domenica 24 marzo 2019

Quaresima: riflessioni dell'arcivescovo di Matera-Irsina mons.Caiazzo


MATERA - Anche questa domenica rimaniamo in alta quota. Dal Tabor della trasfigurazione di Gesù al monte del Sinai con il roveto ardente che brucia e non si consuma.

Come dimenticare la mia arrampicata lungo la dorsale del Sinai insieme ad un gruppo di pellegrini! Davvero molto faticosa ma, una volta in cima, che meraviglia!

Il sole stava per tramontare: celebrammo la messa su un altare di fortuna e, al momento della consacrazione, abbiamo risentito le parole che Dio disse a Mosè: «Non avvicinarti oltre! Togliti i sandali dai piedi, perché il luogo sul quale tu stai è suolo santo!». E così facemmo.

Mentre il sole ormai tramontava, sentivamo il calore di quel “Roveto” che ardeva nel nostro cuore. Ci avvolgeva il buio più denso, rischiarato dalle stelle che apparivano così vicine e luminose da avere la sensazione di poterle toccare. Mai visto uno scenario così bello e struggente.

La discesa, di notte, fu ardua, faticosa e rischiosa nonostante fossimo muniti di torce elettriche, ma la gioia era talmente grande che niente ci faceva paura. Quanto descritto nella prima lettura l’avevamo vissuto e, come Mosè, ci sentivamo inviati da Dio a scendere in mezzo al popolo per portare il suo annuncio di liberazione, di salvezza.

Scendemmo da 1500 mt a 1000 mt in pieno deserto, dove c’era il nostro albergo. La gioia era davvero tanta che nessuno voleva andare a letto nonostante l’ora tarda. Incontenibile era la voglia di rivivere e condividere quanto avevamo vissuto.

Anche in questa terza domenica di Quaresima salire e scendere comportano fatica, azioni ardue ma necessarie per arrivare a Dio: salire per stare con lui, riempirsi della sua Parola, della sua luce e calore e scendere a valle con una missione: «Così dirai agli Israeliti: “Io Sono mi ha mandato a voi”». Dio disse ancora a Mosè: «Dirai agli Israeliti: “Il Signore, Dio dei vostri padri, Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe mi ha mandato a voi”. Questo è il mio nome per sempre; questo è il titolo con cui sarò ricordato di generazione in generazione».

Dio non ha bisogno di uomini pii disincarnati dalla vita, dalla storia. Servono uomini di contemplazione ma pronti a tuffarsi, in quanto uomini, tra gli uomini bisognosi di essere sostenuti, illuminati, accompagnati, liberati dalla tante forme di schiavitù generate da interessi personali, da politiche di distinguo, da sentimenti di odio e di discriminazione.

Gesù nel Vangelo ci fa comprendere, attraverso questo meraviglioso insegnamento, che il Dio che lui è venuto a rivelarci non è quello che punisce. Che non ci sono gli eletti e gli infedeli, categorie culturali e religiose create da noi in base a particolari momenti storici e per convenienza. Gesù ricorda alcuni episodi drammatici della storia della salvezza: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo». Episodi che fanno ritornare ogni uomo con i piedi per terra: nessuno è migliore dell’altro. Dio è amore e non punisce nessuno. Le punizioni che notiamo non vengono da Lui: sono la logica conseguenza dei nostri errori, soprattutto quando ci ostiniamo a non riconoscerli. Diventiamo schiavi delle logiche del perbenismo religioso, del puritanesimo e del moralismo declamato, del giudizio ossessivo. Sono queste torri, progettate e costruite ad arte, che, come la storia insegna, un giorno rovineranno conseguentemente sugli uomini.

Dio, proprio perché è Amore, continua a donarci tempo. Tempo per ripensare la nostra vita, la nostra storia con gli altri. È questo il senso dello zappare e coltivare l’albero ancora per un anno. Si vedranno i frutti, si raccoglieranno e si gusteranno se, con pazienza e continuità, si andrà avanti: ciò che viene da Dio non può finire ma trova sempre terreno fertile nei cuori amanti della vita, dell’intera umanità, dell’ambiente. Capaci di soffrire, sacrificandosi per un bene più grande, con lo sguardo lungo, verso orizzonti senza confini.

† Don Pino