martedì 7 novembre 2017

Pd: Rosato, Gentiloni nome spendibile. Renzi, non mollo di un centimetro

Il Partito Democratico fa il redde rationem dopo l'esito delle elezioni regionali in Sicilia. "Abbiamo Paolo Gentiloni che oggi è a Palazzo Chigi ed è un nome spendibile - dichiara Ettore Rosato, capogruppo Pd alla Camera -  Ce ne sono tanti di nomi spendibili e Renzi lo ha detto chiaramente a Napoli: lavoro per portare il Pd a Palazzo Chigi e non per portare Matteo Renzi. Abbiamo bisogno dell'alleanza più ampia possibile, con un programma concordato. Nel nostro partito - continua Rosato - ci sono per fortuna più personalità capaci di assumersi grandi responsabilità. Gentiloni è sicuramente una di queste, lo dimostra con il suo lavoro. Il candidato del Pd resta Renzi, legittimato dalle primarie.  Poi - aggiunge - siamo per costruire squadra ampia e programma condiviso. Per questo resta un invito aperto, sincero e pressante a tutta la sinistra a lavorare insieme per non lasciare il paese in balia di Salvini e Grillo".

"Renzi - sottolinea il presidente della Regione Puglia e leader di Fronte democratico, Michele Emiliano - deve prendere atto che il suo piano di perdere le elezioni in modo controllato, per non perdere il ruolo, non funziona. Perché rischia di essere una tale debacle dal punto di vista elettorale da non consentirgli neanche la difesa dei suoi, come li ha in qualche occasione chiamati".

Secondo Emiliano, "se uno fa il segretario del più grande partito della sinistra europea con lo spirito di salvaguardare i suoi e se stesso, fa un peccato ancora più grave di quelli che ho contestato a Renzi finora, perché sta distruggendo l'unica speranza di cambiamento reale di questo Paese". Per il governatore pugliese, "il ragionamento che forse" Renzi "sta facendo", è che "se dovessimo perdere le elezioni, anche se dovessi avere distrutto tutto il fronte del centrosinistra, io porto a casa come minimo il 15-20%, mi porto un po' di deputati amici miei e in qualche maniera mi sono difeso". "Come se - ha sottolineato Emiliano - stessimo giocando a Risiko".

Paolo Gentiloni, 62 anni
RENZI: 'NON MOLLO DI UN CENTIMETRO' - Se Matteo Renzi se ne andasse si sistemerebbero tutti i problemi? A rispondere alla domanda, nella sua enews, è lo stesso ex premier. “Anche questa non è una novità, visto che hanno studiato vari modi per dirmelo – spiega il segretario Pd -: le prove false di Consip, la polemiche sulle banche, le accuse sulla mancata crescita, i numeri sbagliati sulle tasse e sul JobsAct. In tutti i casi è bastato dare tempo al tempo e la verità è emersa, o sta emergendo, limpida. Dire che il problema sono io per il voto in Sicilia si colloca nello stesso filone: utilizzare ogni mezzo per togliere di mezzo l’avversario scomodo. Che poi è l’obiettivo di chi è contro di noi”.

“Non a caso – prosegue – Di Maio rinuncia al confronto, non a caso Berlusconi per prima cosa attacca me e il Pd. Perché entrambi sanno che alle elezioni, se il Pd fa il Pd e smette di litigare al proprio interno, possiamo raggiungere, insieme ai nostri compagni di viaggio, la percentuale che abbiamo preso nelle due volte in cui io ho guidato la campagna elettorale: il 40%, raggiunto sia alle Europee che al Referendum. Sono mesi che cercano di mettermi da parte, ma non ci riusciranno nemmeno stavolta”.

“Personalmente credo nella squadra. Siamo un bel gruppo di persone e possiamo rivendicare sia i risultati del passato sia i progetti del futuro. Ma per farlo torniamo a parlare liberi, in mezzo alla gente. Qui non si molla di un centimetro” conclude il leader Pd.

0 commenti:

Posta un commento