Visualizzazione post con etichetta Cronaca. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cronaca. Mostra tutti i post

giovedì 21 marzo 2019

Infortunio Policoro, Cavallo (Fai Cisl): "Su sicurezza serve impegno di tutti"


Il segretario generale della Fai Cisl Basilicata, Vincenzo Cavallo, esprime il cordoglio del sindacato alla famiglia del lavoratore che ha perso la vita questa mattina in un tragico incidente sul lavoro a Policoro e torna a chiedere un maggiore impegno di istituzioni e imprese sul fronte della sicurezza e della prevenzione. "Questo ennesimo episodio - commenta il sindacalista - dimostra che c'è ancora molto da fare per fermare questa inaccettabile scia di sangue. Confidiamo negli organi inquirenti per un rapido accertamento delle circostanze e delle responsabilità, ma sulla cultura della sicurezza serve uno sforzo comune di istituzioni, imprese e mondo del lavoro. Noi come movimento sindacale continueremo ad esercitare la massima pressione, sia nei confronti degli organismi preposti al controllo, sia nei confronti delle nostre controparti imprenditoriali affinché la tutela della vita dei lavoratori - conclude il segretario della Fai Cisl - diventi un impegno non negoziabile di tutti".

mercoledì 20 marzo 2019

Metaponto di Bernalda: arrestati un 28enne e un 55enne per possesso di droga


BERNALDA (MT) - La Polizia, ha tratto in arresto nella città di Metaponto di Bernalda (Matera) un 28enne e un 55enne con precedenti di polizia. I due sono stati trovati in possesso di un quantitativo pari a 100 grammi di marijuana, e quindi per loro è scattato il fermo.

lunedì 18 marzo 2019

Due operazioni dei carabinieri forestali: deferite all'autorità due ditte boschive


POTENZA - Nel corso degli ordinari controlli sulle utilizzazioni boschive in agro del Comune di Guardia Perticara (PZ) e del Comune di Lagonegro (PZ) i militari delle Stazioni CC Forestale di Pietrapertosa e Lagonegro hanno accertato violazioni a danno del paesaggio.

Nel Comune di Lagonegro alla località Trinchinella, i Carabinieri Forestali di Lagonegro hanno accertato che una Ditta boschiva eseguiva un taglio senza la prescritta autorizzazione. I militari hanno deferito il proprietario della Ditta e il proprietario del bosco all’Autorità Giudiziaria e posto sotto sequestro un’area boscata di un ettaro e mezzo e 60 mc di legna.

Nel Comune di Guardia Perticara alla località Lupara, i militari della Stazione Carabinieri Forestali di Pietrapertosa hanno prontamente accertato che era stata realizzata una pista di esbosco senza nessun titolo abilitativo con mezzi cingolati, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria il titolare della Ditta boschiva.

L’attività si inquadra nella costante opera di tutela dell’ambiente da parte dei Carabinieri Forestali nella provincia di Potenza, che punta alla salvaguardia dell’ambiente.

sabato 9 marzo 2019

Ruvo di Monte: arrestato un allevatore per aver appiccato fuoco in un bosco


POTENZA - A Ruvo di Monte (Potenza), arrestato dai Carabinieri un allevatore 76enne, mentre appiccava il fuoco in un bosco. L'uomo è stato fermato in località "Cerruto" dai militari, insieme ai Vigili del Fuoco. Le fiamme hanno devastato circa un ettaro di boscaglia.

lunedì 4 marzo 2019

Francavilla in Sinni, arrestati marito e moglie per aver aggredito i Carabinieri

 
FRANCAVILLA IN SINNI (PZ) - A Francavilla in Sinni (Potenza), i carabinieri hanno arrestato marito e moglie, rispettivamente di 35 e 36 anni. I due sono accusati di minaccia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, dopo aver aggredito i carabinieri che erano intervenuti nella loro dimora, dopo una segnalazione al 112, mentre era in corso un litigio.

giovedì 28 febbraio 2019

A Potenza arrestati un 35 enne e una 25 enne


POTENZA - Arrestati a Potenza, dalla Polizia, un 35 enne e una 25 enne. I due erano in possesso di 31 grammi di cocaina, e sono stati fermati dai militari mentre erano a bordo di un'auto, nei pressi della loro casa, all'interno della quale è stato trovato molto denaro.

mercoledì 27 febbraio 2019

Matera, arrestato un 45enne per possesso di droga


MATERA - Arrestato dalla Guardia di Finanza, nella città di Matera, un 45 enne che è stato colto in flagrante, mentre deteneva un quantitativo di ben 135 grammi di droga, precisamente eroina e hashish. L'uomo è stato fermato, durante un controllo, mentre era di ritorno in città sulla sua auto.

lunedì 25 febbraio 2019

A Genzano di Lucania arrestato un 35 enne per spaccio


GENZANO DI LUCANIA (PZ) - Tratto in arresto e portato in carcere un uomo accusato di detenzione di droga a fini di spaccio. Il 35enne era stato posto agli arresti domiciliari appena tre giorni prima, per spaccio. Durante un controllo dei Carabinieri in casa dell'uomo, sono stati trovati nove grammi di eroina e hashish e 3440 euro, risultati provento dello spaccio, e sono quindi scattate le manette.

mercoledì 20 febbraio 2019

Cassazione: insulto è omofobo anche se ha carattere scherzoso


ROMA - La Cassazione sollecita un maxi risarcimento per le vittime di omofobia. Lo ha fatto con l’ordinanza 4815/19, pubblicata oggi dalla sezione lavoro che boccia il ricorso del legale rappresentante condannato in secondo grado a risarcire un dirigente per condotte vessatore ai suoi danni, cioè perché preso di mira perché gay. Non c’era nulla di scherzoso nella condotta del legale rappresentante per la Corte territoriale anzi l’atteggiamento rivelava una grave mancanza di rispetto e di lesione della personalità morale del lavoratore. Il ragionamento del giudice di appello non fa una piega ad avviso del Palazzaccio che conferma il risarcimento.

La Corte d’appello ha riprodotto le allegazioni contenute nel ricorso introduttivo di primo grado e «ha dato atto di come gli specifici episodi descritti non fossero stati dimostrati ma come, invece, fosse stata comprovata la protratta condotta offensiva di parte datoriale, pure allegata dal lavoratore, e relativa alla presunta omosessualità del lavoratore, sistematicamente apostrofato col termine finocchio». Sbaglia la società a criticare la sentenza impugnata per non aver colto «il carattere scherzoso degli epiteti con cui il legale rappresentante era solito apostrofare il dipendente, in presenza degli altri colleghi e in un clima cameratesco».

La Corte di merito, infatti, ha rilevato il danno non patrimoniale subito dal lavoratore dagli elementi probatori raccolti sul contenuto delle offese, «sulla reiterazione, sulle modalità e contesti in cui le stesse venivano arrecate, sulla difficoltà di reazione per essere il destinatario lavoratore subordinato; ha ritenuto che le offese, ripetute nel tempo, avessero arrecato, tra l’altro, concreto e grave pregiudizio alla dignità del lavoratore nel luogo di lavoro, al suo onore e alla sua reputazione, per il fatto che gli epiteti spregiativi erano ripetuti alla presenza dei colleghi e in situazioni nelle quali il destinatario non era in condizioni di reagire». E, art. 2 della Costituzione alla mano, la Suprema Corte, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha ricordato "il diritto costituzionalmente tutelato alla libera espressione della propria identità sessuale quale essenziale forma di realizzazione della propria personalità".

domenica 17 febbraio 2019

Matera, tre arrestati per furto


MATERA - A Matera sono stati tratti in arresto un 52 enne, un 46enne e un 38 enne, provenienti dalla città di Bari, accusati di furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. I tre, tutti con precedenti penali, sono stati colti dai Carabinieri in flagranza di reato, dopo un inseguimento in città con i militari, durante il quale questi ultimi hanno sparato due colpi di pistola contro le gomme dell'auto dei tre.

Nell'auto ritrovata la refurtiva di un colpo effettuato in un appartamento.

Bernalda: arrestato uomo che cercò di aggredire il sindaco


BERNALDA (MT) - Era il lontano 2009, quando un uomo, nel bel mezzo di una riunione del Consiglio comunale di Bernalda (Matera), cercò di aggredire l'allora sindaco della cittadina lucana. Ora, la condanna è diventata definitiva, e l'uomo, un 71enne, è stato tratto in arresto dai Carabinieri e posto ai domiciliari dove sconterà un residuo di pena pari a quattro mesi. Il 71enne allora fu arrestato per violenza, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale, lesioni personali ed interruzione di pubblico servizio.

venerdì 15 febbraio 2019

Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Matera: "Ancora alberi caduti sotto l’azione del vento"


MATERA - Il vento che sta interessando il nostro territorio rispolvera i soliti problemi della Città di Matera. Gli improvvisi schianti di alberi, anche secolari e belli da vedere, rappresentano ancora meraviglia in coloro i quali, da puri osservatori, non immaginavano alcun tipo di problema sul verde urbano. Si continua con un dibattito incessante, afferma Carmine Cocca Presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Matera, che non porta a definire il più urgente degli adempimenti già richiesti dall’Ordine in passato: l’anagrafe delle piante pubbliche. Un adempimento necessario, già adottato in passato ma ormai datato circa dieci anni addietro, che deve essere riaggiornato per garantire la pubblica incolumità e il decoro della città. Ma a tale grave mancanza si accosta anche un presunto ritardo nei riscontri delle richieste di abbattimento delle alberature private rispetto alle quali, continua Cocca, i colleghi Dottori Agronomi e Forestali lamentano procedure piuttosto lente. A riguardo e per dovere di verifica, l’Ordine ha effettuato un accesso agli atti per accertare la contezza di quanto segnalato e rispetto al quale effettuerà una verifica legale della procedura utilizzata fiduciosi nella correttezza dell’operato delle Istituzioni e del Comune di Matera con il quale in passato vi è stata anche collaborazione.

Ma lo stato attuale segna un momento difficile in quanto servono punti fermi sia sulla pianificazione, conclude il Presidente Cocca, sia sulla sicurezza delle alberature presenti molte delle quali sono ormai giunte a maturità e necessitano di un piano di successione per evitare di veder compromesso irreversibilmente un patrimonio importante rappresentato dal verde urbano in città. Mappare preventivamente tutti i danni a seguito dei numerosi schianti avvenuti nel recente passato e riaprire un tavolo di discussione partecipato, rappresenta sicuramente una necessità ma vi sono impellenze quali l’anagrafe delle piante, un piano delle potature per la messa in sicurezza che devono essere anteposte al piano del verde, alla riqualificazione dei giardini nei sassi, al problema degli alberi imprigionati in buche nei marciapiedi, alla revisione del regolamento sul verde urbano.

Al momento si è costretti a lavorare fuori tempo massimo perdendo alberi storici che rappresentano la caduta di importanti simboli della città. Tutto questo con nostalgia di un passato molto tecnico e con un sentimento di rammarico perché in questo caso è opportuno dire… si poteva evitare!

mercoledì 13 febbraio 2019

Effettuato sequestro di 120 grammi di stupefacenti a Matera


MATERA - Recentemente, a Matera, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza un quantitativo di 120 grammi di sostanze stupefacenti. Lo ha comunicato il comando provinciale delle Fiamme gialle, precisando che è stata data anche esecuzione a 53 sequestri a carico di 49 persone.

giovedì 7 febbraio 2019

Potenza, sono stati ritrovati i due giovani scomparsi


POTENZA - Si è conclusa a lieto fine la vicenda riguardante la scomparsa di due ragazzi giovani, un 16enne e una 15enne, che non avevano più dato loro notizie da ieri mattina, sono stati ritrovati nella giornata di oggi dalla Polizia, a Potenza. I ragazzi, in buone condizioni, negli uffici della Questura sono ascoltati dalla Squadra mobile.

mercoledì 6 febbraio 2019

San Nicola di Melfi: arrestato un quarto uomo per la rapina al bar-ristorante 'Happy Days'


POTENZA - I carabinieri hanno fermato e posto ai domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico un quarto uomo accusato di aver effettuato, assieme ad altre tre persone, che sono state arrestate negli scorsi mesi in una rapina, lo scorso 27 gennaio 2018, nel bar-ristorante "Happy Days", situato nella zona industriale di San Nicola di Melfi, nel potentino.

lunedì 4 febbraio 2019

A Policoro e Scanzano Jonico in esecuzione 21 misure cautelari


POTENZA - Ben 150 Carabinieri sono intervenuti fra Policoro e Scanzano Jonico (Matera) per eseguire 21 misure cautelari, che sono state emesse dal gip di Potenza su richiesta della Procura della Repubblica della Direzione distrettuale antimafia. Ad essere colpiti, gli esponenti di un clan che accusati di associazione per delinquere di tipo mafioso.

Gli indagati sono accusati, in particolare, a vario titolo, di aver preso parte al racket delle estorsioni, di tentativi di omicidio, di aver appiccato incendi dolosi ad alcune aziende ortofrutticole, di aver eseguito rapine e di spaccio di droga.

Fiori e lumini votivi per intimorire chi non voleva pagare il pizzo: 17 arrestati


POTENZA - Venivano posti dei fiori e dei lumini votivi davanti a cancelli dei cantieri o alle porte delle sedi delle società di due imprenditori edili per cercare di convincerli a pagare il "pizzo". Questo è il "linguaggio" che veniva usato da un clan presente nella costa jonica lucana, che è stato sgominato questa mattina dai Carabinieri, che hanno arrestato 17 persone a conclusione delle indagini della Dia di Potenza. E' uno degli aspetti che caratterizza un'inchiesta che è partita alla fine del 2016 fino al mese scorso. Gli episodi sono avvenuti fra Policoro e Scanzano Jonico (Matera).

giovedì 31 gennaio 2019

Melfi: sequestrato manufatto edilizio


MELFI - I Carabinieri Forestali della Stazione di Melfi hanno sequestrato in contrada Bicocca di Melfi un manufatto edilizio di circa 60 mq realizzato su una platea in cemento armato di circa 80 mq in assenza dei titoli abilitativi previsti dalla normativa vigente.

In un ordinario controllo del territorio, i militari della Stazione Carabinieri Forestali di Melfi notavano la presenza di un manufatto in muratura portante costituita da blocchi di cemento, privo di solaio, edificato su una platea di cemento armato.

Dagli accertamenti successivi, i militari operanti hanno accertato che l’opera edilizia è stata realizzata senza alcun titolo edilizio abilitativo alla costruzione, mancando le opportune comunicazioni agli uffici tecnici comunali e regionali.

Pertanto, accertata la proprietà dell’opera, si è proceduto a deferire all’autorità giudiziaria il proprietario dell’opera abusiva e al sequestro preventivo della stessa per evitare che la costruzione venisse completata, aggravando in tal modo l’abuso.

Revocato divieto di dimora a Marcello Pittella


POTENZA - E' stato accolto il ricorso presentato dall'avvocato Donatello Cimadomo. Quindi, il gup di Matera Angelo Onorati ha revocato la misura che aveva colpito l'ex Presidente della Giunta regionale della Basilicata, Marcello Pittella, che aveva il divieto di dimora a Potenza, dopo essere stato indagato nell'ambito dell'inchiesta sulla sanità lucana.

lunedì 28 gennaio 2019

Forestali prestano soccorso ad un uomo in contrada Macchia di Castelgrande


POTENZA - I Carabinieri Forestali della Stazione di San Fele hanno prestato soccorso e consegnato viveri ad un settantatreenne che vive in contrada Macchia di Castelgrande (PZ)

A seguito delle abbondanti nevicate, i Carabinieri Forestali dell’intero territorio provinciale, in coordinamento con l’Arma territoriale, hanno predisposto d’iniziativa numerosi servizi di prossimità ai cittadini delle zone rurali che, a causa delle condizioni metereologiche avverse, vivono particolari condizioni di disagio.

I militari della stazione Carabinieri Forestale di San Fele, infatti, d’intesa con il sindaco del Comune di Castelgrande, si sono recati in località Macchia, al fine di verificare lo stato di salute e le condizioni di sopravvivenza di un settantatreenne, Sig. Masi Angelo, che vive da solo in un’abitazione agricola priva di servizi ed utenze.

La zona non era raggiungibile con alcun tipo di autoveicolo, per cui i militari, con ai piedi ciaspole e sci, hanno raggiunto, attraversando tre km di pascoli e prati innevati, l’abitazione del sig. Masi e consegnato un pacco viveri con generi di prima necessità preparato dal Comune di Castelgrande.

Seppur nel disagio, le condizioni del Sig. Masi, in compagnia dei suoi quattro cani, risultavano accettabili.