Visualizzazione post con etichetta eventi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta eventi. Mostra tutti i post

sabato 23 marzo 2019

Matera: Gli assistenti sociali celebrano la Giornata Mondiale del Servizio Sociale


“Nessuno più degli assistenti sociali sa quanto sia importante costruire relazioni, ponti, dialogo, condivisione. Non muri, indifferenza, barriere”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Nazionale degli Assistenti Sociali, Gianmario Gazzi durante la mattinata che ha aperto la due giorni materana nella quale si celebra con una manifestazione nazionale la Giornata Mondiale del Servizio Sociale che cade, in ogni parte del pianeta, il terzo martedì di marzo di ogni anno.

Luisa Comitino, presidente del Croas Basilicata, ha aperto i lavori, orgogliosa di ospitare l'evento in una delle città che con i suoi 10mila anni di vita è una delle più an tiche del mondo: “Passata da vergogna nazionale ad orgoglio europeo”.

La presidente della Fondazione degli Assistenti Sociali, Silvana Mordeglia, ha mostrato, commossa e onorata la medaglia con la quale il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha voluto premiare l'iniziativa.

Di “Promozione delle relazioni umane” hanno discusso, la vicepresidente della Commissione Lavoro, Renata Polverini, il presidente dell'Associazione 'Maestri di strada' Cesare Moreno e l'assessore alle Politiche sociali del Piemonte, Augusto Ferrari.

Anna Maria Campanini, Presidente dell'International Association of Schools,of Social Work, ha allargato lo sguardo su quanto sia necessario, nel mondo, il servizio sociale, citando iniziative e appuntamenti internazionali.

I lavori sono proseguiti nel pomeriggio di ieri e nella mattinata di oggi con la conferenza dei presidenti dei consigli regionali.

Teatri Uniti Di Basilicata - Guardare vedendo “Anime del Sud”: Una storia d’amore ai tempi del brigantaggio


Dopo ben 16 repliche su tutto il territorio lucano negli anni scorsi, torna “Anime del Sud”, una storia d’amore ai tempi del brigantaggio. A portarla in scena, a Oppido Lucano il 23 marzo prossimo, è l’associazione Ameno Cinema di Giovanni Pelliccia. Appuntamento al teatro “G. Obadiah” alle 20.30.

“Anime del sud” si sviluppa su quattro grandi aree tematiche, fortemente intrise di arte figurativa e storica. Il sangue, il cuore, la terra e il fuoco. Non solo teatro ma anche cinema, musica e poesia per un racconto intenso del piccolo mondo contadino della Basilicata di fine ‘800. Una terra poetica, ricca di passione e storie, che diventa essa stessa elemento fondamentale della narrazione. Ma le vere protagoniste di questa storia d’amore e lotta sono loro: le anime del sud. Lo spettacolo ha ottenuto il riconoscimento della Presidenza del consiglio dei ministri come spettacolo di memoria storica nel 2008.

LA SCHEDA DELLO SPETTACOLO

Associazione Ameno Cinema

ANIME DEL SUD

Testi di Giovanni Pelliccia

regia Rocco Messina

con Tonino Centola, Ulderico Pesce (voce) Maria Bombino (voce) Giovanni Pelliccia, Lucia Sabia, Isabella Urbano, Antonietta Polichiso (voce), Daniela Ippolito (II voce – arpa), Rocco Baccellieri (violino e fisarmonica), Donato Mancusi (basso), Angelo Palumbo (percussioni)

È il ritratto di un piccolo mondo contadino, antico, di fine '800. Una storia d’amore ai tempi del brigantaggio in una Basilicata poetica, una Terra che è essa stessa protagonista della rappresentazione. Sangue, Cuore, Terra e Fuoco sono le anime del Sud ripercorse nello spettacolo. Le anime dei due briganti sono le anime di tutti. Il sangue è l’immagine cruda della terra, di cui ripercorre le tratture bellicose; il cuore è l’umanità, l'appartenenza a un popolo e la volontà di esserlo: burbero e forte ma con un'anima fragile e vulnerabile; la terra è il segno tangibile dell’esistenza, la vita che scorre, la madre che accoglie i suoi figli, li protegge e li nasconde dai nemici; e infine il fuoco è la festa della terra, una fiamma che arde, l’abbraccio e il calore della tradizione con chi vive questo presente dinamico ma essenzialmente omologato. È la chiusura che gli attori condividono con il pubblico.

LA COMPAGNIA
Associazione Ameno Cinema

In occasione dei 10 anni di attività dell'Associazione Ameno Cinema viene riportato in scena lo spettacolo che ha alle spalle ben 16 repliche su tutto il territorio lucano negli scorsi anni con il tutto esaurito. Ideato e diretto da Giovanni Pelliccia, la colonna musicale è di Antonietta Polichiso, unica testimone vivente di canti inediti che presenta la canzione popolare con un arrangiamento molto innovativo.

INFO E PRENOTAZIONE BIGLIETTI
Per acquisti biglietti i punti prevendita sono:

OPPIDO LUCANO

TEATRO “G. OBADIAH”

Info e prevendita: Aviapervia prod. mult. s.r.l. Oppido Lucano Tel. 339-2350471
PER TUTTI
Info&tickets, Viale Firenze 46
Tel. 0971-274704 / lun - ven ore 10:00 - 13:00 e 16:00 -19:00 / Sab ore 10:00 - 13:00

Vendita online: www.infotickets.it
Le persone con disabilità avranno diritto all’ingresso gratuito, mentre i loro accompagnatori al biglietto ridotto. Infine non bisogna dimenticare che conservando il proprio biglietto di uno spettacolo a cui si è assistito e presentandolo alle biglietterie degli altri comuni si ha diritto all'acquisto del nuovo biglietto a un costo ridotto.

venerdì 22 marzo 2019

Gli appuntamenti in Basilicata del candidato Presidente Antonio Mattia e del M5S


POTENZA - Di seguito l’agenda di alcuni dei più importanti appuntamenti di Antonio Mattia e del MoVimento 5 Stelle Basilicata.

VENERDÌ 22 MARZO

- Ore 20, Potenza, piazza Matteotti, chiusura della campagna elettorale con Antonio Mattia e il ministro dello Sviluppo economico, del Lavoro e delle Politiche sociali, Luigi Di Maio.

- Ore 19.10, Tursi, piazza Maria Santissima d’Anglona, comizio del sottosegretario al Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali Alessandra Pesce.

- Ore 20.40, Policoro, piazza Eraclea, comizio del sottosegretario al Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali Alessandra Pesce.

- Nel pomeriggio il sottosegretario Pesce visiterà alcune aziende agricole della Val d’Agri e del Metapontino.

Gli altri appuntamenti.

- Ore 9.00, Tito, via Roma, incontro con i cittadini del portavoce M5S al Senato Agnese Gallicchio.

- Ore 10.00, Maratea, Bar Avigliano, piazza Buraglia, incontro con i cittadini del portavoce M5S al Senato Gianluigi Paragone.

- Ore 11.00, Picerno, centro storico, incontro con i cittadini del portavoce M5S al Senato Agnese Gallicchio.

- Ore 11.00, Pignola, centro storico, incontro con i cittadini.

- Ore 11.30, Genzano di Lucania, incontro con i cittadini degli eurodeputati M5S Ignazio Corrao e Piernicola Pedicini.

- Ore 12.00, Pescopagano, incontro con i cittadini.

- Ore 17.00, Tricarico, piazza Garibaldi, incontro con i cittadini del portavoce M5S al Senato Agnese Gallicchio.

- Ore 17.30, Lavello, piazza Matteotti, incontro con i cittadini dell’eurodeputato M5S Ignazio Corrao.

- Ore 17.30, Vaglio Basilicata, incontro con i cittadini del portavoce M5S al Senato Arnaldo Lomuti.

- Ore 17.30, Avigliano, incontro con i cittadini dell’eurodeputato M5S Piernicola Pedicini.

- Ore 19.00, Villa d’Agri, via Grumentina, porte aperte no-stop Info point M5S.

- Ore 19.30, Montalbano Jonico, piazza Risorgimento, comizio del portavoce M5S al Senato Arnaldo Lomuti e del portavoce M5S alla Camera Luciano Cillis.

- Ore 19.30, Rotonda, Gran Caffè, piazza Vittorio Emanuele, 5, incontro con i cittadini dell’eurodeputato M5S Laura Ferrara e del portavoce M5S alla Camera Paolo Parentela.

- Ore 20.00, Montescaglioso, piazza Roma, incontro con i cittadini del portavoce M5S alla Camera Gianluca Rospi.

Altri eventi si svolgeranno durante la giornata a Francavilla in Sinni, Bernalda, Pisticci.

In caso di concomitanze, Antonio Mattia potrebbe non essere presenti ad alcuni incontri o partecipare solo per un tempo limitato.

martedì 19 marzo 2019

Ha debuttato a Potenza il tour teatrale 'Pais Live' di Rocco Mentissi

POTENZA - Si è svolta nei giorni scorsi a Potenza la prima teatrale di “Pais Live”, lo spettacolo che porta in scena il concept-album “Pais”, pubblicato lo scorso novembre dal compositore e pianista lucano Rocco Mentissi e dedicato alla fanciullezza e alle piccole comunità lucane in via di estinzione. Durante il concerto di debutto, che ha fatto registrare il tutto esaurito al Teatro “Francesco Stabile”, il maestro Mentissi ha eseguito al pianoforte le composizioni originali che formano il disco, accompagnato sul palco da Ivan Mentissi al clarinetto, Rocco Pio Raimondi alla tuba, Massimo De Carlo al basso fretless e al contrabbasso, Fabio Sabato alla batteria, Leonardo Corbo alle programmazioni elettroniche.

Rocco Mentissi ha voluto ringraziare il caloroso pubblico accorso, raccontando così il progetto: «Pais in fondo siamo adesso noi, Pais sono le persone che stanno insieme. La musica è soprattutto questo, stare insieme. ‘Pais, paidos’ in greco significa fanciullo, in dialetto tolvese o in dialetto lucano significa il paese. Sono partito da questa proporzione: il fanciullo sta all’uomo, come il paese sta alla città; e ho ricordato la mia infanzia, ho ricordato il casale, le rondini, i cieli azzurri, ho ricordato gli occhi dei vicini che con i miei nonni costituivano un’unica famiglia. Proprio come l’architettura, con le case una accanto all’altra, così erano gli esseri umani, uno accanto all’altro, perché non si poteva fare altrimenti. Pais è questo, è la casa dei miei nonni, la corsa, il gioco in strada, è ricordare il nido contadino dei miei nonni, dove io ho imparato l’umanità. “Povera anima felice” è un brano per loro, perché erano semplici, erano umili, erano frugali, erano umani e mi hanno insegnato che cos’è la vita e soprattutto il rispetto per l’essere umano.»

Il concerto si è aperto con il brano “In corsa”, a rievocare le corse a perdifiato da bambino dell’autore nel suo paese natale Tolve, per poi proseguire con “Povera anima felice”, in ricordo dei suoi nonni e dei loro insegnamenti, tornando con “Ludus” agli infiniti giochi in strada sotto gli occhi vigili del vicinato sempre affettuoso. Nel segmento successivo è stato presentato il cortometraggio ideato e prodotto dalla Workinbox_ per “Notturno”, quarto dei nove brani contenuti nel disco, in cui il buio della notte portatore di inquietudini viene rischiarato dal luccichio delle stelle che invitano a guardare con speranza al futuro. Lo spettacolo è andato avanti con “Terra”, brano che è un omaggio alla Basilicata, definita da Mentissi «terra di fate, di santi e di uomini dimenticati», e con “Il Santo”, rivisitazione dell’inno tradizionale dedicato dal popolo dei fedeli a San Rocco di Tolve. In chiusura gli ultimi tre brani dell’album: “Tarantella scritta ieri”, dal ritmo trascinante che richiama le radici popolari, “U fizz”, dedicata ad un vecchio compagno di giochi dal sorriso costante, e “Porte chiuse”, malinconico rimpianto per un tempo ormai perduto, ma anche invito a tornare in quei luoghi dell’infanzia così veri.

A Matera la Giornata Mondiale del Servizio Sociale


MATERA - Per celebrare la Giornata mondiale del Servizio Sociale che, in tutto il mondo cade il terzo martedì di ogni anno, il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali, la Fondazione Nazionale degli Assistenti Sociali e l’Ordine della Basilicata hanno scelto Matera, capitale europea della cultura che per un giorno, il 22 marzo, sarà anche la capitale italiana delle relazioni umane. Ne discuterà chi, nella professione, nella politica, nelle istituzioni locali, nella cultura, nella giustizia e nella scuola promuove il confronto e i diritti umani.

L’appuntamento è alle 10 a Palazzo Viceconte. Via S. Potito. 7

Apriranno i lavori: Luisa Comitino - Presidente del Consiglio regionale dell’Ordine degli Assistenti sociali della Basilicata Silvana Mordeglia - Presidente della Fondazione nazionale degli Assistenti sociali Raff­aello De Ruggieri - Sindaco di Matera Salvatore Adduce - Presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019

Seguirà una tavola rotonda su: “La promozione delle relazioni umane” con Renata Polverini, Vicepresidente dell‘11^ Commissione “Lavoro Pubblico e Privato”, Camera dei Deputati, Augusto Ferrari, Assessore alle Politiche sociali, della famiglia e della casa della Regione Piemonte, Cesare Moreno, Presidente dell’Associazione Maestri di strada Onlus

Antonio Decaro, sindaco di Bari e Presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, parlerà di “Comunità e cura delle relazioni umane”

Annamaria Campanini, Presidente dell’International Association of Schools of Social Work, si soffermerà sul “Contributo del Servizio sociale”

Le conclusioni sono affidate a Gianmario Gazzi, Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine degli Assistenti sociali.

Partecipano: Carolina Di Lorenzo, Dirigente dell’U­fficio Terzo Settore, Dipartimento delle Politiche della Persona, Regione Basilicata - Monica Forno, Presidente dell’Associazione Assistenti sociali per la Protezione Civile - Vincenzo Giuliano, Garante Regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Basilicata - Valeria Montaruli, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Potenza - Salvatore Poidomani, Segretario Generale del Sindacato Unitario Nazionale degli Assistenti sociali - Paola Pontarollo, Presidente dell’Associazione Nazionale degli Assistenti sociali - Maria Lorenzoni Stefani, Vicepresidente della Società per la Storia del Servizio Sociale - Vittorio Zanon, Presidente dell’Associazione di Servizio Sociale su Internet.

Matera: Ministro Di Maio in visita a Calia Italia

MATERA – A Matera per un incontro con il territorio il Ministro Luigi Di Maio ha colto l’occasione per visitare alcune tra le eccellenze del Made in Italy della Regione. Tra le aziende selezionate, Calia Italia, la più antica del Distretto del Mobile Imbottito della Basilicata, fondata a Matera nel 1965.

Ad accogliere il Vicepresidente del Consiglio l’architetto Saverio Calia, Direttore Generale Marketing e Sviluppo Calia Italia, e Giuseppe Calia, Direttore Generale Amministrazione e Vendite, i fratelli titolari che insieme hanno contribuito all’espansione dell’azienda grazie alla mente artistica e creativa del primo e al genio commerciale del secondo.

“Siamo molto orgogliosi che il Vicepresidente del Consiglio abbia scelto di visitare la nostra azienda, perché Calia Italia è Matera”, ha dichiarato Saverio Calia. “Abbiamo la stessa capacità di reagire alle difficoltà. La nostra forza si basa sulla valorizzazione della cultura del nostro territorio, l’eccellenza dell’artigianalità e la ricerca di innovazione. Non abbiamo mai avuto timore di rischiare e abbiamo sempre coltivato il nostro talento con un unico obiettivo: far star bene le persone”.

“Nel rispetto dei nostri valori fondanti guardiamo al futuro con dinamismo e spirito d'innovazione”, ha dichiarato Giuseppe Calia. “Con un fatturato di 81.282.195 euro nel 2018, il Gruppo Calia Trade SPA investe continuamente per migliorare la competitività sui mercati internazionali, l’efficienza produttiva e il servizio ai clienti. Sono esempi di questa volontà il magazzino automatizzato di Ferrandina, frutto di un investimento di 13 milioni di euro e oggi il più grande in Europa per dimensioni, e la partnership con la società di diritto cinese Dongguan Huicui Furniture Co Ltd., controllata da De Rucci Beddings Co. Ltd, per la distribuzione in esclusiva nella Repubblica Popolare Cinese, un mercato con una domanda crescente di prodotti di alta gamma e di design Made in Italy.”

Il successo di Calia è confermato dalla sua presenza strategica in 90 Paesi e dai numerosi riconoscimenti ricevuti, quali il recente Premio “100 Eccellenze Italiane” dedicato alle aziende riconosciute in tutto il mondo come sinonimo del Made in Italy per qualità, talento ed artigianalità.

Non sono mancati gli apprezzamenti del Vicepresidente del Consiglio per la capacità dell’azienda di fare impresa non perdendo di vista il proprio impegno sociale in ambito di ricerca scientifica, sostegno ai giovani talenti, supporto alle scuole con i progetti di alternanza scuola lavoro, collaborazione con associazioni del Terzo Settore e promozione della cultura.

L’impegno nella promozione del territorio materano e della sua cultura a livello nazionale e internazionale è anche alla base della collaborazione con Matera 2019 di cui Calia Italia è partner. Nell’anno in cui Matera è Capitale Europea della Cultura, Calia Italia torna alle origini del popolo materano per attraversare il tema della vergogna della vita nei Sassi e rigenerarla in un sentimento fiero di appartenenza, con la nuova collezione Mater Familias, un progetto condiviso con Architecture of Shame all’interno di Matera 2019.

CALIA ITALIA

Calia Italia, fondata a Matera nel 1965, è l’azienda più antica del Distretto del Mobile Imbottito della Basilicata. Con un fatturato di 81.282.195 euro nel 2018 del Gruppo Calia Trade, l’azienda progetta, realizza ed esporta in tutto il mondo divani e poltrone in pelle e tessuto rinomati per l’artigianalità, la cura dei dettagli, l’attenzione per il design e l’inconfondibile comfort. Forte di una produzione tutta italiana e di un sistema logistico all’avanguardia, Calia Italia esporta circa l’85% della propria produzione in 90 Paesi, dall’Europa al Medio Oriente, fino all’Estremo Oriente con Cina, Korea e Giappone in testa. I principali mercati di sbocco sono: Italia, Francia, Belgio, Germania, UK, Corea del Sud, USA e Israele. Il mercato in maggior sviluppo è invece la Cina e tutto il mercato asiatico in generale.

Con la direzione artistica di Saverio Calia e la strategia commerciale di Giuseppe Calia, il brand Calia Italia è oggi in grado di proporre oltre 50 nuovi modelli l’anno, con un’ampia varietà di rivestimenti in pelle e tessuto.

Grazie ad una gamma di circa 40 diversi articoli con oltre 400 varianti colore, vanta un’offerta realmente trasversale in grado di soddisfare le esigenze dei diversi target di riferimento.

I divani Calia Italia si caratterizzano per l’attenta e minuziosa cura artigianale che fa sì che si possano considerare dei pezzi unici perché interamente fatti dalle mani dell’uomo, e quindi mai perfettamente identici.

Progetti che nascono nel cuore dell’azienda, forti di quell’esperienza e sensibilità alimentati da oltre 50 anni di produzione, in continua crescita e sperimentazione perché il bello sia sempre e soprattutto comodo.

INFO: www.caliaitalia.com/it

Dalle Acli un gesto concreto per l’oratorio salesiano di Potenza

POTENZA - Nella serata di venerdì 15 marzo l'oratorio centro giovanile salesiano di Potenza ha subito ingenti atti vandalici compiuti a fine di intimidazione e sfregio nei confronti di chi ogni giorno accoglie ragazzi e giovani per sottrarli alla strada ed educarli al bene comune.

“La violenza del gesto – dice il Presidente provinciale delle Acli di Potenza Emanuele Abbruzzese – lascia sconcertati e colpisce non solo il centro giovanile ma l’intera comunità. E’ necessario che gruppi, associazioni, istituzioni non restino in silenzio davanti a tanta barbarie e diano un segnale forte di solidarietà alla famiglia di Don Bosco”.

“Aderiamo da subito – prosegue Abbruzzese – alla campagna #ioamoloratorio, facendo il possibile per diffonderla e invitare i cittadini a solidarizzare con la comunità salesiana. Ma i danni procurati chiedono anche sostegno concreto e materiale: per questo iniziamo la raccolta “Un euro per l’oratorio”, invitando chi frequenta le nostre sedi ad un piccolissimo contributo dal grande significato”.

“Colpire con violenza chi lavora con e per i giovani – conclude il presidente delle Acli – non solo è un gesto criminale ma anche vile. La risposta deve essere ferma, convinta e, come chiedono i salesiani, col sorriso: nessuno può fermare il bene”.

domenica 17 marzo 2019

Fdi: a Potenza focus su ‘Legalità e Sicurezza in Basilicata'


POTENZA - Si terrà domani, 18 Marzo, presso il Grande Albergo di Potenza, alle ore 18:30, il focus su ‘Legalità e Sicurezza in Basilicata: la legge regionale 45/2018” organizzato da Fratelli d’Italia.

Relatori dell’incontro l’On.le Fabio Rampelli, Vicepresidente della Camera, i candidati di Fratelli d’Italia alle prossime regionali, Gianni Rosa, promotore della legge regionale 45/2018 sulla sicurezza, l’Avvocato Marinica Cimadomo, che ha collaborato alla stesura della legge, l’Avv. Clemente Delli Colli, dirigente regionale di FdI e l’Avv. Giuseppe Giuzio, Commissario provinciale.

La legge regionale sulla sicurezza che è stata approvata pochi mesi fa è un testo normativo complesso che spazia dalla riqualificazione delle periferie alla diffusione della cultura della legalità a fondi per la polizia locale e videosorveglianza.

sabato 16 marzo 2019

Teatri Uniti di Basilicata: stagione di teatro ragazzi con 'Rose nell'insalata' a Bella, Oppido Lucano e Policoro


POTENZA - Un nuovo appuntamento da non perdere per il Teatro Ragazzi, la stagione dedicata ai più piccoli di Teatri Uniti di Basilicata. Arriva “Rose nell’insalata”, uno spettacolo scritto e diretto da Riccardo Colombini che parte dalle verdure per mettere le ali all’immaginazione. Tre le date in programma per “La scuola a teatro”, sempre alle ore 10.30. Si parte da Bella il 18 marzo al teatro Periz, poi ci si sposta a Oppido Lucano il 19 al teatro Obadiah e il 20 a Policoro al teatro Hollywood. L’età consigliata è dai 2 ai 5 anni.

Le verdure sono una cosa seria! No. Sono una cosa noiosa! E allora come si fa a mettere d’accordo lo chef e la sua assistente Romilda? Lo scopriremo.

Si gioca, si ride e si scherza sul palco di “Rose nell’insalata”, uno spettacolo per bambini che stimola la fantasia e la curiosità verso ciò che non si conosce e che, in apparenza, non piace. Ispirato alla ricerca visiva di Bruno Munari, artista designer e scrittore italiano considerato tra i più importanti del XX secolo, lo spettacolo trasforma oggetti ed elementi della vita quotidiana come le verdure in qualcosa di straordinario. Gli ortaggi vengono così ripensati completamente. Come? Con un pizzico di fantasia, elemento essenziale del racconto. Quindi via odori sgradevoli e sapori poco invitanti e all’improvviso cavolfiori, cipolle e porri diventano scrigni magici che lasciano i bambini a bocca aperta.

Lo spettacolo, che ha sempre riscosso grande successo, ha partecipato all’edizione 2016 del Festival Internazionale di Teatro Avignon Le Off (Avignone, Francia).

LA SCHEDA DELLO SPETTACOLO

Dall’omonimo libro di Bruno Munari (ed. Corraini)
con Irina Lorandi, Riccardo Colombini
testo e regia Riccardo Colombini
collaborazione Sara Cicenia
consulenza scientifica Silvana Sperati (Associazione Bruno Munari)
scene Marco Muzzolon
collaborazione alle scene Mirella Salvischiani, Alessandro Aresu
costumi Ornella Chiodini
animazioni video Sergio Menescardi
luci Matteo Crespi
in collaborazione con Associazione Bruno Munari
con il patrocinio di Progetto Scuola Expo Milano 2015

“Avete mai visto le rose nell’insalata? Io sì…” (Bruno Munari)
“Le verdure sono una cosa seria!” dice lo Chef.
“Le verdure sono una cosa noiosa!” ribatte Romilda, sua assistente.
Chi ha ragione? Difficile dirlo…

Vero è che in questa cucina si vedono sempre e solo verdure… Odori sgradevoli, sapori poco invitanti: verdure grandi e piccole, corte e lunghe, verdi, bianche, viola, da tagliare e selezionare, tutto con estremo rigore e serietà.

Bisognerebbe provare a metterci un po’ di colore, in questa cucina! Bisognerebbe provare a vedere le cose in un altro modo… E se quelle verdure così puzzolenti fossero capaci di stupirci? Se là dentro ci fosse nascosto qualcosa… aspetta un attimo… e quella che cos’è? Sembra… ma sì… è proprio… una rosa! Una rosa… nell’insalata?! Già… una rosa nell’insalata…

E nel cavolfiore… che cosa ci sarà? E nella cipolla? E nel porro? E in tutte le altre verdure?
Forse, questa volta, Romilda e lo Chef dovranno cambiare idea…
Dalla ricerca visiva di Bruno Munari, un lavoro teatrale per i piccoli.
Un gioco che, a partire dalle verdure, metta le ali all’immaginazione.

PER INFO

BELLA E POLICORO
Consorzio Teatri Uniti di Basilicata
Potenza, corso XVIII agosto n.2
Tel. 0971.410358

OPPIDO LUCANO
Aviapervia prod.mult. s.r.l
Oppido Lucano Tel. 339.235.04.71

Le persone con disabilità avranno diritto all’ingresso gratuito, mentre i loro accompagnatori al biglietto ridotto. Non bisogna dimenticare che conservando il proprio biglietto di uno spettacolo a cui si è assistito e presentandolo alle biglietterie degli altri comuni si ha diritto all’acquisto del nuovo biglietto a un costo ridotto.

venerdì 15 marzo 2019

A Locri (Reggio Calabria) "Il rilievo archeologico del teatro di Locri Epizefiri"

REGGIO CALABRIA - Venerdì 22 marzo 2019, alle ore 17.30, presso la Biblioteca comunale di Palazzo Teotino Nieddu del Rio in Locri (Reggio Calabria) – sede anche del Museo del territorio, diretto da Rossella Agostino, afferente al Polo museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniello - si terrà la conversazione "Il rilievo archeologico del teatro di Locri Epizefiri: strumento di conoscenza, conservazione e valorizzazione del manufatto antico".

La conversazione dagli archeologi Francesca Pizzi e Giovanni Speranza inaugurerà il Ciclo di conversazioni dedicato alle novità che i Musei e il parco archeologico nazionale di Locri racconteranno al pubblico nel corso del 2019.

Infatti, come dichiarato dalla direttrice dei Musei e parco archeologico nazionale di Locri, è importante che si illustrino sul territorio le recenti attività dello stesso Istituto che hanno dato significativi risultati sia dal punto di vista della conoscenza scientifica che quello di una sempre più ampia divulgazione del patrimonio mobile ed immobile del comprensorio territoriale della Locride afferente al Polo museale della Calabria.

In particolare, la conversazione del 22 marzo prossimo sarà dedicata al Teatro greco ricadente nel Parco archeologico di Locri, oggetto nel 2017/2018 a cura del Polo museale della Calabria di interventi di messa in sicurezza e di un dettagliato rilievo archeologico georeferenziato mai effettuato fino ad oggi.

Ai risultati raggiunti che permettono interessanti riflessioni sulla cronologia e sulla realtà architettonica dello stesso manufatto, sarà a breve dedicata una pubblicazione sponsorizzata dall’editore Laruffa di Reggio Calabria, responsabile dei servizi aggiuntivi del sito.

All’incontro introdotto dal direttore del sito Rossella Agostino, parteciperanno il sindaco di Locri Giovanni Calabrese e l’assessore alla cultura Anna Sofia con i quali si è attivata una sinergia importante per una maggiore conoscenza e valorizzazione del patrimonio archeologico del territorio. Sarà presente anche il sindaco di Portigliola Rocco Luglio nel cui comune ricade il teatro greco e che si è attivamente adoperato con la programmazione di validi spettacoli durante la stagione estiva nell’ottica di una sinergica attività di conoscenza del bene culturale.

mercoledì 13 marzo 2019

Acrobazie, evoluzioni aeree e comicità sbarcano a Matera 2019

MATERA - Continua l’appuntamento con il circo contemporaneo nel ricco programma di Matera 2019 Capitale della Cultura. Venerdì 15 marzo alle 21.00 nel cartellone Circus+, il programma allestito nel Grand Chapiteau (ingresso con passaporto e con prenotazione, fino a esaurimento posti), va in scena l’attesissimo Crazy Dream Circus che vede protagonisti Mister David & The Family Dem.

Lo spettacolo ripercorre la storia del circo attraverso un susseguirsi di numeri di alto livello tecnico conditi da una comicità innovativa e coinvolgente. Crazy Dream Circusnon è un circo tradizionale…è semplicemente uno spettacolo comico, emozionante, circense, entusiasmante, che non ha bisogno di essere catalogato. Crazy perché fuori dagli schemi comuni, ma allo stesso tempo adatto a tutti, adulti, bambini, giovani, alternativi e tradizionalisti. Popolare, familiare, spettacolare e sorprendente, ma che utilizza un linguaggio moderno con i ritmi veloci della contemporaneità. Dream perché realizza il sogno di ogni bambino: uno stile di vita libero, sognante quasi corsaro, ma che al di là dell’apparenza eccentrica ha fatto di disciplina, tecnica, studio e precisione. Lo spettacolo ripercorre la storia del circo, dalle sue origini fino al circo attuale ed è ambientato in un Bistrot anni 20. Un susseguirsi di numeri di alto livello tecnico. Una comicità innovativa e coinvolgente.

Protagonista dello show Mister David: è il ring master, l’imbonitore, il filo conduttore dello spettacolo! La stampa lo definisce l’Harry Houdini del circo: in scena porta equilibrismo estremo, ma anche illusionismo e giocoleria. Davide Demasi in arte Mister David solca i palchi e le piazze di tutto il mondo con performance che prevedono l’evasione da catene, camicie di forza e manette in equilibrio su monocicli di altezza superiore alla norma. Record man di salti con la corda su monociclo, è spesso presente sugli schermi di televisioni italiane ed estere. Mister David nel 2013 a Saint Vincent è stato insignito del titolo di "Campione del mondo di street magic" ossia l’illusionismo che non ha bisogno di palchi o scenografie, ma può essere proposto anche in strada o nelle piazze. Nel 2016 ha conseguito un Guinness World Record per la manipolazione di cappelli. Ultimamente ha partecipato con successo ad Italia’s Got Talent, Detto Fatto (RAI 2), "Si può fare" (Rai 1) in veste di coach per vip, ed ha effettuato una grande evasione davanti a 10.000 persone in piazza Castello a Torino appeso per i piedi ad una gru ad oltre 30 metri di altezza. Al suo fianco Elena Timpanaro, acrobata aerea, performer ai tessuti esibitasi all’interno della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi invernali di Torino 2006. Lei è il lato seducente, aggraziato e femminile della compagnia. Brivido e fascino per lei son due facce di una stessa medaglia: l’aria è il suo mondo, l’altezza non la spaventa, al contrario, la stimola a creare esibizioni sempre più poetiche e mozzafiato. David ed Elena, oltre a essere compagni sul palco e nella vita, sono anche i genitori di Manuel (9 anni) e Danny (7 anni) che saranno anche loro in scena con esibizioni di equilibrismo e giocoleria. Dunque una vera e propria famiglia di circo a tutti gli effetti!

Completano il cast la ballerina Martina Ronca e l’eclettico clown e acrobata russo Oleg Murzintsev, meglio conosciuto come Murzik, nato nella lontanissima isola di Sakalin, di fronte al Giappone, resistendo ad inverni a 30 gradi sotto zero. Qui da bambino Oleg si gettava per gioco dal terzo piano del suo palazzo, sopra cumuli di neve di oltre 3 metri. Seguì poi i suoi genitori, entrambi ufficiali dell´Armata Rossa, in Tagikistan. A 15 anni si allena per partecipare al Festival di Mosca ma il grande salto professionale lo compie riuscendo a entrare nella più prestigiosa Accademia del mondo, la Scuola del Circo di Mosca (su 300 aspiranti, mediamente sono uno riesce ad accedervi!). Qui, dopo 4 anni di duro impegno, Oleg ha portato a termine la propria formazione diplomandosi come giocoliere-acrobata, ma diventa anche clown musicale, imparando a suonare numerosi strumenti.

Un appuntamento da non perdere dedicato a tutta la famiglia. Info: materaevents.it

martedì 12 marzo 2019

Matera 2019 Storytelling, Amarelli, la liquirizia: insieme per conservare e condividere l'eredità culturale


MATERA - Dal 12 marzo sarà on line il primo spot del progetto www.matera2019storytelling.it. Lo spot, ideato e prodotto da Officine delle Idee in collaborazione con l’azienda Amarelli, leader mondiale nel settore della liquirizia, è stato realizzato nel centro storico di Matera e fra i sassi del Parco della Murgia Materana coinvolgendo la popolazione locale e i tanti turisti presenti in città.

Nello spot, della durata di 50 secondi (visitabile anche su www.youtube.com/watch?v=QTN0LoxZgc4), si vedono in primo piano le parole chiave di Matera2019Storytelling: Identità, Narrazione, Comunità, Cultura e, soprattutto, Radici.

Infatti, è proprio una radice la protagonista, la radice di liquirizia, quella con cui una mano scrive queste parole ed è una radice di liquirizia quella che i protagonisti dello spot si passano fra loro.

Le radici non solo come elemento portante di ogni comunità, ma anche come mezzo di trasferimento del patrimonio identitario fra le generazioni e come punto di partenza per il confronto e la condivisione tra le diversità culturali.

Officine delle Idee e Amarelli, insieme con questo spot, per il grande evento che vede la città di Matera Capitale Europea della Cultura, per conservare e condividere l’eredità culturale, l’identità e quindi le radici.

Lo spot verrà proiettato, in anteprima, il 12 marzo nello Spazio Confindustria nell’Ipogeo San Francesco a Matera nel quale sarà esposta la mostra “Amarelli: le radici della nostra Storia”.

Www.matera2019storytelling.it è un meccanismo innovativo di promozione culturale circolare, ideato e realizzato dalla società cooperativa Officine delle Idee.

È il mezzo attraverso cui i turisti, i visitatori, i cittadini di Matera avranno l’opportunità di raccontare le proprie esperienze trasformandosi in narratori. Invogliando chi viene a conoscenza di questa esperienza a ripeterne il percorso e a documentarlo a sua volta, incentivando così il racconto collettivo e corale.

Un progetto utile per le istituzioni che avranno la possibilità di fare percorsi ancor più condivisi con la società civile, le imprese e tutti gli attori pubblici e privati coinvolti nella programmazione e gestione del patrimonio e dell’eredità culturale, ma anche un progetto che vuole promuovere sinergie tra Matera 2019 Capitale Europea della Cultura e le altre regioni del sud Italia, utilizzando la leva del viaggio e del suo racconto per incentivarne il coinvolgimento.

A tal proposito a breve verranno pubblicati sul sito i primi itinerari tematici individuati dalla redazione di www.leggoscrivo.com e dalla redazione di www.giornaledelviaggio.it insieme con il gruppo di lavoro di TEO (il turismo dell’esperienza e dell’ospitalità) che congiungeranno Matera con le altre regioni del sud Italia come offerta turistica di prossimità.

Partecipare al progetto “Matera 2019 Storytelling” è semplicissimo, basta andare sul sito www.matera2019storytelling.it, visionare il regolamento e inviare il proprio racconto.

Per ulteriori informazioni

www.matera2019storytelling.it
+393454753562
+393392243742

domenica 10 marzo 2019

Musei: a Monasterace "Il paesaggio sacro della Passoliera Le terrecotte architettoniche raccontano..."


Il Museo Archeologico dell’antica Kaulon aderisce alla celebrazione della Giornata Nazionale del Paesaggio promossa dal MiBAC proponendo, giovedì 14 marzo 2019, alle ore 17.00, l’iniziativa Il paesaggio sacro della Passoliera - Le terrecotte architettoniche raccontano... .

In tale occasione, saranno resi noti i risultati di recenti ricerche, condotte da Greta Balzanelli, dottoranda Università degli Studi di Pisa, su almeno 300 frammenti di terrecotte conservati nei magazzini del Museo.

Tale studio, oltre che proporre nuove interpretazioni sui reperti appartenenti allo stesso gruppo di terracotte architettoniche, rinvenute agli inizi del secolo scorso e facenti parte dell’esposizione museale permanente, permette di ampliare la conoscenza del paesaggio sacro di Caulonia di età arcaica e del ruolo svolto dall’area sacra della Passoliera.

Il Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon, diretto da Rossella Agostino, è afferente al Polo Museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniello.

sabato 9 marzo 2019

Matera: convegno 'L’insegnante e il dirigente scolastico nella scuola dell’autonomia tra didattica, governance e progetto culturale'

MATERA - Sviluppare un progetto complessivo per analizzare, chiarire e rilanciare le figure del dirigente scolastico e dell’insegnante all’interno della scuola dell’autonomia, tenendo conto della fondamentale alleanza tra scuola, famiglia e territorio per lo sviluppo di uno specifico progetto di corresponsabilità educativa.

E’ questo l’obiettivo del convegno nazionale: L’insegnante e il dirigente scolastico nella scuola dell’autonomia tra didattica, governance e progetto culturale.

Organizzato e promosso dal Dipartimento di Scienze Umane – Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria dell’Università degli Studi della Basilicata, il convegno si terrà giovedì 14 e venerdì 15 marzo 2019, al Campus universitario di via Lanera a Matera.

L’incontro, che rientra nell’ambito delle manifestazioni Matera 2019 Capitale Europea della Cultura, è sviluppato in una università meridionale e nell’ambito dello specifico gruppo di lavoro SIPED Formazione dell’insegnante e del dirigente scolastico, coordinato dai docenti universitari Paolina Mulè (Università di Catania), Claudio De Luca (Università della Basilicata) e Achille Maria Notti (Università di Salerno), in collaborazione con la SIRD e la SIREF, Il Convegno nazionale, patrocinato dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019 e dalla Fondazione Carical, ha l’ambizione di segnare una tappa nuova e, si spera, significativa nel dibattito sulle trasformazioni della scuola italiana a oltre vent’anni dall’avvio dell’autonomia scolastica nel nostro Paese.

La scuola italiana nell’ambito del contesto europeo rappresenta ancora un punto di riferimento fondamentale per lo sviluppo della democrazia, un vero e proprio “laboratorio di democrazia” per riprendere la felice intuizione del più importante filosofo e pedagogista americano del secolo scorso John Dewey. È opportuno, quindi, che la ricerca pedagogica italiana promuova una riflessione ampia e radicale per evidenziare quali siano le criticità e le possibili potenzialità del modello della scuola dell’autonomia per favorire i processi democratici e di coesione sociale in Italia.

Numerosi relatori, provenienti da diverse università italiane, tenteranno di riflettere in modo sinergico sulla figura dell’insegnante, del dirigente scolastico e del complesso sistema dell’extra-scuola, con un particolare riferimento alla dimensione educativa delle famiglie, per definire un possibile progetto culturale e politico volto al miglioramento della qualità dell’autonomia scolastica. Il tentativo è quello di progettare un nuovo patto di corresponsabilità educativa non solo tra la famiglia e la scuola, ma soprattutto tra una ripensata scuola dell’autonomia, rifondata su un patto formativo chiaro tra tutte le sue componenti e il mondo extrascolastico per avviare una proficua collaborazione culturale e politica.

Rilanciare la scuola italiana dell’autonomia significa progettare una migliore democrazia e coesione sociale dal basso, proponendo una nuova idea di “capitale umano” per un sostenibile sviluppo civile, sociale ed economico del nostro Paese in una prospettiva europea e globale.

L’iniziativa è riconosciuta come attività di formazione docenti, ai sensi della direttiva 170/2016 con diritto per i partecipanti all’esonero dal servizio nei limiti stabiliti dal C.C.N.L. Alla termine delle attività sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

Per info: convegnomatera2019@gmail.com, claudio.deluca@unibas.it o giuseppe.spadafora@unical.it

I numeri di telefono di riferimento sono: 340/8893968; 339/651 7792; 351/9833611

Per prenotarsi all’evento visto i posti limitati iscriversi al seguente link:

http://educationtraining.it/eventi/convegno-linsegnante-e-il-dirigente-scolastico-nella-scuola-dellautonomia-tra-didattica-governance-e-progetto-culturale-matera-14-15-maezo-2019?fbclid=IwAR3U02eyr9Xk8MOxKwBut_J0ZQjFU0rCz4RMB2mDPeoUJAXDK41YkeupCuc 

Teratro: allo Stabile di Potenza “Alice, racconto a quattro mani”

POTENZA - Dopo il successo de “La zebra e lo scienziato” Valeria Freiberg, direttrice artistica dell’Associazione Ariadne/Compagnia Teatro A, torna con il nuovo spettacolo “Alice, racconto a quattro mani” di cui cura anche la regia. La pièce sarà rappresentata il 13 e 14 marzo con una replica mattutina alle ore 10.30 presso il Teatro Stabile di Potenza.

Tratta dalla famosa fiaba di Carroll, Alice nel paese delle meraviglie è una favola didattica, fantastica e misteriosa che gioca con le parole, le gesta e i corpi degli attori, ma soprattutto con la fantasia dei ragazzi e la musica che accompagna i piccoli spettatori nella straordinaria avventura musicale, oltre che didattica.

Il racconto è pieno di allusioni a personaggi, poemetti, proverbi e avvenimenti propri dell'epoca in cui Carroll opera e il “Paese delle Meraviglie” descritto nella fiaba gioca con regole logiche, linguistiche, fisiche e matematiche che gli hanno fatto ben guadagnare la fama che ha.

Sognando di seguire un coniglio bianco, la protagonista cade letteralmente in un mondo sotterraneo fatto di paradossi, assurdità e nonsensi.

Alice è una storia piena di colore e toni comici, che ha lo scopo di far emergere l'umanità e il divertimento della narrazione. Scoprirla insieme agli attori, capire i suoi mulinelli, attraversare i lunghi labirinti per ritrovare se stessi e il divertimento di essere dei bambini è un obiettivo principale di questa messa in scena.

Spiega Valeria Freiberg: “Per aiutare i piccoli spettatori in questo viaggio fantastico abbiamo deciso di utilizzare il gioco
e i colori per attivare la fantasia.
Insieme agli attori i bambini compiranno un viaggio alla scoperta della favola e del dramma-based della storia di Alice.
La favola catturerà l’immaginazione dei bambini, il movimento scenico degli attori li aiuterà ad esplorare le caratteristiche fisiche e psicologiche dei personaggi. I colori serviranno per attivare la fantasia e l'adattamento scenico del grande romanzo didattico che aiuterà i bambini ad avvicinarsi alla scienza”.

giovedì 7 marzo 2019

8 marzo, le iniziative di Cgil Cisl Uil in Basilicata per la Giornata internazionale della donna


Due le iniziative promosse quest'anno da Cgil Cisl Uil di Basilicata in occasione della Giornata internazionale della donna. L'8 marzo, alle 18, al Cineteatro Don Bosco, a Potenza, sarà proiettato il film "7 minuti" di Michele Placido. La proiezione sarà introdotta da una breve riflessione, a cura dei coordinamenti donne delle tre sigle sindacali, sulla condizione femminile e il lavoro, tema chiave del film che racconta la storia di undici donne alle prese con le incertezze e le scelte della vita di fabbrica. Nel corso della serata sarà, inoltre, presentata la nuova campagna pluriennale promossa da Cgil Cisl Uil rivolta ai sindaci della Basilicata che si propone di riconoscere e valorizzare, attraverso l'intitolazione di una strada, di una piazza, di un monumento o di un luogo, i meriti delle tante donne lucane che si sono distinte per il loro impegno sociale, civile, lavorativo e familiare. Le due iniziative sono state presentate questa mattina in conferenza stampa a Potenza, nella Sala dell'Arco, dalle coordinatrici femminili di Cgil Cisl Uil, Anna Russelli, Giuseppina D’Alessandro e Anna Carritiello e dall'assessore comunale alla cultura Roberto Falotico in rappresentanza del sindaco Dario De Luca che ha indirizzato ai sindacati un messaggio in occasione della Giornata internazionale della donna.

“Il ruolo più originale che ogni donna è chiamata a svolgere nella società di oggi, come in quella di tutti i tempi, è quello proprio della donna”, ha scritto De Luca. “Essere insostituibile, persona nella quale e sulla quale ogni comunità si fonda, moglie, figlia, mamma, nonna, autentica colonna portante di un sistema che troppo spesso la relega in una posizione marginale invece che riconoscerle quello di protagonista assoluta. In famiglia chiamata a una missione decisiva per una crescita armoniosa, equilibrata e sana di tutti i componenti. Sul posto di lavoro il suo apporto risulta determinante perché, nella diversità che la caratterizza e non discrimina rispetto ai colleghi uomini, esprime una volontà, una abnegazione, una capacità unica di lettura e soluzione dei problemi, tipicamente femminili. Con l’amministrazione stiamo verificando la possibilità di intitolare una parte importante della nostra città a una donna che abbia saputo portare a sintesi tutto quello che una donna è”, ha concluso il primo cittadino di Potenza.

"Il nostro obiettivo – si legge nella lettera indirizzata ai sindaci dei 131 comuni lucani dal coordinamento donne di Cgil Cisl Uil – è fare in modo che l'esercizio della memoria diventi un patrimonio prezioso per tutti, un riferimento costante e duraturo a cui attingere; un'opportunità continua e concreta, soprattutto per le giovani generazioni, di difesa strenua di un valore che non deve più cedere alle tentazioni di una retorica vuota e priva di significato. Si intende, così, attraverso un'iniziativa da radicare e istituzionalizzare, rendere visibile e conosciuta la storia delle donne lucane, i loro meriti e il loro impegno, proprio in una regione in cui la loro presenza in politica, nei contesti lavorativi, nel sindacato, tende ad essere poco visibile e spesso poco riconosciuta. Donne di cui si vuole riconoscere il coraggio, la dignità, la fragilità inossidabile, la pervicacia nel procedere in direzione ostinata e contraria, la ricchezza nascosta dei loro talenti, esibiti umilmente, mai ostentati”. Scopo della campagna promossa da Cgil Cisl Uil è anche "accrescere la produzione di studi e ricerche da parte di scuole, associazioni e organizzazioni sociali sulle storie di donne che si sono rese protagoniste e artefici di scoperte, conquiste, gesti significativi dal punto di vista dell'impegno sociale e civile che hanno prodotto profondi e duraturi cambiamenti nella società a livello locale, nazionale e mondiale".

Sinossi del film "7 minuti"

ANNO: 2016

REGIA: Michele Placido

ATTORI: Cristiana Capotondi, Violante Placido, Ambra Angiolini, Ottavia Piccolo, Fiorella Mannoia, Maria Nazionale, Clémence Poésy, Sabine Timoteo, Anne Consigny

PAESE: Italia

DURATA: 88 Min

DISTRIBUZIONE: Koch Media

L'incertezza del futuro appesa a 7 minuti. Un caleidoscopio di vite diversissime e pulsanti, vite di donne, madri, figlie. Undici caratteri per una riflessione sulla possibilità concreta di opporre resistenza e di reagire all'incertezza del futuro, tra caos, logica e giustizia. I proprietari di un'azienda tessile italiana cedono la maggioranza della proprietà a una multinazionale. Sembra che non siano previsti licenziamenti, operaie e impiegate possono tirare un sospiro di sollievo. Ma c'è una piccola clausola nell'accordo che la nuova proprietà vuole far firmare al consiglio di fabbrica. Undici donne dovranno decidere per sé e in rappresentanza di tutta la fabbrica, se accettare la richiesta dell'azienda. A poco a poco il dibattito si accende: ad emergere prima del voto finale saranno le loro storie, fatte di speranza e ricordi.

martedì 5 marzo 2019

Teatri Uniti: Flavio Bucci, “E pensare che ero partito così bene...”, rinviata la data del 9 marzo a Melfi


POTENZA - Continua la stagione teatrale lucana a cura del Consorzio Teatri Uniti di Basilicata. L’appuntamento del 9 marzo con il grande attore Flavio Bucci a Melfi, è rinviato al 14 aprile al Cineteatro Ruggiero II con “E pensare che ero partito così bene...”, un racconto senza freni della sua vita tormentata, scritto insieme a Marco Mattolini.

Restano confermate le date del 12 e 13 aprile a Oppido Lucano e Moliterno.

lunedì 4 marzo 2019

Arte: Kaori Kato in Basilicata per un workshop sulle sculture di carta da giocare


MATERA - Dal 6 all’11 marzo sarà in Basilicata Kaori Kato, un’artista giapponese conosciuta per le sue installazioni di carta realizzate interrogando il linguaggio formale e concettuale della carta e mescolandolo ai fenomeni fisici e naturali.

Si tratta di una sperimentatrice in chiave contemporanea della tradizionale tecnica giapponese di lavorazione della carta.

Giovedì 7 Marzo, dalle ore 10.00 alle ore 18.00, l’artista esporrà al MUSMA di Matera l’installazione Drawing Machine, condividendo le procedure per l’uso dell’opera, una particolare macchina da disegno realizzata dall'artista e capace di creare disegni e operazioni su carta con l’energia del vento.

Sabato 9 Marzo, dalle ore 16.00 alle ore 19.00 Kaori Kato sarà al MOON di Potenza per un workshop gratuito e aperto, in cui sarà realizzato un gioco attraverso origami, pieghe e fold-out book.

Nell’ambito del workshop sarà possibile fruire la Drawing Machine.

La sperimentazione rappresenta un’ulteriore tappa di avvicinamento alla realizzazione del M.E.M.O.RI. (Museo Euro Mediterraneo dell'Oggetto Ri-fiutato), un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 coprodotto da La luna al guinzaglio Fondazione Matera Basilicata 2019.

“La presenza di Kaori Kato in Basilicata, dichiara Rossana Cafarelli, referente de La luna al guinzaglio, contribuisce ad approfondire la conoscenza sulla materia e sulle sue possibili applicazioni in termini di arte partecipata, a partire dall’uso della carta. Si tratterà di un incontro che contribuirà ad arricchire la realizzazione del Memori”.

L'iniziativa è realizzata in collaborazione con l'Eu-Japan Fest, con il sostegno della BCC Basilicata e grazie all’ospitalità del MUSMA di Matera.

sabato 2 marzo 2019

I sapori del Parco del Pollino approdano a Eataly Bari


BARI - I sapori e i prodotti del Parco Nazionale del Pollino tornano a Eataly Bari per un’altra giornata dedicata alla grande montagna che sovrasta Calabria e Basilicata. Sabato 2 marzo, alla Fiera del Levante dalle 19.30 alle 23, terza tappa per “Parco del Pollino Roadshow a Eataly Bari – Benvenuti nel Parco del Pollino”, un nuovo appuntamento del Festival itinerante della cultura enogastronomica del Pollino che avrà come protagonisti “Il Bianco, la Rossa e il Crusco”. Non si tratta di un nuovo film western ma, anche in questo caso, parliamo di capolavori culinari da Oscar: il fagiolo bianco di Rotonda, la melanzana rossa di Rotonda e il peperone crusco di Senise. I primi due prodotti DOP e il terzo IGP che sono sinonimo del Pollino e che possono essere considerati la discesa culinaria della montagna in tavola.

Il menù street food vede protagonisti “Il Bianco, la Rossa e il Crusco”. I visitatori potranno, infatti, gustare: pasta con fagioli DOP di Rotonda; cavatelli con broccoli; peperoni cruschi di Senise e ricotta salata; panino con salsiccia e melanzana rossa di Rotonda; minestra antica con peperoni cruschi di Senise; bruschette con crema di melanzana rossa di Rotonda e poi chiudere in dolcezza con il bocconotto di Mormanno abbinato al passito di Saracena.

«Con le iniziative che stiamo portando avanti insieme a Eataly Bari – dice Domenico Pappaterra, presidente del Parco Nazionale del Pollino – si consolida il rapporto fra il Parco del Pollino e la Puglia. Non smetterò mai di sottolineare quanto sia stato importante il contributo della comunità pugliese nella scoperta della nostra montagna, facendola diventare fra le principali mete turistiche. Torniamo a Bari portando ciò che di più buono abbiamo: i nostri prodotti DOP e IGP. Il fagiolo bianco di Rotonda, la melanzana rossa di Rotonda e il peperone crusco di Senise rappresentano tutta la nostra tradizione culinaria. Quella che parte dall’orto delle famiglie del Pollino ed è arrivata sulle tavole dei grandi ristoranti di tutto il mondo. “Il Bianco, la Rossa e il Crusco” oltre che ottimi cibi diventano valori fondamentali della nostra cultura e della nostra identità che difendiamo e che esportiamo con grande orgoglio».

giovedì 28 febbraio 2019

Libri: a Mileto presentato 'Incommensurabilmente'


VIBO VALENTIA - Venerdì 8 marzo 2019, alle ore, 10.00, a Mileto (Vibo Valentia), presso il Museo Statale di Mileto, si terrà la presentazione del volume Incommensurabilmente, poesie di Nando Scarmozzino.

L’iniziativa, organizzata in collaborazione con il “Cantiere Musicale Internazionale”, è in linea con la politica culturale del Museo Statale di Mileto che promuove eventi per aggregare intorno alla sua struttura associazioni, istituzioni e cultori dell’Arte e del Bello in generale.

Ospitato in un edificio ottocentesco ubicato a fianco della Cattedrale, il Museo espone un cospicuo e rilevante patrimonio di opere d’arte, che abbraccia un arco temporale compreso fra l’età tardo imperiale e l’Ottocento. La raccolta, ordinata in diverse sale espositive disposte su due piani, è divisa in sezioni a loro volta organizzate secondo una sequenza cronologica.

La presentazione del libro di Scarmozzino darà la possibilità, quindi, di ammirare il cospicuo patrimonio artistico conservato ed esposto in questo scrigno di Calabria.

Il Museo Statale di Mileto, diretto da Faustino Nigrelli, è afferente al Polo museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniello