Visualizzazione post con etichetta Mostre. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Mostre. Mostra tutti i post

venerdì 27 marzo 2015

"Il colore dei tuoi sorrisi”, personale di pittura a Potenza di Cesare Fazio

POTENZA - Arte e solidarietà a favore dell’ANT. E’ il senso della mostra di Pittura “ll colore dei tuoi sorrisi” di Cesare Fazio che sarà inaugurata domani, sabato 28 marzo alle ore 18,30 nello Spazio espositivo Il Santo Graal in Via Pretoria 249.

 Nove astratti, acrilici su cartoncino, dal tema “paesaggi interiori”, e due figurativi in olio su tela che ritraggono la moglie Anna, prematuramente scomparsa, a cui l’Autore dedica l’intera rassegna. La Mostra si svolge in collaborazione con la Fondazione ANT Italia Onlus (Associazione Nazionale Tumori), Delegazione di Potenza, per sensibilizzare l’opinione pubblica alle attività dell’Associazione. Per lo stesso motivo nella sala della mostra sarà allestito un banchetto per la raccolta fondi con le uova di Pasqua solidali.

Saranno presenti alla serata inaugurale insieme all’Autore, anche i volontari Ant e Giovanni Imbrogno, Delegato Ant Potenza. “L’assistenza domiciliare ai sofferenti di tumore è il punto focale del progetto Eubiosia (da greco eu-bios = buona vita) - spiega Giovanni Imbrogno - Per migliorare la qualità di vita dei malati, i volontari e sostenitori dell’Ant operano quotidianamente con determinazione e volontà., mettendo anche in atto iniziative mirate a sensibilizzare l’opinione pubblica. La mostra di pittura di Cesare Fazio è proprio uno di questi momenti, dove l’arte si intreccia alla solidarietà, per diffondere la cultura del rispetto della vita e dell’aiuto costante per chi soffre”. La mostra di Pittura di Cesare Fazio sarà visitabile fino al 7 aprile prossimo, da lunedì a sabato (ore 18.30-20,30) con ingresso libero.

lunedì 9 febbraio 2015

Microstorie Ciclistiche: mostra presso l'AntikDesign di Putignano

POTENZA - Negli anni '90 Piero Maggioni dipinge la serie pittorica delle "microstorie ciclistiche". Si tratta di fiabe essenziali che rasentano spesso l'intento comico-umoristico; brevi narrazioni a conferma della lucida pittura, del conseguente mestiere capace di resistere nonostante la malattia, l'affaticamento, il dolore. L'arte è un soffio vitale, l'artista una foglia al vento, una bolla di luce che si auto feconda. Le microstorie consistono in un segno "primitivo" racchiuso in una vistosa realtà circense, con spazi e settori geometrici aggregati nel colore ruvido, appariscente, dove convivono e si muovono i protagonisti: esseri scomponibili quasi dada, omarini rigonfi e sgonfi impegnati in buffe gare, giochi infantili, favole titubanti, ingenue competizioni. Omuncoli di Faust o irriverenti diavoletti cartesiani, con a volte un esasperato effetto grotesque. "La stanchezza" ('92) di ambientazione lunare e "Il contrasto", del '93. "La contentezza", l'irreale "Asse di equilibrio" del mondo e gli "Scambi di ruota": tutti del '94. Il tema ciclistico, al di là della passione, rappresenta senz'altro un ritorno ai ricordi di gioventù degli anni '50, quando Piero in bicicletta valicava le colline godendo dei rumori, dei profumi trasportati dall'aria, della vista del crepuscolo con le basse nuvole rossastre squarciate dal sole.

mercoledì 4 febbraio 2015

Egitto: Porta Coeli International Art Gallery presenta la mostra di Rima Almozayyen “I’m not a doll”

Venosa (PZ) – Sabato 7 febbraio 2015, alle ore 19:00, presso la galleria della capitale egiziana Art Lounge Cairo, si terrà l’inaugurazione della personale dell’artista palestinese Rima Almozayyen dal titolo “I’m not a doll” (Non sono una bambola). Anche in questa circostanza l’artista è curata dalla Galleria d’arte internazionale “Porta Coeli”. L’allestimento verrà infatti inaugurato dal Direttore della Galleria Dott. Aniello Ertico che ha curato anche, insieme alla storica dell’arte Fiorella Fiore, le recensioni. La mostra resterà aperta fino al 27 febbraio. Dopo essersi affermata alla Biennale Internazionale di Roma e dopo le due personali dal titolo “Presenze e Assenze” dello scorso anno che l’hanno vista protagonista in Basilicata, prima a Venosa e poi a Tricarico, Rima Almozayyen torna ad esporre in Egitto dopo cinque anni. Un ritorno artistico, il suo, dai grandi risvolti emotivi; infatti, Rima, è stata invitata personalmente dal professore universitario con il quale ha conseguito il master in arte. Le opere in mostra sono 25, realizzate con la tecnica di acrilico su carta e su tela, e sono ancora una volta incentrate sulla figura femminile. La donna che Rima presenta denuncia le facili strumentalizzazioni che la femminilità subisce e le limitazioni che le sono imposte. Scrive la dott.ssa Fiore “E il rapporto tra la luce e il buio, tra la vita e la morte, diviene una costante nelle opere di Rima: la donna è l’emblema più potente di questa dualità, da un lato vittima di violenza e abusi, dall’altro simbolo della resistenza”, perché l’artista, pur consapevole della brutalità del vissuto di molte donne, restituisce attraverso le sue opere la speranza e la voglia di vivere. La sua arte di denuncia è l’emblema della libertà alla quale in molte parti del mondo ancora si aspira profondamente. Perché, com’è scrive il dott. Ertico nella sua recensione, “L’arte, allora, è azione, reazione, sforzo del pensiero che tende alla luce e quindi alla pace…”. Il giorno 9 febbraio, inoltre, in occasione della presentazione dell’anno accademico dell’Università de Il Cairo presso la Facoltà d’arte, il direttore Aniello Ertico interverrà con una relazione sull’arte e la cultura come strumenti di dialogo interculturale.

lunedì 3 marzo 2014

Chiusa la mostra "Nunc est bibendum", ultimo atto del Premio Enogenius 2013

VENOSA (PZ) – Si è chiusa venerdì 28 febbraio presso Galleria 25 la mostra delle opere finaliste del Premio Enogenius 2013, concorso internazionale di pittura contemporanea finalizzato alla promozione attraverso l’arte del vino rosso Aglianico del Vulture e del suo territorio di produzione. Inaugurata lo scorso 12 gennaio, la mostra era stata inizialmente programmata fino al 9 febbraio, ma poi prorogata per consentire una maggiore affluenza di visitatori. Coordinato per il quinto anno consecutivo dall’associazione di promozione sociale Orme, attiva dal 2008 sul territorio lucano nell’organizzazione di eventi culturali e nella comunicazione d’arte, il Premio Enogenius è stato preceduto quest’anno da una una campagna di raccolta fondi online, attuata grazie al cosiddetto “crowdfunding”, un sistema di finanziamento collettivo che sfrutta il grande potenziale di diffusione dei social media per attirare sostenitori e promotori di qualsiasi iniziativa, prodotto o servizio ritenuto creativo ed innovativo. Il bando di concorso è stato lanciato nel mese di ottobre 2013 ed ha coinvolto giovani artisti emergenti al di sotto dei 40 anni, che hanno dovuto attenersi al tema prescelto, rappresentato dalla frase latina “Nunc est bibendum”, esortazione a brindare con cui il poeta Orazio inizia la sua Ode I, 37. Come sempre le adesioni, oltre 40, sono giunte da ogni parte d’Italia (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Toscana, Marche, Sardegna, Lazio, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia) e anche dall’estero (Slovenia, Albania, Slovacchia, Polonia). Tra tutte le opere candidate, la giuria tecnica del concorso, formata da esperti d’arte di alto profilo, ne ha selezionate 19, da esporre nella mostra collettiva a chiusura della manifestazione. Una ulteriore valutazione della giuria, effettuata sulla base di criteri di qualità, ricerca, originalità e contemporaneità, ha permesso di decretare le tre opere migliori, annunciate nel corso della cerimonia di premiazione, che ha coinciso con l’apertura della mostra al pubblico. Vincitrice è risultata l’opera intitolata “Le nuove cortigiane” dell’artista bolognese Matteo Felloni, ritenuta la migliore in concorso dal punto di vista estetico, concettuale e tecnico, in particolare per la modernità comunicativa dimostrata nel rappresentare la diffusa malinconia e la solitudine esistenziale del nostro tempo. Al secondo posto il dipinto “Il nettare degli dei” di Alessandro Allegra, apprezzato soprattutto per la capacità dell’artista di rivisitare il mito attraverso l’ironia. Terza classificata è stata nominata l’opera “Il diavolo e l’acqua santa” di Olimpia Siciliano, che ha saputo comunicare i contenuti del tema in una composizione pittorica seducente ed equilibrata. Per confermare e accrescere il successo della manifestazione, la macchina organizzativa del Premio Enogenius è già al lavoro per preparare la sesta edizione del concorso, ormai diventato un appuntamento immancabile del calendario di eventi culturali che si svolgono durante l’anno sul territorio lucano.

giovedì 9 gennaio 2014

Premio Enogenius: al via alla Galleria 25 di Venosa la mostra delle opere finaliste

VENOSA (PZ) – Si svolgerà domenica 12 gennaio 2014 alle ore 19.00 presso Galleria 25, in Piazza Orazio 24 a Venosa, il vernissage della mostra “Nunc est bibendum”, allestita nell’ambito del Premio Enogenius 2013, quinto concorso internazionale di pittura contemporanea finalizzato alla promozione attraverso l’arte del vino rosso Aglianico del Vulture. La serata vedrà l’apertura al pubblico dell’esposizione delle opere finaliste e la cerimonia di proclamazione degli artisti vincitori. L’evento è promosso dall’associazione di promozione sociale Orme, in collaborazione con l’associazione culturale Galleria 25, ed ha ricevuto il patrocinio del Comune di Venosa. La mostra del Premio Enogenius rimarrà aperta per quattro settimane, fino al 9 febbraio, e sarà visitabile dal martedì al sabato nell’orario dalle 16.30 alle 19.30. Come da regolamento, gli artisti partecipanti hanno tutti un’età inferiore ai quarant’anni e le opere da loro proposte fanno riferimento alla frase “Nunc est bibendum” del poeta latino Orazio, originario proprio di Venosa. I nomi dei finalisti sono i seguenti: Alessandro Allegra, Noemi Alvisi, Katarina Balunova, Giada Bello, Daniela Benedetti, Lorenzo Campetella, Antonella Carucci, Alessandra Cavaliere, Marco Del Vecchio, Massimo Falsaci, Matteo Felloni, Mattia Ferretti, GaeTano & Valentina, Elisabetta Livon, Danio Migliore, Massimo Mion, Michal Pawlowski, Gianna Ruiu, Olimpia Siciliano. Alla chiusura della prima fase del concorso, svoltasi tra ottobre e novembre scorsi, sono state oltre quaranta le domande di partecipazione giunte al comitato organizzatore dalle provenienze più varie: Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Toscana, Marche, Sardegna, Lazio, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e dall’estero da Slovenia, Albania, Slovacchia, Polonia. La procedura di selezione delle opere finaliste è state effettuata da una Commissione Selezionatrice composta da: Deianira Amico (storico dell’arte), Cristina Cagnazzo (storico dell’arte), Cristina Polenta (art blogger), Andrea Zanetti (presidente di Young Artists Bay), Francesco Mastrorizzi (presidente dell’associazione Orme). Il compito di decretare le opere vincitrici è stato invece affidato ad una Commissione Giudicatrice formata da: Fabio Carisio (presidente di Art & Wine Club), Giuseppe De Rosa (perito d’arte del Tribunale di Pordenone), Elisa Laraia (art director del LAP - Laboratorio permanente di Arte Pubblica), Christina Magnanelli Weitensfelder (direttore creativo del trimestrale L’Aperitivo Illustrato), Maddalena Rinaldi (curatore d’arte contemporanea). Nelle passate edizioni il Premio Enogenius è stato ospitato nel 2009 a Ginestra e dal 2010 al 2012 a Barile, diventando un appuntamento fisso nell’autunno culturale lucano, che richiama artisti partecipanti e appassionati di arte contemporanea a visitare il territorio del Vulture, per scoprirne le bellezze storico-culturali, naturali ed eno-gastronomiche.

lunedì 2 dicembre 2013

A Melfi la terza edizione di “IncontrArte”, a cura della rivista “In Arte”

Potenza, 28 novembre 2013 – La rivista specialistica a diffusione nazionale “In Arte”, in collaborazione con il Comune di Melfi e l’associazione Archeocleb, organizza la III edizione di “IncontrArte”, rassegna nazionale d’arte che si propone di diffondere l'arte contemporanea attraverso la contaminazione tra differenti forme ed espressioni artistiche, per mezzo di una mostra collettiva della durata di un mese, che avrà luogo a Melfi (PZ), presso il Palazzo Museale Donadoni, dal 20 dicembre 2013 al 18 gennaio 2014. La manifestazione si presenta sotto forma di concorso, rivolto a tutti gli artisti che operano nei campi della pittura, scultura, installazione, fotografia, arte digitale e grafica. Il tema del concorso è libero, come anche le tecniche e i materiali che possono essere utilizzati. È possibile iscriversi alle selezioni fino a martedì 10 dicembre. Le opere che verranno proposte all’organizzazione saranno vagliate da una giuria costituita dai componenti della redazione di “In Arte”, che ne selezionerà 50 per esporle all’interno della mostra collegata al concorso. Tra tutti i partecipanti verrà designato un vincitore, che avrà diritto a una recensione critica sulla rivista “In Arte”. La collettiva è un incrocio temporaneo di esperienze artistiche inevitabilmente diverse tra loro, ma che possono costituire un insieme armonico quando alle spalle c’è una ragionata scelta curatoriale. La prima edizione della rassegna, svoltasi a fine 2011 presso la redazione di “In Arte” a Potenza, e la seconda svoltasi a Brienza a dicembre 2012 anno riscosso molto interesse per il loro elevato valore divulgativo, nonché grande adesione da parte di artisti provenienti da ogni parte d’Italia, tanto da richiedere per la terza edizione l’utilizzo di spazi espositivi più ampi e prestigiosi, oltre che di rilievo storico e artistico. È possibile avere maggiori informazioni sulle modalità del concorso e scaricare il modulo d’iscrizione visitando il sito della rivista “In Arte” all’indirizzo www.in-arte.org oppure contattando il numero 330 798058 -392 4263201.

mercoledì 28 dicembre 2011

Matera: a 'Fratello Sole' film sulle poesie di Alda Merini

MATERA. Gli scritti e le esperienze della poetessa Alda Merini sono il filo conduttore del cortometraggio ''L'altra verita': diario di una vita diversa'', che ha coinvolto gli ospiti della cooperativa sociale ''Fratello Sole'' di Irsina (Matera) per porre l'attenzione sul disagio mentale e sociale e favorire iniziative di confronto e di integrazione.

Il film, che vede protagonisti gli ospiti della cooperativa, e' incentrato sui versi-testimonianza della poetessa e sulla sua vita.

sabato 8 ottobre 2011

Mostre: a Matera 10 mila presenze per antologica Somaini

MATERA. Sono state oltre diecimila le persone che, dal 18 giugno, hanno visitato a Matera la mostra antologica di scultura dedicata a Francesco Somaini. Lo hanno reso noto i rappresentanti del circolo La Scaletta, che ha organizzato l'evento, nella conferenza stampa di chiusura dell'iniziativa. L'antologica dedicata a Somaini, che si chiudera' domani, e' stata ospitata nelle chiese rupestri dei Sassi di San Nicola dei Greci e Madonna delle Virtu' e nel Museo di scultura moderna (Musma).