domenica 26 novembre 2017

Matera Sport Film Festival: ecco tutti i vincitori

MATERA - Si è conclusa ieri la 7a edizione del Matera Sport Film Festival, la rassegna interamente dedicata al connubio tra la settima arte e lo sport. La Cerimonia di Premiazione si è svolta presso la Fondazione Sassi di Matera alla presenza degli sopiti illustri e dei protagonisti. La rassegna è stata l’occasione per riflettere sul mondo dello sport, uno spazio di approfondimento e cultura, un’opportunità di espressione per autori e registi che con carattere e determinazione narrano l’oggi, la realtà dei valori universali. Eventi, tavole rotonde, incontri e la visione gratuita di una selezione di opere incredibili. Film, corti, documentari nazionali ed internazionali hanno trasformato Matera per tre giorni nella Capitale dello Sport. Un fine settimana all’insegna del cinema e dello spettacolo dove i veri protagonisti sono stati i suoi vincitori delle diverse sezioni.

Il Matera Sport Film Festival – dichiara Michele Di Gioia - punta sui giovani ma cerca di legare tradizione e innovazione. Questa è stata un’edizione che alla fine ha visto luce non senza difficoltà grazie al grande impegno e alla passione di tutta l'organizzazione. Serve molta passione e anche un po’di irrazionalità, ma alla fine è questa la magia del cinema legata allo sport. Un bilancio assolutamente positivo. C'è interesse sulla tematica e sul territorio, ciò vuol dire che stiamo crescendo. La credibilità la fanno le passate edizioni. Ci interessa raccontare lo sport sociale, quello per tutti, che racconta storie vere e che permette di far conoscere uomini e donne che quotidianamente lavorano per un riscatto sociale.

Questa manifestazione – dichiara Vincenzo Santochirico, Presidente Fondazione Sassi – si incrocia con la tipologia delle nostre attività perchè unisce temi essenziali che in questo momento risultano attualissimi nella Città dei Sassi. La Fondazione Sassi è pienamente soddisfatta per il risultato raggiunto, pertanto ci auguriamo di poter far crescere tutti insieme una rassegna che può diventare esempio virtuoso e calamitare  storie di sport nazionali ed internazionali. 

Ma veniamo ai vincitori. Nella prestigiosa categoria MOVIES vince L'INCONTRO opera dei registi Michele Mellara e Alessandro Rossi. Nella categoria DOCUMENTARI a spuntarla è LA PRIMA VOLTA di Roberto Cannavò, il quale porta a casa a anche il Premio Speciale della Giuria “Fausto Taverniti”. “E stata un'esperienza indimenticabile – dichiara il regista - poter entrare in un carcere per minori e poter raccontare le vicende di questi ragazzi. Un percorso formativo ed emozionante.” Ad assegnare il premio Gabriele Di Stasio, Presidente Basilicata Cinema: “E' bello poter premiare un documentario sullo sport, considerato che la nostra organizzazione è partita proprio da questa tipologia di racconto diversi anni fa. Un segnale positivo che conferma la nostra collaborazione con il Matera Sport Film Festival.  Per la categoria SPORT SOCIALE ci spostiamo in Emilia Romagna, precisamente a Bologna con la vittoria del film LA PRIMA META, opera di Enza Negroni che vede la partecipazione alle colonne sonore di MaterElettrica, un team nato all’interno della Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio “E. R. Duni” di Matera. Nella categoria GIURIA GIOVANI vince ARE YOU VOLLEYBALL!? di Mohammad Bhakshi. “La scelta di questa produzione iraniana – dichiarano Walter Nicoletti e Francesco Feraco - non è stata facile perché ognuno di loro esprimeva al meglio i valori dello sport legati all'abbattimento delle barriere sociali, tema centrale di questa edizione e dell’incontro di oggi”. Infine per la categoria TRASMISSIONI TV | NUOVE TECNOLOGIE | GAMING|  vince MATTI PER IL CALCIO. In sala a ritirare il premio c'è Lorenzo Roata, apprezzato giornalista e oggi Uomo Rai. “Sono felice di essere qui a Matera, in questo luogo d'incanto. Matti per il Calcio è una rubrica che parte da lontano e che rappresenta l'entusiasmo e la voglia di reinventarsi attraverso i valori sociali e integrativi dello sport.”

Ma la vera novità di quest’anno è stata la ricca selezione che ha cercato di sensibilizzare il pubblico alle tematiche sportive attraverso la bellezza della settima arte. Oltre 900 opere giunte da 60 Paesi in tutto il mondo. Lo sport il filo rosso che ha attraversato l'intera programmazione modulando le emozioni attraverso la visione di racconti divenuti aggregatori tematici, a cui si sono affiancati i focus e le rassegne interne. L’attenzione verso il cinema si coniuga con la doverosa opera di sensibilizzazione su temi così delicati e complessi. E così l’obiettivo è stato raggiunto anche in questa 7a edizione. 

0 commenti:

Posta un commento