Visualizzazione post con etichetta Sport. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Sport. Mostra tutti i post

venerdì 10 luglio 2020

Il Sindaco incontra i responsabili della CMB Calcio a Cinque Matera


Il Sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri, ha incontrato ieri mattina al Comune i rappresentanti della società sportiva CMB di calcio a 5 che l’anno prossimo disputerà il campionato nazionale di serie A1.

All’incontro erano presenti il presidente Rocco Auletta, il vice presidente Pasquale Lamacchia, e Nino Crapulli, ex consigliere nazionale della Figc divisione calcio a 5.

Nel corso del colloquio il Sindaco ha ribadito “l’importanza dello sport come fattore di crescita sociale oltre che come veicolo promozionale per la città. I successi sportivi che ci auguriamo arrivino grazie al vostro impegno – ha sottolineato il Sindaco – devono procedere in sintonia con la formazione dei ragazzi materani che attraverso lo sport, possono apprendere valori fondamentali per la loro educazione.

Avere una squadra nel massimo campionato nazionale di calcio a cinque, dev’essere per Matera un orgoglio e rappresenta certamente un’opportunità da cogliere per far crescere complessivamente tutto il movimento sportivo della città”.

“Sono contento dell'incontro – ha ribadito il Presidente della CMB, Auletta - avvenuto in un grande clima di cordialità. Non vediamo l'ora di far partire questa nuova avventura che porterà Matera sul grande palcoscenico del futsal nazionale. Un ringraziamento particolare al Sindaco De Ruggieri e all'assessore Tragni che hanno permesso la realizzazione di questo grande ed ambizioso progetto ".

Quali sono i migliori siti per giocare online

(Pixabay)
Il gioco online sta rappresentando uno di quei trend in continua crescita e non è affatto un caso che, nel corso dei prossimi anni, l’andamento è previsto come assolutamente costante, ma sempre rivolto verso l’alto. Anche il recente lockdown imposto per affrontare l’emergenza sanitaria ha permesso a tantissimi utenti di riscoprirlo in tutta la sua qualità.
Il numero delle piattaforme d’azzardo presenti sul web si è letteralmente moltiplicato, offrendo una varietà di scelta agli utenti che, fino a pochi anni fa, non esisteva assolutamente. In tal senso, è ancora fondamentale puntare sui migliori siti casino in Italia, che operano rispettando la normativa italiana in tema di gioco d’azzardo online e che, quindi, hanno ottenuto l’apposita certificazione ADM o AAMS.
Quali sono i criteri per valutare un casinò online

L’aspetto che fa maggiormente la differenza è chiaramente rappresentato dalla sicurezza. Un fattore che deve essere valutato in modo attento e scrupoloso, anche perché poi va a condizionare l’intera esperienza di gioco, evitando che ci possano essere dei problemi pure in merito ai propri dati personali che devono essere immessi nel corso della fase di registrazione.
Tra gli altri criteri che devono essere oggetto di valutazione troviamo la rapidità con cui vengono elaborati i pagamenti, ma anche il fatto che il casinò online proponga un servizio di assistenza clienti valido e facile da raggiungere, magari proposto anche in lingua italiana. Inoltre, un altro elemento che può fare la differenza in fase di scelta è rappresentato dal bonus di benvenuto che viene offerto a quanto si iscrivono per la prima volta su quella piattaforma, tenendo conto specialmente dei correlati requisiti di puntata che devono essere rispettati per poter prelevare le vincite ottenute proprio tramite la somma avuta come bonus.
Alcuni consigli da seguire

Per capire quale possa essere la migliore piattaforma dove cominciare a scommettere a puntare sul web, la cosa migliore da fare è valutare in modo pratico criteri come la protezione contro le frodi. Ad esempio, bisogna cercare di comprendere se quel determinato portale agisca attivamente per impedire il verificarsi di frodi o meno: in tal senso, torna utile scegliere solo casinò con licenza ufficiale.
Un altro fattore da considerare è rappresentato dalla valutazione sui giochi con payout e RTP al massimo: è fondamentale scegliere solamente i casinò online che sono in grado di offrire i payout più vantaggiosi, così come degli RTP oggetto di apposita garanzia e certificazione.
Attenzione anche sul versante delle operazioni sul proprio conto di gioco: è fondamentale che, oltre ad essere il più veloci possibile, depositi e prelievi vengano effettuati nella più completa sicurezza. Date un’occhiata, di conseguenza, ai vari metodi di pagamento che vengono supportati e accettati da parte della piattaforma: se non doveste trovare quelli più comuni e diffusi, c’è qualcosa che sicuramente non torna.
Serve, inoltre, che il servizio di assistenza clienti venga proposta in via del tutto gratuita. Il modo migliore per contattare un operatore è sicuramente rappresentato dal servizio di live chat: se non è presente, meglio scegliere un altro portale, altrimenti ci potrebbero volere giorni prima di ottenere una risposta alle proprie richieste e domande.

mercoledì 8 luglio 2020

Gaming: il fascino del gioco old style Vs quello online

(Pixabay)
Una grande passione degli italiani è, senza alcun dubbio, il gioco, vissuto, dalla maggior parte degli stessi, come un momento di grande ed impagabile relax. Il nostro paese, d’altronde, è stato l’inventore di alcuni giochi che, a tutt’oggi, fanno parte della grande tradizione popolare, come la tombola piuttosto che la briscola, il cui fascino non tramonta nonostante l’incessante ed inevitabile passare del tempo.

La punta dell’iceberg, in tal senso, è rappresentata dai casinò, luoghi considerati d’elite, resi celebri da molteplici e riuscitissime pellicole cinematografiche assai diverse tra loro: da James Bond a Fantozzi, gli esempi sono molteplici, al punto da poter scrivere un libro solo su questa tematica. Raggiungere fisicamente un casinò, però, non è impresa semplice: in Italia sono dislocati, oltretutto, esclusivamente nella zona settentrionale del paese.

Gli italiani scoprono il piacere dell’online

Da svariati anni, però, milioni di appassionati del gioco possono vivere l’esperienza del casinò direttamente dalla propria abitazione, senza doversi sobbarcare ingenti costi per raggiungere le esclusivissime sale gioco italiane. E se, perlomeno inizialmente, l’esperienza del casinò “fisico” era considerata ineguagliabile, oggi, nonostante il fascino dello stesso non sia scalfito, moltissimi giocatori hanno dichiarato che anche all’interno delle proprie mura domestiche si possono vivere emozioni molte intense.

D’altro canto, la possibilità di giocare alle roulette, solo per citare il gioco più famoso del casinò, stando comodamente seduti in poltrona grazie all’utilizzo delle numerosissime app dedicate ai giochi del casinò, piuttosto che davanti al proprio pc, è in grado di aumentare sensibilmente la concentrazione del giocatore, lontano dagli inevitabili rumori di sottofondo uditi nei casinò “fisici”.

Anche la superstizione, elemento che contraddistingue ogni buon giocatore dei casinò, viene aumentata ai massimi livelli quando si gioca nel calore della propria casa: in pubblico, infatti, si cerca di esibirli con un certo pudore, onde evitare di fare figure peregrine. Tutt’altro discorso, invece, quando si gioca online, dove si può dar sfogo a qualsiasi gesto scaramantico, anche il più impensabile, trovando, al massimo, la disapprovazione di qualche membro della propria famiglia.

Esistono, poi, alcuni aspetti prettamente tecnici che fanno propendere l’ago della bilancia in favore dei casinò online. Si pensi, ad esempio, alla velocità del gioco: online, infatti, è possibile sfruttare blackjack, dadi, roulette giocando in maniera decisamente più immediata, grazie al calcolatore del sito che è progettato per fornire risposte in un lasso di tempo decisamente contenuto. Nel mondo reale, invece, l’operatore del casinò impiega sicuramente più tempo.

Utilizzo del denaro: differenze tra casinò reali e virtuali

Un’altra grande differenza tra il casinò tradizionale e quello online, è costituito dalla libertà di utilizzo e trasferimento del denaro. Un giocatore di casinò, infatti, può portare con sé il denaro e tramutarlo in gettoni fintanto che il desiderio di gioco non viene totalmente saziato, momento in cui si possono consegnare i gettoni alla cassa e tramutarli in moneta. L’utilizzo del denaro nei casinò online, invece, differisce significativamente.

I portali online, infatti, richiedono il collegamento del proprio portfolio virtuale ad uno reale (come ad esempio Paypal) o ad un conto corrente bancario, rendendo sempre disponibile il ritiro della scommessa puntata in caso di sconfitta. Nonostante ciò, è molto complicato far entrare o uscire soldi da un conto online: i broker garantiscono un sistema di controllo sulle entrate e uscite pressoché inviolabile.

Il gioco online, oltretutto, ha messo all’angolo un annoso problema dei casinò terrestri: i tempi di attesa. Non è raro, infatti, che il giocatore, a causa della simultanea occupazione di tutti i tavoli, debba aspettare svariati minuti prima di poter effettuare la propria puntata. In alcuni giochi, come ad esempio il blackjack, l’attesa rischia di essere spasmodica. Grazie alla grande rete virtuale e a piattaforme come casinoonlineaams.com, invece, si possono effettuare le puntate istantaneamente, sfruttando l’eventuale fluido positivo che ogni buon giocatore, in teoria, dovrebbe percepire quando effettua una puntata.

lunedì 6 luglio 2020

Play Off Lega Pro, il Potenza pareggia 1-1 in casa col Catanzaro e si qualifica per il primo turno della fase nazionale


di FRANCESCO LOIACONO - Nei play off di Lega Pro per la promozione in B il Potenza ha pareggiato 1-1 in casa col Catanzaro, e si è qualificato per il primo turno della fase nazionale per il miglior piazzamento in classifica rispetto ai calabresi. Nel primo tempo i lucani insidiosi. Un tiro di Silvestri è stato deviato in angolo dal portiere Bleve.

I calabresi propositivi. Una conclusione di Corapi su punizione è terminata di poco fuori. Un tiro di Di Piazza ha visto la valida opposizione con le mani del portiere Ioime. Al 22’ il Potenza è passato in vantaggio con Murano, tiro al volo di destro da venticinque metri. Il Catanzaro in contropiede. Un tiro di Kanoutè ha sfiorato il palo. Un tentativo di Atanasov è finito a lato. I lucani hanno aumentato i ritmi di gioco. D’Angelo tutto solo in area di rigore non è riuscito a tirare in porta.

Nel secondo tempo il Catanzaro incisivo. Tulli ha passato il pallone a Bianchimano, che però è stato anticipato all’ultimo momento dal difensore Sales. I lucani arrembanti. Un tiro di Murano ha trovato pronto a salvarsi Bleve. I calabresi velocissimi nelle ripartenze. Un colpo di testa di Atanasov è terminato oltre la traversa. Un destro di Bianchimano è finito alto. Al 95’ il Catanzaro ha pareggiato con Urso, tiro da fuori area. Il Potenza si è qualificato. La squadra che i lucani incontreranno, sarà stabilita da un sorteggio che sarà effettuato nei prossimi giorni.

sabato 4 luglio 2020

Matera: impianti sportivi, aggiudicati i servizi relativi alla custodia


MATERA - E’ stata affidata la gestione dei servizi di custodia e fruibilità del Palalanera “Giannino Grieco”, dello Stadio XXI Settembre-Franco Salerno e dei campi sportivi della zona Paip 1. Andate deserte invece le manifestazioni di interesse per la tensostruttura di Via dei Sanniti, del Camposcuola di Atletica Leggera, dei campi da tennis di Viale delle Nazioni Unite e del Palasassi.

La società sportiva dilettantistica Matera Sport Academy garantirà i servizi relativi al Palalanera, la società Fc Football Club Matera si occuperà dello Stadio XXI Settembre mentre l’associazione sportiva Matheola assicurerà la fruibilità dei campi del Paip a partire dal 1° settembre, al termine dei lavori di riqualificazione dell’impianto, che procedono con il rifacimento del manto erboso.

“Gli uffici stanno predisponendo un nuovo bando – spiega l’assessore allo Sport, Giuseppe Tragni – per gli impianti non assegnati che, in ogni caso, continueranno ad essere fruibili. Nei giorni scorsi abbiamo consegnato i protocolli COVID a Circolo tennis, Palasassi e tensostruttura che quindi sono in condizioni di poter riaprire. Stesse procedure saranno adottate per gli altri impianti sportivi e per le palestre scolastiche. Contiamo entro settembre di essere pronti a garantire la ripresa delle attività sportive nelle condizioni di sicurezza imposte dalle norme sul contrasto alla diffusione del coronavirus”.

mercoledì 1 luglio 2020

Calcio: Play Out, il Picerno vince 3-0 col Rende e rimane in Lega Pro


di FRANCESCO LOIACONO - Nel ritorno dei play out del girone C di Lega Pro il ritorno ha vinto 3-0 a Potenza contro il Rende e si è salvato. Il Rende è retrocesso in Serie D. Nel primo tempo al 2’ i lucani sono passati in vantaggio. Origlio ha deviato involontariamente di testa il pallone nella propria porta su un cross di Guerra. La squadra di Giacomarro ha insistito. Un tiro dal limite dell’area di Pitarresi è terminato fuori. Al 23’ il Picerno ha raddoppiato con Esposito, pallonetto di destro. Il Rende in contropiede. Una conclusione di sinistro di Bruno è finita a lato.

Nel secondo tempo al 6’ il Rende è rimasto in dieci. Espulso Vitofrancesco per doppia ammonizione. Al 10’ il Picerno ha realizzato la terza rete con Pitarresi, tiro di sinistro. I lucani insidiosi. Una rovesciata di Guerra è finita in curva. Kosovan non ha inquadrato la porta. Una punizione di Nappello ha sfiorato la traversa. Netto successo del Picerno e salvezza meritata per i lucani. Nell’andata vinse il Rende a Vibo Valentia 1-0. I calabresi retrocedono in D. Il Picerno rimane in Lega Pro anche per la prossima stagione.

giovedì 25 giugno 2020

Premier League: il Liverpool vince e si avvicina allo scudetto


FRANCESCO LOIACONO - Nella trentunesima giornata della Premier League il Liverpool ha vinto 4-0 in casa contro il Crystal Palace, è primo in classifica da solo con 86 punti e si è avvicinato allo scudetto. Il Liverpool è passato in vantaggio al 23’ del primo tempo con Alexander-Arnold su punizione. Ha raddoppiato al 44’ con Salah, tiro di destro su passaggio di Fabinho. Nel secondo tempo al 10’ ha realizzato il terzo gol con Fabinho, tiro da fuori area. Al 29’ la squadra di Jurgen Klopp è andata in gol per la quarta volta con Manè di sinistro. Il Manchester United ha vinto 3-0 in casa con lo Sheffield United ed è sesto in classifica con 49 punti. I Red Devils sono andati in gol al 7’ del primo tempo con Martial di sinistro su passaggio di Rushford. Hanno raddoppiato al 44’ ancora con Martial di destro su assist di Wan Bissaka. Hanno realizzato il terzo gol nel secondo tempo al 29’ di nuovo con Martial, pallonetto di sinistro. L’Everton di Carlo Ancelotti ha vinto 1-0 a Norwich ed è decimo a 41 punti. Decisivo il gol realizzato all’11’ del secondo tempo da Keane di testa su cross di Digne. Il Wolverhampton ha vinto 1-0 in casa con il Bournemouth ed è sesto con 46 punti. Il Newcastle ha pareggiato 1-1 in casa con l’Aston Villa ed è tredicesimo a 39 punti. Il Brighton ha pareggiato 0-0 a Leicester ed è quindicesimo con 33 punti. Il Tottenham ha vinto 2-0 in casa col West Ham ed è settimo a 45 punti.

Venosa (Pz): il Comune risponde alle accuse della dirigenza della squadra di calcio


VENOSA (PZ) - Per il M5S Venosa (PZ), salire a Palazzo Calvini è stato un po’ come aprire il famoso “vaso di Pandora” e svelare quelle verità nascoste, che fanno male e che spiegano anche i motivi in base ai quali questa nostra amata città faticava a sentirsi “comunità”.

Dall’urbanistica alle opere pubbliche fino all’associazionismo: non è mai esistita una norma organica di riferimento, in grado di creare un equilibrio comunitario.

In questi giorni, ad esempio, la dirigenza della squadra locale di calcio tuona l’eliminazione del titolo “Venosa” dal nome della stessa squadra e non solo: si accusa in modo diffamatorio “di vicende poco chiare legate al comportamento di alcuni degli attuali amministratori”.

Accuse torbide e generiche, dietro le quali si celano le promesse verbali, senza alcun riscontro deliberativo da parte della passata amministrazione, che era solita elargire, in favore della suddetta squadra di calcio, dai 7 ai 10 mila euro all’anno (a volte attingendo persino dal fondo di riserva!).

Per il 2019 la dirigenza chiedeva al M5S Venosa di dar seguito alle promesse degli ex amministratori. L’attuale Giunta però non ha trovato nessun atto ufficiale relativo a questi accordi. E questo ha causato non pochi problemi, perché, come tutti sanno, il bilancio comunale è il bilancio di una comunità e deve rispondere a determinate voci per far fronte ai servizi che, pur nelle difficoltà, vanno erogati. E di difficoltà ne abbiamo trovate a non finire! Alla bufera giudiziaria e alla pandemia, si aggiungano diversi decreti ingiuntivi.

Un esempio: all’inizio di questo nefasto 2020, l’Unione dei Comuni ha minacciato di sospendere il servizio della raccolta differenziata, perché Venosa era debitrice di circa 400 mila euro dovuti per l’anno 2018 e mai versati dall’ex amministrazione. Da quel momento, ogni risorsa disponibile è stata utilizzata per un adeguato piano di rientro di quella esosa somma, davvero insostenibile per un bilancio così “ingessato”.

Le ferite sono tante e la riabilitazione necessita dei suoi tempi. 

La “competenza” del passato si basava sui patti di equilibrio tra i sostenitori politici, per risolvere in maniera alquanto sbrigativa questioni sulle quali nessuno avrebbe trovato mai il coraggio di sindacare.
L’“incompetenza” di oggi si basa sul difficile percorso della trasparenza in favore della collettività e mai del singolo.

In ultimo, se la dirigenza dell’Oraziana Venosa prima e il COVID dopo non ci avessero “chiuso le porte”, avremmo anche potuto organizzare una cerimonia degna della vittoria della squadra.

Nonostante tutto continuiamo ad essere aperti al dialogo, per ripartire all’insegna di quei valori che Istituzioni e Sport hanno il dovere morale di trasferire ai giovani.

sabato 6 giugno 2020

Matera: impianti sportivi, pronti i piani anticontagio


MATERA - Sabato il circolo tennis potrà riaprire mentre lunedì abbiamo ricevuto la disponibilità alla riapertura da parte dei custodi del camposcuola di atletica leggera”.
E’ quanto affermato dall’assessore allo sport del comune di Matera, Giuseppe Tragni che sottolinea: “Il Comune, prima di procedere alla riapertura degli impianti si è dotato dei piani anticontagio, realizzati da una società specializzata, per garantire la massima sicurezza per i fruitori delle strutture sportive comunali. Per farlo, dovevamo disporre delle linee guida ministeriali, adattarle ai nostri impianti e procedere con gli adempimenti di nostra competenza. Le operazioni sono più semplici per gli impianti all’aperto, più complesse per quelli al chiuso. Entro la prossima settimana contiamo comunque di garantire la riapertura graduale di tutte le strutture nella massima sicurezza e nel rispetto delle normative per il contrasto alla diffusione del contagio da coronavirus”.

giovedì 4 giugno 2020

Serie B, Roberto Occhiuzzi nuovo allenatore del Cosenza


di FRANCESCO LOIACONO - In Serie B, Roberto Occhiuzzi è il nuovo allenatore del Cosenza. Sostituisce Giuseppe Pillon che si dimise il 19 Marzo per motivi familiari, durante il periodo di stop per il Covid 19. Occhiuzzi era il vice, il tecnico in seconda, di Pillon.

Il presidente del Cosenza Eugenio Guarascio ha scelto una soluzione interna. Guarascio ha dichiarato: ”La decisione di riprendere il torneo il 20 Giugno, è giusta. Ora ci sono condizioni sanitarie molto sicure. Siamo soddisfatti di Roberto Occhiuzzi, e lo abbiamo scelto per allenare la squadra alla ripresa del campionato. Cercheremo di ottenere almeno sei vittorie, per salvarci”.

Ascoli-Cremonese della sesta giornata di ritorno, non giocata per il Covid 19, si recupera il 17 Giugno. Il Campionato di Serie B, riparte in modo completo il weekend del 21 Giugno, con le partite della decima giornata di ritorno. In B ci saranno cinque sostituzioni durante le gare.

venerdì 15 maggio 2020

Sport in sicurezza, ripartire si può con Invictus


Sport in sicurezza, e non solo, ripartire ora si può anche grazie alla tecnologia che fa parte integrante di un protocollo messo a punto da cinque professionisti baresi, due medici (Felice Spaccavento, anestesista rianimatore, Rosella Squicciarini, specialista in igiene, medicina preventiva ed epidemiologia), un esperto in biotecnologie (Lino Renna, amministratore della società Biotecho), un ingegnere gestionale (Francesco Squicciarini (specializzato in processi e sistemi organizzativi) ed un informatico (Maurizio Galiano, amministratore della PMI innovativa ed Istituto di Ricerca Dyrecta Lab).

Il protocollo, a cui è stato dato il nome INVICTUS, “l’invincibile” dal titolo del famoso film del 2009 diretto da Clint Eastwood, prevede il controllo ed il monitoraggio continuo di quanti vogliono tornare a fare sport in sicurezza, protocollo applicabile anche per tutte le attività lavorative: aziende, enti, istituzioni e strutture alberghiere e residenziali.

“Prevede l’esecuzione di un test sierologico da eseguire su tutti i soggetti da sottoporre al monitoraggio, spiega la dottoressa Squicciarini, che in meno di dieci minuti è in grado di accertare se il virus Covid-19 ha lasciato un’impronta nel sistema immunitario di chi viene esaminato. Questo permette di avere una visione predittiva del rischio sia per il singolo soggetto testato, sia per l’intero team sportivo, aziendale. In questo modo viene realizzata una ‘mappa complessiva del rischio’, strumento indispensabile per la programmazione e avvio in sicurezza delle attività per la fase 2 nonché di quelle a più lungo termine”. “La medicina è in continua evoluzione, aggiunge il dottor Spaccavento, e soprattutto la medicina sportiva di oggi non può fare a meno delle nuove tecnologie e delle interazioni tra più professionisti che devono prendersi ‘cura’ dell’atleta, avendo come obbiettivo non solo la salute ma anche la sua sicurezza, attraverso un controllo laboratoristico e clinico-strumentale anche a distanza. Con la ricerca semi-quantitativa degli anticorpi Covid-19 – chiarisce il dott. Lino Renna – siamo in grado, con poche gocce di sangue, di comprende la reale risposta immunitaria delle persone asintomatiche o che potrebbero aver contratto l’infezione da SARS-CoV-2. L’innovazione tecnologica presente oggi sul mercato della diagnostica di Medicina di Laboratorio è in grado di refertare in totale automazione molti test e, in alcuni casi, è possibile eseguire i test sierologici con sistemi portatili”.

“La piattaforma tecnologica è costruita – illustra il dott. Maurizio Galiano - sulla base di evidenze scientifiche relative all’evoluzione clinica della malattia Covid-19, sullo studio di processi aziendali e di collettività, su percorsi clinico-diagnostici di elevata qualità, funzionalità e rapidità e su sistemi di ‘localizzazione della patologia’. Alle persone da monitorare viene consegnato un orologio che controlla continuamente i parametri fisiologici ed un’applicazione per smartphone che allerta gli utilizzatori in caso di mancanza di rispetto della distanza minima. Quest’ultima è integrata anche con dispositivi portatili che permettono il telemonitoraggio da remoto, per esempio da casa, di temperatura, della saturazione di ossigeno nel sangue ed i dati dell’elettrocardiogramma. Le informazioni raccolte vengono trasferite alla piattaforma centralizzata ‘Monitoraggio Sicuro’ che li elabora consentendo al medico sportivo di avere sotto controllo lo stato di salute degli stessi e di poter intervenire per isolare i soggetti a rischio. In tutte queste operazioni la piattaforma rispetta le linee guida del ministero della salute per la gestione dei casi sospetti da infezione Covid-19 e le disposizioni del GDPR sulla riservatezza dei dati”. Il protocollo INVICTUS è applicabile in numerosi contesti applicativi ed integrabile alle piattaforme informatiche esistenti.

Ulteriori informazioni sul protocollo sono anche reperibili sul sito www.monitoraggiosicuro.it.

mercoledì 22 aprile 2020

Covid-19, Fase 2: FIAB Potenza ciclOstile chiede l’attivazione degli strumenti necessari

POTENZA - La fine delle restrizioni per la gestione di emergenza di contrasto della diffusione della Covid-19 porterà una nuova condizione di emergenza traffico nelle città italiane. Lo scenario è quello per cui l’uso del trasporto pubblico locale sarà fortemente ridotto, sia a causa del mantenimento delle restrizioni, sia causa della sfiducia della popolazione nel prendere i mezzi pubblici. Il trasporto pubblico locale sposta quote rilevanti di cittadini, fino al 55% nelle grandi città, a cui si aggiunge l’enorme movimento di persone che usano i treni pendolari. Una volta adottate tutte le misure possibili per mantenere e migliorare i servizi di trasporto pubblico, è comunque inevitabile che quote importanti di questi spostamenti abbandoneranno il trasporto pubblico e cercheranno altre forme di mobilità.

In assenza di interventi mirati è facile prevedere che molti di coloro che abbandoneranno il trasporto pubblico sceglieranno di muoversi in automobile, (i dati preliminari provenienti dalla Repubblica Popolare Cinese vanno in questa direzione): se questo dovesse avvenire assisteremo al collasso della mobilità nelle città italiane, a partire dalle città metropolitane e alla conseguente insostenibilità in termini di emissioni.

La ripresa graduale della (nuova) normalità impone scelte di campo precise da parte degli amministratori, soprattutto per quanto riguarda il delicato tema dei trasporti. Il distanziamento sociale obbligatorio ci accompagnerà per i mesi e sarebbe dunque rischioso, oltre che complicatissimo, pesare soltanto sui mezzi pubblici. Così la bicicletta diventa l’alleato fondamentale per garantire salute e sicurezza nelle città. La FIAB (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) lo ha anche spiegato in una lettera aperta indirizzata alla politica e alle istituzioni al livello nazionale, in cui presenta sette proposte concrete per la Fase 2, tra cui gli incentivi albike to work e all'acquisto delle bici a pedalata assistita.
In Basilicata tutto il settore della mobilità ciclistica va organizzato da zero. Però, ricordiamo che il Consiglio Regionale della Basilicata tre anni fa approvò all'unanimità una mozione per l'istituzione dell'Ufficio mobilità ciclistica. A redigerla fu il consigliere Gianni Leggieri del Movimento 5 stelle, con una proposta che impegnava la Giunta a tradurla in concreto. Nel 2017, anno internazionale del turismo sostenibile proclamato dall'ONU, anche la FIAB spinse affinché le Regioni si attivassero per la promozione e per l'accoglienza cicloturistica.

Purtroppo l'Ufficio mobilità ciclistica non è mai entrato davvero in funzione, ma oggi è il momento giusto per investire in questo settore per dare un supporto alla mobilità che caratterizzerà la Fase 2 dell’emergenza sanitaria. Allo stato attuale non c’è visione né concertazione sul tema, sia nelle fasi di programmazione e ricerca e gestione fondi, che nella fase di realizzazione degli interventi. Una situazione determinata dal coinvolgimento di diversi uffici regionali, dai trasporti all'ambiente, che rende indispensabile una cabina di regia unica su tema, che, in collaborazione con la task force attività produttive della regione Basilicata, possa attivare il prima possibile gli strumenti necessari a una programmazione dell'immediato futuro della nuova mobilità che caratterizzerà della Fase 2 dell'emergenza. Si tratta di un momento estremamente delicato ma anche decisivo, perché consentirà di sperimentare moltissimi interventi e strumenti anche al livello comunale, che potranno cambiare radicalmente il volto delle città e la qualità della vita delle persone: e se da un lato agevoleranno e tuteleranno chi già usa la bicicletta come mezzo di trasporto, dall’altro saranno un incentivo per molti nuovi potenziali ciclisti urbani.

L’istituzione dell’ufficio di mobilità ciclistica dovrebbe essere il primo e cruciale passo per intraprendere la strada del cambiamento. Oltre a quello regionale sarebbe fondamentale che si istituisse anche nei due capoluoghi di provincia, per dare l’inizio a un reale e adeguato percorso di programmazione e progettazione degli interventi, attraverso meccanismi di concertazione e coinvolgimento di realtà e associazioni che possano tradurre le necessità delle utenza deboli, e soprattutto per dare un forte segnale a dimostrazione che il tema della mobilità in bicicletta è un tema prioritario e non, come fino a ieri, relegato alla sola funzione ludico-ricreativa.

venerdì 10 aprile 2020

Volley Serie C: la DMB Pallavolo Villa d’Agri saluta il campionato


VILLA D'AGRI - Con un comunicato ufficiale, la federazione ha “decretato la conclusione definitiva di tutti i campionati pallavolistici di ogni serie e categoria. La Fipav ritiene pertanto conclusi senza assegnazione degli scudetti, delle promozioni e delle retrocessioni tutti i campionati nazionali, regionali e territoriali”. E che “il senso di responsabilità deve necessariamente essere alla base di ogni azione intrapresa in questi giorni e già da domani lavorerà per programmare al meglio la prossima stagione sportiva”.

È arrivata, purtroppo, la notizia che forse tutti aspettavamo, ma che non avremmo mai voluto ricevere anche se forse è la più giusta e dolorosa.

La pallavolo dimostra ancora una volta di essere uno Sport nobile che guarda innanzitutto all’atleta, all’individuo e non agli interessi legati a classifiche o al decretarne a tutti i costi vincitori e vinti.

“La DMB pallavolo Villa d’Agri prende atto di una decisione necessaria e giusta”, è il primo commento di Pinuccio Logiurato che in qualità di coach “ringraziamo i genitori per esserci stati vicini, come sempre, ma soprattutto per averci dato la possibilità di condividere con i Vostri figli la passione che abbiamo per questo Sport. Sport con la S maiuscola fatto di lavoro in palestra, sacrifici, sudore, gioie e delusioni, vittorie e sconfitte. Non sappiamo ancora quanto durerà questa quarantena ma una cosa è certa…è un arrivederci. Grazie di cuore. #ANDRA’TUTTOBENE. #TORNEREMOPIU’FORTI. ”

Gli fa eco la Presidente Bianca Viggiano: “È triste interrompere un sogno nel momento più bello, quando il campionato entra nella fase più affascinante. Tre mesi in cui l'adrenalina nei palazzetti scorre a fiumi, in cui per l’atleta, per gli addetti e per il tifoso non c'è quasi altro pensiero in testa. Alla ripresa sarà molto diverso, non potrà essere altrimenti. Ma la cosa che più mi addolora è stato interrompere così bruscamente i rapporti con ragazzi, non avere la possibilità di salutarci come meritavamo sul campo. Arrivederci ragazzi”.

A chiudere il cerchio, il messaggio del coach Dino Viggiano rivolto principalmente ai suoi giovani atleti: “Non vi nascondo che ho provato un po’ di rabbia nel sapere che quanto di buono stavamo facendo è stato interrotto; di certo, dopo la rabbia, è subentrata la logica e la logica mi dice, ci dice, che questa è una decisione sensata e che ancora una volta la pallavolo ha dimostrato di avere principi e logiche differenti da altri sport. Questo momento che stiamo attraversando è molto delicato e tutto quello che stiamo facendo ci servirà ad uscirne. Lasciatemi dire che mi sento orgoglioso e fortunato di aver avuto la possibilità di condividere questa stupenda passione e questa stagione con degli atleti incredibili e soprattutto con degli uomini fantastici. Nulla è perduto; ci porteremo dentro quanto di buono abbiamo fatto e la consapevolezza di voler diventare ancor più bravi in campo e più maturi e grandi fuori. Spero che questo momento particolare finisca presto e che vada tutto bene per tutti noi. Auspico di rivedervi presto fuori e dentro il campo, augurandomi di aver ancora la fortuna e la possibilità di condividere con tutti voi il nostro amato sport. Grazie di cuore a tutti voi; grazie a Pinuccio collega e compagno incredibile; grazie al nostro Presidente, alla sua passione, al suo affetto, alla sua dedizione; grazie a tutti i dirigenti; ringraziate infine le vostre famiglie per il loro costante appoggio e sostegno e per la possibilità che vi hanno dato nel farvi giocare con noi, nella nostra amata realtà... Semplicemente, Grazie”.

Un arrivederci ai nostri ragazzi, ai nostri tifosi, ai nostri sponsor, alle tante persone appassionate che ci hanno seguito anche in streaming, un sentito grazie alla FIPAV Puglia per averci ospitato nel loro campionato, ai nostri leali avversari per averci accolto nei loro impianti ed averci fatto scoprire le loro meravigliose cittadine, alla FIPAV Basilicata per la presenza costante al nostro fianco, agli arbitri e a tutte le persone che lavorano nell’anonimato per permettere a tutti di partecipare a questo meraviglioso gioco, con la speranza che con lo sport ognuno possa realizzare il proprio sogno. ARRIVEDERCI A TUTTI.

lunedì 23 marzo 2020

Emergenza Coronavirus, in Australia ancora si gioca a calcio. In Serie A aumenta il numero dei contagiati


L'Australia è uno dei pochissimi paesi dove ancora si gioca a calcio, nonostante la pandemia del Covid-19. Al Rectangular Stadiium di Melbourne, si è disputata la finale del campionato donne, la W-League, fra il Sydney FC e il Melbourne City, che, vincendo, ha conquistato il suo quarto titolo degli ultimi cinque anni. Intanto aumenta il numero di contagiati in Serie A. Paulo Dybala, Paolo Maldini e anche il figlio Daniel, attaccante della Primavera rossonera, sono risultati positivi. L'ex giocatore del Manchester United, Marouane Fellaini è invece il primo calciatore della serie A cinese a risultare positivo al Covid-19.

"Campionato finito a causa dell'emergenza sanitaria? C'è da aspettare un po' per vedere cosa succede. Nessuno si sta allenando in questo momento e credo che tutte le squadre aspetteranno un po' di tempo. Prima o poi la vita normale dovrà però ripartire, anche se all'inizio sarà difficile: la speranza è che il buon Dio ci metta un occhio e faccia finire in fretta questa situazione", ha detto Roberto Mancini, ct dell'Italia, in collegamento con la trasmissione "Che tempo che fa" su Rai 2, - riporta l'Agenzia Agimeg -. La Lega Pro ha deciso di costituire il Comitato di crisi Covid-19 per fronteggiare l'emergenza economica e sociale legata al Coronavirus oltre a stimare l'impatto che avrà sulle società di Serie C e mitigare i rischi.

“Questo comitato non vuole giocare in difesa e limitarsi a quantificare il danno prodotto dal virus ma intende individuare possibili soluzioni per uscire dalla crisi”, ha sottolineato il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli. Si allunga inesorabilmente la lista egli eventi di equitazione rinviati a data da destinarsi o in molti casi già definitivamente cancellati a causa del Coronavirus. Le cancellazioni arrivano infatti, sin da ora, già a fine giugno: restano pochi eventi ancora in programma, alcuni a porte chiuse, altri ancora previsti in presenza di pubblico, ma novità sono attese per le prossime settimane. Anche il Gp di Baku, che il 7 giugno avrebbe dovuto inaugurare la stagione di Formula 1 slitta, ma la stessa sorte potrebbe toccare anche al Gp successivo, quello a Montreal in Canada del 14 giugno. cdn/AGIMEG

martedì 10 marzo 2020

Serie C: pareggia il Potenza, ko il Picerno

di FRANCESCO LOIACONO - Giornata positiva a metà l’undicesima di ritorno per le squadre lucane del girone C di Serie C. Il Potenza ha pareggiato 0-0 fuori casa contro la Cavese. Nel primo tempo i campani insidiosi. Un tiro di Russotto ha centrato il palo. I lucani propositivi. Una conclusione di destro di Giosa da fuori area è stata respinta con le mani dal portiere D’Andrea. Nel secondo tempo la Cavese incisiva. Un tiro di Sainz Maza ha colpito il palo. Il Potenza arrembante. Un colpo di testa di Murano ha visto l’opposizione con i pugni di D’Andrea. Un tiro di Ricci ha trovato il numero uno dei campani pronto a salvare con un piede. D’Angelo tutto solo in area ha calciato a lato. Il Potenza è quarto in classifica a 56 punti.

Il Picerno ha perso 2-0 in casa con la solitaria capolista Reggina. Nel primo tempo i calabresi sono passati in vantaggio con Paolucci di destro su cross di Rivas. I lucani hanno replicato. Un colpo di testa di Esposito non ha inquadrato la porta. Un destro di Santaniello è stato bloccato con le mani dal portiere Guarna. Nel secondo tempo il Picerno ha insistito. Un tiro di Santaniello è finito oltre la traversa. I calabresi in contropiede. Un tiro di Bellomo è stato respinto in angolo dal portiere Pane. La Reggina ha raddoppiato con Sarao di sinistro su passaggio di Bianchi. Il Picerno è quintultimo con 32 punti.

Coni stoppa lo sport in Italia fino al 3 aprile


di NICOLA ZUCCARO - Stop a tutte le attività sportive fino a venerdì 3 aprile 2020. E' quanto stabilito nel pomeriggio di lunedì 9 marzo dal CONI per voce del suo presidente Giovanni Malagò. In attesa di un Decreto del Governo nazionale che ratifichi questa decisione, la scelta intrapresa dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano inciderà su quella che adotterà il Consiglio Federale della Figc convocato alle ore 14.00 di martedì 10 martedì, presso la sede di via Allegri in Roma.

A precedere il pugno duro di Malagò, la decisione del Consiglio nazionale della Lega Dilettanti che ha confermato la stessa data individuata dal CONI e in linea con il Decreto Ministeriale reso noto nella giornata di domenica 8 marzo 2020.

mercoledì 4 marzo 2020

Serie D, Girone H: pareggia il Francavilla in Sinni pareggia, ko il Grumentum

di FRANCESCO LOIACONO - Giornata sfavorevole la nona di ritorno per le squadre lucane del girone H di Serie D. Il Francavilla in Sinni ha pareggiato 2-2 in casa contro la Nocerina. Nel primo tempo i lucani sono passati in vantaggio con Nolè, tiro di destro. I campani insidiosi. Un tiro di Mincione ha visto la valida opposizione con le mani del portiere Caruso. I sinnici propositivi. Un colpo di testa di Mancino ha centrato il palo. La Nocerina ha pareggiato con Granata di sinistro. Nel secondo tempo i campani incisivi. Un tiro di Mincione è stato neutralizzato con i pugni da Caruso. Il Francavilla in Sinni è ritornato in vantaggio con Fanelli, girata al volo di destro. La Nocerina ha di nuovo pareggiato con Dieme di sinistro.

Il Francavilla in Sinni è penultimo in classifica con 25 punti. Il Grumentum Val d’Agri ha perso 2-1 a Sorrento. Nel primo tempo sono andati in gol i lucani con Martinez di destro su cross di Potenza. I campani arrembanti. Un tiro di La Monica ha trovato pronto il difensore Pellegrini a salvare con un piede. Nel secondo tempo il Sorrento ha pareggiato con Vitale, girata al volo di destro su cross di Gargiulo. I campani hanno realizzato il gol decisivo per la vittoria con La Monica, tiro di sinistro. Il Grumentum Val d’Agri è quartultimo a 27 punti.

martedì 3 marzo 2020

Torna la nuova edizione di 'Iron Bike': la tappa inaugurale il 22 marzo

MATERA - Dopo diversi mesi di attesa e suspense crescente tra gli appassionati del settore è stata presentata la settima edizione dell’Iron Bike, il circuito di corse ciclistiche in mountainbike che da diverse stagioni coinvolge migliaia di ciclisti e unisce con un fil rouge alcune tra le più belle e complete manifestazioni della regione. Notevoli i cambiamenti: le tappe saranno “appena” 5, quattro di esse si disputeranno su doppio percorso perché torna il format Marathon – percorso lungo oltre i 65 km – una sola sarà Mediofondo e, sorpresa, una delle Marathon sarà disputata su un percorso gravel, la novità del momento, l’equivalente della celebre “strade Bianche” su strada.

Quattro le società organizzatrici per i cinque appuntamenti: Amicinbici Losacco Bike curerà la Marathon Bosco Difesa Grande a Gravina in Puglia il 22 marzo, il team Eurobike di Corato metterà in piedi la prova speciale Gravel-MTB a Castel del Monte il 1 Maggio e poi riproporrà la Marathon del Gargano a Vieste il 2 Giugno; il 10 maggio grande attesa per il Campionato Regionale Marathon per la Federazione Ciclistica Italiana da disputare a Biccari sotto l’egida dell’UC Foggia 1976. Gran finale a Monte Sant’Angelo con la Gran Fondo Bosco Quarto – Trofeo dei due siti, organizzata dall’ASD MTB Monte Sant’Angelo Team.

Disponibili gli abbonamenti a 119 € da sottoscrivere entro e non oltre il 15 marzo. Scadranno invece sabato 6 marzo le quote agevolate per l’iscrizione alla Marathon Bosco Difesa Grande, il cui comitato organizzatore ha ingranato la quinta e corre a spron battuto verso uni dei più suggestivi eventi ciclistici della regione.

Serie C: vincono il Potenza e Picerno

di FRANCESCO LOIACONO - Giornata positiva a metà la decima di ritorno per le squadre lucane del girone C di Serie C. Il Potenza ha vinto 2-0 in casa col Catanzaro. Nel primo tempo i lucani insidiosi. Un tiro di Dettori è stato respinto con le mani dal portiere Bleve. Una conclusione di destro di Ricci è terminata alta. Il Potenza è andato in gol con Giosa di testa su cross del brasiliano Emerson. Ha raddoppiato con l’altro brasiliano Franca su rigore dato per un fallo di mano di Martinelli. Il Potenza è quarto in classifica con 55 punti. 

Il Picerno ha vinto 2-1 in trasferta con la Virtus Francavilla Fontana. Nel primo tempo i pugliesi sono passati in vantaggio con Perez di testa su cross di Setola. Hanno insistito. Una conclusione dello stesso Perez ha visto la valida opposizione con i pugni del portiere Pane. Il Picerno ha pareggiato con Guerra di testa. Nel secondo tempo i pugliesi propositivi. Perez tutto solo in area di rigore ha incredibilmente tirato oltre la traversa. I lucani sono passati in vantaggio con Esposito su rigore concesso per un fallo di Marino su Vrdoljak. La Virtus Francavilla Fontana in contropiede. Un tiro di Vazquez è finito di poco a lato. Il Picerno è quintultimo a 32 punti.

sabato 29 febbraio 2020

Prima Categoria lucana. Sassi Matera in lotta per la salvezza. Santorufo: “fiducioso e ottimista”


di Roberto Berloco - Matera. Dopo il sorriso di Gennaio, un Febbraio di pianto. E’ quello trascorso dal Sassi Matera, adesso in procinto d’affacciarsi alla ventunesima Giornata di Campionato, per il girone B della Prima Categoria calcistica lucana.

Dopo un pareggio e due vittorie di fila, ottenute nella fase iniziale del ritorno, con conseguente ascesa alla penultima posizione di classifica, la squadra del presidente e avvocato Alessandro Santorufo è stata nuovamente piegata, difatti, dal vento di sconfitta che l’ha perseguitata durante tutta l’andata, riprendendo a passeggiare sopra un tappeto di amari rovesci, fino al rincaso in zona retrocessione.

Ed è stata la stracittadina di Domenica scorsa, contro la formazione sorella del Città dei Sassi, la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Uno, oramai, colmo di tensioni e di speranze deluse, che hanno trovato l’epilogo nelle dimissioni volontarie dello stesso allenatore, il ginosino Tommaso Contangelo, al quale si deve il merito d’aver dato sollievo al Sassi Matera, in termini morali e di punteggio, durante il primo mese dell’anno.

“Pur non disconoscendo, laddove c’è stato, il buon lavoro fatto dall’allenatore Contangelo” - dichiara Santorufo - “mi pare fin troppo chiaro che siano emerse lacune non da poco nella gerenza di talune recenti partite, addirittura anche nell’aspetto dei cambi. E’ un dato che, inevitabilmente, mi ha gettato in un certo sconforto, anche se, fino ad ora, per amor di squadra, mi ero spinto ad attribuire la ragione di queste deficienze a carenze fisiologiche di amalgama tra l’organico dei giocatori e la direzione tecnica. Al di là di questo, mi conservo tuttavia fiducioso e assolutamente ottimista, anche perché, in animo, tengo ancora intatta la certezza della salvezza”.

Col passo indietro di Contangelo, le redini della gestione sono tornate al barese Leonardo Paparella, il quale aveva coordinato le attività di allenamento dei biancazzurri, nel periodo di transizione dalla fine di Campionato di Seconda Categoria della scorsa stagione, alla fase del ripescaggio nella Prima attuale.

E sarà con la maglia numero 11 indosso proprio al presidente Santorufo, che il Sassi Matera affronterà domani, Domenica 1 di Marzo, la trasferta contro la V.R. Episcopia Calcio, presso l’impianto sportivo “C. Falabella”, in contrada Capozzole d’Episcopia, con fischio arbitrale d’avvio fissato per le ore 15.00.