Visualizzazione post con etichetta Esteri. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Esteri. Mostra tutti i post

sabato 3 agosto 2019

Forte sisma in Indonesia: 1 morto e 4 feriti


GIACARTA - Trema la terra in Indonesia, dove una persona è morta e quattro sono rimaste ferite in conseguenza del forte sisma di magnitudo 6.8 che ha colpito ieri al largo dell'isola di Giava. Secondo l'Istituto geofisico americano (Usgs) l'epicentro del terremoto è stato a 151 chilometri dalla provincia di Banten, costa sudoccidentale. Circa 113 le cause danneggiate e oltre 1.000 le persone che hanno dovuto riparare in rifugi temporanei.

venerdì 2 agosto 2019

Trovata morta la nipote di Kennedy


Nuovo dramma nella famiglia Kennedy. La nipote di Robert F. Kennedy, la 22enne Saoirse Roisin Hill, è stata trovata morta nella residenza della famiglia a Cape Code. La causa del decesso potrebbe essere un'overdose. La giovane era già in arresto cardiaco quando sono arrivati i soccorsi.

giovedì 1 agosto 2019

Ucciso il figlio di bin Laden


WASHINGTON - Hamza bin Laden, il figlio più noto ed erede di Osama bin Laden, e' morto . Lo rivela la Nbc citando tre dirigenti americani coperti dall'anonimato, che non hanno fornito dettagli su dove o quando sarebbe morto né se gli Stati Uniti abbiano giocato un ruolo nella vicenda. Il dipartimento di Stato Usa lo scorso marzo aveva messo su Hamza una taglia da un milione di dollari.

mercoledì 31 luglio 2019

Influencer russa trovata morta e chiusa in valigia

MOSCA - Choc a Mosca, dove il corpo senza vita di una giovane influencer Instagram, Ekaterina Karaglanova, è stato trovato in una valigia nell'appartamento che la ragazza aveva preso in affitto. Presenti sul cadavere ferite da arma bianca, di cui una profonda alla gola.

La famiglia della giovane si era allarmata perché non riusciva a contattarla da alcuni giorni. Secondo i media, la ragazza, che aveva oltre 85.000 follower su Instagram, aveva 24 anni, studiava medicina e aveva da poco iniziato una nuova relazione. Gli investigatori non escludono che il movente dell'assassinio sia di tipo sentimentale.

lunedì 22 luglio 2019

Scalatore bloccato in Pakistan: tratto in salvo da elicottero


di PIERO CHIMENTI - L'elicottero che trasportava Francesco Cassardo, l'alpinista italiano ferito durante la discesa dal Gasherbrum VII in Pakistan, è arrivato nell'area di Skardu, nel Gilgit Baltista. Lo rende noto un funzionario del Club Alpino del Pakistan.

Lo scalatore è stato trasferito in ospedale per le cure. Cassardo è stato recuperato all'alba da un elicottero messo a disposizione dalle Autorità pachistane. Insieme al compagno di cordata Cala Cimenti, i due erano stati raggiunti a piedi da altri due loro colleghi partiti dal campo base, che hanno poi portato il ferito più a valle.

Brutta disavventura per il medico italiano, in Pakistan, che mentre procedeva alla discesa dal Gasherbrum VII è precipitato per alcune centinaia di metri, rimanendo gravemente ferito. A vegliarlo il suo compagno di cordata che ha riferito che le sue condizioni sono gravi ma costanti. I familiari dello scalatore ferito hanno scritto al Ministro degli esteri Moavero affinché possa intervenire per accelerare le operazioni di soccorso, cosa non riuscita all'ambasciatore italiano in terra asiatica.

sabato 20 luglio 2019

Ibiza, bimba di tre anni ingerisce ecstasy e finisce all'ospedale


IBIZA - Tre anni positiva alla droga. In ospedale la parola l'hanno detta: ecstasy. Come un adolescente impasticcato in discoteca. La bambina, perché di una bambina si tratta, non è ovviamente un assuntore e, a quell'età, di discoteche ha solo sentito parlare. Ora la bambina di tre anni di nazionalità russa che è entrata ieri in condizioni critiche in un ospedale di Ibiza dopo aver preso le pillole di ecstasy, dopo ore di convulsioni è migliorata, come riporta in una nota l'Azienda Sanitaria di Ibiza e Formentera.

Gli eventi si sono verificati lo scorso giovedì pomeriggio a Ibiza, quando i parenti della minore, preoccupati dalle condizioni di salute della piccina, si sono recati al pronto soccorso del Can Misses Hospital sull'isola per accompagnare la bimba che avrebbe improvvisamente avuto delle convulsioni mentre era a casa. La famiglia, che è in vacanza a Ibiza, ha riferito che la piccola aveva ingerito il farmaco noto come MDMA (metanfetamina). La minore è stata ricoverata in condizioni critiche nell'unità di terapia intensiva (ICU). In seguito, a causa della gravità delle sue condizioni, è stata trasferita in elicottero all'ICU pediatrica dell'ospedale Son Espases, a Maiorca, dove è ricoverata. Dai primi esami svolti dai medici del nosocomio spagnolo è emerso che la bimba è risultata positiva alla MDMA.

L’assunzione della droga,evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, avrebbe provocato le crisi epilettiche e le convulsioni. Sono in corso indagini da parte della Guardia Civil per capire come la bambina possa aver ingerito la sostanza stupefacente. Secondo fonti della polizia, la prima ipotesi indica un'ingestione accidentale: la bambina avrebbe trovato le pillole a terra mentre si trovava in un parco per una passeggiata, riferisce il giornale Diario de Ibiza.La loro versione è ora al vaglio degli inquirenti che dovranno fare luce su quanto accaduto.

giovedì 18 luglio 2019

Aeroporto di Belgrado, allarme bomba in aereo Lufthansa


BELGRADO - Questa mattina, all'aeroporto di Belgrado è stato evacuato un aereo Lufthansa in seguito alla notizia della presenza di una bomba a bordo. L’aeromobile era in partenza per Francoforte con a bordo 130 passeggeri e cinque membri dell'equipaggio. La polizia e gli artificieri intervenuti hanno ispezionato l’aereo senza trovare alcun ordigno esplosivo.

Questo episodio, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si inserisce nella sempre più stretta vigilanza contro il terrorismo dopo l’attentato dell’11 settembre a New York. Da allora le misure di sicurezza negli scali si sono rafforzate enormemente nel timore di nuovi attacchi kamikaze.

venerdì 12 luglio 2019

Francia: addio a Vincent Lambert


REIMS - Si è spento il tetraplegico da oltre 10 anni, Vincent Lambert, simbolo in Francia della lotta per il fine vita. Ne ha dato notizia la sua famiglia questa mattina. Dopo l'ultima decisione del tribunale, i medici gli avevano sospeso cure e alimentazione da mercoledì della scorsa settimana.

Lambert, 42 anni, fu vittima di un incidente stradale nel 2008 in seguito al quale è finito in stato vegetativo. L'uomo "è morto questa mattina alle 8.24" nell'ospedale centrale di Reims, nel nord della Francia, dove era ricoverato da anni. A diffondere la notizia il nipote Francois.

Jean e Viviane, i suoi genitori, hanno condotto una strenua battaglia legale per impedire che al figlio fossero interrotte cure e alimentazione che lo tenevano in vita. Da lunedì si erano di fatto arresi, definendo ormai "inevitabile" la morte di Vincent.

lunedì 8 luglio 2019

Grecia: vince Nea Dimokratia, Tsipras ammette sconfitta


ATENE - Le proiezioni per le elezioni greche assegnano a Nea Dimokratia il 39,8% dei voti e 158 seggi. Syriza prende il 31,6% (86 seggi). I socialisti di Kinal 8,3% (23); il Kke 5,3% (14); i nazionalisti di Elliniki Lysi 3,7% (10); Diem 25 il 3,4% (9). Secondo queste proiezioni - basate sul 10% di voti reali - i neonazisti di Alba Dorata non entrano in parlamento. Tsipras ha ammesso la sconfitta elettorale e ha telefonato al vincitore delle politiche Kyriakos Mitsotakis per congratularsi.

mercoledì 3 luglio 2019

David Sassoli presidente del Parlamento europeo


di PIERO CHIMENTI - David Sassoli, ex giornalista Rai ed attuale euro deputato del Pd, è stato nominato con 345 voti nuovo Presidente del Parlamento europeo, prendendo così il posto di Antonio Tajani. La nomina è stata raggiunta nella seconda votazione, superando così la maggioranza necessaria di 334 voti. Il neo presidente ha voluto ringraziare per il suo operato Tajani, salutato da un lungo applauso.

giovedì 13 giugno 2019

Oman, attaccate due petroliere

(ANSA)

E' caos in Medio Oriente per "due petroliere nel Golfo di Oman attaccate". Lo ha dichiarato alla stampa il ministro del Commercio nipponico Hiroshige Seko, aggiungendo che le due imbarcazioni trasportavano carichi "collegati al Giappone". "Ho avuto informazioni che le due navi con carico diretto in Giappone sono state attaccate vicino allo Stretto di Hormuz", ha detto Seko.

In precedenza, il ministro Seko aveva confermato che le navi sono state attaccate sottolineando che le imbarcazioni trasportavano carichi "collegati al Giappone". Seko aveva inoltre precisato che le due navi sono state "attaccate vicino allo Stretto di Hormuz" proprio quando Shinzo Abe è in Iran come primo premier giapponese in visita dal 1979.

La nave che sarebbe stata colpita dal siluro è la Front Altair, di proprietà norvegese. L'altra petroliera, la Kokuka Courageous, è stata danneggiata in un "sospetto attacco" che ha aperto uno squarcio nello scafo sopra la linea di galleggiamento, riporta sempre il Telegraph.

martedì 11 giugno 2019

New York, elicottero si schianta su un grattacielo di Times Square


di NICOLA ZUCCARO - Un elicottero si è schiantato sulla parte alta di un grattacielo ubicato a Times Square, nota zona di New York. Il bilancio provvisorio che è di 1 morto (il pilota del velivolo) fa ripiombare la metropoli americana nell'incubo degli attentanti dal cielo rappresentato dalla strage delle Torri Gemelle dell'11 settembre 2001.

venerdì 7 giugno 2019

Dubai, bus si schianta contro cartello stradale: 17 vittime


Sono diciassette le persone morte e altre tre quelle rimaste ferite in un incidente avvenuto a Dubai che ha coinvolto un autobus proveniente dall'Oman. La polizia spiega che le vittime sono di diverse nazionalità. Il mezzo, che viaggiava da Muscate, si è schiantato ieri pomeriggio contro un cartello stradale per cause ancora non chiare.

giovedì 30 maggio 2019

Disastro a Budapest: scontro imbarcazioni provoca 7 morti e 21 dispersi


di PIERO CHIMENTI - Tragedia sul fiume Danubio, dove un battello, mentre effettuava le operazioni di attracco, anche a causa delle violente piogge che hanno causato l'interessamento del fiume, è stato urtato da un'altra imbarcazione.

L'imbarcazione da turismo contava la presenza di circa 33 sudcoreani. Il bilancio parla di 7 morti, tra cui un bambino, e 21 dispersi. Il presidente della Corea del Sud ha invitato le autorità ungheresi a profondere tutte le risorse necessarie per il salvataggio.

Turchia, giudice critica un'avvocata per la minigonna: sospeso


ISTANBUL - Il Consiglio dei giudici e dei procuratori turchi (Hsk) ha sospeso un giudice di Istanbul, Mehmet Yoylu, dopo che questi aveva criticato nel corso di un'udienza un'avvocata perché indossava una minigonna che lui riteneva troppo corta. Secondo Mehmet Yoylu la minigonna era troppo corta e per questo avrebbe chiesto che la legale, Tugce Cetin, venisse fotografata per segnalare poi il suo abbigliamento all'Associazione degli avvocati, sostenendo che la sua gonna non fosse consona a un tribunale perché «15 centimetri sopra il ginocchio».

Immediate sono scattate le proteste di un gruppo di avvocati al palazzo di giustizia, che hanno accusato il giudice di sessismo, e la segnalazione all'Hsk, che ha deciso di aprire un'inchiesta. Il comportamento, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stato anche censurato con un tweet dal ministro della Giustizia di Ankara, Abdulhamit Gul, che lo ha definito "inaccettabile", ammonendo che il "sistema giudiziario non può permette che nessuno venga discriminato in base al proprio abbigliamento o stile di vita o sia esposto a trattamenti arbitrari".

lunedì 13 maggio 2019

Sommergibili per trasportare la coca negli Usa


Le forze di sicurezza costaricane hanno sequestrato in un blitz nel Pacifico un'imbarcazione che, dopo aveva viaggiato in immersione per centinaia di chilometri, si è arenata su una spiaggia. Ma è solo un successo su decine di trasporti che i narcotrafficanti fanno usando mezzi sottomarini sempre più sofisticati

I narcos usano anche i sommergibili per trasportare cocaina. Un mezzo subacqueo è stato intercettato dalle forze di sicurezza del Costa Rica nel Pacifico, con un carico di due tonnellate di droga. Arrestati i due colombiani che manovravano il sottomarino e che sono stati feriti nelle fasi della cattura.

Il mezzo si era incagliato sulla spiaggia di Llorona nel Parco nazionale di Corcovado, e un terzo componente dell'equipaggio è riuscito a dileguarsi sulle montagne della zona.

mercoledì 8 maggio 2019

Ue: nuovo taglio a stime Pil Italia, +0,1% nel 2019


BRUXELLES - Nuovo taglio della Commissione Ue taglia alle stime di crescita dell'Italia: nel 2018 il Pil cresce dello 0,9%, nel 2019 dello 0,1%, e nel 2020 dello 0,7%. Nelle stime di febbraio era rispettivamente 1%, 0,2% e 0,8%. "La debolezza", frutto della "contrazione" dello scorso semestre, "lascerà il passo a una tenue ripresa", lo scrive la Commissione Ue nelle previsioni economiche sull'Italia.

I consumi dovrebbero essere aiutati dal reddito di cittadinanza, ma il "mercato del lavoro che si deteriora" danneggerà la spesa dei consumatori che tenderanno a risparmiare, aggiunge. "La crescita sommessa e l'allentamento di bilancio intaccheranno i conti pubblici, con deficit e debito che saliranno fortemente": scrive Bruxelles.

lunedì 6 maggio 2019

Mosca, aereo in fiamme poco dopo il decollo: 41 vittime


MOSCA - Dramma nei cieli russi. Almeno 41 persone sono morte nell'incendio di un aereo dell'Aeroflot costretto a un atterraggio di emergenza all'aeroporto Sheremetyevo di Mosca. L'aereo passeggeri Sukhoi della compagnia di bandiera russa ha preso fuoco e ha compiuto un atterraggio d'emergenza.

L'aereo era decollato da Sheremetyevo diretto a Murmansk ed è stato costretto a un atterraggio di emergenza poco dopo. Funzionari citati dall'agenzia Interfax affermano che i 78 passeggeri a bordo sono stati evacuati. L'incendio è stato domato. La tv di stato ha mostrato le immagini dell'aereo sulla pista con una scia di fiamme e fumo dalle ali.

domenica 5 maggio 2019

Regeni, spunta il super testimone: "Lo scambiammo per una spia"


ROMA - Il dottorando italiano Giulio Regeni fu ucciso dai servizi di sicurezza egiziani perché ritenuto una spia inglese. A dichiararlo però questa volta non sono gli inquirenti italiani che indagano sul rapimento e la morte del giovane ricercatore italiano, ma un supertestimone che, secondo quanto scrivono Corriere e Repubblica, ascoltò una conversazione proprio tra uno degli agenti responsabili del rapimento e un altro poliziotti africano.

Il funzionario indicato dal testimone, scrive Bianconi sul Corriere, è uno dei cinque che la Procura di Roma ha iscritto sul registro degli indagati. Secondo gli inquirenti ci sono indizi sufficienti a ipotizzare il coinvolgimento del generale Sabir Tareq, del colonnello Uhsam Helmy, del maggiore Magdi Ibrahim Abdelal Sharif, dell’assistente Mahmoud Najem e del colonnello Ather Kamal, all’epoca capo della polizia investigativa del Cairo e coinvolto anche nel depistaggio con cui si voleva chiudere il caso addossando ogni responsabilità a una banda di criminali comuni, uccisi in un presunto conflitto a fuoco.

Le ammissioni, scrive Repubblica nella sua edizione cartacea, furono fatte durante un pranzo in cui Il funzionario discuteva di questioni legate alla lotta interna all'opposizione politica dell'Egitto, fa. "Ci convincemmo che era una spia e scoprimmo che il 25 gennaio doveva incontrare una persona che ritenevamo sospetta avrebbe detto l'ufficiale nella ricostruzione fatta dal testimone Per questo entrammo in azione quel giorno", si legge nella testimonianza, secondo cui quel che accade a Giulio è proprio l'ufficiale egiziano a raccontarlo al suo interlocutore: "caricammo il ragazzo italiano in macchina e io stesso lo colpii più volte duramente al volto".

mercoledì 24 aprile 2019

Schiava di una coppia per 16 anni, donna verrà risarcita

DALLAS - Storia choc dal Texas, negli Stati Uniti, dove una donna è stata condannata a sette anni in un carcere federale per aver schiavizzato per 16 anni una donna della Guinea. La condanna contro Mohamed Toure e Denise Cros-Toure è stata decisa da un giudice di Fort Worth. Mohamed Toure è figlio dell'ex presidente della Guinea, Ahmed Sekou Toure. 

La donna resa schiava era stata portata negli Usa da un villaggio rurale della Guinea da bambina. Veniva costretta a lavorare senza paga. È riuscita a scappare denunciando i suoi aguzzini. Riceverà da loro un indennizzo di 288.000 dollari.