domenica 24 dicembre 2017

Corea del Nord, nuove sanzioni Onu sono "atto di guerra"

La Corea del Nord ha criticato le nuove sanzioni ONU imposte durante i suoi test missilistici come "atto di guerra". Si tratta della prima risposta di Pyongyang all'ultima mossa diplomatica per punire la crescente accelerazione nella strategia delle armi messa in atto dal regime nordcoreano.

La tensione è stata alta nella penisola mentre il regime isolato ma armato sino ai denti di armi nucleari ha messo in scena una serie di test di missili balistici atomici e intercontinentali (ICBM) - l'ultimo il 29 novembre.

L'ultimo lancio dell'ICBM Hwasong-15, ritenuto in grado di colpire tutte le principali città degli Stati Uniti, ha ulteriormente rafforzato l'allarme globale sul rapido progresso nella tecnologia delle armi del paese.

"Respingiamo completamente le ultime sanzioni ONU ... come violenta violazione della sovranità della nostra repubblica e un atto di guerra che distrugge la pace e la stabilità della penisola coreana e di una regione più ampia", ha detto il ministro degli Esteri di Pyongyang in una dichiarazione agenzia di stampa statale KCNA.

La risposta bellicosa di Pyongyang è arrivata il giorno dopo che il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha approvato all'unanimità nuove sanzioni redatte dagli Stati Uniti che limiterebbero le forniture vitali di petrolio per lo stato impoverito.

Il terzo raft delle sanzioni imposte al Nord quest'anno, innescato dal test ICBM del mese scorso, ha anche ricevuto il sostegno della Cina - l'unico grande alleato della Corea del Nord.

Le sanzioni prevedono anche il rimpatrio dei lavoratori nordcoreani inviati all'estero per ottenere entrate per il regime di Kim Jong-Un.

0 commenti:

Posta un commento