venerdì 22 novembre 2019

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: il Camper della Polizia scende in piazza


In occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” in programma il prossimo 25 novembre, la Questura di Matera, proseguendo la campagna di informazione e sensibilizzazione “Questo non è amore”, organizza una giornata dedicata.

Dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19 di lunedì 25 novembre in questa Piazza Vittorio Veneto sarà presente il Camper della Polizia di Stato, un “punto di primo contatto” per incontrare la gente e diffondere informazioni sul tema della violenza di genere, ma anche ascoltare e assistere chi ha bisogno di aiuto.

All’iniziativa parteciperà il Questore Luigi Liguori che alle 11.30 sarà in Piazza Vittorio Veneto per incontrare i giornalisti e fare il funto della situazione in ambito provinciale.

A bordo del Camper i cittadini troveranno a disposizione personale specializzato della Polizia di Stato in servizio alla Squadra Mobile, alla Direzione Anticrimine e all’Ufficio Denunce, oltre al Medico della Polizia di Stato. Saranno a disposizione, inoltre, anche la psicologa del Servizio Sociale del Comune di Matera e personale del C.A.I. – Centro Antiviolenza Italiano.

Da un lato la Polizia di Stato è impegnata ad affiancare e accompagnare le vittime di genere in ogni fase del difficile percorso di affrancamento dallo “stolker” attraverso gli strumenti giuridici preventivi ed eventualmente repressivi offerti dalla vigente legislazione amministrativa e penale. Dall’altro punta ad informare, garantire la centralità della vittima, ascoltare e proteggere, farsi carico, “fare rete”, tutti aspetti significativi di una strategia innovativa di carattere preventivo, espressione di un approccio globale per combattere efficacemente il fenomeno.

In tutta Italia sono stati registrati infatti oltre 106.000 contatti fino a settembre 2019, con un picco di 25.000 (di cui 4.418 minori) in occasione degli eventi realizzati dalle Questure il 25 novembre 2018.

Con l’occasione sarà anche distribuito un nuovo opuscolo, realizzato a cura della Direzione Centrale Anticrimine dal titolo “Questo non è amore”, contenente informazioni aggiornate sul fenomeno della violenza di genere.

Protocollo Rete Donna, il 25 novembre riunione dei soggetti istituzionali


In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’Assessorato alle Politiche sociali del Comune di Matera ha organizzato un incontro tra i soggetti istituzionali e i firmatari del Protocollo “Rete Donna”, che contiene procedure e strategie condivise per la prevenzione e il contrasto al fenomeno della violenza di genere.

L’incontro si svolgerà il 25 novembre 2019 alle ore 10 nella sala Mandela del Comune di Matera.

Cisl, si è riunito a Potenza il coordinamento regionale sulla contrattazione di secondo livello


Ieri si è riunito a Potenza il coordinamento regionale della Cisl sulla contrattazione di secondo livello; una riunione operativa in vista della presentazione, il 4 dicembre a Roma, del quinto rapporto Ocsel sulla contrattazione aziendale. Attivo dal 2009, l'Ocsel raccoglie in tutta Italia oltre 8 mila accordi di secondo livello, sia aziendali che territoriali, che riguardano oltre mille aziende e quasi un milione di lavoratori. "Pur caratterizzata da numeri piccoli - spiega il segretario generale aggiunto Gennarino Macchia - la Basilicata ha dimostrato nel tempo una certa dinamicità nella contrattazione decentrata, anche per effetto della presenza di importanti gruppi industriali di rilievo nazionale e internazionale". In base ai dati forniti dal ministero dell'Economia (riferiti al 2017), con un premio medio annuo lordo di 1.660 euro la Basilicata si posiziona al vertice della graduatoria nazionale dei premi di produttività erogati e detassati e si assicura la seconda piazza anche per quanto riguarda l'incidenza dei beneficiari, pari in termini assoluti a 17.656, sul totale dei dipendenti delle imprese attive: tre lavoratori su 10, infatti, hanno percepito nel 2017 il premio di produttività. "Questi numeri - spiega Macchia - indicano che c'è uno spazio per crescere e portare la contrattazione di secondo livello anche nelle piccole e medie imprese che rappresentano lo zoccolo duro della nostra economia. Noi riteniamo che l'osservatorio della Cisl possa essere da questo punto di vista un utile strumento, non solo per monitorare in tempo reale la diffusione della contrattazione decentrata, ma anche per condividere e socializzare le buone pratiche sviluppate nei vari territori".

Potenza omaggia Ruggiero Leoncavallo nel centenario della sua morte


Si terrà domenica prossima 24 novembre alle ore 18.30, nella splendida cornice del Teatro F. Stabile di Potenza, il Gran Gala Leoncavallo 100 in occasione della ricorrenza del centenario della morte del grande operista Ruggiero Leoncavallo. Il progetto intende sottolineare il forte legame che si può cogliere fra la sua produzione musicale ed il cinema, ma anche con la stessa città di Potenza, testimoniato ampiamente dalle tante opere cinematografiche che in diverse occasioni incrociano la figura di Leoncavallo e la sua musica.

L’attività creativa del celebre compositore è fortemente legata alla città di Potenza, che frequentò spesso e che lo vide attivo anche professionalmente proprio nel teatro che ospita la serata di Gala.

Numerose le sue opere messe in scena, in passato, proprio nel capoluogo lucano, da I Pagliacci, film diretto da Giuseppe Fatigati nel 1943 ispirato all’omonima opera lirica di Ruggiero con la partecipazione del grande tenore Beniamino Gigli e La reginetta delle rose, film muto del 1915 diretto da Giovacchino Forzano e Gino Rossetti.

L’evento vedrà un breve excursus storico tra note e immagini raccontate nella conversazione condotta da Giovanna D’Amato, responsabile area musica dell’Ateneo Musica Basilicata, Francesco Calogero, regista e con la partecipazione straordinaria del prof. Sandro Di Stefano, compositore per il cinema e docente di "Composizione per la musica applicata alle immagini" presso il Conservatorio E.R. Duni di Matera.

Seguirà la proiezione di alcuni momenti delle pellicole e allestimenti dell’Opera Pagliacci, una delle opere di Leoncavallo più celebre.

La serata si concluderà con il concerto dedicato alle musiche di Leoncavallo e dei suoi contemporanei dell’Orchestra Filarmonica Federiciana diretta dal Maestro Benedetto Montebello, con la partecipazione del soprano Carmela Osato e del tenore Raffaele Pastore accompagnati al flauto da Sasha De Ritis.

Keytech investe al SUD: "Alla ricerca di nuove risorse da assumere"



Keytech sceglie Matera per definire gli investimenti 2020/2022 da destinare allo sviluppo delle sedi in Campania, Puglia e Basilicata.

Il 23 e 24 novembre si riuniscono i manager dell’azienda per definire: il budget da destinare alla formazione per l'assunzione di nuove risorse umane da impiegare nel mondo SAP

SAP (in italiano Sistemi, Applicazioni e Prodotti nell'elaborazione dati) è un sistema ERP (Enterprise Resource Planning) il più utilizzato dalle medie e grandi aziende.

L'ERP si occupa della gestione e l'ottimizzazione di tutti i processi interni ed esterni ad un'azienda.

"Le imprese sono sempre più alla ricerca di professionalità tecniche e consulenziali per soddisfare le sfide gestionali aziendali - afferma Luigi Tufano Ceo di Keyech Srl. Inoltre, sono oltre 8.000 i posti vacanti nelle professioni digitali a cui avviare i giovani".

"In SAP la specializzazione è molto importante. Noi di Keytech desideriamo formare nuove risorse - continua Tufano - e a tal proposito la Keytech terrà corsi gratuiti sui vari moduli di SAP.

I più meritevoli verranno impiegati nella nostra struttura ed entreranno subito del mondo del lavoro."Keytech Srl - conclude il Ceo di Keytech - ha l'ambizione di voler essere per molti giovani un punto di riferimento nel settore della consulenza SAP”.

I Sassi di Matera e Palazzo Lanfranchi hanno ospitato il 3° Tavolo Territoriale del progetto Land Art 50

Il succedersi delle Istituzioni e dei rappresentanti che hanno l’onere di conservare ciò che è stato fatto, l’incomprensione o la mancata nascita di un senso di appartenenza nei confronti di un lavoro artistico site specific inserito nel territorio da parte di chi il territorio lo vive, l'imperversare di eventi climatici sempre più impetuosi. Queste le impellenti sfide per la "conservazione, valorizzazione e documentazione delle opere di Land Art" - e di Arte Pubblica in genere - titolo del Terzo Tavolo Territoriale del progetto Land Art 50 svoltosi a Matera il 16 e 17 novembre 2019 a Palazzo Lanfranchi - Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata.

Il Sindaco di Matera Raffaello De Ruggeri ha introdotto l’argomento sottolineando “l’importanza di diventare costruttori del proprio tempo e marcatori del territorio come elemento portante per costituire ruoli e sviluppo, per trasformarsi, attraverso l’energia sociale, da comunità spettatrice a comunità attrice e per la costruzione di una consapevolezza collettiva. In questo solco, la tematica del Convegno ha affrontato un argomento di grande attualità con visione e azioni concrete, traducendo la propria tensione in fatti: come apostoli popolari per educare alla cultura, grazie al collegamento con le energie vitali che deve essere continuo per divenire momento di sedimentazione, ricercando forme di collaborazione e non di competizione”.

“Straordinaria la coincidenza dell’incontro tra i grandi temi ambientali e la conservazione delle opere”, sottolineata dalla Direttrice del Polo Museale della Basilicata la Dott.ssa Marta Ragozzino, “che si collega alla presa in cura dell’ambiente e alla necessità, in prospettiva, di stabilire, attraverso un processo di riflessione e trasparenza culturale, un rapporto tra opere d’arte e territorio che deve nascere da un patto culturale, per evitare effetti impattanti nel rispetto delle ragioni sia dell’ambiente che dell’arte”.

Per Aldo Patruno, Direttore del Dipartimento Turismo, Economia della cultura e valorizzazione del territorio della Regione Puglia che finanzia il progetto nel contesto del programma straordinario cultura e spettacolo 2018, “il tema del contemporaneo non può prescindere dalle radici e dalle origini del territorio. In questo senso il progetto Land Art 50 realizza un grande risultato: mettere insieme i grandi attrattori culturali legandoli a filo doppio ai patrimoni e siti UNESCO e, ancor più interessante, costruire e ricostruire connessioni tra siti UNESCO di Puglia e Basilicata. Punto quest’ultimo su cui la Regione Puglia sta investendo molte energie. Qui la Land Art trova una innovazione di processo, divenendo strumento di identità di un territorio meridiano che cerca il senso piu’ profondo di se stesso”.

La valorizzazione, la conservazione ma anche la documentazione nel loro mutare delle opere di Land Art e Arte Pubblica “passa in particolare dal rapporto dell’opera con il territorio sul lungo termine” secondo l’artista Ilaria Lupo. “Il territorio è ambito di appartenenza collettiva soggetto da un lato alla mutabilità e dall’altro al substrato culturale. Come forma di arte viva, la land art risulta inscindibile dal suo rapporto con la comunità: solo l’interazione e l’adozione della creazione artistica potrà garantirne la durata e la conservazione. Ciò ne costituisce la vunerabilità e la forza”.

Le due giornate di riflessione e incontro, coordinate da Fabio De Chirico e Francesco Maggiore, sono state coronate inoltre da una lectio magistralis ispiratrice e fuori dagli schemi così come gli incredibili artisti che l’hanno tenuta: Paquale Ninì Santoro, di cui Matera custodisce numerose opere, ed Antonio Marras, protagonista di tutta la rassegna Land Art 50 anche attraverso alcune sue installazioni.

Prossima ed ultima tappa del Land Art 50 per il 2019 sarà il sito UNESCO di Monte Sant’Angelo i prossimi 29 e 30 novembre 2019, dove sarà affrontato il delicato tema “Land Art: sostenibilità e legalità”. Appuntamento poi a Bari nel 2020 per il Convegno Internazionale dove si ripercorrerà la storia del celebre movimento artistico per attivare riflessioni inedite, aperte al nuovo e indirizzate all’elaborazione di un Documento programmatico per la promozione e valorizzazione delle opere di Land Art e di Arte Pubblica.

DMB Pallavolo Villa D'Agri. A Bari per riconfermarsi


A Bari per bissare il successo di domenica scorsa. Seconda trasferta di campionato per la DMB Pallavolo Villa’Agri che questo sabato (ore 18:00 presso la Palestra IISS Majorana – San Paolo) affronta l’ A.S.D. ASEM VOLLEY BARI. Trasferta non semplice in quanto la squadra di casa, ancora in fondo alla classifica, vorrebbe lasciare lo zero e risalire la graduatoria.

A maggior ragione per la squadra valdagrina, reduce, appunto dalla bella vittoria conquistata in rimonta contro il Galatina, cercherà un altro successo dopo che nelle prime due uscite ha dimostrato tutti gli imbarazzi e le difficoltà iniziali.

Compito dei ragazzi di Dino Viggiano e Pinuccio Logiurato sarà quello di guardare più a se stessi che non agli avversari. Conta crescere gara dopo gara e cercare di limare i tanti difetti ancora presenti per arrivare poi al meglio alle gare che contano, per cercare di raggiungere l’obiettivo prefisso per la stagione in corso…”una tranquilla salvezza”.

Tutti a disposizione dei coach e la formazione dovrebbe ricalcare le prime uscite con Calabria e Galante al centro, Riso in regia, De Angelis e Germino di banda, Bove G. in diagonale e la coppia Perna-Iuorno ad alternarsi nel ruolo di libero. Il problema fisico per Galante, non sceso in campo domenica scorsa, è abbondantemente superato.

A riprova della grande tradizione ed impegno la DMB VILLA D'AGRI ha ottenuto la certificazione di qualità per l’attività giovanile.

Questo il pensiero della Presidente Bianca Viggiano: “Con immenso orgoglio ed un pizzico di commozione vi annunciamo che il Centro Studi FIPAV ci ha insignito della Certificazione di Qualità "Argento" per l'Attività Giovanile biennio 2020/21.Solo altre 3 società in Basilicata potranno fregiarsi di questo prestigioso Marchio e lo interpretiamo come la conferma della nostra visione di società sportiva fondata sull'impegno, il rispetto, la costanza e la perseveranza. Un grande ringraziamento ai tecnici ma soprattutto agli Atleti”.

Esser...Ci è un onore, seguite…Ci con amore, sostenete…Ci con calore.