Visualizzazione post con etichetta Potenza. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Potenza. Mostra tutti i post

giovedì 21 novembre 2019

Le Pro Loco Unpli Basilicata premiano le eccellenze lucane


POTENZA - particolarmente distinti nei settori artistico, enogastronomico, culturale, scientifico e imprenditoriale. La Commissione, presieduta dal Presidente del Comitato regionale Pro Loco Unpli Basilicata Rocco Franciosa, si è riunita al Museo del Brigantaggio (Rionero in Vulture) – premio Unpli Basilicata Complesso Storico Monumentale 2017 - alla presenza della tesoriera della Pro Loco Rionero Erminia D’Angelo e dei dirigenti regionali Unpli: Rossana Santoro, Saveria Catena, Vito Sabia, Maria Teresa Prestera e Vincenzo Lo Sasso.

“Il Premio Unpli Basilicata, istituito nel 1988, – sottolinea il Presidente regionale delle Pro Loco Rocco Franciosa - ogni anno viene assegnato a personalità lucane che si sono particolarmente distinte in campo culturale, artistico, enogastronomico, scientifico e imprenditoriale insieme al titolare di un complesso storico monumentale di pregio, restaurato e aperto al pubblico”. Dopo l’esame delle candidature pervenute dalle Pro Loco, la Commissione ha assegnato il Premio Unpli Basilicata 2019 a Teresa Fiordelisi, avvocato e Presidente BCC - Banca Credito Cooperativo Basilicata, proposta dalla Pro Loco Laurenzana, Oreste Lo Pomo, giornalista professionista, scrittore e Caporedattore Rai Tre Basilicata, proposto dalla Pro Loco Maratea, Vitantonio Lombardo, chef lucano e titolare dell’omonimo ristorante materano, unica Stella Michelin in Basilicata, proposto dalla Pro Loco Barile, Antonio Lerra, Presidente Deputazione di Storia Patria lucana e Professore di Storia Moderna dell'Università degli Studi della Basilicata, proposto dalla Pro Loco Potenza e a Pasquale Menchise, Direttore d'orchestra e Compositore, proposto dall'intero Comitato Unpli Basilicata. La Commissione ha assegnato il "Premio Unpli Complesso storico Monumentale 2019" all’ Arcidiocesi Matera - Irsina per l’Abbazia Santa Maria La Sanità del Casale di Pisticci, proposto dalla Pro Loco Pisticci.

Una "Menzione Speciale - Premio Unpli Basilicata 2019" sarà consegnata a Giovanni Spadafino, pubblicista, proposto dalla Pro Loco Grassano e Vincenzo Petrocelli, scrittore e appassionato di storia locale, proposto dalla Pro Loco Tramutola. La cerimonia di Premiazione con il patrocinio di Consiglio Regionale della Basilicata, Apt Basilicata Turistica, Anci Basilicata e Fondazione Matera Basilicata 2019, con la preziosa collaborazione di Alvino 1884 – Hotel e Meeting e il sostegno della Bcc – Banca Credito Cooperativo Basilicata, si svolgerà a Matera, nell’anno di Capitale Europea della Cultura, sabato 14 dicembre 2019 alle ore 10.30 presso la suggestiva sala delle Cisterne del Mulino Alvino 1884.

Filiano: In tanti per le “Favole a Merenda”


FILIANO (PZ) - In tanti si sono trovati nel pomeriggio di sabato scorso, alla Biblioteca comunale di Filiano in occasione delle “Favole a merenda”, iniziativa giunta alla settima stagione e organizzata dall’Associazione Pro Loco di Filiano – presieduta da Maria Santarsiero - e dalla locale Biblioteca con il patrocino del Comune di Filiano, che si è strutturata, come di consueto, in letture di storie a voce alta, laboratori manuali-creativi, giochi e merenda.

A vestire i panni dei lettori sono stati le brave animatrici e gli operatori volontari di Servizio Civile della Pro Loco Filiano che hanno dato voce alle storie per il piacere di quaranta bambini con età dai 5 ai 10 anni.

Come di consueto dopo le letture si è passati alla fase del laboratorio creativo, mentre il momento della merenda è stato possibile grazie a dolci portati dalle mamme.

«È stato un bellissimo pomeriggio – osserva Vito Sabia, curatore dell’iniziativa – e la testimonianza arriva dalla gioia letta negli occhi dei bambini ma anche dall’armonia che si è respirata fino a sera tra tutti coloro che hanno partecipato».

Un’occasione di aggregazione, quella proposta, per bambini e famiglie che ha travalicato i confini comunali: diversi i bambini accompagnati dai genitori provenienti da altri comuni che hanno apprezzato le attività proposte. Tra di essi il signor Lauria di Potenza che ha affermato «Partecipiamo con entusiasmo perché “Favole a merenda” non è solo un modo di far divertire i più piccoli, ma è soprattutto l’occasione per i genitori di condividere determinate esperienze insieme ai propri figli che vengono educati all’ascolto, alla riflessione ed allo stare con gli altri».

Il prossimo appuntamento è con “Fiabe e Racconti di Natale” che sarà proposto il 21 dicembre, nell’ambito del cartellone “Natale Insieme a Filiano 2019”.

mercoledì 20 novembre 2019

A Rionero il secondo degli appuntamenti con specialisti in ostetricia e ginecologia


RIONERO IN VULTURE (PZ) - Dopo il convegno tenutosi a Melfi il 4 novembre u.s. che ha avuto come tema la “Diagnosi prenatale: per un futuro tranquillo una regione nel futuro!”, si terrà a Rionero in Vulture il secondo di una serie di appuntamenti organizzati, nell’ambito del progetto “Serate lucane di ostetricia e ginecologia: dalla tradizione all’innovazione per costruire un’eccellenza nel Vulture”, dall’Ospedale di Melfi U.O.C. di ostetricia e ginecologia.

Tema dell’incontro, che avrà luogo a Rionero in Vulture il 22 novembre 2019, dalle ore 18:30 alle ore 20:30, presso la sala convegni di Palazzo “G. Fortunato” in via Garibaldi, sarà: “Taglio cesareo: solo se serve!!”.

Di seguito il programma della serata:

PROGRAMMA

Introduzione 18:30 - 19:00

dott. Luigi Di Toro
dott. Sergio Schettini
dott. Francesco Bernasconi

Letture Magistrali 19:00 - 20:00

dott. Virgilio Meregalli “Taglio cesareo: solo se serve!!”
dott. Francesco Bernasconi “Taglio cesareo, microbiota e benessere neonatale”
Dibattito con l'auditorio 20:00 - 20:30

Buffet offerto a tutti i partecipanti

Tito, sgomberato l’ex municipio sede della Polizia locale e dei Forestali


TITO (PZ) - Il sindaco di Tito Graziano Scavone ha firmato, nella mattinata del 20 novembre, l’ordinanza di chiusura e sgombero dell’immobile comunale ex municipio sito in via Umberto I, dove si trovano gli uffici della Polizia locale, dei Carabinieri forestali e la sede di alcune associazioni locali, poiché non sussistono le condizioni di staticità dell’edificio. Lo stato di potenziale pericolosità in cui versa la struttura è l’esito di un’indagine sismica, propedeutica agli interventi di miglioramento sismico in corso di progettazione.

“Trovandoci in una zona ad elevato rischio, sin dall’inizio del nostro primo mandato abbiamo voluto condurre su tutto il patrimonio immobiliare pubblico, in particolare sulle scuole, indagini di vulnerabilità sismica che ci consentissero di conoscere preventivamente lo stato di salute dei fabbricati in cui sono ospitati servizi pubblici aperti ai cittadini”, sottolinea il sindaco Scavone. “Questo approccio metodologico ci ha consentito di operare interventi di messa in sicurezza ed evitare le situazioni emergenziali, come successo per lo stabile in questione, che possono arrecare pericolo alla incolumità pubblica e privata”.

È stato altresì chiuso il passaggio pedonale che costeggia l’immobile e sbocca in via Fontanelle, ma le aree limitrofe non sono state inibite poiché non sono interessate da particolari situazioni di dissesto, così come risulta dalle relazioni tecniche consegnate all'ente. L’area pericolosa è stata delimitata da un’apposita recinzione.

Gli uffici della Polizia locale verranno adesso ricollocati all’interno del Municipio, mentre quelli dei Carabinieri forestali verranno sistemati presso la sede del Comando regionale di contrada Bucaletto a Potenza intanto che, in un apposito incontro con la Prefettura già richiesto dal sindaco, verranno definite soluzioni alternative per conservare il presidio a Tito.

"Attendiamo la consegna del progetto di miglioramento sismico, prevista per i primi mesi del prossimo anno, per verificare la sostenibilità finanziaria degli interventi necessari a restituire alle funzioni pubbliche l'edificio”, conclude il sindaco.

Con la richiesta online del passaporto scompaiono le file in Questura

POTENZA - La Polizia di Stato perfeziona la piattaforma “Agenzia Passaporti” e i cittadini possono anche esprimere il proprio giudizio sul servizio.
Dopo un anno dall’introduzione da parte del servizio della Polizia di Stato “Agenda Passaporti” le file per ottenere il passaporto nella Questura di Matera sono quasi scomparse.
Con questo servizio il cittadino può richiedere il passaporto registrandosi sul sito https://www.passaportonline.poliziadistato.it e compilando la domanda direttamente sul web.
Il sistema permette di scegliere il luogo (Questura o Commissariato), il giorno e l’ora per la consegna della documentazione e per la rilevazione delle impronte digitali necessarie per il rilascio del passaporto.
Anche dopo aver fissato l’appuntamento è possibile cambiarlo sempre attraverso il sito, annullando quello precedente.
Al servizio è stata aggiunta adesso la nuova funzionalità Customer Satisfaction, in linea con quanto previsto dalla Carta dei Servizi in tema di misurazione della qualità dei servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione.
L’innovazione introdotta consente ai cittadini che abbiano effettuato la registrazione, al termine della procedura di prenotazione di un appuntamento – e solo in maniera opzionale – di esprimere una valutazione sul servizio offerto, fornendo eventualmente suggerimenti per migliorarlo.

Serie D: il Francavilla in Sinni ko, il match del Grumentum sospeso per la pioggia


di FRANCESCO LOIACONO - Giornata non favorevole la dodicesima giornata di andata per le squadre lucane del girone H di serie D. Il Francavilla in Sinni ha perso 4-0 in casa col Taranto. Nel primo tempo i pugliesi sono passati in vantaggio con Genchi su rigore dato per un fallo di Farinola su Pelliccia. I lucani insidiosi. Un tiro di Maggio è stato respinto con i pugni dal portiere Sposito. Tomas Grandis di sinistro, palla di poco a lato. Il Taranto ha raddoppiato ancora con Genchi di destro. Gli jonici in contropiede. Un tiro di Genchi ha sfiorato il palo.

Nel secondo tempo il Francavilla in Sinni arrembante. Un colpo di testa di Farinola ha visto la valida opposizione con le mani di Sposito. Il Taranto ha realizzato la terza rete di nuovo con Genchi di sinistro. La squadra allenata da Luigi Panarelli è andata in gol per la quarta volta con Favetta, tiro in diagonale. I lucani velocissimi. Un tiro di Nolè ha centrato il palo. Netta sconfitta per i lucani. Il Francavilla in Sinni è penultimo in classifica con 11 punti. La partita che il Grumentum Val d’Agri doveva giocare a Bitonto contro la solitaria capolista è stata sospesa al 10’ del secondo tempo sullo 0-0 per la pioggia. I lucani sono terzultimi a 12 punti. La data del recupero sarà comunicata presto dalla Lega Dilettanti.

La Forgia di Sinisgalli: presentazione del Quinto volume della Fondazione e inaugurazione di due mostre sinisgalliane

POTENZA - Nell’ambito del progetto “La Forgia di Sinisgalli”, la Fondazione Leonardo Sinisgalli propone una serie di appuntamenti che attraverso la letteratura, l’arte e la scienza, intendono raccontare la poliedricità e il genio del nostro “Leonardo” novecentesco.

Il 23 novembre alle ore 18.00 nella Casa delle Muse, a Montemurro, verrà presentato il quinto Quaderno della Fondazione, Le meraviglie di Sinisgalli (FLS, Montemurro 2019) di Luigi Tassoni, professore ordinario di Letteratura italiana e di Semiotica e direttore del Dipartimento di Italianistica all’Università di Pécs, nonché membro dell’Accademia ungherese delle Scienze e direttore da 25 anni dei Seminari internazionali interdisciplinari di Pécs.

Nel volume l’autore, che in oltre quarant’anni di critica si è addentrato nel complesso mondo di Sinisgalli, ripercorre in modo unitario la sua opera, delineando l’avventura di quell’uomo semiotico che il poeta ingegnere ha incarnato, anche qui in anticipo sui tempi, e interpretando le meraviglie e gli oggetti di un mondo creativo e riflessivo tra i più originali del Novecento europeo.

Nel primo saggio del testo Tassoni, che con la grande emozione di un giovane ventenne conobbe Sinisgalli in occasione del Premio Leonardo a Firenze nel 1978, grazie a Piero Bigongiari, spiega: “Per un poeta come Leonardo Sinisgalli, la meraviglia è quella della continua scoperta di un particolare: che la consistenza del mondo riservi sempre delle sorprese, così come la consistenza della propria soggettività a confronto di universi misurabili, finiti, razionali, quanto immisurabili, infiniti, irrazionali. In questo movimento egli orienta la scena del proprio continuo stupore, nella seduzione di tutto ciò che non rimane fermo a una stabilità di superficie, ma rinnova un modo di esserci, un modo di vedere e di pensare, e di riproporsi in prospettive dinamiche e imprevedibili”.

Alla presentazione dei volume, dopo i saluti del sindaco di Montemurro, Senatro di Leo, interverranno, insieme all’autore, la critica letteraria e saggista Milly Curcio e il Direttore della Fondazione Sinisgalli, Biagio Russo.

Il secondo appuntamento de La Forgia è in programma nella giornata del 21 dicembre, che sarà divisa in tre momenti. Alle 17.00, presso la Casa delle Muse, verrà inaugurata la mostra “Giulia Napoleone per Leonardo Sinisgalli. Quindici pastelli per le lucide visioni di un amico”, con la presentazione del cofanetto-omaggio a ringraziamento per la donazione delle opere da parte dell’artista alla Fondazione. Saranno presenti, oltre all’artista Giulia Napoleone, il sindaco, Senatro di Leo, il Presidente della Fondazione Leonardo Sinisgalli, Mario Di Sanzo, e l’artista Pietro Paolo Tarasco.

Alle 18:30 seguirà l’inaugurazione della mostra “Un carciofo in mostra. Sinisgalli e la Superficie Romana di Steiner”, a cura del saggista Faber Fabris, incentrata su un modello del Carciopholus (la superficie romana di Steiner), di cui il visitatore potrà apprezzare pienamente la presenza fisica e la complessa ‘geometria barocca’. La mostra sarà accompagnata da una relazione che riassume le evocazioni dei pannelli espositivi, precisa elementi storici e matematici della superficie romana di Steiner, propone al pubblico alcune manipolazioni con l’aiuto di modelli di carta. Interverranno insieme al curatore Faber Fabris, il direttore Biagio Russo e Sandra Lucente dell’Università di Bari.

La giornata si chiuderà alle 20.00 presso l’Ex Convento di San Domenico con il Concerto di Natale a cura degli United sounds, con Dario Fraccalvieri alla chitarra, Grazia Giusto al violino, Maria Mianulli al flauto, Michi Caroli alle percussioni e G. D’Abramo al contrabbasso. A seguire, brindisi augurale.

Nei primi mesi del nuovo anno, sono inoltre previste le presentazioni dei due volumi sinisgalliani ripubblicati da Mondadori, fra gli Oscar Baobab: la raccolta dei racconti, a cura di Silvio Ramat, e quella delle poesie, a cura di Franco Vitelli. Tali volumi completeranno, insieme al “Furor Mathematicus” fresco di stampa, la trilogia delle opere sinisgalliane che finalmente tornano fra le mani dei lettori, dopo oltre 40 anni di assenza dalle librerie.

martedì 19 novembre 2019

Marsico Nuovo (Pz): rinnovata la procedura per la macellazione domiciliare dei suini ad uso familiare


MARSICO NUOVO (PZ) - Il Sindaco di Marsico Nuovo (Potenza) comunica che per consentire ai cittadini di continuare a mantenere la tradizione locale della macellazione domiciliare dei suini ad uso familiare, l'A.S.P., con la collaborazione dei dirigenti veterinari territoriali, ha stabilito di rinnovare anche per questo anno la procedura già in uso negli anni precedenti.

Pertanto, i cittadini che volessero procedere alla macellazione domiciliare dei suini, dovranno attenersi tassativamente a quanto disposto nell'Avviso dell'A.S.P.

Per contatti ed informazioni telefonare al n. 0971/310382 dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 08:30 alle ore 12:00, o, collegarsi al sito dell'A.S.P. di Potenza: http://www.aspbasilicata.it

Serie C: il Potenza trionfa, ko il Picerno


di FRANCESCO LOIACONO - Giornata soddisfacente a metà la quindicesima di andata per le squadre lucane del girone C di serie C. Il Potenza ha vinto 1-0 in casa contro la Vibonese. Nel primo tempo i lucani propositivi. Un tiro di Isgrò è terminato alto. Una conclusione di Longo è finita di poco a lato. Murano tutto solo in area di rigore è stato anticipato dal difensore Malberti. Un colpo di testa di Isgrò è stato salvato sulla linea di porta dal difensore Altobello. Nel secondo tempo la Vibonese insidiosa. Un tiro di Bubas ha sfiorato il palo. I lucani arrembanti. Un tiro di Ferri Marini è stato respinto con le mani dal portiere Greco. Il Potenza è passato in vantaggio al 44’ con il brasiliano Franca di testa. Il Potenza è terzo in classifica con 30 punti insieme alla Ternana.

Il Picerno ha perso 1-0 a Vibo Valentia col Rende. Nel primo tempo all’11’ i calabresi sono andati in gol con Nossa di testa. I lucani hanno replicato. Una inzuccata di Fontana ha visto la valida opposizione con i pugni del portiere Savelloni. Nella ripresa il Rende ha aumentato i ritmi del suo gioco. Un tiro di Giannotti ha centrato il palo. Collocolo ha calciato oltre la traversa da buona posizione. Il Picerno in contropiede. Una conclusione di destro di Fontana non ha inquadrato per un soffio la porta. Un sinistro di Pitarresi è terminato fuori. E’ stato annullato ai lucani un gol realizzato da Santaniello per un fallo sul difensore Bruno. Il Picerno è quartultimo a quota 16 alla pari con la Paganese.

Progetto Albopop e canale Telegram, il Comune di Latronico attiva altri due strumenti di comunicazione e trasparenza


LATRONICO - Il Comune di Latronico (Potenza) attiva altre due iniziative in materia di comunicazione e trasparenza.

E’ stato infatti attivato, dopo il successo del progetto WhatsLAT che ha visto oltre 1.000 cittadini iscritti, un nuovo canale di comunicazione attraverso l’app Telegram. Tale applicazione, open source e completamente gratuita, sta vivendo una fase di notevole crescita tra gli utenti, anche per le sue funzionalità innovative e semplici da utilizzare.

E’ possibile unirsi al canale Telegram del Comune di Latronico cercando @comunelatronico, dopo di che sarà sufficiente premere sul tasto ‘unisciti’ per diventarne membri e iniziare a ricevere direttamente sullo smartphone o sul proprio pc o tablet tutte le informazioni riguardanti il Comune di Latronico.

Tale canale sarà anche il mezzo con il quale fruire del progetto denominato "Albo POP" consistente in un sistema di notifica immediata delle pubblicazioni all'Albo Pretorio online e finalizzato a fornire uno strumento che consenta ai cittadini di essere avvisati in modo automatico e costante di ogni singola e nuova pubblicazione.

“Da anni lavoriamo sulla trasparenza amministrativa ponendo la massima attenzione possibile a rendere noti ed accessibili dati, documenti e quant'altro possa essere di interesse dei cittadini – commenta il Vicesindaco e promotore del progetto Vincenzo Castellano – oltre a rappresentare la volontà di essere realmente trasparenti e di non temere il controllo dei cittadini ed, anzi, incoraggiarlo!”.

Latronico è il primo ed unico Comune in Basilicata ad aver attivato tale iniziativa, completamente gratuita per l’Ente e per i cittadini.

Maggiori informazioni sono disponibili sul portale web comunale www.latronico.eu

lunedì 18 novembre 2019

Viggianello: 10mila presenze per il 'Gusto del Pollino'


VIGGIANELLO (PZ) - Il Gusto del Pollino di Viggianello, manifestazione dedicata ai funghi e alle castagne, ha avuto quest’anno un boom di presenze con circa 10.000 visitatori. Record di presenze per il borgo del Pollino che a partire dal 5 Ottobre fino allo scorso week end ha visto la partecipazione di migliaia di turisti. La manifestazione, annoverata ormai tra le più famose sagre autunnali del Parco Nazionale del Pollino e della Basilicata, richiama tantissimi visitatori. Degustazioni di funghi e castagne, prodotti tipici, mercatini, Show- Cooking, musica tradizionale e tanto divertimento, questi sono gli ingredienti del successo de “Il Gusto del Pollino”, manifestazione voluta fortemente dall’amministrazione comunale, in collaborazione con la Pro Loco e le associazioni del territorio.

"Viggianello con circa 600 posti letto - dichiara l'Assessore al Turismo Adalberto Corraro - è il paese che ha la maggiore ricettività nel Parco Nazionale del Pollino. E' stato un successo riuscire a riempire tutte le strutture ricettive (alberghi, agriturismi, bed and breakfast, case vacanze, ecc) per tutti i week end di ottobre e novembre. Inoltre siamo stati scelti da un'associazione di camperisti e abbiamo ospitato oltre 30 equipaggi e tante agenzie di viaggi hanno proposto visite giornaliere al borgo di Viggianello, alla sagra e ai mercatini."

Un dato così positivo conferma anche il ritorno di visitatori ormai tradizionalmente affezionati a questo evento che per qualità, ricchezza e suggestione riesce ad affascinare i turisti e a fidelizzarli con un quasi rituale e immancabile ritorno a Viggianello, di anno in anno nell'autunno.

Il sindaco del borgo del Pollino Antonio Rizzo soddisfatto dichiara: "IL Gusto del Pollino è una manifestazione che arricchisce tutto il territorio ormai. Il tutto esaurito nelle strutture ricettive di Viggianello ha portato benefici anche alle strutture dei paesi limitrofi della Valle del Mercure. Risultati cosi soddisfacenti dimostrano che investendo sulla sua genuinità e sulle nostre capacità si può giungere a un rilancio proficuo e denso di risultati economici di notevole evidenza , a tutto vantaggio della cittadinanza e del territorio. È gratificante essere annoverati tra gli eventi cardini autunnali, Viggianello è davvero diventata tappa fissa autunnale.”

Il sindaco e l'Amministrazione Comunale ringraziano tutti coloro che si sono prodigati per la riuscita della manifestazione: il Comando stazione dei Carabinieri, i Carabinieri Forestali, la Polizia Locale, la Protezione Civile, i ragazzi del Servizio Civile, tutti i volontari dell'Associazione Proloco e tutte le attività locali che hanno lavorato all'evento.

L'appuntamento con Il Gusto del Pollino ritornerà il prossimo autunno.

Alessandro, da Maratea alla pubblicazione del nuovo singolo 'Prendi la mano'


MILANO - E' disponibile in digital download e sulle piattaforme streaming “PRENDIMI LA MANO”, il primo dei quattro singoli che anticipano l’uscita di “ALESSANDRO”, il nuovo progetto acustico pop-alternative di ALE ICE, il giovane artista bellunese. 

Il brano è la miccia che ha fatto partire questo progetto – scrive ALE ICE – La scrissi quasi due anni fa, durante l’ennesimo trasloco e la scrittura di “Nirvana Mixtape”, ma non rientrò al tempo nella tracklist perché ritenevo dovesse essere maggiormente valorizzata».  Nasce dall’esigenza di Ale di esprimere i propri sentimenti in un periodo cruciale della sua adolescenza, in cui si è trovato a dover fronteggiare una delusione d’amore. La contraddizione tra il bisogno di chiedere aiuto e la voglia di farcela da solo si risolve catarticamente nella scrittura di un ritornello dalle melodie incisive, in cui l’artista cerca di ritrovare il proprio equilibrio.

In “ALESSANDRO” l’originaria matrice hip hop dell’artista viene declinata in una nuova chiave cantautorale di genere pop-alternative, mediante la quale ALE ICE denuncia in modo intimo e introspettivo il proprio senso di inadeguatezza nei confronti delle mode e dei costumi che la società attuale gli impone.

«“ALESSANDRO” sono io in musica – spiega ALE ICE – È un progetto che nasce volutamente minimal, spoglio da mode, e ispirato alla musica degli anni Settanta e Ottanta per concentrarsi unicamente sulla verità dell’essere se stessi. “ALESSANDRO” nasce infatti in un momento in cui guardandomi intorno non facevo altro che sentirmi inadatto, fuori posto, fuori tempo. Ormai la quantità conta più della qualità e per questo motivo ritrovare l’essenza della musica non può che voler dire ridurla all’osso, ai soli due strumenti di chitarra e voce».

Alessandro Minichino, in arte ALE ICE, è nato a Maratea (PZ) il 03 maggio 1999. Vive i primi due anni della sua vita in un piccolo paese della provincia di Salerno ai confini con la Basilicata. È cresciuto e si è formato in Veneto, nella provincia di Belluno. Ha dimostrato fin da piccolo grande interesse per l'arte a tutto tondo, dall'attitudine al disegno alla passione per la musica, prediligendo il cantautorato degli anni Settanta e Ottanta. Crescendo ha coltivato sempre più queste passioni; ha infatti intrapreso percorsi di studio affini (liceo artistico e ora il Mita, l’accademia internazionale di tatuaggio artistico), riempiendo tutti i vuoti con la musica, il disegno e la scrittura. A 16 anni col nome d'arte di Ale ice scrive e pubblica l’Ep "È Solo L'inizio" (2015), un lavoro prettamente rap nel quale è presente il featuring con M2k, rapper campano membro della Double Haitch Crew". Di questo e di tutti i lavori che seguono, Alessandro cura gli artwork e le cover. Negli anni successivi incide due mixtape: "Equilibrio" (2017), dalle rime dirette, in cui riflette su un mondo ingiusto nel quale bisogna trovare posto, e "Nirvana" (2018), da cui è stato estrapolato il singolo "Tieni duro" a cui ha seguito il primo street video con la regia di Samuele Dalò. Il video di "Tieni duro" è stato poi recensito dagli Arcade Boyz, noti youtuber. Ora è in cantiere un lavoro nuovo, più maturo e distante dai lavori precedenti: "ALESSANDRO", un progetto ispirato al cantautorato italiano, al cui interno troviamo anche la collaborazione con Simone Da Pra in "Nato fuori tempo".

DMB Pallavolo Villa D'Agri. Vittoria e Certificazione di Qualità

POTENZA - E’ arrivata, dopo due ore e mezza di emozione, di trepidazione, di tensione, la prima, bella, sofferta e meritata vittoria nel campionato di Serie “C” Puglia.

La DMB Pallavolo Villa d’Agri ha avuto la meglio per 3 set a 2, della S.B.V. GALATINA A.S.D., in un incontro dai due volti. I primi due set a favore della squadra ospite e gli altri, dopo un’appassionante rincorsa, appannaggio dei padroni di casa.

Il Palazzetto dello Sport di Villa d’Agri finalmente in festa per la prima storica vittoria in questo impegnativo torneo di volley. Nessuno poteva prevedere, però, un successo dopo che la formazione valdagrina si era trovata sotto di ben due set.

Un vittoria importante ed una prestazione scaccia pensieri, dopo una prova di forza e di resistenza fisica e mentale. I giovani della DMB venivano da una prestazione opaca in terra di Lecce e l’importanza di cogliere un successo era fondamentale. I ragazzi di casa hanno avuto il merito di non arrendersi, anche sotto di 2 set, quando il match sembrava indirizzato completamente a favore della squadra della provincia leccese.

Cronaca della gara - La DMB Pallavolo Villa d’Agri mette in campo i suoi giovani: un quindicenne (De Angelis A.), 4 sedicenni (Bove G., Calabria P., Logiurato D. e Perna G.) un diciottenne (Riso M.) e l’esperto Germino, ma parte contratta e timorosa. Dalle prime battute sembra la fotocopia di quanto già visto nelle gare precedenti: errori in battuta, in copertura e amnesie di gioco. Il primo set sembra segnato per il margine di 4 lunghezze che la S.B.V. GALATINA A.S.D. rende ai ragazzi del coach Dino Viggiano. Arriva la reazione e il meritato pareggio sul 15, ma un buon turno di battuta della formazione pugliese la porta di nuovo avanti di 4 punti e chiude, poi, il set 25 a 20;

Nel secondo set si cambia qualcosa ed in campo entra un secondo quindicenne (Iuorno E.) ma soprattutto Bove C., a dare esperienza e peso ai reparti. Orientativamente il 2° è un copia incolla del primo set, anche se si iniziano ad intravvedere miglioramenti in attacco con Bove G., che comincia a salire in cattedra, con primi tempi pesanti di Calabria P. e con degli attacchi proficui di De Angelis A. Set conclusosi sul 25 a 22 per gli ospiti per via di alcuni errori nel finale ed almeno tre coperture mancate su altrettanti pallonetti dagli attacchi del Galatina;

Il terzo set è un’altra musica, la DMB resta sempre in vantaggio di tre, con punti pesanti dei tre ragazzotti citati in precedenza, una buona difesa e del buon lavoro a muro, supportato anche dal palleggiatore Riso. Ma, sul 20 a 17, è bastato un leggero calo di tensione che ha rimesso in corsa il Galatina. Sul 21 a 20 per gli ospiti sembrava tutto perso. Da qui fino alla fine del set, conclusosi 26 a 24, è stato un altalenarsi di emozioni. Un sontuoso punto di Bove G. e il conseguente punto da una battuta “al veleno” di Sanchirico F., hanno consegnato il game alla DMB.

Nel quarto set (25-18) e nel tie-break (15-11) la tenuta mentale e atletica ha permesso al team di casa di aggiudicarsi l’incontro e di muovere finalmente la classifica. Prova maiuscola di Bove G. per la costanza a punto anche nei momenti delicati della gara, di De Angelis per gli attacchi e gli importanti recuperi in difesa, di Calabria P. al centro con punti pesanti e muri importanti, del peso in campo dell’esperto Bove C., dei giovani liberi (Perna e Iuorno) che si sono alternati al suo fianco in seconda linea e del valore dell’alzatore Riso M.

“Gara equilibrata per tre set dove nei primi due la differenza l’ha fatta qualche errore nostro di troppo e la mala sorte. Nel terzo c’è stata grande reazione emotiva che insieme ad una eccellente tenuta fisica ci hanno permesso di andare sul 2-2 e di vincere la gara al tie-break”, è il commento a caldo del coach in seconda Pinuccio Logiurato. Dello stesso avviso il coach Dino Viggiano che sottolinea anche come “nei primi due set la squadra non ha espresso il gioco che poteva esprimere con un inizio un po’ travagliato e lo svantaggio iniziale da recuperare, condizionante per la tranquillità e la lucidità dei ragazzi” poi si sofferma sulla reazione della squadra “dal terzo set la squadra ha reagito mentalmente. Ha effettuato una grande prova di carattere, quella che io speravo da inizio campionato ed è il motivo per cui noi stiamo giocando questo campionato di serie C, per aiutare i ragazzi a maturare anche sotto quell’aspetto. Quindi la squadra ha reagito bene grazie un po’ anche alle indicazioni tattiche che abbiamo dato io e Pinuccio. I ragazzi le hanno praticamente espresse al meglio in campo con attenzione, con disciplina tattica e soprattutto hanno messo quel pizzico di cattiveria che ha fatto si che tutte le qualità tecniche dei nostri ragazzi, nell’espressione tattica della nostra squadra venisse fuori”. Conclude con un pensiero verso il futuro: “Un risultato che adesso sicuramente dà entusiasmo all’ambiente, dà fiducia ai ragazzi e consapevolezza su quelle che sono le nostre reali potenzialità e su quello che è il percorso che possiamo continuare a fare in questo campionato di serie C”.

Vittoria e certificazione di Qualità da parte di questi giovani che oggi hanno gratificato la scelta fatta dalla società di disputare il campionato di “C”, mostrando di poter ben figurare su palcoscenici importanti come quelli della regione Puglia.

Prossimo appuntamento a Bari, contro l’ A.S.D. ASEM VOLLEY BARI il 23/11/2019 presso la Palestra IISS Majorana – San Paolo.

sabato 16 novembre 2019

Leggieri (M5S) sull'inchiesta della Procura di Potenza


POTENZA - L'inchiesta della Procura di Potenza che ha interessato l'ex Sindaco di Venosa, alcuni componenti della sua Giunta ed esponenti del Pd locale deve farci riflettere. Ho preferito aspettare qualche giorno, prima di intervenire, perché la delicatezza delle indagini lo impone. Quando è in ballo l'Amministrazione della cosa pubblica siamo tutti coinvolti come cittadini. I Comuni devono essere case trasparenti. Sono la casa di tutti i cittadini, che devono trovare sempre interlocutori attenti, onesti e sensibili. Senza scorciatoie, nella trasparenza e legalità. Non si può e non si deve entrare nel merito delle indagini. Ci sono inquirenti che stanno lavorando ed avvocati che stanno esercitando un diritto irrinunciabile: la difesa dei loro assistiti. Lanciarsi in condanne preventive o assoluzioni aprioristiche finirebbe per fare il solito gioco di chi non ha a cuore la nostra città, abitata da donne e uomini di buona volontà. Cittadini laboriosi che hanno fatto grande la nostra comunità.

Come venosimo sono addolorato per quanto successo. Dobbiamo guardare avanti con rinnovato ottimismo. La vittoria del M5S nello scorso maggio, che è andato alla guida della città, ha sancito una cesura con il passato. Ha determinato una svolta. Dobbiamo credere in una fase nuova per la storia di Venosa. Io ci credo. Ci hanno creduto anche i venosini qualche mese fa. Così in una nota Gianni Leggieri, consigliere regionale M5S.

Potenza, sciopero dei Vigili del Fuoco

POTENZA - CGIL CISL UIL dei Vigili del Fuoco hanno indetto lo sciopero generale della categoria per il giorno 15 Novembre 2019 ed organizzato, per la mattinata della stessa giornata, una manifestazione nazionale presso Piazza Montecitorio e presidi presso tutte le Prefetture del Paese.

Le iniziative messe in campo sono scaturite dalla vertenza unitaria dello scorso mese di giugno con cui abbiamo rappresentato ai Governi le problematiche che coinvolgono i Vigili del fuoco e il servizio da assicurare alla cittadinanza.

In particolare, abbiamo richiesto:

• una valorizzazione effettiva dal punto di vista retributivo e previdenziale del lavoro, unico ed
insostituibile, dei Vigili del Fuoco;

• una maggior tutela e garanzia degli infortuni e delle malattie professionali tipiche del lavoro dei
Vigili del Fuoco;

• un riconoscimento reale della specificità e dell’alta professionalità dei Vigili del Fuoco;

• risorse adeguate per il rinnovo del contratto di lavoro;

• potenziamento degli organici del Corpo Nazionale finalizzato a diffondere il servizio sul territorio e a tutela della sicurezza dei Vigili del Fuoco.

Poiché dette risposte non trovano il giusto riscontro nella legge di bilancio in discussione in Parlamento, CGIL CISL UIL VV.F. sono costrette a far sentire il grido di dolore dei Vigili del Fuoco a tutti i cittadini e a tutti i rappresentati del popolo in Parlamento.
Così in una nota le sigle sindacali di FP CGIL VVF FNS CISL UIL PA VVF.

venerdì 15 novembre 2019

Kalli Ssama, accessori di moda realizzati dalle ospiti dello Sprar con le tecniche tradizionali di Tito


TITO (PZ) - Stole, scialli, mantelle e altri accessori di moda in lana e cotone realizzati a mano, mediante antichi metodi di lavorazione, usando esclusivamente telai di legno a cornice. Sono i capi proposti dalle donne africane e asiatiche ospiti del progetto Sprar Siproimi di Tito ed esibiti in un apposito stand alla fiera nazionale delle arti manuali Creattiva di Napoli, nello scorso fine settimana. I prodotti hanno riscosso grande interesse da parte non solo dei visitatori, ma in particolare di alcuni stilisti e operatori del settore.

Le donne hanno appreso le tecniche di tessitura da anziane signore di Tito, recuperando un sapere ormai prossimo a essere dimenticato, per intrecciarlo con i colori e le fantasie tipiche dei propri paesi di provenienza e, così, rilanciarlo. Il risultato è una serie di prodotti versatili, vivaci e confortevoli da indossare con qualsiasi tipo di abbigliamento, racchiusi adesso in un marchio, “Kalli Ssama”, che in lingua hausa vuol dire “guarda più su”.

L’idea di Kalli Ssama nasce da un lavoro di ricerca storica e di sperimentazione condotto dall’associazione Ri-Crea e dall’esperienza del laboratorio di arti manuali “Con le mani e con il cuore” realizzato nell’ambito del progetto di accoglienza del Comune di Tito, gestito dalla cooperativa sociale La Mimosa che aderisce a Legacoop Basilicata.

Il telaio a cornice utilizzato consiste in una cornice vera e propria che delimita la lunghezza della trama e dell’ordito. Rispetto ai telai a pettine, dove l’ordito può essere teoricamente anche infinito, in questo tipo di lavorazione è la cornice stessa che definisce la misura del tessuto che si va a creare. Sui quattro lati vanno tesi i fili dell’ordito e della trama in modo da formare una rete. Si tratta di metodi di lavoro lenti, che richiedono grande pazienza e una buona manualità.

“Bisogna adesso garantire a queste donne una maggiore specializzazione, attraverso l’organizzazione di un corso di formazione professionalizzante – sottolinea Francesco Ritrovato, presidente della cooperativa La Mimosa – e promuovere i manufatti attraverso il web in modo da attivare un canale di vendita diretto”. L’esperienza potrebbe così rappresentare una forma di autoimpresa da parte delle artigiane. “Kalli Ssama è per noi qualcosa di più di un progetto di realizzazione di manufatti al telaio: è un invito a guardare in alto, a liberarsi dei retaggi culturali e delle zavorre che non ci fanno andare avanti positivamente”. “In un mondo diviso – conclude Ritrovato – un telaio può unire”.

DMB Pallavolo Villa D'Agri in cerca della prima vittoria


VILLA D'AGRI - Gara 3 di campionato. Dopo le due sconfitte nelle precedenti partite, la DMB Pallavolo Villa d’Agri cerca il riscatto contro la S.B.V. GALATINA A.S.D., formazione della cittadina in provincia di Lecce, facente circa 26.800 abitanti.

Per le due squadre che saranno di fronte domenica 17 novembre, alle ore 18:30 presso il Palazzetto dello Sport di Villa d’Agri, come in tutte le gare casalinghe di questa stagione sportiva, la classifica si sbloccherà certamente in quanto entrambe sono ancorate a zero punti ed entrambe vorrebbero portare a casa il bottino pieno.

Un percorso simile per i due team, due sconfitte (una in casa e l’altra in trasferta), buone giocate ma fermi ai blocchi di partenza.

Questa settimana è servita ai ragazzi dei tecnici Viggiano/Logiurato, per riprendersi dalle amnesie avute nella gara di Lecce, dopo una sconfitta dolorosa, e per lavorare sodo in palestra nel cercare, poi, in partita, i punti salvezza. Sospinti dal proprio pubblico i giovani della DMB Pallavolo Villa d’Agri vorranno ben figurare e regalare, agli appassionati di volley della val d’agri, la prima vittoria.

La maturazione sportiva di questi ragazzi passa dagli innesti in rosa degli atleti di esperienza, che hanno il delicato compito di fornire loro la sicurezza sul campo da gioco e di consigliare come gestire il controllo delle emozioni e della pressione nervosa.

Contro la S.B.V. GALATINA A.S.D. sarà una partita ostica e conterà tantissimo l’approccio alla gara. L’impegno e la determinazione saranno necessari per portare a casa la posta in palio.

“Una sconfitta quella di domenica scorsa che serve per ripartire” - questo il commento della Presidentessa della squadra valdagrina, Bianca Viggiano. “Nel primo set contro il Lecce abbiamo tenuto bene il campo, poi abbiamo mollato soprattutto dal punto di vista mentale. Questo è l’aspetto che dobbiamo migliorare. I ragazzi devono stare tranquilli, crescere dal punto di vista fisico e migliorare grazie al duro lavoro ed ai suggerimenti dei tecnici. Siamo una squadra giovane che deve crescere e maturare tanto. Vedo l’impegno e la costanza negli allenamenti dei nostri giovani e sono molto fiduciosa per il proseguo del campionato”.

Esser...Ci è un onore, seguite…Ci con amore, sostenete…Ci con calore.

giovedì 14 novembre 2019

Potenza: il 16 novembre chiusura della Prima Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea

POTENZA - Si svolgerà sabato 16 novembre alle ore 17.00, presso il Museo Provinciale Michele Lacava di Potenza la manifestazione di chiusura della Prima Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea

L’esposizione inaugurata lo scorso 5 settembre è stata particolarmente apprezzata da oltre cinquamila visitatori.

Un risultato positivo che lascia gli organizzatori dell’evento soddisfatti e ben predisposti ad affrontare la sfida della prossima edizione. Particolarmente soddisfatto il Presidente dell’associazione Lucana Art Commission, organizzatrice dell’evento, che negli ultimi giorni di esposizione ha avuto modo di accompagnare le scolaresche nel percorso espositivo e di valutare direttamente quanto le giovani ganerazioni siano particolarmenteinteressate al mondo dell’arte nelle sue diverse forme di rappresentazione.

“Si conclude così, con la soddisfazione di visitatori e organizzatori, un esperimento mai realizzato prima nella nostra regione e inizialmente non condiviso da molti addetti ai lavori. Sono fiducioso e mi auguro che alla luce della non trascurabile affluenza di pubblico registrata e dagli apprezzamenti ricevuti, qualcuno riformuli le propprie opinioni” è quanto ha dichiarato Raimondo Andreolo, presidente dell’associazione che ha organizzato l’evento. “Un doveroso ringraziamento va rivolto a quanti hanno creduto da subito, nella bontà dell’iniziativa offrendo la propria disponibilità e collaborazione e agli artisti che si sono messi in gioco candidando le proprie opere” - ha concluso Andreolo -

Durante la manifestazione saranno brevemente presentati e analizzati i dati di affluenza e di gradimento dell’iniziativa e saranno consegnati a tutti gli espositori gli attestati di partecipazione ed il catalogo ufficiale della mostra.

Potenza: screening gratuiti per la prevenzione dell'ictus


POTENZA - Mercoledì 20 novembre, dalle 8.30 alle 14, presso l’Ambulatorio per le malattie cerebrovascolari ubicato presso l’U.O.C. di Neurologia (Padiglione E, 4°piano) dell’Azienda Ospedaliera Regionale “San Carlo” i cittadini potranno usufruire gratuitamente di uno screening gratuito qualificato con misurazione dei valori di pressione arteriosa, glicemia, frequenza cardiaca ed ecocolordoppler dei tronchi sovraaortici, realizzato con il prezioso supporto di Neurologi e del personale infermieristico locale, oltre che dei volontari di A.L.I.Ce. Basilicata Onlus.

L’ictus cerebrale è una patologia grave e disabilitante che, nel nostro Paese, rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Quasi 150.000 italiani ne vengono colpiti ogni anno e la metà dei superstiti rimane con problemi di disabilità anche grave. In Italia, le persone che hanno avuto un ictus e sono sopravvissute, con esiti più o meno invalidanti, sono oggi circa 1 milione, ma il fenomeno è in crescita sia perché si registra un invecchiamento progressivo della popolazione, sia perché tra i giovani è in aumento l’abuso di alcool e droghe.

Ogni anno, in Basilicata, si verificano circa 1.400 nuovi casi di ictus. La mortalità è in misura del 14% circa mentre la disabilità grave rappresenta il 35% circa. Nel potentino, in particolare, la mortalità è in misura del 6% circa mentre la disabilità grave rappresenta il 23% circa.

“L’Ospedale San Carlo, grazie alla sua Stroke Unit specializzata nella diagnosi, valutazione e trattamento dei casi di Ictus in arrivo presso il Pronto Soccorso, viene riconosciuto come uno dei migliori per il trattamento di questa patologia - dichiara il Dottor Luca Onofrio Scappatura, Dirigente Medico della S.S.D. Stroke Unit A.O.R. San Carlo di Potenza e Presidente di A.L.I.Ce. Basilicata Onlus. Iniziative di questo tipo sono fondamentali perché la popolazione deve essere maggiormente consapevole che i fattori di rischio da soli e, ancora di più in combinazione tra loro, aumentano notevolmente il rischio di essere colpiti da ictus. 8 ictus su 10 possono essere evitati seguendo stili di vita adeguati, attraverso un’attività fisica moderata ed una sana alimentazione. Non va dimenticato, inoltre – continua il Dottor Scappatura- che l’ictus è, come tutte le malattie cardiovascolari e i tumori, una malattia multifattoriale, cioè dovuta alla concomitante azione di più fattori: ipertensione arteriosa, obesità, diabete, fumo, sedentarietà ed alcune anomalie vascolari e cardiache, come la fibrillazione atriale”.

Le nuove terapie della fase acuta (trombolisi e trombectomia meccanica) possono evitare del tutto o migliorare spesso in modo sorprendente gli esiti, ma la loro applicazione rimane a tutt'oggi molto limitata per una serie di motivi. I principali sono rappresentati dalla scarsa consapevolezza dei sintomi da parte della popolazione, dal conseguente ritardo con cui chiama il 118 e quindi arriva negli ospedali idonei, dalla perdita di tempo intra-ospedaliera e, infine, dalla mancanza di reti ospedaliere appropriatamente organizzate.

A.L.I.Ce. Basilicata Onlus è una Associazione di volontariato, impegnata da circa 8 anni nella lotta all’ictus attraverso campagne di informazione e formazione rivolte alla popolazione generale, ai pazienti e ai loro parenti, ed anche al personale che è vicino alle persone colpite da ictus. La conoscenza di questa malattia è la prima tappa per prevenirla e per intervenire precocemente ed efficacemente nella sua cura.

A.L.I.Ce. Italia ODV è una Federazione di associazioni di volontariato diffuse su tutto il territorio nazionale, oltre 80 tra sedi e sezioni regionali e locali, le quali, pur autonome e indipendenti nelle proprie attività, collaborano al raggiungimento di comuni obiettivi statutari a livello nazionale, tra cui: diffondere l’informazione sulla curabilità della malattia, sul tempestivo riconoscimento dei primi sintomi e sulle condizioni che ne favoriscono l’insorgenza anche attraverso i media; sollecitare gli addetti alla programmazione sanitaria affinché provvedano ad istituire centri specializzati per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle persone colpite da ictus e ad attuare progetti concreti di screening; tutelare il diritto dei pazienti ad avere su tutto il territorio nazionale livelli di assistenza, uniformi ed omogenei. Loro peculiarità è quella di essere le uniche ad essere formate da persone colpite da ictus, dai loro familiari e caregiver, da neurologi e medici esperti nella diagnosi e trattamento dell'ictus, medici di famiglia, fisiatri, infermieri, terapisti della riabilitazione, personale socio-sanitario e volontari. Sono associazioni senza scopo di lucro, democratiche, apolitiche, con personalità giuridica e non, iscritte nei registri regionali delle associazioni di volontariato.

Maltempo, Copagri: "l’ondata autunnale aggrava la situazione del primario meridionale"


POTENZA - “L’ondata di maltempo autunnale che si è abbattuta sulla parte meridionale della Penisola e che sta continuando a imperversare sul Paese, con veri e propri nubifragi, non ha fatto altro che aggravare ulteriormente il già pesante bilancio dei danni causati alle principali produzioni agricole, per le quali si preannunciano notevoli disagi”. Lo sottolinea il presidente della Copagri Franco Verrascina, in relazione alle allerte meteo diffuse dalla Protezione Civile e in attesa di due nuovi cicloni in arrivo nei prossimi giorni, che dovrebbero interessare anche l’area centro-settentrionale della Penisola.

“Le situazioni più critiche sul versante agricolo si registrano nelle regioni del Sud, con l’allerta rossa diramata in Basilicata, Calabria e Sicilia e quella arancione in Puglia”, precisa il presidente, spiegando che “la Confederazione è al lavoro per raccogliere le segnalazioni dei propri associati, così da poter quantificare le perdite e comunicarle alle istituzioni preposte e procedere celermente con i necessari adempimenti per valutare la possibilità di avviare iniziative a tutela dei produttori agricoli”.

“Di fronte al sempre più frequente ripetersi di questi fenomeni climatici estremi, purtroppo sempre meno sporadici e isolati e dovuti anche ai cambiamenti climatici, ribadiamo nuovamente l’importanza del ruolo degli agricoltori quali custodi del territorio e presidio dell’ambiente, anche e soprattutto per il contrasto al dissesto idrogeologico e per la manutenzione delle piante, delle aree verdi urbane e dei terreni di scolo”, aggiunge Verrascina.

I PRINCIPALI DANNI REGIONE PER REGIONE - In Basilicata le problematiche maggiori si concentrano nel metapontino, sferzato da forti piogge e venti che hanno distrutto quasi completamente le strutture agricole fisse e mobili, interessando in particolare le celle di raccolta della frutta e le serre e causando ovviamente gravi danni alla rete infrastrutturale e ai fabbricati rurali. Da una prima ricognizione nella stessa zona, risultano quasi irrimediabilmente compromesse le produzioni in atto di agrumi, frutta e olive, queste ultime in fase di raccolta.

In Calabria, invece, i maggiori danni si riscontrano nel lametino, dove un ciclone mediterraneo, caratterizzato da forti venti che hanno superato i 100km/h e piogge intense, ha scoperchiato le serre e i tendoni, danneggiando gravemente le colture frutticole, con particolare riferimento agli agrumi, e quelle orticole. Le intense piogge hanno allagato molte piantagioni di agrumi in tutta l’area Jonica Reggina. Nel crotonese diverse aziende zootecniche sono state addirittura costrette ad evacuare il bestiame a causa delle avverse condizioni meteo.

In Sicilia, dopo il disastroso nubifragio dello scorso anno, che aveva sommerso chilometri e chilometri di campagna e messo in ginocchio moltissime aziende agricole, azzerando la produzione di ortofrutta, agrumi e ortaggi, si registrano nuovi gravi danni alle produzioni ortofrutticole e al settore olivicolo. Quasi tutte le aree interne della Regione sono sommerse dalle acque, che hanno causato sensibili disagi, oltre a frane e smottamenti.

In Puglia, dopo le violente grandinate estive e le gelate di maggio e giugno, che avevano colpito tutto il versante adriatico della Regione compromettendo le coltivazioni di angurie e meloni prossime alla raccolta e non risparmiando le colture ortofrutticole, ci sono chilometri di campi sommersi dall’acqua, che rende impossibile le semine autunnali e amplia la già lunghissima lista dei disagi al settore olivicolo. I problemi maggiori sembrano concentrarsi nel tarantino, e in particolare al confine con la Basilicata.