Strage San Fele, eseguite autopsie

Al via nel pomeriggio di lunedì 11 agosto, a Potenza, le autopsie sui cadaveri di Vito Tronnolone, di 65 anni, della moglie e dei due figli che l'uomo - forse in preda ad un raptus di follia, forse avendo tutto pianificato - ha ucciso sabato scorso a San Fele, in provincia di Potenza, nella casa dove la famiglie avrebbe trascorso un periodo di ferie, prima di farla finita

Ugl, 'Affrontare la questione lavoro'

“Da quando venne istituita la provincia di Matera, 1927, lo sviluppo generale della Regione, si è riversato indirettamente attraverso innumerevoli ed infiniti investimenti di risorse pubbliche che non hanno migliorato il tenore di vita tant’è che, nel 2014 la Basilicata è ancora una delle regioni italiane più povere e con un inesistente processo di sviluppo abbinato ad una scarsa iniziativa politica del governo regionale in campo industriale. A parere dell’Ugl, questi sono tutti fattori che spiegano la condizione di svantaggio della Basilicata ed a ciò si giustificano il reddito pro capite tra i più bassi d’Italia abbinato ad un tasso di disoccupazione, tra i più elevati ben al di sopra della media nazionale ed europea”. E’ quanto denunciano Giovanni Tancredi e Giuseppe Giordano, segretari regionali dell’Ugl Basilicata

venerdì 22 agosto 2014

Falsi incidenti stradali, tre denunciati ad Atella

Ancora falsi incidenti nel potentino. Tre persone sono state denunciate ad Atella, in provincia di Potenza, dai cc dopo la scoperta di un falso incidente stradale.

I tre hanno incassato ''diverse migliaia di euro dalla compagnia assicuratrice''. I militari hanno denunciato altre otto persone: quattro per una rissa ai laghi di Monticchio, il giorno di ferragosto, perché preda dei ''fumi dell'alcol''; altri per furto di gasolio, di un semirimorchio, per guida senza patente e inosservanza della sorveglianza di pubblica sicurezza.

'Basilicata, una regione svenduta'

Quando sapemmo che il nostro sottosuolo era ricco di petrolio, ognuno di noi non potè fare a meno di pensare a come sarebbe diventata la Basilicata; pensammo a una regione finalmente opulenta, moderna, collegata. Più importante, insomma, come accade ogni volta che un territorio si scopre ricco. Evidentemente ci sbagliavamo. Dopo una manciata di anni, infatti, ci siamo svegliati sporchi, sfruttati e sempre più poveri. Ma tranquilli, fra poco non esisteremo proprio più, verremo cancellati con un colpo di spending review. Cancellati come regione, come territorio, come tradizione. Il tutto per far risparmiare qualche spicciolo a uno sgangherato governo che pensa bene di risparmiare anche sulle cose essenziali se non vitali. Come vitale è la giustizia per un territorio. Ebbene in una regione che si scopre ricca, in Italia, non vengono migliorate le infrastrutture, creati collegamenti dignitosi, come strade, treni, aerei, no, niente di tutto questo; in una regione che si scopre ricca si fa terra bruciata di tutto. E’ toccato già a un Tribunale, quello di Melfi, cancellato con un tratto di penna. Ora vogliono eliminare anche la Corte di Appello quasi fosse sufficiente a diminuire il debito pubblico di qualche miliardo. Macchè. A qualche spicciolo di risparmio delle casse statali, se pur ci sarà, corrisponderà un maggior disagio, anche economico, per tutti gli operatori del diritto, e per tutti i cittadini a vario titolo interessati alla giustizia. Lo Stato, cioè, riversa sugli utenti della giustizia quelle spese che spera di risparmiare eliminando un presidio giudiziario. Una regione in costante viaggio ultraregionale. Parti, controparti, avvocati, consulenti, testimoni, periti, tutti in viaggio, oppure emarginati, ghettizzati, in un territorio, fra l’altro quasi inaccessibile, con una linea ferrata degli anni sessanta, e con una superstrada che di super ha solo i lavori perennemente in corso. La Basilicata a stento limita i danni della vicinanza della criminalità organizzata delle regioni limitrofe, far fuori un presidio giudiziario, significa inaugurare il nuovo far west del sud dell’Italia. Una Basilicata che si scopre ogni giorno più infelice, tormentata, corrotta e concussa, chiedere giustizia costerà molto ma molto di più che a qualsiasi altra regione italiana. Un riconoscimento, dopo la rapina del petrolio e le sue conseguenze nefaste, avremmo potuto pretenderlo. La politica che ci ha governato non ha saputo tutelare la Basilicata, anzi pare averla svenduta per quattro soldi. E’ assurdo, infatti, immaginare che i nostri politici al governo non sapessero o non immaginassero cosa si stava portando avanti. Ora non sarà tardi? Occorre mobilitarsi immediatamente perché la Basilicata non scompaia, cominciando dalla difesa della Corte di Appello, perché, è evidente, dopo seguiranno altri smantellamenti, fino a negarci finanche tradizioni e cultura. La buona politica faccia i suoi passi, con autorevolezza e dignità. E il centro sinistra porti il conto anche di questa ulteriore prossima probabile sconfitta. Difendiamo la Corte di Appello per difendere il nostro territorio. Non ci siamo riusciti finora con il petrolio, cominciamo a farlo con tutto il resto, ritornando anche sulla questione del petrolio, prepotentemente, senza lasciarsi morire giorno per giorno, svenduti da quattro politicanti tanto potenti a oggi, quanto incapaci. A riferirlo in una nota il consigliere regionale Gianni Rosa (Fdi-An).

Corte d’Appello, Giordano e Tancredi (Ugl):”si eviti la chiusura”

“L’Ugl Basilicata è fortemente preoccupata perché dopo i provvedimenti di chiusura dei Tribunali in vari sedi della Basilicata, c'e' il rischio che la scure della spending review possa colpire anche e probabilmente la Corte di Appello di Potenza”. E’ quanto dichiarano i segretari regionali dell’Ugl Basilicata, Giovanni Tancredi e Pino Giordano per i quali, “il Governatore Pittella non deve assolutamente perdete tempo nel chiedere, e con urgenza, un incontro al ministro Orlando, per far sentire ed annunciare in modo chiaro che, ove mai ciò rispondesse al vero, la Basilicata non sarebbe disposta ad accettare ulteriori tagli nel settore della Giustizia. Tagli peraltro ingiustificati anche dal punto di vista economico, dal momento che non potendo licenziare il personale e dovendo comunque continuare a pagare il fitto dell'immobile nel quale trovano posto tanto gli uffici della Corte di Appello quanto, quelli del Tribunale di Potenza, sarebbe del tutto illogico e contro ogni principio di buona amministrazione penalizzare una intera regione, solo per inseguire un astratto e immotivato principio di riorganizzazione della macchina giudiziaria Italiana. Da tutti i rappresentanti lucani di cotanta Istituzione, ci aspettiamo inoltre un’azione a tutela di tutto il territorio della nostra regione e, dunque, della Corte d’Appello di Potenza che è a rischio: è ora di svegliarsi – tuonano forte e chiaro i segretari Ugl, Tancredi e Giordano -, si facciano sentire sia Pittella che gli altri rappresentanti dei Lucani. Noi dell’Ugl ci rifiutiamo di pensare che dinanzi a ragionamenti improntati a elementare buon senso qualcuno, il Ministero di Grazia e Giustizia possa continuare a sostenere tesi indifendibili. In ogni caso – concludono Giordano e Tancredi -, la Regione non se ne stia, come sempre, ad acconsentire buona e zitta. L’Ugl crede che anche i nostri esponenti di Governo, con l'appoggio unanime di tutti i parlamentari, dovranno sostenere obbligatoriamente, in modo forte ed autorevole, le ragioni dei lucani”.

Mottola, trionfa il 'Model Fashion Baby'

MOTTOLA - Ieri sera la bella città di Mottola ha ospitato la 4° tappa del concorso di bellezza per i più piccoli il "MODEL FASHION BABY" ideato e realizzato dalla Eventi&NonSolo di Matera.

Successo di pubblico e divertimento grazie all'onnipotente conduttore del concorso Angel Showman e per i cinquanta bambini in gara che sfilando e cantando hanno realizzato il loro sogno sulla passerella!

I giovani premiati sono stati: I fascia: D'Onghia Giulia 4a. di Mottola e Ventura Daniele 4a. di Massafra II fascia: Convertini Kayla 8a. di Mottola e Ciccarese Gabriel 8a. di Palagiano III fascia: Favale Alessia 9a. e Puccetti Andrea 12 a. entrambi di Palagiano

La Eventi&NonSolo vi da appuntamento a giovedì 28 agosto a Metaponto c/o il Lido Nettuno per la 5° edizione!

Turismo: l’APT al 'Meeting per l’amicizia fra i popoli' di Rimini

Dal 24 al 30 agosto l’APT Basilicata partecipa per la seconda volta al “Meeting per l’amicizia fra i popoli” a Rimini che, quest’anno ha come titolo “Verso le periferie del mondo e dell’esistenza. Il destino non ha lasciato solo l’uomo”. Alla seguitissima kermesse culturale riminese l’Apt sarà presente con un piccolo stand volto a presentare i “Luoghi dell’anima in Basilicata”, ossia gli itinerari turistici-religiosi che a partire da <<Matera, Cappadocia d’Italia>>, promosso in collaborazione con Opera Romana Pellegrinaggi (O.R.P.), mira a valorizzare i diversi santuari mariani della regione e gli itinerari di fede e di cultura, le più importanti feste religiose e le vestigia del medioevo cristiano in Basilicata (a partire da quello presente nel Vulture). In occasione del meeting verrà anche lanciato, in anteprima, la video narrazione sui santuari mariani del Sirino e del Pollino, location del viaggio-scoperta vissuto nei mesi scorsi dalla giornalista Lorena Bianchetti, conduttrice del programma “A Sua Immagine" (in onda su Raiuno), presto disponibile su www.basilicataturistica.com. Una video-narrazione promossa dall’Agenzia di Promozione Territoriale in collaborazione con il GAL “La Cittadella del Sapere”, che costituisce la seconda tappa di un progetto iniziato l’anno scorso con l’audiovisivo realizzato dal poeta Davide Rondoni dedicato alle Chiese rupestri di Matera. L’idea di affidare a professionisti della comunicazione il racconto della Basilicata rientra nell’ambito del Piano di Attività pensato di concerto con la Presidenza della Giunta regionale in occasione dell’Anno della fede. Un progetto che ha conosciuto un significativo sviluppo, grazie ad un’articolata strategia denominata <<Basilicata sacra>>, attraverso cui promuovere gli itinerari turistici - religiosi del territorio lucano.

All’interno dello stand dell’APT, allestito nel padiglione C5, sarà diffuso materiale promozionale, a partire dalla proposta di viaggio “Matera. Cappadocia d’Italia” già nel catalogo ORP 2014, al poket su “Basilicata sacra” con la presentazione dei “luoghi dello spirito” presenti in regione e la presentazione della Mostra dedicata al “Vangelo secondo Matteo” di Pasolini a Matera; verranno inoltre distribuiti gadget di Matera, capitale della cultura 2019 e promossi gli audiovisivi di Davide Rondoni e di Lorena Bianchetti e del video “Pollino senza tempo”. Sono inoltre in programmazione le ulteriori tappe narrative sul Santuario della Madonna di Viggiano, Regina della Basilicata, e su San Gerardo Majella a Muro Lucano, Santo patrono della regione. Secondo Gianpiero Perri, D.G dell’APT Basilicata, <<La partecipazione al Meeting rappresenta un’occasione importante per proporre la Basilicata anche come contesto particolarmente vocato per quanti vivono o ricercano una dimensione religiosa e spirituale e per quanti intendono scoprire il rilevante lascito dell'eredità cristiana in terra lucana anche sotto il profilo delle tradizioni e delle dimensioni artistiche e monumentali. Il rilevante numero di contatti che già l’anno scorso confortò la presenza istituzionale lucana al Meeting ha motivato questo “ritorno” grazie alla presenza di un pubblico particolarmente sensibile a questi temi>>. Si tratta, in conclusione di una iniziativa che si colloca in un disegno più ampio volto a favorire l’organizzazione di un ulteriore sistema di promozione e di offerta della Basilicata turistica sul versante del turismo religioso. Disegno che vivrà un momento qualificante con l’accoglienza dei corrispondenti di Opera Romana Pellegrinaggi in novembre, a Matera, dove si terrà l’Assemblea Nazionale; mentre è già in fase di preparazione una iniziativa regionale con tutte le istituzioni e gli operatori che operano o che intendono operare in questo ambito.

Real Marsico: presentato il calendario ufficiale della Serie B 2014/2015

E' stato varato nella mattinata di oggi il calendario ufficiale della Serie B 2014/2015. Per il Real Marsico esordio casalingo contro la Domina Neapolis il 5 ottobre: napoletane contro le quali le valligiani giocheranno anche in coppa Italia il 7 ed il 21 settembre. Alla seconda giornata, trasferta sul campo della Ludos Palermo, alla terza ancora trasferta contro il Chieti. Quindi in casa contro l'Acese, favorita alla vittoria finale, quindi sfide al Centro Ester, al Trani ed al Messina, prima del match-clou contro la Lazio in casa. L'anno solare si concluderà contro Lecce, Catania, Palmoli e Roma, mentre la prima del 2015 sarà in trasferta contro il Napoli, che chiuderà anche il girone d'andata. "Affronteremo tante squadre di prestigio e ricche di fascino", spiega il presidente Giuseppe Colella, "e faremo il possibile per non sfigurare. Il calendario non ci aiuta, perché affronteremo subito le due trasferte più lontane, per di più consecutivamente: Palermo e Chieti, mentre alla quarta sfideremo l'Acese, altra grande favorita per la promozione in Serie A. Nel finale, poi chiudiamo con il botto sfidando Roma e Napoli. Ma proveremo a fare punti con tutte e tentare qualche sgambetto". Intanto proprio ieri la società ha chiuso per un'altra top-player: è diventato ufficiale infatti l'ingaggio di Francesca Manca. difensore centrale ex-Palermo, che raggiungerà la squadra domenica 24 agosto, in occasione del raduno ufficiale, cui seguirà la partenza per il ritiro di Calvello, che durerà dal 25 agosto al 7 settembre, giorno in cui la squadra partirà direttamente alla volta di Napoli per il match di Coppa Italia contro la Domina Neapolis. "Contiamo di chiudere qualche altra trattativa in tempo utile per il ritiro", aggiunge ancora Colella, "siamo fiduciosi di poter regalare qualche altro grande nome a mister Filiani ed ai nostri tifosi". Calendario Serie B 2014/2015 1. Real Marsico-Domina Neapolis (and 5/10/14, rit. 18/01/15) 2. Ludos Palermo-Real Marsico (and. 12/10/14, rit. 25/01/15) 3. Chieti -Real Marsico (and. 19/10/14, rit. 01/02/15) 4. Real Marsico-Acese (and 26/10/14, rit. 08/02/15) 5. Centro Ester-Real Marsico (and. 02/11/14, rit. 15/02/15) 6. Real Marsico-Trani (and. 09/11/14, rit. 22/02/15) 7. Nebrodi-Real Marsico (and. 16/11/14, rit. 01/03/15) 8. Real Marsico-Lazio (and. 23/11/14, rit. 15/03/15) 9. Lecce-Real Marsico (and. 30/11/14, rit. 22/03/15) 10. Real Marsico-Catania (and. 7/12/14, rit. 29/03/15) 11. Audax Palmoli-Real Marsico (and. 14/12/14, rit. 12/04/15) 12. Real Marsico-Roma (and. 21/12/14, rit. 19/04/15) 13. Napoli Carpisa-Real Marsico (and. 10/01/15, rit. 26/04/15)

Petrolio, Cisl: regione merita rispetto

POTENZA - "La Basilicata, per quello che ha dato e continua a dare al Paese merita attenzione e soprattutto rispetto, in particolare mentre è aperto un importante negoziato sul petrolio con il ministero dello Sviluppo economico": lo ha detto, in una dichiarazione, il segretario generale della Basilicata della Cisl, Nino Falotico. "Se l'intenzione del governo è predare la Basilicata - ha aggiunto - la risposta della comunità lucana non potrà che essere di netta e combattiva opposizione". (ANSA).

Disoccupazione, Tancredi e Giordano (Ugl): “basta temporeggiare”

“I dati sulla disoccupazione in Basilicata sono terrificanti. Non è più solo un’emergenza economica, ma un’emergenza sociale, da cui consegue un degrado culturale. Bisogna riprogrammare, o meglio a programmare, considerando che non è mai stato fatto con serietà fin ora, l’utilizzo delle royalties del petrolio e i residui provenienti della comunità europea. Bisogna dare sostegno alle piccole e medie imprese, agli artigiani, ai professionisti, ai commercianti, mediante la pianificazione di importanti e strutturali interventi relativi alla viabilità gestita da regione e province”. E’ il commento di Giuseppe Giordano e Giovanni Tancredi, segretari regionali dell’Ugl Basilicata per i quali, “partiremo in autunno con una campagna di proposte sul lavoro, capillare, puntuale e precisa con pochi obbiettivi fattivi ed attuabili. Il governo regionale poco ha fatto nella programmazione o nel destinare risorse a sostegno delle politiche attive in favore del lavoro e a sostegno delle persone a rischio di esclusione sociale: non esiste assolutamente nulla, se non proclami, per sanare la piaga sanguinante della disoccupazione, che produce povertà diffusa, emigrazione e quindi spopolamento della nostra regione”. Per i segretari generali Ugl Basilicata, Tancredi e Giordano, “servono idee innovative, programmi reali. Per battere la disoccupazione tutto e’ indispensabile: ossigenare il portafoglio delle famiglie, pagare i debiti della Pa con le imprese, avviare i progetti infrastrutturali, utilizzare bene innalzando i fondi provenienti dalle royalty sul petrolio, sostenere quei progetti complessivi rivitalizzanti per la Regione rivedendo gli accordi sulle entrate dei beni preziosi del territorio come acqua, energia e petrolio, come la stessa politica utilizza e di voler fare. Non è più il tempo di dibattere, di confrontarsi, di concertare, ma è il tempo di agire con solerzia e determinazione e con serietà attuando una seria politica occupazionale”.

'Tra la gente, per la gente': la campagna firme per le proposte di legge sul petrolio di FDI-AN Basilicata

Non si ferma la battaglia di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Basilicata per la tutela della comunità lucana e del territorio. Come anticipato nelle scorse settimane, parte la campagna per la raccolta delle firme a supporto delle nostre proposte di legge sulle estrazioni petrolifere e sull’utilizzo delle royalties. Proposte concrete per lo sviluppo sostenibile e per un sfruttamento razionale del territorio che guardano alla salute, alla crescita ed alla tutela dell’ambiente. Sono due le nostre proposte. Quella di una legge nazionale, presentata ai sensi dell’art. 121 della Costituzione, che prevede, tra le altre cose, l’aumento delle royalties dal 10% al 25%, maggiori controlli sulle compagnie petrolifere, blocco di nuove estrazioni per i prossimi 10 anni, esclusione dal Patto di Stabilità degli investimenti finanziati con le royalties, riduzione del prezzo della benzina con l’abolizione delle accise statali, l’istituzione di una zona economica speciale (ZES) in tutta la Basilicata che prevede l’abolizione di tasse doganali e agevolazioni fiscali. Una legge nazionale è doverosa per superare le eccezioni di incostituzionalità e la futura riforma del titolo V che limiterà ancora di più le competenze delle Regioni in materia di energia. La proposta di legge regionale cerca, invece, di porre rimedio all’uso disordinato delle risorse rinvenienti dalle royalties, fissandone le destinazioni in conformità con la legge nazionale per un maggiore sviluppo della Basilicata. I primi gazebi saranno organizzati dalle costituenti cittadine nei Comuni di: Muro Lucano (24 agosto), Matera (30 agosto), Avigliano e Tramutola (31 agosto), Rionero in Vulture (6 settembre), Grottole (7 settembre), Policoro (14 settembre) e Grassano (20 settembre). I dettagli sulle manifestazioni, che saranno aggiornati anche con le prossime date, e le proposte di legge integrali sono consultabili sul sito www.fratelliditaliabasilicata.it. Dopo aver lanciato un appello per la cooperazione alle istituzioni regionale e a quelle cittadine dei Comuni lucani, appello ancora senza riscontro, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale si rivolge al Popolo Sovrano per una mobilitazione di massa. È giunto il momento che le parole diventino fatti. Insieme ce la faremo! A riferirlo in una nota Gianni Rosa, consigliere regionale Fdi-An.
Annunci