mercoledì 28 settembre 2016

SERIE D. Il Potenza e il Francavilla in Sinni vincono in casa contro Trastevere e Manfredonia

di FRANCESCO LOIACONO - Giornata quasi soddisfacente per le squadre lucane del campionato di calcio di serie D girone H. Il Potenza ha vinto per 4-3 in casa contro il Trastevere che prima di questa gara era la capolista. Nel primo tempo in vantaggio il Potenza con D’Allocco che con un gran tiro da fuori area ha sorpreso il portiere Radaelli. Raddoppio di Ungaro, forte colpo di testa. Ma il Trastevere ha riaperto il match con Massella che con un tocco rasoterra di destro ha battuto il portiere Sutalo. Terza rete dei lucani. Pepe con una pennellata di sinistro su punizione ha fatto goire i tifosi.

Nel secondo tempo Potenza in gol per la quarta volta. Ancora Pepe con un forte siluro di destro. Il Trastevere ha segnato grazie a Tajarol, grande inzuccata. I laziali hanno accorciato le distanze con Riccucci, tiro cross imparabile per Sutalo.

Il Francavilla in Sinni ha vinto per 3-1 in casa col Manfredonia. Prima frazione di incontro. In vantaggio i pugliesi con La Porta su rigore concesso per un fallo del portiere Gravagnone su Bozzi. I sinnici hanno pareggiato, Aleksic anche lui su rigore dato poiché Romeo ha commesso un fallo di mani.

Nel secondo tempo i lucani in vantaggio, Fanelli con un tiro di destro. Terza rete del Francavilla per merito di Aleksic, tocco di sinistro. Il Picerno si è imposto per 3-2 ad Apricena sul Madre Pietra. Primo tempo. Pugliesi in avanti, De Luca di testa. Pareggio dei lucani,Tedesco con una botta al volo di destro. Ripresa. In vantaggio il Picerno, Esposito di sinistro. Tris della squadra di Arleo, Lalaico con una conclusione da lontano. Gol del Madre Pietra, Cinque di destro. Il Rionero ha perso 3-1 a Bisceglie. Primo tempo. Pugliesi in vantaggio, Lattanzio colpo col sinistro. Raddoppio di Montaldi, bordata di destro dalla lunga distanza. Ripresa. Gol del Rionero, Rabbeni su rigore concesso per un fallo di Pistola su Tandara. Prima sconfitta stagionale per i lucani di Sosa, che certamente possono riprendersi e salvarsi.

0 commenti:

Posta un commento