giovedì 21 marzo 2019

Rifiuti, D'Amato (M5S): "Al sud 35 discariche fuori legge, Corte UE apre alle sanzioni contro l'Italia"


POTENZA - “Oggi, la Corte di giustizia dell'Unione europea ha certificato il fallimento dei governi Pd, a livello nazionale e regionale: di 42 discariche pericolose per la salute dei cittadini di Basilicata, Puglia, Abruzzo e Campania (oltre a 2 del Friuli), che dovevano essere chiuse o messe a norma entro il 2015, non sono riusciti a sanarne neppure una entro i termini. Di queste, sole 7 risultano finalmente a norma, ma i lavori sono stati fatti in ritardo rispetto alle scadenze concordate con Bruxelles. E dire che di tempo ne hanno avuto, visto che già nel 2012 la Commissione europea li aveva diffidati, chiedendo di porre immediato rimedio. Non lo hanno fatto e oggi, con la sentenza della Corte, al danno rischiamo con ogni probabilità di pagare di tasca nostra la beffa: già, perché adesso Bruxelles o la stessa Corte potranno elevare delle pesanti multe a carico dell'Italia”. Lo dice l'eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Rosa D'Amato, in merito alla sentenza emessa oggi dalla Corte di giustizia dell'Unione europea, che ha accertato la violazione da parte dell'Italia delle direttiva europea sulle discariche.

“Questa direttiva è stata introdotta nel 1999 e prevede una serie di misure volte a ridurre l'impatto delle discariche sull'ambiente e sulla salute dei cittadini – continua D'Amato - So che il ministro dell'Ambiente Costa farà tutto il possibile per limitare i danni e per porre rimedio a questo ennesimo fardello lasciatoci dalla vecchia politca e, in tempi più recenti, da Renzi e soci, da Pittella a De Luca. Noi sul territorio continueremo a vigilare su queste bombe ecologiche, perché siano chiuse o messe a norma una volta per tutte”.