martedì 2 luglio 2019

Copagri sugli accordi su commercio e investimenti Ue-Vietnam


POTENZA - “Gli accordi commerciali, così come la semplificazione e la regolamentazione del commercio mondiale, sono fondamentali per poter sfruttare le enormi possibilità offerte dal mercato, ma vanno declinati in maniera tale da non penalizzare un comparto a favore di un altro. Così non sembra essere nel caso dell’accordo commerciale appena chiuso tra l’UE e il Vietnam, che pur non mancando di elementi di positività, quali il riconoscimento di numerose indicazioni geografiche comunitarie e l’eliminazione di dazi per alcune produzioni d’eccellenza del nostro Paese, quali pasta, pollo, carni, prodotti lattiero-caseari e vini, che attualmente scontano tariffe che vanno dal 20% al 40%, rischia di penalizzare fortemente, fra gli altri, il nostro comparto risicolo, a fronte dell’ingresso concesso al Paese asiatico di circa 80mila tonnellate di prodotto a dazio zero”. Così il presidente della Copagri Franco Verrascina dopo la firma ad Hanoi di due accordi commerciali di libero scambio e per la protezione degli investimenti, che prevedono una graduale eliminazione del 99% dei dazi doganali tra l’Unione Europea e il Vietnam entro i prossimi 7 anni.

“Ribadiamo, come già affermato in riferimento ad altri accordi commerciali, che a nostro avviso il comparto primario non può essere sempre l’agnello da sacrificare sull’altare del commercio internazionale a vantaggio di altri settori”, prosegue il presidente, ricordando che gli accordi UE-Vietnam non entreranno in vigore prima della fine dell'anno, dopo l'approvazione in sede di Consiglio e di Parlamento Europeo.

“Dopo aver reintrodotto con molta fatica la clausola di salvaguardia sulle importazioni di riso ‘indica’ da Cambogia e Myanmar, i nostro produttori rischiano ora di doversi nuovamente confrontare con gli squilibri di mercato causati dalle importazioni da paesi asiatici, nei quali la produzione è caratterizzata da profonde differenze in termini di condizioni di lavoro e di salubrità”, aggiunge Verrascina.

“Ricordiamo, infatti, che nell’Unione Europea le esportazioni di riso sono crollate nel 2018 del 37,6% in valore, mentre le importazioni, sempre nello stesso periodo, sono aumentate del 14,4%, portando la bilancia commerciale a una percentuale negativa pari al 24,5%; un andamento molto simile si è verificato in Italia, paese che è il primo produttore comunitario di riso, dove nel 2018 l’export è calato di quasi 8000 tonnellate, mentre l’import è aumentato di circa 3000 tonnellate. A livello globale, il Vietnam è il 24° partner commerciale dell’Italia al di fuori dell'Unione Europea e importa nel nostro Paese beni per circa 2,5 miliardi di euro, a fronte di esportazioni nazionali pari a circa 1,2 miliardi di euro”, conclude il presidente della Copagri.