sabato 24 ottobre 2020

Scenari immobiliari, quali sono le città dove gli affitti costano di meno?


Tra i settori che hanno risentito degli effetti legati all'emergenza Covid c'è il mercato degli affitti, che continua ancora a seguire dinamiche domanda/offerta differenti rispetto al passato.

Se da una parte, infatti, l'offerta di appartamenti in affitto segue un trend in costante crescita, dall'altra le richieste di locazione continuano ad essere in calo.

I dati dell'ultimo semestre, resi pubblici dall'Osservatorio Immobiliare e Mioaffitto, pongono l'accento soprattutto sulla città di Milano che ha visto aumentare l'offerta del 68% a fronte di un incremento della domanda pari solo allo 0,5% in più.

A compensare questa alterazione emerge al tempo stesso l'atteggiamento prudenziale dei proprietari di casa che ancora non procedono a un ribasso dei canoni d'affitto, in attesa di una rapida ripresa del dell'economia.

La variazione dell'ultimo semestre rimane ferma al +1% confermando i prezzi ancora piuttosto elevati degli affitti nella città di Milano, in cui sono richiesti mediamente per un locale di 65 metri quadri 1.267 Euro al mese.

Un discorso diverso va fatto invece per l'affitto delle stanze agli studenti fuori sede, i cui prezzi mostrano un lieve calo del 2%.

Sono in particolare Pavia, Pisa, Siena, Trieste, Catanzaro le città che rivelano una maggiore propensione da parte dei proprietari di casa a praticare un ribasso sui canoni d'affitto, a differenza di Milano, Bologna, Napoli, Cagliari, Rimini, Modena dove anche i prezzi delle singole stanze rimangono costanti.

In che modo quindi è possibile risparmiare anche nelle città in cui i prezzi d'affitto rimangono elevati?

Indubbiamente mettere a confronto le condizioni dei diversi annunci, sulla base delle proprie esigenze, è il modo migliore per individuare la soluzione più conveniente.

Un lavoro che se svolto autonomamente può portare via parecchio tempo e dispendio di energie o prevedere ulteriori esborsi di denaro delegando la ricerca a un'agenzia immobiliare.

Un'alternativa molto valida e potenzialmente interessante dal punto di vista economico è rappresentata, invece, dalle piattaforme online ideate per far incontrare proprietari e inquilini, come ZappyRent affitti.

Il portale di affitti è dotato di funzioni estremamente semplici e intuitive che consentono a chi è in cerca di casa di visionare tutti gli annunci nella città di riferimento, calibrando la ricerca in base alle proprie esigenze di budget e tipologia di locali.

Le offerte presenti su ZappyRent sono molto convenienti e non prevedono l'applicazione di costi aggiuntivi a titolo di commissione sui servizi per gli affitti a lungo termine.

A Roma ad esempio si può scegliere tra diverse stanze in affitto già a partire da 100 Euro o monolocali a partire da 460 Euro al mese.

Leggermente più alti i prezzi a Milano, dove per affittare una stanza si parte dai 270 Euro al mese, mentre per un monolocale da 560 Euro.

Discorso analogo per Firenze e Bologna, città in cui è necessario sborsare rispettivamente 310 e 390 Euro per l'affitto di una stanza singola e 550 o 500 Euro per un intero appartamento.

Tutto ciò che serve, quindi, è mettersi comodi sulla sedia e spulciare gli annunci pubblicati su ZappyRent per individuare il più adatto alle proprie necessità.