Visualizzazione post con etichetta Cronaca. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cronaca. Mostra tutti i post

domenica 20 gennaio 2019

Migranti: 117 dispersi in mare, 10 le donne e due bambini tra cui uno di due mesi


Sono 117 i migranti scomparsi in mare venerdì, 50 miglia a nord-est di Tripoli. Tra i dispersi ci sono 10 donne e due bambini, tra cui un bimbo di due mesi. È questo il nuovo, drammatico, bilancio provvisorio dell'ennesimo naufragio avvenuto sulla rotta Libia-Italia, il primo dall'inizio del nuovo anno. I sopravvissuti hanno indicato che i loro compagni di migranti provenivano da paesi dell'Africa occidentale, tra cui Nigeria, Costa d'Avorio e Gambia. Tra i dispersi ci sono anche i migranti sudanesi. Al momento risultano in salvo solo in tre, due sudanesi e un gambiano, recuperati da un elicottero della Marina militare italiana. Sono i superstiti che hanno rivelato all'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) il numero delle persone che viaggiava sul gommone inabissato. Inizialmente si era parlato di una ventina di dispersi. A bordo viaggiavano anche dieci donne, di cui una in stato di gravidanza, e due bambini piccoli, uno di soli 10 mesi. Il naufragio è avvenuto in un Mediterraneo ormai pressoché sguarnito di soccorsi. È la Sea Watch, infatti, l'unica nave umanitaria rimasta, dopo la campagna contro le ONG varata, tra gli altri, dal vicepremier italiano Matteo Salvini, che ha commentato così l'accaduto: "Altri morti al largo della Libia. Finché i porti europei rimarranno aperti, finché qualcuno continuerà ad aiutare i trafficanti, purtroppo gli scafisti continueranno a fare affari e a uccidere".Intanto, proprio sabato, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) ha registrato quasi il raddoppio degli arrivi in Europa nei primi 16 giorni dell'anno sullo stesso periodo del 2018. I morti accertati sono già 83. L'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), sempre sabato, ha dato notizia di un altro naufragio con 53 morti, avvenuto nei giorni scorsi, al largo del Marocco. "È stato riferito che un sopravvissuto - afferma l'UNHCR - dopo essere rimasto in balia delle onde per oltre 24 ore, è stato soccorso da un peschereccio e sta ricevendo cure mediche in Marocco. Per diversi giorni navi di soccorso marocchine e spagnole hanno effettuato le operazioni di ricerca dell'imbarcazione e dei sopravvissuti, senza risultati". Il Mediterraneo, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ormai sguarnito di soccorsi, continua ad essere battuto dagli scafisti, pronti a traghettare migranti dall'Africa in Italia. E con i "viaggi della speranza" sono riprese le tragedie in mare anche se il traffico è rallentato, quando le reti di contrabbando sulla costa mediterranea della Libia sono state parzialmente distrutte dalla pesante pressione italiana.

sabato 19 gennaio 2019

Usa: procuratore Mueller stronca scoop di BuzzFeed su Trump


WASHINGTON - Colpo di scena sul Russiagate. Il procuratore speciale Robert Mueller ha definito il lavoro di due giornalisti 'impreciso'. Il presidente rischia Donald Trump l'impeachment. Mueller, che indaga sul Russiagate, rompe così il silenzio smentendo lo scoop di BuzzFeed sul presidente Usa che avrebbe chiesto al suo ex legale, Michael Cohen, di mentire sul progetto di costruzione di una 'Torre' con il suo nome a Mosca.

"La descrizione di BuzzFeed di specifiche dichiarazioni dell'ufficio dello speciale procuratore e la caratterizzazione di documenti e delle testimonianze ottenute da questo ufficio riguardanti l'audizione in Congresso di Michael Cohen è imprecisa", si apprende in una dichiarazione dal portavoce di Mueller, Pater Carr.

Si tratta di una mossa senza precedenti da parte dell'ex capo dell'Fbi che non ha mai direttamente commentato indiscrezioni di stampa. Trump ha prima retwittato la notizia e poi parlato di "un triste giorno per il giornalismo ma di un grande giorno per il Paese", ribadendo che le "Fake News sono davvero il nemico del popolo".

Beve al bar detersivo al posto dell'acqua, grave giovane leccese


LECCE - Storia incredibile dal Leccese, esattamente da Castrignano del Capo, dove ad un giovane di 27 anni è stato servito un bicchiere contenente brillantante per lavastoviglie anziché acqua. Il ragazzo, trasportato d'urgenza poco dopo all'ospedale "Cardinale Panico" di Tricase, è stato sottoposto ad un lungo e delicato intervento chirurgico.

Il primario di Chirurgia generale, che ha eseguito l'operazione in laparoscopia, ha dovuto asportare lo stomaco e parte dell'esofago nel tentativo di salvare la vita al paziente che è ora ricoverato nel reparto di Rianimazione in prognosi riservata. Si tratta del primo di una serie di complessi interventi chirurgici previsti.

venerdì 18 gennaio 2019

Truffe online: denunciate 8 persone nel potentino


POTENZA - I carabinieri hanno denunciato otto persone, nella provincia di Potenza, in quanto ritenute responsabili di aver organizzato delle truffe on line, che in quasi tutti i casi vedevano la mancata consegna di beni, dopo aver incassato somme di denaro dalle ignare vittime.

giovedì 17 gennaio 2019

Incidente in moto, muore centauro


È deceduto il 44enne di Malnate che lunedì sera, di ritorno dalla Svizzera dove lavorava, ha avuto un incidente con la sua moto a Solbiate con Cagno alle intorno alle 17.15 di lunedì. Uscito di strada affrontando una curva, C.S. era finito in un campo. Durante la caduta la sua Ktm Superduke si era ribaltata più volte. Il 44enne era stato ricoverato presso l’ospedale di Circolo di Varese, nel reparto di Neurorianimazione.

Le sue condizioni erano parse subito molto gravi. Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” un'altra morte bianca di un lavoratore che era costretto quotidianamente a fare su e giu' sul confine italo-svizzero come tanti altri che continuano a sacrificarsi per cercare migliori condizioni economiche

mercoledì 16 gennaio 2019

Bomba in pizzeria a Napoli, Fico: "Stato sia duro"


ROMA - "Solidarietà a Gino Sorbillo e a chi lavora nella sua pizzeria per l'atto ignobile che hanno subito. Sono sicuro che le forze dell'ordine stanno facendo un lavoro straordinario e i criminali saranno presto in galera". Messaggio di solidarietà del presidente della Camera Roberto Fico che in un video esprime "vicinanza anche a tutti quelli che ogni giorno subiscono atti intimidatori e lavorano in una realtà spesso difficile".

"Sono felice - continua il presidente della Camera - che Napoli reagisca sempre con forza. La pizzeria Sorbillo già subì un attentato e quando passo lì davanti c'è sempre una folla in festa che aspetta di mangiare una pizza. La città non si arrende, non vuole subire soprusi e quando subisce un torto così profondo si rialza sempre. Lo Stato deve essere fermo, deve darsi un termine nella risoluzione della lotta alla camorra: una minima parte della città non può inficiare il lavoro della maggioranza delle persone oneste. Lo Stato deve essere inflessibile nel darsi un termine per la sconfitta della camorra".

Spagna: corsa contro il tempo per salvare Yulen


MALAGA - Il neonato di 2 anni e mezzo caduto in un pozzo profondo 110 metri vicino Malaga in Spagna. Per cercarlo sarà costruito un corridoio sotterraneo vicino all'originale.

Matera: operazione a contrasto del caporalato


MATERA - Eseguite, nella mattinata di oggi, da parte dei Carabinieri del Comando provinciale di Matera, quattordici ordinanze in merito ad un'operazione volta a combattere un'associazione a delinquere che era finalizzata al caporalato e allo sfruttamento dei braccianti agricoli, nei campi del litorale jonico lucano. Tali ordinanze sono state eseguite in diversi Comuni del materano, tra cui le città di Scanzano Jonico e Policoro.

martedì 15 gennaio 2019

Forte scossa di terremoto vicino Ravenna, scuole chiuse


Trema ancora l'Emilia Romagna. Un terremoto di magnitudo 4.6 è avvenuto a 11 km da Ravenna (Ra) alle 00:03 di martedì 15 gennaio con coordinate geografiche (lat, lon) 44.37, 12.32 ad una profondità di 25 km. Il terremoto è stato localizzato dalla Sala Sismica INGV-Roma.

La gente dopo la scossa è scesa per strada. Al momento non si segnalano feriti o danni gravi alle cose.

"Abbiamo ponderato, ma abbiamo preso la decisione di chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado, dagli asili nidi all'università. Questo perché l'evento sismico è stato di una gravità importante. E perché prima di far entrare i nostri bambini e i nostri ragazzi all'interno delle nostre scuole vogliamo avere la certezza che vengano fatti tutti i controlli necessari a far sì che siano in totale e assoluta sicurezza". Lo ha spiegato in un videomessaggio diffuso nella notte il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale, dopo il terremoto di magnitudo 4.6 che ha colpito la Romagna. "Sappiamo - ha aggiunto - che questa decisione può creare qualche disagio nelle famiglie, qualche difficoltà a conciliare il lavoro e il fatto di avere i figli a casa, però la loro sicurezza e incolumità vengono prima di qualsiasi disagio. Vi chiediamo comprensione, queste sono le ragioni che ci hanno portato a operare questa scelta. Eseguiti tutti i controlli daremo puntuali informazioni sull'esito e sullo stato di tutti i principali edifici del nostro territorio".

lunedì 14 gennaio 2019

Battisti è arrivato in Italia, carcere duro per 6 mesi


ROMA E' atterrato all'aeroporto di Ciampino il Falcon 900 del Governo italiano con a bordo l'ex terrorista Cesare Battisti. L'aereo é decollato da Santa Cruz in Bolivia, Paese dove è stato arrestato l'uomo dopo una fuga dall'Italia durata 38 anni.

In cella da solo e 6 mesi di isolamento diurno. È il trattamento carcerario che, a quanto si apprende, sarà riservato al terrorista, il cui arrivo a Roma è previsto a breve. Subito dopo sarà trasferito nel carcere di Rebibbia e collocato nel circuito di alta sicurezza riservato ai terroristi. Ma non potendo in questa fase condividere l'ambiente detentivo con altri soggetti, ci sarà per lui una sistemazione ad hoc. Inoltre dovendo scontare la pena dell'ergastolo, sarà sottoposto per 6 mesi ad isolamento diurno.

Il volo con a bordo l'ex terrorista dei Pac è arrivato a Ciampino intorno alle 11.30. Ad attenderlo il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e quello della Giustizia, Alfonso Bonafede.

Subito dopo aver toccato terra, il leader dei Proletari armati per il Comunismo, che in Italia è stato condannato all'ergastolo per quattro omicidi compiuti tra il 1978 e il 1979 e non si è mai pentito, sarà condotto nel carcere di Rebibbia: a prenderlo in consegna gli uomini del Gom, il gruppo operativo mobile della polizia penitenziaria, insieme alle altre forze di polizia, e lo porteranno nel carcere romano dove tutto è pronto per accoglierlo.

Battisti è stato catturato in Bolivia sabato pomeriggio. Passeggiava da solo per le strade di Santa Cruz della Sierra, quando è stato intercettato dagli agenti dell'Interpol che lo hanno arrestato senza che opponesse resistenza. Il volo è partito direttamente da Santa Cruz diretto a Roma non passando dal Brasile, proprio per evitare qualche insidia burocratica innescata dagli avvocati dell'ex terrorista rosso.

domenica 13 gennaio 2019

Battisti arrestato in Bolivia. Salvini: "Finirà i suoi giorni in galera"


di PIERO CHIMENTI - L'ex terrorista Cesare Battisti è stato arrestato in Bolivia in una strada di La Cruz. La cattura è e avvenuta alle ore 22 italiane, 17:00 ora locale, da una task force guidata dall'Interpol con la collaborazione di investigatori brasiliani e italiani che hanno individuato l'ex membro del proletariato armato per il comunismo, che al momento dell'arresto indossava tra gli altri anche una barba finta e degli occhiali da sole. La fuga di Battisti è durata appena un mese, da quando il tribunale supremo federale ne aveva ordinato l'arresto per il pericolo di fuga, dopo che il neo presidente del Brasile Bolsonero aveva di fatto dato il via libera al provvedimento.

Salvini ringrazia l'Interpol e Bolsonaro - “Ringrazio per il grande lavoro le Forze dell’Ordine italiane e straniere, la Polizia di Stato, l’Interpol, l’AISE e tutti coloro che hanno lavorato per la cattura di Cesare Battisti, un delinquente che non merita una comoda vita in spiaggia, ma di finire i suoi giorni in galera". Questo il primo commento del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che in post su Facebook a ha voluto esprime grande apprezzamento per la posizione presa dal presidente Bolsonaro. "Grazie di cuore al presidente Jair Bolsonaro e al nuovo governo brasiliano per il mutato clima politico che, insieme a un positivo scenario internazionale dove l’Italia è tornata protagonista, hanno permesso questo successo atteso da anni, grazie alle Autorità boliviane e alla collaborazione di altri Paesi amici.

Sanità, respinto il ricorso dei legali di Pittella: confermato il divieto di dimora


MATERA - Il gup di Matera Angelo Onorati ha respinto un ricorso che era stato presentato dai legali del Presidente della Basilicata, Marcello Pittella, al fine di ottenere l'annullamento del divieto di dimora a Potenza. Riguardo all'inchiesta sulla sanità lucana, conseguentemente alla legge Severino, è confermata la sospensione dall'incarico da Governatore.

sabato 12 gennaio 2019

Boato a Parigi: forte esplosione in zona Opera, feriti


PARIGI - Trema ancora una volta Parigi. Una forte esplosione è stato sentita nel nono arrondissement della capitale francese. La deflagrazione, secondo il sito di informazione Dna, sarebbe stata causata da una perdita di gas in una panetteria che si trova a poca distanza dai Grands Boulevards e al Musée Grévin. Si segnalano feriti.

La Prefettura della capitale ha reso noto che "un incendio in un negozio, seguito da una forte esplosione" si è prodotto nella rue de Trevise. Un palazzo è in fiamme.

Sui social sono state diffuse le prime immagini del palazzo distrutto dalla deflagrazione.

San Costantino Albanese, cc salvano un anziano disperso dopo una nevicata


POTENZA - Un 78 enne è stato salvato dai Carabinieri in un casolare in stato di abbandono, dopo aver trovato riparo a seguito di una forte nevicata che lo aveva colto di sorpresa, mentre si trovava nella campagne di San Costantino Albanese (Potenza).

L'uomo, che è stato trovato in buone condizioni dai militari, era uscito per raggiungere un magazzino rurale, ma aveva perso il senso dell'orientamento a causa della nevicata.

venerdì 11 gennaio 2019

Roma, morto pregiudicato ferito in agguato


ROMA - Agguato mortale a Roma. Non ce l'ha fatta Andrea Gioacchini, il pregiudicato ferito a colpi di pistola davanti a un asilo in zona Magliana. L'uomo, colpito alla testa, era stato trasportato in gravissime condizioni all'ospedale San Camillo.

Il 34enne aveva appena lasciato i figli all'asilo. Erano intorno alle 8.50 in via Castiglion Fibocchi.

Gioacchini era stato colpito alla testa ed i medici hanno tentato di bloccare l'emorragia. Dimessa dal S.Camillo la sua compagna, rimasta lievemente ferita all'inguine.

L'uomo era appena risalito in macchina quando è stato affiancato da uno scooter e una persona a volto coperto ha sparato alcuni colpi centrandolo alla testa.

Gioacchini aveva una serie di precedenti dall'usura alla droga. Alcuni anni fa era rimasto coinvolto nella vicenda dell'estorsione ai danni di un imprenditore. Per questa vicenda aveva patteggiato il 22 dicembre del 2015 una condanna ad 8 mesi. Era sottoposto a sorveglianza speciale dalle forze dell'ordine.

giovedì 10 gennaio 2019

Migranti: in 51 in barca a vela nel Crotonese


CROTONE - Non si ferma il flusso migratorio sulle coste italiane. Stamattina un'imbarcazione a vela con a bordo 51 persone è approdata sulla costa ionica calabrese, nel territorio di Torre Melissa, comune del Crotonese. L'imbarcazione, dopo essersi capovolta per i marosi, ha fatto gridare i migranti che hanno fatto svegliare alcune persone residenti nella zona che hanno allertato i soccorsi. Tra le persone tratte in salvo vi sono anche donne e bambini.

Il gruppo, che ha dichiarato di essere di etnia curda, si è quindi trasferito in un albergo della zona, dove è stato rifocillato ed ha potuto asciugare i vestiti bagnati grazie alle stufe ed ai phon messi a disposizione dall'hotel. In giornata saranno portati nel centro d'accoglienza per richiedenti asilo di Isola Capo Rizzuto (Kr).

mercoledì 9 gennaio 2019

Sea Watch, l'Ue: "Trattativa indegna, basta con i rinvii". Conte: "Manderò un aereo"


BRUXELLES - Il premier Conte prende posizione sui 49 migranti delle navi ong Sea Eye e Sea Watch e sugli altri 249 che sono a Malta da dicembre. 'C'è un limite al rigore', sostiene il premier in tv che annuncia che l'Italia è pronta ad accogliere almeno donne e bambini.

Per sbloccare la situazione anche Parigi e Berlino riceveranno 50 persone ognuna a patto che anche gli altri Paesi membri partecipino.

L'Ue ipotizza di trasferire solo chi può avere asilo. Ma la soluzione non trova d'accordo Salvini: 'Non cambio idea, non sbarca nessuno', dice. 'Allora manderò un aereo', taglia corto Conte. E in serata nuova replica di Salvini: 'Conte va a prenderli in aereo? Mah...'.

"Non cambio e non cambierò mai idea: un cedimento significherebbe riaprire le porte al traffico di esseri umani. Chi vuole salvare vite deve bloccare gli scafisti e le ong che con la loro presenza aiutano lo sporco lavoro degli scafisti", sostiene Salvini in diretta Facebook. Dunque nessuno "arriverà mai con il consenso mio e della Lega. E se qualcuno, anche all'interno del governo, accetterà di cedere alle imposizioni di scafisti, trafficanti e Ong, non farà un buon servizio a quelle persone".
Sul caso dei 49 migranti a bordo di Sea Watch e Sea Eye “gli Stati membri ora devono dimostrare solidarietà concreta. Le persone a bordo devono essere sbarcate in sicurezza e senza ulteriori rinvii”. Così il portavoce della Commissione, Margaritis Schinas, dopo la discussione di ieri tra gli ambasciatori dell'Ue.

“I contatti continuano intensamente”, ha dichiarato Schinas, sottolineando che ieri sono stati fatti “progressi”. "Con gli scafisti e i trafficanti nessuna complicità". Lo ribadisce il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini sottolineando che sta lavorando "per diminuire ancora gli sbarchi, agevolare gli arrivi via aereo di chi scappa davvero dalla guerra con i corridoi umanitari e moltiplicare le espulsioni". Secondo i dati del ministero dal 1 gennaio ad oggi nessun migrante è sbarcato in Italia mentre nello stesso periodo dell'anno scorso sono stati 453.

Giungono intanto notizie dalla nave. "Per il diciottesimo giorno siamo ostaggio in mare dei governi europei. La situazione è tesa ma almeno tutti mangiano di nuovo": si tratta dell'ultimo messaggio giunto via Twitter dalla Sea watch questa mattina, riferito ai 49 migranti soccorsi da due navi, da 18 giorni in attesa di un permesso di sbarco in un porto europeo del Mediterraneo. Nelle scorse ore alcuni migranti avevano cominciato a rifiutare il cibo, esasperati dalle condizioni a bordo, ma oggi hanno ripreso a mangiare.

martedì 8 gennaio 2019

Siria, muore volontario combattente italiano


ERBIL - E' morto il volontario combattente in Siria Giovanni Francesco Asperti. A diffondere le notizie le milizie curde dello Ypg, poi confermata dalla Farnesina. Il consolato a Erbil sta seguendo il caso con la massima attenzione ed in queste ore è in contatto con i familiari. L'uomo era originario di Bergamo. I miliziani curdi hanno reso noto che l'uomo, conosciuto con il nome di battaglia di Hiwa Bosco, è rimasto vittima di uno "sfortunato incidente mentre era in servizio a Derik, il 7 dicembre".

Sul sito della milizia Ypg, che combatte contro l'Isis in Siria, si spiega che 'Hiwa Bosco' era uno delle "centinaia di rivoluzionari che si erano uniti alla lotta contro l'Isis nella regione curda di Rojava e nel nord della Siria" e "durante tutta la sua vita nella lotta di liberazione ha dato l'esempio di una vera vita rivoluzionaria".

Asperti "è stato martirizzato a causa di uno sfortunato incidente mentre era in servizio".

lunedì 7 gennaio 2019

Marconia di Pisticci: arrestato un 27enne per maltrattamenti in famiglia


MATERA - A Marconia di Pisticci (Matera) arrestato dalla Polizia un giovane 27enne, accusato di maltrattamenti in famiglia. L'uomo, non nuovo ad episodi simili, è stato fermato in flagranza di reato dalla Polizia mentre stava aggredendo verbalmente e fisicamente i genitori.

sabato 5 gennaio 2019

Va a giocare d’azzardo e lascia la figlioletta in auto: denunciato per abbandono di minori


ROMA - In un periodo in cui cresce l’allarme sociale sul fenomeno delle ludopatie succede anche questo: che un uomo si rechi in una sala giochi e abbandoni in auto la propria figlia di sette anni sola, seduta nel seggiolino posteriore, con le chiavi inserite e con il veicolo in moto. È accaduto ieri pomeriggio in una sala giochi di Faloppio, in provincia di Como. Alcuni passanti hanno visto la bambina da sola nell’auto e hanno chiamato i Carabinieri. Gli agenti hanno avuto conferma dai dipendenti del locale che l’uomo, un 38enne del posto, si era intrattenuto a giocare alle slot.

Il tentativo di giustificazione del giocatore ai Carabinieri che era trascorso poco tempo, non è servito ad evitargli una denuncia per il reato di abbandono di minori. La malattia del gioco, si sa, è una brutta bestia, commenta Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. E ti fa fare cose inimmaginabili. Come lasciare tua figlia sola in macchina mentre tu giochi alle slot machines. Per fortuna, nonostante la brutta avventura, la piccola non ha riportato danni.