Visualizzazione post con etichetta Matera 2019. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Matera 2019. Mostra tutti i post

venerdì 18 ottobre 2019

A Matera le Pro Loco di Puglia e Basilicata promuovono tradizioni popolari e folklore

MATERA - I comitati regionali delle Pro Loco di Puglia e Basilicata hanno ideato e organizzato per sabato 26 e domenica 27 ottobre la prima edizione della Giornata Nazionale delle Tradizioni Popolari e del Folklore”.

Ad ospitare la due giorni artistico-culturale sarà Matera, Capitale Europea della Cultura 2019. Nel corso dell’iniziativa si svolgerà la rassegna dei Cortei Storici delle Pro Loco di Puglia e Basilicata promossa da Unpli Puglia e Unpli Basilicata con il patrocinio del Comune Matera, della Fondazione Matera 2019, della Regione Basilicata, del Polo Museale della Basilicata, di Basilicata Turistica, della Provincia di Matera e del Consiglio Regionale della Puglia e con il sostegno della Banca del Credito Cooperativo della Basilicata.

Programma Sabato 26 ottobre

ore 9,30 Inaugurazione STAND espositivi-informativi- artigianato artistico in Piazza San Francesco

Ore 10,00 Inaugurazione Mostra Fotografica “MATERA con gli occhi di Beppe Borghi”

(a cura di Pro Loco Gerenzano – Comitato UNPLI Lombardia) presso Open Space in Piazza Vittorio Veneto

Ore 11 Celebrazione GIORNATA NAZIONALE DELLE TRADIZIONI POPOLARI E DEL FOLKLORE

presso Sala Convegni OPEN SPACE APT BASILICATA in Piazza Vittorio Veneto

Ore 13 Pausa pranzo

Ore 16 Partenza RASSEGNA CORTEI STORICI DELLE PRO LOCO DI PUGLIA E BASILICATA E GRUPPI FOLK

da Via Lanera – Villaggio del Fanciullo “Congregazione dei Rogazionisti”(ritrovo per i gruppi che sfileranno).

Il percorso della sfilata dei Gruppi Storici nei pomeriggi di sabato 26 ottobre e domenica 27 ottobre è il seguente:

Partenza da Via Lanera – Via Lucana – Via Ridola – Piazza Pascoli – Piazza San Francesco – Via del Corso – Piazza Vittorio Veneto – Via delle Beccherie – Piazza San Francesco.

Ore 18,30 Al termine della sfilata, in Piazza San Francesco presentazione dei singoli Cortei Storici e consegna di un riconoscimento di partecipazione alla presenza delle istituzioni e dirigenti UNPLI

Ore 20 esibizione Gruppi Folk in Piazza San Francesco

Programma Domenica 27 ottobre

Ore 9,30 Apertura Stand espositivi in Piazza San Francesco

Ore 10 Convegno presso Sala Carlo Levi Palazzo Lanfranchi

“Patrimonio Culturale, Identità Storiche e Folklore – Programmi di sviluppo socio-culturale e turistico del territorio, oltre Matera 2019”.

Ore 13,30 Pausa pranzo

Ore 16 Partenza RASSEGNA CORTEI STORICI DELLE PRO LOCO DI PUGLIA E BASILICATA E GRUPPI FOLK da Via Lanera – Villaggio del Fanciullo “Congregazione dei Rogazionisti” (ritrovo per i gruppi che sfileranno)

Il percorso della sfilata dei Gruppi Storici nei pomeriggi di sabato 26 ottobre e domenica 27 ottobre è il seguente:

Partenza da Via Lanera – Via Lucana – Via Ridola – Piazza Pascoli – Piazza San Francesco – Via del Corso – Piazza Vittorio Veneto – Via delle Beccherie – Piazza San Francesco.

Ore 18,30 Al termine della sfilata, in Piazza San Francesco, presentazione dei singoli Cortei Storici e consegna di un riconoscimento di partecipazione alla presenza delle istituzioni e dirigenti UNPLI

Ore 20 esibizione Gruppi Folk in Piazza San Francesco

“Con questa iniziativa, di ampio respiro, rimarchiamo il nostro impegno a rafforzare la rete tra le Pro Loco e tra comitati regionali”, ha dichiarato Rocco Lauciello, presidente Unpli Puglia, in seguito alla conferenza stampa di presentazione dell’evento, “Questa due giorni è un’occasione importante per mostrare le tante risorse culturali e storiche dei nostri territori. Grazie a tutti i partner istituzionali, in particolar modo al Consiglio regionale della Puglia nella persona del Presidente Mario Loizzo”.

“Esprimiamo viva soddisfazione ed emozione per l’importante appuntamento che ci prestiamo a condividere nella Capitale europea della Cultura, grazie alla collaborazione del Comune di Matera e delle istituzioni ai vari livelli”, ha sottolineato Rocco Franciosa, Presidente Unpli Basilicata, “Questa iniziativa lucana e pugliese costituisce uno straordinario momento di valorizzazione del patrimonio culturale e di esaltazione dell’attività di volontariato portato avanti dal mondo Pro Loco”.

martedì 15 ottobre 2019

Si chiude con oltre 700 spettatori il Festival Internazionale Fisarmonicistico a Matera


MATERA - Oltre 700 spettatori hanno seguito i quattro concerti della nona edizione del Fadiesis Accordion Festival a Matera.

Il Festival Internazionale Fisarmonicistico, che proseguirà a Pordenone e in Friuli Venezia Giulia dal 17 ottobre al 23 novembre, nella Capitale europea della Cultura è stato realizzato, quest’anno, in collaborazione con EU-Japan Fest nell'ambito del programma di Matera 2019. L’organizzazione giapponese di imprese private che da 30 anni collabora con le Capitali europee della cultura per creare occasioni di scambio e lavoro comune tra artisti giapponesi ed europei, ha favorito la presenza al festival di artisti di chiara fama come Yasuhiro Kobayashi, in arte Coba, e anche di giovani talenti, fra cui le tre giovani fisarmoniciste che, dopo la master class organizzata in Giappone con il Maestro Gianni Fassetta, sono state ospiti del primo concerto del Fadiesis a Matera.

Il Fadiesis Accordion Festival che da sempre unisce Matera e Pordenone, città dov’è nato ad opera dell’Associazione musicale Fadiesis, con Matera 2019 ha consolidato il suo legame con il Giappone.

“Con il Maestro Yasuhiro Kobayashi - ha ricordato il direttore artistico del festival Gianni Fassetta salutando il pubblico dal palco dell’Auditorium Gervasio - abbiamo condiviso gli anni della formazione seguendo insieme le lezioni del Maestro Elio Boschello, che nella sua scuola di Mirano ha formato generazioni di fisarmonicisti. E già nel 2014, a pochi giorni dalla proclamazione di Matera Capitale Europea della Cultura, Coba era stato protagonista di un concerto d’eccezione nella città dei Sassi. Averlo, grazie alla preziosa collaborazione con EU-Japan Fest, nuovamente nostro ospite nel 2019 ha permesso al nostro Festival di celebrare questo anno speciale per Matera”.

“Ancora una volta il Fadiesis Accordion Festival ha conquistato il pubblico- afferma Gennaro Loperfido, referente a Matera del Festival - i quattro concerti proposti in città sono stati seguiti da un pubblico internazionale e da tanti amici che ci hanno raggiunto dal Friuli e dal Veneto. Solo per il concerto del Maestro Coba abbiamo avuto poco meno di 300 spettatori. Il Fadiesis Accordion Festival cresce nell’attenzione e gradimento del pubblico di anno in anno. E questo ci spinge a moltiplicare le forze per offrire, per il prossimo anno, un Festival ancora più ricco. Il nostro sforzo organizzativo - ricorda Gennaro Loperfido - è supportato da finanziamenti privati, aziende leader in campo internazionale del mondo della climatizzazione e del benessere ambientale che, unite nel claim: Il clima che fa cultura”, sponsorizzano la rassegna fisarmonicistica”.

Per ulteriori informazioni sul Festival Internazionale Fisarmonicistico:
https://www.fadiesis.org/

venerdì 11 ottobre 2019

I Boreali Nordic Festival a Matera il 17-18 ottobre 2019


MATERA - Giovedì 17 e venerdì 18 ottobre 2019 Matera ospiterà per la prima volta I Boreali, il festival dedicato alla cultura nordeuropea: due giornate di appuntamenti tra letteratura, musica, eventi per bambini e laboratori, nell'ultima tappa di questo 2019 del festival, organizzato dalla casa editrice Iperborea e che arriva a Matera grazie alla collaborazione di Amabili Confini e Onyx Libro Presidio del Libro Matera.

Non mancheranno gli autori dal Nord Europa, con l'arrivo in città del famoso scrittore svedese Björn Larsson per presentare il suo ultimo romanzo «La lettera di Gertrud»; Leonardo Piccione, con un curioso viaggio in 47 storie legate ad altrettanti vulcani islandesi, racconterà il suo «Libro dei vulcani d’Islanda»; una nuova tappa dell’Arto Paasilinna Memorial Tour, lo spettacolo di Valerio Millefoglie dedicato allo scrittore finlandese recentemente scomparso; i laboratori per i più piccoli, organizzati in collaborazione con le scuole e le librerie, a partire dalle pagine di Tuono di Ulf Stark e dalle avventure di Katitzi, di Katarina Taikon; la presentazione del nuovo volume di The Passenger, il settimo, con protagonista Berlino; un incontro tutto dedicato alle «Fiabe norvegesi», insieme a Bruno Berni e Luca Doninelli che ci accompagneranno alla scoperta di troll poliocefali, giganti cattivi e draghi; e la musica, con il set di Damiano Fragasso e con le atmosfere finlandesi e le sonorità dei film di Aki Kaurismäki di «Fwora Jorgensen», nuovo progetto di Mirco Mariani.


Programma completo del festival

- giovedì 17 ottobre

kids

09:30 – 11:30

Casa Cava
tuono, un gigante per amico

Lettura animata di Tuono di Ulf Stark.
Evento per bambini dai 6 agli 11 anni, riservato alle scuole.

kids

16:30 – 18:30

Libreria 365 Storie, Mondadori Bookstore, Libreria dell'Arco, Biblioteca Provinciale “T. Stigliani” (Sala Pinocchio)

laboratori per bambini su tuono di ulf stark

Attività di gruppo per i bambini che partecipano alle letture del mattino.

lit

18:00 – 18:50

Casa Cava

la lettera di gertrud: l’identità tra scelta e destino

Lo scrittore svedese Björn Larsson presenta il suo ultimo libro in dialogo con la giornalista Antonella Ciervo.

talk

19:00 – 19:50

Casa Cava

berlino: 891,8 km2 di potenziale puro

Incontro su The Passenger – Berlino.

Con lo scrittore Vincenzo Latronico e il caporedattore della rivista Marco Agosta.

a seguire: dj set di damiano fragasso

- venerdì 18 ottobre

kids

09:30 – 11:30

Casa Cava

le avventure di katitzi

Lettura animata di Katitzi e Katitzi e il piccolo Swing di Katarina Taikon.

Evento per bambini dai 6 agli 11 anni, riservato alle scuole.

kids

16:30 – 18:30

Libreria 365 Storie, Mondadori Bookstore, Libreria dell'Arco, Biblioteca Provinciale “T. Stigliani” (Sala Pinocchio)

laboratori per bambini su katitzi e katitzi e il piccolo swing di katarina taikon

Attività di gruppo per i bambini che partecipano alle letture del mattino.
lit

18:00 – 18:50

Casa Cava

giganti cattivi, troll policefali, draghi delle voragini: il meraviglioso mondo delle fiabe norvegesi

Presentazione di Fiabe norvegesi, il sesto volume della serie di fiabe nordiche pubblicate da Iperborea. Con il traduttore e curatore del volume Bruno Berni e lo scrittore Luca Doninelli.

lit

19:00 – 19:50

Casa Cava

islanda, terra di storie e di vulcani

Leonardo Piccione racconta il suo Libro dei vulcani d’Islanda, un viaggio curioso in 47 storie legate ad altrettanti vulcani dell’isola.

live

21:00 – 22:30

Casa Cava

arto paasilinna memorial tour. cosa ci lascia uno scrittore quando ci lascia

Un reading per parole e musica dedicato alla memoria dell’autore finlandese Arto Paasilinna. Di e con Valerio Millefoglie.

a seguire: fwora jorgensen

Progetto musicale di Mirco Mariani, ispirato alle atmosfere e alle sonorità dei film di Aki Kaurismäki.

Maggiori informazioni

Tutti gli incontri sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, a eccezione di quelli per i bambini che sono riservati alle scuole.

Sul nostro sito trovate il programma completo anche in formato PDF: https://www.amabiliconfini.it/i-boreali-matera/

giovedì 10 ottobre 2019

Festival La terra del pane: primo appuntamento a Matera con 'La nave di Teseo'


MATERA - Organizzato e promosso da Fondazione Sassi, in coproduzione con la Fondazione Matera-Basilicata 2019, il Festival La Terra del pane è un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, tema: Radici e Percorsi.

Partendo dal pane e dalla terra, tratti distintivi della città di Matera, il Festival La Terra del pane mira a esaltarne il profilo culturale e antropologico, mediante il racconto con testimonial d’eccezione, la declinazione su diversi codici artistici e con i Laboratori del pane.

Settantuno appuntamenti in dieci giorni, da venerdì 11 a domenica 20 ottobre, per scandagliare, nei diversi linguaggi dell’arte e con incontri con critici d’arte, esperti di marketing, artisti, giornalisti, scrittori, antropologi, performer e testimoni della vita nei Sassi, due temi: il pane e la terra, i due elementi che maggiormente caratterizzano la Capitale Europea della Cultura 2019, Matera.

Il pane e la terra sono i due assi portanti su cui si sviluppa il Festival La Terra del pane. Organizzato e promosso da Fondazione Sassi, in coproduzione con la Fondazione Matera-Basilicata 2019, il Festival La Terra del pane è un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, tema: Radici e Percorsi.

Partendo dal pane e dalla terra, tratti distintivi della città di Matera, il Festival La Terra del pane mira a esaltarne il profilo culturale e antropologico, mediante il racconto con ben 75 testimonial d’eccezione, due mostre, una con l’Istituto Luce Cinecittà e una con l’Università degli studi di Basilicata, una produzione teatrale realizzata appositamente per il festival dal Teatro delle Ariette, tre convegni, una performance, incontri con gli chef, proiezioni di film, interventi musicali e con i Laboratori del pane. Vera esperienza di visita i Laboratori del pane raccontano, per un pubblico di grandi e piccini con appuntamenti quotidiani alle 10 e alle 17 , l’antica arte dei fornai dei Sassi e aneddoti della civiltà contadina.

Un Festival multidisciplinare La Terra del pane che sarà inaugurato, venerdì 11 ottobre alle 18:30 nella sala convegni, con la presentazione del numero zero della rivista letteraria Pantagruel. Edita da La nave di Teseo, la rivista-libro ospita testi inediti di autori italiani e internazionali, in numeri monografici dedicati a temi che intrecciano arti, discipline, saperi. Il numero zero del quadrimestrale ha per tema il pane e come curatori Elisabetta Sgarbi, direttore generale e editoriale della casa editrice, e il presidente della Fondazione Sassi Vincenzo Santochirico.

Autori di questo numero sono: Fulvio Abbate, Gaetano Cappelli, Ermanno Cavazzoni, Ivan Cotroneo, Roberto Cotroneo, Francesca d'Aloja, Dente, Eliana Di Caro, Andrea Di Consoli, Massimo Donà, Claudia Durastanti, enrico ghezzi, Yervan Gianikian, David Grieco, Eberhard Jungel, Camillo Langone, Lucrezia Lerro, Elena Loewenthal, Giuseppe Lupo, Francesca Manfredi, Andrea Moro, Raffaele Nigro, Antonio Rezza, Vittorio Sgarbi, Mariolina Venezia, Massimo Zamboni. Scrittori e intellettuali che saranno ospiti del Festival La Terra del pane nei 10 incontri denominati I racconti del pane che si svolgeranno ogni giorno alle 19.
Roland Sejko è il curatore della mostra, ideata e realizzata dall'Archivio Storico Istituto Luce-Cinecittà, Io sono una forza del passato. Fotografie di Mario Garubba, Domenico Notarangelo, Pino Settanni e video di Giuseppe De Seta raccontano il mondo contadino, un passato, dirla sempre con Pasolini, “motivato dall’esigenza di non perdere le nostre radici”. La mostra Io sono una forza del passato sarà inaugurata sabato 12 ottobre, alle ore 18, nella sala esposizioni.

Il senso del pane. Le mani, il fuoco, la tavola, a cura di Mario Turci in collaborazione con l’Università degli Studi della Basilicata e cinque musei etnografici d’Italia, è la mostra che sarà inaugurata lunedì 14 ottobre, alle 17:30, negli ipogei della Fondazione Sassi. Un contributo

dell’etnografia e dei suoi sguardi sul pane ed anche un’espressione dei musei etnografici nella loro

continua tensione ad essere luoghi di riflessione sul contemporaneo.

“Il pane sporco e il pane pulito” è un momento di incontro e riflessione, affidato al padre francescano Enzo Fortunato, che si terrà domenica 20 ottobre alle 12 nella sala conferenze della Fondazione Sassi.

Nel programma del Festival La Terra del pane anche incontri con gli chef: Vitantonio Lombardo, Stella Michelin a Matera, sabato 19 ottobre alle 11 unirà il cibo all’arte, e show cooking con Nicola Popolizio, il 15 ottobre alle 17:30 e Francesco Abbondanza, il 17 ottobre alle 17:30.

Di rilievo gli appuntamenti realizzati in collaborazione con Assitol, Alsia e UNA l’associazione nazionale dei comunicatori. Tre convegni che puntano alle prospettive di sviluppo e alla valorizzazione del territorio. Il 15 ottobre, alle 11:30, nella Sala Conferenze, l'Associazione Italiana delle Industrie Olearie, Assitol, terrà un convegno sul tema “Pane&Olio”. Interverranno la presidente del gruppo Olio d'oliva Assitol, Anna Cane, il presidente di Aibi, Palmino Poli, la professoressa Maria Giuseppina Muzzarelli, docente di Storia Medievale e Storia delle Città dell'Università Alma Mater di Bologna e di Andrea Poli, presidente della Nutrition Foundation Italy. Il convegno sarà moderato dal giornalista Attilio Romita.

Con l’ALSIA, l’Agenzia lucana di sviluppo e di innovazione in agricoltura, ci sarà un momento di confronto, con i referenti regionali delle Fattorie didattiche delle regioni Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Liguria, Puglia, Sardegna e Veneto, sul tema “pane e territorio”. I comunicatori aderenti a UNA, venerdì 18 ottobre alle 15, tratteranno il tema “Territorio, comunicazione e cultura per l’eccellenza”.

Arte: Esteban Villalta Marzi, 'la Cultura è Capitale a Matera'

MATERA - Domenica 13 Ottobre si terrà presso gli “Ipogei Motta” di Matera (Gradinata Via San Bartolomeo, 46) il finissagge dell’esposizione La Cultura è Capitale, evento organizzato dall’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Spagna in Italia e dalla Fondazione con il Sud per celebrare Matera 2019 Capitale Europea della Cultura.

L’esposizione, che rappresenta l’evento più importante della programmazione dell' Ufficio Culturale Spagnolo nel corso del 2019 a cura di Andrea Iezzi, sará inserita nel circuito delle giornate FAI.

La mostra, resa possibile anche grazie all’appoggio del Circolo La Scaletta e dell’Associazione Culturale Energheia, conta con lavori di importanti pittori e fotografi spagnoli, tra cui Esteban Villalta Marzi, noto artista italo- spagnolo di fama internazionale che tra gli anni Ottanta e Novanta diventa un membro attivo del movimento artistico “Movida Madrileña”, confermandosi come uno dei maggiori esponenti della Pop Art europea.

L'artista sará presente DOMENICA 13 per incontrarsi con il pubblico interessatto ed spiegare personalmente i suoi ultimi lavori in mostra all' Ippogei.

In arrivo il primo Festival del Cinema a Matera

MATERA . In arrivo il Matera Hollywood Festival, il primo festival del Cinema a Matera, un evento che vuole diventare il punto di riferimento sul territorio. Un progetto che porterà dentro alcune delle caratteristiche fondamentali dei grandi eventi con tante sezioni e anteprime direttamente collegate con il mondo americano ma senza dimenticare l’attenzione per il territorio e quelli che sono gli aspetto che lo caratterizzano. Masterclass, retrospettive, Ospiti, a appuntamenti con grandi Maestri del Cinema e infine contest di vario tipo. Il progetto prodotto dalla Dreamworld Pictures in collaborazione con diverse realtà lucane si svolgerà il 20 - 22 dicembre 2019 a pochi giorni dalla chiusura della Capitale della Cultura.

Per info : www.materahollywood.com

mercoledì 9 ottobre 2019

ESSIA a Matera: il convegno nazionale


MATERA - Il 12 ottobre 2019, l’Associazione Nazionale per la Valorizzazione delle Scuole d'Arte, con sede a Firenze, presso il Liceo Artistico di Porta Romana sarà a Matera per un convegno nazionale su “Design per un artigianato sostenibile: Una nuova frontiera della formazione”.

La giornata di studio si svolgerà Liceo Artistico “Carlo Levi” in collaborazione con l’I.I.S. “E. Duni - C. Levi” di Matera e con patrocinio della città di Matera.

Il convegno rappresenta un appuntamento significativo nella capitale Europea della Cultura 2019, per affrontare un argomento di grande attualità, cioè come contribuire allo sviluppo di un'economia circolare ed ecosostenibile coinvolgendo la scuola italiana. In particolare ESSIA si rivolge ai licei artistici, all'artigianato, ai maestri dell'artigianato artistico, agli artisti, agli operatori legati al mondo del Made in Italy e del design italiano, apprezzato e riconosciuto in tutto il mondo.

ESSIA riunisce ex-studenti degli istituti e scuole d'arte italiane con l’obiettivo di rilanciare l'artigianato artistico e impedire la dispersione del grande patrimonio formativo, a rischio cancellazione dopo le recenti riforme scolastiche.

“Fin dal momento della sua ideazione il design del manufatto di artigianato artistico s'inserisce in una concezione di sviluppo sostenibile. - spiega Carlo Carli, artista e presidente ESSIA - La sfida che oggi deve affrontare chi opera nell'artigianato artistico è saper coniugare capacità manuale della colta tradizione con competenze delle nuove tecnologie e linguaggi. Quindi saper raccontare al mondo il proprio mestiere, la propria creatività e il risultato originale del proprio lavoro quale "pezzo unico". Per questi obbiettivi formativi la funzione della scuola è fondamentale in un rapporto di collaborazione con le imprese, i laboratori, i maestri artigiani quali eccellenze dei diversificati territori nei quale le stesse istituzione scolastiche operano”.

Sarà un momento per cogliere nuovi spunti e riflessioni per sviluppare una nuova etica ambientale perché come sottolinea Anna Maria Addabbo, dirigente scolastico dell’Istituto Russell-Newton di Scandicci, Firenze, e vicepresidente ESSIA: “L'artigianato artistico, per rispondere alle sfide del mondo globale si deve rinnovare nei materiali, negli strumenti, nelle modalità operative, rimanendo nel contempo ancorato alla tradizione. L'artigiano oltre a dare supporto alla sua colta manualità con la tecnologia digitale, non può fare a meno di cogliere spunti di sviluppo dall'emergenza ambientale e proporsi in una dimensione di sostenibilità: provenienza e tracciabilità dei materiali, utilizzo di sostanze ecologicamente compatibili, smaltimento degli scarti di lavorazione, attività di recupero e rielaborazione, manifatture di riciclo”.

La regista Cinzia Th Torrini sarà ospite d'onore del convegno e nel corso della giornata sarà possibile visionare il backstage e il trailer della fiction "Pezzi unici" in programma prossimamente su Rai Uno.

Il programma:

Ore 9:00 Registrazione partecipanti e saluti istituzionali

Ore 9:20 Patrizia Di Franco dirigente scolastico

Ore 9:30 On. Carlo Carli
Presidente ESSIA - Ass. Nazionale per la valorizzazione delle Scuole d’Arte

Ore 9:40 Raffaello De Ruggeri Sindaco di Matera

Ore 9:50 Paolo Landi Presidente Ass. ex alunni Istituto d’Arte “Preziotti” - Fermo (FM)

Ore 10:10 Introduce e modera Anna Maria Addabbo DS Istituto Russell Newton - Scandicci (Firenze)

Ore 10:20 Antonio Conte DiCEM -Università degli Studi della Basilicata

Ore 10:35 Mattia Antonio Acito Architetto

Ore 10:50 Marta Ragozzino Direttrice Polo Museale della Basilicata

Ore 11:05 Palmarosa Fuccella Designer della comunicazione
L’artigianato diventa fiction: “Pezzi unici” backstage e trailer della regista Cinzia TH Torrini

Ore 11:35 Leonardo Montemurro Presidente CNA Matera

Ore 11:50 Andrea Santolini Presidente Unione Art. Artistico CNA Nazionale

Ore 12:05 Vittorio Manno - Angelo Rizzelli “Grafica di via sette dolori”

Ore 12:20 Giuseppe Mitarotonda Casa José Ortega - Matera

Ore 12:35 Conclusioni Flaminia Giorda - Dirigente Tecnico MIUR

Ore 12:50 Dibattito

Ore 14:30 Redazione del documento “Carta Di Matera”

Ore 16:30 Termine dei lavori

Parteciperà al convegno Michelangelo Pentasuglia maestro cartapestaio.

In foto: Il presidente ESSIA, on. Carlo Carli con Michelangelo Pentasuglia

martedì 8 ottobre 2019

Matera: dal 10 al 12 ottobre il 'Fadiesis Accordion Festival 2019'


MATERA - Sulle note della fisarmonica, Matera abbraccia il Giappone. La nona edizione del Fadiesis Accordion Festival, che dal 10 al 12 ottobre si svolgerà nella Capitale europea della Cultura 2019, vedrà l’esibizione di musicisti e coristi giapponesi.

Realizzato quest’anno in collaborazione con EU-Japan Fest nell'ambito del programma di Matera 2019, il Festival Internazionale Fisarmonicistico presenta quattro concerti, di cui tre a ingresso libero.

Nel cartellone materano del Fadiesis Accordion Festival, che proseguirà a Pordenone e in Friuli Venezia Giulia dal 17 ottobre al 23 novembre, si esibiranno la Fukuoka Sinfonietta e gli ensemble Solisti Lucani e Fadiesis aprendo il festival con il concerto a ingresso libero, la sera di giovedì 10 ottobre, inizio alle 20:30, nel Santuario di San Francesco da Paola.

Venerdì 11 pianoforte e fisarmonica offriranno agli spettatori un insolito mélange musicale dal sorprendente effetto. Un concerto Roads, a ingresso libero, che si terrà a Palazzo Lanfranchi - alle 20:30 - e sarà interpretato da due affiatati musicisti: la pianista Stefania Fassetta e il fisarmonicista Alessandro Ambrosi.

Sabato 12 ottobre un doppio appuntamento. La mattina del 12, alle ore 11:30 nella chiesa del Purgatorio si potranno ascoltare le trenta coriste del Rainbow Chorus Aichi accompagnate dalla fisarmonica del Maestro Gianni Fassetta. L’appuntamento, sempre a ingresso libero, vedrà l’esecuzione di canti della tradizione italiana e nipponica.

A chiudere la rassegna, la sera di sabato 12, un concerto d’eccezione: a salire sul palco dell’Auditorium Raffaele Gervasio in piazza del Sedile alle 20:30, sarà il compositore, arrangiatore e fisarmonicista Yasuhiro Kobayashi, in arte Coba. Solo per questo concerto è previsto un biglietto d’ingresso di 10 euro, con riduzione a 8 euro per gli over 65 e under 25.

Nato a Pordenone nel 2011, il Fadiesis Accordion Festival vuol far conoscere alla grande platea una dimensione poco nota della fisarmonica, oltre i limiti delle tradizioni popolari, alle quali questo strumento “giovane”, con meno di due secoli di storia, è universalmente associato. Organizzato e promosso dall’Associazione musicale Fadiesis, il Festival Internazionale Fisarmonicistico dal 2012 ha creato un gemellaggio musicale tra Pordenone e la Capitale Europea della Cultura 2019. Inizialmente suggerito da spontanei legami di amicizia e sintonie culturali, il Fadiesis Accordion Festival ha unito simbolicamente due città d’Italia lontane, attraverso il linguaggio universale della musica: un modo per portare la fisarmonica fuori dai luoghi comuni, non solo in senso artistico.

“Ad ogni nuovo appuntamento, il Fadiesis Accordion Festival accresce le collaborazioni - afferma Gennaro Loperfido, referente a Matera dell’Associazione musicale Fadiesis - da anni ci onoriamo dell’amicizia e collaborazione con il il rettore del Santuario di San Francesco di Paola a Matera don David Mannarella. Ancora una volta siamo felici di aprire il festival nel Santuario. Anche Palazzo Lanfranchi ci ha aperto le porte e nella sala Levi, grazie alla disponibilità del Direttore del Polo museale regionale della Basilicata Marta Ragozzino, avremo il piacere di far ascoltare al pubblico due giovani interpreti. Da sempre vicina al Fadiesis Accordion Festival, la Cooperativa Sociale Oltre l’Arte quest’anno ci ha dato la disponibilità di un altro luogo d’eccezione dove tenere un concerto: la chiesa del Purgatorio Nuovo. Istituzioni e amici che da anni ci accompagnano - prosegue Gennaro Loperfido - a cui si aggiunge, nell’anno in cui Matera è Capitale Europea della Cultura, l’Eu-Japan Fest”.

Con l’organizzazione giapponese di imprese private che da 30 anni collabora con le Capitali europee della cultura per creare occasioni di scambio e lavoro comune tra artisti giapponesi ed europei, sono stati organizzati i tre appuntamenti con i musicisti e coristi nipponici. I concerti con la Fukuoka Sinfonietta, il Rainbow Chorus Aichi e Coba rientrano fra le attività realizzate da EU-Japan Fest per Matera 2019.

“Voglio ricordare - conclude Gennaro Loperfido - il fondamentale sostegno che sin dal 2012 il Fadiesis Accordion Festival riceve da privati. Si tratta di aziende leader in campo internazionale del mondo della climatizzazione e del benessere ambientale che, unite, sponsorizzano la rassegna fisarmonicistica. Per loro abbiamo creato il claim: Il clima che fa cultura”.

Per ulteriori informazioni sul Festival Internazionale Fisarmonicistico:

https://www.fadiesis.org/

lunedì 7 ottobre 2019

Teatri Uniti di Basilicata: 'Il nuovo Vangelo', terminate le riprese a Matera


MATERA - Si sono concluse le riprese del film di Milo Rau a Matera con le ultime due performance pubbliche de Il Nuovo Vangelo, parte del progetto di Matera 2019 "Topoi. Teatro e Nuovi Miti" co-prodotto, fra gli altri, da Consorzio Teatri Uniti di Basilicata e Fondazione Matera Basilicata 2019.

Due giorni intensissimi (il 5 e 6 ottobre) che hanno visto cittadini e turisti avvicinarsi con grande cusioristà al set e prendervi parte in alcuni momenti su richiesta dello stesso Milo Rau che, nel suo lavoro, vuole avvicinare l'esperienza di Cristo a quella della società moderna.

Condannato dalle autorità religiose, quindi consegnato al potere mondano e a Ponzio Pilato (Marcello Fonte), Gesù (Yvan Sagnet) rifiuta di cambiare le sue convinzioni, viene torturato e condannato a morte. Viene quindi condotto attraverso la città fino alla croce attraverso la sua via crucis a cui hanno preso parte attori, comparse e pubblico locale.

Una Via Crucis che ha ripreso completamente il tragitto della via crucis pasoliniana del Vangelo secondo Matteo e in cui il Sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri ha interpretato il ruolo di Simone di Cirene portando sulle sue spalle la croce.

Le scene della Passione nel progetto di Rau sono dominate da un realismo politico: la sofferenza di Gesù è spinta all'estremo. Le accuse da parte di Ponzio Pilato e dei sacerdoti del tempio sono tratte solo parzialmente dalla Bibbia e si riferiscono invece chiaramente alla situazione disumana dei profughi. Così le reazioni degli spettatori (i turisti, la "borghesia europea") diventano tema stesso di discussione.

Nel cast di Rau anche l'attrice rumena Maia Morgenstern nel ruolo di Maria come nella "Passione" di Mel Gibson; il sacerdote eritreo Mussie Zerai impegnato in attività di salvataggio dei migranti nel Mar Mediterraneo nel ruolo di Giuseppe d'Arimatea e Enrique Irazoqui, conosciuto per essere stato Gesù nel lavoro di Pier Paolo Pasolini nel ruolo di Giovanni Battista.

Struggente la scena della crocifissione, girata sul Belvedere Murgia, nello stesso scenario utilizzato da Gibson e Pasolini.

Il progetto, che unisce teatro, cinema e una campagna politica, arriva adesso alla fase finale con l'assemblea politica a Roma il prossimo 10 ottobre al Teatro Argentina (sold out).

"Il Nuovo Vangelo" di Milo Rau, parte del progetto di Matera 2019 "Topoi. Teatro e Nuovi Miti", è una produzione interdisciplinare composta da una performance e un film. A "Il Nuovo Vangelo" si lega anche una campagna, "La Rivolta della Dignità".

La performance è una co-produzione di IIPM - International Institute of Political Murder con Fondazione Matera Basilicata 2019, Teatro di Roma e NTGent in collaborazione con Teatri Uniti di Basilicata, Fruitmarket e Langfilm con la partecipazione di ProLoco Ginosa, Universität für angewandte Kunst Wien.

La campagna è organizzata da IIPM - International Institute of Political Murder con Associazione No Cap - Contro ogni forma di caporalato, Ghetto Out Casa Sankara, Spin Time Lab Roma, Osservatorio Migranti Basilicata, Agricola Leggera, Campo Libero, altragricoltura – Confederazione per la Sovranità Alimentare, UILA Taranto – Unione Italiana lavoratori agro alimentari con la partecipazione di European Alternatives, European Center for Constitutional and Human Rights (ECCHR), Medico International, FUTURZWEI – Stiftung Zukunftsfähigkeit.

Il progetto cinematografico è una produzione di Fruitmarket e Langfilm in co-produzione con SRF SSR, ZDF in collaborazione con Arte, IIPM - International Institute of Political Murder, Fondazione Matera Basilicata 2019, Consorzio Teatri Uniti di Basilicata e Teatro di Roma

Con il supporto di Kulturstiftung des Bundes, European Cultural Foundation, Film- und Medienstiftung NRW, Office of Culture (FOC), Zürcher Filmstiftung, DFFF - Deutscher Filmförderfonds, Kanton St.Gallen Kulturförderung / Swisslos, BKM - Die Beauftragte der Bundesregierung für Kultur und Medien, Volkart Stiftung, GEA – Waldviertler, Stadt Lausanne und Kanton Waadt, Fondo Etico di BCC Basilicata.

Red Bull Art Of Motion 2019: Didi Alaoui vince la prima edizione italiana che si è svolta a Matera


MATERA - Red Bull Art Of Motion 2019 non ha tradito le attese, regalando delle performance di freerunning straordinarie e mozzafiato, nell’antica e unica città di Matera.

L’evento, patrocinato dal Comune di Matera e dalla Fondazione Matera - Basilicata 2019, ha messo a dura prova i migliori atleti della scena internazionale del parkour, ispirati anche da un campo di gara con 9000 anni di storia.

Spettacolari e incredibili trick hanno lasciato senza fiato la giuria e gli spettatori.

Al termine di questa incredibile competizione ha prevalso il marocchino Didi Alaoui con il punteggio di 428, seguito dall’inglese Ed Scott (421 punti) e Dimitris Kyrsanidis (413), completando un podio di assoluto valore.

Il vincitore Red Bull Art of Motion 2019, Didi Alaoui (credit Vidic / Red Bull Content Pool)

Fra le donne invece il primo posto è andato all’americana Sydney Olson, che ha conquistato tutti con un perfetto mix di energia ed eleganza, al secondo posto la russa Aleksandra Shevchenko, terza la tedesca Silke Sollfrank.

Il premio di Best Trick è andato sempre a Didi Alaoui con un incredibile “Scoot In Double Side Flip”.

Classifica finale uomini

1. Didi Alaoui (Marocco) – 428 punti

2. Edward Scott (Inghilterra) – 421 punti

3. Dimitris Kyrsanidis (Grecia) – 413 punti

Classifica finale donne

1. Sydney Olson (USA) – 353 punti

2. Aleksandra Shevchenko (Russia) – 320 punti

3. Silke Sollfrank (Germania) – 313 punti

La gara è disponibile on demand su Red Bull TV: https://win.gs/2nyWIcJ.

Fra i protagonisti della Red Bull Art of Motion 2019 anche il nuovo HUAWEI Watch GT 2, Official Time Keeper dell’evento, che grazie alle sofisticate funzionalità di tracking delle attività sportive e la batteria a lunghissima durata, è stato il compagno perfetto per gli atleti dell’edizione di quest’anno, che lo hanno utilizzato durante le prove e la gara per monitorare le loro performance.

venerdì 4 ottobre 2019

Matera2019: completato il cast del nuovo Vangelo di Milo Rau

(credits: Armin Smailovic)

MATERA - Il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri interpreterà il ruolo di Simone di Cirene; l’attore rivelazione del cinema italiano Marcello Fonte assumerà il ruolo di Ponzio Pilato; e l'attrice rumena Maia Morgenstern sarà Maria come nella “Passione” di Mel Gibson, mentre il sacerdote eritreo Mussie Zerai impegnato in attività di salvataggio dei migranti nel Mar Mediterraneo sarà presente nel ruolo di Giuseppe d'Arimatea. Sono solo alcuni componenti del cast del film di Milo Rau che continuerà ad essere girato a Matera il 5 e il 6 ottobre nelle ultime due performance pubbliche del progetto Il Nuovo Vangelo parte del progetto Topoi. Teatro e Nuovi Miti co-prodotto da Consorzio Teatri Uniti di Basilicata e Fondazione Matera Basilicata 2019. Per interpretare Giovanni Battista, il regista svizzero ha richiamato l’attore spagnolo Enrique Irazoqui, conosciuto per essere stato Gesù nel lavoro di Pier Paolo Pasolini (non presente in questi giorni a Matera).

Il progetto, che unisce teatro, cinema e una campagna politica, arriva adesso alla fase cruciale della sua realizzazione con la seconda grande ripresa in pubblico: Gesù è condannato dalle autorità religiose, quindi consegnato al potere mondano. Gesù, che rifiuta di cambiare le sue convinzioni, viene infine torturato e condotto attraverso la città fino alla croce. Il suo arresto e la sua condanna saranno filmati in Piazza San Pietro Caveoso (sabato 5 ottobre, dalle 10:00) mentre la crocifissione sarà filmata nel Parco della Murgia (6 ottobre, dalle ore 15:00), prima dell’atto finale previsto per il 10 ottobre al Teatro Argentina di Roma.

Le scene della Passione nel progetto di Rau sono dominate da un realismo politico: la sofferenza di Gesù sarà spinta all'estremo. Le accuse da parte di Ponzio Pilato e dei sacerdoti del tempio sono tratte solo parzialmente dalla Bibbia e si riferiscono invece chiaramente alla situazione disumana dei profughi. Così le reazioni degli spettatori (i turisti, la “borghesia europea”) diventano tema stesso di discussione.

Qui di seguito il programma. In allegato un’intervista a Ariane Bieou (Fondazione Matera Basilicata 2019), Francesca Lisbona (Consorzio Teatri uniti Basilicata) e al regista Milo Rau in cui si spiega il progetto dal punto di vista culturale, artistico e sociale. L’intervista è libera da diritti e può essere utilizzata in qualunque modo.

Tòpoi. Teatro e Nuovi Miti

Condanna e Passione di Cristo

Sabato 5 ottobre 2019

Dalle 10 alle alle 12.00, piazza S. Pietro Caveoso (MT), ingresso gratuito fino a esaurimento posti per assistere alle riprese

dalle 12.00 alle 13.00 partecipazione al set durante il discorso di Ponzio Pilato per scegliere tra Gesù e Barabba

dalle 14.00 alle 18:00 Via Crucis (visibile al pubblico da lontano, senza partecipazione)

Crocifissione di Cristo

Domenica 6 ottobre 2019 dalle 15.00 alle 18.00 - Belvedere di Murgia Timone (contrada Murgia Timone, Matera)

performance pubblica e film shooting. Evento incluso nel Passaporto per Matera 2019, prenotazione necessaria su www.materaevents.it o in Infopoint

"Il Nuovo Vangelo" di Milo Rau, parte del progetto di Matera 2019, è una produzione interdisciplinare composta da una performance e un film. A "Il Nuovo Vangelo" si lega anche una campagna, "La Rivolta della Dignità".

La performance è una co-produzione di IIPM - International Institute of Political Murder con Fondazione Matera Basilicata 2019, Teatro di Roma e NTGent in collaborazione con Teatri Uniti di Basilicata, Fruitmarket e Langfilm con la partecipazione di ProLoco Ginosa, Universität für angewandte Kunst Wien

La campagna è organizzata da IIPM - International Institute of Political Murder con Associazione No Cap - Contro ogni forma di caporalato, Ghetto Out Casa Sankara, Spin Time Lab Roma, Osservatorio Migranti Basilicata, Agricola Leggera, Campo Libero, altragricoltura – Confederazione per la Sovranità Alimentare, UILA Taranto – Unione Italiana lavoratori agro alimentari con la partecipazione di European Alternatives, European Center for Constitutional and Human Rights (ECCHR), Medico International, FUTURZWEI – Stiftung Zukunftsfähigkeit.

Il progetto cinematografico è una produzione di Fruitmarket e Langfilm in co-produzione con SRF SSR, ZDF in collaborazione con Arte, IIPM - International Institute of Political Murder, Fondazione Matera Basilicata 2019, Consorzio Teatri Uniti di Basilicata e Teatro di Roma

Con il supporto di Kulturstiftung des Bundes, European Cultural Foundation, Film- und Medienstiftung NRW, Office of Culture (FOC), Zürcher Filmstiftung, DFFF - Deutscher Filmförderfonds, Kanton St.Gallen Kulturförderung / Swisslos, BKM - Die Beauftragte der Bundesregierung für Kultur und Medien, Volkart Stiftung, GEA – Waldviertler, Stadt Lausanne und Kanton Waadt, Fondo Etico di BCC Basilicata.

giovedì 3 ottobre 2019

A Matera l'evento nazionale Fai Bella l'Italia con ministra Bellanova, Furlan e Don Ciotti

MATERA - A Matera, il 10 ottobre, si svolgerà un evento nazionale organizzato dalla Fai Cisl. Saranno presenti, al convegno della mattina (ore 9:30, Casa Cava), la ministra dell'agricoltura, Teresa Bellanova, la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, e Don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera.

La giornata si concluderà alla Cava del Sole, alle 19, con uno spettacolo teatrale dal titolo "Il delegato" per la regia di Alessio Nardin.

mercoledì 2 ottobre 2019

Convegno nazionale ESSIA a Matera


MATERA - È Matera, capitale della cultura del 2019, il luogo prescelto per la riunione annuale dei membri ESSIA. Il 12 ottobre 2019, l’Associazione Nazionale per la Valorizzazione delle Scuole d'Arte ha promosso un convegno nazionale dal titolo “Design per un artigianato sostenibile: Una nuova frontiera della formazione” presso il Liceo Artistico “Carlo Levi” di Matera.

La giornata di studio è promossa in collaborazione con l’I.I.S. “E. Duni - C. Levi” di Matera e con patrocinio della città di Matera e rappresenta un appuntamento significativo nella capitale Europea della Cultura 2019, per affrontare e dibattere su vari argomenti di grande attualità, per contribuire allo sviluppo di un' economia circolare ed ecosostenibile con il coinvolgimento della scuola italiana. In particolare ESSIA si rivolge ai licei artistici, all'artigianato, ai maestri dell'artigianato artistico, agli artisti, agli operatori legati al mondo del Made in Italy e del design italiano, apprezzato e riconosciuto in tutto il mondo.

“Fin dal momento della sua ideazione il design del manufatto di artigianato artistico s'inserisce in una concezione di sviluppo sostenibile. - spiega Carlo Carli, artista e presidente ESSIA - La sfida che oggi deve affrontare chi opera nell'artigianato artistico è saper coniugare capacità manuale della colta tradizione con competenze delle nuove tecnologie e linguaggi. Quindi saper raccontare al mondo il proprio mestiere, la propria creatività e il risultato originale del proprio lavoro quale "pezzo unico". Per questi obbiettivi formativi la funzione della scuola è fondamentale in un rapporto di collaborazione con le imprese, i laboratori, i maestri artigiani quali eccellenze dei diversificati territori nei quale le stesse istituzione scolastiche operano”.

Sarà un momento per cogliere nuovi spunti e riflessioni per sviluppare una nuova etica ambientale perché come sottolinea Anna Maria Addabbo, dirigente scolastico dell’Istituto Russell-Newton di Scandicci, Firenze, e vicepresidente ESSIA: “L'artigianato artistico, per rispondere alle sfide del mondo globale si deve rinnovare nei materiali, negli strumenti, nelle modalità operative, rimanendo nel contempo ancorato alla tradizione. L'artigiano oltre a dare supporto alla sua colta manualità con la tecnologia digitale, non può fare a meno di cogliere spunti di sviluppo dall'emergenza ambientale e proporsi in una dimensione di sostenibilità: provenienza e tracciabilità dei materiali, utilizzo di sostanze ecologicamente compatibili, smaltimento degli scarti di lavorazione, attività di recupero e rielaborazione, manifatture di riciclo”.

ESSIA con sede a Firenze, riunisce ex-studenti degli istituti e scuole d'arte italiane con l’obiettivo di rilanciare l'artigianato artistico e impedire la dispersione del grande patrimonio formativo, a rischio cancellazione dopo le recenti riforme scolastiche.

La regista Cinzia Th Torrini sarà ospite d'onore del convegno e nel corso della giornata sarà possibile visionare il backstage e il trailer della fiction "Pezzi unici" in programma prossimamente su Rai Uno.

Il programma:

Ore 9:00 Registrazione partecipanti e saluti istituzionali
Ore 9:20 Patrizia Di Franco dirigente scolastico

Ore 9:30 On. Carlo Carli
Presidente ESSIA - Ass. Nazionale per la valorizzazione delle Scuole d’Arte

Ore 9:40 Raffaello De Ruggeri Sindaco di Matera

Ore 9:50 Paolo Landi Presidente Ass. ex alunni Istituto d’Arte “Preziotti” - Fermo (FM)

Ore 10:10 Introduce e modera Anna Maria Addabbo DS Istituto Russell Newton - Scandicci (Firenze)

Ore 10:20 Antonio Conte DiCEM - Università degli Studi della Basilicata

Ore 10:35 Mattia Antonio Acito Architetto

Ore 10:50 Marta Ragozzino Direttrice Polo Museale della Basilicata

Ore 11:05 Palmarosa Fuccella Designer della comunicazione
L’artigianato diventa fiction: “Pezzi unici” backstage e trailer della regista Cinzia TH Torrini

Ore 11:35 Leonardo Montemurro Presidente CNA Matera

Ore 11:50 Andrea Santolini Presidente Unione Art. Artistico CNA Nazionale

Ore 12:05 Vittorio Manno - Angelo Rizzelli “Grafica di via sette dolori”

Ore 12:20 Giuseppe Mitarotonda Casa José Ortega - Matera

Ore 12:35 Conclusioni Flaminia Giorda - Dirigente Tecnico MIUR

Ore 12:50 Dibattito

Ore 14:30 Redazione del documento “Carta Di Matera”

Ore 16:30 Termine dei lavori

Parteciperà al convegno Michelangelo Pentasuglia maestro cartapestaio.

giovedì 26 settembre 2019

A Matera il "volo" della Notte europea dei ricercatori da Leonardo alla Luna


MATERA - Il nuovo Campus Universitario di Matera ospiterà, venerdì 27 settembre, dalle ore 16, la “Notte Europea dei Ricercatori 2019”. La manifestazione, che si terrà in contemporanea in tutte le nazioni europee, è un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea per promuovere la ricerca scientifica, informare i cittadini perché siano consapevoli della sua importanza così come mostrare il lavoro che ogni giorno è svolto dai ricercatori all’interno dei propri laboratori. L’obiettivo è sensibilizzare il grande pubblico, a partire dai più giovani, sull’importanza che i risultati delle ricerche hanno nella risoluzione dei problemi più comuni e creare occasioni di incontro tra ricercatori e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca.

Il filo conduttore dell'evento che, quest'anno, è stato scelto in Basilicata è il “volo”. Un vocabolo che "lega - hanno spiegato gli organizzatori - due avvenimenti molto importanti nella storia delle scienze: il cinquecentanario della morte di Leonardo da Vinci, e il cinquantesimo anniversario della prima passeggiata sulla Luna. È, infatti, proprio Leonardo che avvia un serio studio dei meccanismi del volo degli uccelli e pone le basi per una ricerca scientifica che, nel corso di quasi cinque secoli, porterà l’uomo a muovere i primi passi sul satellite che da sempre ha suscitato interesse e fantasie".

Scopo dell'iniziativa è quindi quello di "ripercorrere questo cammino parlando del volo come metafora della vita, legandolo al lavoro del ricercatore che cerca di guardare oltre, di essere visionario, con l'unico fine di raggiungere una conoscenza che lo aiuti a migliorare la vita del genere umano". Il programma delle iniziative prevede quindi interventi, dibattiti, esperimenti per i più giovani, esposizioni, mostre e spettacoli, in una manifestazione articolata in più eventi. Nell'aula magna alle ore 16, dopo i saluti iniziali della Rettrice, Aurelia Sole, del Presidente dell’Area della Ricerca del Cnr di Potenza, Vincenzo Lapenna, e delle autorità, sono previsti una serie di interventi (Elisa Acanfora, Guido Masiello, Nicola Cavallo, Renato Cantore e Giovanni De Maria) che condurranno il pubblico in un "viaggio" nella vita di Leonardo, e verso la Luna con l'avventura dell'Apollo 11, di Rocco Petrone e delle rocce lunari. Seguirà la premiazione a due giovani laureati in onore di Marco Mucciarelli, il docente dell'Ateneo lucano, prematuramente scomparso tre anni fa che, oltre ad essere un brillante sismologo, ha dedicato molta attenzione alla divulgazione scientifica.

Gli interventi proseguiranno con lo spettacolo teatrale “Einstein & me” a cura di Gabriella Greison (fisico, scrittrice e divulgatrice scientifica), con la proiezione del documentario “Luna Italiana” di Renato Cantore e Marco Spagnoli, e con un intervento che mostrerà come si misura la distanza tra la Terra e la Luna. Gli spettatori potranno poi assistere in prima nazionale alla rappresentazione del “Cenacolo” di Leonardo da Vinci (il celebre affresco del Refettorio di Santa Maria delle Grazie a Milano) a cura del Gruppo dei Quadri Plastici di Avigliano, allestita appositamente per questa manifestazione. Oltre a una serie di stand che mostreranno le attività dei partner della manifestazione, si potrà ascoltare una serie di interventi ne "L'Angolo delle Scienze", dove i ricercatori incontreranno il pubblico e mostreranno il proprio lavoro. La chiusura della giornata, in chiave musicale, sarà affidata a un’iniziativa di Ateneo Musica Basilicata.

“Questa manifestazione - ha detto la Rettrice dell'Università della Basilicata, Aurelia Sole - è particolarmente importante per noi. Tra le missioni dell'università, oltre alla ricerca e all'attività didattica, c'è anche quella della disseminazione culturale e della divulgazione scientifica. Entrambe sono essenziali per raggiungere i cittadini, informarli delle attività e dei risultati, mostrargli il lavoro del ricercatore, le metodologie impiegate, le difficoltà incontrate. Lavoriamo anche per perché ogni cittadino acquisisca consapevolezza dell'importanza che la ricerca ha nello sviluppo sociale, economico e culturale del paese e si senta, lui stesso responsabile di scelte giuste e sostenibili. Questo è ancora più vero in aree territoriali fragili dal punto di vista infrastrutturale ed economico, in cui l'università e i centri di ricerca costituiscono il vero presidio di cultura e innovazione”. Per il Presidente dell’Area della Ricerca del Cnr di Potenza, Vincenzo Lapenna "l’evento rientra nel quadro delle iniziative promosse dal programma Marie Skłodowska-Curie dell’Unione Europea e si terrà in contemporanea con altre iniziative previste in circa 300 città europee. La scelta di organizzare la manifestazione 'La notte europea dei ricercatori - 2019' a Matera assume quest’anno una rilevanza particolare e vuole contribuire a rafforzare la consapevolezza del ruolo strategico degli investimenti in cultura e ricerca come fattore di sviluppo economico e sociale per i territori. Un altro aspetto qualificante della manifestazione sarà l’attenzione rivolta al mondo della scuola, il programma prevede, infatti, un fitto calendario di lezioni, laboratori ed esperimenti interattivi che vedranno il coinvolgimento di studenti di numerose scuole secondarie ed elementari”.

lunedì 23 settembre 2019

La Germania guarda alla Basilicata

MATERA - Nel 2017, a seguito di una ricerca sul web presentata al TTG di Rimini, la Basilicata risultò essere la regione che registrava il più alto gradimento tra i viaggiatori tedeschi. E negli anni questo gradimento si è sostanzialmente mantenuto alto in virtù anche di una particolare attenzione che la promozione turistica pone a questo mercato.

“I tedeschi guardano alla Basilicata come ad una destinazione particolarmente adatta alla loro ricerca di viaggio – spiega il direttore generale dell’APT, Mariano Schiavone – con una particolare vocazione allo slow tourism, al walking, ai borghi, alle attività nella natura. Infatti oltre ad essere alti gli indici di gradimento, sono in forte crescita anche i flussi turistici reali: in termini di arrivi e presenze, che sono il vero indicatore economico e sostanziale. Le azioni di promozione che si orientano al mercato tedesco, infatti sono sempre di più e sempre più mirate, e questo ci fa leggere anche con soddisfazione che la crescita che, in particolare confrontando il periodo gennaio-luglio del 2019 rispetto allo scorso anno, ha visto una crescita degli arrivi di questi turisti in tutta la ragione di circa il 35% e delle presenze di oltre il 25%. Con picchi ovviamente straordinari a Matera, rispettavamente del 70% in più di arrivi e di quasi il 90% di aumento delle presenze. Ovviamente si tratta di dati che fanno riferimento non alla totalità delle strutture della regione ma a gran parte di esse”.

Le iniziative in campo in questo periodo verso il mercato tedesco infatti confermano questa attenzione, anche di operatori della promozione e della comunicazione.

E' stato infatti già realizzato e mandato in onda sul canale culturale franco-tedesco Arte il documentario "Matera. Madre nascosta” diretto dal regista Alessandro Soetje che ha illustrato al grande pubblico le bellezze della Capitale Europea della Cultura 2019. Si tratta di un accordo di collaborazione tra la sede dell’ENIT di Francoforte e l’Agenzia di Promozione Territoriale della Basilicata, con l’agenzia di produzione televisiva Alpenway per la realizzazione del documentario. La stessa Enit ha già comunicato questa azione anche per annunciare che dopo la trasmissione su Arte, il film sarà in seguito proiettato sui canali SWR e 3SAT, nonché visibile nella mediateca di questi canali. Il documentario racconta Matera e la sua autenticità: terra di pietre, cave e tracce umane. Il film dà voce agli abitanti della città dei Sassi e le loro tradizioni.

“Con Enit si consolida una collaborazione che da tempo vede l’APT impegnata a promuovere la nostra destinazione nei mercati europei – afferma il direttore generale dell’agenzia lucana Mariano Schiavone – ed in particolare il mercato tedesco che per noi è tra i più interessanti. Questo nuovo strumento di comunicazione dunque rappresenta una modalità particolarmente efficace proprio in virtù di una condivisione con l’ente nazionale che, da un lato intende promuovere la Basilicata e Matera come un prodotto italiano di primo piano e, dall’altro, conosce il sistema della comunicazione della Germania che ci consente di fare scelte mirate”.

A ciò si aggiunge anche un particolare interesse da parte della stampa di settore di giornalisti autori di guide turistiche e studiosi alla ricerca di particolari nicchie da scoprire.

È il caso, in particolare di tre nuove guide in lingua tedesca relative alla Basilicata, uscite in questi mesi e in via di diffusione nei mercati di riferimento. Tre nuove guide con la peculiare caratteristica di avere in Matera la prima vera attrazione e da lì allargare lo sguardo all’intera regione o a parti di essa, frutto di collaborazioni pluriennali con il partner ENIT e con opinion leader che hanno ormai siglato una relazione consolidata con la regione, tale da considerarli ambasciatori eccellenti in terra teutonica.

La prima, interamente dedicata alla Basilicata, a cura dell'autore bavarese Peter Amann per la casa editrice Reise Know-How: 430 pagine con dettagli e curiosità sulla regione, i suoi luoghi e la sua gente (c'è una sezione dedicata anche alla traduzione dei modi dire e proverbi lucani). Contiene vari itinerari, alcuni insoliti, per viaggiatori tedeschi alla scoperta di nuove destinazioni.

Un’altra guida, abbinata alla Puglia, a cura della giornalista Nicoletta De Rossi e del fotogiornalista Udo Bernhart, per la casa editrice tedesca Bruckmann, di oltre 200 pagine dedicate ad itinerari naturalistici, culturali ed enogastronomici, con particolare attenzione alle proposte di viaggio per bambini e famiglie.

Infine la terza, più mirata in quanto realizzata da un'archeologa austriaca, Ingrid Hoebel, alla scoperta dei 40 siti archeologici più importanti in Basilicata: dalle Tavole Palatine alle Cattedrali normanne, esempi base straordinari della cultura europea.

Un anno, infine, pieno di presenze autorevoli anche da parte di una quindicina di testate giornalistiche di vario genere, tra cui il Die Welt, la rivista Geosaison e la Bayerisches Radio.

A Matera il Focus Nazionale di Deontologia AIGA

MATERA - In una delle città più antiche del mondo, Capitale Europea della Cultura per il 2019, dove i Sassi e il Parco delle Chiese Rupestri sono Patrimonio Mondiale dell’Umanità, l’AIGA sezione di Matera ha organizzato l’evento dal titolo “FOCUS NAZIONALE DI DEONTOLOGIA”. A ospitare il Focus sarà il rinnovato Cineteatro “Guerrieri”, venerdì 27 settembre a partire dalle ore 9:30.

“Siamo molto soddisfatti – afferma Pierfernando Panetta, presidente AIGA Matera – del lavoro svolto insieme a tutto il direttivo della nostra associazione e siamo sicuri che questo evento si inserisca tra i più importanti ospitati nella nostra città in questo anno da Capitale della Cultura”.

Il programma sarà così articolato:

Ore 9.30 Indirizzi di saluto;

Ore 10.30 Ad aprire i lavori sarà l’Avv. Pierfernando Panetta (Presidente AIGA Matera) con la presentazione del Progetto Dipartimentale Nazionale di Deontologia AIGA.

Ore 11.00 Lectio Magistralis: “Etica Giudiziaria”- Pres. Dott. Giovanni Mammone (Primo Presidente Cassazione).

Ore 13.00 Lunch break.

Ore 14.30 Ripresa dei lavori con la Tavola Rotonda: “Giustizia Domestica”. Intervengono l’On.le Prof. Luciano Violante (già Presidente alla Camera), il Pres. Prof. Giuseppe Salmè (già Presidente di sezione alla Corte di Cassazione), l’Avv. Emilio Nicola Buccico (già Presidente del CNF), l’Avv. Emmanuele Virgintino (Consigliere CNF). Introduce e modera l’Avv. Alberto Vermiglio, Presidente Nazionale AIGA.

(www.aiga.it/eventi-nazionali/focus-deontologia/)

Save the date
Focus Nazionale di deontologia
Matera, 27 settembre 2019
Cineteatro “Guerrieri” (ex Comunale) - Piazza Vittorio Veneto n. 23
Dalle ore 9.30 fino alla chiusura dei lavori prevista per le ore 18.30

domenica 22 settembre 2019

Matera: il 28 Settembre in scena "Il Nuovo Vangelo"

MATERA - 55 anni dopo Pasolini il regista svizzero Milo Rau torna alle radici del Vangelo e mette in scena la Passione di un'intera civiltà. Cosa predicherebbe Gesù nel XXI° secolo? Chi sarebbero i suoi discepoli? E come reagirebbero gli attuali detentori del potere temporale e spirituale al ritorno del più influente profeta e rivoluzionario nella storia dell'umanità? A Matera, luogo dei grandi film su Gesù, da Pasolini a Gibson, nasce un "Nuovo Vangelo" per il XXI° secolo altrettanto politico, teatrale e cinematografico. Un manifesto di solidarietà con i più poveri, una rivolta per un mondo più equo e umano.

Il progetto prevede tre performance aperte al pubblico con riprese dal vivo. La prima è in programma sabato 28 settembre (dalle 15 alle 18), la seconda e la terza il 5 e 6 ottobre. Per il 28 settembre il pubblico è invitato ad assistere alla performance pubblica con riprese dal vivo della prima grande scena de "Il Nuovo Vangelo": l'entrata a Gerusalemme di Gesù.

È raccomandata la massima puntualità (ingresso ore 14:30). Una volta iniziate le riprese della scena non sarà permesso l'accesso all’area interessata (via Madonna delle Virtù – Porta Pistola). La performance proseguirà con un corteo che da via Madonna delle Virtù porta a Piazza Duomo dove ci sarà la messa in scena del "discorso di Gesù". Il pubblico è libero di seguire parte del Corteo o recarsi a Piazza Duomo. Tutte le indicazioni per il pubblico verranno date all'ingresso.

"Il Nuovo Vangelo" di Milo Rau, parte del progetto di Matera 2019, è una produzione interdisciplinare composta da una performance e un film. A "Il Nuovo Vangelo" si lega anche una campagna, "La Rivolta della Dignità".

La performance è una co-produzione di IIPM - International Institute of Political Murder con Fondazione Matera Basilicata 2019, Teatro di Roma e NTGent in collaborazione con Teatri Uniti di Basilicata, Fruitmarket e Langfilm con la partecipazione di ProLoco Ginosa, Universität für angewandte Kunst Wien.

La campagna è organizzata da IIPM - International Institute of Political Murder con Associazione No Cap - Contro ogni forma di caporalato, Ghetto Out Casa Sankara, Spin Time Lab Roma, Osservatorio Migranti Basilicata, Agricola Leggera, Campo Libero, altragricoltura – Confederazione per la Sovranità Alimentare, UILA Taranto – Unione Italiana lavoratori agro alimentari con la partecipazione di European Alternatives, European Center for Constitutional and Human Rights (ECCHR), Medico International, FUTURZWEI – Stiftung Zukunftsfähigkeit.

Il progetto cinematografico è una produzione di Fruitmarket e Langfilm in co-produzione con SRF SSR, ZDF in collaborazione con Arte, IIPM - International Institute of Political Murder, Fondazione Matera Basilicata 2019, Consorzio Teatri Uniti di Basilicata e Teatro di Roma

Con il supporto di Kulturstiftung des Bundes, European Cultural Foundation, Film- und Medienstiftung NRW, Office of Culture (FOC), Zürcher Filmstiftung, DFFF - Deutscher Filmförderfonds, Kanton St.Gallen Kulturförderung / Swisslos, BKM - Die Beauftragte der Bundesregierung für Kultur und Medien, Volkart Stiftung, GEA – Waldviertler, Stadt Lausanne und Kanton Waadt, Fondo Etico di BCC Basilicata.

mercoledì 18 settembre 2019

“Sassi d'autore” di Stefano Furlani in mostra a Matera

MATERA - Le creazioni di Stefano Furlani, a cinque anni dalla prima esposizione a Matera, tornano in città nell'anno in cui la stessa è Capitale europea della Cultura. La mostra “Sassi d'autore” sarà allestita nella Chiesetta sconsacrata “Malvini Malvezzi” di Palazzo Gattini, dove potrà essere visitata ad ingresso libero da venerdì 27 settembre a martedì 2 ottobre. In occasione dell'inaugurazione è in programma un “aperi-arte” con l'artista alle ore 19:00, durante il quale Furlani racconterà le origini di questo suo particolare talento, scoperto per caso sul lettino da mare di una spiaggia dell'Adriatico.

Furlani, artigiano restauratore di Fano, nelle Marche, ha infatti cominciato per gioco a creare dei quadri con i ciottoli, scoprendo così una speciale dote per questa particolare forma d'arte, diventata una vera e propria passione, che lo ha portato ad esporre in tutta Italia, ma anche in Europa e in America, e a consegnare alcune sue opere a personaggi famosi come Buffon e Venditti.

“Partendo dal sasso ispiratore – racconta l'artista - pian piano posiziono tutti gli altri fino a dare forma alla creazione che ho in mente. A questo punto, incollo i sassi uno ad uno sul fondo in legno verniciato preparato in precedenza. Infine do brillantezza ai sassi, esaltandone la colorazione originale con una finitura trasparente”.

Nella suggestiva cornice della chiesetta in via Muro troveranno posto diverse opere che Stefano ha realizzato negli anni con sempre maggiore maestria e precisione nei dettagli, tra cui, solo per citarne alcune, quelle che riproducono noti quadri come “L'urlo di Munch”, ed altre ispirate a personaggi famosi come Elvis Presley e Marilyn Monroe; opere così particolari da attirare l'attenzione del celebre tabloid britannico Sun, che ha dedicato ai quadri di Furlani uno spazio sia sull'edizione online che su quella cartacea.

L’idea di portare i “sassi nei sassi”, risale al 2014, quando l'event manager lucana Ilenia Orlando propose una prima personale dell’artista, nell'anno in cui Matera fu proclamata Capitale Europea della Cultura 2019. “La scelta della location non è stata casuale – spiega Orlando, curatrice della mostra con la collaborazione di Ernestina Muscò - ma dettata dal curioso legame che intercorre tra la materia prima utilizzata dall'artista e la denominazione di Matera come Città dei Sassi. ”.

La mostra “Sassi d'autore” è organizzata dall'associazione culturale Art Factory di Marconia con il patrocinio dei Comuni di Matera e di Pisticci e con il contributo del Comune di Fano e dell'Ente carnevalesca “Carnevale di Fano”. Main sponsor dell'iniziativa è “Action Giromari – Soluzioni originali”.

Le Forze armate presenti a Matera “Capitale Europea della Cultura per il 2019”


MATERA - Le Forze Armate, il 21 e 22 settembre prossimo, saranno presenti a Matera nell’ambito delle celebrazioni della sua nomina a “Capitale Europea della Cultura 2019”, per far conoscere la molteplicità delle attività svolte da tutte le componenti della Difesa per la sicurezza del Paese e a favore della collettività.

Il motto “Open Future” di Matera 2019 ben si collega al costante impegno delle Forze Armate proiettate al futuro attraverso lo sviluppo di nuove capacità e alla conoscenza e alla promozione della “Cultura della Difesa”, coinvolgendo la popolazione alla realtà della Difesa attraverso una serie di conferenze, visite all’area espositiva e attività dimostrative di personale, mezzi e materiali militari.

Dal 21 al 22 settembre, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 21 presso l’Ex Ospedale S. Rocco in Piazza San Giovanni, gli ospiti potranno familiarizzare con il “mondo con le stellette”, visitando una mostra di mezzi ed equipaggiamenti in uso dal personale dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e dei Carabinieri, la mostra fotografica “365 - Un Anno con le Forze Armate” ed una esposizione dell’editoria militare.

Sabato 21 settembre, alle ore 11:30 un picchetto interforze parteciperà alla celebrazione del 76° anniversario dell’eccidio nazista in Piazza Vittorio Veneto, che vedrà anche il sorvolo della Pattuglia Acrobatica Nazionale verso le ore 11:50. Alle ore 12:20, ci sarà l’esibizione della Fanfara del 7° Reggimento Bersaglieri. Nel pomeriggio alle ore 16.00, presso l’Ex Ospedale S. Rocco, le conferenze “Cultura della Difesa – Uomini contro bombe” e a seguire alle ore 17:00 “L’Aeronautica si racconta a Matera: dalla difesa aerea al soccorso alla collettività” e successivamente alle ore 18 le conferenze termineranno con “Capacità antidrone: descrizione, potenzialità, impiego e possibili sviluppi”. Alle ore 16:30 ci sarà anche l’esibizione del gruppo cinofili dell’Arma dei Carabinieri e infine in serata alle ore 21:00 la Banda dell’Aeronautica Militare chiuderà le attività della giornata con un concerto nell’Auditorium “R. Gervasio”.

Domenica 22 settembre, sempre presso l’Ex Ospedale San Rocco, alle ore 11 e alle 18:30, ci saranno le esibizioni del gruppo cinofili dell’Aeronautica Militare e, alle ore 11:30 e alle 17, le dimostrazioni del “Metodo di Combattimento Militare” utilizzato dall’Esercito. Nel pomeriggio, alle ore 17 si potrà partecipare, attraverso un percorso itinerante, alla conferenza “Capacità Duali e contesti d’applicazione della Brigata Marina San Marco”, a seguire alle ore 18 alla conferenza sul “Progetto WONDERFULL – Matera sotto i sassi” e alle ore 19, a concludere l’intensa giornata, la conferenza sulla “Capacità duale dell’Arma dei Carabinieri”.

La presenza della Difesa nella Capitale della Cultura 2019 vuole dare modo agli ospiti di conoscere e di apprezzare il mondo militare, i suoi valori e il suo impegno quotidiano a favore del Paese e della comunità internazionale, con un passato ricco di storia e di tradizioni ma con una costante proiezione verso le sfide del domani.

#UnaForzaPerilPaese
#CulturadellaDifesa

Per ulteriori approfondimenti consultare il link: http://www.difesa.it/Content/Manifestazioni/Matera_2019/Pagine/default.aspx

lunedì 16 settembre 2019

Anche a Matera il 'Garden Festival d'Autunno'


MATERA - L’Autunno è una nuova Primavera. Il trend climatico stagionale degli ultimi anni regala nei mesi di settembre e ottobre temperature miti e gradevoli che invogliano a vivere sempre più il giardino, il balcone e gli spazi aperti e verdi.

In questo periodo – e fino all’inverno - rifioriscono le rose, le dalie, gli astri (o settembrini), a volte il glicine, e si mettono a dimora i bulbi a fioritura primaverile (tulipani, narcisi, giacinti, crocus, anemoni, muscari, iris, nerine, zantedeschia, scille, frittilarie…), gli arbusti e le piante perenni da fiore, quelle da frutto e gli alberi d’alto fusto. Si inizia a potare, a lavorare e concimare il terreno di orti e giardini, a sostituire il terriccio dei vasi su balconi e terrazzi in preparazione della primavera e a concimare le piante d’appartamento dopo lo stress estivo.

L’Autunno quindi è la stagione del fare, una stagione di attività e fermento che AICG, Associazione Italiana Centri Giardinaggio, vuole celebrare con il Garden Festival d’Autunno, un grande evento nazionale ricco di iniziative per grandi e bambini che si terrà dal 21 settembre al 20 ottobre in tutta Italia nei Centri di Giardinaggio associati ad AICG.

È proprio nei Garden Center che si possono trovare le competenze, le consulenze, le materie prime, gli strumenti, le attrezzature da giardinaggio, informazioni, idee e consigli per le attività green: luoghi dove potersi confrontare con gli esperti del settore, partecipare a workshop e laboratori, imparare nuove tecniche colturali.

Le piante sono anche una risorsa fondamentale per il benessere delle persone e del Pianeta. Attorniarsi di nuovi esemplari ha un doppio effetto benefico: non solo aiuta a costruire un ambiente migliore e a vivere in modo più sano, ma contribuisce anche ad attutire gli effetti del riscaldamento globale che tanti danni sta provocando alla Terra.

Acidofile, le eccellenze Made in Italy di ottobre proposte nel Garden Festival

Quest’anno il Garden Festival d’Autunno si amplia dando spazio anche alla produzione di piante Made in Italy, ricca di eccellenze che AICG intende valorizzare attraverso un progetto di promozione delle piante italiane. Questa nuova iniziativa ha lo scopo di sensibilizzare a un acquisto più consapevole, attento all’impatto ambientale e al risparmio energetico.

Sarà un vero e proprio viaggio alla scoperta delle eccellenze verdi lungo tutta la penisola: ogni mese, a partire da ottobre, verrà promosso un gruppo di piante - proposte con i colori tipici della bandiera italiana: nell’ambito del Garden Festival d’Autunno i riflettori saranno puntati sulle acidofile, che crescono rigogliose, ad esempio, sul Lago Maggiore (ottobre).

Ciclamino “Portafortuna”, coloriamo di rosa il nostro spazio verde

Con l’arrivo del mese di settembre il ciclamino, fiore autunnale e invernale per eccellenza declinato in molti colori, fa la sua comparsa regale sui banchi dei Garden Center.

Il ciclamino era conosciuto fin dall’antichità. Anche lo scrittore e naturalista latino Plinio il Vecchio ne parla nei suoi scritti sottolineando l’importanza del ciclamino come amuleto: chi lo piantava infatti veniva protetto dai malefici.

Quindi quest’anno il protagonista del Garden Festival d’Autunno è ancora il ciclamino rosa, fiore portafortuna con le sue numerose varietà e sfumature, una vera e propria tavolozza cromatica con la quale dipingere i nostri spazi verdi per l’Autunno.

Robusto e resistente al freddo, il ciclamino è particolarmente semplice da coltivare per tutti, grandi e piccoli, esperti e principianti del verde, ed è perfetto per colorare davanzali, balconi e terrazzi.

Nastro Rosa AIRC, il ciclamino solidale

Nell’ambito del Garden Festival d’Autunno, AICG ha scelto di sostenere anche quest’anno la Campagna “Nastro Rosa AIRC”: per tutto il mese di ottobre, per ogni vaso di ciclamino di colore rosa venduto, i Centri di Giardinaggio aderenti devolveranno 1 euro a sostegno dei progetti di ricerca sul tumore al seno della Fondazione AIRC.

Ottobre è infatti il mese di sensibilizzazione dedicato al tumore al seno e anche AICG vuole ricordare l’importanza della prevenzione e dimostrare la sua vicinanza alle donne che stanno affrontando questa malattia, che in Italia colpisce una donna su otto nell’arco della vita e rappresenta la neoplasia più frequente nel genere femminile.

Le iniziative

Molte le iniziative, anche di carattere formativo, e gli eventi in programma nei tantissimi Centri di Giardinaggio che aderiscono al Garden Festival d’Autunno, come l’aperitivo “verde” per salutare l’arrivo dell’Autunno (21 e 22 settembre), le attività per i bambini come “I nonni raccontano” (un laboratorio con letture in occasione della Festa dei Nonni nel weekend del 5 e 6 ottobre), una grande festa finale aperta a tutti (19 e 20 ottobre).

All’interno di ogni singolo Garden si troveranno aiuole dimostrative e didattiche allestite con piante da giardino tipiche dell’Autunno e di grande fascino in questa stagione, composizioni uniche e creative dalle quali trarre nuove idee e ispirazioni da riproporre nel proprio giardino o balcone. Sarà inoltre l’occasione giusta per ricevere indicazioni dagli esperti presenti nei Garden Center sulle tecniche colturali migliori per le piante proposte. A corredo di tutto ciò, una brochure informativa realizzata con i soci sostenitori di AICG dove riscoprire i grandi classici autunnali reinterpretati.

Non solo, si terranno corsi, laboratori ed eventi per tutti, grandi e piccini, esperti di giardinaggio e non, per scoprire le attività di giardinaggio più utili del periodo autunnale: la piantumazione dei bulbi a fioritura primaverile (tulipani, narcisi, giacinti, crocus, anemoni, muscari, iris, nerine, zantedeschia, scille, frittilarie…) e la messa a dimora delle piante che consenta un corretto sviluppo radicale per un’esplosione della crescita con la bella stagione.

Per i piccoli giardinieri in erba verrà riproposto il laboratorio “Pianta un bulbo”: i più piccoli, nell’affidare alla custodia della terra un piccolo bulbo resteranno sorpresi in primavera da un’incredibile esplosione fiorita imparando il valore dell’attesa e delle cure da dedicare a ciò a cui si tiene di più.

Per l’elenco di tutti i Centri Giardinaggio aderenti all’iniziativa Garden Festival d’Autunno 2019 consultare il sito www.aicg.it (online a breve e in continuo aggiornamento).

AICG

È un ente senza scopo di lucro – con sede a Verona - costituito nel 2012 per sviluppare un’identità professionale e un processo virtuoso di sviluppo delle aziende che operano nel settore specializzato del giardinaggio e florovivaismo (centri di giardinaggio o Garden Center).

L'Associazione ha lo scopo di tutelare, qualificare, promuovere e sviluppare la cultura del verde, con una particolare attenzione alle piante italiane, all’interno dei centri giardinaggio.

Per informazioni:

AICG Associazione Italiana Centri Giardinaggio

www.aicg.it – segreteria@aicg.it - tel. 031/301037