Visualizzazione post con etichetta Matera. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Matera. Mostra tutti i post

martedì 16 luglio 2019

Perrino (M5S): "Ferrosud Matera: ridare prospettive serie al sito produttivo"


POTENZA - Sono ore drammatiche per gli operai della Ferrosud di Matera che stanno scioperando per avere garanzie sul futuro dell’azienda materana. Nonostante l’esperienza e il know-how quarantennale nel settore della produzione materiale rotabile ferroviario, dal 2010 l’azienda si dibatte con una situazione davvero critica sfociata anche in un concordato preventivo che, però, non ha portato i risultati attesi.

L’attuale management facente capo al Gruppo Mancini non sembra essere in grado di offrire risposte concrete sul futuro dei circa 80 lavoratori. La difficile situazione del gruppo pare aver frenato anche le interlocuzioni che si sono tenute nelle scorse settimane al Ministero dello Sviluppo Economico: attualmente le uniche prospettive occupazionali che si intravedono comporterebbero lo spostamento dei lavoratori in altri stabilimenti del gruppo e una sostanziale destinazione dello stabilimento materano ad impianto di demolizione. Da stigmatizzare, poi, il comportamento del management dell'azienda che, secondo quanto denunciato dalle OO.SS., parrebbe aver paventato il mancato pagamento delle indennità di trasferta e il vitto a chi ha aderito allo sciopero e che, attualmente, si trova a centinaia di chilometri di distanza dal proprio luogo di residenza.

Crediamo che si debbano mettere in campo tutte le forze necessarie per ridare lustro e rilanciare un sito produttivo che ha fatto la storia della produzione industriale del materano, anche facendo ricorso alle agevolazioni offerte dall'implementazione della Z.E.S. Jonica appena istituita. Così in una nota Gianni Perrino, portavoce M5S Basilicata - Consiglio Regionale.

A Matera presentato progetto “U-Link” Academy Basilicata


MATERA - Accompagnare gli studenti nell’ultima fase della loro formazione universitaria attraverso corsi e programmi didattici - definiti e realizzati in collaborazione con grandi imprese, a capo di importanti filiere - in modo da accrescere e potenziare le loro competenze in senso specialistico e facilitarne, così, l’ingresso nel mondo del lavoro. E’questo l’obiettivo principale di “U-Link” Academy Basilicata. Un progetto - proposto da SVIMEZ e Fondazione Transita – che l’Università della Basilicata intende verificare e approfondire in un confronto pubblico che si terrà venerdì 19 luglio, a Matera, dalle ore 10 nel Campus Universitario (via Lanera 20, aula magna). Il seminario si aprirà con l’intervento dei Rettori delle Università degli Studi della Basilicata e della Federico II di Napoli, Aurelia Sole e Gaetano Manfredi, cui seguirà la presentazione dell’idea progettuale da parte dei promotori: Pasquale Carrano, Presidente della Fondazione Transita, e Luca Bianchi, direttore di Svimez. Interverranno, inoltre, il prof. Giorgio Ventre, che presenterà l’esperienza della iOS Accademy di Napoli Federico II di cui è responsabile, e il prof. Mauro Fiorentino che mostrerà il ruolo dei piccoli Atenei nel sistema universitario nazionale. Seguirà, infine, un confronto con i rappresentanti di grandi aziende, nazionali e internazionali, sulla concreta realizzazione del progetto. U-Link punta anche a sperimentare un modello innovativo di relazione tra le Università del Mezzogiorno per aumentare la loro attrattività. La proposta, attraverso progetti di collaborazione coordinata e condivisione di esperienze e buone pratiche, vuole creare un legame tra l’Università e quel tessuto imprenditoriale che intende investire su progetti di ricerca applicata, di formazione specialistica e di trasferimento tecnologico. L’Università della Basilicata negli ultimi anni ha investito molto, accrescendo il suo rapporto con le aziende e le realtà imprenditoriali, sperimentando borse di dottorato industriale in collaborazione con le piccole e medie imprese. L’Unibas si propone quindi di aggiungere qualcosa alla strategia fino ad oggi perseguita, sviluppando e consolidando relazioni con le grandi imprese, al fine di favorire nuove collaborazioni e creare opportunità di lavoro; il capitale umano è da considerarsi fra gli elementi distintivi per l'attrattività di un territorio, in misura forse maggiore del sistema dei servizi e d’infrastrutture adeguate: fra i compiti di un’Università oggi non vi è solo quello di garantire conoscenze e competenze adeguate ma anche di contribuire a innalzare la qualità complessiva delle risorse del territorio in cui opera.

PROGRAMMA
Interverranno:

Aurelia Sole - Rettrice Università della Basilicata

Gaetano Manfredi - Rettore Università di Napoli Federico II

Luca Bianchi - Svimez

Il quadro territoriale, sociale e produttivo

Giorgio Ventre - iOS Academy Unina

L’esperienza dell’iOS Academy di Napoli

Mauro Fiorentino - Università della Basilicata

Il valore dei piccoli atenei

Pasquale Carrano - Fondazione Transita “U-LINK”,

L’idea progettuale

Roberta Ficorella di Indra Italia, Giancarlo Schisano di Leonardo SpA, Giuseppe Zuliani di Conad, Francesco Caio del Politecnico di Milano, Antonio Calabrò di Fondazione Pirelli, Vincenzo Strangis di Huawei Italia, Michele Di Trana di Smartpaper, Alan Smith di STMicroelectronics e Marco Onnembo di TIM.

Matera: dal 17 al 31 luglio la personale di Maria Paolicelli

MATERA - Interni domestici, luoghi urbani dove irrompe la quotidianità, fra lavori di casa e giochi di bimbi, l’estremo realismo della pittura di genere di Maria Paolicelli coglie momenti di vita spontanei, così come avremmo potuto osservarli fino agli anni ’50 nei Sassi. Gli antichi rioni in tufo di Matera rivivono idealmente nelle tele della mostra I Sassi raccontano.

La personale di Maria Paolicelli I Sassi raccontano sarà inaugurata mercoledì 17 luglio alle ore 19 nella sala mostre della Fondazione Sassi di Matera. Si potrà visitare fino al 31 luglio, dal martedì alla domenica (giorno di chiusura il lunedì) dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. L’ingresso è libero.

Organizzata e promossa dalla Fondazione Sassi, la mostra I Sassi raccontano si compone in oltre 20 olii su tela che mostrano attività che non sarebbe stato difficile osservare fino a 60 anni fa nei Sassi, Lavori di cui oggi si è persa memoria, come le materassaie che si recavano di casa in casa a comporre i materassi in lana, e attività che resistono al passare del tempo e uniscono le famiglie come le conserve di salsa di pomodoro fatte in casa. Nei quadri di Maria Paolicelli si racconta anche di giochi di bimbi e di riti e tradizioni cittadine.

La pittrice materana, poliedrica e creativa, dipinge senza sosta filtrando e fissando su tela molteplici particolari. L’abbandono emotivo, la mescolanza di colori, luci, ombre e forme, danno origine a tele dove i ricordi prendono vita, riecheggiano. Il suo stile non è solo rappresentazione estetica di un soggetto, ma dialogo tra l’artista ed il sociale.

Biografia :

Maria Paolicelli : Nasce a Matera il 16 giugno del 1958, città in cui vive e lavora.

Fina dalla più tenera età ha sempre dimostrato una spiccata attitudine verso l’arte visiva che ha sempre coltivato senza mai stancarsi di sperimentare le varie tecniche mediante l’utilizzo di matite, penne, acquerelli, acrilici, oli.

Sostenuta e sollecitata dalla sua famiglia e dagli amici più vicini, partecipa a mostre e concorsi ottenendo premi e riconoscimenti.

Informazioni:

Organizzata e promossa dalla Fondazione Sassi, la mostra I Sassi raccontano si svolge con il sostegno di: Bawer S.p.A, Italcementi S.p.A, Tecnoparco Valbasento S.p.A e MH Matera Hotel.

Al Santuario Fonti (Tricarico) il Concerto "O dulcis Virgo Maria"


TRICARICO (MT) - Con l’iniziativa “In cammino… alla ricerca di sé” e il concerto “O dulcis Virgo Maria”, rispettivamente alle 17,30 e alle 20,00 del 20 luglio, proseguono nel Santuario di Fonti (Tricarico) “I Cammini tra radici e futuro. Il Contributo dell’Arcidiocesi di Matera-Irsina al percorso di Matera 2019” che è un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, coprodotto dall’Arcidiocesi di Matera-Irsina, dall’Associazione Parco Culturale Ecclesiale “Terre di Luce” e dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019, patrocinato dal Pontifico Consiglio della Cultura e dall’Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana.

“In cammino... alla ricerca di sé” è una passeggiata culturale, ideata dall'attore e regista Lello Chiacchio, dell'Associazione teatrale Skenè, durante la quale si potranno fare esperienze artistiche, facendo proprie le tecniche e le consuetudini di chi pratica il turismo lento o dolce. Lungo il percorso ci saranno intervalli caratterizzati da momenti teatrali a contatto con l’ambiente e con la natura.

Dopo la passeggiata, alle ore 20:00, ci sarà il coro della Polifonica materana Pierluigi da Palestrina, diretto dal Maestro Carmine Antonio Catenazzo, in concerto con la Fondazione Orchestra Lucana diretta dal Maestro Vincenzo Perrone che eseguirà “O dulcis Virgo Maria”.

Si tratta di un concerto dedicato interamente alla musica Mariana, colta e popolare, corale, solistica e strumentale. Riscoprire capolavori, commissionare nuove opere, valorizzare e impreziosire il repertorio radicato nel territorio sono alcuni degli assi portanti di questo progetto. Il valore aggiunto diventa il pubblico che si unisce agli esecutori per intonare i brani popolari rielaborati per orchestra e voci rendendo questo evento assolutamente unico e coinvolgente.

“In cammino… alla ricerca di sé” rientra nel Cammino delle Letture mentre il concerto “O dulcis Virgo Maria” rientra nel Cammino dei Santuari. Così in una nota Domenico Infante, Direttore Ufficio Comunicazioni Sociali Arcidiocesi Matera – Irsina.

lunedì 15 luglio 2019

A Matera una giornata di riflessione con una delegazione giapponese


MATERA - Venerdì 5 luglio si è tenuta a Matera presso al Sala Consiliare del Palazzo della Provincia, il Convegno “Movi…mente – I pilastri del futuro: salute, scuola, sport e società civile”. L’evento è stato organizzato dal Comitato Regionale di FIJLKAM – Federazione Italiana di Judo, Lotta, Karate e Arti Marziali ed ha visto la partecipazione di una delegazione della città giapponese di Gotemba. Hanno preso parte all’evento il sindaco, Yohei Wakabayashi e il preside del Liceo “Gotemba west”, Hajime Kikuchi.

Presenti all’iniziativa anche Leopoldo Desiderio, Presidente CONI di Basilicata; Pierluigi Aschieri, Direttore tecnico nazionale FIJLKAM; Menotti Calvani, neurologo e docente universitario; Isabella Abbatino, Dirigente Scolastico dell’IC “Fermi” di Matera.

Carlo Calzone, neuropsichiatra infantile, Vito Cilla, pediatra e Rocco Di Santo, sociologo, hanno illustrato i risultati prodotti dal progetto Movi…mente, dal 2008 al 2016. Di fatto, l’idea di Movi…Mente è l’opportunità di coniugare la pratica sportiva e la ricerca scientifica al fine di dimostrare la netta correlazione tra l’attività fisica e il miglioramento delle capacità socio-relazionali di bambini.

Per Rocco Di Santo, l’esperienza di Movi…Mente, replicata all’interno del progetto #presidieducativilucani finanziato dalla “Impresa Sociale Con i Bambini” con il fondo per il contrasto della povertà educativa minorile offre l’occasione per diffondere la logica fondante, ossia lo sport come pratica per potenziare le abilità di concentrazione, attenzione, relazione e perfino apprendimento didattico tra i più piccoli.

Alla conclusione dell’attività congressuale ha preso parte anche lo scrittore, già magistrato e Senatore della Repubblica, Gianrico Carofiglio, che ha espresso l’importanza dello sport come contrasto alla devianza minorile e alla microcriminalità organizzata.

La riflessione finale di Giuseppe Attico, Presidente di FIJLAKM - Basilicata, ha posto in rilievo l’importanza del confronto internazionale tra culture differenti che trovano nello sport l’occasione per costruire una società civile attenta al rispetto per il prossimo, alla disciplina e allo sviluppo del singolo individuo. Si auspicano quindi altre iniziative simili, pronte a cogliere ogni opportunità di scambio di buone pratiche e di riflessione comune.

Doppia tappa a Potenza e Matera per il tour di Giuseppe Civati


POTENZA - Due appuntamenti in Basilicata, uno a Potenza e uno a Matera, per il tour di Giuseppe Civati, che sta girando l'Italia con i libri della casa editrice People - fondata da Civati insieme a Stefano Catone Francesco Foti - a bordo di un furgoncino elettrico. Un viaggio eco-culturale quello intrapreso dallo scorso fine settimana e che terminerà venerdì 27 a Roma. L'Antiorario Tour, come è stato chiamato dai fondatori di People, farà tappa in varie città per parlare con le persone, confrontarsi sui libri della casa editrice, tra cui Fine, il primo romanzo (in libreria dal 18 luglio) scritto da Civati insieme a Marco Tiberi. Ma non solo: si parlerà anche del contenuto di altri libri.

Oggi lunedì 15 luglio, l'incontro è previsto a Potenza, al Grande Albergo, dalle ore 19 con Valerio Tramutoli. Domani, martedì 16 luglio, il furgoncino di People si dirigerà a Matera, dove alle ore 18 ci sarà l'appuntamento previsto al Birrificio 79. "Andremo a bassa velocità, per guardarsi intorno. Per capire qualcosa più del solito. Per andare in profondità in un Paese che abbiamo largamente perduto", ha scritto Civati sul suo blog per spiegare il progetto del suo Antiorario tour.

Carlo Verdone e Dario Argento al XX Lucania FIlm Festival

MARCONIA DI PISTICCI (MT) - Saranno Carlo Verdone e Dario Argento gli ospiti d'eccezione del ventesimo Lucania Film Festival, in programma al Cineparco Tilt di Marconia di Pisticci dal 7 all'11 agosto 2019.

Curato come sempre dall'associazione culturale Allelammie sotto la direzione artistica di Rocco Calandriello, l'evento, spalmato su cinque giorni di lavori, ospiterà una nutrita selezione di film in concorso provenienti da tutto il mondo.

Verdone, attore e regista che non ha bisogno di presentazioni, sarà nell'area Festival il giorno 8 agosto. Al pubblico più appassionato racconterà il suo cinema mettendo a disposizione la grande esperienza accumulata dietro la cinepresa in trent'anni di carriera e dall'altra parte dell'obiettivo a partire dagli esordi con il maestro Bernardo Bertolucci, passando per i successi che hanno subito saputo definire i tratti caratteristici della sua comicità come Un sacco bello, Bianco rosso e Verdone, Borotalco, Acqua e Sapone e fino a quella fase di maturità in cui il cineasta romano ha saputo completare il suo percorso creativo dando anche sfumature malinconiche alla sua commedia come in Al Lupo al lupo, Maledetto il giorno che t'ho incontrato e Perdiamoci di vista!

Nella lectio magistralis prevista per la serata, invece, Verdone si racconterà al grande pubblico del LFF rivelando gli aneddoti della sua carriera, zeppa di collaborazioni prestigiose, fra le quali quelle con Alberto Sordi, Enrico Montesano, Ornella Muti, Sergio Castellitto, Margherita Buy, Sergio Rubini già ospite del Lff, Claudia Gerini ed Asia Argento.

Un workshop sui segreti della professione e la propria visione del cinema al cospetto di una platea più ristretta ed impegnata introdurrà anche Dario Argento sui luoghi del Festival, nella giornata del 10 agosto. Nella stessa serata, anche per il maestro del giallo e dell'horror italiano è previsto l'incontro con la platea più ampia del Cineparco Tilt per una conversazione più informale in cui sarà possibile ripercorrere i successi di film come Profondo Rosso e Suspiria e conoscere gli incubi che hanno generato opere come Inferno, Tenebre e Phenomena. Con Argento il Festival conoscerà il più famoso ed influente maestro italiano del brivido, un regista (e attore) di genere che ha saputo divagare tra thriller, giallo ed horror mantenendo sempre marcati i tratti caratteristici del suo modo di fare cinema.

Dario Argento sarà al Lucania Film Festival già dal 9 agosto, quando è prevista anche una visita alla città di Matera nell'ambito dei percorsi culturali generati da Matera 2019.
Il regista romano, infine, sarà coinvolto anche nella premiazione delle opere in concorso al ventesimo Lucania Film Festival nella serata dell'11 agosto, che completerà la sua tre giorni all'interno della più famosa e longeva kermesse lucana dedicata alla settima arte.

L'edizione 2019 del Festival si aprirà, inoltre, con una giornata - tributo a Lina Wertmüller (7 agosto), sarà arricchita da numerosi ospiti, fra i quali l'urban explorer Piero Armenti e lancerà nuove sfide con la presentazione del primo mercato del cinema in Basilicata e del CineCampus d’Italia per le scuole.

La cinque giorni parlerà, innanzitutto, il linguaggio del cinema nella vision delle opere selezionate per le varie sezioni competitive, per una programmazione "senza precedenti", per dirla con le parole del direttore artistico Rocco Calandriello, in grado come sempre di dar voce a poetiche narrative provenienti da tutto il mondo.

sabato 13 luglio 2019

Nova Siri (Mt): quattro uomini arrestati per droga


NOVA SIRI (MT) - I Carabinieri, nel corso di alcuni controlli che sono stati eseguiti nella città di Nova Siri (Matera), hanno tratto in arresto quattro uomini, tra i 46 e i 23 anni. I militari hanno individuato un "mercato" della droga e hanno posto sotto sequestro un quantitativo pari a più di un chilo di marijuana, 700 grammi di hashish e 260 grammi di cocaina.

Matera, Giordano (Ugl): ”Città dei Sassi, porta verso il Metapontino”


MATERA - “La città dei Sassi rappresenta metaforicamente la porta verso il Metapontino e le spiagge joniche. Matera Capitale Europea della cultura è un contenitore culturale. Necessariamente occasione unica di sviluppo e valorizzazione della intera Provincia. Il programma – progetto, non si stà fermando solo alla città di Matera, ma anche nei comuni della provincia, ricchi anch’essi di preziose opere storico–culturali, tutte da valorizzare, ricordando che Matera, senza il territorio che lo circonda, è ben poca cosa”.
E’ quanto dichiara Pino Giordano, segretario provinciale dell’Ugl Matera, per il quale la cultura “è un percorso di conoscenza, la Basilicata ha sempre lottato perché la nostra città conservasse la sua identità, a partire naturalmente dai Sassi. Ora è diventata una città che emoziona, stimola, fa pensare, e dalla frustrazione dell’appartenenza di qualche decennio fa siamo passati all’orgoglio dell’appartenenza. Concetti nobili che però, senza treni e aeroporto, da soli non bastano a far crescere la città. Il turismo – prosegue - potrebbe essere uno straordinario volano di crescita economica e occupazionale, ma la realtà è che ci sono forti carenze strutturali e amministrative da superare per valorizzare al meglio le risorse che abbiamo. Certamente va servita: come si può essere capitale europea della cultura se non abbiamo strade e binari? Servono 58 chilometri di strada e una rete ferroviaria efficiente e dove l’obiettivo di tutti è rendere nel 2020 accessibile la città ma, soprattutto, creare occupazione: e solo dietro gli investimenti c’è l’occupazione. Se non si realizzano, Matera 2019 sarà solo una baldoria ludica. Il ruolo che la Regione dovrà assumere nei prossimi anni con Matera capitale europea della cultura 2019 deve essere il particolare programmato potenziamento dei collegamenti ferroviari nel quadrilatero Potenza-Matera-Bari e Foggia. Solo così – conclude Giordano – per l’Ugl può avvenire il rilancio, il vero rilancio di una Regione che per 25 anni a gestione centro sinistra, troppo tempo, trascurata ed esclusa dai piani di potenziamento della mobilità di persone e merci, condizione indispensabile per il suo concreto sviluppo economico e culturale. E’ un’occasione da non perdere”.

venerdì 12 luglio 2019

Total, Carella (Femca Cisl): "Diversificare investimenti o regione non avrà futuro"


POTENZA - "La mozione per la ripresa del confronto con Total approvata nei giorni scorsi dal Consiglio regionale va nella direzione da noi indicata, ma il confronto non può essere limitato alla sola Magna Charta".
È quanto sostiene il segretario generale della Femca Cisl Basilicata, Francesco Carella, che aggiunge: "Al tavolo, oltre alle rivendicazioni su occupazione, salute, sicurezza e ambiente che sono già oggetto di discussione con la compagnia francese, noi porteremo la richiesta esplicita di nuovi investimenti produttivi e posti di lavoro in attività collaterali e non necessariamente complementari alle estrazioni petrolifere. Allo stesso tempo - aggiunge Carella - occorre uno sforzo maggiore sul fronte delle infrastrutture stradali per rompere l'isolamento delle stesse aree interne interessate dalle estrazioni petrolifere, Da tempo sosteniamo che il futuro della Basilicata non può dipendere esclusivamente dal petrolio in quanto la mono-specializzazione sarebbe una scelta suicida in considerazione del fatto che il petrolio è una fonte esauribile. Bisogna costruire oggi le premesse di un nuovo modello economico imperniato su attività di frontiera a elevata tecnologia come le bio-plastiche, la chimica verde, etc. con l'obiettivo di restituire alla piena attività le aree industriali della regione, a partire dalla Valbasento e da Tito, e dare nuovo slancio anche all'occupazione, con particolare attenzione ai giovani. La sfida è avere una corretta strategia di valorizzazione della risorsa petrolifera e non di mero sfruttamento del territorio che lascia sul terreno solo inquinamento e disoccupazione", conclude il segretario della Femca.

Coalizione Civica Matera a sostegno del Matera Heroes Pride


MATERA - Le donne e gli uomini della Coalizione Civica per Matera comunicano il loro supporto e partecipazione al Matera Heroes Pride che si svolgerà a Matera sabato 20 luglio.

Riteniamo doveroso manifestare la nostra voglia di essere umani e schierarci apertamente non solo dalla parte della comunità LGBT ma dalla parte di tutti coloro che vivono situazioni e condizioni di discriminazione e assenza di libertà.

Il Pride, infatti, ci offre l’occasione per comunicare a tutta la comunità cittadina i valori che riteniamo fondamentali per la costruzione di una città giusta, libera e nella quale ognuno possa vivere in una condizione di benessere. Viviamo tempi in cui assistiamo quotidianamente ad attentati alla democrazia e alla violazione dei diritti umani.

Scendiamo consapevolmente per le strade perché vogliamo essere sempre dalla parte della democrazia, della solidarietà umana, del rispetto e della difesa dei diritti di ogni donna e di ogni uomo senza alcuna distinzione di etnia, identità di genere, orientamento sessuale, religione.

Quello che porteremo nel corteo festoso e allegro di chi, ogni giorno, deve difendersi dai pregiudizi della gente, saranno la volontà e l'impegno per la costruzione della nostra idea di città.

Invitiamo tutti i cittadini materani a non rimanere a casa ma a scendere in strada con tutti i propri dubbi e le proprie perplessità per comprendere insieme il valore profondo di un’esperienza che per la prima volta travolgerà la nostra bellissima città.

Ringraziamo gli organizzatori, le Istituzioni e tutti coloro che stanno costruendo questo appuntamento perché offrono, a tutta la comunità cittadina, momenti importantissimi di confronto e di crescita umana e civile.

giovedì 11 luglio 2019

Slow Food Basilicata a 'Matera è Fiera – Enogastronomia e Turismo'

MATERA - Slow Food Basilicata sarà presente alla X edizione di “Matera è Fiera – Enogastronomia e Turismo” in programma dal 12 al 14 luglio 2019 in Piazza San Francesco, nel cuore delcentro storico della città dei Sassi. Nell’ambito della manifestazione organizzata da Mef Srl, società di promozione e sviluppo, per presentare le eccellenze enogastronomichelucane e l’offerta turistica regionale, Slow Food Basilicata, con le Condotte di Matera, Metapontum - Magna Grecia, Potenza, Val d’Agri e Vulture, promuoverà il raccontodell’identità lucana legata al cibo di qualità.

Dalla ricchezza della biodiversità diffusa sul territorio e dalle buone pratiche di coltivazioni e produzioni sostenibili, grazie alla responsabilità sociale dei produttori, nasconoparticolarità agroalimentari che rappresentano una riuscita combinazione del patrimonio naturale con il capitale umano, testimonianza del cibo buono, pulito e giusto che Slow Foodvuole valorizzare come propria mission.

Gli eventi programmati nel corso della manifestazione materana vogliono essere occasione di coinvolgimento alle tematiche di Slow Food promuovendo i sapori lucani e con loro lasapienza del fare, non solo come celebrazione di una affermata tradizione del gusto ma come occasione di uno sviluppo sostenibile.

Il calendario degli appuntamenti prevede ogni giorno due diversi appuntamenti di show cooking, alle ore 19,30 ed alle 21,30. I cuochi Savino Di Noia dell’Antica Cantina Forentumdi Lavello, Valerio Elefante della Taverna dei Gesuiti di Latronico, Giovanni Megale dell’Agriturismo Coccovello di Rivello, Antonietta Santoro de Al Becco della Civetta diCastelmezzano proporranno un percorso di gusto tutto lucano tra omaggi alla cucina della tradizione e spunti creativi, con le testimonianze di produttori d’eccellenza.

Sabato 13 Paride Leone, legale rappresentante di Slow Food Basilicata, parteciperà al talk show “Ci vediamo alle 20,19” dove si discuterà del tema “Enogastronomia, accessibilitàed esperienze: il turismo sostenibile in Basilicata”.

Uno spazio Slow Food accoglierà quanti vorranno sapere di più di un’idea diventata progetto globale con un’associazione internazionale no profit diffusa in oltre 150 paesi delmondo e conoscere meglio la ricchezza e la specificità dei prodotti lucani che raccontano con forza il territorio e la storia delle sue comunità.

mercoledì 10 luglio 2019

Piergiorgio Branzi a Matera per il World Press Photo 2019


MATERA - Ultimi giorni per visitare la mostra dei vincitori del World Press Photo 2019, a Matera fino al prossimo 14 luglio. L’esposizione, che comprende i migliori scatti del fotogiornalismo mondiale, è ospitata negli Ipogei Motta, in via San Bartolomeo a pochi metri da via Ridola. Luoghi ricchi di storia e tradizione fanno da sfondo a foto di stretta attualità, che raccontano storie dolorose e piene di speranza provenienti da tutto il mondo.

La mostra del World Press Photo 2019, per la prima volta nella Capitale europea della cultura, si concluderà con due importanti appuntamenti, a ingresso libero, dedicati al mondo della fotografia. Sabato 13 luglio alle 18 presso il Circolo La Scaletta, via Sette Dolori 10, il giornalista e fotografo Piergiorgio Branzi, in conversazione con Enrico Stefanelli, direttore Photolux festival, racconterà la sua lunga carriera. Testimone del nostro tempo, Branzi proporrà un viaggio attraverso la sua Toscana, con le fotografie in bianco e nero degli anni Cinquanta, passando per Mosca, dove ha vissuto cinque anni come inviato Rai, e Parigi, fino ad arrivare alla sua ultima produzione, più sperimentale.

Domenica 14 luglio alle 18 il Circolo La Scaletta ospiterà il fotografo toscano Nicola Tanzini per la presentazione del libro fotografico Tokyo tsukiji (Contrasto, 2018),che racconta la capitale del Giappone, soffermandosi su Tsukiji il mercato ittico più grande del mondo, situato dal 1935 nell’omonimo quartiere al centro della città.

La mostra del World Press Photo, organizzata da Photolux, Biennale internazionale di fotografia di Lucca, Circolo La Scaletta, 10b Photography e CIME, è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 22.

NOTA BIOGRAFICA PIERGIORGIO BRANZI

Cresciuto a Firenze, comincia a fotografare negli anni cinquanta. Formatosi nella tradizione figurativa toscana, si identifica nel “realismo-formalista”. Nel 1955 intraprende un lungo viaggio in motocicletta, attraverso l'Abruzzo e il Molise, la Puglia e la Lucania, la Calabria e Napoli, ma anche verso le zone depresse del Veneto. L' anno successivo attraversa la Spagna. Collabora all'esperienza editoriale de Il Mondo di Mario Pannunzio, registrando con le sue immagini la nascita convulsa della società di massa, il formalismo nei comportamenti della nuova borghesia, il graduale processo di omologazione consumistica. Verso la fine degli anni Cinquanta, dopo aver abbandonato gli studi di giurisprudenza, rallenta l'attività fotografica cercando uno sbocco nel giornalismo scritto. All'inizio degli anni sessanta è assunto dalla RAI. Nel 1962 il direttore del Telegiornale, Enzo Biagi, lo invia a Mosca, quale corrispondente televisivo occidentale nella capitale sovietica. Nel 1966 lascia Mosca per assumere l'incarico di corrispondente da Parigi. Dopo il maggio 1968, rientra a Roma come conduttore e inviato speciale del Telegiornale. Realizza inchieste e documentari in Europa, Asia, Africa. Dopo l'esperienza moscovita lascia la fotografia sperimentando la pittura e l'incisione. Riprende a fotografare a metà degli anni novanta per una rivisitazione dei luoghi pasoliniani. Dal 2007 sperimenta le possibilità della tecnica digitale. Numerose mostre personali delle sue immagini sono state ospitate in Gallerie private, Musei e Istituzioni pubbliche.

martedì 9 luglio 2019

Nell’Unibas aumentano le immatricolazioni

POTENZA - Nell’anno accademico 2018-2019 le immatricolazioni nell’Università della Basilicata sono state 1.149 con un aumento del 10,27% rispetto all’anno precedente: l’ateneo lucano – in base ai dati de “La Repubblica” – è ottavo, tra i venti in Italia, con la percentuale migliore di aumento delle iscrizioni (41 sono gli atenei con immatricolazioni in crescita, e 19 quelli in calo). L’Unibas, inoltre, ottiene il quarto posto nella classifica dei piccoli atenei italiani realizzata dal Censis, migliorando di due posizioni il risultato dello scorso anno: “Siamo molto soddisfatti di questo dato – ha spiegato la Rettrice dell’Unibas, Aurelia Sole – in quanto premia gli sforzi fatti dall’università in termini di offerta didattica e di attrattività”.

Sulla base dei dati forniti da Almalaurea (XXI rapporto sui laureati nel 2018), il 92% dei laureati nell’Unibas si dice soddisfatto dell’esperienza universitaria (88,9% la media nazionale), e il 91,7% si dice soddisfatto del rapporto con i docenti (86,4 la media nazionale): il voto medio di laurea è stato il 102 (102,9 la media nazionale), la media dei voti agli esami universitari è stata invece del 26 (26,3 la media nazionale). Il 22%, infine, si è laureato nell’Unibas provenendo da altra regione di residenza (con una media identica a quella nazionale). Il 56,9% dei laureati ha svolto tirocini riconosciuti dal proprio corso di studi: il 57,1% tra i laureati di primo livello e il 39,5% tra i magistrali biennali (valore, quest’ultimo, che cresce al 64,7% considerando anche coloro che l’hanno svolto solo nel triennio). L’84,7%, infine, ha ritenuto adeguato il carico di studio nella sua esperienza universitaria in Basilicata.

“Oggi – ha aggiunto la Rettrice - contiamo 6.700 iscritti sulle due sedi, con un incremento degli immatricolati costante nel tempo. A questi numeri si aggiungono gli iscritti ad altre attività, come il Tfa sostegno e i corsi 24 Cfu per la formazione degli insegnanti, e gli iscritti al terzo livello della formazione: la scuola di specializzazione di Archeologia, i nostri Dottorati di ricerca e i Master. Ogni anno contiamo mediamente 900 tra laureati magistrali e triennali. Il numero complessivo dei laureati dall’istituzione dell’Unibas a oggi è di 17.546 studenti”. Sole ha quindi evidenziato che “se andiamo a esaminare il dato dell’efficacia della laurea Unibas per l’occupazione, ossia quanto è stata determinante la laurea per trovare lavoro, il nostro dato è più alto rispetto a quello nazionale: in particolare, a un anno dalla laurea, il 69,4% rispetto al 59% nazionale, e a cinque anni dalla laurea sale all’81,4% rispetto al 65,3% nazionale. Ora è il momento di lavorare sul rispetto dei tempi previsti per la conclusione del percorso universitario, fattore che risulta determinante nel favorire migliori opportunità occupazionali; naturalmente il tema non è erogare percorsi formativi più facili, bensì affiancare il percorso di ogni singolo studente, attraverso attività di tutorato da parte di studenti meritevoli e dottorandi, e con attività di mentoring erogate da specialisti, cosa che abbiamo messo in campo da qualche anno”.

In tema di qualità dell’offerta didattica, “va evidenziato come l’Unibas abbia tre corsi che prevedono il rilascio del doppio titolo con atenei stranieri (Operatore dei beni culturali con la Sorbona di Parigi, Archeologia e Storia dell’arte con l’Ecole Pratique de Haute Studes di Parigi, Scienze e tecnologie Alimentari con l’Universidad de la Extremadura (Spagna), e un corso interamente internazionale sulle Gestione Sostenibile e la qualità alimentare (Edamus), abbiamo Dottorati internazionali e in collaborazione con il tessuto industriale lucano”. Per il prossimo anno accademico, inoltre, è stato istituito il corso di laurea sperimentale in "Tecniche per l’edilizia e la gestione del territorio", 40 i posti a disposizione e ammissione subordinata al superamento di una prova di accesso attraverso un test in ingresso. Infine, per i corsi ad accesso programmato; ecco tutte le informazioni:

Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Architettura (a programmazione nazionale)

I posti disponibili sono 85 (+ 2 riservati a cittadini non comunitari residenti all’estero, + 2 riservati a cittadini cinesi partecipanti al progetto “Marco Polo”. L'iscrizione dovrà essere effettuata attraverso il portale Universitaly, entro le ore 15 del 25 luglio 2019, e dovrà poi essere perfezionata seguendo la procedura informatizzata sul sito web di Ateneo (https://unibas.esse3.cineca.it/Home.do), entro le ore 12 del 30 luglio 2019.

La prova si svolgerà il 5 settembre, alle ore 11, nella sede di Matera, Via Lanera 20.

Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della formazione primaria (a programmazione nazionale)


I posti disponibili sono 160 (+ 5 riservati a cittadini non comunitari residenti all’estero, e + 5 riservati a cittadini cinesi partecipanti al progetto “Marco Polo”. La domanda di partecipazione al test di ammissione dovrà essere presentata esclusivamente online, entro le ore 12 del 30 agosto 2019, collegandosi al sito https://unibas.esse3.cineca.it/Home.do

Corso di laurea in Biotecnologie (a programmazione locale)

I posti disponibili sono 90 riservati a cittadini italiani, comunitari e non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia (+2 riservati a cittadini non comunitari residenti all’estero, + 2 riservati a cittadini cinesi partecipanti al Progetto “Marco Polo”). La domanda di ammissione dovrà essere presentata esclusivamente online, entro le ore 24 del 10 settembre 2019, collegandosi al sito https://unibas.esse3.cineca.it/Home.do. Per essere ammessi alla selezione bisogna aver sostenuto il test TOLC-B erogato dal CISIA, che prevede le seguenti sedute: 9 settembre 2019; 10 settembre 2019. La domanda di partecipazione al test, per ciascuna seduta, deve essere presentata attraverso il portale www.cisiaonline.it entro la scadenza consultabile sullo stesso sito e sul sito del Dipartimento di Scienze. Le prove si svolgeranno a Potenza, nell'aula "D" del CISIT "Centro Infrastrutture Sistemi ICT" Campus di Macchia Romana. È possibile esercitarsi prima della prova collegandosi alla pagina http://allenamento.cisiaonline.it/utenti_esterni/login_studente.php

Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia (a programmazione locale)
I posti disponibili sono 100 (+ 5 riservati a cittadini non comunitari residenti all’estero, + 2 riservati a cittadini cinesi partecipanti al progetto “Marco Polo”).

La domanda di ammissione dovrà essere presentata esclusivamente online, entro le ore 24 del 12 settembre 2019, collegandosi al sito https://unibas.esse3.cineca.it/Home.do

Per essere ammessi alla selezione bisogna aver sostenuto il test TOLC-F erogato dal CISIA, che prevede le seguenti sedute: 11 settembre 2019; 12 settembre 2019.

La domanda di partecipazione al test, per ciascuna seduta, deve essere presentata attraverso il portale www.cisiaonline.it, entro la scadenza consultabile sullo stesso sito e sul sito del Dipartimento di Scienze. Le prove si svolgeranno a Potenza, nell’aula "D" del CISIT "Centro Infrastrutture Sistemi ICT" Campus di Macchia Romana.

È possibile esercitarsi prima della prova collegandosi alla pagina http://allenamento.cisiaonline.it/utenti_esterni/login_studente.php

Corso di laurea a orientamento professionale in Tecniche per l’Edilizia e la Gestione del Territorio (a programmazione locale)

I posti disponibili sono 40, e sono riservati a cittadini italiani, comunitari e non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia.

La domanda di ammissione dovrà essere presentata esclusivamente online, entro le ore 12 del 16 settembre 2019, collegandosi al sito https://unibas.esse3.cineca.it/Home.do. Per essere ammessi alla selezione bisogna aver sostenuto il test TOLC-I erogato dal CISIA, che prevede le seguenti sedute: 23 luglio 2019; 4 settembre 2019; 13 settembre 2019. La domanda di partecipazione al test, per ciascuna seduta, deve essere presentata attraverso il portale www.cisiaonline.it entro la scadenza consultabile sullo stesso sito e sul sito del Dipartimento di Scienze. Le prove si svolgeranno a Potenza, nell'aula "D" del CISIT "Centro Infrastrutture Sistemi ICT" Campus di Macchia Romana.

È possibile esercitarsi prima della prova collegandosi alla pagina http://allenamento.cisiaonline.it/utenti_esterni/login_studente.php

lunedì 8 luglio 2019

Matera: scattate le multe per chi smaltisce i rifiuti in maniera non corretta


MATERA - La Polizia Locale, a Matera, nel corso di controlli effettuati in diverse parti della città, ha deciso di comminare un numero considerevole di sanzioni amministrative dovute ad un errato conferimento di rifiuti e ad illeciti ambientali, reati commessi da cittadini che erano intenti a smaltire dei rifiuti in maniera non corretta. Questi sono stati scoperti grazie all'ausilio delle telecamere che tengono sotto controllo le isole ecologiche.

I carabinieri sospendono tre attività nella zona jonica


MATERA - I Carabinieri, nel corso di un giro di controlli effettuati assieme agli uomini del Nas e dell'Ispettorato del lavoro, nei lidi balneari e nei campeggi da Metaponto e Nova Siri, hanno deciso di sospendere una pizzeria, un laboratorio in cui venivano preparati cibi e uno stabilimento balneare. Le strutture presentavano carenze igienico - sanitarie.

domenica 7 luglio 2019

Pomarico, uomo cade in un burrone con il proprio camion


POMARICO (MT) - Un grave incidente è avvenuto in contrada Sant'Angelo di Pomarico (Matera). Un 55 enne di Bernalda (Matera) è deceduto nel pomeriggio di ieri dopo essere caduto all'interno di un dirupo di oltre 30 metri, per cause ancora tutte da accertare. All'interno del burrone è stato ritrovato anche il camion che l'uomo stava utilizzando per il trasporto del grano. I Carabinieri stanno indagando sull'accaduto.

Matera: revocati fuochi pirotecnici a Murgia Timone


MATERA - Il Presidente dell’Associazione Maria SS. della Bruna Mimì Andrisani, comunica che la Regione Basilicata, con P.E.C. trasmessa solo alla Questura di Matera e non già al soggetto richiedente, ha revocato l’autorizzazione ad effettuare gli spettacoli pirotecnici in loc. Murgia Timone in agro del Comune di Matera previsti in data 7 luglio e 20 settembre 2019, per motivi al momento sconosciuti.

Conseguentemente, si è appreso che la Questura di Matera intende revocare la licenza rilasciata in data 05 luglio 2019 al pirotecnico DI PIETRO Maurizio titolare della Pirotecnica Santa Chiara di Castorano (AP).

La decisione dell’ Ufficio compatibilità Ambientale della Regione Basilicata è incomprensibile, continua il Presidente Andrisani, e, pertanto, l’Associazione Maria S.S. della Bruna si riserva di adire le vie legali, in sede penale e civile, considerato altresì che nessuna notifica è stata fatta all’Associazione di tale revoca da parte dell’ Ufficio regionale competente.

sabato 6 luglio 2019

Bus Melfi-Nova Siri, Giordano (Ugl): "Operai con l’ombrello, piove nell’autobus"

MATERA - “Operai con l’ombrello aperto per ripararsi dalla pioggia. È quanto accade sul bus dell’azienda Nolè, linea Melfi-Nova Siri, ennesimo disservizio di una lunga catena che per tanti utenti rappresenta ‘l’emblema del degrado.

Siamo alla frutta: non è possibile far viaggiare dei pullman ridotti in quelle condizioni. È una situazione veramente assurda, che ha dell’incredibile: i lavoratori, i pendolari tutti, hanno il diritto di muoversi all’interno di mezzi idonei, dove non gli piove sulla testa.

Per evitare l’acqua che cadeva su alcuni sedili, i passeggeri hanno aperto l’ombrello, mentre altri si sono dovuti tenere alla larga dalle ‘catenelle di pioggia’ battente sui sedili, ammassandosi in ogni angolo. Il tetto del bus presentava diverse perdite di acqua, di conseguenza alcuni passeggeri hanno dovuto aprire gli ombrelli per ripararsi.

Una scena imbarazzante e che umilia coloro che ogni giorno sono costretti a lavorare fuori sede pagando regolarmente il prezzo del biglietto o dell’abbonamento dell’autobus. E’ arrivato il momento di dire basta, come Ugl Matera denunciamo instancabilmente che oramai è consuetudine che in Basilicata quanto si consuma nel territorio, non faccia più notizia.

Il bus per l’Fca Melfi dell’azienda Nolè parte alle ore 14.00 di ieri dal capolinea della zona industriale di San Nicola con a bordo operai, già con una serie di anomalie estremamente gravi, anomalie che mettono ogni giorno a repentaglio la sicurezza dei viaggiatori e degli autisti. Un parco macchine obsoleto che andrebbe immediatamente sostituito con nuovi mezzi, prima che accada l’irreperibile; per l’Ugl è grave, non si può sottacere e tantomeno sottovalutare’”.

E’ quanto denuncia il segretario provinciale dell’Ugl Matera, Pino Giordano per il quale, “la provincia di Matera e la regione Basilicata tutta, deve comprendere che non è possibile far viaggiare dei pullman ridotti in quelle condizioni. È una situazione veramente assurda, che ha dell’incredibile.

Sapendo come l’argomento stia a cuore del Presidente della Provincia di Matera, avv. Piero Marrese e dell’assessore Regionale alle Infrastrutture, Arch. Donatella Merra, a loro chiediamo di assecondarci in questa giusta battaglia. È necessario un cambio generazionale degli autobus.

La storia di ieri del tettino del pullman ’permeabile’ all’acqua, immortalata anche in foto dai lavoratori mentre erano in viaggio, non è certo un disservizio isolato, ma soltanto l’ultimo di una lunga serie a detta di diversi pendolari.

La cronaca, ovviamente non esaustiva su tutti i guasti e le rotture di mezzi dell’ultimo periodo su strade mulattiere materane, è molto nutrita. A evitare il peggio finora, per l’Ugl è stata la grande disponibilità del personale, sempre pronto a mettere una toppa in caso di guasti. Dobbiamo solo essere speranzosi se il tutto andrà bene ricordandoci che il mezzo affronta il viaggio di una sola corsa per ben 400 Km e per tre volte al giorno. Con gomme lisce e lacerate, climatizzatore guasto e condizioni igieniche del mezzo precarie.

Ma – tuona forte il segretario Giordano – l’Ugl non si ferma a denunciare: cosa bisogna aspettare che ci scappi il morto, o la tragedia, prima che le Autorità competenti avviino un’immediata verifica dello stato di affidabilità degli autobus che circolano in Basilicata e che sono impiegati nel trasporto pubblico?

La Regione Basilicata a trazione Pittella in testa, cosa ha fatto? Nulla, per l’Ugl – prosegue Giordano – si è continuati ad utilizzare autobus che non conoscono un minimo di manutenzione. Quanto accade agli utenti non è di poco conto e, sicuramente, con l’instancabile lavoro che quotidianamente svolgono le Forze di Polizia, si apriranno delle verifiche ispettive su tali incresciosi episodi accertando lo stato di affidabilità dei mezzi impiegati nel trasporto pubblico in Basilicata.

Il nostro auspicio – conclude Giordano – è che la Regione Basilicata avvii le dovute urgenti verifiche e che le Autorità di Controllo, alle quali va il ringraziamento dell’Ugl, alla luce di questo ultimo avvenimento, siano molto severi nel far rispettare a tutte le aziende codice e normative riguardanti il trasporto servizio pubblico”.

In Fondazione Sassi la presentazione di #VentiMatera

MATERA - Si terrà martedì 9 luglio, ore 19, nella sede della Fondazione Sassi, a Matera, la presentazione dell'ultimo libro firmato da Sergio Ragone, #VentiMatera. Il volume, terza della collana " I luoghi ideali" per la Editrice UniversoSud, rappresenta la volontà dell’autore di creare una memoria del racconto collettivo e di mostrare le storie, le paure, il coraggio, le visioni, la Matera “invisibile”. Il 2020.

Come per i precedenti lavori, #PotenzaVisibile e #VediMaratea, anche in questo caso l'autore dialoga con cittadini, intellettuali, giornalisti, registi, imprenditori, opinion maker e musicisti sul futuro della Basilicata, a partire da Matera Capitale europea della cultura, e sulle possibili strategie di sviluppo dell'intero Mezzogiorno.

"Un racconto corale, per un cammino collettivo. E’ altissima l’ambizione di Sergio; “Vaste Programme”, avrebbe detto il generale de Gaulle. Soprattutto in Basilicata: creare identità e visione comune, a partire da uno degli ultimi riti collettivi televisivi: il capodanno Rai. Tendone itinerante, come quello di Joe Morelli ne “L’Uomo delle Stelle”, che da 4 anni attraversa e incuriosisce la Lucania. Un rito che Sergio cerca di sezionare. Come un rabdomante, ne indaga le conseguenze su un popolo disabituato alla ribalta, ma che da un po’ di tempo apprezza di essere riconosciuto, senza neanche conoscersi appieno. Da qui, l’occasione, per i lucani, di trarre consapevolezza e valore",così ne parla il giornalista del Tg1 Mario De Pizzo, lucano di origine, che firma la prefazione al libro.

#VentiMatera nasce dalla narrazione collettiva digitale: un hashtag che racconta la città, attraverso le foto ed i contenuti postati sui social network.

Alla discussione parteciperanno: Vincenzo Santochirico, Presidente Fondazione Sassi; Giampaolo D'Andrea, Assessore Comune Matera; Rossella Rubino, Avvocata, Consigliera Comune Matera); Antonio Candela, CEO UniversoSud; Silvio Giordano, Visual Artist; Giuseppe Tralli, Giornalista; Gianfranco Blasi, Giornalista e scrittore.

Sarà presente l'autore.