Visualizzazione post con etichetta Matera. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Matera. Mostra tutti i post

sabato 19 settembre 2020

Al via il 24 settembre la prima edizione del Matera Film Festival


MATERA - La prima edizione del Matera Film Festival si terrà dal 24 al 26 settembre 2020 nella Città dei Sassi. Domenica 27 settembre debutterà anche la sua sezione “OFF”. Tre i luoghi attorno a cui si articoleranno le attività in programma: Casa Cava, Openspace e il cinema “G. Guerrieri”. La storica sala cittadina sarà il cuore pulsante della manifestazione: qui saranno proiettate le più di quaranta “pellicole” che compongono l’intero programma del festival internazionale. Oltre ai 4 film della sezione lungometraggi, saranno presentati in concorso 6 documentari e 10 cortometraggi. A completare il percorso cinematografico saranno mostrati fuori concorso altri titoli tra film, documentari e cortometraggi. Un ruolo importante lo avranno gli “Incontri d’Autore” che si svolgeranno a “Casa Cava” dove i partecipanti potranno confrontarsi con sceneggiatori, attori e protagonisti della cultura italiana e internazionale.

Ad impreziosire il grande evento cinematografico all’Openspace cittadino il 24 settembre sarà inaugurata la mostra “SASSI, NUVOLE E LUPI” organizzata da APT Basilicata e dal Matera Film festival, promossa da Lucca Changes(Lucca Comics & Games) in collaborazione con la Sergio Bonelli Editore, che vedrà coinvolti i disegnatori Giuseppe Palumbo e Alessio Fortunato e lo sceneggiatore Giorgio Giusfredi. Nel programma spiccano altri appuntamenti imperdibili.

Lo stesso giorno alle 19,30 nel cinema “Guerrieri” la Città di Matera conferirà ufficialmente la cittadinanza onoraria ad Enzo Sisti, presidente onorario del Festival e produttore di fama internazionale che ha realizzato a Matera 8 film tra cui “The Passion of Christ” di Mel Gibson fino all’ultimo colossal della saga di James Bond, “No Time to Die”, contribuendo a rendere la Città dei Sassi famosa in tutto il mondo.

Il 25 settembre al mattino Antonio Spoletini, storico attore e casting director di Cinecittà, presenta “Nessun nome nei titoli di coda” racconto biografico che attraverso i propri aneddoti narra decenni di cinema italiano girato a Roma. Subito dopo sarà la volta di un mostro sacro del cinema internazionale: Franco Nero, interprete in concorso al festival, dialogherà in un “incontro d’autore” con Salvo Bitonti, docente e regista di cinema e teatro. Il programma della giornata si arricchisce nel pomeriggio grazie all’incontro con uno degli sceneggiatori più interessanti del nuovo cinema italiano. Dopo il grande successo di “Lo chiamavano Jeeg robot” Nicola Guaglianone si racconterà con Alberto Crespi in un dialogo che toccherà anche il suo lavoro su uno dei film più attesi dell’anno, “Freaks Out”, la nuova pellicola di Gabriele Mainetti. Chiudono il programma del venerdì Gianluca e Massimiliano De Serio che presentano il loro nuovo film “Spaccapietre”, reduce da un’ottima critica ricevuta dopo la loro recente partecipazione alle “Giornate degli autori” alla Mostra internazionale di arte cinematografica di Venezia.

Il 26 settembre al mattino a “Casa Cava” un appuntamento sulle professioni del cinema animato da Leonardo Cruciano, fondatore della casa di produzione di effetti speciali e visivi “Makinarium” e Marco Spoletini, il famoso montatore di tutti i film di Matteo Garrone. Alle 21,00 sempre nel cinema Guerrieri si terrà l’atteso momento delle premiazioni dei vincitori del festival condotto dall’attrice, cantante e comica Liliana Fiorelli, preceduto da un omaggio musicale al maestro Ennio Morricone, organizzato da Annarita Del Piano, e seguito dalla proiezione di “The Nest” di Roberto De Feo che ritirerà il premio per la migliore opera prima.

Ma il Matera Film Festival non finisce qui. L’idea degli organizzatori è di far vivere il festival tutto l’anno. Il 27 settembre inizierà ufficialmente il Matera Film Festival-Off: presentazioni di libri, retrospettive e appuntamenti culturali saranno gli eventi preparatori all’edizione successiva del Festival. A tenere a battesimo il progetto tre eventi dall’alto valore socioeconomico e culturale. Al mattino i cavalieri dell’Ordine della Stella italiana, Maurizio Mastrangelo e Marco Giannantonio, presenteranno il documentario “E’ come stare a casa” di Pippo Venditti e Luciano Barletta che racconta come il loro sogno imprenditoriale sia diventato realtà in Irlanda.

Al pomeriggio due selezioni speciali, una a cura di “CIRCE - Common Initiatives To Promote Cinema Across Italy-Albania-Montenegro”, progetto europeo che intende rilanciare il sistema produttivo audiovisivo di Albania e Montenegro attraverso una partnership con le regioni Molise e Puglia; l’altra realizzata da Premier Film, che direttamente dalla settimana della critica di Venezia propone “Zombie” di Giorgio Diritti e “Penelopes” di Ludovico Cantisani, opera arricchita dalla fotografia del maestro Luciano Tovoli, storico collaboratore di Michelangelo Antonioni e Dario Argento, che dialogherà con il pubblico presente.

Il culmine della giornata “OFF” si raggiungerà la sera grazie alla casa di distribuzione Lucky Red, che condividendo lo spirito di animazione comunitaria del progetto, ha deciso di omaggiare il Matera Film Festival-Off con la pellicola “Il meglio deve ancora venire”, dramedy francese d’essai uscito il 17 settembre e prima visione assoluta in Basilicata.

Il Matera Film Festival

Il Matera Film Festival è organizzato dall’Associazione Making-of in collaborazione con l’associazione Camera con vista. I promotori hanno ricercato nei diversi linguaggi cinematografici la finestra sul mondo in cui possono convivere in armonia le tradizioni millenarie della Città e le spinte postmoderne e innovative dell’audiovisivo. “Il Matera Film Festival – dichiarano i presidenti del festival, Anna Rita Del Piano e Dario Toma, insieme al direttore artistico, Nando Irene - incarna idealmente il motto di Matera Capitale della Cultura Europea 2019 - Open Future - senza dimenticare che nel 1993 l’Unesco ha riconosciuto la Città patrimonio mondiale dell’Umanità - per l’eccezionale continuità storica che si è conservata intatta fin da portare l’Età della Pietra alle porte della modernità nello sviluppo di un sistema insediativo in perfetta simbiosi con la natura”. Questo, in sintesi, è lo spirito dell Matera Film Festival.

Il concorso internazionale

Il Matera Film Festival è un festival di contenuti, di sostanza. Un concorso autentico e originale con anteprime mondiali, nazionali e locali. Grande il lavoro dei selezionatori che hanno dovuto districarsi tra più di 300 titoli per ottenere un percorso narrativo coerente con lo spirito del Festival. Il respiro internazionale permea ogni sezione del Festival. Tra i 4 lungometraggi in concorso ci sono una produzione indiana e una Italo-cubamericana. Anche tra i 6 documentari la metà sono produzioni estere: una portoghese, una irlandese e una iraniana. Last but not least, tra i 10 cortometraggi in concorso c’è una produzione tedesca, due iraniane e una afgana.

Premi

Oltre ai premi destinati ai vincitori delle tre sezioni competitive (MFF Long, MFF Doc, MFF Short) è previsto anche il premio alla MIGLIOR OPERA PRIMA ITALIANA destinato a un regista che si è particolarmente distinto per originalità e creatività nel panorama culturale nazionale e internazionale.

Il simbolo del festival

Come simbolo del festival è stata scelta l’immagine di una balena, Giuliana, che sarà l’emblema della statuetta di premiazione consegnata ai vincitori del festival (MFF Long, MFF Doc, MFF Short, Miglior opera prima italiana, Premio alla carriera). L’immagine della balena Giuliana è stata realizzata dal designer Tommaso Schiuma. Giuliana la balena è stata scoperta nel 2006 sulle sponde del Lago di San Giuliano (Matera), da cui prende il nome, ed è il più grande cetaceo del Pleistocene mai scoperto. Animale onirico e ancestrale, ha solcato per milioni di anni i mari della terra ispirando poeti e artisti di ogni secolo, dalla Bibbia fino al Moby Dick di Melville; nel ventre della balena albergano i personaggi del nostro immaginario come Giona, Pinocchio, il Barone di Münchhausen, il Soldatino di Piombo. La balena vive nei quadri tempestosi di William Turner e nelle fiabe persiane delle Mille e una notte, dove Sinbad il marinaio approda su un’isola, che si rivela la parte emersa di una monumentale balena. Giuliana diventa simbolo creativo del Matera Film Festival incarnando, fin dalle origini della civiltà, quanto di più propriamente letterario e cinematografico possa esistere: il divino, il mistero, la sfida, la vendetta, il superamento dell’essere umano, l’avventura. È questa la filosofia che muove gli ideatori e organizzatori del Matera Film Festival, novelli marinai contemporanei che solcano il cielo della terza città più antica del mondo.

Giuria

LONG/SHORT

Presidenti: Giuseppe Stasi e Giancarlo Fontana - registi

Manuela Gieri - docente di Storia del cinema

Mariolina Venezia - sceneggiatrice

Elisabetta Olmi - produttrice

Fabrizio Cattani - regista

Giuseppe Palumbo - fumettista Sergio Bonelli Editore

Sara Ricci - attrice

GIURIA DOC

Presidente: Francesco Cabras - regista

Giulia Campagna - delegata di produzione

Adele Dell’Erario - vice presidente Doc.it

Gianni Cigna - direttore della fotografia

Chi siamo

Dietro le quinte del Matera Film Festival c’è una squadra di professionisti del settore che ha deciso di mettersi in gioco e di investire sul futuro di Matera e non solo. Era la primavera del 2019 quando nasceva il primo gruppo di lavoro. Sull’onda del fermento di Matera2019 la squadra si metteva all’opera e a dicembre organizzava il primo evento Off: la proiezione con Alessandro Piva di Santa Subito. Poi quando tutto era pronto per il lancio del progetto la pandemia mondiale da coronavirus ha fatto vacillare il sogno. Dopo un primo momento di scoramento, però, si è deciso di procedere senza indugi. Lavorare con nuovi strumenti, intensificare il lavoro smart e fare delle proprie abitazioni una fucina di idee sembravano cose impossibile e invece eccoci qua. Qui c’è un’idea di futuro dell’Italia alternativa, che non ha bisogno di sussidi fine a sé stessi, ma che cerca risorse da impiegare per uno sviluppo sostenibile integrale e strutturale. La bussola, in questo caso, sono i 17 obiettivi per trasformare il Mondo fissati dalle Nazioni Unite nell’Agenda 2030 e a cui il Matera Film Festival aderisce idealmente.

C’è una realtà fatta di autoimprenditorialità e aziende più strutturate che fanno rete, mettendo in comune risorse umane e finanziare per un bene più grande: diffondere la cultura, emancipare le persone e rafforzare i legami delle comunità sparse nel mondo e unite dalla curiosità della scoperta e dalla sete di conoscenza. C’è fraternità tra le persone e solidarietà tra piccole startup e grandi aziende. C’è una scommessa che ha mobilitato più di 50 volontari a cui va il più sentito ringraziamento per l’auspicabile buona riuscita dell’evento. C’è la cultura che unisce e vince. C’è il fine della crescita e dello sviluppo del cineturismo, dell’industria e della filiera cinematografica; l’attenzione alla formazione qualificata di mestieri, professioni e maestranze. Un progetto di ampio respiro con finalità di lungo periodo che il Matera Film Festival vuole raggiungere attraverso la disseminazione di sapere e la diffusione della cultura.

venerdì 18 settembre 2020

Scuola, Giordano (Ugl Matera): ”Si ripartirà nel caos totale”


MATERA - “Dal 14 settembre, circa 6 milioni di studenti hanno ripreso le lezioni, un evento di grande importanza per milioni di famiglie.

Anche in Basilicata le scuole avrebbero dovuto aprire i battenti in quella data ma ancora oggi 17 settembre, mancano solo 7 giorni all’apertura posticipata per volere del governo regionale, dopo essere state chiuse il 5 marzo per dpcm governativo: sono trascorsi quasi 200 giorni e le scuole lucane sono per la maggior parte completamente sprovviste di tutto quanto il ministero aveva promesso di inviare.

Nel territorio materano, la principale difficoltà che gli studenti incontreranno in questi giorni oltre che dalla carenza di organico sia all’interno del corpo docente, che del personale Ata, sarà delle strutture fatiscenti e obsolete che non consentono di riprendere il normale svolgimento delle lezioni in condizioni di sicurezza”.

E’ quanto ribadisce il segretario provinciale dell’Ugl Matera, Pino Giordano per il quale, “fin’ora non un banco, non una mascherina, non un docente dei tanti promessi, non un collaboratore scolastico delle centinaia attesi, nemmeno un igienizzante (che i plessi hanno acquistato intanto con loro fondi).

Purtroppo – prosegue Giordano – per l’Ugl sono ancora molte le incertezze, i disagi e le profonde criticità che i nostri ragazzi si troveranno ad affrontare.

Nonostante i tanti sforzi fatti dal Presidente della Provincia di Matera, Avv. Piero Marrese nel garantire un minimo di tranquillità alle famiglie per quanto riguarda le agibilità scolastiche, se pur nel territorio materano come del resto della Basilicata, le scuole riapriranno il 24 settembre, i nostri bambini e studenti saranno costretti a studiare senza banco.

Per non dimenticare il sostegno profuso a tutti i livelli dal Presidente Regionale Basilicata dell’Associazione Dirigenti Scolastici, Prof.ssa Maria Carmela Stigliano che tanto sta’ facendo affinché il 24 settembre, per il bene dei nostri studenti materani, tutto incominci, finalmente, in una situazione inammissibile in un Paese civile che ha sancito l’istruzione come un diritto fondamentale costituzionalmente tutelato. Un vero e proprio caos che rischia di compromettere la sfida più importante della vita dei ragazzi: potersi istruire. 

E ci è andata bene – aggiunge il segretario Ugl -, basti pensare che sette regioni italiane hanno comunicato l’impossibilità di avviare l’anno scolastico, inoltre, circa la metà delle scuole non ha ancora potuto riaprire.

Ed ecco che alle promesse della ministra Azzolina ne consegue che le famiglie dovranno provvedere a fornire i figli di mascherine, di igienizzante e fornire addirittura, in alcuni casi i figli, di una cartellina rigida che fungerà da banco.

Si pretende rispetto per le famiglie, per i docenti e per i bambini e ragazzi del nostro territorio di una ministra del tutto inadeguata.

Ai docenti e alle dirigenti scolastiche sarà assegnato il compito morale di garantire l’adeguata e solida formazione alle future generazioni oltre che avranno il macigno di fare applicare delle restrizioni innaturali per alcune fasce d’età di bambini. Nel frattempo dovranno farsi carico anche della responsabilità totale della gestione di una situazione che ha del surreale, inventandosi in alcuni casi come supplire alla totale mancanza di mezzi per fare fronte all’anno scolastico in sicurezza.

Alla Ministra Azzolina – conclude Giordano – dall’Ugl Matera si lancia un segnale: non sono più tollerabili ritardi e leggerezze di questo Governo”.

Nuovo Rettore Unibas, gli auguri di buon lavoro del sindaco di Matera


MATERA - Il sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri, ha inviato una lettera al nuovo Rettore dell’Università della Basilicata, Ignazio Mancini, porgendo “a nome dell’intera comunità le più vive congratulazioni per la prestigiosa designazione accademica.

L’assunta responsabilità – si legge nella lettera - trova nella Sua persona e nella Sua storia le condizioni di un positivo e concreto esercizio, in un momento particolarmente difficile del territorio meridionale e lucano. La Sua corale designazione è garanzia di un lavoro comune teso a rafforzare il ruolo culturale e formativo della nostra Università.

L’attuale condizione di debolezza economica e sociale della Basilicata deve riproporre con forza la missione dell’UNIBAS, nata dopo la tragedia del terremoto del 1980.

Proprio per tale funzione Lei è la persona che dovrà ripercorrere i canoni fondanti dell’Università di Basilicata perché la stessa possa mettersi al servizio degli aggiornati programmi e dei necessari processi di rilancio culturale, sociale ed economico del territorio lucano. Per questi obiettivi nacque l’UNIBAS e su questi obiettivi, oggi più che mai, occorre rilanciarne la missione istituzionale. Con questo spirito – conclude la lettera - Le rinnovo con gli auguri di buon lavoro i sentimenti della mia stima”.

Morte Irazoqui, il messaggio di Raffaello De Ruggieri


MATERA - Il sindaco di Matera Raffaello De Ruggieri ha voluto inviare un messaggio di cordoglio per la morte dell'attore Enrique Irazoqui. Queste le sue parole: "Esprimo il mio cordoglio e quello della comunità di Matera per la scomparsa di Enrique Irazoqui, un attore fortemente legato alla città in cui è tornato anche recentemente in occasione delle iniziative previste per il 2019. La sua interpretazione del Cristo nel film Il Vangelo Secondo Matteo di Pierpaolo Pasolini, la violenza del suo sguardo per cui il regista lo aveva scelto per la parte, il bianco e nero della pellicola esaltato dal sole “ferocemente antico” dei Sassi, hanno contribuito a riportare i riflettori su Matera, città senza tempo e set senza confini.

Irazoqui aveva un rapporto d’affetto con i cittadini di Matera, con quella città che aveva trovato profondamente cambiata nelle sue ultime visite, ma che ha conservato quel vitalismo caratteristico della gente contadino che tanto lo aveva colpito. Matera ricorderà sempre Irazoqui come un amico e un ambasciatore della città".

giovedì 17 settembre 2020

Il 24 settembre a Matera sarà inaugurata la mostra Sassi, Nuvole e Lupi


MATERA - Sarà inaugurata il 24 settembre a Matera la mostra SASSI, NUVOLE E LUPI, organizzata da APT Basilicata e dal Matera Film festival (24-26 settembre 2020) e promossa da Lucca Changes (Lucca Comics & Games) in collaborazione con la Sergio Bonelli Editore.

L’evento è dedicato alla città dei Sassi, al fumetto Dampyr, sceneggiato da Giorgio Giusfredi e disegnato da Alessio Fortunato, e all’arte di Giuseppe Palumbo.

Nel dettaglio la mostra si dividerà in due spazi. Nello spazio principale saranno esposte in anteprima alcune tavole de “Il licantropo di Matera” di Alessio Fortunato e alcune tavole bonelliane di Giuseppe Palumbo ambientate a Matera.

Nel secondo spazio invece saranno esposte le tavole del libro PASOLINI 1964 – Oltre Matera e il Mediterraneo” di Maurizio Camerini, Alessandro Manna e Giuseppe Palumbo.

La mostra fa parte della programmazione ufficiale di Lucca Changes l’edizione 2020 di Lucca Comics & Games (il festival più importante in Europa dedicato al fumetto, al gioco, al videogioco, alla narrativa fantasy, e alle serie TV) e si inserisce all’interno dell’offerta proposta dai Campfire, di cui la città di Matera fa parte.

I campfire non sono altro che avamposti sparsi su tutta la penisola, coordinati dallo staff centrale del festival, con il duplice obiettivo di raggiungere i fan appassionati di fumetti e giochi che quest’anno non potranno raggiungere Lucca e coinvolgerli in attività pensate esclusivamente per loro stringendo i rapporti con le realtà locali che sono per loro un riferimento durante tutto l’anno.

L’offerta culturale si arricchisce in questo caso proprio grazie alla collaborazione con un editore partner come la Sergio Bonelli Editore.

Grazie alla partnership stretta con APT Basilicata e il Matera Film Festival sarà possibile partecipare fisicamente all’evento, ai talk e agli incontri.

Una collaborazione unica quella tra la città di Lucca e di Matera, entrambe conosciute per il loro patrimonio artistico e culturale, che sottolinea l’importanza di fare rete per valorizzare opere d’arte e artisti del nostro Paese.

Questo il programma dell’evento:

24 settembre – 1° novembre
Exhibition Matera SASSI, NUVOLE E LUPI
“Due artisti Bonelli a Matera - Palumbo e Fortunato”
Spazio Basilicata Openspace (P.zza Vittorio Veneto, Matera)

24 Settembre, ore 11.00
Inaugurazione mostra SASSI, NUVOLE E LUPI apertura del Matera Film Festival
Intervengono direttore APT, disegnatore Dampyr
Creative Director MFF, Produttore e Presidente onorario MFF.

26 Settembre, ore 18.00

Talk dal vivo con gli ospiti Alessio Fortunato, Giuseppe Palumbo, in collegamento streaming da Lucca Giorgio Giusfredi, sceneggiatore e co-curatore editoriale Dampyr e Emanuele Vietina, direttore di Lucca Comics & Games.

Diretta Streaming disponibile dal canale Youtube di Lucca Comics & Games

Pisticci: visite dermatologiche gratuite per chi soffre di Dermatite Atopica


PISTICCI - La Campagna nazionale di sensibilizzazione sulla dermatite atopica dell’adulto, “Dalla parte della tua pelle”, riparte per il secondo anno. Sabato 26 settembre gli adulti che soffrono di dermatite atopica potranno usufruire di consulti dermatologici su prenotazione presso l’ASM Matera Ospedale Distrettuale A. Lo Dico Tinchi di Pisticci.

Promossa dalla Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST), “Dalla parte della tua pelle”, prevede consulti gratuiti su prenotazione in 30 centri ospedaliero-universitari in tutta Italia, in cui gli specialisti dermatologici saranno a disposizione per aiutare gli adulti che soffrono di questa patologia ad intraprendere il percorso di cura più adatto alle loro singole esigenze.

Sabato 26 settembre, presso la Clinica Dermatologica dell’ASM Matera Ospedale Distrettuale A. Lo Dico Tinchi di Pisticci diretta dal Dott. Giovanni Palazzo, chi soffre di dermatite atopica potrà prenotare una visita di controllo dermatologico gratuito telefonando al numero 02 89608825 dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 15,00.

“Queste giornate sono funzionali per far crescere la cultura della malattia e la sua conoscenza facilita la
prevenzione e la cura”, ha dichiarato il dott. Giovanni Palazzo.

Al fine di tutelare la salute dei pazienti e del personale medico della struttura, tutte le visite saranno
effettuate in totale sicurezza, in ottemperanza alle misure di prevenzione igienico-sanitarie legate all’emergenza Covid-19.

La Dermatite atopica è una malattia infiammatoria cronica caratterizzata da forte secchezza della cute,
comparsa di rossore e vescicole su diverse aree del corpo. Il prurito è intenso e costante. La patologia ha un forte impatto sulla qualità di vita dei pazienti. In Italia si registra un’alta incidenza di dermatite atopica negli adulti: l’8,1% degli intervistati ammette di soffrirne, a fronte di una media del 4,9% di altri paesi.

La Campagna “Dalla Parte della tua pelle” è promossa da SIDeMaST con il Patrocinio di ADOI (Associazione Dermatologi Venereologi Ospedalieri Italiani e della Sanità Pubblica) e di ANDEA (Associazione Nazionale Dermatite Atopica) e realizzata grazie al contributo incondizionato di Sanofi Genzyme.

Per ulteriori informazioni: www.dallapartedellatuapelle.it

Irrigazione, Cia e Confagricoltura: “Intervengano prefetti di Taranto e Matera”


MATERA - "Chiediamo un intervento autorevole urgente per garantire la corretta erogazione di acqua dalla diga di San Giuliano verso la Puglia".

CIA agricoltori Puglia Area Due Mari e Confagricoltura Taranto hanno inviato una lettera, a firma congiunta, ai prefetti di Taranto e di Matera e ai presidenti delle Regioni Puglia e Basilicata.

“Sono diverse settimane che in più occasioni e con vari servizi giornalistici – si legge nella nota – abbiamo segnalato irregolarità nella erogazione di acqua dalla diga di San Giuliano verso la Puglia. A fronte di un quantitativo di acqua richiesto dal Consorzio di Stornara e Tara di Taranto di circa mille litri al secondo, l’erogazione nelle diverse ore della giornata spesso e volentieri scende fino a 500 litri al secondo. Tale improvvisa riduzione causa difficoltà nella gestione irrigua in provincia di Taranto, poiché il canale adduttore lungo 35 km da San Marco di Bernalda (Matera) a Palagianello (Taranto) si abbassa di livello e in alcuni comizi irrigui l’acqua non riesce ad arrivare. Peraltro – si legge ancora – non si comprendono le ragioni della riduzione di portata, atteso che al momento sono presenti in diga circa 26 milioni di metri cubi sufficienti a garantire la portata di mille litri al secondo per la Puglia e altrettanti per la Basilicata”. La diga di San Giuliano è di proprietà al 50 per cento della Basilicata ed al 50 per cento della Puglia è stata costruita nel 1958 per irrigare una superficie di circa 20mila ettari metà in Basilicata e l’altra metà in Puglia; in Basilicata la stagione irrigua inizia nei primi mesi dell’anno in Puglia nel mese di maggio e questa situazione di fatto determina un maggiore utilizzo di acqua in Basilicata rispetto alla Puglia. Per le associazioni di categoria “la gestione della diga è a totale trazione lucana e la questione più sconcertante è la mancanza di trasparenza nel fornire i dati relativi all’erogazione tramite i misuratori, uno di questi, il venturimetro è chiuso con un lucchetto inaccessibile al Consorzio di Bonifica Stornara e Tara. Altri misuratori presenti fino alla scorsa settimana sono attualmente scomparsi o forse chiusi per renderli inaccessibili agli operatori del Consorzio Stornara e Tara di Taranto. Nei vari sopralluoghi – ricordano i rappresentanti delle associazioni – abbiamo anche appurato che l’acqua tra la Puglia e la Basilicata viene suddivisa utilizzando vecchie lamiere di scaffalature metalliche da ufficio alzate ed abbassate con fili di nylon, che possono essere manomesse da chicchessia. Per evitare tensioni sociali nel mondo agricolo della provincia di Taranto e garantire la corretta erogazione di acqua, si chiede un intervento verso il Commissario del Consorzio unico di Basilicata, l’avvocato Giuseppe Musacchio e il geometra Francesco Potenza, che gestiscono l’acqua della diga di San Giuliano in Basilicata.

martedì 15 settembre 2020

Matera: un arresto, una denuncia e droga sequestrata


MATERA - I servizi di controllo del territorio svolti con continuità e attenzione dalla Polizia di Stato di Matera hanno portato a un arresto e al sequestro di alcuni quantitativi di droga, con una denuncia all’Autorità giudiziaria.

Gli agenti della “Squadra Volante” hanno arrestato un quarantaquattrenne materano, sorvegliato speciale di P.S. con obbligo di soggiorno a Matera per violazione delle prescrizioni a cui è sottoposto.

Nei mesi scorsi tra maggio e settembre in diverse circostanze il predetto era stato segnalato all’Autorità giudiziaria perché continuava a frequentare pregiudicati.

Nuovamente ieri è stato trovato in compagnia di un altro sorvegliato speciale di P.S. a bordo di un’autovettura e pertanto sottoposto agli arresti domiciliari.

Durante un’altra attività di controllo del territorio, gli agenti delle volanti e del Reparto Prevenzione Crimine di Napoli hanno denunciato alle autorità una materana per detenzione ai fini di spaccio di eroina.

La donna, trentanovenne già nota per precedenti specifici per spaccio, veniva fermata per un controllo mentre era in strada nei pressi della sua abitazione: agitata e insofferente stringeva con forza nel palmo della mano una bustina contenente 4 grammi circa di eroina.

Dopo la perquisizione in casa, gli operatori hanno altresì individuato e sequestrato un bilancino elettronico di precisione e il materiale utilizzato per confezionare la sostanza stupefacente.

A seguito di un altro controllo, infine, due giovani altamurani che erano a Matera per ragioni di lavoro sono stati trovati in possesso di piccole dosi di marijuana.

La droga è stata pertanto sequestrata e i due sono stati segnalati al Prefetto per uso di sostanze stupefacenti e psicotrope.

Sibilia (M5S): "A Matera un presidio fisso dei Vigili del Fuoco tra i Sassi"

 
ROMA - Il sottosegretario all'Interno Carlo Sibilia è intervenuto in occasione della visita odierna al comando dei Vigili del Fuoco di Matera. Queste le sue dichiarazioni:

"Massima attenzione a Matera che è una città che cambia, che sta incrementando le proprie necessità di sicurezza e soccorso. Avendo ascoltato tutte le sigle sindacali e raccolto le necessità del comando, mi sono impegnato ad incrementare le unità operative su Matera e Potenza, nell’ambito delle 440 nuove assunzioni nei Vigili del Fuoco previste per il territorio nazionale. In particolare, sarà importante ripristinare il prezioso servizio svolto in occasione di Matera 2019 dai pompieri nei Sassi di Matera: lavoreremo affinché diventi un presidio fisso immediatamente disponibile, a tutela di cittadini e turisti".

ISIA a Matera, approvato dal Comune il Protocollo per l’istituzione del centro di alta formazione per il design


MATERA - La Giunta comunale ha approvato il protocollo d’intesa per l’apertura dei corsi dell’Isia, l’Istituto superiore delle industrie artistiche, istituzione di alta cultura dedicata al design facente parte del comparto AFAM del Ministero dell'Università e della Ricerca. Sarà la prima città del Sud ad avere una sede dell’ISIA. Si insedierà nei Sassi di Matera nell’area del Casale. Sarà collegata all’Istituto presente a Roma, il più antico d’Italia.

Nell’area formativa, gli studenti impareranno a progettare oggetti, insieme di oggetti e processi di rigenerazione ambientale, analizzandone funzioni e caratteri formali, nel solco della grande tradizione del design italiano.

A Matera saranno quindi presenti, oltre alla Scuola di alta formazione dell’Istituto centrale del restauro di Roma che è insediata nell’ex convento di Santa Lucia alla Fontana, la sede distaccata del Centro nazionale sperimentale di cinematografia di Roma, con corsi di regia e produzione filmica, che troverà spazio nell’ex sede dell’Unibas in Via Lazazzera, le Residenze artistiche teatrali, inserite nel programma pluriennale del MiBACT, che avrà il Teatro Quaroni di La Martella come centro nevralgico, e l’Isia, nell’area del Casale.

Si tratta di istituzioni che rilasciano diplomi equiparati legalmente al titolo di laurea.

Si chiude così la strategia comunale di creare centri di alta formazione, in cui ha la qualità degli uomini e delle professionalità diviene essenziale per le attività di produzione della cultura.A questi presidi di eccellenza culturale, si affiancheranno le “industrie pensanti” dell’Hub di San Rocco e della Casa delle Tecnologie emergenti, nella consapevolezza che, oggi, l’intelligenza artificiale, gli algoritmi e le manifatture digitali che costituiscono fattori essenziali dell’economia della conoscenza, modificano radicalmente il modo con cui si forma la ricchezza dei territori.

Matera: al Circolo La Scaletta la mostra “L’altro Sinisgalli, tra industria e pubblicità”


MATERA - È dedicata al genio eclettico di Leonardo Sinisgalli[1908-1981] l’esposizione che sarà inaugurata venerdì 18 settembre alle 18 al Circolo La Scaletta di Matera, in via sette dolori 10. La mostra dal titolo “L’altro Sinisgalli, tra industria e pubblicità” svela il talento per la comunicazione pubblicitaria del poeta ingegnere di Montemurro. Un talento in grado di reclamizzare in maniera poetica i prodotti dell’industria e comunicare i cambiamenti della società, che lo condusse a svolgere con successo il ruolo di art director e responsabile della comunicazione per importanti gruppi industriali, cui seppe fornire ricchi ed innovativi spunti creativi, in un lungo sodalizio durato fino agli anni Settanta.

Adriano Olivetti lo volle nella sua squadra come responsabile dell’Ufficio Tecnico Pubblicità, un esordio che gli permise di esprimere al meglio il suo estro creativo, in grado di coniugare cultura umanistica e scientifica, anticipando i tempi.

Emblematica è la réclame con la rosa in un calamaio accanto alla "moderna" macchina da scrivere "Studio 42", firmata da Sinisgalli. Seguiranno le esperienze con Pirelli, Finmeccanica, Bassetti e Alfa Romeo, dove battezzò “Giulietta” la famosa automobile, coniando, invece, per la sorella maggiore “Giulia” la frase “disegnata dal vento”.

Il percorso espositivo, a cura di Edoardo Delle Donne, permette di ripercorrere la straordinaria avventura di Sinisgalli nel mondo della comunicazione attraverso le pubblicità di grandi aziende, realizzate dal 1938 al 1966, e riviste da lui dirette, provenienti dalla Fondazione Leonardo Sinisgalli di Montemurro, che ha collaborato con il Circolo La Scaletta nell’organizzazione della mostra.

L’esposizione, patrocinata dal Comune di Matera e sponsorizzata dalla concessionaria d’auto Gruppo Maffei, sarà aperta al pubblico fino al prossimo 11 ottobre.

All’inaugurazione interverranno:

Paolo Emilio Stasi, presidente Circolo La Scaletta
Domenico Sammartino, presidente Fondazione Leonardo Sinisgalli
Biagio Russo, giornalista e saggista
Edoardo Delle Donne, curatore

Modera Anna Pagliei, Circolo La Scaletta

L’ingresso alla mostra avverrà nel rispetto delle normative anti Covid 19.

Orari
Lun-ven. 10-13; 17-20

Sabato e domenica su prenotazione

Info e prenotazioni: info@lascaletta.net;
0835.336726
Ingresso libero

lunedì 14 settembre 2020

Il Comune di Matera presente con un proprio stand al TTG Travel Experience a Rimini

RIMINI - Il Comune di Matera parteciperà al TTG Travel Experience, la borsa internazionale del turismo di Rimini, che si terrà dal 14 al 16 ottobre 2020. E’ l’effetto di una delibera della Giunta comunale di Matera che ha stanziato le risorse necessarie, riutilizzando le somme stanziate per la partecipazione alla Fiera ITB di Berlino, annullata per le conseguenze legate all’emergenza coronavirus.

La città sarà presente con un proprio autonomo stand, di natura emozionale, con l’intento di consolidare il trend di crescita degli ultimi anni, in una delle manifestazioni di riferimento per la promozione del turismo internazionale in Italia e quindi per la commercializzazione dell’offerta italiana rivolta in particolare al mercato globale.

La decisione è stata supportata dalle associazioni di categoria delle imprese del comparto (Cna, Confapi, Assoturismo-Confesercenti, associazione ristoratori Matera, Fiavet Basilicata, Guide turistiche italiane Matera, associazione b&b Matera) che ne hanno sottolineato l’importanza, tenendo conto della necessità di investire nella promozione del territorio specie in un momento difficile come questo, nella consapevolezza che agire per il rilancio del territorio è un impegno che non può essere ostacolato da barriere di natura politica. Per la prima volta, alla TTG di Rimini, ci sarà uno spazio dedicato esclusivamente alla città di Matera che potrà quindi avere maggiore possibilità per promuovere il suo infinito patrimonio culturale, artistico, paesaggistico ed eno-gastronomico.

Corrado (M5S Senato): "Save Matera"

ROMA - La senatrice Margherita Corrado del M5S - Commissione Cultura è intervenuta sulle modalità di esecuzione dei lavori legati ai parchi tematici “Preistoria” e Civiltà Rupestre” del “Parco della Storia dell’Uomo”. Queste le sue parole:

"A margine della seduta del Senato di giovedì 10 settembre, è stata pubblicata una interrogazione a mia prima firma che dà voce al malcontento diffuso a Matera, tra i cittadini e le associazioni più attenti ai valori ambientali e culturali, per le modalità di esecuzione dei lavori legati ai parchi tematici “Preistoria” e Civiltà Rupestre” del più articolato “Parco della Storia dell’Uomo”, cuore del CIS “Matera Capitale della Cultura Europea 2019”.

Nel merito, ho chiesto ai ministri Franceschini e Costa innanzi tutto come intendano garantire la tutela dei valori culturali, paesaggistici e ambientali della Murgia Materana e dell'intero sito Unesco.
Al primo, in particolare, se non ritenga di rapportarsi con la Commissione nazionale italiana per l'Unesco per valutare l'opportunità di disporre una visita ispettiva, atta a chiarire la situazione e imporre, per il futuro, una sorveglianza dei cantieri più stringente, data la rilevanza dei valori in gioco.

Più in generale, l’ho sollecitato per l’ennesima volta a bandire al più presto concorsi per l'assunzione a tempo indeterminato di nuovo personale, scongiurando il rischio che interventi della portata, complessità e delicatezza del CIS-Matera sfuggano all'indispensabile controllo quotidiano dei dipendenti ministeriali, finendo per arrecare danni irreparabili, in nome di una malintesa valorizzazione, al patrimonio che, sulla carta, dovrebbero promuovere e aprire alla fruizione."

domenica 13 settembre 2020

Ritrovate dalla Polizia a Matera le due ragazzine baresi scomparse


MATERA - Nella serata di avantieri sono state ritrovate dalla Polizia di Stato a Matera le due ragazze baresi di 15 anni di cui i genitori aveva denunciato la scomparsa lo scorso 10 settembre.

Gli agenti delle Volanti le hanno individuate e riconosciute alle 19.30 nel Parco Papa Giovanni Paolo II, noto anche come Parco del Boschetto.

Gli equipaggi in servizio di controllo del territorio si sono posti alla ricerca delle due ragazzine subito dopo le 18 quanto al 113 è pervenuta una segnalazione di un
cittadino che affermava di averle notate in città.

Gli agenti hanno cercato anche nel Parco Papa Giovanni Paolo II, situato in zona
centrale della Città dei Sassi, area di abituale ritrova di molti giovani materani, dove hanno verificato e identificato numerose ragazze che potevano corrispondere alla descrizione delle minorenni.

A un certo punto hanno notato, parzialmente nascoste da una statua in marmo, due ragazze sdraiate sul prato, molto vicine tra loro in modo da nascondere il volto.

La loro individuazione era resa altresì difficoltosa anche dalla scarsa illuminazione presente. Si sono avvicinati e le hanno riconosciute.

Le due, trovate in buone condizioni di salute, erano prive di documento di identità
personale ma sono state riconosciute con certezza dagli operatori attraverso le
fotografie diramate per la loro ricerca.

Hanno riferito di aver raggiunto Matera nella mattinata di ieri 11 settembre
servendosi di un mezzo pubblico.

Sono state accompagnate negli uffici della Questura, dove più tardi le hanno
raggiunte i rispettivi genitori a cui sono state infine affidate.

Matera: intitolate due strade a Vincenzo Corazza e Gerardo Guerrieri


MATERA - Sono state intitolate questa mattina due strade del centro di Matera a l’ingegner Vincenzo Corazza e allo sceneggiatore Gerardo Guerrieri.

Le cerimonie sono avvenute alla presenza dei familiari dei due illustri materani che, con le loro qualità professionali e intellettuali e con le loro opere, hanno segnato la vita della città.

Vincenzo Corazza (Matera 1899-Taranto 1964) ingegnere, è stato dirigente del Comune di Matera dal 1928 al 1957. Nel corso della sua attività ha realizzato una serie di opere che sono parte integrante del tessuto architettonico e urbanistico della città. Ha redatto il primo Prg di Matera nel 1935, ha progettato la strada di congiungimento dei Sassi Via Madonna delle Virtù (1933) ed edifici come il nuovo macello comunale, il palazzo dell’economia sede della Camera di Commercio, quello delle Poste centrali, il campo sportivo Luigi Razza (oggi XXI Settembre-Franco Salerno), la colonia elioterapica, il palazzo Montemurro in Via Don Minzoni, il palazzo che si trova all’angolo tra Via Lucana e Via Gramsci.

A lui il Comune ha intitolato il vico che collega Via del Corso a Via delle Beccherie, tra il palazzo dell’Ina e quello delle Poste, non interessata da abitazioni ma da vetrine di negozi prive di numeri civici.

Gerardo Guerrieri (Matera 4 febbraio 1920-Roma 24 aprile 1986) regista, sceneggiatore e drammaturgo materano, ha lavorato con grandi maestri del cinema come De Sica (Sciuscià e Ladri di biciclette), Zavattini, Flaiano, Antonioni, Fellini, Visconti. Nel 1949 ha ricevuto il Nastro d’Argento per la sceneggiatura di Ladri di Biciclette. Nel 1957 ha fondato, insieme alla moglie Anne d'Arbeloff, presente alla cerimonia insieme alla figlia Selene, il Teatro Club che si proponeva di rivoluzionare la cultura teatrale in Italia. In questo contesto riesce a portare in Italia i migliori spettacoli stranieri, sia della tradizione come la Comédie-Française, sia dell'avanguardia come il Living Theater di Julian Beck e Judith Malina. Una profonda amicizia, personale e professionale, lo ha legato a Vittorio Gassman che gli ha dedicato molti versi oltre a commenti sulle sue opere e recensioni postume.A Gerardo Guerrieri, in occasione del 100esimo anniversario della nascita, è stata intitolata la strada finora conosciuta come Vico I Cappelluti che collega Via Cappelluti con Via Matteotti.

sabato 12 settembre 2020

Matera: riapre Via Don Minzoni, al via la sperimentazione dell’area pedonale


MATERA - A partire dai primi giorni della prossima settimana e fino alle ore 24 dell’8 novembre, sarà istituita in via sperimentale l’area pedonale di Via Don Minzoni.

Lo dispone un’ordinanza del dirigente della Polizia Locale emanata in ottemperanza di una delibera della Giunta comunale del 4 settembre 2020.

L’area pedonale sarà delimitata da elementi di arredo urbano e avrà validità tutti i giorni h24. Sarà consentito il transito dei veicoli solo ai titolari, in diritto di proprietà o in uso, di un posto auto in rimessa privata o area privata adibita a tale scopo, in Via Don Minzoni, esclusivamente per l’uscita e il ricovero dei mezzi. Le autorizzazioni saranno rilasciate dall’Ufficio ZTL per cui sarà indispensabile che gli aventi diritto ne facciano richiesta.

Sono previste, inoltre, due finestre orarie, nei giorni feriali, per le operazioni di carico e scarico merci per le attività commerciali e di ristorazione, con possibilità di transito e sosta con disco orario per un massimo di 30 minuti negli appositi spazi sul lato destro della strada, dalle ore 7 alle ore 9.30 e dalle 14.30 alle 16.30.

Nelle medesime finestre orarie sarà inoltre consentito il transito e la sosta dei veicoli a servizio delle persone diversamente abili.

Il passaggio dei veicoli adibiti alla raccolta dei rifiuti e alla pulizia strade sarà invece autorizzato dalle ore 4 alle ore 8 di tutti i giorni.

Il transito sarà inoltre consentito senza limitazioni ai veicoli in uso alla Polizia Locale, alle forze di Polizia, ai vigili del fuoco, ai mezzi di soccorso in servizio urgente di emergenza.

Per i veicoli autorizzati limitatamente agli orari stabiliti il transito sarà consentito in direzione Via Lucana.

Il provvedimento dispone infine il divieto di transito in via Don Minzoni per i veicoli con peso a pieno carico superiore ai 35 quintali.

L’ordinanza prevede la nuova disciplina nelle strade adiacenti a Via Don Minzoni.

Questo il dettaglio dei provvedimenti.

In Vico I Don Minzoni e Vico II Don Minzoni:
istituzione del divieto di transito, eccetto i veicoli dei titolari, in diritto di proprietà o in uso, di un posto auto in rimessa privata o area adibita a tale scopo ubicato nelle predette vie, esclusivamente per il ricovero dei veicoli medesimi; per tali veicoli l’accesso sarà effettuato esclusivamente da Via Roma;
istituzione del divieto di fermata su entrambi i lati;
istituzione del doppio senso di circolazione;
istituzione di STRADA SENZA USCITA.

In Via Gerardo Guerrieri (ex Vico I Cappelluti) all’altezza dell’intersezione con Piazza Matteotti:
istituzione della direzione obbligatoria diritto e a sinistra, eccetto i veicoli ammessi all’accesso all’A.P.U. di Via Don Minzoni;
istituzione di dare precedenza;

In bretella di collegamento rotatoria Via A. Moro con Piazza Matteotti:
istituzione della direzione obbligatoria a destra, eccetto i veicoli ammessi all’accesso all’A.P.U. di Via Don Minzoni;

In Piazza Matteotti con direzione Via Don Minzoni:divieto di transito, eccetto i veicoli indicati ammessi all’accesso all’A.P.U. di Via Don Minzoni.

Matera, con l'app “IOdifferenzio#sub1” non sbagli e fai bene la raccolta differenziata

MATERA - Dove deve finire un tappo in sughero o in silicone? Il cartone della pizza o la pellicola in alluminio, che fine devono fare? Cosa ci faccio con un pugno di viti arrugginite e con le batterie del telecomando TV? Dove, quando e come conferisco tutta questa roba? Sono domande abituali, quasi quotidiane per i milioni di cittadini italiani. Quelli raggiunti dai nuovi processi di raccolta differenziata e porta a porta dei rifiuti. Ed è così da qualche settimana anche per gli abitanti della città dei Sassi e del sub-ambito 1, Ferrandina, Irsina, Tricarico e Bernalda.

Da questa settimana le risposte ai circa 90 mila cittadini dei 5 comuni, arrivano sul proprio Smartphone dalla nuova App IOdifferenzio#sub1. È in versione Android e iOS ed è a libera disposizione dei cittadini, basta scaricarla con un clic da Apple Store o Google Play. La nuova interfaccia, facile e intuitiva da utilizzare, nasce dalla scelta di collaborare insieme di tre aziende leader in Italia nella progettazione e gestione dei servizi ambientali e dell'innovazione tecnologica: Innova, Consea e Softline. Grazie ai loro rispettivi know-how hanno riprogettato l’App Riciclario che entra ufficialmente a far parte anche della suite INNOVAMBIENTE e con IOdifferenzio#sub1 vede la sua prima uscita in questa nuova veste. L’app aiuterà a migliorare le performance di raccolta differenziata, ridurre la produzione dei rifiuti e veicolare tutte le informazioni necessarie per seguirla nel migliore dei modi.

Infatti, IOdifferenzio#sub1 guida l’utente nella verifica del calendario di raccolta, nel consultare la guida ai conferimenti, nella verifica sulla destinazione di un imballaggio mediante lettura del barcode. Ma aiuta anche l’utente a scorrere il dizionario dei rifiuti, a prenotare il ritiro di rifiuti speciali o ingombranti e a inviare segnalazioni al gestore su disservizi, oppure specifiche richieste d’informazione.

IOdifferenzio#sub1 fornisce, quindi, anche un indispensabile supporto ai comuni e alle aziende che svolgono servizi di raccolta rifiuti urbani e di igiene ambientale, aumentando l’efficacia dei servizi, migliorando la qualità dei rifiuti raccolti in modo differenziato e facilitando un dialogo costante con cittadini e imprese.

“Grazie all’integrazione di Riciclario nella nostra suite informatica INNOVAMBIENTE, con la pubblicazione dell’app IOdifferenzio#sub1, anche Matera si è dotata di un sistema di interfaccia con gli utenti allo stato dell’arte”, spiega Andrea Di Pasquale, Ad dell’azienda High Tech materana Innova.

“Siamo nati nel 1989 a Matera, per creare software e algoritmi di focalizzazione di dati radar di tipo SAR, nell’ambito delle attività promosse dal Centro Geodesia Spaziale della nostra città. Lavoriamo da 20 anni con l’Agenzia Spaziale Italiana e con la holding Leonardo (ex-Finmeccanica) e siamo partner nel programma COSMO-SkyMed. Dal 2015 abbiamo sviluppato e commercializzato sul mercato italiano, la suite informatica Innovambiente, un sistema oggi utilizzato da più di un 2 milioni di cittadini di 170 comuni, di 13 differenti regioni italiane e oltre 50 gestori ambientali, con cui soddisfiamo ogni giorno tutti i bisogni di servizio, gestionali e amministrativi di 900 mila utenze TARI – conclude Andrea Di Pasquale. Per tutti noi, vedere riconosciuta proprio a Matera la qualità del nostro lavoro, ha un valore particolare. Esprime la nostra storia e dimostra come anche su questo territorio è possibile fare crescere imprese, creare lavoro, e impegnarsi costantemente in ricerca e innovazione tecnologica”.

Matera: al via la campagna della Polizia Stradale Roadpol “Focus on the Road”

 
MATERA - ROADPOL – European Roads Policing Network ha programmato nel periodo dal 14 al 20 settembre 2020 l’effettuazione della campagna europea congiunta denominata “Focus on the Road” (concentrarsi sulla strada).

Lo scopo della campagna è di verificare efficacemente, su tutte le arterie europee di grande viabilità, il rispetto del corretto utilizzo di determinati apparecchi durante la guida (telefoni cellulari, smartphone, cuffie sonore), che oggi rappresentano motivo di grave distrazione durate la guida.

ROADPOL è una rete di cooperazione tra le polizie stradali dell’Unione Europea, alla quale aderiscono tutti i Paesi membri – tranne la Grecia e la Slovacchia – oltre alla Svizzera, la Serbia e la Turchia, con l’obiettivo di elevare gli standard di sicurezza stradale attraverso un’attività coordinata di prevenzione, informazione e controllo.

Per mezzo di operazioni internazionali congiunte di contrasto delle violazioni e campagne tematiche all’interno di specifiche aree strategiche e sviluppando la consapevolezza dei cittadini europei che nello stesso momento tutte le forze di polizia stradale dell’Unione stanno operando con le medesime modalità, strumenti omogenei e un obiettivo comune, s’intende così perseguire la riduzione del numero delle vittime della strada e degli incidenti stradali, in adesione al Piano d’Azione Europeo 2011-2020.

Per l’intera settimana dal 14 al 20 settembre prossimi, pertanto, chiunque si metterà alla guida sulle strade europee saprà che in ogni Paese attraversato sarà costantemente monitorato il corretto utilizzo degli apparecchi radiotelefonici. A tal fine la Polizia Stradale ha predisposto, per tutto il periodo in questione, l’effettuazione di mirati controlli sull’intero territorio nazionale e in particolar modo sulle arterie di grande comunicazione.

venerdì 11 settembre 2020

Matera: agroalimentare e pesca, presentati in Prefettura i risultati vigilanza e controllo 2020

MATERA - Nella mattinata dell’8 settembre scorso, presso il Palazzo del Governo di Matera, presieduta dal Capo di Gabinetto della Prefettura, si è svolta una riunione del Gruppo Tecnico di coordinamento della attività di vigilanza e controllo nel settore agroalimentare e della pesca, che opera nell’ambito della Conferenza Provinciale Permanente, per presentare il report delle attività di controllo svolte nell’anno in corso e illustrare i risultati conseguiti.

Il Gruppo Tecnico è composto dai Rappresentanti di: Questura di Matera, NAS di Basilicata, Comando provinciale dei Carabinieri, Comando provinciale della Guardia di Finanza, Comando provinciale del Gruppo Carabinieri Forestale, Sezione provinciale della Polizia Stradale, Dipartimento di Prevenzione della Sanità e del Benessere Animale dell’ASM di Matera, del SIAN, Servizio igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell’ASM di Matera, Capitaneria di Porto di
Taranto, Istituto Controllo di Qualità e Repressioni Frodi di Potenza.

La programmazione dell’attività congiunta in questione, che quest’anno è stata parzialmente modificata a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 ed affiancata all’attività di controllo sul rispetto della normativa anti contagio varata dal Governo, ha portato, come di consueto, importanti risultati.

In particolare, le attività sono state indirizzate, nei primi mesi dell’anno, alle mense scolastiche, e, dopo la riapertura delle attività, è ripresa l’attività di controllo sui ristoranti e sui depositi alimentari all’ingrosso del capoluogo mentre nei mesi di luglio e agosto i controlli sono stati svolti specialmente lungo la fascia jonica, nei villaggi turistici e negli stabilimenti che somministrano alimenti, dove si concentra il turismo balneare.

Nello scorso mese di luglio è stato istituito il NIPAF (Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale) del Gruppo Carabinieri Forestale di Matera che, contestualmente alle verifiche anti COVID, ha eseguito controlli agroalimentari per la verifica della corretta applicazione delle norme su etichettatura, tracciabilità ed igiene delle strutture destinate ad alimenti elevando, nell’occasione, n. 8 sanzioni amministrative con sequestri di prodotti alimentari.

Complessivamente sono state controllate, a cura dei NAS di Basilicata, del Gruppo Carabinieri Forestale di Matera, dell’Ufficio Marittimo di Policoro, dell’ICQ di Basilicata e dell’ASM di Matera, n. 28 attività, irrogate n. 14 sanzioni e disposte n. 2 sospensioni di attività.

Rilevante l’attività svolta dai NAS di Basilicata, nell’ambito della programmazione
istituzionale, con n. 317 ispezioni eseguite e n. 62 situazioni irregolari rilevate.

Anche l’Ufficio Marittimo di Policoro della Capitaneria di Porto di Taranto, specialmente durante la stagione estiva, ha svolto una intensa attività istituzionale di controllo, presso le strutture balneari, sulla sicurezza ambientale oltre che attività di contrasto alla pesca di frodo lungo il litorale jonico; in particolare, sono stati eseguiti n. 24 interventi, con sequestri amministrativi di prodotti ittici per un totale di circa 345 Kg e sanzioni amministrative per oltre 20 mila euro.

L’attività di vigilanza e controllo del Gruppo Tecnico proseguirà negli ultimi mesi dell’anno in corso nell’obiettivo di accrescere sempre più i livelli di tutela dei consumatori.

Marconia di Pisticci: violentate due ragazze minorenni



MARCONIA DI PISTICCI - Nella notte tra il 7 e l’8 settembre, in Marconia di Pisticci (MT) è stata consumata una violenza sessuale ai danni di due minorenni straniere che partecipavano a una festa in una villa.

Questa mattina, gli agenti della Polizia di Stato hanno eseguito 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere, disposte dal Gip dr. Angelo Onorati su proposta della Procura della Repubblica di Matera, a conclusione delle indagini sulla violenza sessuale consumata la notte del 7 settembre scorso nei confronti di due ragazze minorenni.

I particolari saranno resi noti nell’incontro con la stampa convocata per oggi venerdì 11 settembre 2020 alle 11 in Questura – Sala Palatucci, a cui parteciperà il Procuratore Capo della Repubblica di Matera Dr. Pietro Argentino. Matera, 11 settembre 2020