lunedì 13 gennaio 2020

Tramutola: meno plastica, meno inquinamento, più convenienza con la Casetta dell'acqua


TRAMUTOLA - Questo lo spirito che accompagna il progetto dell’erogazione automatica dell’acqua in spazio pubblico che l’amministrazione comunale ha avviato con l’allestimento di una “casetta dell’acqua” in piazza della Repubblica e che sarà inaugurata giovedì 16 gennaio, alle ore 10.30.

Una scelta, quella della nostra Amministrazione, di installare la prima casetta dell'acqua che è anche in linea con gli impegni assunti con la Comunità tramutolese in materia di rispetto ambientale e che, ad esempio, sul fronte dello smaltimento dei rifiuti ha visto la nostra Tramutola primeggiare in Basilicata come MIGLIOR COMUNE RICICLONE 2019 insieme a quello di Muro Lucano e per questo ricevere l’ambito riconoscimento del Ministero dell’Ambiente e di Legambiente a Roma lo scorso 27 giugno.

La nuova casetta dell’acqua è realizzata per rispondere anche alle esigenze di noi tutti che chiediamo acqua buona, sicura, economica, ma anche rispettosa dell’ambiente.

Grazie a questa iniziativa, infatti, confidiamo poter dare un contributo alla riduzione dell’inquinamento ed a promuovere una cultura dell’ambiente lanciando il messaggio “Acqua come bene di tutti” e rimarcando l’importanza dei temi di sostenibilità ambientale e di pubblica utilità; ed infatti con le casette dell’acqua si riduce l’inquinamento, sia perché si abbattono i trasporti e il loro impatto negativo sull’ambiente, sia perché si riciclano le bottiglie di plastiche.

Con la realizzazione della Casetta dell’Acqua, si costruisce un’ulteriore passo a favore dei residenti del nostro territorio. Alla base del progetto amministrativo c’è da sempre in primo piano la famiglia, la sua tutela con aiuti concreti e tangibili.

In questo caso abbiamo deciso d’investire come Comune per valorizzare l’utilizzo dell’acqua pubblica contribuendo alla riduzione di rifiuti plastici costituiti dalle bottiglie dell’acqua minerale; ogni famiglia in un anno consuma grandi quantitativi di acqua in bottiglie per la cui produzione occorrono materie prime come petrolio ed acqua ed emissioni di anidride carbonica in atmosfera. Senza tralasciare i costi e l’impatto ambientale che comporta il loro trasporto su strada. Prendendo direttamente l’acqua presso la casetta, non c’è trasporto su autoarticolati; usando bottiglie di vetro si contribuisce a ridurre l’impatto ambientale legato al quantitativo di plastica da smaltire.

È un servizio a chilometro zero: l’acqua arriva direttamente dalla rete pubblica, è controllata frequentemente dagli Enti preposti, che provvedono a pubblicare i risultati delle analisi presso la casetta stessa.

Per questo, ridurre il consumo di acqua in bottiglia vuol dire in primo luogo risparmiare a livello di famiglia, in secondo luogo risparmiare danni a livello di ambiente. Con tutta la comodità dell’acqua a portata di mano.

La casetta dell’acqua è un punto di erogazione automatica, in funzione 24 ore su 24. E’ dotata di una postazione di prelievo facilmente accessibile, collegata direttamente all'acquedotto pubblico e può erogare acqua naturale, naturale refrigerata e frizzante refrigerata. Il costo è di 0,05 euro a litro. I vantaggi di questa erogazione? L’acqua di Tramutola è ecologica, sana perché arriva direttamente dalla fonte, pura, di qualità e costantemente controllata dalle Autorità competenti, economica e a portata di mano, con un sapore gradevole grazie al processo di microfiltrazione alla quale viene sottoposta (per l’abbattimento del cloro e degli altri metalli comunque presenti nelle condotte) ed abbinato alla sterilizzazione, prima d’essere refrigerata. In questo modo viene garantita una ulteriore puntuale e costante sorveglianza della sua qualità e potabilità da parte della ditta installatrice Pigia Service srls da Viggiano che provvederà anche alla pubblicazione in loco (su un display presente sulla stessa casetta) dei dati relativi al controllo ed alla microfiltrazione della stessa, nonchè di altre utili notizie in merito al risparmio in termini economici ed ambientali.

Il progetto prevede la consegna ad ogni nucleo familiare (per ciascuno dei componenti residenti nel Comune) di una tessera a microchip precaricata e di una borraccia per ogni bambino frequentante le scuole dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado, per il prelievo d’acqua direttamente presso la casetta. E’ sufficiente inserire le monete o (una volta “caricata”) la tessera nell’apposita feritoia della casetta e, tramite i pulsanti dedicati, scegliere acqua gasata o naturale, refrigerata o non; la quantità minima da prelevare sarà un litro. Le modalità di consegna e condizioni d’uso della tessera, saranno illustrate in una seconda fase del progetto).

Appuntamento, dunque, in piazza della Repubblica giovedì 16 gennaio alle ore 10.30, per l’inaugurazione durante la quale saranno presenti anche le scolaresche delle scuole di Tramutola alle quali saranno donate le borracce per il rifornimento.