domenica 26 giugno 2016

A Potenza "Diamo credito alla Basilicata"

POTENZA - Diamo credito alla Basilicata. È il tema del convegno promosso dalla First Cisl Basilicata - la federazione che rappresenta i lavoratori delle banche, delle assicurazioni, degli enti di riscossione e delle authorithies - in programma domani, lunedì 27 giugno, a Potenza, a partire dalle 17, nella Casa del Volontariato, in Via Sicilia 23. Intorno al tavolo della discussione i più autorevoli esponenti della vita politica, economica e sociale della regione. I lavori del convegno saranno introdotti dalla relazione del segretario generale Gennarino Macchia. Sono previsti gli interventi della presidente di Federcasse Puglia e Basilicata, Teresa Fiordelisi, del segretario generale della Cisl Basilicata, Nino Falotico, del presidente di Sviluppo Basilicata, Giampiero Maruggi, e del presidente della giunta regionale, Marcello Pittella. Concluderà i lavori il segretario generale della First Cisl nazionale, Giulio Romani.

Tre i punti principali sui quali si confronteranno i relatori del convegno: un nuovo modello di banca per superare la crisi del sistema creditizio; il rilancio del credito cooperativo per supportare lo sviluppo della piccola e media impresa locale; la trasformazione di Sviluppo Basilicata come braccio finanziario di un’agenzia di sviluppo regionale. Nel corso del convegno saranno inoltre diffusi i dati aggiornati sulla desertificazione creditizia in Basilicata. “Nel pieno delle turbolenze finanziarie provocate dalla Brexit - spiega Macchia - è utile ragionare sul futuro del sistema del credito in Basilicata e del suo ruolo nel sostenere la ripresa economica. Dare credito alla Basilicata - continua il segretario della First lucana - significa esplorare strade nuove nelle politiche di sviluppo regionale e lavorare per ricostruire un clima di fiducia intorno al mondo delle banche dopo i disastri degli ultimi anni. Per fare questo - conclude Macchia - serve un modello di banca più vicino al territorio e agli attori economici locali. È una sfida che riguarda anche il sindacato, e noi siamo pronti alla sfida”.

0 commenti:

Posta un commento