Visualizzazione post con etichetta Cronaca. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cronaca. Mostra tutti i post

martedì 15 settembre 2020

Matera: un arresto, una denuncia e droga sequestrata


MATERA - I servizi di controllo del territorio svolti con continuità e attenzione dalla Polizia di Stato di Matera hanno portato a un arresto e al sequestro di alcuni quantitativi di droga, con una denuncia all’Autorità giudiziaria.

Gli agenti della “Squadra Volante” hanno arrestato un quarantaquattrenne materano, sorvegliato speciale di P.S. con obbligo di soggiorno a Matera per violazione delle prescrizioni a cui è sottoposto.

Nei mesi scorsi tra maggio e settembre in diverse circostanze il predetto era stato segnalato all’Autorità giudiziaria perché continuava a frequentare pregiudicati.

Nuovamente ieri è stato trovato in compagnia di un altro sorvegliato speciale di P.S. a bordo di un’autovettura e pertanto sottoposto agli arresti domiciliari.

Durante un’altra attività di controllo del territorio, gli agenti delle volanti e del Reparto Prevenzione Crimine di Napoli hanno denunciato alle autorità una materana per detenzione ai fini di spaccio di eroina.

La donna, trentanovenne già nota per precedenti specifici per spaccio, veniva fermata per un controllo mentre era in strada nei pressi della sua abitazione: agitata e insofferente stringeva con forza nel palmo della mano una bustina contenente 4 grammi circa di eroina.

Dopo la perquisizione in casa, gli operatori hanno altresì individuato e sequestrato un bilancino elettronico di precisione e il materiale utilizzato per confezionare la sostanza stupefacente.

A seguito di un altro controllo, infine, due giovani altamurani che erano a Matera per ragioni di lavoro sono stati trovati in possesso di piccole dosi di marijuana.

La droga è stata pertanto sequestrata e i due sono stati segnalati al Prefetto per uso di sostanze stupefacenti e psicotrope.

domenica 13 settembre 2020

Ritrovate dalla Polizia a Matera le due ragazzine baresi scomparse


MATERA - Nella serata di avantieri sono state ritrovate dalla Polizia di Stato a Matera le due ragazze baresi di 15 anni di cui i genitori aveva denunciato la scomparsa lo scorso 10 settembre.

Gli agenti delle Volanti le hanno individuate e riconosciute alle 19.30 nel Parco Papa Giovanni Paolo II, noto anche come Parco del Boschetto.

Gli equipaggi in servizio di controllo del territorio si sono posti alla ricerca delle due ragazzine subito dopo le 18 quanto al 113 è pervenuta una segnalazione di un
cittadino che affermava di averle notate in città.

Gli agenti hanno cercato anche nel Parco Papa Giovanni Paolo II, situato in zona
centrale della Città dei Sassi, area di abituale ritrova di molti giovani materani, dove hanno verificato e identificato numerose ragazze che potevano corrispondere alla descrizione delle minorenni.

A un certo punto hanno notato, parzialmente nascoste da una statua in marmo, due ragazze sdraiate sul prato, molto vicine tra loro in modo da nascondere il volto.

La loro individuazione era resa altresì difficoltosa anche dalla scarsa illuminazione presente. Si sono avvicinati e le hanno riconosciute.

Le due, trovate in buone condizioni di salute, erano prive di documento di identità
personale ma sono state riconosciute con certezza dagli operatori attraverso le
fotografie diramate per la loro ricerca.

Hanno riferito di aver raggiunto Matera nella mattinata di ieri 11 settembre
servendosi di un mezzo pubblico.

Sono state accompagnate negli uffici della Questura, dove più tardi le hanno
raggiunte i rispettivi genitori a cui sono state infine affidate.

venerdì 11 settembre 2020

Marconia di Pisticci: violentate due ragazze minorenni



MARCONIA DI PISTICCI - Nella notte tra il 7 e l’8 settembre, in Marconia di Pisticci (MT) è stata consumata una violenza sessuale ai danni di due minorenni straniere che partecipavano a una festa in una villa.

Questa mattina, gli agenti della Polizia di Stato hanno eseguito 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere, disposte dal Gip dr. Angelo Onorati su proposta della Procura della Repubblica di Matera, a conclusione delle indagini sulla violenza sessuale consumata la notte del 7 settembre scorso nei confronti di due ragazze minorenni.

I particolari saranno resi noti nell’incontro con la stampa convocata per oggi venerdì 11 settembre 2020 alle 11 in Questura – Sala Palatucci, a cui parteciperà il Procuratore Capo della Repubblica di Matera Dr. Pietro Argentino. Matera, 11 settembre 2020

giovedì 10 settembre 2020

Policoro: la Gdf scopre armi e piante di cannabis nelle campagne

POLICORO - Prosegue senza sosta l’attività dei reparti dipendenti dal Comando Provinciale di Matera per contrastare ogni forma di illegalità posta in essere sul territorio.

Nei giorni scorsi è stata eseguita dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Policoro (MT) e dalle unità cinofile della Compagnia di Matera, una complessa attività di prevenzione e repressione dei reati inerenti la produzione di sostanze stupefacenti nelle campagne ioniche.

Nell’ambito di tale dispositivo, a seguito di una preliminare attività investigativa, i militari localizzavano ed accedevano presso un’area adiacente al fiume Agri nel Comune di Policoro, individuando un cittadino italiano di anni 60 intento alla cura di piante di cannabis ad alto fusto, ben occultate all’interno di una piantagione di albicocche e circondate da un sistema di irrigazione a gocce.

La successiva approfondita ispezione di tutta la zona circostante e dell’abitazione adiacente, in uso allo stesso soggetto ed alla sua famiglia, permetteva il rinvenimento di numerose piante ad alto fusto di cannabis, per circa 250 kg, e di diverse armi da fuoco, in particolare, sono state rinvenute e sottoposte a sequestro:

- una carabina ad aria compressa mod. 22, calibro 5,5 risultata rubata;
- un fucile semiautomatico “Benelli” calibro 12, modello 121, risultato rubato;
- un fucile da caccia “Franchi” calibro 12, a canne sovrapposte, con matricola abrasa;
- ventitré cartucce calibro 12;
- ventitré candelotti contenenti polvere da sparo utilizzati per la pesca da frodo;
- due balestre.
Alla luce di quanto scoperto, le operazioni proseguivano sotto la direzione ed il
coordinamento del P.M. di turno D.ssa Annunziata Cazzetta della Procura della Repubblica di Matera e si concludevano con l’arresto in flagranza del responsabile per le condotte di cui all’art. 73 DPR 309/90 (produzione di sostanze stupefacenti), all’art. 23 Legge 110/75 (detenzione abusiva di armi clandestine), all’art. 7 Legge 895/67 (detenzione abusiva di armi comuni da sparo) e all’art. 648 c.p. (ricettazione).

mercoledì 9 settembre 2020

Matera: viola le prescrizioni del giudice, arrestato stalker

MATERA - Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Matera hanno arrestato,
associandolo presso la locale casa circondariale, un uomo di 28 anni, trapanese, già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso una comunità di recupero in Matera, per aver commesso gravi e ripetute violazioni della suindicata misura.

Nel giugno di quest’anno l’uomo, pluripregiudicato per reati inerenti il patrimonio e gli stupefacenti, tossicodipendente, aveva perseguitato e molestato la sua ex ragazza a Trapani. L’ aveva anche minacciata ed in un caso aveva esploso dei colpi di arma da fuoco nei confronti del portone della sua abitazione. Era stato subito arrestato, e nonostante fosse stata disposta nei suoi confronti la misura degli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, l’uomo aveva più volte violato le prescrizioni previste, giungendo addirittura a rompere il dispositivo. In una delle sue frequenti crisi d’astinenza, aveva picchiato i propri genitori, per ottenere da loro i soldi con cui comprare lo stupefacente.

In considerazione del suo stato di tossicodipendenza, nei primi giorni dello scorso agosto era stato disposto l’affidamento ad una comunità di recupero di Matera per scontare gli arresti domiciliari. Ma anche in questo caso il suo comportamento non è stato corretto: fin da subito ha chiaramente manifestato di voler interrompere il programma terapeutico, mostrando di non voler aderire allo stile di vita della struttura di recupero; ha minacciato più volte gli utenti e gli operatori della comunità, ed in una occasione ha anche aggredito un altro ospite, provocandogli delle lesioni personali. Pertanto, su disposizione del Tribunale di Trapani, l’uomo è stato condotto in carcere.

martedì 8 settembre 2020

La GDF sequestra 9 KG di hashish al terminal bus di Policoro (MT)




Continua la sistematica e penetrante azione di contrasto alle attività illecite poste in essere sul territorio di competenza dalle Fiamme Gialle coordinate dal Comando Provinciale di Matera.

Nei giorni scorsi è stata pianificata ed eseguita dai militari della Compagnia di
Policoro (MT) e dalle unità cinofile della Compagnia di Matera, una complessa attività di monitoraggio e controllo delle principali arterie e luoghi di transito del metapontino.

Nell’ambito di tale dispositivo, effettuato durante il fine settimana sia sulla SS 106, direzione Reggio Calabria, che presso il piazzale dell’autostazione di Policoro, veniva segnalato con insistenza, dal cane antidroga Achy, un trolley rigido imbarcato nella stiva di un autobus di linea proveniente da Torino e diretto a Crotone.

La susseguente approfondita ispezione del bagaglio, incustodito e fortemente
sospetto, permetteva il rinvenimento ed il successivo sequestro di ben 9 kg di
hashish, suddiviso in 95 panetti, imballati in 5 grossi involucri avvolti in cellophane e nastro da imballaggio, interamente cosparsi di caffè nel tentativo, non riuscito, di coprire il forte odore dello stupefacente ed eventualmente confondere l’olfatto dei cani antidroga.

Dalle analisi effettuate sui campioni della sostanza è emerso come dall’hashish
sequestrato si sarebbe potuto trarre un numero sufficiente di dosi di sostanza
psicotropa tale da fruttare, all’organizzazione criminale che ha “investito” in questa iniziativa delittuosa, oltre 100.000 Euro.

Gli approfondimenti connessi all’operazione condotta dai finanzieri delle Compagnie di Matera e Policoro mirano all’individuazione del mercato della droga destinatario dello stupefacente e dei soggetti coinvolti nell’illecita attività.

venerdì 4 settembre 2020

Matera, catturato dalla polizia uno straniero con obbligo di dimora

 
MATERA - Un cittadino ungherese di 39 anni è stato fermato dalla Polizia di Stato e sottoposto all’obbligo di dimora nel Comune di Matera.

Gli agenti della Squadra Volanti hanno individuato e raggiunto il soggetto in una
struttura affittacamere sita nei Rioni Sassi.

L’uomo, resosi irreperibile dal 2018, è destinatario di un’Ordinanza di custodia
cautelare con sottoposizione all’Obbligo di dimora nel luogo di residenza emessa dal Gip del Tribunale di Palmi.

Il predetto risulta indagato, in concorso con altri 18 soggetti, dei reati di illecita
introduzione nel territorio italiano di anabolizzanti e sostanze dopanti dall’Ungheria, di ricettazione, di detenzione ai fini di spaccio delle medesime sostanze vietate nonché di esercizio abusivo della professione d’infermiere.

martedì 1 settembre 2020

Matera: stalking, aggravata la misura cautelare per un 56enne


MATERA - Nei giorni scorsi gli agenti della Squadra Mobile e della Volante hanno tratto in arresto, sottoponendolo alla misura pre-cautelare degli arresti domiciliari, un operaio materano di anni 56, il quale, anche se assoggettato alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla ex moglie, ha continuato a importunarla nella zona sud di questo centro.

Atteso che anche precedentemente l’uomo, nonostante l’ordinanza cautelare in corso a suo carico, aveva più volte tormentato la donna seguendola ed appostandosi nei pressi dei luoghi da lei frequentati tanto da indurla a cambiare le sue abitudini di vita, gli operatori di Polizia hanno ricostruito in maniera capillare tutti gli episodi informando il P.M..

Il G.I.P. del Tribunale di Matera, considerate le reiterate trasgressioni, ha emesso un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare, revocando quella del divieto di avvicinamento alla ex moglie e sostituendola con quella degli arresti domiciliari.

La Questura continua ad invitare i cittadini e le vittime di reato a denunciare episodi di violenza a cui assistono o di cui hanno notizia, affinché s’innesti quel proficuo circuito tra le Forze di Polizia e l’A.G. per la giusta punizione dei responsabili.

venerdì 28 agosto 2020

Matera: 59 sanzioni amministrative per abbandono illecito di rifiuti


MATERA - Sono state 59 le sanzioni amministrative contestate ad altrettanti cittadini per abbandono illecito di rifiuti. E’questo il risultato del nuovo servizio, avviato il 14 luglio scorso, dalla Polizia locale con l’ausilio di “fototrappole” mobili, installate – via via, secondo la necessità – nei punti critici dove il fenomeno è più ricorrente.

I servizi, inoltre, hanno consentito anche di infrenare il fenomeno dell’abbandono e del maltrattamento degli animali, spesso detenuti in violazione delle norme a tutela del benessere. Inutile precisare che sono rientrati in questo ambito pure i servizi per la verifica del rispetto della norma regolamentare che impone ai proprietari di cani di raccogliere le deiezioni.

I proventi delle sanzioni ammontano ad € 10.000,00 anche se obiettivo primario dell’Amministrazione non è certamente quello di vessare i cittadini bensì di infrenare un fenomeno odioso e deprecabile e diffusissimo non solo nelle contrade quanto anche nel centro della Città.

E’ bene, quindi, in un ottica di prevenzione che ciascuno sappia che, ovunque, ci può essere una telecamera nascosta, un occhio che guarda sulla Città a tutela dell’ambiente e del decoro urbano per “indurre” i più refrattari a comportamenti civili.

Matera: controlli della Polizia di Stato per la verifica del rispetto delle normative Anti-Covid


MATERA - La scorsa notte, la Questura di Matera ha svolto mirati servizi con il fine di assicurare il pieno rispetto delle vigenti norme in tema di contenimento della diffusione virale da Covid-19, soprattutto nelle zone interessate dal c.d. fenomeno della “movida” e nelle spazi pubblici cittadini, già individuati dal Sindaco di Matera e nei quali, nelle ore serali e notturne, è più facile il formarsi di assembramenti anche
di natura spontanea.

In particolare, Personale dell'Upgsp-Sezione Volanti e del Reparto Prevenzione Crimine di Napoli a disposizione della Questura di Matera, ha effettuato ben 11 diversi posti di controllo facendo verifiche su oltre 100 automezzi ed identificando centinaia di cittadini nei cui confronti è stata operata anche una mirata attività di sensibilizzazione e comunicazione circa l'obbligo dell'utilizzo della mascherina di protezione individuale.

Analoga attività è stata effettuata, attraverso il modulo appiedato tipico del Poliziotto di Quartiere e orientato alla Polizia di prossimità, in alcuni locali pubblici del centro storico e della zona dei Sassi ove i rispettivi proprietari sono stati invitati ad attenersi al rispetto delle regole in materia di emergenza sanitaria.

L’attività svolta ha consentito di riscontrare un apprezzabile riscontro di positività del rispetto delle regole e dei comportamenti virtuosi da tenere per frenare la diffusione del contagio. La scelta operativa degli agenti ha puntato principalmente sull'aspetto del dialogo e del confronto pur essendo tuttora al vaglio alcune condotte che potrebbero aver violato la normativa vigente e sulle quali si è fatta riserva di eventuali contestazioni amministrative.

I servizi hanno costituito l'occasione per ribadire ai cittadini l'obbligo dell'uso della mascherina dalle ore 18 alle ore 06, soprattutto nelle zone individuate nell’ordinanza sindacale dello scorso 25 agosto, nonché del distanziamento di almeno 1 metro tra le persone.

Le attività di controllo del rispetto delle normative nazionali e comunali in tema di contenimento della diffusione del virus proseguiranno nei prossimi giorni sempre con maggiore incisività e determinazione.

giovedì 27 agosto 2020

Satriano di Lucania (Pz), trovano 950 euro e li restituiscono


SATRIANO DI LUCANIA (PZ) - Stavano trascorrendo una tranquilla giornata tra amici durante le feste patronali quando tre giovani del posto hanno trovato un involucro contenente 950 euro in banconote.

Senza esitare le hanno immediatamente portate ai Carabinieri i quali le hanno poi consegnate al Comune per il deposito presso l'ufficio oggetti smarriti. La loro speranza era quella di rintracciare al più presto il proprietario, che a tutt'ora però non si è ancora fatto avanti.

«Abbiamo pensato che vista anche la cifra consistente a perderli poteva essere stato qualcuno che ne aveva immediato bisogno e che magari doveva fare un pagamento importante» così hanno dichiarato i protagonisti del bel gesto, avvenuto durante il giorno di Ferragosto, Rocco Pompeo Capece, Mario Meliande e Raffaele Brancato, giovanissimi studenti di Satriano di Lucania, classe 2002.

Oggi il Comune ha voluto omaggiare il loro comportamento virtuoso con una piccola cerimonia di premiazione a cui hanno partecipato anche l'ispettore Vincenzo Pace della Polizia Municipale, il Carabiniere Biagio Abete e il Maresciallo Cersosimo che ha voluto ringraziare personalmente i ragazzi.

Il Sindaco Vita che ha consegnato ai tre un attestato di riconoscimento “per il grande gesto di civiltà e onestà compiuto” ha sottolineato la non scontatezza di quanto accaduto: «Un plauso a Rocco, Mario e Raffaele per un gesto di onestà che dovrebbe essere la norma ma che purtroppo siamo poco abituati a vedere. Un bel messaggio da parte di questi ragazzi per tutta la nostra comunità che proprio in questi giorni era stata colpita da un grave episodio di vandalismo contro la “Casa dell'Acqua”. Saper di poter contare su dei cittadini esemplari come loro ci fa ben sperare per il futuro”.

martedì 25 agosto 2020

Covid, Briatore: ''Condizioni stabili, resta sotto controllo medico''


MILANO - "Le condizioni di Flavio Briatore sono assolutamente stabili e buone" - fa sapere lo staff di Flavio Briatore, ricoverato al San Raffaele di Milano dopo aver contratto il coronavirus. "Domenica sera accusava leggera febbre e sintomi di spossatezza e si è quindi recato in ospedale per un controllo - si legge in una nota diffusa dall'entourage di Briatore. L'imprenditore è stato ricoverato, sottoposto a un check up generale e resta sotto controllo medico".

Stalker arrestato a Matera

 
MATERA - Continuano a registrarsi episodi di stalking nei confronti delle donne. Agenti della Squadra Mobile e della Volante hanno proceduto all’arresto di un operaio materano, di anni 56.

L’episodio è accaduto nella zona sud di questo centro. In S.O. è giunta richiesta d’intervento da parte di una donna la quale segnalava che il suo ex marito stava continuando a perseguitarla, nonostante fosse sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi da lei frequentati.

Su posto, gli operatori di Polizia hanno appreso che la vittima, mentre era per strada in compagnia di una amica, aveva più volte visto transitare nelle immediate adiacenze l’uomo, a bordo della sua autovettura, il quale, rallentando la marcia, l’aveva fissata con tono minaccioso, per poi accelerare ed allontanarsi. In una di queste circostanze, si era quasi fermato e con il finestrino abbassato, l’aveva ingiuriata oltremodo. La donna si presentava in evidente stato di agitazione e profondamente scossa.

Mentre il personale operante raccoglieva dettagli su quanto accaduto, lo stalker è transitato nuovamente lì vicino ed è stato prontamente bloccato.

Dagli accertamenti effettuati nell’immediato, si è constatato che quanto riferito dalla moglie corrispondeva al vero.

Successivamente, si è inoltre appurato che l’uomo, da quando era stato raggiunto dalla misura coercitiva del Divieto di avvicinamento alla ex moglie, ne aveva più volte violato il tenore, appostandosi nei luoghi normalmente frequentati dalla signora, tempestandola di telefonate e fermandola per strada in varie circostanze.

Considerata la ripetività delle condotte persecutorie e il rischio di reiterazione delle stesse, l’uomo è stato tratto in arresto per il reato di stalking e violazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla ex moglie e sottoposto agli arresti domiciliari.

mercoledì 19 agosto 2020

Matera: in preda all’alcool e alla droga, sferra calci contro gli agenti di polizia: arrestata



MATERA - Nella mattinata di ieri, personale delle Volanti ha tratto in arresto una donna materana, di anni 37, per i reati di resistenza, violenza, minaccia, lesioni a Pubblico Ufficiale e per quello di danneggiamento aggravato.

Fermata per un controllo dagli operatori di Polizia in questo centro cittadino, mentre era in compagnia di un amico, poiché gravitante nel “mondo della droga”, ha assunto un atteggiamento di dileggio e sfida nei confronti degli agenti, colpendo più volte l’autovettura di servizio.

Successivamente ha iniziato ad aggredire l’uomo che era con lei, opponendo una vivace resistenza nei confronti dei poliziotti intervenuti per sottrarre l’individuo alle percosse.

Accompagnata in Questura, fortemente esagitata, ha sferrato calci contro gli agenti, minacciandoli di morte e sputandoli.

Atteso che la donna ha anche cercato di porre in essere gesti autolesionistici, è stata condotta da personale medico-sanitario del 118 presso il locale Ospedale ove è stato accertato il suo stato di alterazione per abuso di alcol e per uso di sostanza stupefacente.

Dichiarata in arresto è stata associata presso la locale casa circondariale.

Messina, arrivano anche l'esercito e i volontari per trovare il piccolo Gioele


MESSINA - Dopo due settimane di ricerche infruttuose, il padre del piccolo scomparso il 3 agosto ha chiamato a raccolta anche comuni cittadini. La madre, che era con lui l'ultima volta che è stato visto, è stata ritrovata senza vita qualche giorno fa.

martedì 18 agosto 2020

Matera: uomo arrestato per maltrattamenti in famiglia e stalking



MATERA - Gli agenti della Polizia di Stato hanno proceduto all'arresto di un uomo di 40 anni, residente a Montescaglioso, colto nella flagranza di reato di maltrattamenti in famiglia aggravati e stalking.

Nella nottata è giunta in Sala operativa una richiesta d'intervento da parte di una donna residente nel centro cittadino, la quale lamentava di essere stata aggredita da un uomo nei pressi della sua abitazione.

Sul posto, il personale delle Volanti e del Reparto Prevenzione Crimine ha appreso dalla vittima che poco prima, mentre era in compagnia dei suoi due figli minori di anni 7 e 8, dinanzi l’ingresso della sua abitazione, l’ex convivente, a seguito di un litigio scaturito per futili motivi, le ha sferrato una testata in pieno volto tanto da procurarle la rottura del setto nasale.

Ha aggiunto inoltre che l’uomo, dopo aver scavalcato la recinzione ed essersi introdotto abusivamente nel suo giardino, ha iniziato ad ingiuriarla con epiteti offensivi per poi all’improvviso scagliarsi contro, nonostante fossero presenti i loro figli minori e nonostante lo avesse implorato di desistere da quegli atteggiamenti.

Un suo attimo di distrazione le ha permesso di rifugiarsi in casa con i bambini e di poter chiedere aiuto alla Polizia.

Solo l’arrivo degli Agenti ha consentito di fermare la “furia” dell’aggressore, ancora lì presente.

La donna, che ha riportato una prognosi di 30 giorni, ha poi precisato che le vessazioni fisiche e verbali da parte dell’ex convivente, molto spesso alla presenza dei figli minori, continuavano dal 2013, e che in una occasione le aveva anche causato una menomazione del senso dell’udito dell’orecchio destro a seguito di un violento schiaffo che l’aveva fatto rovinare per terra.

Decisa a interrompere la relazione, l’uomo era diventato la sua vera ombra, ritrovandoselo in tutti i luoghi da lei frequentati e inondandola di telefonate nel corso delle quali la minacce di morte erano sempre più frequenti.

Pertanto, dopo le formalità di rito, attese le evidenze probatorie acquisite a carico dell’aggressore, quest’ultimo è stato arrestato e associato presso la Casa circondariale di Matera.

sabato 15 agosto 2020

Irsina, 17enne muore cadendo da un muretto


MATERA - Il dramma si è consumato nella notte tra il 14 e il 15 a Irsina, in una zona dove i giovani del paese si danno spesso appuntamento d'estate. La vittima si trovava con alcuni amici quando si sarebbe sbilanciata e avrebbe perso l'equilibrio.

Matera: attività commerciali e movida, proseguono i controlli della Polizia Locale


MATERA - Nell’ambito dei servizi di vigilanza previsti per la corrente stagione estiva, negli ultimi giorni sono stati intensificati gli interventi sia in materia di circolazione stradale che di prevenzione e repressione dei comportamenti che mettono a repentaglio la sicurezza urbana e la tutela dei consumatori. Numerose sono state le persone e le attività controllate, non solo nel centro storico ma anche nella periferia di Matera.

Nell’occasione sono state accertate n. 2 violazioni amministrative per occupazione sine titulo di suolo pubblico da parte di pubblici esercizi, n. 1 violazione per consumo di bevande alcoliche in contenitori di vetro in violazione dell’ordinanza sindacale n. 302-307/2020, n. 1 violazione a carico di un pubblico esercizio per la mancata osservanza della normativa inerente l’inquinamento acustico. E’ stata, altresì, disposta la sospensione per 5 giorni di un ulteriore pubblico esercizio, a seguito di reiterate violazioni dell’art. 20 del Codice della Strada, per occupazione della sede stradale con dehor non autorizzato.

 Duranti i vari controlli è stata anche ritirata una patente di guida, ai fini della sospensione per un periodo non inferiore ai 2 anni, per guida in stato di ebbrezza, in quanto il conducente, non proprietario del veicolo, è stato colto alla guida con un tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l. La Polizia Locale proseguirà i controlli anche nelle prossime settimane, intensificandoli nel weekend di ferragosto e invita tutti i cittadini a rispettare le norme vigenti, ivi comprese quelle volte a prevenire il pericolo di diffusione virale da COVID-19.

Matera: ruba dagli scaffali del supermercato, arrestato dalla Polizia


MATERA - La Polizia di Stato ha arrestato a Matera, in flagranza di reato, un uomo di 41 anni per furto aggravato commesso in un supermercato.

Il soggetto era stato notato dal personale dell’esercizio commerciale mentre prelevava dei prodotti dagli scaffali per infilarli nel suo zainetto a tracolla. Come se nulla fosse, poi, si era diretto verso l’uscita passando per la corsia “uscita senza acquisti”, dove però è stato bloccato dal direttore che ha chiamato la Polizia.

Sul posto è giunto il personale delle Volanti che ha rinvenuto nello zainetto dell’uomo merce illecitamente asportata del valore di alcune decine di euro.

In sede di denuncia, il responsabile del supermercato ha precisato che l’episodio non è nuovo: già in altre tre precedenti occasioni lo stesso individuo era stato scoperto a sottrarre dagli scaffali merce, sempre di poco valore e invitato a restituire il maltolto.

Attesa anche la ripetitività del comportamento illecito e sentita l’Autorità giudiziaria, l’uomo, materano e incensurato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Matera: minaccia di morte la nonna per estorcerle denaro, arrestato dalla Polizia


MATERA - La Polizia di Stato ha arrestato a Matera un uomo di 38 anni, pregiudicato per reati in materia di droga e contro patrimonio, per tentata estorsione aggravata e continuata in flagranza di reato nei confronti della propria nonna.

Gli Agenti, a seguito di richiesta d’intervento da parte della vittima giunta in Sala Operativa, si sono recati presso un’abitazione di un quartiere della zona Nord di Matera.

Sul posto, e’ stato prontamente bloccato un uomo che teneva tra le mani una grossa catena, di solito utilizzata come antifurto per le biciclette, con cui minacciava di morte l’anziana donna.

La donna, di 84 anni, fortemente spaventata per quanto accaduto, ha riferito che poco prima il nipote, dopo aver citofonato al portone dell’edificio, era salito sul pianerottolo dell’appartamento e aveva cominciato a prendere a calci la porta d’ingresso minacciandola di rompere tutto se non gli avesse aperto.

Costretta ad aprire, l’anziana si è trovata di fronte il nipote con una grossa catena in mano che, in preda a una furia violenta, ha iniziato a minacciarla di morte, aggiungendo che avrebbe ammazzato anche il nonno se non gli avessero dato i soldi per comprarsi la droga. Cogliendo un momento di distrazione del nipote, la donna è riuscita a fuggire per strada e a chiamare la Polizia.

Si è appreso inoltre che le richieste di denaro da parte del nipote, si ripetevano ogni giorno da diversi anni nei suoi confronti, nei confronti del nonno e della madre del pregiudicato, con conseguenti aggressioni se le richieste non venivano assecondate.

Alla luce delle evidenze probatorie raccolte e della sua pericolosità sociale, sentita anche l’Autorità giudiziaria, gli operatori delle Volanti e della Squadra Mobile hanno arrestato il soggetto e condotto in carcere.