, che per il 2019 ha ad oggetto: la cooperazione internazionale contro il traffico di specie selvatiche.

Il calendario, edito ogni anno, intende accrescere l’attenzione sull’importanza della biodiversità nel mondo, anche portando a conoscenza degli sforzi che vengono sostenuti per proteggerla. la cultura della biodiversità.

Potenza, Scuola ed Università: problematiche e progetti per una città a misura di studente


POTENZA - E’ convocato per il giorno 16 Maggio 2019 presso la Sala A Consiglio Regionale dalle ore 17:00 un incontro sul tema della Scuola ed Università. L’incontro avrà ad oggetto le problematiche relative alla situazione dell’ateneo e delle scuole della città con un dibattito relativo a possibili soluzioni operative alla luce del programma elettorale del M5S. Modererà l’incontro Giuseppe Miccolis con interventi di portavoce, candidati M5S e cittadini.

Clima di cambiamento...in tour! 3° tappa Matera


MATERA - Il 24 maggio p.v., l' I.I.S. “A. TURI” – Istituto Tecnico Agrario “G. Briganti” di Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, ospita la 3° tappa del tour “Clima di Cambiamento” di Isola della Sostenibilità 2019.

Tema della giornata sarà il Climate Change: aziende, associazioni ed enti coinvolgeranno gli studenti dell’Istituto in un dibattito sull’argomento, con un focus particolare sulle criticità presenti sul territorio. Matera si è dimostrata, infatti, sensibile alle tematiche legate al concetto di città sostenibili. Compito dei relatori sarà quello di spiegare ai ragazzi l’importanza dei contenuti trattati, spingendoli a riflettere sui propri comportamenti e sugli effetti che questi hanno sul Pianeta.

Il Sindaco di Matera, Raffaello De Ruggeri, il Presidente della Provincia di Matera, Piero Marrese ed il Consigliere della Regione Basilicata, Piergiorgio Quarto, saranno presenti alla manifestazione.

Tra gli interventi della giornata Carolina Innella, ricercatrice ENEA, con un discorso sull’Economia Circolare Urbana. Per ISPRA sarà presente la ricercatrice Anna Chiesura, con un intervento ad hoc sull’importante ruolo che l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, svolge per la sostenibilità urbana; mentre CROCE ROSSA ITALIANA mostrerà ai ragazzi le attività svolte a difesa dell’ambiente.

La parola passerà, quindi, agli studenti che, prima di partecipare alle attività laboratoriali, presenteranno un progetto di semina su sodo: sistema di coltivazione che si basa sull'assenza di qualsiasi tipo di lavorazione meccanica del terreno, al fine di proporre una tecnica di agricoltura conservativa, per un’agricoltura amica del suolo.

Cos'è Isola della Sostenibilità?

Isola della Sostenibilità è un Progetto a carattere Nazionale in cui Enti di ricerca e Aziende e Associazioni virtuose cooperano con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo sostenibile tra le nuove generazioni.

Le attività in programma per il 2019 sono: il Tour nelle scuole – “2019: Clima di Cambiamento”, l’Evento finale “Isola della Sostenibilità – Educare al cambiamento” e la seconda edizione del Concorso “Cambia-Menti. Upgrade Ur Mind”.

Per maggiori dettagli:

http://isoladellasostenibilita.com
https://www.facebook.com/isolasostenibile/
info@isoladellasostenibilita.com

mercoledì 15 maggio 2019

Anche nel Materano la campagna nazionale HS 'Che Nome Dai Alle Tue Cisti?'


MATERA - Sabato 18 Maggio a Pisticci la tappa della Campagna nazionale informativa e di sensibilizzazione sull’Idrosadenite suppurativa (HS), denominata “Che nome dai alle tue cisti?”, che prevede visite dermatologiche gratuite su prenotazione.

“Che nome dai alle tue cisti?” vede coinvolte 33 strutture ospedaliere ed universitarie su tutto il territorio nazionale in cui gli specialisti dermatologi saranno a disposizione per aiutare chi soffre di HS ad iniziare un percorso di cura presso i centri ospedaliero-universitari che hanno un ambulatorio dedicato ad una patologia ancora oggi misconosciuta e di difficile diagnosi.

L’HS infatti si manifesta con la formazione di cisti, noduli, ascessi e lesioni dolorose nelle aree inguinale, ascellare, perianale, dei glutei e sotto il seno e, meno frequentemente, sul cuoio capelluto, collo, schiena, viso e addome. Il quadro clinico non è sempre facile da riconoscere e può simulare delle comuni “cisti sebacee” o essere scambiata per altre patologie (acne, follicoliti). L’idrosadenite suppurativa è una patologia misconosciuta, molto dolorosa e difficile da diagnosticare. Proprio la difficoltà di diagnosi causa a volte il peggioramento dei pazienti.

Sabato 18 Maggio presso gli ambulatori di Dermatologia dell’Ospedale Distrettuale “A. Lo Dico” Tinchi di Pisticci hi soffre di HS potrà usufruire di una visita gratuita, previa prenotazione.

Per prenotare telefonare al numero 392 8077216 dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 17,00.

“Che nome dai alle tue cisti?” è Patrocinata da Inversa Onlus, l’associazione italiana per i pazienti affetti di idrosadenite suppurativa (HS) nata per sopperire alle necessità e difficoltà dei malati legate alla gestione di una patologia cronica invalidante. L’associazione, fondata nel 2010 da Giusi Pintori, sostiene proattivamente ogni singolo malato, fornendo informazioni e sostegno, con l’obiettivo di aiutare le persone a vivere meglio.

La Campagna “Che nome dai alle tue cisti?” è realizzata grazie al contributo incondizionato di Abbvie.

Per ulteriori informazioni: www.chenomedaialletuecisti.it

Amabili confini: con Eraldo Affinati doppio incontro a Matera e Miglionico

MATERA - Amabili Confini riporta la letteratura nei quartieri. Dopo l’anteprima nella Biblioteca Stigliani, il primo incontro della quarta edizione del progetto di rigenerazione sociale delle periferie, è giovedì 16 maggio, alle ore 18.30: Eraldo Affinati dialogherà con la giornalista Antonella Ciervo e il professor Saverio Ciccimarra, a Villa Longo, in piazza Firenze, accanto al Punto Sanità (in caso di maltempo nella sede dell'associazione Anziani Uniti di Matera). Venerdì 17 maggio, sempre alle 18.30, si replica al Castello del Malconsiglio di Miglionico, dove a dialogare con l’autore saranno Marzia Dalessandro e Brunella Persia. Il viaggio di Amabili Confini alla scoperta di nuovi “Orizzonti” (questo il tema scelto per questa edizione), prende il via da una delle cinque Macro-aree in cui il progetto ha suddiviso la periferia di Matera. Sotto la sapiente guida di Maria Rosaria Salvatore, Affinati, finalista al premio Strega e vincitore del Campiello nel 1997, non si limiterà a parlare della sua ultima pubblicazione “Via dalla pazza classe”, ma si aprirà al confronto con chi scrittore di professione non è, ma, a suo modo, ha storie da raccontare e condividere.

Lo scrittore, infatti, converserà con gli autori dei due racconti brevi realizzati dai residenti, selezionati unoper sorteggio e l’altro dal team, esprimendo le sue considerazioni sul loro contenuto e soffermandosi sul ruolo dello scrittore e sul valore della “scrittura” nel nostro tempo. Attraverso le sue parole e le sue visioni, pianterà un "seme di bellezza" in quella comunità. E’ in questo modo che Amabili confini intende stimolare la partecipazione attiva degli abitanti facendone emergere le potenzialità narrative e conferendo allo scrittore ospitato il ruolo di "cittadino culturale temporaneo" nella Capitale Europea della Cultura 2019.

E’ in questo contesto di interscambio di esperienze che Eraldo Affinati parlerà anche del suo nuovo romanzo. Partendo dalla straordinaria testimonianza delle scuole Penny Wirton per l’insegnamento gratuito della lingua italiana agli immigrati, Eraldo Affinati racconta la storia di una nuova esperienza didattica dove ci si guarda negli occhi, sedendo allo stesso tavolo, senza classi e senza voti, in una relazione d’amicizia e simpatia. Nel suo diario personale e pubblico, in cui s’intrecciano la dimensione pedagogica e letteraria, troveremo una preziosa riflessione su temi cruciali: la responsabilità di chi viene chiamato a formare i ragazzi, i viaggi della speranza mischiati a quelli della morte, i fantasmi della Shoah, la natura equivoca della nuova libertà digitale, gli adulti fragili, il rischio delle parole gratuite e delegittimate, la potenza del vero volontariato, il nodo spinoso del giudizio e della valutazione, il possibile inganno della risposta esatta e il valore paradossale di quella sbagliata.

Il venerdì mattina, alle ore 12, infine, al Liceo Classico di Matera, lo scrittore parteciperà ad un incontro interamente autogestito dagli studenti. A dialogare con l’autore, gli studenti Francesco Guarnieri (IV C) e Teresa Di Pace (III B); coordinatrice la professoressa Angela Capurso.

martedì 14 maggio 2019

A Matera Italia smART Community


MATERA - L’Italia ospita uno straordinario patrimonio artistico, architettonico, umanistico, scientifico, paesaggistico ed eno-gastronomico.

Le città italiane, con le loro bellezze, difficoltà e contraddizioni devono e possono diventare i luoghi simbolo dell’intreccio virtuoso tra innovazione, beni culturali, turismo e resilienza che le rende così diverse e uniche al mondo.

Italia smART Community Network, promosso da Pentapolis Onlus, parte da Matera, per lanciare il proprio progetto attraverso un Summit, con la volontà di coinvolgere istituzioni, governo, imprese, enti di ricerca, università, società civile, media, start up su un obiettivo comune: la costruzione di una società digitale e sostenibile per una maggiore valorizzazione e migliore fruibilità dei beni culturali.

L'iniziativa rientra tra gli appuntamenti di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, e si svolgerà anche all'interno del Festival Italiano dello Sviluppo Sostenibile.

Tre giorni di convegni, iniziative speciali e attività di formazione dedicati all'incontro tra innovazione, patrimonio artistico e turismo; creando così una community di stakeholders per sviluppare progetti b2b, ma con forte interesse per il largo pubblico e con particolare attenzione ai Millennials.

“Stiamo lavorando alla redazione de La Carta digitale di Matera – afferma Massimiliano Pontillo, Presidente di Pentapolis Onlus – che verrà pubblicata dopo la kermesse: un Manifesto a firma pubblico-privato, che indicherà principi e linee d'indirizzo nella promozione di una società digitale e sostenibile, per favorire sempre più la cultura e il turismo”.

Sarà presentata la prima edizione della ricerca Italia smART Focus, che avrà lo scopo di analizzare le numerose realtà della società civile che si prendono cura, gestendola, dell’enorme ricchezza culturale diffusa e spesso condannata al degrado.

Verrà allestito un “Fuori Summit” dell’innovazione digitale, uno spazio espositivo dedicato alle nuove possibilità offerte dalle tecnologie emergenti per conservare e divulgare il patrimonio storico artistico.

In chiusura, l’assegnazione del Premio ISC 2019 a quel progetto che ben rappresenti i valori promossi dall’iniziativa.

Il Network italiano delle Sm’ART Communities (www.italiasmartcommunity.it) prevede, dal 2020, l’organizzazione annuale di tappe regionali itineranti, oltre al Summit, che valorizzino le eccellenze presenti nel nostro Belpaese alimentando, al contempo, un circolo emolutivo e creando così una vera e propria “rete” culturale nazionale, portatrice di valori.

A Matera una mostra e un corso di bonsai e suiseki


MATERA - Dal 16 al 19 maggio 2019 al Circolo La Scaletta, in via Sette Dolori 10, è in programma un corso gratuito di bonsai e suiseki, con la partecipazione di esperti del settore, che approfondiranno tecniche e segreti di questa antica arte giapponese.

Giovedì 16 maggio alle 11, dopo i saluti di Francesco Vizziello, presidente del Circolo La Scaletta, si terrà la presentazione del corso a cura di Gianni Picella e Vito Di Venere (Bonsai Club Puglia), a seguire sarà presentato il libro “La timidezza delle chiome” di Pietro Maroè (Rizzoli editore 2017). Venerdì 17 maggio alle 10 Vittorio Leone, docente dell’Università della Basilicata, terrà una lezione sulla fisiologia dell’albero, seguiranno alle 12 i saluti di mons. Giuseppe Caiazzo, arcivescovo di Matera- Irsina. Nel pomeriggio, a partire dalle 17, Antonio De Giuseppe, orto botanico di Cosenza, spiegherà le tecniche di base per impostare un bonsai.

L’arte e la filosofia suiseki, che significa in giapponese pietra lavorata dall’acqua, saranno illustrate sabato 18 maggio alle 10 da Luciana Queirolo, presidente AIAS, Associazione italiana amatori suiseki. Nel pomeriggio alle 17 Vito di Venere, vicepresidente European Suiseki Association, terrà un incontro dal titolo “Arte e apprezzamento delle pietre”.

Domenica 19 maggio il corso si concluderà con un intervento di Armando Dal Col, fondatore del Giardino Museo Bonsai della Serenità a Tarzo, sulle colline trevigiane, considerato il tempio del bonsai italiano. Alle 17 il bonsaista Gerardo Mandile, Arbores Bonsai Club, svelerà tutti i segreti su come strutturare un bonsai.

Negli stessi giorni alcuni spazi del complesso rupestre "Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci" ospiteranno l'esposizione di bonsai e suiseki "Sonzai Presenze", a cura di Gianni Picella e Vito Di Venere.

La mostra potrà essere visitata dalle 10 alle 20, con l’ultimo ingresso previsto alle 19.

L'iniziativa è organizzata da Bonsai Club Puglia in collaborazione con il Circolo La Scaletta.

A Locri 'I giardini di Persefone - Tra le piante del mondo antico'

LOCRI - Domenica 19 maggio 2019, dalle ore 16.00, a Locri (Reggio Calabria), presso i Musei e parco archeologico nazionale di Locri, verrà presentato il progetto I giardini di Persefone - Tra le piante del mondo antico, un percorso botanico – archeologico destinato al parco archeologico nazionale di Locri, realizzato da Italia Nostra di Reggio Calabria, in occasione del 40° anniversario dell’istituzione della sezione nella città dello stretto.

Il progetto nasce dalla convinzione che le aree archeologiche, luoghi della memoria, ci riconsegnano attraverso le piante e le erbe il legame con il mondo antico e, al contempo, la vita stessa del luogo.

Il titolo nasce dalla suggestione mitologica che lega una delle principali divinità della Locri greca, Kore-Persefone, alla rinascita annuale del mondo vegetale. Il risveglio della natura con la riproduzione dei frutti della terra in primavera si legano al ritorno della dea, che trascorre metà dell’anno come regina degli Inferi insieme allo sposo Ade-Plutone. A questo perpetuarsi della natura e dei suoi prodotti è stato attribuito il senso di giardino.

Il progetto individua nel parco il luogo ove viene enfatizzato il ruolo che alcune piante, nel corso dei secoli, hanno rivestito nel territorio a livello economico e delle tradizioni locali. Vi sono contemplate sia specie selvatiche che piante di interesse agrario conosciute sin dal tempo dei greci e dei romani che ne hanno utilizzato ampiamente i tanti benefici.

Il percorso sarà indicato ai visitatori con una pannellistica creata appositamente che darà indicazioni sulle varie specie di erbe e piante già presenti nel parco e che verranno incrementate stagionalmente.

L’iniziativa riveste grande importanza anche per la valorizzazione e la tutela del paesaggio del parco archeologico nazionale di Locri, patrimonio di indiscusso pregio e di indubbia bellezza.

Interverranno all’incontro locrese: Antonella Cucciniello, direttore Polo museale della Calabria; Rossella Agostino, direttore Musei e parco archeologico nazionale di Locri; Salvatore Patamia, segretario regionale MiBAC per la Calabria; Angela Martino, presidente Italia Nostra Reggio Calabria; Giovanni Calabrese, sindaco di Locri; Alessandro Crisafulli, botanico e Maria Maddalena Sica, archeologa.

lunedì 13 maggio 2019

Chiusa la tappa in Basilicata dei giochi interregionali 'Play the Games'

POTENZA - Si sono conclusi domenica 12 maggio i giochi “Play the Games”, riservati a persone con disabilità intellettive e organizzati in Basilicata da Special Team di Venosa, Centri di Riabilitazione dei Padri Trinitari di Venosa e Bernalda, Accademia Equestre Family Horses di Ginosa Marina e Special Olympics Italia Team Basilicata. Tre giorni di gare all’insegna dell’inclusione e del divertimento, che hanno visto impegnati nelle discipline di atletica, bocce ed equitazione circa 200 atleti Special Olympics appartenenti alle 19 delegazioni accreditate da 8 regioni diverse (Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia): Agorà di Arezzo, Albatros di Capurso (BA), All Stars di Arezzo, Andromeda di Reggio Calabria, Anffas Cisterna di Latina, Club Athena di Melfi (PZ), Fuori Centro di Paliano (FR), Gocce di Corato (BA), Green Project di Biccari (FG), Il Cerchio di Spoleto (PG), Il Gabbiano Aias di Melfi (PZ), L’Aquilone di Reggio Calabria, L’Orizzonte di Gela (CL), La Coccinella di Bernalda (MT), Lucky Friends di Lamezia Teme (CZ), Osmairm di Laterza (TA), San Giovanni De Matha di Venosa (PZ), Scavalcando di Pianella (PE), Sportinsieme Fara Sabina di Passo Corese (RI).

Teatro delle gare sono stati l’impianto sportivo del Campo Scuola “Raffaele Duni” di Matera e il campo sportivo “Michele Lorusso” di Bernalda per l’atletica, l’Alessidamo Club di Metaponto per le bocce, il maneggio del centro Family Horses di Ginosa Marina per l’equitazione. Alla cerimonia di apertura, svoltasi nella serata di venerdì 10 maggio presso l’anfiteatro dell’Alessidamo Club, ha preso parte il vicepresidente di Special Olympics Italia Federico Vicentini. Dopo la presentazione delle squadre e l’arrivo delle bandiere di Italia, Unione Europea e Special Olympics Italia, la corsa con la fiaccola del tedoforo ha portato all’accensione di rito del tripode olimpico. L’inaugurazione si è chiusa con il giuramento dell’atleta Special Olympics: «Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze».

Grande l’entusiasmo di tutti i partecipanti, che hanno trasformato i campi di gara in luoghi di festa e condivisione, dove la diversità viene premiata come un valore e l’inclusione si fa colonna portante di una società sana. Immancabile il tifo sfrenato di tecnici e familiari, che dagli spalti hanno incoraggiato e incitato i propri atleti, ma anche gli avversari, che tali non sono mai quando si tratta di Special Olympics. Momento culmine di tutte le gare, come sempre, è stato quello della consegna delle medaglie, che rappresenta per i partecipanti una gratificazione per gli sforzi compiuti e per l’impegno dimostrato.

La formula dei “Play the Games” prevede un lungo calendario di eventi regionali e interregionali programmati in vari fine settimana, con tappe su tutto il territorio nazionale. Un’unica grande festa che attraversa l’Italia, diventando un prezioso strumento per sensibilizzare i territori, diffondere la conoscenza sulla disabilità intellettiva ed educare i più giovani alla comprensione e alla valorizzazione della diversità in ogni sua più ampia espressione.

venerdì 10 maggio 2019

Dal 21 maggio al 6 giugno torna il Festival dello sviluppo sostenibile


MATERA - Dal 21 maggio al 6 giugno torna il Festival dello sviluppo sostenibile, la più grande manifestazione internazionale sulla sostenibilità. Il Festival dello sviluppo sostenibile, che si svolge in tutta Italia per ben 17 giorni, tanti quanti sono gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 sottoscritta da 193 paesi nel 2015, in Basilicata ha in programma un evento molto importante. Dal 30 maggio all’1 giugno l’Italia Smart Community, promosso da Pentapolis Onlus, parte da Matera, Capitale Europea per la Cultura 2019, presso la Cava del Sole, per lanciare il proprio progetto attraverso un Summit, con la volontà di coinvolgere istituzioni, governo, imprese, enti di ricerca, università, società civile, media, start up, associazioni di categoria su un obiettivo comune: la costruzione di una società digitale e sostenibile per una migliore fruibilità dei beni culturali. L'iniziativa rientra tra gli appuntamenti di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, e si svolgerà all'interno del Festival Italiano dello Sviluppo Sostenibile. Italia SmART prevede, dal 2020, l’organizzazione annuale di tappe regionali itineranti che valorizzino le eccellenze presenti nel nostro Belpaese alimentando un circolo virtuoso per creare una “rete” culturale, positiva, nazionale.

Il patrimonio culturale di Venosa: strategie per lo sviluppo


VENOSA (PZ) - Venerdì 10 maggio, alle ore 12:00, a Venosa, presso la sala convegni dell’Hotel Orazio, il Presidente della VII Commissione parlamentare (Cultura, Scienza e Istruzione), On. Luigi Gallo (M5S), terrà una conferenza stampa sul patrimonio culturale della cittadina oraziana: finanziamenti, progetti in corso e presentazione delle proposte arrivate in Parlamento da parte del gruppo locale del M5S, che si presenta alle prossime amministrative con la candidata sindaco e consigliere uscente, Marianna Iovanni.

Prima della conferenza, il Presidente Gallo visiterà con i candidati della lista pentastellata i siti oggetto di finanziamenti ed altri ordinariamente chiusi: il m5s Venosa ha più volte chiesto l’istituzione di un tavolo tecnico per concertare una gestione mirata dei luoghi della cultura della cittadina oraziana, al fine di ampliarne sia la fruizione che l’offerta culturale.

Il M5S locale è certo che il lavoro sinergico tra il territorio e il Parlamento rappresenti la svolta che Venosa attendeva da tempo: la visita del Ministro Bonisoli (lo scorso 12 marzo), l’intervento in Senato da parte della senatrice del M5S, Margherita Corrado ed oggi la visita del Presidente Gallo dimostrano che finalmente sulla città di Orazio sono stati accesi dei riflettori importanti, che getteranno le basi del rilancio turistico culturale della splendida Venosa.

martedì 7 maggio 2019

Iniziato con successo 'Il Maggio dei libri' a Filiano


FILIANO (PZ) - Ha preso il via a Filiano “Il Maggio dei Libri 2019”, campagna nazionale di promozione della lettura promossa dal Centro per il libro e la lettura, con l’iniziativa “Caro Sindaco, mi leggi una storia?”, un incontro di crescita culturale che ha visto il sindaco Francesco Santoro impegnato nel ruolo di lettore.

L’incontro si è svolto sabato scorso presso la Biblioteca comunale dove una trentina di bambini dai cinque ai dieci anni hanno accolto il sindaco con grande curiosità e entusiasmo.

Santoro ha letto ai bambini, seduti di fronte e attorno a lui, la storia “Il bambino ritrovato”: un racconto che ha calamitato la loro attenzione insegnandogli che la vita è un susseguirsi di cose a volte belle a volte tristi.

Al termine, il sindaco ha invitato i bambini, una volta tornati a casa, a raccontare la nuova esperienza in famiglia e ha aggiunto: “Leggere è importante. Chiedete ai vostri genitori di spegnere la televisione e di leggervi un storia”.

L’iniziativa “Caro Sindaco, mi leggi una storia?” rientra nella rassegna “Favole a merenda” che vuole abituare i bambini all’ascolto e all’amore per le storie e promuovere e sviluppare la passione per la lettura.

La rassegna è promossa dalla Pro Loco di Filiano e dalla locale biblioteca con il patrocinio del Comune di Filiano, ed è curata dall’operatore di biblioteca Vito Sabia che dichiara: «L’esperienza è stata decisamente positiva per i bambini che, attratti forse anche da una voce “nuova” rispetto a quelle dell’ambiente scolastico, hanno dimostrato grande attenzione. Infatti i bambini devono approcciarsi alla lettura per piacere e non per dovere.».

All’iniziativa hanno collaborato gli operatori volontari di Servizio Civile Pro Loco e un gruppo di preparate animatrici.