domenica 26 gennaio 2020

Coronavirus, Xi ammette: "Situazione grave"

(Getty)
PECHINO - Il presidente cinese Xi Jinping, dopo aver cercato di infondere fiducia alla popolazione cinese, ha ammesso che la situazione è "grave" e l'epidemia del coronavirus "accelera". "Di fronte alla grave situazione di un'accelerazione della diffusione del nuovo coronavirus, è necessario rafforzare la leadership centralizzata e unificata del Comitato centrale del Partito", ha detto Xi nel corso di una riunione d'emergenza del governo.

La Cina può "vincere la battaglia" contro il coronavirus. Lo ha assicurato il presidente, nel suo secondo intervento pubblico dall'inizio della crisi. "Finché avremo fiducia costante, lavoreremo insieme, con prevenzione e cure scientifiche e politiche precise, saremo sicuramente in grado di vincere la battaglia", ha detto Xi in una riunione del comitato permanente dei vertici del Politburo.

41 vittime, di cui 15 i decessi nelle ultime ore: il Coronavirus fa sempre più paura alla Cina che in queste ore ha ordinato misure a livello nazionale per identificare i casi sospetti del misterioso virus su treni, aerei e autobus, poiché il bilancio delle vittime e il numero di pazienti è aumentato in maniera esponenziale. Pechino ha esteso il cordone sanitario volto a circoscrivere l'infezione, precisando che i provvedimenti riguardano ora 56 milioni di persone.

Intanto un primo caso del virus è stato confermato in Australia, ultimo Paese in ordine di tempo ad essere raggiunto dal contagio. Il paziente, un uomo sulle cui generalità non sono stati diffusi dettagli, era giunto una settimana fa a Melbourne da Wuhan, la città cinese epicentro dell'epidemia. Secondo il responsabile della sanità pubblica australiana, Brendan Murphy, le autorità dello Stato di Victoria ha applicato "strettamente i protocolli, e messo il paziente in isolamento".

Trema l'Europa per i tre casi di coronavirus confermati in Francia: sono i primi accertati nel Continente. Ad annunciarlo il governo francese. Un caso è a Bordeaux, nel sud-ovest, l'altro a Parigi, ha annunciato stasera in tv la ministra della Salute, Agnes Buzyn. "Il paziente di Bordeaux ha 48 anni - ha detto la ministra - è rientrato dalla Cina, dove è passato da Wuhan. Si è fatto visitare ieri.

Da ieri è ricoverato in una camera isolata. E' stato in contatto con una decina di persone dopo il suo arrivo in Francia". L'uomo è di "origini cinesi", ma residente in Gironda, la regione di Bordeaux. Si trovava in Cina per motivi professionali. Si sa poco del paziente ricoverato a Parigi, all'ospedale Bichat, a parte il fatto che anche lui è rientrato dalla Cina.


Si tira infine un sospiro di sollievo non solo a Bari ma anche a Parma per le due donne rientrate da Wuhan, in Cina, e ricoverate per sintomi sospetti.

sabato 25 gennaio 2020

Perrino (M5S): "Il TPL lucano al bivio: si avrà il coraggio di rompere definitivamente con il passato?"


POTENZA - Il libro nero del trasporto pubblico locale lucano si arricchisce di un nuovo capitolo: l’impugnativa del governo dell’ennesima proroga messa in atto un paio di mesi fa per evitare una gara che si attende da anni.

Il comunicato del Consiglio dei Ministri è chiaro: la legge della Regione Basilicata n. 26 del 28/11/2019, recante “Modifiche ed integrazioni alla L.R. 30 aprile 2014, n. 7”, contiene alcune disposizioni riguardanti i servizi di Trasporto pubblico locale che si pongono in contrasto con l’articolo 117, primo e secondo comma, lett. e) della Costituzione, che impone il rispetto dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e riserva allo Stato la competenza in materia di tutela della concorrenza.

La giunta Bardi dovrebbe essere consapevole che non si può più proseguire con le solite alchimie messe in campo per garantire rendite in un settore ormai obsoleto e pieno di sprechi come quello dei trasporti lucano. Siamo arrivati al punto di non ritorno e bisogna avere il coraggio di chiudere con il passato.

La situazione disastrosa in cui versa il trasporto pubblico locale è un vero e proprio freno per lo sviluppo dell’intero territorio regionale. Ormai è diventato impossibile tenere il conto dei disservizi e delle vertenze che attanagliano il comparto. Mezzi vetusti, aziende che sopravvivono esclusivamente grazie ai contributi regionali e lavoratori che non vedono stipendi per mesi e mesi sono la cartina di tornasole di questo disastro. A pagarne sono solo ed esclusivamente i cittadini che si vedono privati di un servizio fondamentale.

Questo è il terreno su cui Bardi può dimostrare meglio il cambiamento di cui si continua a dichiarare portatore.

Noi crediamo che sia possibile garantire un servizio di qualità salvaguardando i posti di lavoro. Il tutto è possibile tenendo lontani gli interessi di coloro che in questi anni hanno solo pensato di partecipare alla mangiatoia del tpl ritenendo, probabilmente, che si trattasse di un pozzo senza fondo. Così in una nota Gianni Perrino, portavoce M5S Basilicata - Consiglio Regionale.

Volley Serie C: per la DMB Pallavolo Villa d’Agri seconda trasferta in terra salentina


VILLA D'AGRI - Il girone di andata della Serie C regione Puglia si chiude domenica 26 gennaio con l’11a giornata in cui la DMB Pallavolo Villa d’Agri sarà impegnata sul campo del Palazzetto dello Sport di Ruffano in Viale dei Pini. Fischio d’inizio alle ore 18.30

Avversario difficile per la formazione lucana, quinta in classifica e reduce da una bella vittoria al tie break contro il Taviano che hanno rincuorato tutto l’ambiente e dato fiducia al gruppo in una stagione con risultati altalenanti.

Da parte loro i giovani del Villa d’Agri, che arrivano dalla sconfitta interna contro il Grottaglie ma rigenerati da una prova lusinghiera, mirano a confermare il gioco espresso nell’ultimo turno consapevoli di dover reggere la parte emotiva e di dover essere costanti nel rendimento per tutta la gara.

Con queste premesse, i ragazzi, guidati dal Coach Dino Viggiano, affronteranno il Toma Carburanti Ruffano in una partita che si preannuncia difficile tanto sul piano agonistico quanto su quello mentale. Le due squadre, infatti, hanno obiettivi differenti. Per il Ruffano è difendere il quinto posto e tentare l’avvicinamento alle posizioni più in alto, per la DMB la vittoria è certamente l’obiettivo primario, ma anche offrire un bello spettacolo all’insegna dello sport sano e divertente. L’impresa si preannuncia ardua ma possibile, ancor più se alla bravura e all’impegno dei nostri si accompagnerà un po’ di autostima che non guasterebbe alla causa.

Leggieri (M5S): "Plastic free in Consiglio Regionale. Le Istituzioni diano l'esempio"

POTENZA - “Nei giorni scorsi ho inviato una nota al presidente del Consiglio regionale, Carmine Cicala, per chiedergli di farsi a portavoce dell’iniziativa plastic free, affinché anche il Consiglio regionale della Basilicata venga liberato dalla plastica”. A comunicarlo è consigliere regionale del M5S, Gianni Leggieri.

“Una preziosa opportunità - prosegue Leggieri - che consentirebbe di eliminare la plastica usa e getta, grave fonte di inquinamento per gli oceani. In seguito alla campagna plastic free, lanciata nel giugno del 2018 dal ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, sono state numerosissime le adesioni da parte di Comuni, associazioni, università, enti ed istituzioni. Ma non basta, bisogna coinvolgere sempre più persone, società ed istituzioni!”.

“Assumiamo insieme - si legge nella nota - questo impegno, eliminiamo le bottigliette di plastica e sostituiamole con borracce di alluminio con il logo dell’Ente Consiglio da distribuire gratuitamente a tutti i dipendenti e consiglieri. Insieme ce la possiamo fare a liberarci dalla plastica monouso, ma ognuno deve fare la propria parte”.

Incontro Pro Loco del Vulture Alto Bradano per lanciare forte messaggio di unione culturale


POTENZA - I gravi e dolorosi avvenimenti di domenica scorsa, in seguito ai quali un giovane di Rionero ha perso la vita ed alcune famiglie appartenenti alle due comunità vulturine – Melfi e Rionero – sono state duramente colpite nei loro affetti, hanno suscitato un diffuso sentimento di tristezza ma anche di preoccupazione e di rabbia. Non sarebbe dovuto mai accadere!

Il Comitato regionale Pro Loco UNPLI Basilicata con le Pro Loco di Melfi e Rionero in primis, e il Consorzio delle Pro Loco del Vulture Alto Bradano, si riuniranno domenica 26 gennaio ore 10.30 a Barile, presso la sede operativa UNPLI Regionale in piazza Dalla Chiesa.

Le Pro Loco invocano necessariamente una riflessione sulle cause e richiedono comportamenti concreti che promuovano l’adesione a valori comuni, la nascita del senso di appartenenza ad una comunità più ampia, finalmente libera dal gioco di inutili ed ingiustificate rivalità e di dannosi campanilismi, che bandisca dai comportamenti ogni atteggiamento di provocazione e di intolleranza .

Le Pro Loco credono fermamente che sia indispensabile un vero e proprio cambiamento culturale e di sensibilità.

E’ necessario che nasca una comunità che si caratterizzi per un alto grado d’integrazione, che possa disporre, con il concorso di tutti i suoi “figli” – delle varie Città del Vulture- di un’alta dotazione e qualità di beni relazionali, di capitale sociale, di fiducia.

L’obiettivo è quello di mettere a valore le risorse non economiche che nascono dalla prossimità, portando alla affermazione di condizioni di benessere, di felicità, di crescita delle persone che ne fanno parte. Una comunità allargata in cui, più facilmente che in altre dimensioni, può trovarsi il punto di equilibrio tra appartenenza identitaria ed apertura ad un’idea di fraternità più larga di quella della comunità stessa. All'incontro che sarà un momento di riflessione e programmatico per future attività sinergiche, prenderanno parte dirigenti Pro Loco e i sindaci delle comunità del Vulture Alto Bradano.

venerdì 24 gennaio 2020

Presentazione dei Racconti di Sinisgalli in anteprima nazionale alla Biblioteca nazionale centrale di Roma

Leonardo Sinisgalli morì a Roma il 31 gennaio del 1981. E sarà la Biblioteca nazionale centrale di Roma ad ospitare, venerdì 31 gennaio alle 16.00, in anteprima nazionale, la presentazione del volume dei Racconti di Leonardo Sinisgalli a cura di Silvio Ramat, ripubblicati da Mondadori fra gli Oscar Moderni dopo ben 40 anni e disponibili nelle librerie dallo scorso 14 gennaio, i cui diritti sono stati acquistati grazie al contributo del Fondo etico di Bcc Basilicata.

Il volume, secondo della trilogia mondadoriana insieme al Furor Mathematicus pubblicato nel 2019 e alla raccolta di Tutte le poesie di prossima pubblicazione, raccoglie i racconti appartenenti a Fiori pari fiori dispari (1945), Belliboschi (1948), Un disegno di Scipione e altri racconti (1975), nei quali Sinisgalli ripercorre la sua autobiografia sin dall’infanzia in Basilicata, contaminando prosa e poesia.

La presentazione del volume, organizzata dalla Fondazione Leonardo Sinisgalli di Montemurro in collaborazione con la Biblioteca nazionale centrale di Roma e la Mondadori, sarà aperta dai saluti di Eleonora Cardinale, responsabile Ufficio Archivi e Biblioteche letterarie contemporanee della Biblioteca nazionale centrale, Giampaolo D’Andrea, consigliere del Ministro dei Beni Culturali, Elisabetta Risari, editor Mondadori. Seguiranno gli interventi degli esperti, coordinati dal giornalista e scrittore Andrea Di Consoli: Clelia Martignoni e Luca Stefanelli dell’Università di Pavia, Silvio Ramat, dell’Università di Padova, curatore del volume e autore del saggio introduttivo. Gli interventi saranno accompagnati dalla lettura di brani sinisgalliani da parte dell’attore di origine lucana Joe Capalbo.

A seguire il poeta, saggista e traduttore romeno Dinu Flamand consegnerà al presidente della Fondazione, alcune lettere manoscritte di Vincenzo Sinisgalli destinate al fratello e leggerà una sua poesia dedicata a Sinisgalli, di cui è studioso e traduttore. Concluderà l’incontro, il saluto dell’Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario di Romania presso la Santa Sede e il Sovrano Ordine di Malta, Petru Zapirtan. Sarà presente l’erede di Leonardo Sinisgalli, la d.ssa Ana Maria Lutescu, cui va il ringraziamento della Fondazione Leonardo Sinisgalli.

Trasporti, Giordano (Ugl): ”Marrese risolverà il problema che si ripete ad ogni minima occasione?”

“Siamo alle solite, Egregio Presidente della Provincia di Matera Avv. Piero Marrese, apprezzando il suo impegno sull’annosa questione dei pullman di cui giornalmente gli utenti dei comuni della provincia usufruiscono, esterniamo le incresciose situazioni che attanagliano il sistema trasportistico: un problema che si ripete ad ogni minima occasione compreso a Pasqua, a Natale e durante il mese di agosto. Il trasporto per gli operai degli stabilimenti Fca Melfi e Barilla, non viene assicurato. Ora, e non ultima, la presa di posizione dell’A.D. delle autolinee Nolè, il quale con tanto di avviso all’utenza e in piena vista, comunica che delle corse saranno sospese a decorrere da lunedì p.v.. Come di consueto, anche per quest’ennesima volta l’Ugl ha chiesto alle istituzioni interessate di non sospendere il servizio”.

Il segretario provinciale dell’Ugl Matera, Pino Giordano scrive al Governatore Provinciale Marrese, ricordando che, “siamo all’inizio del nuovo anno, con i festeggiamenti finali di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 andrebbero incrementati notevolmente il numero dei mezzi di trasporto pubblico. Così non avviene restando il tutto allo stato attuale, con il ripetersi dei tanti eventi disagianti che quotidianamente si verificano. La misura è colma, noi ripetiamo incessantemente che è troppa la sopportazione di studenti, operai, famiglie che quotidianamente usufruiscono dei pochi e obsoleti mezzi di trasporto pubblico. Caro Presidente Marrese finora nulla è cambiato: precisamente nell’avviso all’utenza, l’.A.D . della Nolè specifica a chiari lettere che, ‘in relazione alle seguenti Autolinee dei servizi aggiuntivi esclusi dal contratto di appalto Co.Tra. B. e non oggetto di proroga al 31/03/2020, determinate linee tra cui Ferrandina/Fca e Nava Siri/Fca Melfi Corse Festive (Primo e secondo turno), a causa della mancanza di Titolo Autorizzativo non pervenutogli da parte dell’Ente Provincia di Matera, l’azienda sospenderà il trasporto creando dei notevoli disagi all’utenza. La stessa Nolè – prosegue Giordano – aggiunge nell’avviso pubblicamente che il disagio, imputabile alla indifferenza degli Organi preposti, ha sollecitato l’Ente provinciale di Matera e tale per conoscenza agli Enti regionali del Trasporto preposti per competenza. Caro Presidente Marrese, l’Ugl Matera è stanca di queste ‘tarantelle carnevalesche’, sopprimere delle determinate corse significa non dare la possibilità a centinaia di operai che dovranno essere presenti normalmente a lavoro, i manutentori, i sorveglianti, i pompieri, gli addetti alla sicurezza industriale e quel personale necessario per particolari attività. Siamo alle solite, un problema che si ripete: il trasporto da e per la provincia di Matera a Melfi, direzione stabilimenti Fca e Barilla, da lunedì 27 non è assicurato. Non ci sembra davvero giusto che si debba gravare così pesantemente sulle già provate forze dei lavoratori. E’ davvero un disagio a ‘senso unico’: nel senso che sull’altro versante della regione, la provincia di Potenza, il servizio di autolinee prosegue normalmente la sua attività. Perché questa disparità territoriale a discapito dei viaggiatori materani privati di un’opportunità che ad altri lavoratori non è venuta meno? chiede con evidente amarezza l’Ugl. Le ristrettezze economiche in cui versa l’ente Provincia di Matera sono note. Per cui, l’Ugl ha chiesto di trovare soluzioni alle enormi difficoltà che i lavoratori pendolari devono affrontare per raggiungere il proprio posto di lavoro. Siamo sicuri – conclude Giordano – che Marrese, Presidente della Provincia di Matera, persona seria e affidabile, con urgenza della questione risolverà anche tale problema”.