lunedì 20 gennaio 2014

"Valorizzare e incentivare la creatività e l'industria creativa lucana"

In un momento storico così difficile in cui assistiamo a pesanti tagli, soprattutto nel settore della cultura, incoraggiante e positiva è la notizia dell’approvazione, da parte della Giunta regionale, della bozza di bando per la digitalizzazione delle sale cinema su proposta del Presidente della Regione, Marcello Pittella, mettendo in campo misure anticicliche in tempi brevi. Il mercato cinematografico italiano è interessato da una fase di transizione e passaggio dalla proiezione analogica a quella digitale. Si tratta di un obiettivo che porta con sé molteplici sfide quali la promozione e diffusione, presso le piccole e medie imprese di esercizio cinematografico, di impianti tecnologicamente avanzati e il potenziamento della programmazione di qualità garantendo non solo la circuitazione dei film commerciali ma anche diffusione ulteriore e conoscenza del cinema d’essai. Da non sottovalutare, assolutamente, l’impatto e la ricaduta, di tutto ciò, sul mondo del lavoro. Infatti le opportunità offerte dall’innovazione digitale portano sempre a occasioni di crescita strategica soprattutto per i giovani. Tale bando, quindi, è un’occasione straordinaria con la quale si utilizzeranno le risorse umane e finanziarie per una rivoluzione culturale. Quest’ultimo tema per me tanto importante da esser inserito nel programma della campagna elettorale, a consigliere regionale, con una serie di proposte che mi impegnerò a portare avanti durante il ruolo istituzionale ripensando anche alla nuova programmazione 2104-2020 per valorizzare e incentivare la creatività e l'industria creativa lucana conferendo alla nostra regione una nuova identità. Importante e fondamentale però, in questa fase così delicata, sarà tutelare e dar valenza alle piccole sale cinematografiche storiche della nostra regione che già da tempo combattono per la propria sopravvivenza. A tal proposito colgo l’occasione per invitare a discuterne di ciò il direttore della Lucana Film Commission, Paride Leporace, e insieme capire quali gli scenari futuri affinchè il bando diventi un vero volano per il settore cinematografico lucano. A riferirlo in una nota il consigliere regionale Mario Polese.

0 commenti:

Posta un commento