Don Uva, 'Ente d'eccellenza abbandonato a se stesso'

"Quello che fino a poco tempo fa sembrava un dubbio, sta diventando una certezza: il Don Uva è stato abbandonato a se stesso. Ora sperare in una svolta per dipendenti e pazienti sta diventando pura utopia, perché dalle vicende giudiziarie che l'hanno travolto non resta che aspettarsi il peggio”. E’ quanto dichiara il segretario regionale dell’Ugl Basilicata Sanità, Michele De Rosa

Giallo a Potenza: muore donna, grave marito: indagini

Sarà l'autopsia a far luce sulle cause della morte di una donna di circa 50 anni, trovata cadavere nel suo letto accanto al marito, che, ora, in gravi condizioni, è ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale San Carlo di Potenza

lunedì 22 dicembre 2014

Petrolio: in L.di Stabilità 'Tavolo della trasparenza'

POTENZA - Nella prossima legge di Stabilità regionale sarà presente un 'Tavolo della trasparenza' sul petrolio ed è previsto un finanziamento per il Centro di medicina ambientale in Val d'Agri: ad annunciarlo in alcuni tweet il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Piero Lacorazza. Il 'Tavolo della trasparenza' seguirà il modello dell'organismo già attivo da anni in regione per il settore del nucleare.

Baldassarre e Restaino coordinatori Gioventù Nazionale Potenza

POTENZA -- Gioventù Nazionale, il movimento giovanile di Fdi-An, si struttura anche a Potenza: dopo circa 18 mesi di impegno, che hanno visto i ragazzi della comunità potentina in prima linea negli appuntamenti elettorali e in ogni occasione, Loredana Baldassare e Giorgio Maria Restaino hanno assunto l’impegno di coordinare le attività nella città capoluogo, con il sostegno e il supporto di tutto il gruppo giovanile.

Militanza, impegno, presenza sul territorio cittadino, attenzione ai problemi quotidiani della città e dei rioni, stimolo continuo al partito – oggi classe dirigente in città – a fare meglio: sono stati questi e questi saranno gli elementi che contraddistinguono l’azione quotidiana di Gioventù Nazionale a Potenza. Proveremo a costruire un movimento giovanile che sappia dare voce a un’ampia generazione - dai ragazzi delle scuole fino ai giovani laureati – accomunata, nel tempo che viviamo, dall’assoluta mancanza di certezze riguardo al proprio futuro.

Il sistema clientelare che da decenni governa la nostra terra mostra in questi ultimi mesi profonde crepe: dai disastri finanziari di Potenza fino alla svendita del petrolio, è evidente l’incapacità dei governanti di centrosinistra. La spallata a questo fallimentare sistema può e deve venire dalle nuove generazioni!

A Loredana e Giorgio un grande “in bocca al lupo” da parte di tutta la comunità di Gioventù Nazionale sicuri che il loro impegno e il loro entusiasmo nella città di Potenza faranno da traino a tutto il movimento regionale!
Così in una nota Canio Sinisi – Gioventù Nazionale Basilicata.

Lega Pro: buon pareggio del Matera a Melfi

di Francesco Loiacono - Turno positivo per le squadre lucane nel girone C del torneo di calcio di Lega Pro. A Melfi nel derby i gialloverdi hanno pareggiato per 1-1 in casa col Matera. Buona la partita disputata dai blu della città dei sassi che si sono caratterizzati per ottima visione di gioco notevole disposizione tattica e grandi doti tecniche individuali. Eccellente l’incontro del Melfi volenteroso, perfettamente calato nel furore agonistico tipico del derby lucano velocissimo nelle ripartenze in contropiede, organizzato con sagacia e oculatezza dal tecnico Bitetto. Nel primo tempo il Matera si è reso insidioso con Madonia, il cui sinistro ha lambito di poco il palo. Il Melfi ha replicato con prontezza, una bordata di destro dal limite dell’area di Tortori è terminata di un soffio a lato. La squadra di Auteri protagonista, Iannini ci ha provato dalla lunga distanza ma non ha inquadrato la porta melfese.

Il Matera è passato in vantaggio per merito di Madonia, il quale con un preciso destro da pochi metri ha sorpreso il portiere Perina. Per Madonia sesto gol stagionale. I blu hanno insistito però stavolta Madonia si è visto respingere in corner dal difensore Guerriera la sua conclusione col piatto sinistro. Melfi propositivo con Giacomarro, buona l’intenzione altrettanto bravo il portiere Bifulco a uscire tempestivamente con le mani. Fella ha tentato con un tocco in scivolata, ancora Bifulco attento a respingere con un piede. Gialloblu trascinati dai tifosi, Caturano si è inventato un gran numero sorprendendo la difesa materana Bifulco gli ha negato la gioia del gol. Nel secondo tempo il derby ha continuato ad essere molto interessante.

Il Melfi si è fatto notare, punizione di Dermaku palla che è terminata alta per un nonnulla. Caturano si è inserito con velocità in area di rigore ma il portiere Bifulco ha ribattuto con grande abilità. Il Melfi ha pareggiato grazie a Caturano, che con un bel colpo di testa  stavolta ha superato Bifulco. Per Caturano sesta rete in questo campionato. La squadra di Bitetto ha cercato di vincere, Tortori ha tirato di destro in diagonale non è stato fortunato. Il Matera con carattere e grinta si è organizzato in campo, Madonia tutto solo davanti al portiere Perina ha incredibilmente mandato il pallone lontano.

Ad un minuto dalla fine occasionissima per il Melfi, Pinna su calcio piazzato con una pennellata di sinistro ma sfera fuori. Per il Matera quarto pareggio fuori casa, 28 punti in classifica sesto posto e zona play per la promozione in B. Invece il Melfi si è portato a quota 20, ha ottenuto il quarto pareggio interno, può essere tranquillo in chiave salvezza. Il Matera certamente ha tutte le possibilità di disputare un campionato ricco di soddisfazioni, il Melfi è una valida squadra, può continuare ad esprimersi bene.

Fai Cisl, a Matera il consiglio generale di fine anno

MATERA -- Il flop della gestione commissariale dei consorzi di bonifica; il futuro della forestazione e del progetto Vie Blu; gli investimenti nel settore alimentare. Questi alcuni dei temi al centro del consiglio generale di fine anno della Fai Cisl che si è riunito nei giorni scorsi a Matera; scelta, quella della Città dei Sassi, che per il segretario generale Antonio Lapadula “è il doveroso omaggio a una comunità che ha saputo riunire le migliori energie per metterle al servizio di un grande progetto di sviluppo”.

Ma il modello Matera - è il rammarico della Fai Cisl - è l’eccezione che conferma ben altre regole. È il caso, assai contestato nel corso della riunione, dei consorzi di bonifica. Durissimo l’attacco della Fai Cisl contro il commissario Giuseppe Musacchio che “in nove mesi di gestione non ha prodotto alcuna valida proposta per il riassetto del settore, ma ha avuto il tempo di portare al minimo storico le relazioni con il sindacato”.

Lapadula ha ricordato che “tutto il sistema degli enti agricoli, comprese le associazioni allevatori, vivono un momento di profonda crisi, con i lavoratori che non ricevono lo stipendio da mesi, nel disinteresse delle stesse organizzazioni professionali agricole che sul tema dovrebbero dimostrare una maggiore attenzione”.

Per quanto riguarda la forestazione, in attesa del nuovo piano 2015, la richiesta della Fai è di andare sempre più verso un modello gestionale più moderno in grado di generare un indotto energetico legato al riuso degli scarti della lavorazione forestale in centrali a biomasse di piccola taglia per il fabbisogno locale.

Buone notizie arrivano invece dal settore alimentare grazie ai nuovi investimenti realizzati o in corso d’opera, come Barilla e San Benedetto, e al recente rinnovo di importanti contratti aziendali. “Per l’industria alimentare lucana - ha detto Lapadula - possiamo parlare di sostanziale tenuta pur dentro un contesto caratterizzato dal perdurare della recessione economica e della crisi dei consumi, ma resta ancora molto da fare per mettere in rete le industrie di trasformazione con i produttori agricoli della zona”.

Il consiglio generale della Fai Cisl ha infine confermato la sua adesione al progetto di unificazione con la Filca Cisl.

A Bella secondo appuntamento con la rassegna 'InCanti di Natale'

BELLA (PZ) – Dopo la prima di Ruoti, secondo concerto ieri a Bella della rassegna “InCanti di Natale. Tradizioni e contaminazioni”, promossa dal Gal Marmo Melandro per animare le comunità rurali del territorio in occasione del periodo natalizio. Ad esibirsi all’interno della Chiesa di Santa Maria Assunta, appena riaperta al culto dopo un restauro, il gruppo gospel inglese Patrick George & United Praise Mass Choir, sestetto piano e voci che ha eseguito un repertorio di canti natalizi della tradizione anglofona.

Il concerto è stato aperto dal coro dell’Unitre di Bella, diretto dal maestro Michele Ostuni. La serata si è conclusa con la degustazione del tipico dolce fatto in casa del luogo. Il gruppo degli United Praise Mass Choir, ospiti internazionali della serata, è stato fondato dal pastore Patrick George ed è formato da talentuosi artisti provenienti dal Sud dell’Inghilterra. La forza che sprigionano è cresciuta di concerto in concerto, fino a farli diventare uno dei gruppi di spicco dell’intero Regno Unito. Con il loro repertorio, che spazia dal gospel tradizionale al jazz all’r&b alla musica classica, si sono esibiti nei migliori teatri e nelle più prestigiose cattedrali del Regno Unito. Patrick George è noto in patria anche per aver raggiunto nel 2013 le semifinali del programma televisivo “Britain's Got Talent” con la formazione da lui diretta dei Gospel Singers Incognito.

 Il programma di “InCanti di Natale” continua nelle prossime settimane con il binomio concerti-degustazioni, toccando gli altri 13 comuni del Marmo Melandro: il 23 dicembre a Pescopagano nella Chiesa di San Giovanni (ore 19.00) e nei giorni seguenti a Castelgrande (26 dicembre), Picerno (26 dicembre), Balvano (26 dicembre), Sant'Angelo Le Fratte (27 dicembre), Sasso di Castalda (28 dicembre), Vietri di Potenza (28 dicembre), Muro Lucano (29 dicembre), Satriano di Lucania (30 dicembre). Nel nuovo anno previsti gli appuntamenti di Savoia di Lucania (3 gennaio), Baragiano (4 gennaio), Tito (5 gennaio), per chiudere il 6 gennaio con un gran galà a Satriano di Lucania, che vedrà l’esibizione del pianista compositore Rocco Mentissi.

Gli altri gruppi gospel in cartellone, invitati dal direttore artistico della manifestazione Pasquale Cappiello grazie alla partnership con il “Basilicata Gospel Festival”, sono i Divinity dagli Stati Uniti e gli United Gospel Kingdom dal Regno Unito.

Don Uva, 'Ente d’eccellenza abbandonato a se stesso'

POTENZA -- “Quello che fino a poco tempo fa sembrava un dubbio, sta diventando una certezza: il Don Uva è stato abbandonato a se stesso. Ora sperare in una svolta per dipendenti e pazienti sta diventando pura utopia, perché dalle vicende giudiziarie che l'hanno travolto non resta che aspettarsi il peggio”.
E’ quanto dichiara il segretario regionale dell’Ugl Basilicata Sanità, Michele De Rosa per il quale, “la Regione che poteva dare una svolta positiva sul destino dell'Ente, si è totalmente defilata e nonostante le promesse e gli impegni presi, ha solamente illuso/deluso tutti i lavoratori. Le varie richieste fatte all’Assessore alla Sanità Franconi, del tutto assente per quanto riguarda queste problematiche e, al Presidente Pittella che, ha ben altri interessi, non hanno ricevuto nessuna risposta: con immensi sacrifici nella struttura ci si dedica alla cura, all’assistenza, alla riabilitazione, alla risocializzazione, alla difesa ed alla sorveglianza delle persone nelle quali è presente una compromissione delle facoltà intellettive superiori, in special modo verso i neuropatici, i minorati psichici e anche i lungo degenti ma, di quello che un tempo era un centro di eccellenza della Sanità lucana, ne è rimasta una gravosa zavorra con un debito di oltre 500Milioni di euro. Va sottolineato infine che a niente è servita la segnalazione fatta dalla Dirigenza Medica che in una relazione tecnica inviata ai vari uffici ed Organi Regionali oltre che all’ASP ed al Commissario dell'Ente, evidenziava le difficoltà assistenziali dalla cronica carenza di personale, dove neppure l'ipotetica turnazione che l'Ente intende adottare dal prossimo mese di gennaio, servirà a ristabilire i livelli minimi assistenziali. Il Don Uva  - conclude De Rosa – per l’Ugl è ormai un problema grosso che tutti evitano e scaricano. Occorre però ricordare un particolare: la Casa Divina Provvidenza Don Uva di Potenza, si caratterizza ancora oggi grazie al personale medico e paramedico per la varietà di servizi, di strutture e di spazi riabilitativi, socializzanti, lavorativi, lu­dici, sportivi, ricreativi ed offre più l’immagine di una piccola città, anziché di un’Istituzione: il Presidente Pittella comprenda bene che non stiamo parlando di una fabbrica ma di un centro di riabilitazione che da assistenza a persone particolari”.

domenica 21 dicembre 2014

Calcio, Serie D - Girone H: il Potenza sale al secondo posto, KO interno del Francavilla

di Nicola Zuccaro - Il sedicesimo turno del Girone H del Campionato di Serie D - l'ultimo dell'anno solare 2014 - si è rivelato scoppiettante per le compagini potentine ; sia in negativo che in positivo.

La nota dolente giunge da Francavilla sul Sinni dove i locali, subendo la seconda sconfitta consecutiva, con il punteggio di 1 a 0 mancano, nello scontro diretto di metà classifica che li ha opposti alla Sarnese, l'aggancio alla sesta posizione della graduatoria. Questa sconfitta di misura non compromette la classifica del Francavilla; inchiodato al settimo posto con 21 punti.

A riservare la nota lieta è il Potenza che, sbancando sull'ostico rettangolo di Cava dei Tirreni, si impone per 3 a 2 ai danni della Cavese. Al triplice fischio, il successo dei rossoblu potentini si rivelerà " pesante " alla luce del 3-2 inflitto dall'Andria in casa del Bisceglie.

In virtù di questo risultato finale, il Potenza scavalca in classifica i nerazzurri, portandosi al secondo posto della graduatoria a -5 dalla capolista andriese. Si tornerà in campo, dopo la pausa per le festività natalizie e di fine anno, alle 14.30 di domenica 4 gennaio 2015 per il diciassettesimo turno, l'ultimo del girone di andata della stagione corrente.

sabato 20 dicembre 2014

Crisi: Romaniello, 'Si a reddito di cittadinanza'

POTENZA -- Una misura ''di inclusione sociale'' in Basilicata attraverso la garanzia di un reddito, partendo da circa 7.200 euro l'anno (600 netti al mese), alle famiglie senza un lavoro: i fondi potranno essere recuperati con l'incremento dell'addizionale Irpef per i redditi medio-alti, da una parte delle royalties e da finanziamenti europei.

La proposta di legge sul ''Reddito di cittadinanza'' è stata illustrata stamani a Potenza, dal consigliere regionale Giannino Romaniello (Gruppo misto).

Asm, la Fisascat Cisl denuncia: 'il cambio di appalto delle pulizie è un pasticcio natalizio. Tutto congelato fino all’8 gennaio'

MATERA -- È un vero e proprio “pasticcio natalizio” l’appalto per la gestione delle pulizie nelle strutture sanitarie che fanno capo all’Asm. La denuncia è della Fisascat Cisl Basilicata. Dopo anni di gestione in regime di proroga, con annesse polemiche, sembrava infatti tutto pronto per il passaggio delle consegne tra la società uscente Markas e la subentrante Euro & Promos. Ieri i 180 addetti al servizio di pulizia hanno firmato i contratti di lavoro con il nuovo gestore “alle medesime condizioni contrattuali e di inquadramento” - come recita l’accordo sindacale raggiunto il 17 dicembre tra la società friulana e i sindacati di categoria Fisascat, Filcams e Uiltucs - ma in serata è arrivata l’inaspettata doccia fredda: tutto bloccato per via della pioggia di ricorsi presentati dalla Markas e da altre società che hanno partecipato alla gara di appalto. Se ne riparlerà (forse) l’8 gennaio quando il Consiglio di Stato dovrebbe esprimersi sul caso. In prima battuta il Tar del Lazio aveva dato un sostanziale via libera alla stipula del contratto con il nuovo gestore.

Nel frattempo, con il cambio di appalto messo nel congelatore, la Markas dovrebbe continuare a gestire le pulizie degli ospedali e degli ambulatori del materano, anche se sul punto “le notizie sono assai frammentarie e frutto di voci di corridoio perché la stazione appaltante non comunica con i sindacati attraverso note ufficiali”, denuncia il segretario della Fisascat Cisl, Aurora Blanca, che si dice “sorpresa per il mondo superficiale e approssimativo con il quale l’Asm sta gestendo la questione. Dopo anni di proroghe su proroghe - continua la dirigente sindacale - era lecito attendersi un procedimento un po’ meno accidentato; e invece assistiamo al solito balletto di ricorsi e contro-ricorsi, alla faccia dei lavoratori che si ritrovano in mezzo al guado e domani non sanno che casacca indossare: quella vecchia dell’ex datore di lavoro Markas o quella nuova della Euro & Promos? Non siamo disposti ad aspettare la Befana - conclude Blanca - e vogliamo che l’Asm faccia subito chiarezza su ogni aspetto della intricata vicenda”.

Annunci